• Francy_Scalliver

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 210
       
       

    *Non era stata proprio una passeggiata raggiungere quel posto. Aveva fatto avanti e indietro per le scale almeno tre volte - ovviamente perdendosi, tutte tre le volte - senza trovare la sua meta; la torre dell'orologio. Era una delle parecchie cose che ancora non aveva esplorato ad Hogwarts e doveva rimediare. Dopo aver chiesto l'ennesimo aiuto ad un passante Tassorosso di qualche anno più grande, capì che stava prendendo la strada giusta del terzo piano. Camminò piano guardandosi attorno ed ammirando i vari dipinti che la guardavano con fare torvo. Forse le occhiate di Francy davano fastidio ai vari soggetti dei quadri. « Ehi tu, biondino, hai qualche problema!? » sbraitò ad un certo punto un uomo dentro una cornice. Il Grifondoro sbalordito e scioccato - non si aspettava di certo una reazione del genere, da un dipinto per di più, per Godric stava solo guardando - rispose leggermente infastidito*

    No.. per carità, stavo solo guardando

    *e senza aspettare un ulteriore parola continuò avanzando verso una porta che probabilmente dava alla scalinata della torre.

    Come immaginava, appena aperta la porta, delle scale le si presentarono davanti. Iniziò a salire lentamente gradino per gradino arrivando all'ultima struttura, tutta in legno. Da lì si potevano notare persino gli ingranaggi dell'orologio che provocavano un rumore metallico e sordo ogni volta che si muovevano. Però c'era pace, e tranquillità. Si stava bene. La luce del sole che filtrava tra gli spazi degli ingranaggi mostrava i granelli di polvere fluttuare in aria, quasi a rallentatore. Sospirò tranquillamente guardandosi intorno; in realtà in quel posto non c'era molto da fare. Era tutto un insieme di legno, ingranaggi, rumore e ringhiere per evitare che qualche intelligente studente si sbilanciasse più del dovuto.Era già stato lì solo due volte.E sempre per puro caso.

    Francy girò attorno alle ringhiere guardando di sotto curioso e poi avvicinandosi agli ingranaggi; da lì si poteva ammirare l'ingresso in pietra. Studenti camminavano frettolosamente di qua e di là, in gruppetto o da soli. Erano tutti chiaramente eccitati per l'arrivo ad Hogwarts, chi di più chi di meno. Continuò a scrutare l'orizzonte vedendo che da qualche fessura si poteva notare anche la foresta proibita in lontananza. Quel castello era davvero particolare. Nonostante non ci fosse nessuno lì intorno Francy decise comunque di rimanere qualche minuto in più a osservare il panorama che si intravedeva dalle fessure degli ingranaggi. Ancora un po' e sarebbe scesa tornando in Sala Comune.Però ad un certo unto sentì delle parole.Una di loro era la Hpokirk che aveva conosciuto anni prima.*

    ciao Kat...


    @Katrin_Hopkirk,


  • Katrin_Hopkirk

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 259
       
       

    Ciao Kat.

    *La voce giunse inaspettata alle orecchie della corvetta, era rimasta da sola con Rose per così tanto tempo, in un luogo dove praticamente nessuna andava, non si aspettava certo di veder sbucare qualcuno, anche perchè se l'avesse immaginato non si sarebbe infilata in bocca metà barretta di cioccolato extra fondente.*

    Hey Francy, quanto tempo!!

    *Esclamò dopo aver masticato con difficoltà il dolce e aver bevuto un po' di succo di zucca, era convinta che se avesse sorriso i suoi denti sarebbero risultati neri come il carbone, si sentiva la bocca impastata, così trangugiò dell'altro succo cercando di sciacquare via la sensazione.*

    Conosci già Rose?

    *Chiese poi, per spostare l'attenzione da lei all'amica.*

    E' del primo anno, smistata in tassorosso!!

    *Spigò sorridendo, dopo essersi assicurata che i suoi denti avessero assunto un colore normale.*

    Tu Francy come te la passi? Mi è parso di sentire che hai trovato la ragazza...

    * Ammiccò per prenderlo un po' in giro.*

    Vieni qui a sederti con noi e serviti pure se ti va!

    *Lo invitò picchiettando accanto a sé e mostrando la montagna di dolci e schifezze sparse intorno a loro. Era felice di rivedere il giovane grifondoro era da un bel po' che non si vedevano e ora che era con lui i ricordi del loro primo incontro, in mezzo alla neve, le ritornarono in mente come se fosse accaduto pochi giorni prima.*

    @Francy_Scalliver,



Vai a pagina Precedente  1, 2