Notturn Alley
Notturn Alley


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Anastasia_Gray


  • Anastasia_Gray

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 165
       
       

    [Diagon Alley]

    *Una ragazza dai lunghi boccoli biondi camminava silenziosa e assorta nei suoi pensieri nella famosa Diagon Alley. Con passi alquanto incerti continuava il suo percorso imperterrita alle persone attorno. Aveva perso di vista Tom,uno dei suoi fratelli, ed ora si ritrovava a camminare in giro a cercarlo. Ad un certo punto si scontrò con un corpo massiccio. Alzando lo sguardo vide suo fratello che la guardava ghignante mentre teneva per mano una ragazza mora. Anastasia sorrise fintamente mentre se ne andava via.la Grifa indicò la strada davanti a sé con un cenno. La ragazza si strinse nel mantello blu che si era portata a presso e incominciò a correre incurante della gente. Chissà dove sarebbe arrivata.*

    [Notturn Alley]

    *Ed ecco che si ritrovava nel posto più oscuro di Londra con solo la propria forza a proteggerla. Con scatto quasi felino ignorò le voci degli uomini a cui passava accanto. Ad un certo punto qualcuno l'afferrò per il braccio facendole male. Era un mago di mezza età dall'aria maligna. La strinse tra le braccia non lasciandole via.d'uscita. La giovane cercò di dimenarsi tirando calci e pugni inutilmente. Incominciò ad urlare aiuto mentre l'uomo le tappava la bocca con la mano sudicia e puzzolente.*

    Devo liberarmi

    *Fu il pensiero della strega mentre cercava con tutte le forze di liberarsi da quella morsa.*

    @Serenity_Hunter, @Alex_Smith, @Sylvia_Turner, @Marina_Lightwood, @Kribja_Armstrong, @Sophie_Moonsoon, @Alexandra_Vasquez, @Percy_Smith, @Emily_Banks, @Helen_Benlor




    Ultima modifica di Anastasia_Gray oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Emily_Banks

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 36
        Emily_Banks
    Grifondoro
       
       

    *Da quando era tornata ad Hogwarts, era diventata una ragazza fantasma e ciò non le dispiaceva più di tanto. Aveva evitato il più possibile i contatti con i pochi studenti rimasti a scuola, limitandosi a studiare in biblioteca o a girovagare di notte nella Foresta Proibita... le cattive abitudini erano comunque rimaste. Nonostante dovesse recuperare molto materiale, non aveva la minima intenzione di aprire libro, era domenica anche per lei! Così aveva deciso di fare un salto a Diagon Alley, e avrebbe approfittato per prendere un regalo a sua mamma, dato che la prossima settimana sarebbe stato il suo compleanno.
    Era intenta ad osservare una deliziosa vetrina di gioelli, quando vide con la coda nell'occhio Anastasia dirigersi verso la strada che conduceva presso Notturn Alley, un vicolo buio e squallido frequentato da streghe e stregoni oscuri.*

    Cosa ha intenzione di fare?

    *Si domandò fra sé mentre si affrettava a seguirla, tenendo un certo distacco tra loro per evitare di essere scoperta. Percorsero a piedi tutta Diagon Alley, fino a ritrovarsi a Notturn Alley. Non sbarrò gli occhi per la sorpresa dato il luogo in cui si trovava poichè ci era già stata, e sapeva bene che non era un luogo sicuro sopratutto per una ragazzina come lei. Sfilò la bacchetta dalla tasca, tenendola comunque bassa per non attirare ulteriormente l'attenzione degli stregoni che passavano da lì. Purtoppo aveva perso di vista Anastasia, e cercò di farsi spazio tra il via vai di persone, e tra uno spintone a l'altro, si liberò da quel gorgo sbucando in una stradina secondaria. Si guardò a destra e sinistra, in cerca di Anastasia, quando delle urla di aiuto la fecero sussultare.*

    Anastasia!

    *Urlò Emily correndo nella direzione in cui aveva sentito le grida, con la bacchetta puntata davanti a sé questa volta. Quando finalmente la raggiunse vide quello che si aspettava. Uno stregone stava tappando la bocca ad Anastasia, trascinandola via mentre la ragazza si dimenava con forza. Puntò la bacchetta e colpì l'uomo al petto con uno schiantesimo. Corse poi verso l'amica per aiutarla ad alzarsi, ma nel mentre l'uomo si stava già alzando. Sapeva che non sarebbe riuscita a stordirlo, presa dell'agitazione vedendo Anastasia tra le grinfie di quell'uomo. Si parò davanti l'amica facendole da scudo con il suo corpo, mentre con una mano impugnava saldamente la bacchetta.
    Non poteva fargli male, così diceva quell'uomo misterioso.
    Affermò inoltre che era proprio sciocca come suo padre, con aria di sfida
    Sei sciocca come tuo padre Emily, peccato che non ci sia più lui a difenderti. Rimase per qualche secondo immobile a fissarlo con i suoi occhi color ghiaccio, non sapendo come reagire. Come si permetteva di parlare così di suo padre?! Ma quando ormai stava per andarsene da lei e Anastasia, gli tirò un pugno in faccia con tutta la forza che aveva in corpo, godendo nel vederlo allontanrsi con il naso sanguinante, per poi vederlo smaterializzarsi in un secondo. Ignorando completamente il dolore alla mano con cui sferrò il pugno, si rivolse ad Anastasia.*

    Ma sei impazzita? Cosa credevi di fare? Siamo a Nutturn Alley Anastasia, non ad un parco divertimenti!

    *La sgridò Emily. Non lo stava facendo per cattiveria, ma doveva capire che aveva corso un grande pericolo. Se la bionda non fosse venuto in aiuto di Anastasia, chissà quell'uomo cosa avrebbe potuto farle.*


    @Anastasia_Gray, @Emily_Banks,





    @EDIT BY CHARLOTTE MILLS
    Corretto errori riguardo la scrittura in GDR, la prossima volta fai attenzione a non muovere PNG




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 5 volte in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 320806
       
       


    *Il sole splendeva alto in cielo in quella domenica di luglio.
    I raggi riempivano l'atmosfera di caldo e afa, era un peccato che on ci fossero nuvole in cielo a poter alleviare tutto quella calura.
    Erano da poco passate le undici del mattino ed erano comunque radi i maghi o le streghe che passeggiavano per le vie di Diagon Alley, nessuno invece si addentrava a Notturn Alley, luogo che tutti avrebbero evitato in qualunque momento.
    Notturn Alley era un vicolo buio e squallido che conduce appunto fuori da Diagon Alley.
    Li l’accesso ai babbani era interdetto e anche i maghi “perbene” difficilmente vi si recano: infatti, Notturn Alley è frequentata principalmente da streghe e stregoni oscuri.
    Si poteva accedere sia a piedi, passando dall'entrata al mondo magico che si trova presso Il Paiolo Magico e percorrendo a piedi tutta Diagon Alley, sia utilizzando la Metropolvere o la Materializzazione proprio come aveva fatto una donna, l'unica che camminava per quelle viuzze quella mattina.
    Un leggero rumore producevano i passi di quella figura femminile che, per qualche motivo si trovava li.
    Il viso e il resto coperto da uno scuro e leggero mantello estivo.
    Un rumore di passi era l'unico suono in quel vicolo malfamato.
    Tic-toc.
    Tic-toc.
    Rumore di tacchi femminili sui ciottoli riempivano l'aria circostante. Si trattava di Charlotte Mills, ventottenne, ex Serpeverde, professoressa a Hogwarts di Arti Oscure ed ex Mangiamorte.
    Il rumore di passi terminò, lasciando spazio a un tintinnio di una porta. La donna si era infatti recata li, dopo uno scambio di lettere con il commesso di Magie Sinister che, finalmente, era riuscito a trovare il manufatto che tanto le interessava. Avrebbe speso vagonate di Galeoni e Falci ma non le importava, il denaro non le mancava. La sua famiglia era di origine benestante, il suo lavoro le dava la possibilità di vivere adeguatamente. Cosa poteva chiedere di più.
    Il commesso fu sorpreso nel vederla li a quell'ora, nessuno andava a Notturn Alley alle undici di mattino, soprattutto quasi a ridosso dell'orario di apertura.
    Dopo l'acquisto, nei suoi abiti babbani tornò a camminare per quelle vie.
    Amava indossare un semplice paio di pantaloni e una semplice maglia invece che i tradizionali abiti magici.
    Si sentiva più comoda, ed era sempre stata così, anche da adolescente.
    Rindossò il mantello scuro, alzò il cappuccio per non farsi riconoscere e non destare sospetti e tornò a camminare. Non voleva che altre chiacchiere senza senso iniziassero a girare sul suo conto. Da quando aveva rivelato all'intera Hogwarts il suo passato aveva ricevuto centinaia di lettere via gufo da genitori stizziti e giornalisti che volevano intervistarla, ovviamente non aveva risposto a nessuna lettera, ma solo il riceverle le aveva creato una sensazione strana, era come se qualcosa o qualcuno le aveva attorcigliato lo stomaco creando una sensazione difficile da mandare via.
    Tic-toc.
    Tic-toc.
    Quello era l'unico rumore che si poteva sentire, fino a quando il suo sguardo si incrociò con quello di una figura a metri di distanza da lei.
    Chi era? E perché si trovava li a quell'ora proprio come lei? Era qualcuno che la stava seguendo? La sua mancina era stretta sulla bacchetta in Ebano, pronta a proteggersi ad ogni evenienza, ma rimase sorpresa nello scoprire che on era lei la "vittima" della misteriosa figura. Fu li che sentì alcuni rumori sospetti seguiti da un incantesimo conosciuto per poter schiantare gli avversari.
    Si avvicinò a quel gruppetto di persone. Voltò l'angolo e vide l'uomo colpito al petto dallo schiantesimo meritarsi un destro in pieno volto. Fu così che poi scomparì.
    Solo in quel momento si accorse di che aveva davvero davanti. Due giovane Grinfodoro che, per qualche strana ragione, si trovavano a Nutturn Alley.
    Le conosceva bene, erano Anastasia Gray ed Emily Banks. Lo sguardo di Charlotte si tramutò da interrogativo ad accusatore.*

    Cosa diavolo ci fate qua voi due!?
    Nutturn Alley non è luogo per due ragazzine... E' pericoloso!



    *Domandò la donna.
    Nutturn Alley non era luogo per delle studentesse, anche se quindicenni. Meno si frequentavano quelle viette meglio era. Sicuramente le due Grifondoro non sarebbero aspettate di incontrare una loro professoressa a Londra, ma anche lei aveva una vita al di fuori di Hogwarts, di certo non rimaneva rilegata alla sua aula trecentosesantacinque giorni l'anno.*

    @Emily_Banks, @Anastasia_Gray,


  • Anastasia_Gray

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 165
       
       

    Anastasia!

    *Sentì urlare la giovane mentre si dimenava. Subito la strega riconobbe la voce dell'amica @Emily_Banks e sperò con tutto il cuore che l'individuo non facesse del male anche a lei. In un attimo il mago venne schiantato dall'abile bacchetta della ragazza venuta in soccorso e, dopo vari insulti che l'uomo rivolgeva ad Emily anche riguardo a suo padre, la stessa Grifa gli mollò un pugno in faccia e facendo sparire l'uomo.*

    Ma sei impazzita? Cosa credevi di fare? Siamo a Notturn Alley, Anastasia, non ad un parco di divertimenti!

    *Esclamò arrabbiata la coetanea alla diretta interessata. Anastasia si morse un labbro mentre prendeva un respiro per parlare.*

    Scusami Emily. Io ero confusa e... Insomma non mi sono accorta di dove stavo correndo... Mi dispiace

    *Le sue parole erano sincere. Non voleva mettere in pericolo né Emily né se stessa. Era stata irresponsabile e per fortuna non ne aveva pagate le conseguenze. Ad un certo punto qualcuno di loro conoscenza urlò nella loro direzione:*

    Cosa diavolo ci fate qua voi due!?
    Nutturn Alley non è luogo per due ragazzine... E' pericoloso!


    *La ragazza sospirò dispiaciuta e prese parola mentre guardava dritto verso la professoressa @Charlotte_Mills, infatti era lei ad essere intervenuta nella conversazione. Di sicuro non era strano che una professoressa si trovasse Londra.*

    È colpa mia. Io sono andata da questa parte mentre correvo e mi sono ritrovata in pericolo. Emily mi ha aiutato e quindi le sono grata.

    *Disse per poi sorridere grata alla strega che l'aveva salvata.*