• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Luisa_Welch


  • Luisa_Welch

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 250
        Luisa_Welch
    Tassorosso
       
       

    [Dormitorio femminile Tassorosso]

    *Quel giorno Luisa intendeva andare ad Hogsmeade per comprare una bacchetta. La studentessa lanciò un’occhiata fuori dalla finestra accanto al suo letto. Tempo bello o meno non le interessava lei era appena reduce dall’influenza perciò si sarebbe coperta per bene prima di uscire e recuperò la sua sciarpa con i colori di Tassorosso e il tasso disegnata sopra e se la legò al collo e si infilò dei guanti di colore nelle mani per evitare che le si congelassero le dita una volta fuori all’aria aperta. Prese la borsa di cuoio che teneva sul letto a baldacchino e se la mise sulla spalla e controllò che avesse tutto quello che le serviva. Soddisfatta uscì fuori dal dormitorio chiudendosi la porta alle spalle.*

    [Sentiero per Hogsmeade]

    *Pochi minuti dopo la studentessa di undici anni camminava lungo uno dei sentieri che conducevano al villaggio. Pioveva a dirotto ed era grata a se stessa di essersi coperta bene.Tutto attorno a lei era innevato: il prato era ricoperto da una distesa bianca e le chiome degli alberi avevano diverse quantità di neve sui loro ormai e in lontananza notò compiaciuta un pezzo di ghiaccio che pendeva da uno di essi e ai suoi occhi in quel momento le sembrava una delle cose più belle che avesse mai visto e si fermò un momento per completare quel capolavoro della natura e poi proseguì il suo cammino consapevole che non poteva restare molto al villaggio. Tirò su la sciarpa in modo da coprirsi la bocca e le labbra mangiate dal freddo. Il compito di Aritmanzia l’aspettava a scuola ed era determinata ha finirlo, sebbene tutti quei numeri la spaventassero.*

    [Hogsmeade-Magic’s Square]

    Camminava lungo le vie del villaggio alla ricerca di un negozio che vendesse bacchette. In giro c’era proprio un’aria natalizia. Alcuni bambini le vennero addosso e per poco non la fecero cadere erano allegri e si voltarono verso di lei scusandosi e poi continuarono la loro corsa. Avevano circa otto anni e sorrise al pensiero che tra qualche anno avrebbero frequentato Hogwarts. Fu allora che vide un negozio con la scritta: Salills Negozio di bacchette. Aveva proprio tutta l’aria di essere un negozio di bacchette in effetti e in vetrina erano esposte alcune e con passo deciso si diresse verso di esso.*

    [Salills Negozio di bacchette]

    *Un dolce campanellio annunciò il suo ingresso el negozio e la porta si chiuse da sola alle sue spalle. SI guardò attorno: negli scaffali erano presenti diverse scatole contenenti bachette. Alcune erano di colore marrone, blu, viola ecc… Avvertì una forte emozione difficile da decifrare all’idea che in una di esse potesse essere la sua fedele amica magica che non l’avrebbe, forse, mai abbandonata e con il cui aiuto avrebbe fatto innumerevoli magie. Il suo sguardo cadde poi sul balcone dietro al quale c’erano altri due scaffale con sopra numerose scatole, però ad attirrare la sua attenzione fu la donna dai capelli scuri piuttosto giovane dietro di esso e con suo grande stupore si rese conto essere: @Charlotte_Mills.*

    Buongiorno preside lavora qua?

    *La domanda suonava stupida alle sue orecchie, però l’era venuta spontanea quella che in realtà era più una considerazione e si diresse verso il balcone.*

    Sono venuta per comprare una bacchetta

    *Aggiunse. Fuori dalla porta o in vetrina non aveva notato un foglio sul quale c’era scritto l’orario perciò non sapeva se il negozio stesse per chiudere magari tra poco, però di sicuro era ancora aperto e la preside lavorava lì aggiudicare dalla sua presenza dietro al bancone.*

  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 254436
       
       

    *Charlotte, commerciante di Hogsmeade, si trovava nel suo negozio di bacchette a completare quello che era l'inventario di alcune delle bacchette mancanti.
    Non tutti sapevano a la Preside di Hogwarts si occupava, anche se non principalmente, di vendere catalizzatori magici ai giovani maghi che si accingevano ad andare a studiare a Hogwarts.
    La donna nel retrobottega aveva a che fare con numerose pergamene ingiallite, e ci sarebbe rimasta per molto se non fosse stato per una voce proveniente dal negozio. Per fortuna con lei quel giorno c'era Sylvia Turner, la sua socia di quel negozio. Sylvia era una giovane Tassorosso da poco uscita da Hogwarts che, dopo gli anni scolastici, aveva già iniziato a crearsi una vita. Si era sposata ed era in attesa del suo primo figlio.*

    Mi passi quelle pergamene per favore?

    *Disse l'ex Serpeverde che però venne distratta da una voce proveniente da negozio.
    Era arrivato un cliente. Fu proprio la professoressa di Arti Oscure a dirigersi nella parte principale di quel negozio.
    Il Salills, unico negozio di bacchette di Hogsmeade, era di modeste dimensioni con svariate scatole di bacchette impilate in ordine fino al soffitto.


    Quando la ventinovenne vide una giovane e piccola studentessa difronte a lei abbozzò un piccolo sorriso.*

    Buongiorno preside lavora qua?

    Buongiorno.
    Esattamente. Presumo che sei qua per acquistare la tua prima bacchetta.


    *Disse la donna felice di Poter servire un nuovo cliente.
    La professoressa estrasse la propria bacchetta e appellò un magico metro che iniziò a prendere le misure della ragazza: dal gomito alla punta delle gita, dalle dita alla spalla, dal mignolo al pollice e così via.*

    Nel frattempo che mi racconti qualcosa di te, perché anche il carattere è importante per la scelta, prova con questa bacchetta: Mandorlo, 12 pollici,, Piuma di Ippogrifo.



    *Affermò la donna porgendo quel catalizzatore magico alla undicenne che si era recata li poco dopo l'orario d pranzo.
    Charlotte e Sylvia lasciavano sempre il negozio aperto dalla mattina alla sera tarda, avrebbero accolto chiunque fosse bisognoso di una bacchetta o di manutenzione per il proprio catalizzatore.*

    @Luisa_Welch,


  • Luisa_Welch

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 250
        Luisa_Welch
    Tassorosso
       
       

    Buongiorno.
    Esattamente. Presumo che sei qua per acquistare la tua prima bacchetta.

    *Con il suo solito tono gentile e un grande sorriso dipinto sul viso Charlotte intuì subito le ragioni della sua visita.*

    Esatto sono qui per comprare la mia prima bacchetta.

    *Confermò. La strega allora con una bacchetta fece apparire un metro e la undicenne le porse il bracio sinistro, essendo mancian, in modo che potesse prenderle le misure e la osservò attentamente mentre lo faceva. Agli occhi della giovane vendere e fabbricare le bacchette sembrava proprio un lavoro importante. Le bacchette acquisivano un ruolo importante e in base a come venivano utilizzate potevano commettere cose buone o cattive. Con orrore ripensò a tutti i maghi e le streghe che le avevano usate per uccidere la gente come loro o i Babbani*

    Nel frattempo che mi racconti qualcosa di te, perché anche il carattere è importante per la scelta, prova con questa bacchetta: Mandorlo, 12 pollici,, Piuma di Ippogrifo.

    *La voce della preside la riportò alla realtà. Suo padre aveva una bacchetta con una piuma di Ippogrifo, o meglio la sua prima bacchetta ne aveva posseduta una a quanto pare era proprio destino che allevasse quei animali.*

    Mi ritengo una persona semplice, normale. Sono tranquilla, mi piace leggere, però non sono particolarmente studiosa. Se la materia mi piace la studio molto volentieri altrimenti per me può diventare una specie di sforzo disumano. Sono solitaria, gentile, testarda e a volte ambiziosa

    *Rispose sperando che bastasse, però pronta ha rispondere ad altre domande se fosse stato necessario. Agitò la bacchetta pregando di non combinare guai.*



    Ultima modifica di Luisa_Welch oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 254436
       
       

    *Mentre il metro prendeva le varie misure della ragazza e una piuma d'oca le segnava su una pergamena la donna aveva trovato un bacchetta che poteva essere il nuovo catalizzatore di quella misteriosa ragazzina.
    Quando però l'undicenne prese in mano la bacchetta magica, e l'agitò, non accadde nulla.*

    NO, questa non va bene.

    *Affermò la donna riponendo il catalizzatore nella sua scatola rettangolare, recandosi poi a cercarne una che poteva rispecchiare le caratteristiche della ragazzina. Si era descritta come semplice, normale e tranquilla.. Un po' come molte delle persone che varcavano la porta del suo negozio. La ventinovenne sorrise a quella descrizione perché, in fin dei conti, un pochino rivedeva lei in quella basilare descrizione.*

    Proviamo con questa allora: Cedro, 13 pollici Crine di Thestral.
    I Fabbricanti di Bacchette la considerano una combinazione molto "azzardata". Provala pure.




    *Disse l'ex Serpeverde porgendo quella lunga bacchetta alla ragazzina.
    Fu in quel momento che le tornò in mente un ricordo ormai assopito, era da davvero tanto tempo che non ricordava il giorno dell'acquisto della sua bacchetta in Ebano.*

    [INIZIO FLASHBACK]

    *Una giovane Charlotte camminava velocemente dietro a un uomo sulla quarantina. L'undicenne aveva rifiutato di andare a Diagon Alley con sua madre, dato che la sera prima aveva litigato con lei sulla questione bacchetta. Charlotte non ne voleva una sua, voleva usare quella di suo fratello Luke morto durante la battaglia ad Hogwarts. I suoi genitori avevano ripudiato suo fratello dato che aveva scelto il lato oscuro della magia, ma Charlotte continuava a volergli bene, anche in quel momento, anche se sapeva che non sarebbe più tornato da loro. Quel giorno si trovava a Diagon Alley per fare tutte le compere necessarie per uno studente del primo anno. Suo padre voleva farle comprarle un gufo, ma suo fratello gli aveva regalato per un suo compleanno un piccolo gufetto tanto carino che sembrava capirla quando lei si sentiva sola e triste.
    Dopo qualche discussione Charlotte riuscì a convincere l'uomo. Il padre di Charlotte era un' uomo di bell' aspetto di 43 anni leggermente in carne.
    Era un mago molto conosciuto nel mondo magico e lui sembrava esserne fiero, ma da quando era iniziata a girare la voce che il suo figlio maggiore Luke fosse un Mangiamorte, aveva iniziato a farsi vedere di meno in giro per quelle viuzze affollate di gente.
    Il signor Mills faceva di nome Richard e lavorava al Ministero della Magia all'ufficio Applicazione della legge sulla magia e andava fiero del suo lavoro.
    In poco tempo arrivarono davanti alla bottega di Olivander. Quel negozio era pieno zeppo di bacchette, la ragazzina non aveva mai immaginato che ce ne fossero così tante! Un anziano signore con i capelli bianchi e molte rughe sul viso comparve dal retrobottega.*

    Buongiorno signore.

    *Affermò l'undicenne ancora ignara del futuro che poteva aspettarla.
    Provò numerose bacchette fino a trovare quella che la scelse come sua proprietaria: era fatto in Ebano, lunga 11 pollici con una caratteristica davvero strana, una squama di Basilisco al suo interno. Il commerciante e suo padre erano rimasti davvero sorpresi nel sapere cosa poteva fare quella bacchetta, ma nelle mani di Charlotte, una ragazzina dai sentimenti feriti non poteva di certo generare fatti piacevoli.*

    [FINE FLASHBACK]



    @Luisa_Welch,




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale