• Valerie_Marconi

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 83
       
       

    Si che lo sarai. Andrà tutto bene.

    *Sorrise, ancora una volta, nascondendo poi quel sorriso con la tazzina del tea, per berne l'ultimo sorso rimasto. Durante quella visita Valerie non faceva altro che sorridere e sorridere e sorridere. Ma come avrebbe non potuto? Era una serata perfetta in un giorno come tanti. Il negozio attorno a lei era impeccabile, tra gli scaffali scuri e le bacchette ben sistemate su ogni ripiano, i dolcetti erano golosissimi, il tea era delizioso e Daphne era un'ottima compagnia.
    La rassicurazione del Sindaco più giovane di certo ebbe il suo effetto. Valerie sperava davvero che lei avesse ragione e che la loro fiducia fosse stata posta nella persona giusta. Oh, certo, pensava anche lei di poter dare qualche nuova idea qua e là per il Villaggio, ma non avrebbe mai creduto di poter aspirare a tale carica. Era decisamente entusiasta di essere diventata Consigliera, ma allo stesso tempo era un po' intimorita.*

    "Un timore che passerà col tempo... Suvvia, Val."

    Andrà tutto bene.

    *Ricordò le parole della Tassorosso. Iniziava a capire cosa intendevano quando le parlavano dei Tassorosso e di come avessero tutti un'abilità comune nel parlare e comprendere gli altri, ed era grata che Daphne fosse proprio così. Suo padre, Adrian, sebbene Tassorosso non era certo come lei... Anzi, spesso e volentieri si definiva un "Grifondoro mancato", fingendosi un Grifondoro con quei suoi atteggiamenti odiosi e pomposi, vantandosi per qualcosa che non era la realtà. Scosse la testa, scacciando quei pensieri e l'antipatia che le stava salendo in gola.
    Ma Daphne non era così, no di certo, anzi. Pensava che andasse fiera della propria Casata... Se fino ad allora aveva creduto che tutti i Tassorosso fossero come suo padre, in quel momento dovette ricredersi.
    Di una cosa era sicura: sarebbe andata molto d'accordo con Daphne Harris.
    Non voleva disturbare ancora. Di certo il Sindaco era stanca e non vedeva l'ora di tornare a casa. Appoggiò dunque la tazzina vuota sul vassoio, mangiando l'ultimo boccone del pasticcino che teneva in mano e prendendo uno dei tovagliolini che Daphne aveva fatto apparire precedentemente. Poi, con un sorriso, guardò negli occhi la Tassorosso.*

    Grazie mille di tutto, Daphne, davvero, ma non mi sembra il caso di trattenerti ulteriormente. Ti ringrazio per il tea, i pasticcini, per la bella chiacchierata. Mi ha fatto davvero molto piacere e spero di poterti rivedere presto, magari in altre circostanze.

    *Ringraziò alzandosi dalla poltroncina.*

    @Daphne_Harris,


  • Daphne_Harris

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 7
    Galeoni: 2095
        Daphne_Harris
    Tassorosso
       
       

    *Daphne e @Valerie_Marconi, la nuova consigliera, stavano ancora chiacchierando, tranquille e serene, come delle vecchie amiche che si ritrovano insieme dopo tempo, parlando del più e del meno bevendo del tea. Eppure, si stavano conoscendo solo in quell'occasione, nonostante la ragazza fosse a scuola da quattro anni. A volte si sentiva in una campana, o in una bolla di sapone, restando fuori da ciò che accadeva intorno. Aveva però da poco, riaperto finalmente i rapporti, aprendosi e dialogando con più persone, dopo un periodo in cui si era chiusa in se stessa. Certo, le era servito, lo sapeva, ma adesso era il momento di tornare di nuovo al mondo, tornando la Daphne che era sempre stata: allegra e solare. Se c'era una cosa che sapeva di lei, era la decisione molto più che giusta del Cappello Parlante, sette anni prima, quando la aveva assegnata alla casata Giallo-Nera. Sì, si trovava molto bene, la rappresentava, sperava solo che la buona Tosca, poteva essere fiera di lei. Osservò quella ragazza, sperando di poterla avere come nuova amica, perché si era trovata molto bene con lei, finché non si alzò. Ovvio, era piuttosto tardi e lei sicuramente doveva tornare al castello, lei a casa, che era distante dal negozio.*

    Grazie a te.

    *Disse alzandosi anche lei, posando la tazzina nel piattino, osservando la giovane, felice di aver avuto la sua compagnia.*

    Davvero, è stato un piacere.

    *Sorrise alla Serpeverde, spostando un ricciolo biondo, che proprio non ne voleva più di stare al posto. La prima cosa che avrebbe fatto una volta tornata a casa, era di certo una bella doccia, prima di mettersi a letto con il suo Alex, di cui sentiva già la mancanza.*

    Torna pure quando vuoi! Ovviamente non mancherà l'occasione di vederci, quindi, quando vuoi, mandami pure un gufo.

    *Continuò la giovane Sindaco, sperando di non aver parlato troppo per quella sera, sperando solo in una nuova amicizia.*

  • Valerie_Marconi

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 83
       
       

    *Se non fosse stata sera, se non fosse stato un giorno lavorativo, se non avesse avuto ancora dei compiti da svolgere, sarebbe di certo rimasta volentieri con Daphne. Purtroppo, per quell'incontro era dovuta andare in quel modo. Ma non c'erano problemi, avrebbero avuto sicuramente un'altra occasione per chiacchierare ancora, magari per semplice diletto, per compagnia, per un motivo diverso da una visita ufficiale di un Consigliere, insomma.*

    Il piacere è stato tutto mio.

    *Rispose alla bionda Tassorosso ricambiando il sorriso. Poi, quando le propose di mandarle un gufo quando avesse voluto voglia, accettò la proposta di buon grado.*

    Lo farò molto volentieri, e aggiungo che lo stesso è valido per te: quando vuoi, mandami un gufo.

    *Disse rigirandole la stessa idea con un sorriso e facendole l'occhiolino. Dunque si avviò verso la porta, pronta ad uscire ed affrontare nuovamente il freddo pungente delle sere autunnali, mentre ormai diventava buio sempre più presto, segno che le giornate andavano via via accorciandosi.*

    A presto, allora! E grazie ancora di tutto!


    *La salutò nuovamente, ringraziandola ancora, pensando che probabilmente non avrebbe mai sentito abbastanza che un semplice "grazie" potesse bastare, seppur per così poco.
    Detto questo, aprì la porta con un sorriso, molto contenta e soddisfatta della serata, mentre le sue guance già tornavano rosse nel tornare verso le luci delle finestre del castello di Hogwarts, che il solo vederle le faceva sembrare di essere nuovamente al calduccio davanti al caminetto della Sala Comune Verde-Argento nei sotterranei.*

    @Daphne_Harris,



Vai a pagina Precedente  1, 2