Notturn Alley
Notturn Alley


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Charlotte_Mills


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 320808
       
       

    [LONDRA – Diagon Alley]


    *Quella mattina Charlotte non si trovava a Hogsmeade o a Hogwarts, ma a Londra più precisamente a Diagon Alley.
    In quelle picole stradine frequentate dai maghi e dalle streghe londinesi si poteva trovare di tutto, ed era proprio per quello che quel giorno l’ex Serpeverde si trovava li. Doveva comprare del mangime per la Fenice Aba che, in quel periodo, se la cava a davvero male.. Probabilmente l’ora del falò era vicino. Aba era la Fenice che la professoressa di Animagia e preside Sibilla aveva donato a suo figlio Kyle per il suo battesimo. Le era davvero grata perché aveva trovato un amico che poteva fare compagnia al piccolo maghetto, ma allo stesso tempo una Fenice era un animale un po’ “complesso” da tenere in una casa.
    Con il mangime per il volatine comprò anche qualche vestito in un ulteriore negozio. Kyle aveva compiuto tre anni a Dicembre e i vestiti ormai gli stavano stretti e, di conseguenza, la madre era costretta a comprarne di nuovi quasi tutti i mesi.
    Un ulteriore spesa attendeva la donna, da quella non si sarebbe tenuta a Diagon Alley, ma poco distante da li.. A Notturn Alley.
    Era da qualche mese che la donna non metteva piede in quelle viette poco raccomandabili, ma quel giorno doveva ritirare un oggetto da Magie Sinister, un oggetto che le sarebbe servito per qualcosa di importante e di conseguenza, dopo un bel respiro profondo, si addentrò.*

    [Nottun Alley]


    *Le strade erano davvero stretto e Charlotte Mills non se le ricordava talmente oscure, sporche e strette.
    Forse non ci aveva mai fatto davvero caso, ma quella volta i suoi occhi si soffermavano su ogni dettaglio alla sua portata. Vide una strega gobba, sulla soglia di una porta, che la osservava in modo davvero strano.
    Vide un uomo che cercò di avvicinarsi a lei per dirle, o proporle qualcosa, ma che subito si allontanò come se qualcosa in lei lo avesse spaventato. Notò un altro mago con un mantello nero come la notte, uscire da uno dei negozi più oscuri di Notturn Alley.. Neppure lei ci era mai entrata. Notturn Alley era sempre stata così? O era lei che non ci aveva mai fatto davvero caso? Con una strana sensazione addosso l’ex Serpeverde entrò nel negozio che era la sua destinazione. Il commesso l’accolse con il solito sorriso inquietante. Sapeva già per cosa era li e, sparendo nel retrobottega ne ricomparve con un piccolo scatolino tra le mani. Prima di chiuderlo definitivamente glielo mostrò.
    L’oggetto al suo interno era di piccole dimensioni, grande quasi come una noce e sembrava splendere di luce propria. Quella veniva chiamata Pietra Solare e aveva delle caratteristiche davvero uniche. Ne esistevano pochissimi esemplari e, uno di quelli, era ormai d’appartenenza della professoressa Mills.
    Ringraziando il gentil commesso porse a lui la quantità di denaro che avevano pattuito in precedenza. Fu così che il pacchetto venne chiuso e porto a Charlotte che lo ripose tra le altre cose che aveva preso quel giorno.
    " Grazie mille e buona giornata" disse la donna salutando cortesemente il commesso che ormai la conosceva benissimo.
    Uscendo dal negozio il sole le sfiorò il volto. I suoi raggi erano debolmente caldi e le riscaldarono leggermente le gote. La luce per un attimo l'accecò per via del buio all'interno del negozio dalla quale era appena uscita.
    Stava per andarsene quando, qualcuno, le bloccò la strada.*

    Mi scusi..

    *Disse la donna osservando solo dopo l'uomo difronte a sé.
    Solo in quel momento si accorse di conoscerlo e, se conosceva qualcuno che frequentava quelle vie di certo non era una brava e buona persona.
    Charlotte aveva un passato oscuro e ormai molte persone lo sapevano, ma sapevano anche che aveva cambiato strada. Si era lasciata l'oscurità e il marchio nero alle spalle, nonostante quella specie di tatuaggio era rimasto impresso sulla pelle. Si era allontanata da quelle persone, ma mai alla fin dei conti se ne sarebbe liberata definitivamente.*


    "No... Non può essere."

    *Pensò tra sé e sé la donna rimanendo inerme e indifesa difronte a quella figura che l'aveva colta di sorpresa. Un ghignò comparve sul volto dell'incappucciato che era riuscito a disarmarla della bacchetta. Conosceva quell'uomo e non portava nulla di buono.
    Tra le fila dei Mangiamorte era considerato uno dei sicari più bravi in circolazione e se si trovava li, e l'aveva disarmata, probabilmente era la sua prossima vittima.
    Sapeva che prima o poi quel momento sarebbe giunto, ma non pensava così presto.
    Un espressione di tristezza comparve sul volto dell'ex Serpeverde.



    Cosa le sarebbe accaduto?
    Cosa c'era dopo la morte? Esisteva davvero un paradiso e un inferno? Se si chissà dove sarebbe finita lei, sicuramente in un posto bello caldo con tanti tipi dotati di corna e forconi e tormentarla per l'eternità.
    L'unica cosa che la rallegrava, per così dire, era che di Sicuro suo figlio Kyle sarebbe cresciuto con il suo padrino, Stefano Draems, in modo davvero meraviglioso ed egregio. L'unica cosa che le importava era l'incolumità di suo figlio... Era pronta ad abbracciare la morte come una cara e vecchia amica he non incontrava da tempo.*

    @Sylvia_Turner,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1831
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Certificato
       
       

    [Diagon Alley]

    * Era una fredda mattina inoltrata, le vie brulicavano di persone. In un preciso punto le persone passeggiavano avanti e indietro lungo una via piena su entrambi i lati di negozi, ma non erano negozi comuni, di quelli che possono pensare la gente normale. Erano negozi speciali, si trattava di negozi di magia. Lungo questa via camminava una ragazza sui diciotto anni, dai corti capelli castani, gli occhi nocciola e la pelle pallida.*



    *La ragazza si fermò davanti a una libreria e ne uscì con un plico di fogli pergamena, più alcuni libri di materie strane, come Arti oscure, Erbologia, e Incantesimi.
    Quella mattina Sylvia Turner, tassorosso del settimo anno, si trovava a Diagon Alley, di nascosto. Non avrebbe dovuto essere li, ma si era ritrovata a corto di fogli di pergamena a scuola e per di più aveva bisogno di alcuni libri, indispensabili per dare degli ottimi M.A.G.O. Certo, poteva trovarli in biblioteca, ma preferiva tenerli per se.
    Prima di lasciare il castello, aveva fatto una lista delle cose che le mancavano, sperando con tutta se stessa che nessuno notasse la sua assenza, altrimenti tassorosso avrebbe perso dei punti per colpa sua.Mise la mano in tasca e diede una veloce occhiata per vedere se aveva preso tutto.*

    Ok, libri...ci sono. Fogli...anche.

    *Si guardò intorno, controllando che non ci fosse qualcuno della scuola. Non vide nessuno, quindi poteva muoversi verso la passaporta e tornare verso essa. Stava camminando a passa spedito, ma decise di rallentare un attimo davanti al Serraglio Stregato. Si fermava sempre a guardare gli animali in vetrina. Voleva sempre prendere uno nuovo, ma il ricordo di Romeo, il suo micio, le faceva ancora male.
    Si fermò per qualche secondo in mezzo alla strada, indecisa, poi decise di proseguire verso la passaporta.
    Improvvisamente vide la porta del negozio aprirsi e... a Sylvia manco il fiato, perchè ne era appena uscita @Charlotte_Mills, sì, proprio la professoressa Mills! Veloce si nascose dietro un muro a pochi metri da lei.
    Per le mutande di Merlino e mannaggia alla mandragola! Se l'avesse vista fuori da scuola senza permesso, sarebbero stati guai e guai seri.
    Char era sua amica, ma non poteva esimersi dal togliere punti a Tassorosso, quando si presentavano quelle situazioni. Poteva solo camminarle a qualche metro di distanza e pregare che non la vedesse. Dopo un profondo respiro, Sylvia decise di camminare dietro a Char, fin alla passaporta e teletrasportarsi letteralmente a Hogwarts.
    Camminò per circa una quindicina di minuti, ormai era praticamente arrivata al paiolo magico e da li poteva andare a scuola. Stava per entrare quando vide che Charlotte aveva svoltato in un vicolo. Sylvia la guardò, sorpresa. Si avvicinò quatta quatta e vide che il muro dava su un passaggio. C'era un indicazione sul muro che indicava " Notturn Alley".*

    Char a Notturn Alley? Chissa perchè è andata li..

    * Il suo istinto le diceva che era meglio seguirla e cosi Sylvia fece. Percorse il lungo e stretto passaggio e nel frattempo si tirò su il cappuccio della divisa. Qualcosa le diceva che uno studente di Hogwarts non sarebbe stato il benvenuto in quella zona. Non era mai stata li, ma ne aveva sentite parecchie. Succedevano bruttissime cose in quella zona, a chi ci si avventurava. .Con il cappuccio tirato in su, Sylvia raggiunse Char, e sempre nascondendosi dietro alcune pareti, la vide entrare da Magie Sinister. L'ansia si faceva sempre più strada nella tassorosso. Sylvia rimase a osservare la porta del negozio per parecchi minuti. Fortuna che si era nascosta bene, i passanti non avevano un aria raccomandabile e confortante, le vie erano buie e strette e c'era un odore nauseabondo.*

    Cosa starà facendo li dentro? Magie Sinister, a quanto ne so, vende solo articoli oscuri. Cosa mi stai nascondendo Char?

    *Pensò Sylvia, Le stava davvero nascondendo qualcosa? Oppure era solo paranoia la sua? Magari era solo venuta a prendere qualcosa per la scuola. Oppurre...no, non poteva credere che Char fosse tornata sulla via Oscura. Aveva lasciato quella via , si erano sempre confidate tutto...o almeno, cosi pensava Sylvia. Il campanello della porta del negozio si aprì, e Char uscì dal negozio.
    Sylvia si sporse un pò per uscire dal nascondiglio, quando vide un uomo avvicinarsi a Char e poi di colpo pararsi di fronte a lei.
    Successe tutto in un lampo. L'uomo , incappucciato anche lui, puntò la bacchetta e disarmò Charlotte che rimase inerme . Non si muoveva nemmeno. L'uomo sembrava pronto a colpire Charlotte. Sylvia sbarrò gli occhi.
    La diciottenne uscì dal nascondiglio, corse velocissima verso Charlotte, e nel mentre il cappuccio scese sulla schiena, rivelando il volto della tassorosso. Sylvia , in pochi secondi si trovò davanti a Charlotte, mentre gridava.*

    CHAR ATTENTA!

    *Si mise davanti, e cercando di proteggere Char, con una forza assurda che non pensava di avere, spinse a terra l'uomo, cercando di bloccare la mano che impugnava la bacchetta e di buttarla il più lontano possibile dall'uomo. Stava combattendo contro un Mangiamorte e nemmeno se ne era resa conto, l'unica cosa che contava in quel momento era la vista di Char, della sua amica.



    Ultima modifica di Sylvia_Turner oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 320808
       
       

    *Charlotte si sentiva inerme in quella situazione.
    Non aveva la sua fidata bacchetta in ebano, le era stata portata via con un velocissimo incantesimo e di conseguenza non poteva difendersi in nessun modo. Sapeva che la sua ora era, purtroppo o finalmente, giunta e lei purtroppo non poteva farci nulla.
    Anni prima aveva impresso a vita il Marchio Nero sul suo avambraccio sinistra e forse, datta la giovane età, non sapeva davvero a cosa andava incontro.*

    [INIZIO FLASHBACK]


    *Una giovane Charlotte, all' incirca sui diciannove anni, si trovava circondata da uomini mascherati, a nessuno si poteva scorgere il viso coperto da strane maschere.
    Il Signore Oscuro, colui-che-non-doveva-essere-nominato era morto da anni ormai, ma i suoi seguaci non avevano mai smesso di lottare per le sue cause.
    Una giovane ragazza, ormai non più studentessa si trovava a quella strana cerimonia per ricevere finalmente, dopo tanto tempo, il famigerato Marchio Nero.
    Si trattava proprio di Charlotte.
    Aveva passato una vita intera nell' odio verso colui che aveva ucciso il suo unico fratello, l' unico membro della famiglia che le voleva davvero bene, famigliare che era stato ucciso durante la battaglia ad Hogwarts, proprio in quella battaglia che aveva visto morire il potente Lord Voldemort.
    Charlotte aveva giurato vendetta contro colui che aveva ucciso Luke Mills, anche se la sua vendetta era assai difficile da compiere.
    Non sarebbe mai riuscita ad uccidere il ragazzo dai capelli rosso fuoco e le lentiggini.
    Si, proprio quel ragazzo, amico di Harry Potter.
    Detestava Ron Weasley, detestava harry Potter e tutte le sue biografie che raccontavano di tutte le morti avvenute in quella battaglia.*

    Giuri fedeltà al Marchio Oscuro?

    Lo giuro.

    *A quelle sue parole, girate difronte a dozzine di maghi e streghe dal volto misterioso, sul suo avambraccio sinistro comparve qualcosa di nero e nitido.
    Lo stesso marchio che aveva suo fratello Luke, marchio per la quale era stata cacciato da casa Mills e ripudiato dai suoi genitori.


    Quello fu l' inizio di quella sua avventura nella parte più oscura della magia.
    Quello fu il suo primo vero giorno da Mangiamorte.*

    [FINE FLASHBACK]


    *La voglia di vendicare la morte di suo fratello Luke l'aveva resa cieca a ciò che poteva accaderle e a cosa andava incontro per il resto della propria vita.
    Nessuno poteva lasciare le fila dei Mangiamorte, eppure lei l'aveva fatto creando scompiglio tra quei maghi che, più di una volta, le avevano mostrato la loro rabbia e indignazione.. Alcune volte anche minacciandola, come ad esempio quella volta al negozio di Bacchette che possedeva a Hogsmeade.
    Di tempo però ne era passato e la donna si era illusa che a certe persone fosse passata, che avessero cose più importanti a cui pensare.. Eppure si trovava li disarmata dal catalizzatore magico.
    L'uomo difronte a lei aveva uno strano e inquietante ghignò.
    Poi tutto però accadde in modo veloce. Sentì una voce femminile e solo successivamente una figura dai capelli castani lunghi quasi fino alle spalle. Quella giovane strega si era fiondata tra lei e l'uomo misterioso e, prontamente, era riuscita a separarlo dalla sua bacchetta magica e, addirittura, farlo quasi cadere a terra proprio nel momento in cui un incantesimo veniva scagliato verso la ventottenne.
    Sentì qualcosa di caldo scenderle per la guancia.


    Quello era sangue.. Il suo.
    Fu in quel momento che vide il volto della strega che aveva cercato di mettere fine a tutta quella situazione. La conosceva: era Sylvia Turner che, miracolosamente, era riuscita a mettere in fuga l'uomo che si era palesato difronte alla professoressa di Arti Oscure a Hogwarts.*

    S...Syvi... 50 PUNTI IN MENO A TASSOROSSO!

    *Fu la prima cosa che Charlotte riuscì a dire.
    Sylvia era una delle studentesse che più aveva a cuore. Non solo era stata la prima a cui aveva rivelato qualcosa di sé, soprattutto quel segreto che aveva poi rivelato all'intera Hogwarts più di un anno prima, ma aveva una stanza in quella che lei chiamava casa. Alla ex Serpeverde piaceva considerare casa sua come una sorta di casa famiglia, dove gli studenti in cerca di un tetto sotto la quale dormire.
    Quella ragazza non era la prima volta che le salvava la vita, era infatti accaduto già tempo prima da un Dissennatore. Le aveva salvato la vita un'altra volta e Charlotte non se lo meritava. E glielo disse anche.*


    ....Devi smetterla.

    *Disse abbozzando un leggero sorriso come ringraziamento.
    Nonostante Charlotte fosse stata smistata a Serpeverde dal Cappello parlante il suo cuore era grande come quello di un Grifondoro e un Tassorosso fusi assieme.
    Spesso aveva dubitato della decisione del copricapo stregato.*

    @Sylvia_Turner,




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1831
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Certificato
       
       

    * Sylvia si era scagliata contro il Mangiamorte con tutta la forza che aveva in corpo e non era poca! Si era ritrovata sopra di lui, gli aveva bloccato la mano che impugnava la bacchetta ed era riuscita a togliergliela! Forse un incantesimo avrebbe avuto più effetto, ma non c'era stato tempo. Se avesse aspettato ancora pochi secondi, @Charlotte_Mills sarebbe stata immobile per terra.
    L'uomo , ma Sylvia era preparata e manteneva una presa fermissima sulla mano e con la mano libera, scagliò un pugno sul naso dell'uomo, facendolo sanguinare Alla fine l'uomo era riuscito a liberarsi, con non pochi sforzi ed era corso via. Nel mentre Sylvia gli urlò dietro per fare in modo che la sentisse.*

    LA PAGHEREI PER AVER CERCATO DI FARE DEL MALE ALLA MIA AMICA! SE TI AVVICINI DI NUOVO, NON MI LIMITERO' AI PUGNI.

    * Sylvia, con ancora un pò di fiatone per la lotta, si girò versò Charlotte, Stava per chiederle se stava bene, quando la donna le disse.*

    S...Syvi... 50 PUNTI IN MENO A TASSOROSSO!

    *Sylvia la guardò incrociando le braccia,e la guardò come per dire " Stai scherzando?". Poi Char continuò.*

    Devi smetterla.

    * Charlotte la guardò, abbozzando un sorriso di ringraziamento. Sylvia la guardò, e capì con un solo sguardo. Sylvia conosceva bene Charlotte, da sapere cosa stava si stava riferendo la ex serpeverde. Probabilmente non pensava di meritarsi l'essere salvata. *

    Prego, non c'è di che, anche io sono felice che stai bene! Comunque, no, non smetterò mai! Scordatelo! Finchè avrò anche solo un soffio di vita in corpo, sarò sempre qui a salvarti!

    *La diciottenne si avvicinò a Charlotte e vide che la donna aveva un lungo taglio sula guancia. Prese la bacchetta ed eseguì un incantesimo di guarigione, puntando la bacchetta a qualche centimetro dalla ferita. In pochi secondi , sul viso di Char, non c'era traccia di sangue.*

    Ecco fatto!



    Ultima modifica di Sylvia_Turner oltre 1 anno fa, modificato 4 volte in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 320808
       
       

    *Charlotte era, ormai, pronta per la sua fine che sapeva sarebbe giunta prima o poi, ma forse quello non era il suo giorno.
    Sylvia l'aveva "salvata".. Di nuovo e sinceramente per quanto ne era grata, non ne poteva davvero più. Sembrava che i loro ruoli si fossero invertiti che l'adulto fosse la giovane Tassorosso e la bambina in difficoltà l'ex Serpeverde.*

    Comunque, no, non smetterò mai! Scordatelo! Finchè avrò anche solo un soffio di vita in corpo, sarò sempre qui a salvarti!

    *Era davvero cocciuta.
    La diciottenne si avvicinò a lei e, con un incantesimo essenziale, cercò di aiutarla con la ferita che si era procurata qualche minuto prima. Sentiva il sangue caldo sulla guancia scomparire. Una sensazione di calore la pervase.
    Nonostante Sylvia frequentasse ancora Hogwarts alcuni incantesimi le venivano davvero bene.*

    Hai un futuro come medimago.

    *Cercò di sdrammatizzare la ventottenne.
    Solo in quel momento si accorse dell'infrazione delle regole scolastiche da parte della ragazza maggiorenne.*

    Aspetta un attimo!
    Che ci fai qui? Che ci fai a Notturn Alley? Perchè non sei a scuola?


    *Chissà qual'era il vero motivo della sua presenza li, soprattutto in quei vicoli malfamati che molti maghi temevano.


    Charlotte era solita recarsi li per rifornirsi di oggetti magici ed oscuri per alcune delle sue lezioni di Arti Oscure a Hogwarts, ma Sylvia? Si trovava li per curiosità o c'era qualcosa di losco dietro la sua presenza li?
    Conosceva la diciottenne da qualche anno ormai, tanto da averla presa in simpatia. Parlavano molto, o almeno lo facevano quando si incontravano, ma allora perchè non le aveva raccontato del suo "viaggio" li, a Notturn Alley?*


    @Sylvia_Turner,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1831
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Certificato
       
       

    * Dopo che Sylvia curò con un incantesimo @Charlotte_Mills rispose alla domanda della ex serpeverde, Char la ringraziò dicendole.*

    Hai un futuro come medimago.

    *Sylvia alzò una mano, come per dire" Sciocchezze". Era un incantesimo molto semplice alla fine. Poi Sylvia vide l'espressione di Char cambiare, come se si fosse appena resa conto di una cosa.Infatti la donna le chiese*

    Aspetta un attimo!
    Che ci fai qui? Che ci fai a Notturn Alley? Perchè non sei a scuola?


    *Sylvia la guardò un pò sconvolta dalla domanda. Insomma erano appena sfuggite all'attacco di un Mangiamorte, e lei si preoccupava del perche Sylvia fosse li? Forse Char pemsava che Sylvia stesse nascondendo qualcosa di losco? Cavolo, la conosceva da anni ormai e Sylvia non le aveva mai nascosto nulla. Dopo un respiro profondo la tassorosso rispose.*

    In verità, non ero qui a Notturn Alley. Ero a diagon. Prima ero a scuola e mi sono ritrovata a corto di fogli di pergamena e di alcuni libri che mi servono per gli esami, libri che potevo trovare in biblioteca, ma che volevo tenere per me, cosi sono venuta a Diagon Alley di nascosto , ma solo per comprare i fogli e i libri. Poi ti ho vista e ho cercato di non farmi vedere da te, cosi ti ho seguita. Ero quasi arrivata al Paiolo Magico quando ti ho vista cambiare direzione e sono finita qui con te.

    * Sylvia fece una pausa, incrociò la braccia e guardando Char disse seria.*

    Comunque, potrei farti la stessa domanda. Cosa ci fai qui?

    *Se Sylvia avesse scoperto che Char le nascondeva qualcosa, dopo tutto il tempo che si conoscevano, la tassorosso non sapeva come l'avrebbe presa.*



    Ultima modifica di Sylvia_Turner oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 320808
       
       

    *Charlotte, ventottenne ed ex Serpeverde, rimase ad osservare Sylvia per capire meglio il motvo della sua presenza a Notturn Alley.
    Dopo la sua domanda la Tassorosso le raccontò il motivo vero grazie alla quale lei si trovava ancora nel mondo dei vivi e non quello sottoterra. Raccontò di trovarsi a Diagon Alley per assenza di pergamene e di alcuni volumi utili per gli esami che doveva sostenere.
    Solo in quel momento Charlotte si rese conto che per Sylvia quello era l'ultimo anno scolastico a Hogwarts. Chissà cosa avrebbe fatto successivamente. Forse un lavoro al ministero o addirittura a Hogwarts, chi poteva saperlo. Raccontò anche di essersi inoltrata a Notturn Alley perché l'aveva notata passeggiare per le grandi vie principali di Diagon Alley.
    La professoressa ne rimase sconvolta ma allo stesso tempo sorpresa.


    La domanda successiva poi era davvero strana tanto da alterarla. Aveva davvero una bassa considerazione di lei?*

    Comunque, potrei farti la stessa domanda. Cosa ci fai qui?

    Oh, sai com'è... Mi sto ridando alla magia oscura. Sai quella con i mantelli, le maschere sul viso e marchi su avambraccia.

    *Disse la professoressa Mills ironizzando sul suo passato della quale molti maghi e streghe erano a conoscenza e della quale Sylvia era stata la prima a sapere.
    Ovviamente non era affatto così, si trovava li perché spesso si riforniva da Magie Sinister per alcuni oggetti magici da mostrare durante le sue lezioni di Arti Oscure che teneva molto spesso a Hogwarts.*

    @Sylvia_Turner,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1831
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Certificato
       
       

    * Dopo che Sylvia ebbe spiegato il perchè della sua presenza a Notturn Alley, e dopo aver chiesto a @Charlotte_Mills, il motivo della sua presenza a Notturn Alley, la ventottenne le ripose.*

    Oh, sai com'è... Mi sto ridando alla magia oscura. Sai quella con i mantelli, le maschere sul viso e marchi su avambraccia.

    *Disse la donna in tono ironico. La tassorosso non voleva dubitare di lei, ma solo sapere il perchè si trovasse li. Quando capì che Charlotte era li solo per rifornirsi per la scuola, Sylvia alzò le mani in segno di scuse e disse un pò imbarazzata.*

    Ok, scusami Char. Non volevo essere invadente e soprattutto non volevo offenderti. Mi dispiace, davvero!

    *Le voleva un bene dell'anima e non si sarebbe perdonata se le fosse successo qualcosa. Era come una sorella maggiore per lei. Dopo una pausa, Sylvia disse.*

    Per quanto riguarda la questione punti...se devi toglierli a qualcuno toglili solo a me, ma non toglierli a tutta la casata. Non è giusto che paghino per un errore che ho commesso io. Lo so, avrei dovuto avvertire che uscivo, ma pensavo di fare molto in più fretta. Se vuoi darmi una punizione, la sconterò tutta, ma da sola. Nemmeno Marc sapeva che venivo qui, è stata una decisione presa d'istinto.

  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 320808
       
       

    Ok, scusami Char. Non volevo essere invadente e soprattutto non volevo offenderti. Mi dispiace, davvero!

    *Affermò Sylvia scusandosi dopo aver sentito le sue parole, ma Charlotte non si era per nulla offesa. Il suo era stato solo un tono ironico, di certo non sarebbe ricaduta nel suo passato che tanto la tormentava.
    Sapeva che Sylvia era li a fin di bene, non era proprio nei suoi piani occuparsi di lei ma era più forte di lei: la vedeva come una sorella minore.
    Tra la professoressa e la studentessa c'era qualcosa di più di un semplice rapporto scolastico e, nonostante quello fosse poco etico non poteva farci nulla.
    Solo successivamente Sylvia aggiunse qualcosa riguardo alla sottrazione di punti, ma era qualcosa di impossibile: non poteva togliere punti solo a lei, perché significava comunque sottrarli alla propria casata. La sua decisione di recarsi li era stata d'impeto, e la capiva benissimo, ma comunque si trovava fuori dal castello nonostante la maggiore età.
    Hogwarts era responsabile dei vari studenti durante i mesi scolastici quindi, qualsiasi cosa poteva accadere alla giovane durante quel periodo ne risentiva la preside e il resto del corpo docenti e i vari responsabili.
    Cercò di farglielo capire, non perché si sentisse superiore ma perché ci teneva a lei.
    Ci teneva talmente tanto che lei era stata la prima persona a raccontarle del suo passato, era stata la prima persona alla quale aveva raccontato del suo passato oscuro e, dopo aver scoperto che la ragazza era tornata dall'Italia senza i suoi gentori l'aveva spitata a casa sua, trasformandola così anche in casa di Sylvia.*

    Che ne dici di tornare al castello? Ho sentito che oggi gli Elfi avrebbero sfornato un delizioso pasticcio di carne.


    *Disse l'ex Serpeverde abbozzando un piccolo sorriso, rivolto alla giovane Tassorosso che conosceva bene.
    Non aveva molta voglia di tornare a scuola, ma l'idea del caldo e abbondante pranzo preparato dagli Elfi delle cucine di Hogwarts le faceva cambiare spesso idea.*

    @Sylvia_Turner,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1831
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Certificato
       
       

    * Dopo che Sylvia si scuso' con @Charlotte_Mills, la donna sembrò capire e non sembrava fosse offesa. La tasso fisso sospirò di sollievo! Non voleva litigare con lei, Charlotte era troppo importante per lei.
    Qualche secondo dopo che la ragazza chiese alla professoressa di toglierle i punti solo a lei e non alla casata. La donna le spiegò che però quello non era possibile.
    Sylvia capi' che nonostante fosse maggiorenne, era sotto la responsabilità della scuola ed era compito dei docenti far rispettare le regole.
    La diciottenne abbassò lo sguardo a terra, un po'imbarazzata e triste. Non avrebbe voluto che i suoi compagni perdessero punti a causa sua , ma era inevitabile.
    Mentre aveva ancora lo sguardo basso a terra senti' Charlotte chiedere.*

    Che ne dici di tornare al castello? Ho sentito che oggi gli Elfi avrebbero sfornato un delizioso pasticcio di carne.

    *Sylvia annuì, un po' vergognosa e cominciò a camminare aspettando Charlotte e sentendosi in colpa. Si chiedeva cosa avrebbero pensato i suoi compagni una volta saputo della perdita dei punti.*