Hogwarts - 7° Piano
Hogwarts - 7° Piano


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Sylvia_Turner




    Ultima modifica di Charlotte_Mills circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1791
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    [Hogsmeade]

    * Era una fredda mattina di gennaio nel villaggio di Hogsmeade, l’anno nuovo era entrato da tre giorni e le strade erano ancora ricoperte da un sottile strato di neve.
    Molte persone avevano sfidato il freddo pungente per aprire alcuni negozi, mentre altri erano ancora chiusi per le feste.
    Insomma , ci si preparava ad affrontare un nuovo anno, sperando che fosse meglio del precedente.
    Be, questo non valeva per tutti, non per Sylvia Turner, almeno. Lei aveva iniziato nel migliore dei modi.
    Si era sposata e in più l’anno nuovo aveva portato alla giovane donna e a suo marito il regalo più bello che può donare la vita: una bambina.
    La diciottenne si trovava sdraiata sul divano sotto una bella coperta pesante in pile a leggere un libro babbano sulla gravidanza. In quei mesi aveva letto molto per non arrivare impreparata. Già solo il fatto che da li a pochi mesi avrebbe tenuto tra le braccia una creaturina, bisognosa di tutto il suo amore e di tutte le sue attenzioni, la agitava e emozionava come non credeva sarebbe mai stato possibile. Sarebbe stata una brava mamma per la sua piccola Emma? Sarebbe stata in grado di Molte volte si era trovata ad avere dubbi.
    Sdraia sul divano, poggiò il libro, si alzò la maglia e lasciò scoperta la pancia.
    Era un gesto che aveva fatto spesso nelle ultime settimane, voleva scioccamente capire se Emma sentiva in qualche modo quando era osservata. Poggiò delicatamente il polpastrello dell’indice sul proprio pancione delicatamente.*



    *Improvvisamente la pelle della pancia ebbe un piccolo movimento! Si vide a occhio nudo! Emma si era mossa e nell’ultimo periodo di muoveva spesso, specie quando Sylvia dormiva. Era un vero miracolo della vita e da quello che poteva capire, Emma già la adorava.
    La diciottenne sussultò e sorrise con gli occhi lucidi di gioia.*

    Sai che ti dico piccola mia? Usciamo e andiamo alla tua futura scuola. Devo farti conoscere le tue madrine. Saranno al settimo cielo, ne sono sicura

    *Si alzò piano piano dal divano, e indossò un vestito premaman invernale, in modo da lasciare la pancia comoda, dei collant pesanti e scarpe basse. Una volta pronta uscì di casa, avvolta in un pesante cappotto.
    Percorse metà di Hog Road e salì su una carrozza che faceva servizio navetta dal villaggio
    alla scuola. Durabnte il tragitto cercava di immaginarsi la reazione di Charlotte e Jane quando avrebbe dato loro la notizia.
    In una quindicina di minuti, la diciottenne si ritrovò nel salone d’ingresso della scuola di magia e Stregoneria di Hogwarts.*

    [Hogwarts- Ufficio della preside]

    * Sylvia si avviò in direzione di un quadro ubicato vicino alla sala grande. Dietro sapeva essere ubicato un passaggio segreto che portava al settimo piano. Con non poca fatica, arrivò al settimo pano e si trovò davanti alla statua che proteggeva l’entrata all’ufficio della preside.
    La ex tassorosso arrivò davanti alla grande statua e disse con sicurezza*

    Gobbiglie!
    * La statua si spostò, rivelando una piccola scala a chiocciola che si mosse fino a portarla davanti alla porta dell’ufficio di Charlotte. Sylvia bussò tre volte e attese una risposta, e con una mano sul pancione disse sussurrando. *

    Ora conoscerai la prima delle tue madrine!

    * Chissa quale sarebbe stata la reazione di Char e Jane.*

    @Charlotte_MIlls, @Jane_Casterwill




    Ultima modifica di Sylvia_Turner circa 5 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Ad Honorem Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 10
    Galeoni: 362886
       
       

    [HOGWARTS - UFFICIO DELLA PRESIDE]


    *Charlote, professoressa di Arti Oscure e Preside di Hogwarts aveva passato molte delle sue ore in quella grande stanza. La mattina aveva terminato di organizzare la gita a Godric's Hollow che si sarebbe tenuta da li a qualche settimana, mentre il pomeriggio l'aveva passato tra scartoffie di vario genere provenienti dall'Ufficio del Ministro Stefano e altre da altre scuole di magia d'Europa.
    Era strano pensare a quante scuole di magia potessero esistere al mondo, e tutte ben nascoste agli occhi dei Babbani. Stava leggendo una lettera proveniente da Durmstrang, dove il Preside in carica chiedeva un incontro per discutere di affari tra le loro due scuole. Lo sguardo di Charlotte era fisso, e disgustato, sulla lettera in questione. "Voci di corridoio" raccontavano che quell'uomo, successore di Igor Karkaroff, fosse come l'uomo prima di lui, assai fedele alle Arti Oscure e che soprattutto le praticava.
    Per la ventinovenne però quel periodo era terminato, aveva rivelato a tutti il proprio passato oscuro, aveva rinnegato il marchio che le sarebbe rimasto impresso a vita sull'avambraccio sinistro.
    La donna stava terminando di leggere quando un piccolo Elfo Domestico si smaterializzò nel suo ufficio, spiegandole che si sarebbe recato a Londra per poi tornare assieme a Kyle, il piccolo figlio della ex Serpeverde, bambino che a fine dicembre aveva compiuto quattro anni. Era passato davvero molto tempo da quando l'aveva accolto, per la prima volta, tra le sue braccia.

    [inizio flashback]

    *Qualche giorno prima Charlotte si era recava ad un orfanotrofio nei pressi di Hogsmeade, era li che venivano portati tutti I bambini orfani di genitori maghi. Era un bellissimo posto che Charlotte non aveva mai avuto l' occasione di visitare.
    Un grande edificio immerso nel verde della campagna accoglieva bambini di ogni età, fino ai diciasette anni cioè fin quando non raggiungevano la maggiore età e non entravano nel mondo del lavoro.
    La donna non si trovava li per lavoro ma per “affari personali”.
    Non lo aveva detto a nessuno delle persone che conosceva, solo Sibilla, la preside di Hogwarts ne era al corrente.
    Charlotte avrebbe adottato un bambino.
    L' ex Serpeverde era su di giri. Erano mesi che era nelle liste per adottare un bambino proveniente da quell' orfanotrofio e finalmente aveva l' occasione per realizzare il suo desiderio più grande: diventare mamma.
    Il colloquio con il responsabile delle adozioni iniziò in modo davvero molto informale. Era lui che accettava o no una persona come genitore dei bambini che avevano in quel grande orfanotrofio che purtroppo non aveva abbastanza posti per tutti i bambini presenti. Le battaglie degli ultimi anni avevano reso orfani moltissimi bambini.
    Il colloqui di Charlotte andò a gonfie vele e l' uomo che si trovava difronte a lei pareva soddisfatto di lei e delle sue credenziali.
    Avrebbe garantito ad ogni bambino che le fosse affidato una vita agiata e ricca di amore, infatti Char era moltissimo tempo che desiderava avere un figlio e alla fine aveva optato per adottarne uno.
    L'adozione che stava compiendo Charlotte era un "adozione chiusa" cioè non avrebbe mai potuto contattare i genitori biologici del bambino e a dire il vero poco le interessava, quello di cui aveva premura non era il passato ma il futuro del bambino che avrebbe chiamato figlio.
    Il cuore batteva forte. Avrebbe finalmente coronato uno dei desideri più grandi che aveva anche se i suoi vari impegni potevano essere un' ostacolo ma di certo avrebbe fatto di tutto per quel pargoletto, anche ridurre le ore di lavoro a scuola e all' Town Hall.
    Il cuore batteva forte.
    La porta si aprì di nuovo e l' espressione che comparve sul suo volto poteva sicuramente trasmettere la sorpresa di Charlotte nel vedere un piccolo fagottino avvolto in una copertina bianca.



    *Era la creaturina più dolce e graziosa che l' ex Serpeverde aveva mai visto.
    Quell' orfanotrofio trattava solo bambini dotati di magia ma anche se fosse stato un bambino senza poteri magici la sua bellezza non sarebbe cambiata.
    Nella domanda di adozione Charlotte, Purosangue da generazioni non aveva indicato uno stato di sangue preciso, lei non era come tutti I Serpeverde, lei non aveva pregiudizi, Mezzosangue, Magonò e Purosangue erano tutti uguali e meritavano tutti un'occasione, in particolare se si trattava di neonati.
    Quel piccolo bambino che era appisolato si svegliò. Grandi occhi verdi la guardarono curiosi e vispi.*

    Ma ciao piccolo... Kyle



    *Si, suo figlio si sarebbe chiamato Kyle. Kyle Mills.*

    [fine flashback]


    Pensare come la sua vita era andata avanti da quel giorno così speciale era davvero strano, soprattutto pensare che era passato così tanto tempo.
    La donna era talmente assorta nei suoi ricordi che non si accorse subito che qualcuno aveva bussato alla porta del suo ufficio al settimo piano del castello di Hogwarts.
    Rimase sorpresa perchè non stava aspettando nessuno, sopratutto a quell'ora del pomeriggio.*

    Avanti.

    *Disse dando il permesso, alla misteriosa persona, di entrare in quell'ufficio così temuto dagli alunni.
    Come lei anche i vari quadri appesi alle pareti, raffiguranti tutti gli ex Presidi di Hogwarts, erano curiosi di sapere chi era così coraggioso da recarsi al settimo piano del castello per bussare alla grande porta di legno massiccio. Charlotte rimase sorpresa ne vedere, finalmente, chi aveva deciso di recarsi li alle cinque del pomeriggio.*

    @Sylvia_Turner, @Jane_Casterwill,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1791
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Improvvisamente Sylvia, senti la voce di @Charlotte_Mills che invitava ad entrare.
    La ex tassorosso abbassò la maniglia , spalancò la porta ed entrò nell'ufficio della preside Mills. Rimase molto stupita la stanza era molto elegante su alcune scrivanie erano esposti un sacco di oggetti magici, alcuni dei quali ancora sconosciuti alla giovane donna.
    Quella era la prima volta che entrava nell'ufficio della preside. Non vi era mai entrata nei suoi sette anni di scuola.
    Con un grande sorriso arrivò davanti alla scrivania di Charlotte e con tono rispettoso, allegro e anche un pò timoroso salutò Charlotte.*

    Buongiorno preside Mills!

    *Le faceva strano chiamarla cosi, ma con il tempo ci avrebbe fatto l'abitudine. Era sempre una carica importantissima e non sapeva se darle del tu.*

    Come sta? Spero che vada tutto bene! Mi scusi se mi sono presentata senza avvisare, ma...ecco dovevo assolutamente farle fare la conoscenza di qualcuno. Anzi, diciamo una pre conoscenza, non è ancora una presentazione ufficiale.

    *Disse Sylvia lasciando Charlotte in sospeso, mentre una mano si posava sul pancione, coperto dal vestito invernale premaman. Avrebbero dovuto avvisare anche @Jane_Casterwill. Sicuramente Charlotte si chiedeva chi dovesse farle conoscere, visto che nella stanza c'erano solo loro due. Chissa quale sarebbe stata la reazione di Charlotte e Jane.*

  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Ad Honorem Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 10
    Galeoni: 362886
       
       

    *Charlotte rimase sorpresa ne vedere, finalmente, chi aveva deciso di recarsi li alle cinque del pomeriggio.
    Ad aprire la porta pesante di legno era stata una ex Tassorosso che lei conosceva bene: Sylvia Turner. Un piccolo sorrise comparve sul volto della Preside Mills alla vista di quella che considerava un'amica.*

    Buongiorno preside Mills!

    *Nonostante fossero passati mesi dalla sua "promozione" le faceva ancora strano farsi chiamare con quell'appellativo così "importante", come le faceva strano ogni mattina entrare in quell'ufficio e sedersi alla scrivania che una volta era appartenuta ad Albus Silente e molti presidi prima e dopo di lui.*

    [...]...ecco dovevo assolutamente farle fare la conoscenza di qualcuno. Anzi, diciamo una pre conoscenza, non è ancora una presentazione ufficiale.

    *Quelle parole attirarono l'attenzione della quasi trentenne. Chissà a chi si riferiva.*


    Hai deciso di mettere su uno zoo?


    *Affermò ironica la donna, non sapendo cosa poteva aspettarsi da quella giovane strega dalle mille sorprese. Le fece cenno di avvicinarsi pure e sedersi ad una di quelle sedie difronte a lei. Il suo aspetto era, per così dire, radioso la maternità le donava un bellissimo colorito in viso e una paffutezza che per Sylvia, talmente era magrolina, era quasi impossibile da immaginare.*

    Per caso hai bisogno anche della presenza di Jane?
    Le dovevo già inviare una Strillettera per questioni da "prefetto".



    @Sylvia_Turner, @Jane_Casterwill,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1791
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Syvia si trovava davanti alla scrivania della preside @Charlotte_Mills e dopo averle annunciato che doveva presentare in anteprima qualcuno, la donna sorrise e rispose ironica*

    Hai deciso di mettere su uno zoo?

    *La ex tassorosso sorrise e rispose stando allo scherzo*

    Be effettivamente, potrei prendere un unicorno, anche perchè sono sicura che alla persona che devo presentarvi, poi magri servirà. Potrebbe essere un idea e poi Marc è Magizoologo, quindi saprà meglio di chiunque altro come si cura.

    *Detta cosi però, era davvero un idea. sarebbe stato un bellissimo regalo per Emma , una volta cresciuta. La successiva domanda di Char la sorprese.*

    Per caso hai bisogno anche della presenza di Jane?
    Le dovevo già inviare una Strillettera per questioni da "prefetto".


    *Una strillettera? A Jane? Era molto strano, anche eprchè da quanto si ricordava Jane era sempre stata perfetta nei compiti che le venivano assegnati! Sylvia guardò Char con aria interrogativa e preoccupata e disse.*

    Si, grazie, vorrei che anche Jane fosse presente! Come mai le devi mandare una Strillettera?E' successo qualcosa? Solo perchè ora sono incinta non voglio che mi nascondiate cosa succede a scuola! Faccio sempre parte di questo mondo, anche se non frequento molto il castello

    *Disse Sylvia sedendosi sulla sedia davanti alla scrivania, con le braccia incrociate*

    @Jane_Casterwill




    Ultima modifica di Sylvia_Turner circa 4 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Ad Honorem Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 10
    Galeoni: 362886
       
       

    *La risposta, ovviamente ironica, della Tassorosso non faceva una piega e la fece sorridere. Sylvia aveva sposato un magizoologo e, di sicuro, qualsiasi creatura magica l'ex Tassorosos avesse adottato il marito se ne sarebbe occupato al meglio. Charlotte conosceva il signor Largh, era uno dei docenti di Hogwarts e, da quanto sapeva era uno dei professori preferiti degli studenti.
    Detto quello, alla domanda della preside, sulla necessità della presenza del prefetto Casterwill, Sylvia rispose positivamente.*

    Si, grazie, vorrei che anche Jane fosse presente!

    *Affermò la donna, proprio come Charlotte immaginava.
    Sapeva quanto era importante per lei la giovane amica e la sua presenza a Hogwarts, sicuramente, era anche per trovare la Grifondoro ormai maggiorenne che, assieme a lei, aveva abitato nella stessa casa a Hogsmeade.*

    Come mai le devi mandare una Strillettera?E' successo qualcosa? Solo perchè ora sono incinta non voglio che mi nascondiate cosa succede a scuola! Faccio sempre parte di questo mondo, anche se non frequento molto il castello

    *Probabilmente l'idea di una "Strillettera" per l'amica aveva attirato la sua attenzione, incuriosendola e facendola un pochino preoccupare, nulla di tutto ciò.
    Il giorno precedente uno studente del secondo anno era stato scoperto fuori dalla propria sala comune dopo il coprifuoco e, come giusto che fosse, doveva scontare una punizione. Tutti, nella propria vita da studente di Hogwarts, aveva trasgredito le regole.. anche Sylvia e la stessa Charlotte all'epoca avevano scontato punizioni più o meno gravi.*

    Oh no, nulla di che, devo solo organizzare una punizione di uno studente e visto che si tratta di un Grifondoro del secondo anno mi serve la sua supervisione.

    *Disse la Preside di Hogwarts che, detto quello, prese una busta ci scrisse qualcosa sopra e, solo dopo averla richiusa punto la propria bacchetta contro quella pergamena ingiallita incantandola con un banale incantesimo Non-Verbale.


    La diciassettenne non si aspettava una lettera da parte sua, chissà cosa avrebbe pensato nel riceverla. Avrebbe tanto voluto possedere il famoso Mantello dell'Invisibilità per sbirciare la sua reazione.
    Nel frattempo Sylvia si era seduta in una delle comode poltrone dall'altra parte della scrivania.*

    Ti posso offrire qualcosa nel frattempo? The al limone? Una tisana?

    *Domandò l'ormai trentenne, ancora curiosa di sapere perché la giovane donna si trovasse li, nel suo ufficio.
    Il suo sguardo si posò sul viso della strega difronte a lei, cercando di captare qualcosa dal suo sguardo che osservava i vari oggetti presenti nell'ufficio, oggetti presenti li da molto tempo e di proprietà dei precedenti Presidi che avevano occupato quella grande stanza negli anni precedenti.
    C'era un set di pozioni appartenente al famigerato Severus Piton, c'erano vari aggeggi che Charlotte non sapeva usare appartenenti ad Albus Silente e molte altre cose, oltre ovviamente al Cappello parlante che, in cima ad una libreria osservava il tutto dall'alto.*

    @Sylvia_Turner, @Jane_Casterwill,




    Ultima modifica di Charlotte_Mills circa 4 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Jane_Casterwill

    Grifondoro Insegnante Responsabile di Casa

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 7
    Galeoni: 819
       
       

    [Biblioteca]


    *Nonostante l'ora nella grande stanza piene di libri c'era ancora qualche studente immerso fra le pagine ingiallite e piene di polvere, fra questi temerari ragazzi c'era anche Jane. La Grifondoro, comodamente adagiata su una delle sedie che circondavano i tavoli presenti, aveva davanti a sé libri e fogli, sparsi sulla superficie lucida senza un preciso ordine. Come quasi ogni giorno aveva passato un po' di tempo dedicandosi allo studio, rimanendo chiusa fra le confortevoli mura della biblioteca. Aveva sempre amato quel posto, le trasmetteva tranquillità e era il luogo migliore per studiare. Nella sua camera era praticamente impossibile a causa delle sue pazze compagne, in Sala Comune c'erano troppe distrazioni, così come in Sala Grande. Li, invece, immersa fra scaffali pieni di testi vecchi e nuovi, poteva trovare tutta la concentrazione di cui aveva bisogno.
    Era immersa da un po' nel libro di Aritmanzia, una materia con cui non aveva mia avuto un ottimo rapporto. Infatti per quanto potesse sforzarsi e rimanere china sui libri anche per ore intere Jane non riusciva ad uscire da quel labirinto che le si era formato nella testa.*

    "Forse dovrei chiedere a qualcuno di aiutarmi, altrimenti non ce la farò mai!"

    *Pensò la ragazza mentre, con un sospiro di disperazione, lasciava cadere pesantemente la testa contro il libro aperto che aveva davanti. Rimase in quella posizione per qualche minuto, pensando a tutte le opzioni possibili per risolvere quel problema e, proprio mentre si interrogava su chi avrebbe potuto aiutarla, uno strano rumore cattura la sua attenzione. Un gufo stava picchiando con il proprio becco contro la finestra poco distante da dove era seduta Jane e la ragazza, leggermente confusa, si alzò per andare ad aiutare il tenero animale. Appena questo fu libero di entrare depositó sul suo libro una lettera, per poi uscire da dove era entrato. La diciassettenne rimane per un attimo turbata, mentre fissava la busta che l'animale aveva depositato, pensando a chi poteva essere il mittente. Alla fine si avvicinò nuovamente alla sua postazione di studio e, quando fu abbastanza vicina, si immobilizzó capendo che cosa aveva davanti: una Strillettera.
    Il colorito del volto della giovane cambiò, diventando leggermente più pallido e mille possibili scenari iniziarono a correre per la mente.*

    "Ok Jane resta calma, è solo una Strillettera...ok ma chi mai potrebbe invisrmene una? Ho combinato qualche guaio senza neanche rendermene conto?"

    *Un leggero senso di nausea iniziò a attanagliare lo stomaco di Jane, la quale temeva che quella lettera magica potesse venire o dai suoi genitori o dalla preside. Sinceramente non sapeva quale delle due opzioni le sembrava più terribile! Forse era successo qualcosa alle due persone che l'avevano messa al mondo e non vedeva da tanto? Oppure la direttrice di Hogwarts aveva notato che in qualche modo la ragazza non aveva rispettato il suo compito da Prefetto?
    La Grifondoro fece un respiro profondo prima di avvicinarsi e prendere fra le mani la busta che subito si animó. Alla fine si rivelò vera la seconda opzione, era stata la Preside Mills a inviarle la Strillettera con la quale le chiedeva di raggiungerla nel proprio ufficio, senza però spiegare il motivo. Dei sudorini freddi iniziarono a correre lungo la spina dorsale di Jane mentre raccoglieva le sue cose per potersi recare subito in quel posto nel quale non era mai entrata.*

    [Ufficio se lo Preside]


    *Con una velocità impressionante, ma in un tempo che a lei sembrò durare un'eternità, Jane si ritrovò davanti alla pesante porta di legno che nascondeva l'ufficio della professoressa Mills. La spiacevole sensazione di disagio non l'aveva ancora abbandona e si vedeva benissimo dall'espressione sul suo viso, che era più pallido del solito. Brividi percorrevano tutto il suo corpo che ogni tanto si poteva veder tremare come una foglia al vento, ma li non c'era corrente.*

    Coraggio Jane, cosa vuoi che sia, al massimo perdi il tuo ruolo da Prefetto che verrà dato a qualcuno di più competente!

    *Disse in un sussurro ancora immobile davanti alla porta mentre cercava la forza di bussare. La diciassettenne non lo aveva mai confessato a nessuno ma da ricevere quel incarico l'aveva resa molto fiera ed era sempre stata molto felice di potersi rendere utile in qualche modo per il posto che considerava una casa. Perdere quel ruolo le sarebbe dispiaciuto molto!
    Passò ancora qualche minuto prima che riuscisse a tirare fuori il suo coraggio da Grifondoro.*

    Forza diamo inizio alle danze!



    *Cercando di mostrare un bel sorriso, che uscì in realtà molto tirato, Jane alzò il braccio e con il pugno ben stretto bussó alla porta. Attese di sentire una risposta provenire dall'altra parte prima di entrare ma questa non tardó ad arrivare. Appena sentì la voce della donna che l'aveva convocata darle il via libera la ragazza entrò nel grande ufficio chiudendosi la porta alle spalle.*

    Buongiorno Preside!

    *Disse educatamente prima di voltarsi verso la donna è trovandosi davanti una persona che non si aspettava di trovare: Sylvia, con il suo bel sorriso e il pancione ormai ben evidente. Il viso di Jane, che prima mostrava tutta la sua preoccupazione, si tramutò in una espressione di puro stupore.*

    @Sylvia_Turner, @Charlotte_Mills,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1791
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Sylvia si era seduta davanti alla scrivania di @Charlotte_Mills, mentre la donna le chiedeva.*

    Ti posso offrire qualcosa nel frattempo? The al limone? Una tisana?

    Sei molto gentile, prenderò una tisana. Ti ringrazio davvero molto Charlotte

    * Ebbe appena il tempo di pronunciare quelle parole, che qualcuno bussò alla porta e quando si sentì una risposta
    fece la sua entrata @Jane_Casterwill.
    Sylvia la vedeva un pò preoccupata e non poteva darle torto. Quando si riceveva una Strillettera non era mai un bel momento.
    La grifondoro arrivò davanti alla scrivania e disse guardando Charlotte.*

    Buongiorno Preside

    *Quando poi si rese conto della presenza di Sylvia, la guardò con stupore. Sicuramente non si aspettava di trovarla lì. Sylvia sorrise*

    Buongiorno Jane! Scusa per questa improvvisata, sicuramente sarai molto impegnata ma ho un annuncio molto importante da fare a entrambe.

    *Dopo una pausa e aspettando che Jane si sedesse, Sylvia guardò entrambe e dopo aver lasciato qualche minuto di suspance disse.*

    Sono stata dalla dottoressa qualche giorno fa, per una delle ultime ecografie. La dottoressa ha detto che ...è una bambina!

    * Disse Sylvia emozionatissima, poi prese un'altro respiro profondo e continuò.*

    Gli annunci importanti però non sono finiti perchè...Ecco, voi sapete quanto siete importanti per me. Quindi vi chiedo...se mi farete l'onore di essere le sue madrine oltre che le sue zie acquisite?



    Ultima modifica di Sylvia_Turner circa 4 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Ad Honorem Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 10
    Galeoni: 362886
       
       

    *Charlotte appellò, con un gesto della bacchetta che teneva sulla scrivania difronte di lei, un piccola teiera in ceramica e un paio di tazze da the.
    In quella teiera c'era già dell'acqua che, con un semplice incantesimo, iniziò a scaldarsi fino a quando la teiera non iniziò ad emettere il tipico sibillio. Sylvia aveva optato per una tisana, mentre la ex Serpeverde optò per un semplice e tipico the al limone.
    Le due amiche non rimasero per molto tempo da sole. Qualche minuto dopo infatti qualcuno bussò alla grande e pesante porta di legno dell'ufficio della Preside. Jane era arrivata.
    Entrata la giovane grifondoro, prefetto di Grifondoro, aveva un'espressione strana in viso, come se cercasse di indovinare il perchè si trovava li. Fu solo quando lo sguardo della diciassettenne si posò sull'amica Tassorosso presente in quella grande stanza piena di quadri e gingilli di vario genere.

    Buona sera prefetto Casterwill.

    *Disse la Preside Mills con tono calmo e apparentemente serio, dopotutto lei l'aveva convocata per adempiere ai propri doveri.. Oltre che per desiderio della donna incinta difronte a loro. Sylvia aveva raccontato che doveva far conoscere qualcuno sia a lei, che a Jane. Chissà a cosa o a chi si riferiva.*

    Sono stata dalla dottoressa qualche giorno fa, per una delle ultime ecografie. La dottoressa ha detto che ...è una bambina!

    *Un grande sorriso comparve sul volto di Sylvia, che aggiunse poi che loro due, la diciassettenne e la ventinovenne sarebbero state le madrine della piccola bambina che portava in grembo. La mente di Charlote passò velocemente a mesi e mesi prima, proprio quando la Tassorosso aveva raccontato per la prima volta di essere incinta..*

    [INIZIO FLASHBACK - mesi prima]

    *Era davvero felice per Sylvia, anche se non lo dava a vedere.
    I matrimoni erano sempre degli eventi bellissimi, pieni di gioia, di festa e soprattutto di cibo buonissimo. Lei evidentemente non era destinata all'amore, almeno non di quel genere, ma era più che onorata di far parte di quello tra i due Tassorosso.
    La notizia successiva però la sorprese non poco.*

    Char.. io... sono incinta!

    *Un misto tra la gioia per quella notizia, e una sensazione trana la pervase.
    Forse era invidia? Gelosia? L'ex Serpeverde non era mai riuscita ad avere un figlio biologicamente suo, ci aveva provato spesso ma quelle volte che ci era quasi riuscita qualcosa era sempre andato storto. Forse non era suo destino, e proprio per quello, aveva deciso di adottare un piccolo maghetto.
    Kyle era stata la luce della sua vita, ed era sicura che anche il figlio, o la figlia di Sylvia lo sarebbe stato per lei. I figli erano la cosa migliore che una donna potesse avere.*

    Sono davvero felice per te! Sarai sicuramente una bravissima mamma.


    *Disse la donna con un sorriso appena comparso sul proprio volto.
    Ma non si trovavano per chiacchierare di pannolini o pappe per neonati, Charlotte l'aveva chiamata per un motivo più "serio". Come poteva iniziare quel discorso in modo non traumatico?

    Quello che ho da dire io è, invece, meno...

    *felice? Pieno di gioia e amore? Perché di gioia e amore in quello che aveva da dire ce n'era ben poco. Non terminò la frase perché non sapeva come iniziare il discorso. Iniziò a vedere sul volto di Sylvia della preoccupazione, forse mista a interrogazione.
    Poteva dirle tutto una volta per tutte senza giri di parole, ma non poteva e soprattutto non voleva crearle preoccupazioni inutili...*

    [FINE FLASHBACK]

    *Da quel giorno di fine Luglio era passato molto tempo. Charlotte aveva ormai preso le redini di Hogwarts, mentre il pancione di Sylvia era cresciuto a dismisura.*

    Congratulazioni, sono sicura che la piccola streghetta avrà i genitori migliori del mondo.. E le madrine migliori che può desiderare.

    *Affermò la ex Serpeverde "brindando" alla piccola bambina che sarebbe nata da li a poco. I bambini erano la gioia dei genitori, e Sylvia lo avrebbe compreso fin dal primo momento in cui avrebbe abbracciato la neonata che stava aspettando. Era felice nel pensare che una nuova famiglia avrebbe trovato la felicità in quel periodo misto tra oscurità e luce.
    Charlote avrebbe aiutato, nelle sue possibilità, Sylvia e Marcus. Li avrebbe aiutati facendogli compagnia assieme a Kyle, li avrebbe aiutati spiegandoli le cose fondamentali che un'amica, o addirittura una sorella maggiore, avrebbe fatto con loro. *


    @Jane_Casterwill, @Sylvia_Turner,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1791
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Sylvia aveva appena chiesto a Charlotte e Jane se una volta nata la bambina, avessero voluto fare da madrine. Charlotte rispose .*

    Congratulazioni, sono sicura che la piccola streghetta avrà i genitori migliori del mondo.. E le madrine migliori che può desiderare

    *Jane invece era rimasta zitta, forse era rimasta troppo emozionata e non se l'aspettava, ma Sylvia era sicura che alla fine avrebbe risposto positivamente. Le vedeva già a coccolare Emma, a darle consigli una volta più grandi e anche perchè no, lezioni di stile da parte di entrambe. Magari avrebbero fatto anche gite di famiglia! La aspettava una vita movimentata e chissa se lei e Marcus si sarebbero fermati solo a Emma.*

    Vi ringrazio molto ragazze, sapevo di poter contare su di voi! Siete le migliori, davvero!

    *Disse andandole ad abbracciare*

    @Charlotte_Mills, @Jane_Casterwill,



    [FINE ROLE]



    Ultima modifica di Sylvia_Turner circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale