• Gianna_Fields

    Grifondoro Insegnante Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 7
    Galeoni: 349
        Gianna_Fields
    Grifondoro Insegnante Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Elena sembrò rincuorata dal fatto che la Grifondoro avesse gli stessi problemi e grattacapi che solo l’ultimo anno poteva dare. E Infatti concordò con lei su quanti impegni avesse in quell’ultimo periodo e, proprio per quelli, non riusciva a trovare del tempo da passare con le sue amiche. Ma era inutile ormai piangersi addosso, avevano dei doveri e responsabilità e dovevano affrontarle e superare tutto al meglio! Gianna annuì alle parole dell’amica e di sicuro avrebbero reso memorabile quella serata speciale passata insieme. Mentre Emma spiegava l’accaduto al parco, alla Grifondoro non sfuggì l’espressione stupita che si dipinse sul volto della Corvetta nel sentire con quanta audacia la più piccola avesse abbandonato il suo dormitorio e si fosse recata in giro per il parco di Hogsmeade. Aveva l’espressione di chi avesse molto da dire e rimproverare ma non lo fece e Gianna non poté fare a meno di lasciarsi sfuggire una risata mentre Elena esprimeva il suo pensiero:*

    Attenzione alle uscite notturne, non sempre portano buoni risultati come in questo caso. Ma avete sicuramente fatto una buona azione e questo vi rende merito.

    *Disse osservando più o meno divertita la Grifondoro ma non aggiunse altro. Gianna si affrettò ad aggiungere qualcosa:*

    Si le ho detto quanto può essere pericoloso girare di notte e di quanto sia stata fortunata ad avermi incontrata! Ma sono sicura che non lo farà più. Per quanto riguarda me…..mi conosci quindi non ti prometto nulla ma cercherò di evitarti semmai dovessi incrociarti, non voglio una punizione!

    *Concluse facendo un occhiolino complice ad Emma e una linguaccia ad Elena. Le veniva naturale parlare con lei anche di cose che magari avrebbe dovuto tenere nascoste per non destare ulteriori sospetti, ma lei era una delle pochissime persone di cui si fidava. Mentre rifletteva su quelle cose, la porta del locale si apri nuovamente e fece il suo ingresso Eurus. Nel vederla, la Grifondoro trattenne il respiro mentre il suo cuore accelerava i battiti. Non la vedeva da quanto? Le sembrava in tempo indefinito ormai….l’ultima volta era stata a casa loro dove avevano avuto un incontro durante il quale la bionda aveva messo al corrente sia lei che Emily del suo vero nome e della storia complicata che c’era dietro. Li per li Gianna non aveva reagito nel migliore dei modi. Si era sentita tradita e delusa da ciò che la ragazza aveva rivelato loro e non era riuscita a dire molto, se n’era semplicemente andata per riflettere e da allora non si erano riviste nemmeno per sbaglio lungo i corridoi della scuola. Non poteva capire ciò che aveva passato o almeno non al cento per cento e aveva preferito allontanarsi anziché affrontarla, ma nei giorni a venire qualcosa dentro di se era scattata come una molla. Aveva sentito il nome “Eurus” su fin troppe bocche e si parlava di lei come un mostro, una persona orribile e qualcuno addirittura pensava che presto o tardi avrebbe fatto del male a qualcuno per raggiungere i suoi scopi. Ed era quel flusso continuo di chiacchiere a spingere la Grifondoro a mettere da parte tutto il rancore e la delusione, non poteva permettere che gente senza arte né parte parlassero di lei in quel modo! Gente che, tra l’altro, non l’aveva conosciuta nemmeno come Yasmine e che, non si spiegava come, si permetteva di sputare sentenze e dire cattiverie di ogni genere. Era facile, fin troppo, etichettare le persone che non si conoscono solo per aver “sentito dire” qualcosa sul loro conto. Nessuno si era preso la briga di accertarsi se le chiacchiere fossero fondate o semplicemente di dare il beneficio del dubbio alla Serpeverde. Ma lei la conosceva da tanto tempo, forse poteva dire che nella scuola era stata una delle poche a conoscerla davvero. Aveva condiviso con lei molte esperienze, avevano una casa insieme e un negozio! Non si sentiva minimamente minacciata da lei, non la riteneva capace di far del male a nessuno men che meno alle persone alle quali voleva bene e di sicuro Gianna rientrava tra quelle e anche lei le voleva bene nonostante il momento di sbandamento e delusione iniziale dovuta alla notizia. Le sarebbe stata accanto e l’avrebbe aiutata come poteva e soprattutto avrebbe messo a tacere tutti quelli che si sarebbero permessi di parlare e giudicarla in sua presenza! Si era persa in quei pensieri quando la sentì rivolgersi a lei:*

    Ciao Gianna, non ho più avuto modo di vederti dopo l inconveniente a casa... come stai?

    *Gianna la guardò per qualche secondo e poi, senza pensarci, la strinse tra le sue braccia e in quel piccolo gesto voleva comunicarle tante cose non dette a tempo debito, voleva farle capire che lei c’era e il bene che le voleva non sarebbe potuto cambiare. Si staccò rispondendo con un sorriso:*

    Ciao Eurus, sono felice di vederti. Sto bene dai tu?

    *Chiese mentre si avvicinavano al tavolo dove erano le altre ragazza e Elena si occupò di presentarla alle altre studentesse. Dopo diversi minuti d’attesa, finalmente una delle proprietarie si accorse della presenza di ospiti e andò da loro per prendere le ordinazioni. Serenity consigliò qualche rimedio per il raffreddore ad Elena mentre per le altre portò il menù. Gianna non poté far a meno di notare in che modo osservava la Serpeverde, di sicuro lei era una di quelle che parlava e sia associava alle voci di corridoio senza sapere qualcosa che si avvicinasse minimamente alla verità. La Grifondoro scosse il capo sorridendo di fronte a quei comportamenti così…..poco intelligenti? Non sapeva come altro definirli! Prese il menù mentre la proprietaria si ritirava e Eurus spiegava ai presenti una parte della storia in modo sommario. Lei la conosceva ed era per quello che si concentrò maggiormente sui viari tipi di the. Non se ne intendeva assolutamente perché non amava sorseggiare bevande calde in generale così disse:*

    Bene visto che non capisco nulla di the e tutto il resto, prenderò ciò che prendete voi o meglio Elena mi affido a te visto che sono messa male anche io!

    *Concluse sorridendo all’amica.*

    @Elena_Apefrizzola, @Emma_Williams, @Alexis_Thompson, @Stellagiulia_Clarke, @Eurus_Holmes, @Serenity_Hunter,


  • Elena_Apefrizzola

    Corvonero Insegnante Giornalista Certificato

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 2966
       
       

    *Un mesto borbottio si udiva dalla porta dietro il bancone sulla destra e, nonostante le loro chiacchiere nascondessero molto del rumore, Elena era sicura che qualcuno fosse a lavoro nel laboratorio. Distratta dalla gioiosa reazione di Gianna al suo rimproverò sull'uscita notturna si concentrò sulle presenti. Pochi minuti prima dell'ingresso di Eurus nel locale Serenity spuntò fuori dalla stanza attigua. Sembrava trattenere lo stupore e forse era anche un po affannata. La mora provò a sbirciare dietro le spalle dell'amica prefetto, mentre la porta le si chiudeva alle spalle, ma non riuscì a scorgere nulla.
    L'amica pratica e solare quanto quella serata salutò le presenti, chiedendosi forse se si fossero date tutte appuntamento prima del coprifuoco, ma nascondendo tutto dietro un'abile maschera da negoziante accogliente. Forse notò però i suoi occhi gonfi tra le facce raggianti delle altre studentesse, infatti guardandola frenò la sua frase e le si rivolse direttamente.*

    Elena! Confesso che non sembri avere un bell'aspetto. Per caso hai beccato un'allergia? Non saresti la prima...

    *Elena le sorrise, sapendo che forse le chiacchiere che voleva scambiare con l'amica avrebbero dovuto attendere momenti meno affollati. Poi veloce le rispose.*

    Ciao Serenity... mai stata allergica, lo giuro! Ma ti sarei grata se avessi qualche rimedio a questo terribile approccio influenzale.

    *L'amica rispose forse con un lieve accenno di assenso del capo, ma forse la mora lo aveva solo immaginato. Serenity voltò infatti subito la sua attenzione su Emma accogliendo la sua richiesta di un Infuso Godric. Poi propose due alternative alla coinquilina raffreddata: Pozione Pepata o una tisana sperimentale.
    Mentre Elena ci rifletteva su mostrò a tutte la sala da thè, invitandole a seguirla, armandosi di teiere, e presentò il menù.
    Fu in quel momento che entrò Yasmine-Eurus e i pensieri di Apefrizzola si incentrarono sulla nuova arrivata. Quando Elena finì di rispondere alle parole affrettate della Serpina che non vedeva da molto, colse uno sguardo preoccupato sul volto di Serenity. Elena sapeva che forse non approvava il suo atteggiamento, ma la conosceva: Elena non avrebbe mai negato a nessuno una seconda opportunità. Anche la Hunter non lo avrebbe fatto, ma impiegava più tempo a maturare una nuova fiducia nelle persone che l'avevano delusa. La mora non sapeva quanto le due coetanee si conoscessero e non insistette quando Serenity sembrò cambiare strada e allontanarsi dal gruppetto. Ognuno aveva i suoi tempi e per la proprietaria del negozio era probabilmente ancora troppo presto per concedere quel momento alla Serpeverde.
    Eurus si unì alle altre studentesse e dopo aver accettato la presentazione e aver risposto a sua volta, decise di spiegare in modo chiaro e conciso cosa le era accaduto in quei giorni.
    Elena l'ascoltò rapita. Aveva molte domande, ma non era certo quello il momento per porgerle alla bionda, che la guardava negli occhi cercando di comunicare tutta la sua apprensione. Lo sforzo per dar voce a quello che aveva affrontato era un bell'atto di coraggio. Elena rimase stupita in tutto, ma in particolar modo dalle sue ultime parole e dal gesto che le seguì.*

    ..e no, se ve lo chiedete, non ho intenzione di uccidere nessuno.

    *Un lieve sguardo al braccio sinistro confermò alcuni dei dubbi della Corvonero. Inutile negare che non se lo sarebbe mai aspettato dalla vecchia Yaz, la stessa che con lei aveva avvicinato e curato un piccolo d'unicorno nella foresta proibita. Dallo sguardo della ragazza capì però che conosceva perfettamente i suoi sbagli ed era intenzionata a rimediare. Elena sperò che quello non fosse solo ciò che avrebbe voluto vedere concesse all'amica la possibilità di un dubbio.
    Le strinse una mano sulla spalla e un cenno d'assenso. Avrebbero avuto modo di chiarirsi e raccontarsi. Non era il caso di continuare di fronte alle altre giovani ragazze nel locale. Ad interrompere tutto quello che stava pensando e che avrebbe potuto succedere ci pensò Gianna, portando di nuovo tutte sul retto sentiero.*

    Bene visto che non capisco nulla di the e tutto il resto, prenderò ciò che prendete voi o meglio Elena mi affido a te visto che sono messa male anche io!

    *Caspita che responsabilità le aspettava! Elena tornò pensierosa ma l'aria meditabonda fu interrotta da un altro sonoro starnuto, che sembrò riportare il silenzio nella stanza. Nel riprendere fiato iniziò a ridere. Era disperata per il raffreddore e intontita per le emozioni della serata... forse un tisana non sarebbe bastata.*

    Ok Gianna... propongo tisana sperimentale adesso e una Pozione Pepata per dopo. Così spero di non svegliare tutta la Torre Ovest con i miei starnuti! Che ne dici Serenity?

    *Chiese a voce un po più alta cercando nuovamente la coinquilina che avrebbe dovuto sopportarla tutta la notte... sempre che fosse tornata in dormitorio affaccendata com'era poverina! Poi rivolgendosi di nuovo a Gianna aggiunse.*

    Tra l'altro tornando al discorso di prima... dobbiamo sbrigarci o rischiate di essere sorprese tutte fuori dai dormitori dopo il coprifuoco. Per di più toccherebbe a me fare "rapporto" alla preside e combinare la punizione, cosa che vorrei risparmiare a tutte, penso sia meglio!

    *Fece un occhiolino in direzione di Emma e Gianna. Poi si alzò dallo sgabello e chiese all'amica proprietaria del locale.*

    Serenity, ci spostiamo di la e cercheremo di non disturbarti per molto carissima, ok? Se no hai da fare unisciti a noi... come Corvonero siamo in netta maggioranza stasera e non vorrei perdere preziosi punti per la coppa elle case con una punizione.

    @Kribja_Armstrong, @Serenity_Hunter, @Sarah_Johnson, @Alexis_Thompson, @Emma_Williams, @Sarah_Darcy, @Eurus_Holmes, @Gianna_Fields, @Stellagiulia_Clarke, @Sarah_Jonson,


  • Emma_Williams

    Corvonero Giornalista Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 116
        Emma_Williams
    Corvonero Giornalista Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *La serata al "The Noble Horntail" si era rivelata una vera e propria serata tra amiche che si conoscevano tutte tra loro. Le uniche due ragazze che non erano del settimo anno, come le altre, erano Alexis ed Emma. La Corva si era deconcentrata dai dialoghi delle amiche, per guardare se dentro al locale ci fosse qualche altra persona a lei conosciuta. Dopo aver scrutato per un bel po' di tempo, Emma si convinse che le uniche persone che lei conosceva che fossero in quel locale erano Gianna, Elena, Alexis, e lei... Ma proprio mentre pensava, si accorse che era entrata una Serpeverde. Di sicuro Emma la aveva già vista da qualche parte, ma non si ricordava dove.*

    Si. Di sicuro l'ho già vista da qualche parte... Mi sembra che si chiami... Eurus, Eurus Holmes...

    *La bionda ragazza non aveva notato nessun'altra nel locale, appare Elena. La Serpeverde si era avvicinata spedita ad Elena, prima salutandola, e poi stringendo in un forte e caloroso abbraccio dal quale Eurus si tolse in un modo un po' imbarazzato. La ragazza si era messa seduta al tavolo con le ragazze e aveva cominciato anche lei a parlare con le altre. Emma aveva indovinato il suo nome, ma da quanto aveva capito sulla ragazza, ella aveva cambiato nome, e sembrava da una parte esserne fiera e dall'altra poco imbarazzata. Se il suo cognome era Holmes, era di sicuro una delle coinquiline di Gianna che, come le aveva raccontato lei, aveva una casa ad Hogsmeade con Eurus e con Emily Banks. Infatti, dopo essersi sciolta dall'abbraccio con Elena, aveva salutato Gianna. Emma non voleva sembrare un'impicciona, e distolse lo sguardo dalla bionda. Una delle proprietarie del negozio, Serenity, era andata al tavolo per salutare le ragazze e per prendere le ordinazioni.*

    Certo Emma, te lo porto subito.

    *Emma annuì alla amica Serenity. In effetti voleva una bibita come quella, proprio per provare qualcosa di nuovo, diverso dal the che certe volte prendeva dopo cena, in Sala Grande. La ragazza degli occhi celesti, guardò Serenity allontanarsi per andare a preparare il suo infuso. Aveva consigliato ad Elena una Pozione Pepata, e la mora ci stava pensando su. In men che non si dica, una tazza trasparente ripiena di un infuso dal colorito rosso, quasi roseo, si presentò davanti ad Emma. La corvetta sorrise a Serenity e la ringraziò cordialmente.*

    Grazie mille Serenity! Quanto ti devo? Un galeone, vero?

    *Apettando la risposta da parte dell'amica, Emma cominciò a sorseggiare l'Infuso Godric. Forse per la sua Casa era più appropriato l'Infuso Rowena, ma quella bibita era buona. Tra le chiacchiere, saltò fuori della punizione che avrebbero dovuto scontare Gianna ed Emma, ma Elena aveva deciso di non dirlo alla Mills, e per questo Emma le era grata.*

    Attenzione alle uscite notturne, non sempre portano buoni risultati come in questo caso. Ma avete sicuramente fatto una buona azione, e questo vi rende merito.

    *Emma si sentì osservata, ma qua do stava per dire qualcosa, Gianna la interruppe.*

    Si le ho detto quanto può essere pericoloso girare di notte, e quanto sia stata fortunata ad avermi incantata! Ma sono sicura che non lo farà più. Per quanto riguarda me, mi conosci quindi non ti prometto nulla,ma cercherò di evitarti, semmai dovessi incrociati, non voglio una punizione!

    *Con un occhiolino Gianna "sorrise" ad Emma, e poi fece una linguaccia verso Elena.*

    Ragazze, avete proprio ragione... Ma non avevo mai esplorato il Parco di Hogsmeade, ed allora ho deciso di andarci... Comunque Elena, ti sono grata! Qualunque prefetto se fosse venuto a conoscenza della storia, sarebbe andato a raccontare tutto alla Mills, invece tu no...

    *Emma accennò un sorriso verso Gianna e Elena. In effetti sarebbe dovuta andare in punizione, e ne Ave à già beccata una al suo terzo anno, per colpa di Pix il Poltergeist. Ancora lei, Opal e Katrin non avevano scontato la loro punizione, ma di sicuro, a breve, Serenity avrebbe deciso con la preside quale punizione far scontare alle due Corve e alla Tassa. Con quei pensieri in mente, Emma sorseggiò un altro po' di quel the che stava bevendo, era divenuto una delle sue bevande preferite. Elena invitò le ragazze a sedersi in un tavolo, e rientrare ad Hogwarts prima che il coprifuoco scattasse. Emma la seguì.*

    @Serenity_Hunter @Stellagiulia_Clarke @Gianna_Fields @Elena_Apefrizzola @Alexis_Thompson


  • Stellagiulia_Clarke

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 127
       
       

    *StellaGiulia non era insolita allo stare in gruppo ed estraniarsi senza dire più niente ma era qualcosa che doveva superare. Era ancora il suo primo anno eppure così piccola sapeva esattamente quale sarebbe stato il suo posto, il suo ruolo, era così concentrata sull'obbiettivo che non aveva pensato al piano B, non aveva intenzione di fallire ma se ciò fosse accaduto? Che alternative aveva? Pensò a godersi quel momento in compagnia e pensò cosa ordinare, non conosceva tutti quegli infusi e non conosceva nemmeno tutte le problematiche del dover avere a che fare con la realtà una volta terminata la scuola, aveva cosi tanto tempo in fondo che era assurdo pensarci proprio in quel momento. Aveva solo compiti da recuperare ma sarebbe stata al passo ed avrebbe conseguito i G.U.F.O. e i M.A.G.O. per poter essere al posto che sapeva spettarle.*

    Vorrei un After Eight! Anche se non ho la minima idea di come siano tutti questi infusi.

    *Ammise riemergendo da quel silenzio che si era protatto troppo a lungo ma che a lei era parso durare non più di un minito.*
    @Serenity_Hunter @Emma_Williams @Gianna_Fields @Elena_Apefrizzola @Alexis_Thompson




    Ultima modifica di Stellagiulia_Clarke circa 5 mesi fa, modificato 2 volte in totale



Vai a pagina Precedente  1, 2