Eloise Pt.2

Questa storia parte della FanFiction Eloise





Hogwarts, 1 Maggio 1998 ore 20.00 Stanza delle Necessit

Allora? Pronta per lavventura di stasera?

*La voce calda e allegra di Hannah riscosse Leanne dai suoi pensieri*

Come?

Stavi pensando a lui, non cos?

*Chiese con la sua solita perspicacia.*

Pi o meno. Sono 12 giorni che non ci vediamo... mi manca. Inoltre non ho pi Katie, non ho pi Eloise... mi sento sola e triste... non che tu non sia unottima amica...

*Si affrett a precisare Leanne*

Ma non la stessa cosa...

*Concluse Hannah con un sorriso*

Non devi temere di offendermi, capisco quello che vuoi dire perch mi ritrovo nella stessa situazione. Io e Susan siamo cresciute praticamente insieme, lei pi della mia migliore amica... come una sorella.

Sai, Hannah... sei veramente una ragazza straordinaria! Riesci sempre a mettermi di buon umore!

Bene! Perch stasera ne avremo senzaltro bisogno

*Leanne annu e si guard intorno. La Stanza delle Necessit ora ospitava decine e decine di studenti e membri dellES fuggiti dalla persecuzione dei Carrow. Poich i membri liberi erano rimasti pochi, era stato necessario che anche i rifugiati agissero e dunque ogni sera alcuni membri uscivano per delle missioni di salvataggio o di propaganda*

Nonostante abbia un po di paura, non posso negare di essere felice di uscire. Comincio a soffocare qui dentro

Capisco cosa vuoi dire... i primi tempi era divertente ma ora sta diventando veramente stressante...

*La porta della stanza si apr e si richiuse velocemente, mentre un ragazzo affannato si accasci sul limite*

Andiamo a dare il benvenuto ad un nuovo esiliato!

*Disse Leanne divertita. Il ragazzo ansimava forte, evidentemente era fuggito a gambe levate da chiss quale pericolo.*

Benvenuto nella Umile Dimora degli Esiliati!

*Il ragazzo, al suono di quella voce, si mise in piedi e raddrizz la testa*

TERRY!

*Url Leanne gettandogli le braccia attorno al corpo. Terry grugn di dolore e sorridendo disse*

Stavolta sei tu che mi stai facendo male...

*Leanne si stacc e lo fiss seria. Aveva un brutto graffio sul viso, ma a parte questo sembrava illeso*

Tu qui... cosa ci fai qui?

*Balbett incredula la ragazza*

Ecco... hai saputo di quello che successo alla Gringott, vero?

*Leanne annu in modo impercettibile. La notizia che Harry Potter aveva rapinato la Banca dei Maghi ed era scappato sul dorso di un drago era stata il principale argomento di conversazione della giornata*

Ecco... stufo del comportamento dei professori, lho gridato in Sala Grande durante la Cena...

*Esclam imbarazzato. Leanne, rest con la bocca aperta e poi, mettendosi a ridere, disse*

Sei luomo pi coraggioso che conosca...

Ne conosci tanti?

*Domand scherzoso lui mentre lei lo abbracciava. Si divert ad accarezzarle i capelli ed ad annusarli: avevano sempre il solito odore di gelsomino che lui tanto adorava. Sempre attaccati, lui continu*

Ovviamente i Carrow hanno cercato di punirmi, cos io sono scappato tra gli applausi e dopo molte salite, incantesimi, scorciatoie sono arrivato qui. Ovviamente mi hanno seguito quindi probabile che ora i Carrow stazionino qui fuori in attesa che uno di noi esca. Mi dispiace avervi procurato questo disagio...

*Leanne scosse piano la testa*

Non hai nulla di cui preoccuparti... i Carrow sapevano gi di questo luogo. Lhanno scoperto quando hanno inseguito Michael per tutto il castello dopo che aveva liberato quei tre ragazzini del primo anno...

Questo spiega perch sapevano esattamente dove andare... ma allora come fate ad uscire? So per certo che Ernie e Neville sono usciti spesso durante queste notti. Non vorrai mica dirmi che i Carrow lasciano incustodita la parete?

*Chiese Terry*

No, no... a quanto pare Neville ha capito davvero la stanza. Grazie a lui ora quando usciamo ci ritroviamo da qualche altra parte del Castello... il guaio che non sappiamo mai dove potremmo capitare e quindi rischioso. Inoltre per entrare bisogna per forza passare dal solito passaggio che, ovviamente, viene spesso controllato

*Hannah che nel frattempo si era fatta di lato disse*

Bene! Vado a dare a Neville la lieta notizia. Con permesso!

*E si allontan di corsa. Terry la fiss stupito e comment*

Quella ragazza mi stupisce ogni giorno che passa... ahi!

*Esclam quando Leanne gli diede un pizzicotto*

Non sarai gelosa?

*La canzon. Leanne lo guard fisso negli occhi e comment*

Da morire. Non ce la facevo pi ad aspettare... mi sei mancato moltissimo.

Anche tu... da oggi resteremo sempre insieme, vero?

Sempre... fino alla fine!

Ehm, ehm... mi dispiace interrompere queste sdolcinerie ma Neville ti manda a dire che lieto tu stia bene e che ammira molto il gesto che hai fatto

*Disse Hannah spuntando improvvisamente alle loro spalle*

Non viene personalmente a dargli il benvenuto? Strano... non da lui.

*Chiese perplessa Leanne. Hannah alz le spalle e comment*

A quanto pare ha ricevuto un messaggio da Aberforth ed scomparso nel tunnel...

*Hannah si alz e si allontan. Sapeva benissimo come doveva sentirsi Leanne ed era il caso di lasciarli soli per recuperare il tempo perso. Leanne e Terry cominciarono subito a parlare ed ad accarezzarsi. Parole come mai pi, ti amo, per sempre venivano ripetute cos tante volte che gli abitanti della stanza si rannicchiarono negli angoli pi lontani e cominciarono a parlare a voce alta per sopraffare quei gesti daffetto. Tutto questo finch non si sent una porta aprirsi ed una voce forte che annunciava*

Guardate chi c! Non ve lavevo detto?

*Leanne si alz e cominci a scrutare. Vide subito una alta testa rossa entrare, seguita da una castana e da una mora. Sulla fronte di questultima, in piena luce, era visibile una strana cicatrice. Una cicatrice a forma di saetta*

SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!

*Leanne proruppe in un grido di felicit, accompagnato da tutti i residenti della Stanza delle Necessit. Il giorno tanto agognato era finalmente giunto: era il momento di lottare!*

Hogwarts, 17 Aprile 1998
Cara Eris,
ho fatto delle cose orribili e non so come farmi perdonare. Non riesco a credere che, nonostante tutto, lei riesca ancora a farmi questo effetto. Credevo di averla dimenticata ma non cos. Ieri mattina stavo passeggiando tranquillamente e lho vista tra le braccia di lui. Non so cosa mi sia successo... non ci ho visto pi dalla testa. Mi sentivo male ed una prepotente rabbia si impossessava di me. Senza accorgermene ho estratto la bacchetta ed ero pronta a fargli del male; fortunatamente la professoressa McGranitt mi ha fermato ma ora ho paura... ho paura di me, capisci? Che cosa avrei fatto se non mi avessero fermato? Ora lo so... so che posso sembrarti strana ma oggi sono andata a spiare quei due. Si stavano curando nellAula di Trasfigurazione. Li ho spiati per tutto il tempo e, quando mi sono accorta che si stavano baciando, mi sono infuriata senza alcun motivo. E le ho fatto del male... capisci? Ho fatto del male a lei! A colei che una volta era la mia migliore amica... non me lo perdoner mai! Ma, Eris, perch? Sono scappata subito ma sono sicura che si sia fatta del male. Ora ho paura... non voglio incontrarla pi, non voglio vedere il suo sguardo, un tempo carico damore e comprensione, pieno di rabbia e accusa. Non potrei sopportarlo.

La tua addolorata,
El




Hogwarts, 20 Aprile 1998
Cara Eris, anzi no, caro diario,
non c pi alcun motivo di chiamarti discordia quando, da oggi, non ce ne sar pi. Maledico il mio orgoglio, maledico la mia bruttezza, maledico me. Leanne aveva ragione: sono diventata velenosa ed impicciona. Da tempo passo informazioni ai Carrow riguardo il Movimento ES, grazie a me sono riusciti a sventare alcuni colpi di quei ragazzi. Ma oggi, oggi ho fatto qualcosa che non mi perdoner mai. Mai! Oggi ho sentito Justin e Susan bisbigliare... ho sentito che verso le 19 sarebbe successo qualcosa in sala Professori. Cos sono andata l e lho tenuta docchio quando, improvvisamente, ho visto la porta aprirsi e chiudersi da sola. Ho capito subito che erano loro... sono corsa dalla professoressa Carrow e lho portata in Sala. E cera lei... lei ed Hannah che stavano liberando un ragazzino in punizione. Non puoi capire come mi sia sentita... io non volevo... non sapevo che ci fosse anche lei. Perch deve aiutare gli altri a scapito di se stessa? Cosa glielo fa fare? Io non lo so... ma ora, ora sono davvero sola. Leanne non torner pi qui ed io non la vedr pi, mai pi: perch sono sicura che qualunque cosa facciano lES sar sconfitta e Leanne con essa. Non posso credere di averla persa cos per sempre e, per giunta, per colpa mia. Forse meglio cos... ora non la vedr pi e col tempo la dimenticher... o morir. S, diario, mia unica amica e confidente... in questo momento mi sento morire. La mia vita assomiglia a quello di un fiore. Sono nata e cresciuta come seme e sono rimasta tale perch nessuno mi curava, poi arrivata lei e grazie alle sue cure il seme sbocciato ed, a poco a poco, quel seme diventato un bel fiore. Ma per continuare a crescere non mi bastavano pi le sue cure... avevo bisogno di pi terreno e pi acqua e non potendoli avere ho troncato completamente le sue cure, e sono cominciata ad appassire e ci che una volta era bello e colorato ora scuro e disgustoso. Non torner mai pi il fiore che ero prima ma le sono grata comunque per avermi data la possibilit di essere migliore, anche se per poco tempo.

La tua El


Hogwarts, 2 Maggio 1998 ore 00.05 Quarto Piano

Leanne! Attenta!

*Leanne fu scaraventata a terra da Terry e rimasero stesi l mentre schegge di vetro rimbalzavano ovunque. Leanne riapr lentamente gli occhi e si guard in giro. Il corridoio era stato squarciato in un punto ed una nube di pulviscolo aleggiava ancora l. Dopo che Harry Potter era arrivato, i membri dellES erano scesi in Sala Grande e si erano organizzati per la battaglia. Aveva notato con piacere che molti Tassorosso si erano decisi a rimanere per combattere, ma rimase delusa quando not che Eloise Midgen era stata tra le prime ad uscire dalla Sala. Il suo gruppo era formato da lei, Terry e Katie, tornata al castello per combattere. Leanne era stata felicissima di riabbracciare lamica e si era sentita rincuorata quando seppe che avrebbe combattuto al suo fianco. Il compito del trio era sorvegliare un passaggio nascosto in una statua e contemporaneamente, approfittare dellelevata posizione per abbattere i nemici allesterno.*

kat... humph! Katie?

*Chiese Leanne tossendo mentre si rialzava in piedi*

Sono qui... sto bene!

*Rispose la ragazza che usc da unaula l vicino. Era tutta impolverata ma sembrava in buona salute. Leanne si rasseren mentre Terry si rimise in posizione e, impugnata la bacchetta, sped un incantesimo verso lesterno*

PRESO!

*Url Terry trionfante*

Da qui non si sente niente!

*Afferm Katie che controllava il passaggio segreto*

Bene! Ma non abbassiamo la guardia!

*Disse Leanne spedendo una fattura verso unombra alta che vedeva in lontananza*

Dannazione... ci sono anche i giganti!

*Una massa di alte ombre varcava, infatti, il cancello distrutto e invadeva i verdi prati del castello*

Ma di cosa sono fatti?

*Chiese Terry che aveva lanciata una mezza dozzina di incantesimi verso il gigante pi vicino, non riuscendo ad abbatterlo. Leanne stava per rispondere quando un rumore di passi dietro di loro la costrinse a voltarsi. Hannah e Susan correvano verso di loro con in braccio una strabiliante quantit di piante pericolose, tra cui Baccelli di Pugnacio. Hannah rallent fino a fermarsi e sorridente disse*

Allora... tutto bene qui? Vedo che vi siete dati da fare!

*Disse accennando alla polvere sui vestiti ed allo squarcio sulla parete*

Gi... ma la sfida deve ancora comin...

HANNAH!

*La interruppe Susan che esibiva una grande fretta e preoccupazione*

Le ho detto mille volte di calmarsi... ma a quanto pare i miei consigli non hanno avuto nessun effetto. Allora buona fortuna!

*Esclam con un sorriso prima di scappare via. Terry si limit a scuotere la testa ed a mirare di nuovo contro i giganti.*

Non riesco a fermarli...

*Esclam sconsolato il giovane corvo. Prima di allora era sempre riuscito a fare qualsiasi cosa grazie al suo notevole ingegno ed ora si sentiva spaesato. Leanne gli si avvicin e gli diede un bacio sulla guancia. Terry la guard grato e stava per ricambiarlo quando*

Ok ragazzi ora basta con queste smancerie! Siamo sempre in guerra e presto potr...

*Le parole le morirono in bocca quando avvert dei rumori dietro la statua e stava per avvertire i due quando unimprovvisa esplosione risuon nel corridoio; Katie fu scaraventata su una parete e si accasci. Diverse urla risuonarono nel castello e si sentivano molte voci esclamare Sono entrati!. Leanne vide diversi mantelli neri uscire da un buco nel terreno e disperdersi: evidentemente non li avevano ancora visti.*

STUPEFICIUM!

*Grid verso lapertura, colpendo una maschera appena comparsa dal buco. Terry le diede man forte e man mano sopraffecero i Mangiamorte ancora nel tunnel. Terry si avvicin al buco e lo fece esplodere*

Ora avranno difficolt ad entrare... forse sar meglio scendere ed aiutare i combattenti del piano terra... ormai sono dentro e non ha senso...

*Ma Leanne non lascoltava. SI guardava in giro e chiamava a bassa voce*

Katie? Kat? Dove sei? Katie?

*Terry si accorse che dopo lesplosione Katie era scomparsa. Cerc in tutti gli angoli e la trov accasciata ad una decina di metri da loro*

E qui. Sta bene, tranquilla!

*Leanne arriv trafelata e osserv la sua amica. Il braccio destro era segnato da una brutta ferita. Katie apr piano gli occhi e, dopo averli messi a fuoco, chiese*

Che cosa... che cosa successo?

Sono entrati i Mangiamorte nel castello... cosa stai facendo?

*Chiese sbalordito Terry vedendo che Katie provava a rimettersi in piedi ed ad alzare la bacchetta*

Dobbiamo andare... dobbiamo combattere! Non possiamo...

Cosa vuoi fare con quel braccio? Katie, ascoltami... cerca qualcuno e fatti medicare... noi nel frattempo andiamo sotto a dare una mano. Raggiungici l, ok?

*Katie chiuse gli occhi e annu stancamente*

Andiamo!

*Fece Terry prendendo per mano Leanne e cominciando a scendere le scale. Arrivati al primo piano notarono subito una grande confusione. Diverse figure combattevano tra di loro mentre ragni giganteschi entravano dalle finestre rotte del corridoio. Terry e Leanne si diressero subito verso Padma Patil che teneva a bada un Mangiamorte mentre diverse Acromantule si avventavano su di lei. Leanne e Terry riuscirono a fermare lavanzata dei ragni ma numerosi nemici continuavano a sbucare da tutte le parti. In poco tempo furono sopraffatti e furono costretti ad arretrare verso le scale. Gli studenti si battevano al massimo delle loro possibilit ma non riuscivano ad arginare quelle infinite tuniche nere. Mentre arretrava Leanne inciamp su uno scalino e cadde allindietro.*

LEANNEEEE!

*Grid Terry vedendo la sua amata ruzzolare dalle scale. Senza pensarci due volte, ci and dietro ma era ostacolato da numerose Acromantule che gli sbarravano la strada. A colpi di bacchetta riusc a sbarazzarsi della maggior parte dei ragni ma sub anche molte ferite. Ora scendeva piano, le ginocchia gli dolevano, una ferita sul polpaccio lo costringeva a zoppicare. Leanne era accasciata ai piedi della scala. Sembrava si stesse riprendendo ma si vedeva lontano un miglio che era stordita ed indifesa. Terry simpietr quando vide un Mangiamorte avvicinarsi a lei e puntarle la bacchetta contro il petto.*

Stupeficium!

*Esclam improvvisamente una voce, mentre il Mangiamorte cadeva a terra. Eloise Midgen avanzava verso Leanne, unespressione fiera e dolce sul viso, la bacchetta in pugno. Terry la guard attonito ma si riscosse quando not dei movimenti dietro di lei*

Attenta!

*Alcune Acromantule erano strisciate alle sue spalle ma Eloise con un balzo si port lontano da loro. Uno di essi, tuttavia, si avvent su Leanne che, in quel momento, si era messa in ginocchio e si preparava ad alzarsi. Fu un momento. Per Terry il tempo sembrava essersi fermato, nulla aveva pi importanza tranne un artiglio del mostro dirigersi a tutta velocit verso la testa di Leanne.*

Noooooooo!

*Terry guard la scena terrificato: Eloise si era messa davanti a Leanne e laveva protetta col suo corpo. Un artiglio le aveva perforato il petto. Leanne sembrava essersi accorta di quello che era successo. Guardava sconvolta la sua amica con una zampa pelosa uscirgli dal petto. Improvvisamente Eloise fu scaraventata via, sbatt contro un pilastro e scomparve in un anfratto del terreno. Terry uccise la bestia ed insieme a Leanne si preparava ad abbattere quelle feroci bestie quando una gelida voce, impervers in tutto il castello*

Avete combattuto valorosamente. Lord Voldemort sa apprezzare il coraggio. Ma avete subito pesanti perdite. Se continuerete a resistermi, morirete tutti, uno a uno. Io non desidero che ci accada. Ogni goccia di sangue magico versata una perdita e uno spreco. Lord Voldemort misericordioso. Ordino alle mie forze di ritirarsi, immediatamente

*A quelle parole tutti i Mangiamorte e le Acromantule uscirono dal castello lasciando attoniti e terrorizzati coloro che nel castello erano ancora vivi*

Avete unora. Disponete dei vostri morti con dignit. Curate i vostri feriti...

*A quelle parole Leanne scatt su ed ogni rumore per lei si spense. Rimase sorda ai commenti di Voldemort ed agli urli di Terry, cieca ai morti che erano disseminati nel salone: per lei una sola cosa importava ora, trovarla. E la trov. Era accasciata davanti al Portone dIngresso. Ansimava forte e sudava molto. Leanne la guard addolorata e si inginocchi. Dalla ferita del petto usciva unillimitata quantit di sangue. Eloise vide lo sguardo di Leanne, le sorrise e prov a parlare. Un fiotto di sangue le usc dalla gola e fin in faccia a Leanne*

No... non parlare! Non sforzarti... vedrai, andr tutto bene. Ora ci penser madama Chips... vedrai starai benissimo! Vinceremo la battaglia e andremo in Irlanda come abbiamo sempre sognato... visiteremo tante cose. AIUTO! Qualcuno mi aiuti!

*Si ritrov a gridare Leanne scossa dalle lacrime. Terry era dietro di lei in rispettoso silenzio. Diverse lacrime di gratitudine e di cordoglio uscivano dai suoi occhi verdi*

Leanne...

*Sussurr Eloise*

El non ti preoccupare. Sono qui, s sono qui. Non ti lascer pi... vedrai ora arriver qualcuno e

Non prendermi per il culo... Leanne... sai benissimo che non ce la far... e lo so anchio...

Ma...

Leanne... il mio tempo sta finendo... ascoltami

*Leanne non riusc a rispondere ma si limit a piangere silenziosamente*

Sono stata... ingiusta... cattiva, Leanne. S, cattiva... la mia gelosia mi ha fatto perdere... la cosa pi bella della mia vita. Mi dispiace Lean, perdonami!

*Eloise fu scossa dalle lacrime ma con inaspettabile forza, afferr il polso di Leanne e sussurr*

Giurami... giurami che TU sopravvivrai. Che sarai felice... perch ora io sono felice Leanne... io ora so... ho capito il perch... per te... solo per te...

*Ed i suoi occhi pi non videro.*

Hogwarts, 2 Maggio 1998
Caro diario,
io non capisco. Lintera scuola si sta preparando per combattere Voldemort. Io non ho intenzione di farlo... perch dovrei farlo? Cosa debbo alla scuola ed ai suoi abitanti? No, caro diario, io me ne andr via. Ho appena finito di preparare il baule. Lho dovuto riempire alla rinfusa... la maggior parte dei ragazzi sono fuggiti direttamente ma non avrei potuto abbandonare mai le mie cose e soprattutto te qui. Ed ecco ora rimani solo tu da riporre e poi andr via... libera per sempre da questo castello e dai suoi ricordi, libera di andarmene in Irlanda come ho sempre sognato e di cominciare una nuova vita. Sono da sola qui nella stanza. La maggior parte dei miei compagni ha deciso di combattere: stolti! A che pro? Perch devono rischiare la loro vita per difendere quella di qualcun altro? Non lo trovi strano? Esiste gente disposta a morire per qualcosa e gente, come me, che invece non trova niente per continuare a vivere. Com ironica la vita... ma perch sto qui? Perch sono qui a raccontarti queste cose quando a pochi metri da me c il pi forte e malvagio stregone del mondo? Perch non mi sono catapultata subito fuori invece di perdere tempo a scriverti... non capisco ma sento che ho lasciato qualcosa di incompiuto. Qualcosa di importante che non ho ancora fatto, come se la mia presenza qui fosse necessaria per qualcuno. Cos questa sensazione? Sento che importante... devo scoprire il perch... devo capire per cosa gli altri sono disposti a rischiare la loro vita... sento che uninformazione necessaria affinch io possa finalmente essere felice. S, cos... finch non trover la risposta non sar felice... devo capire il perch, per cosa la gente disposta a vivere ed a sacrificarsi subito dopo. Devo capire.

La tua decisa,
Eloise


Hogwarts, 2 Maggio 1998 ore 07.15 Sala Comune Tassorosso

*Le mani le tremavano violentemente mentre, singhiozzando, riversava fuori tutto il dolore che avvertiva come un torrente dentro di s. Grosse lacrimone increspavano i fogli immacolati di quel piccolo diario nero. Leanne si rannicchi su se stessa e pianse... pianse per la morte dellamica, per non aver saputo comprendere i suoi veri sentimenti, per averla tenuta fuori dalla sua vita per tutto quel tempo. Fu cos che la trov Terry venutala a cercare. La Battaglia si era conclusa da poco ed il Bene aveva ancora vinto. Tuttavia non si sentivano applausi, grida o qualunque altro segno di vittoria. Nel castello risuonavano singhiozzi, urla di disperazione ed aleggiava unindefinibile tristezza. Terry si avvicin lentamente a Leanne.*

Leanne...

*Mormor piano, ma la giovane tassa non si accorse di nulla. Era chiusa nel suo dolore e sembrava non sentire niente e nessuno. Terry si limit ad osservare la stanza. Non era mai stato l, ma il posto gli sembrava caldo e accogliente come se fosse sempre stato casa sua*

Come... come ho potuto... come non ho fatto a capire?

*Sussurr Leanne ancora scossa dai singhiozzi. Terry le si sedette accanto e labbracci dolcemente. Leanne si abbandon a lui e vi rest per lunghi minuti.*

Mi dispiace... mi dispiace veramente tanto per quello che successo.

Sciocco... non colpa tua... pi che altro mia. Io lho portata allesasperazione... avrei dovuto capire cosa si celava nel suo cuore... avrei potuto aiutarla, avrei potuto...

Non avresti potuto fare nulla...

*La interruppe Terry*

Tu hai fatto la tua parte e lei la sua... non ha senso continuare a domandarsi cosa sarebbe accaduto se avessimo preso decisioni diverse. Quel che stato stato... lunica cosa che possiamo fare evitare gli sbagli del passato, imparare dai nostri errori e continuare a vivere... anche per lei!

*Leanne lo fiss negli occhi a lungo. Ancora una volta lui era riuscito a consolarla ed a darle una lezione di vita*

Hai ragione... ora non ci resta altro che vivere la nostra vita ed esaudire il suo ultimo desiderio...

*Si alz in piedi, punt la bacchetta contro il diario e mormor*

Incendio!

*Fiamme alte color arancio bruciarono il piccolo libriccino nero mentre nella stanza si diffondeva odore di bruciato*

Perch?

*Chiese lui spiazzato. Leanne si strinse nelle spalle e rispose*

Lei avrebbe voluto cos...

*Le fiamme avevano bruciato quasi tutto il diario... ununica pagina sembrava scampata alla catastrofe. Sforzando gli occhi, Terry lesse ununica parola: Perch, poi una scintilla avvamp e del diario non restarono pi tracce. Leanne lo prese per mano ed uscirono, mentre la luce del sole incantato, illuminava totalmente la stanza.*

La luce di un nuovo giorno...

*Si ritrov a pensare Leanne mentre nella sua testa riecheggiavano ancora le sue ultime parole*

Per te... solo per te!







Strane Coppie >> Eloise Pt.2 by Matthew_Dibba