Hogwarts - Piano Terra
Hogwarts - Piano Terra



Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5
Topic Precedente :: Topic Successivo


  • *La Sala Grande era magnifica come sempre, decorata per il banchetto d'inizio anno. Piatti e calici d'oro scintillavano alla luce di centinaia e cen- tinaia di candele che galleggiavano a mezz'aria sopra i tavoli. Le quattro lunghe tavolate delle case erano affollate di studenti vocianti; in fondo alla Sala, gli insegnanti sedevano lungo un solo lato di un quinto tavolo, di fronte ai loro allievi.
    La testa di Nick dondolò sulla gorgiera, voltandosi di qua e di là, per scrutare al di sopra della fiumana di studenti.*


    
*Col suo solito farsetto, quella sera Sir Nicholas portava una gorgiera particolarmente ampia.*

    Per lo meno eviterò che questa stupida testa finita col penzolarmi sul collo troppo spesso.

    *Pensò il fantasma di Grifondoro, toccandosi il collo, quasi come se volesse mantenerlo. Fluttuando tra le grandi tavolate, si avvicinò a quella della sua casata e, lentamente, si poggiò sul bordo del lungo tavolo. Con aria tetra, rimase a guardare mentre i giovani grifi riempivano i loro piatti e, si rimpinzavano di ghiottonerie. Avevano l'aria di essere davvero buone! Da quanto tempo non mangiava qualcosa, da troppo tempo non sentiva qualcosa di fresco, come un bicchiere di succo di zucca, attraversarle la gola. Naturalmente non ne aveva bisogno, ma finiva col sentirne la mancanza. Si guardò intorno, cercando sempre di non muovere troppo la testa e, notò molti volti familiari e, alcuni ragazzini del primo anno, una in particolare, capelli rossi, molte lentiggini, una Weasley.*

    Buonasera cari ragazzi, la cena è di vostro gradimento?


    Citazione:
    AVVISTA IL FANTASMA

    Il primo utente che interverrà dopo questo post e dirà esattamente dove si trova la Dama Grigia sarà il vincitore per il gioco "Avvista il Fantasma" e guadagnerà 5 punti per sé e per la sua Casa.


    NB. Il post di avvistamento dovrà:
    - essere scritto in corretto linguaggio GDR;
    - essere coerente con la location e ciò che sta accadendo nella sala;
    - spiegare che cosa accade e dove compare il fantasma.

    IN NESSUN CASO IL POST POTRA' ESSERE EDITATO PRIMA CHE
    UN MEMBRO DELLO STAFF ABBIA STABILITO SE IL TESTO E' VALIDO O MENO,
    IN ALTRI TERMINI, L'INESATTEZZA DI UN CODICE,
    UN REFUSO ETC. NON INFICIANO LA VALIDITA' DEL POST,
    INVECE, L'EDIT SI', PERCHE', NON POTENDO SAPERE CHE
    COSA VI FOSSE SCRITTO PRIMA DELLA MODIFICA,
    NON SAREBBE CORRETTO NEI CONFRONTI DEGLI ALTRI UTENTI
    ATTRIBUIRE LA VITTORIA A CHI, MAGARI,
    AVEVA SCRITTO UN POST CHE NON SODDISFACEVA I REQUISITI RICHIESTI.




    @Charlotte_Mills, @Helen_Daniels, @Victoria_Maleficus, @Kristal_Thratchet, @Serenity_Hunter, @Jane_Casterwill, @Achilles_Davids, @Mirco_Mcqueen, @Daenerys_Martin, @Beatrix_Olives, @Alex_Longer, @Victoria_Maleficus, @Daenerys_Martin, @Mirco_Mcqueen, @Achilles_Davids, @Mihos_Renny, @Serenity_Hunter, @Percy_Smith, @Kribja_Armstrong, @Jane_Casterwill, @Marcus_Largh, @Gabriel_Master, @Lavinia_Grent, @Claire_Biovero, @Cornelius_Strange, @Adam_Wright, @Katherine_Gray, @Alexandra_Duval, @Percy_Smith, @Kribja_Armstrong,


  • Alexandra_Duval

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 1118
       
       

    *Alexandra non poteva negare che la cerimonia dello smistamento aveva un suo fascino, ma a volte per la Serpeverde il tutto si svolgeva per un periodo lunghissimo. Certo era un momento importante per un giovane mago o una giovanissima strega, ma a lungo andare dopo i primi dieci pargoli, la cosa iniziava a diventare noiosa, ed il fatto che quell’anno ci fossero i figli delle celebrità del mondo magico non cambiava le cose, anzi le rendeva ancora più noiose. Tanto noiosa che al momento dell’inizio del banchetto vero e proprio le cibarie passarono come sempre in secondo piano. Non che la cucina di Hogwarts non fosse appetitosa, ma di sicuro non era come quella che la ragazza aveva lasciato a casa. Eppure Alexandra non sentiva, per lo meno non durante il suo primo giorno di scuola la mancanza di casa, ma non poteva negare che il pasticcio che le preparava la nonna fosse di gran lunga più buono di quello che mangiava nella scuola di magia.*

    Buonasera Sir Nicholas.

    *Disse Alexandra sorridendo al fantasma delal casa di Grifondoro che aveva appena fluttuato sopra al tavolo dei verde-argento.
    Ovviamente il saluto della Duval era dovuto più ad un fatto di educazione che ad una improbabile simpatia per il fantasma, che considerava eccentrico all'inverosimile, ma cosa poteva farci era quel quasi senza testa che seguiva il nome del fantasma che lo rendeva ai suoi occhi quanto meno degno di nota. Anche perchè era risaputo quanto il fantasma soffrisse per quel piccolissimo incidente che l'aveva portato alla morte.
    Così mossa più dalla noia, che da una vera e propria curiosità verso l’ex Grifondoro, ne seguì i movimenti, il tutto sorseggiando un po’ di succo di zucca, quello almeno era esattamente come quello che beveva a casa.
    Intanto Sir Nicholas fluttuava tranquillamente tra i tavoli sino ad arrivare a quello dei rosso-oro, ovviamente, appoggiandosi, come se fosse possibile, sul bordo del lungo tavolo, osservando vecchi e nuovi Grifi ed naturalmente parlando amichevolmente con loro.*

    Nel post precedente è stato chiesto di localizzare la Dama Grigia, ma essendo un post di Sir Nicholas deduco che fosse lui il fantasma da avvisare.

    @Charlotte_Mills, @Helen_Daniels, @Victoria_Maleficus, @Kristal_Thratchet, @Serenity_Hunter, @Jane_Casterwill, @Achilles_Davids, @Mirco_Mcqueen, @Daenerys_Martin, @Beatrix_Olives, @Alex_Longer, @Victoria_Maleficus, @Daenerys_Martin, @Mirco_Mcqueen, @Achilles_Davids, @Mihos_Renny, @Serenity_Hunter, @Percy_Smith, @Kribja_Armstrong, @Jane_Casterwill, @Marcus_Largh, @Gabriel_Master, @Lavinia_Grent, @Claire_Biovero, @Cornelius_Strange, @Adam_Wright, @Katherine_Gray, @Percy_Smith, @Kribja_Armstrong,





    EDIT BY CHARLOTTE_MILLS
    dato che @Alexandra_Duval, ha già avvistato correttamente il Barone, Nick Quasi senza testa rimane "libero", chiunque affermerà di avvistarlo nel modo corretto si aggiudicherà il premio stabilito.

    Buon proseguimento




    Ultima modifica di Charlotte_Mills circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Kribja_Armstrong

    Corvonero Insegnante Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 1380
       
       

    TAVOLO DI CORVONERO


    *Un continuo brusio di chiacchiere si levava dai quattro lunghi tavoli in cui erano accomodati i vari studenti, accompagnando il rumore di posate che toccava i piatti o dei bicchieri che venivano appoggiati sul ripiano. Le prelibatezze realizzate dagli Elfi Domestici della scuola continuavano ad apparire nelle sperlunghe a centro tavola permettendo ad ognuno di scegliere cosa assaporare per prima.
    Dopo gli stuzzicanti Petali di nuvola che, Kribja aveva offerto alla giovane Corvetta seduta al suo fianco, molteplici pietanze erano apparse che avevano attirato troppo l'attenzione della ragazza decisamente affamata: tra primi colorati e secondi decisamente abbondanti l'ora del dolce era sopraggiunta e nonostante il banchetto luculliano Kribja non si risparmio di assaporare un carinissimo Choco Violet. Il cioccolato era il modo migliore per concludere la fantastica cena a cui avevano tutti partecipato.



    Tra una portata e l'altra tutti i fantasmi erano apparsi nella Sala Grande fluttuando per dare il benvenuto ai nuovi studenti e salutando i vecchi. Come sempre il più allegro tra tutti era stato il Frate Grasso, il fantasma legato alla casata dei Tassorosso, ma Kribja aveva ovviamente preferito la Dama Grigia per campanilismo. La bella Helena Corvonero, anche in forma spettrale era rimasta rispettosa ed estremamente riservata, come era successo durante i banchetti degli anni precedenti. Aveva salutato elegantemente i nuovi arrivati augurandosi che riuscissero ad ottenere i risultati che ci si aspettava da tutti i Corvetti per poi tornare nel suo elegante silenzio.
    Mentre portava alla bocca un piccolo pezzo di Piatti Arcobaleno, Kribja ripensò a quando l'aveva vista per la prima vola, proprio nella medesima sala, anni prima, suprema come in quel momento e leggermente schiva. In molti conoscevano la storia di Helena e spesso veniva giudicata male da chi non capiva le sfumature di quell'anima solitaria. Lei aveva avuto modo di osservarla più volte quando si aggirava tranquilla nella sala comune in cima alla Torre Ovest a cui era profondamente legata e vi aveva scorto una "persona" gentile e delicata ma molto riservata, talmente tanto da essere incompresa.

    Ogni tanto durante la cena, Kribja aveva spostato gli occhi verso il tavolo dei docenti, curiosa di sapere come la sua migliore amica stesse affrontando la sua prima cena ufficiale come professoressa. Purtroppo più volte l'aveva trovato intenta a masticare il cibo con la sua solita grazia, senza interagire con le figure al suo fianco, solo quando la neo Preside aveva annunciato che la loro casata si era aggiudicata la Coppa Estiva di Quidditch l'aveva vista aprirsi in un sorrisetto. D'altronde, se il merito della vittoria era da attribuire a tutti i giocatori, per la perfetta tecnica di gioco e la tenacia che Corvonero aveva dimostrato sui manici di scopa erano da ringraziare gli spronanti incoraggiamenti e le sagge riunioni di Elena Apefrizzola, capitano della squadra e Serenity, sua vice. Se la Coppa di Quidditch era della Casata nero-blu, più di tutti andavano ringraziate proprio loro due.
    E se, alzando gli occhi nuovamente verso la tavolata collocata infondo la Sala, Kribja aveva visto finalmente il sorriso sul bel volto amareggiato della ragazza di Cambridge il merito era nuovamente da attribuire all'italianissima Elena.*

    Ben fatto capitano.

    *Aveva pensato la bruna osservando l'abbraccio in cui le due erano strette, con gli angoli della bocca rivolti verso l'alto ed il cuore più leggero. Era certa che le due compagne di stanza si sarebbero sempre supportate a vicenda nella vita e che in loro, anche lei, avrebbe trovato un appoggio sempre solido e benevolo. Anche quella era la grandezza di Hogwarts, avere la capacità di creare rapporti che sarebbero durati oltre le mura della scuola e non necessariamente legate all'amore romantico.
    E se lei aveva avuto la fortuna di trovare delle amiche così care, era certa che anche gli altri ci sarebbero riusciti, bastava dare un piccola spinta alla sorte, per questo, dopo aver deglutito un pezzo enorme di dolce e una grosso sorso di acqua, con la bocca leggermente sporca di dolce cioccolato si rivolse nuovamente alla biondissima ragazza al suo fianco.*

    Perdonami Chloe se non sono stata molto di compagnia ma avevo una gran fame e non riuscivo a concentrarmi se non sul cibo.

    *Le disse con un sorrisetto, poggiando una mano sulla pancia sopra il lungo mantello nero che indossava per massaggiarla dopo l'abbuffata. Sperando di non mettere troppo a disagio la ragazzina ed ansiosa di soddisfare la sua rinomata curiosità, Kribja continuò a chiedere informazioni.*

    Allora, di dove sei? Anche tu Londinese come me?

    *Il riunire sotto il tetto di Hogwarts tutti gli studenti della Gran Bretagna rendeva dispersiva la provenienza di molti. Poche volte aveva incontrato dei maghi o delle streghe nati e cresciuti nella Capitale, in tanti infatti erano nati sulla grande isola o addirittura fuori dai confine per poi essersi trasferiti da piccoli abbandonando la terra natia. Chissà quale storia si portava dietro la neo Corvonero.*

    @Chloe_Lightwood,@Serenity_Hunter, @Elena_Apefrizzola,



  • [LONDRA]

    Dove sono? Non ci sono? Non sono venuti?

    *Disse un ragazzino dai capelli leggermente scompigliati, fu suo padre a indicare le persone che Albus stava cercando. Ron, Hermione e la loro figlia Rose erano finalmente giunti al Binario nove e tre quarti. Lily Luna, sua sorella, corse verso lo zio Ron, felice di vedere una chioma rossa come la sua. Ronald Weasley trattava sempre bene quella piccola bambina.*

    Ci guardano tutti.

    *Ma non erano lui che stavano osservando, ma gli adulti al suo fianco.
    Non si sarebbe mai abituato a tutto quello. Mentre per la famigliola si dirigeva verso una delle porte dei vagoni, ALbus is fermò, sempre più in confusione ed in ansia..*

    Papà... E se mi mettono in Serpeverde?

    *Lui portava i nomi di due grandi presidi di Hogwarts, e suo padre il "famoso" Harry Potter, non perdeva occasione per ricordarglielo. Portava il nome di Severus Piton smistato a Serpeverde, ma un grande uomo pieno di coraggio. Quello però non servì a calmare la sua paura.*

    Ma, senti: se è davvero importante per te tu puoi scegliere grifondoro. Il Cappello Parlante tiene conto della tua scelta.

    Sul serio?

    Sul serio.

    *Quelle si che furono parole tranquillizzanti.
    Stava per aggiungere qualcosa alle ultime parole del padre, ma il treno fischiò. Da li a poco l'Hogwarts Express sarebbe partito per Hogwarts.
    Poco prima di partire Albus salì sul treno. Albus camminava velocemente per la lunga locomotiva, fu raggiunto da sua cugina che affermò di essere alla sua ricerca. Voleva cercare uno scompartimento da dividere. Lui acconsentì e si mise alla ricerca di un posto dove sedersi.
    Fu li che incontrarono un ragazzino, della loro stessa età, dai capelli biondi quasi platino. Sembrava simpatico, aveva cercato di "corromperli" con dei dolcetti e, con lui, c'era riuscito.*

    [HOGWARTS]

    Potter Albus Severus.

    *Disse la stessa professoressa che li aveva accompagnati nella Sala Grande, proprio dove il famoso Cappello Parlante li avrebbe smistati.
    Dopo numerosi studenti era giunto finalmente il suo turno.
    Era entrato in un mondo sospeso, di cambiamenti e di magia. Quando il giovane Potter indossò il Cappello. Quest'ultimo sembrò esitare, come se fosse perplesso anche lui.
    Le successive parole del vecchio copricapo sorpreso l'intera Hogwarts.
    Albus era stato smistato a Serpeverde.
    Silenzio.
    Un silenzio perfetto e profondo.
    Albus si guardò attorno incerto. Scorpius Malfoy, il ragazzo che aveva conosciuto sul treno, sorrideva felice e lo chiamava da lontano.*

    Eh.. Si, piacere di conoscervi.

    *Avrebbe passato i suoi successivi sette anni nella sala comune di Serpeverde.
    Sarebbe stata la pecora nera della sua famiglia? Dopotutto erano stati smistati a Grifondoro: suo padre, sua madre, tutti i suoi nonni e anche suo fratello che, da lontano, lo guardava stranito.*

    @Charlotte_Mills, @Helen_Daniels, @Victoria_Maleficus, @Kristal_Thratchet, @Serenity_Hunter, @Jane_Casterwill, @Achilles_Davids, @Mirco_Mcqueen, @Daenerys_Martin, @Beatrix_Olives, @Alex_Longer, @Victoria_Maleficus, @Daenerys_Martin, @Mirco_Mcqueen, @Achilles_Davids, @Mihos_Renny, @Serenity_Hunter, @Percy_Smith, @Kribja_Armstrong, @Jane_Casterwill, @Marcus_Largh, @Gabriel_Master, @Lavinia_Grent, @Claire_Biovero, @Cornelius_Strange, @Adam_Wright, @Katherine_Gray, @Alexandra_Duval, @Percy_Smith, @Kribja_Armstrong,




    Ultima modifica di Albus_Severus_Potter circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Ad Honorem Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 10
    Galeoni: 582
       
       

    *Essere di nuovo seduta a quel lungo tavolo, dopo tutti quei mesi estivi passati lontano da Hogwarts, era davvero strano sopratutto se si passava dall'essere una semplice professoressa a Preside di quella scuola di magia e stregoneria.
    Essere Preside era un grande compito e si sentiva onorata per tale onore, ma allo stesso tempo impaurita, si meritava tutto quanto? E se avrebbe fatto qualche passo falso? Non solo lei ci sarebbe andata di mezzo, ma l'intera scuola.
    La donna chiacchierò con alcuni dei professori al suo fianco, mentre chiacchierava con loro il suo sguardo cadde su un professore poco distante da li: Mirco Mcqueen si stava dando al vino elfico. Poteva solo immaginare come si poteva sentire.
    La professoressa di Arti Oscure tornò a degustare le pietanze preparate dagli Elfi Domestici delle cucine.


    Dopo i numerosi antipasti aveva optato per quelle che erano alette di pollo in una gustosissima salsina che, fino a quel momento, non aveva mai assaggiato.*

    ”Mh.. Che delizia.”

    *Pensò tra sé e sé la donna, cercando di non abbuffarsi, almeno non così evidentemente e difronte all'intera Hogwarts.
    Dopo quel secondo assieme a delle semplici patate come contorno, la quasi trentenne rimase a guardare gli studenti intenti a riempirsi di cibo.
    Lo sguardo si soffermò in particolare su i novellini appena smistati, in particolare su i figli di quelle persone che aveva incontrato un paio di volte al Ministero della Magia.
    Continuò ad osservare qua e la per la sala, mentre, in quel momento, si gustava l'ultima fetta di una torta dall'aspetto fantastico.
    Sorrise verso Nick Quasi senza Testa che, in segno di rispetto, fece un piccolo inchino verso di lei. No, non era un un gesto del capo che, molto schifosamente, si staccò quasi del tutto dal collo. Quella era la peculiarità di quel fantasma: essere letteralmente quasi senza testa.
    Quando erano finalmente tutti pieni e satolli la donna si rialzò dal tavolo, proprio come prima dell'inizio del banchetto, e si rivolse un'ultima volta agli studenti.*


    SONORUS.
    Bene, ora che il banchetto è terminato, è giunta l'ora per dirigersi ognuno nelle proprie sale comuni.
    I prefetti condurranno gli studenti del primo anno, in modo che non vi possiate perdere.


    *Iniziò a spiegare la donna, ma non aveva finito nonostante il brusio che si alzò ai tavoli delle quattro casate.*

    Ultima cosa: per chi non vorrà tornare a casa per le vacanze può far richiesta alla signorina Sylvia Turner o al prefetto Jane Casterwill, di una stanza alla Casa della Gioventù che si trova a Hogsmeade a Howl Way.
    E' stata da poco restaurata per ospitare chi non si vuole allontanare da Hogwarts durante le vacanze, o per chi è più sfortunato.

    Ora potete andare, domani vi aspettano le prime lezioni!


    *Affermò la Preside Mills congedando tutti quanti.
    In quel momento i prefetti delle varie case raggrupparono gli studenti del primo anno e, una casata alla volta, si allontanò dalla Sala Grande. Nel giro di pochi minuti quella grande sala rimase vuota. I lunghi tavoli erano deserti e, nello stesso momento, tornarono vuoti proprio come all'inizio. Lo stesso accadde al lungo tavolo dei docenti.
    Alcuni dei suoi colleghi si avvicinarono di nuovo a lei, per poi congedarsi e allontanarsi in direzione dei loro letti. Anche per loro l'indomani sarebbero iniziate le lezioni. Ogni professore aveva un programma da rispettare nei successivi mesi, e un sacco di futuri compiti da correggere e valutare.
    Un nuovo anno scolastico era ufficialmente iniziato.*

    @Helen_Daniels, @Victoria_Maleficus, @Kristal_Thratchet, @Serenity_Hunter, @Jane_Casterwill, @Achilles_Davids, @Mirco_Mcqueen, @Daenerys_Martin, @Beatrix_Olives, @Alex_Longer, @Victoria_Maleficus, @Daenerys_Martin, @Mirco_Mcqueen, @Achilles_Davids, @Mihos_Renny, @Serenity_Hunter, @Percy_Smith, @Kribja_Armstrong, @Jane_Casterwill, @Marcus_Largh, @Gabriel_Master, @Lavinia_Grent, @Claire_Biovero, @Cornelius_Strange, @Adam_Wright, @Katherine_Gray, @Alexandra_Duval, @Percy_Smith, @Kribja_Armstrong,



Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5