• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Alice_Sophien


  • Alice_Sophien

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 215
        Alice_Sophien
    Grifondoro
       
       

    *Era giunto il momento di fare due passi con la sua sorellona di casa Gianna per le strade di Hogsmeade per l’acquisto della bacchetta. Camminava per le stradine restando ancora meravigliata da quel mondo che le si mostrava e le si spiegava tutto attorno, un qualcosa al quale non aveva ancora fatto l’abitudine e probabilmente forse non ci si sarebbe mai abituata. L’orario dell’appuntamento incombeva su di lei che si ritrovò ad accelerare il passo per raggiungere l’esterno del negozio di Char e Sylvia. Si guardò attorno e di Gianna ancora nemmeno l’ombra, attese qualche istante, ma proprio pochi, troppo curiosa e troppo trepidante per aspettare, pertanto si sporse dalle vetrine per osservare l’interno in cerca della sua guida personale.*

    Forse è dentro, meglio dare un’occhiata.

    *Appoggiò la mano sul pomello della porta e la sospinse per aprirla per poter accedere. Una volta dentro, si mosse per un paio di passi, giusto per far richiudere la porta dietro di se. Rimase ferma per qualche istante a respirare l’aria all’interno, ad osservare le scaffalature, affascinata da quel luogo, li dove avrebbe trovato la sua compagna di incantesimi. Solo dopo aver curiosato all’interno decise di guardare in realtà i presenti, come se fosse tornata da chissà quale viaggio mentale personale. Visto la libera uscita del week end, indossava abiti a lei più consoni e decisamente più personalizzati di quelli che uniformavano in Istituto.
    Un abbigliamento tipicamente street che lasciava in mostra l’interminabile chiazza di inchiostro dei suoi tatuaggi che si diramavano lungo le braccia.
    Quei tratti decisi del volto, il taglio corto quasi rasato da maschiaccio, che la rendeva ancora meno femminile, se non fosse che il suo corpo in erba mostrava già le curve decise di un ragazza che sta crescendo velocemente*



    *una volta all’interno del negozio salutò con voce chiara e cristallina, nessun accento particolarmente marcato, un inglese macchiato da qualche storpiatura giovanile e dai modi di dire e gli slang odierni*

    Salve

    *a voce non eccessivamente alta, ma sufficientemente per farsi udire. Occhi attenti e curiosi che indagavano ogni dettaglio, ogni suono, mani nelle tasche dei pantaloni larghi in vita. Il cappello, accessorio esclusivamente estetico date le calde giornate, un accessorio dal quale difficilmente si separava ogni qualvolta gli era consentito indossarlo.*

    @Gianna_Fields @Charlotte_Miles @Sylvia_Turner

  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Era una calda seppur nuvolosa giornata di agosto. Gianna era ancora buttata sul divano della sua villa ad Hogsmeade, si era li che abitava dalla fine dell’anno scolastico. Non aveva un buon rapporto con i suoi genitori, motivo per il quale non li vedeva ne sentiva da tempo ormai ed era per quello stesso motivo che aveva preferito stare completamente sola nella casa che condivideva con due sue amiche anziché andare a trovarli. Non meritavano più nulla da lei e l’aveva purtroppo capito a sue spese. Sbadigliò più volte mentre si rigirava su quei morbidi cuscini, non aveva nessuna voglia di alzarsi anche se ormai era quasi mezzogiorno. Il brontolio del suo stomaco la costrinse ad alzarsi e decise di recarsi ai Tre Manici di scopa per mangiare qualcosa. Indossò dei jeans chiari strappati alle ginocchia e una canotta nera, prese qualche soldo e le chiavi e finalmente usci di casa. Passò per le vide di Magic’s Square mentre canticchiava una canzone che ormai si era impossessata della sua mente da qualche giorno ormai. Ad un tratto vide una persona davanti al negozio di bacchette, intenta a sbirciare all’interno per poi decidere di entrare dentro. Ad un tratto si illuminò! Quella ragazzina stava aspettando lei, si erano date appuntamento qualche giorno prima e lei stessa si era offerta di accompagnarla ad acquistare la sua prima bacchetta!*

    Oh Fields non cambierai mai, maledizione!

    *Disse tra se rimproverandosi per la sua grave dimenticanza. Sapeva cosa significasse acquistare la prima bacchetta ed era felice che quella ragazza si fosse affidata a lei per quella scelta. Iniziò a correre verso il negozio, doveva arrivare prima che una delle due proprietarie iniziassero a mostrare le bacchette alla ragazza. Aprì la porta con una certa violenza e subito la richiuse dietro di sé. Si chinò appoggiandosi con i palmi delle mani sulle ginocchia, nel tentativo di riprendere fiato. Probabilmente la ragazza di fronte a lei l’avrebbe presa per una pazza ma, infondo, lei lo era. Si drizzò osservando la piccola ragazza che, doveva ammettere, vestiva in un modo che la Grifondoro amava particolarmente. Prese un elastico che aveva sempre al polso e raccolse i capelli in una coda alta poi si avvicinò alla persona di fronte a lei e disse:*

    Ehi ciao, ti chiedo scusa per il ritardo ma…ecco….

    *Inizio a dire pensando a una “scusa” per giustificarsi ma alla fine lanciò la testa all’indietro e, facendo spallucce, optò per la verità.*

    Lo ammetto, mi ero completamente dimenticata del nostro appuntamento. Se non fossi passata di qui per sbaglio ti avrei dato buca e non me lo sarei mai perdonata. Ma ora sono qui! Meglio tardi che mai no? Dopo ti offro qualcosa ai Tre Manici di Scopa per farmi perdonare.

    *Concluse facendole l’occhiolino. Le sembrava di ricordare che la ragazza si chiamasse Alice, ma preferì stare zitta per evitare ulteriori figuracce. Si guardò intorno mentre aspettavano l’arrivo di una delle due proprietarie. Ricordò di quando era toccato a lei, ormai sette anni fa, acquistare la sua prima bacchetta. Era un’emozione unica che non si poteva spiegare a parole ma si doveva provare sulla propria pelle. Gianna sorrise a quei meravigliosi ricordi mentre riportò l’attenzione sulla ragazza. Decise di chiacchierare un po’ con lei mentre aspettavano così disse:*

    Mentre aspettiamo ti va di conoscerci meglio? Non so nulla di te apparte il tuo nome che, se non erro, dovrebbe essere Alice. Se hai qualche curiosità chiedi pure!

    *Concluse poggiandosi con il gomito sul bancone.*

    @Alice_Sophien, @Sylvia_Turner, @Charlotte_Mills,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1791
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Certificato
       
       

    * Era ora di pranzo e nelle case del villaggio di Hogsmeade, la maggior parte degli abitanti si stava mettendo a tavola per il pranzo, ma anche nei vari negozi, i commercianti stavano mangiucchiando qualcosa per la pausa pranzo.
    Proprio in quel momento , nel negozio di bacchette, una donna di diciannove anni, stava terminando di mangiare un cheeseburger e bevendo della burrobirra analcolica
    Sylvia Turner era passata qualche minuto prima ai tre manici di scopa per prendere da mangiare.
    Era stata una mattinata molto tranquilla, solo un cliente era passato per comprare del nastro adesivo magico e la donna aveva praticamente memorizzato tutto l'inventario del negozio, avendo passato tutto il tempo li dentro, da Giugno.
    Ormai da qualche mese a quella parte, parlava solo più con sua figlia, e le bacchette. Si era dimenticata cosa volesse dire parlare sul serio con qualcuno.
    Forse era meglio cosi, alla fin fine. Almeno a stare soli, non combattevi con nessuno.
    Improvvisamente la campanella posta sopra alla porta suonò, annunciando l'entrata del cliente.
    Sylvia masticò velocemente l'ultimo boccone del panino , diede un veloce sorso per buttare giù il tutto e con ormai il solito sorriso professionale, si preparò a dare il benvenuto.
    Davanti a lei c'era una ragazzina, con dei capelli molto corti, sembrava un taglio alla maschietto, vestita con un look molto street ma che sembrava anche molto comodo. dalla canotta, sulle braccia, spuntavano quelli che erano chiaramente dei tatuaggi. La guardò cercando di mascherare il suo stupore, era strano che una ragazzina cosi giovane avesse dei tatuaggi, doveva avere sugli undici anni. Sylvia, non sono affari tuoi, sei qui per lavorare le disse una vocina dentro di lei. *

    Salve

    * La ex tassorosso si sporse verso di lei, stava per salutarla, quando ecco entrare una seconda persona. Si trattava della sua ex compagna di scuola @Gianna_Fields. Non ricordava nemmeno più l'ultima volta che si erano viste. Ormai la diciannovenne aveva perso contatti con la maggior parte dei suoi ex compagni di scuola. Scosse la testa, non era il momento di are quei pensieri.*

    Buongiorno Gianna e buongiorno anche a te! Benvenuta da Salills

    * Disse rivolgendosi alla ragazzina.*

    Come posso esservi utile?


    @Alice_Sophien,




    Ultima modifica di Sylvia_Turner oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Alice_Sophien

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 215
        Alice_Sophien
    Grifondoro
       
       

    *stava per rispondere a Sylvia quando il tornado di Gianna si presentò. Restó ferma ad ascoltare Gianna e le sue parole, la studiava restando in silenzio, divertita da quella ragazza che come una cascata irruppe nella sua vita. Solo quando terminò di parlare scoppiò a ridere e con voce cristallina prese a parlare*

    e tu devi essere Gianna... Ciao

    *respiró vistosamente e lentamente, quasi in modo teatrale*

    respira non ci corre dietro nessuno, ora sei qui, domande ne ho a tonnellate, ma facciamo che partiamo dalla bacchetta? E poi tutte le chiacchiere che desideri... gradisco qualcosa di rinfrescante con questo caldo, ma non preoccuparti pago da sola se avessi dovuto pagare per ogni ritardo sarei decisamente sul lastrico... se vuoi chiamami pure Aly

    *allungó la mano verso Gianna per consolidare quella presentazione. Una mano anch'essa tatuata ma arricchita anche da anelli di metallo. Si voltò verso Sylvia avanzando verso di lei, facendo cenno ad Gianna di affiancarla in segno di sostegno, in fin dei conti era la sua prima bacchetta e lei di certo non sapeva da dove iniziare*

    Grazie, Stiamo cercando una bacchetta per la sottoscritta, ci consigli?

    *rispose verso la padrona di casa dandole del tu senza formalismi. La ragazza sembrava poi non troppi grande per seguire il negozio, ma Alice non di pose troppe domande in fondo era dove tutto e il contrario di tutto potevano coesistere. Un cenno con il capo verso Gianna*

    Come hai scelto la tua bacchetta?

    *chiese curiosando sulle scelte di colei a cui è stata assegnata, quasi ad attendere indicazioni per potere compiere al meglio la scelta, sempre che fosse aspettata a lei, di certo nel caso sarebbe stata una bacchetta all'insegna dell'estro, fuori dagli schemi e dalle mode, almeno per quanto riguardava la forma*

    @gianna_fields



    Ultima modifica di Alice_Sophien oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1791
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Certificato
       
       

    * Quando @Gianna_Fields entrò in negozio, Sylvia la vide subito scusarsi con @Alice_Sophien, e dopo pochi secondi l'undicenne cominciò a tranquillizzare Gianna. Le due grifondoro si avvicinarono al bancone e Alice chiese.*

    Grazie, Stiamo cercando una bacchetta per la sottoscritta, ci consigli?

    * La dicianovenne annuì.*

    vediamo cosa posso consigliarti!

    *Si girò verso lo scaffale e in un angolino leggermente più nascosto prese una confezione. Tornò al bancone, la aprì e mostrò la bacchetta all'undicenne.*

    Questa bacchetta si chiama Nurtural, è fatta di legno di quercia. ha una lunghezza di dieci pollici e ha al suo interno una piuma di fenice. Tieni, provala!






    Ultima modifica di Sylvia_Turner oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *La ragazza salutò con un sorriso Gianna, era chiaramente divertita o sconvolta dalla sua entrata in scena ma, d’altronde, come darle torto? Le disse si stare tranquilla e di scegliere la bacchetta come prima cosa, poi avrebbero potuto parlare con calma. Le disse che poteva chiamarla Aly mentre allungava la mano verso di lei. Gianna le sorrise e prontamente gliela strinse aggiungendo:*

    Va bene Aly ma sappi che in ogni caso ci tengo ad offrirti qualcosa!

    *Concluse sorridendo. Nel frattempo comparve Sylvia una sua cara amica che, nonostante avesse preso le distanze da tutti dopo la fine della scuola, considerava ancora tale. Salutò formalmente le due ma Gianna, che era di carattere molto impulsiva, fece un passo nella sua direzione e l’abbracciò calorosamente ricambiando poi il saluto.*

    Ciao Sylvia, ti trovo in ottima forma! Come sta la piccola Emma?

    *Chiese sorridendo e tornando ad occupare il posto vicino ad Aly. L’ex Tassorosso chiese cosa potesse fare per loro e la piccola Grifondoro disse che aveva bisogno in una bacchetta, la sua prima bacchetta. Poi guardò Gianna prima di rivolgerle una domanda e cioè come avesse scelto la sua bacchetta. La diciasettenne la guardò sorridendo e, facendo spallucce disse semplicemente:*

    Oh bè la tua bacchetta ti aspetta da tempo ormai poiché è lei a scegliere il suo mago o strega. Quindi non ti preoccupare perché quando la terrai tra le mani ti accorgerai che è quella giusta, creata apposta per te.

    *Concluse sorridendo e appoggiandosi con i gomiti sul bancone. Intanto Sylvia le mostrò una bacchetta che, dalla spiegazione, doveva essere proprio un’ottima bacchetta. Gianna osservo Aly e l’incitò dicendo:*

    Dai forza prendila e vediamo che succede.

    @Alice_Sophien, @Sylvia_Turner,


  • Alice_Sophien

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 215
        Alice_Sophien
    Grifondoro
       
       

    *l'abbraccio di Gianna e Sylvia non la scompose più di tanto, lasciò loro il tempo di salutarsi prima di parlare ancora una volta condividendo un pensiero che forse era il caso non fosse esternato a voce altai

    siete tutti molto gentili e... socievoli.. Devo aspettarmi un abbraccio da tutti quelli che incontrerò?... spero tutti abbiano fatto la doccia con questo caldo

    *scherzó per poi aggiungere subito dopo verso entrambe giustificandosi e chiarendo il suo pensiero*

    non sto insinuando che puzzate, ma sinceramente mi sto domandando se esistono deodoranti speciali o ad effetto

    * il suo sproloquiare però si interruppe quando Sylvia le mostrò una bacchetta, quella visione si accompagnò alle spiegazioni di Gianna. Si avvicinò al bancone restó qualche istante ferma ad osservare quella bacchetta e chiese ad entrambe*

    Quercia e Fenice, sono caratteristiche particolari?... ok, proviamo speriamo di non fare danni... o almeno non eccessivi

    *era elettrizzata, la sua prima bacchetta non sapeva cosa attendersi se una sorta di scossa elettrica o scintille o sensazioni, allungò le dita della mano destra lentamente e impugnò la bacchetta per sollevarla con la punta inclinata rispetto al terreno ma rivolta verso l'alto. Rimase ferma ad attendere qualche cosa poi decise di agitarla, un movimento minimo dal alto verso il basso per tornare nella posizione originale. Cercó lo sguardo di entrambe come a comprenderne l'esito*

    Che dite? Com'è andata?

    *In realtà non vi fu una particolare reazione, così decise di destreggiare la bacchetta con maggior decisione, il tutto era un movimento assolutamente casuale non avendo ancora ricevuto addestramento. Muoveva la bacchetta come un direttore d'orchestra, al che mutó i suoi movimenti in modo decisamente più vistoso, nemmeno la bacchetta di fosse tramutata in una spada laser e lei si sentisse un giovane Jedi, ma ancora alcuna reazione solo grande teatralità della giovane e nulla di più, interrogò le altre due con incertezza*

    Mmm dunque?

    @gianna_fields @sylvia_turner




    Ultima modifica di Alice_Sophien oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1791
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Certificato
       
       

    Quando Sylvia consegnò la bacchetta ad @Alice_Sophien, la ragazzina chiese se il legno di quercia e la piuma d fenice erano caratteristiche particolari e che sperava di non fare danni. Una volta presa la bacchetta, la impugnò tenendo però la punta inclinata rispetto al terreno ma rivolta verso l'alto, e rimase immobile come aspettando qualcosa. In realtà avrebbe dovuto agitarla per provarla. Poi la agitò dal basso verso l'alto, e la ragazzina guardò Sylvia e Gianna chiedendo come era andata.
    Nemmeno il tempo di poter rispondere che cominciò a muoverla in strani modi,nemmeno fosse una spada.*

    Mmm dunque?

    * La diciannovenne guardò la ragazzina, con un espressione tra l'imbarazzato e il dispiaciuto. *

    Non sembra che questa sia la bacchetta giusta per te. Vediamo altro!

    * Uscì da dietro il bancone e si diresse a uno scaffale accanto alla porta del negozio. Fece scorrere le dita su almeno tre confezioni per prenderne poi una quarta e tornò dietro al bancone aprendo la confezione e consegnando la bacchetta alla ragazzina.*

    Questa bacchetta si chiama Odin, è fatta in legno di Peccio, è lunga tredici pollici e un quarto e ha al suo interno corda di cuore di drago. Vedi se questa può andare



  • Alice_Sophien

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 215
        Alice_Sophien
    Grifondoro
       
       

    *le parole di Sylvia e la conferma che quella bacchetta non l'avesse scelta secondo la teoria di Gianna in effetti la lasciarono delusa e preoccupata a tal punto che pensò che forse nessuna delle bacchetta l'avrebbe scelta. Un pensiero che la sfiorò ma un istante dopo era già stato superato dalla sua speranza e la sua positività. Ripose la bacchetta sul bancone per lasciarla andare un attimo dopo. Seguì Sylvia mentre andava in cerca di qualcos'altro, deglutí e chiese*

    è mai successo che nessuna bacchetta scelse uno studente?

    *Quando arrivò la seconda bacchetta la osservò speranzosa, continuava a non sapere riconoscere le doti o qualità di una bacchetta ma sospirò. Un profondo respiro mentre allungava la mano verso questa e con tutta se stessa desideró che fosse la volta giusta. Non sapeva davvero cosa aspettarsi, ma si concentrò su Odin e la afferrò con fermezza. Non disse nulla. Una volta impugnata le luci del negozio preserò a vibrare d'intensitá, una folata di vento improvvisa e immotivata le scompiglió la ciocca dei capelli facendo cadere persino il cappello a terra. Rimase sbigottita comprendendo che il tutto era innaturale e sorrise soddisfatta ed eccitata. Non sapeva cosa e come fosse stato possibile ma era partito da lei, e questo la rese radiosa osservando le due donne alternativamente in Arda di un riscontro da parte loro.*

    mmm...

    @sylvia_turner @gianna_fields

    Non so come funziona la turnazione nel caso avessi dovuto attendere gianna, domando scusa




    Ultima modifica di Alice_Sophien oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Certificato

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1791
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Certificato
       
       

    * La diciannovenne consegno' la bacchetta ad @Alice_Sophien, e appena la ragazzina la bacchetta, successero un sacco di cose in contemporanea. La luce della lampada a olio sulla scrivania tremolo', una piccola folata di vento scompigliò i capelli della ragazzina facendole cadere anche il cappellino che indossava.
    Sylvia rimase molto stupita. Raramente si vedevano accedere tutte quelle cose insieme quando una bacchetta sceglieva il mago o la strega.*

    Credo proprio che tu piaccia a questa bacchetta! Sai , succede raramente che succedano tutte queste cose , di solito si verifica solo una piccola folata di vento ma questo evento delle luci non era mai capitato. Sono contenta di dirti che questa sarà la tua bacchetta per tutta la vita

    * Le disse sorridendo, e sperando che fosse contenta di essere stata scelta da quella bacchetta! Era un bel modello, davvero! La ex Tassorosso le consegno' anche la confezione e in omaggio le diede anche una boccetta di lucido per la bacchetta.*

    Questo è del lucido per mantenerla pulita, non mi devi nulla per questo, offro io! Spero davvero che questa bacchetta ti accompagni sempre ! E naturalmente se hai bisogno di altro, mi trovi qui

    *Le disse sorridendo, mentre le incartava la boccetta di lucido *.

    @Gianna_Fields,


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * All'abbraccio tra le due ragazze, Aly commentò in un modo che la spiazzò completamente tanto che scoppiò in una sonora risata. In sette anni di scuola non aveva mai incontrato una ragazzina che, di fronte ad un abbraccio, si chiedesse se avessero fatto un bagno per evitare di puzzare. Gianna le circondò le spalle con un braccio e, con un ampio sorriso ancora stampato in faccia, disse:*

    Ma tu guarda che razza di commenti mi tocca subire! Ma comunque semmai dovessi accorgerti che puzzo, ti autorizzo a dirmelo. Anzi ti obbligo!

    *Concluse ridendo di nuovo. Dopo aver preso la prima bacchetta, tutte si accorsero che non era la bacchetta adatta a lei poichè non si era visto nulla di speciale, nessun segno che avesse fatto capire che quella bacchetta era speciale, era sua davvero. Così Sylvia ne prese un'altra mentre Gianna osservava l'espressione di Aly che sembrava un tantino scoraggiata. Ma l'ex Tassorosso sapeva svolgere bene il suo lavoro e di certo non si aspettava di far centro al primo tentativo. Intanto portò un'altra bacchetta di nome Odin. La Grifondoro l'osservo attentamente, era davvero bellissima, le piaceva molto la lavorazione nei dettagli e in più aveva al suo interno la corda di cuore di drago. Aly la prese in mano e subito il segnale tanto atteso arrivò. Gianna rimase stupita così come Sylvia. Aly aveva un sorriso da un orecchio all'altro e guardava le due in attesa di commenti. La Grifondoro sorrise mentre l'amica le disse che sicuramente era quella la sua bacchetta. Le diede in omaggio anche una boccetta di lucido e le disse che per qualsiasi cosa l'avrebbe trovata in negozio. Iniziò ad impacchettare il tutto mentre Gianna disse:*

    VIsto Aly? Come ti dicevamo la bacchetta ha trovato il modo di ricongiungersi a te! Da oggi in poi lei sarà parte di te, un'amica fidata dalla quale non devi separarti mai.

    *Guardò l'orologio e decise che, almeno per lei era ora di andare. Aveva aiutato la ragazza a scegliere la bacchetta e il suo compito poteva dirsi concluso. Potevano andare via e lasciare libera Sylvia di servire altri clienti o svolgere altre mansioni. Così disse:*

    Grazie per la tua disponibilità Sylvia. Credo che sia ora di andare e lasciarti alle tue cose a meno che ad Aly occorra altro ma non credo. Spero di rivederti presto, dai un bacio da parte mia alla piccola.

    *E così dicendo attese la risposta della piccola Grifondoro.*

    @Sylvia_Turner, @Alice_Sophien,


  • Alice_Sophien

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 215
        Alice_Sophien
    Grifondoro
       
       

    *acconsentì verso Gianna quando questa l'autorizzó ad avvisarla se avesse mai puzzato. Il resto avvenne in un battito di ciglia e assorbí la sua attenzione. Dopo aver udito le parole di Sylvia le porse la bacchetta, la sua bacchetta. Non sapeva che rispondere a causa di quelle reazioni, era la sua prima volta non sapeva come era di solito*

    faremo i fuochi d'artificio insieme

    *sorrise sdramatizzando per quella sorta di anomalia, seguiva le indicazioni di Sylvia mentre le confeziona quella bacchetta che per qualche motivo l'aveva scelta*

    grazie di tutto, tornerò se ce ne sarà bisogno o magari ci incontreremo ancora per altro

    *Baldanzosa attese di poter recuperare il suo pacchetto e seguendo il consiglio di Gianna di seguirla all'esterno, si mosse*

    grazie anche a te Gianna è stato un piacere conoscerti, ti occupi spesso di accompagnare i nuovi in queste prime faccende preparatorie? Non vorrei abusare della tua disponibilità magari ora hai da fare, ma magari nei prossimi giorni possiamo incontrarci per fare quelle due chiacchiere di cui parlavamo prima

    @sylvia_turner @gianna_fields




    Ultima modifica di Alice_Sophien oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Aly era entusiasta della sua bacchetta e Gianna non poteva essere più felice per lei visto che sapeva bene quanto emozionante potesse essere. Ringraziò Sylvia per la sua disponibilità e per il suo aiuto dicendole che sarebbe tornata in caso di necessità. Si avviarono insieme all'uscita e la Grifondoro notò come il tempo fosse cambiato. Il cielo prima nuvoloso, aveva lasciato il posto ad un caldo sole che illuminava i loro volti. La piccola si rivolse a Gianna dicendo:*

    grazie anche a te Gianna è stato un piacere conoscerti, ti occupi spesso di accompagnare i nuovi in queste prime faccende preparatorie? Non vorrei abusare della tua disponibilità magari ora hai da fare, ma magari nei prossimi giorni possiamo incontrarci per fare quelle due chiacchiere di cui parlavamo prima

    *La diciassettenne sorrise a quella domanda scuotendo la testa per poi rispondere:*

    No, non mi capita molto spesso a dire il vero. Ma per te ho voluto fare un'eccezione! E poi ricordare queste prime esperienze mi fa sempre piacere, in quanche modo mi fa tornare indietro nel tempo a tutte le mie prime volte. Certo mi farebbe molto piacere approfondire la nostra conoscenza! Mandami un gufo con luogo e ora e ci sarò di sicuro. E questa volta ti garantisco che non lo dimenticherò!

    *Concluse facendole l'occhiolino e sorridendole. Infilò i suoi inseparabili occhiali da sole e, avanzando di qualche passo disse:*

    Bene per me è giunto il momento di andare. Ma raccomando custodisci bene quella bacchetta, ti sarà indispensabile all'inizio della scuola. Ciao Aly, al prossimo incontro!

    *Le lasciò un bacio sulla guancia e andò verso casa sua felice di essere stata di aiuto e appoggio a quella nuova e simpatica ragazza.*

    @Alice_Sophien,


  • Alice_Sophien

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 215
        Alice_Sophien
    Grifondoro
       
       

    *sollevò la scatolina dove la bacchetta era custodita e annuì con il capo alle raccomandazione dell'altra, riportando poi la bacchetta ad abbassarsi e ad infilarla nella tasca posteriore dei pantaloni, una sistemata al cappello e accompagnò Gianna verso l'esterno del negozio, dopo aver salutato Sylvia. Il trillo delle campane sulla porta d'ingressa ne sancirono la chiusura alle loro spalle*

    Non voglio trattenerti, ti ringrazio Gianna, prometto solennemente di custodirla e di farne buon utilizzo, sperando che sia complice e mi venga in aiuto

    *Scherzò in modo affabile in merito alla bacchetta, sollevò una mano in segno di saluto verso l'altra, ma prima che essa si fosse dileguata per le viuzze di Diagon Alley, concluse*


    Beh spero di incontrarti presto, grazie per la disponibilità e l'aiuto, sei stata preziosa

    *Le lanciò una strizzata d'occhio complice e la osservò sparire per le strade del quartiere, e lei.. beh un profondo respiro e si mise a passeggiare, con gli occhi di fuori ancora per tutto quello che riesce a scorgere, troppo curiosa. La mano corse al collo alla ricerca delle cuffie voluminose e spesse che la seguono sempre, ma non in quel luogo, dove tutta la strumentazione tecnologica era stata abbandonata a casa, così come il suo lettore mp3, la sua macchina fotografica, accessori che si accorse con il tempo di non aver portato e di cui di tanto in tanto sentiva la mancanza, come in quel momento. Le mani si infilarono nelle tasche posteriori dei pantaloni e si rimise a camminare.
    La mano sinistra era a contatto con la scatola di quella bacchetta, presente e protettiva, in effetti ora si sarebbe dovuta abituare a nuove abitudini e accessori. Nella sua solitudine serena si disperse alla visita delle vetrine che le capitavano sotto gli occhi.*

    @Gianna_Fields grazie per la giocata