Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Sarah_Jonson


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 3
    Galeoni: 373
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    [GIARDINI DI HOGWARTS - ORE 16.30]

    *Era una giornata invernale molto soleggiata*

    Che strano! Siamo a gennaio!

    *Pensò tra se sorridendo, stava leggendo un libro quando, finito uno dei capitoli iniziali, staccò gli occhi dal libro rimettendolo nello zaino, tirando fuori da quest ultimo il suo orologio che indicava le 16.30, così decise di alzarsi per raggiungere Hogsmeade con tranquillità, per almeno una volta. Quel giorno Sarah aveva invitato a bere o a mangiare qualcosa ai Tre Manici di Scopa, la sua nuova amica Tassorosso Sprotte Smerald, il nome della tassetta non lo aveva mai sentito, però le piaceva. Purtroppo la Corva non aveva molti amici in Tassorosso, aveva tre amiche, contando Sprotte, le altre amiche erano Stellagiulia (chiamata da Sarah Jules) e Opal, due amiche che per lei erano importanti. Voleva sfruttare quella occasione anche per vedere come se la cavavano i due nuovi baristi, Dorcas Moore, una concasata di Sarah e Miles un serpeverde che aveva conosciuto ai Tre Manici e, dato che avevano entrambi e Cristine, un altra Serpe, violato il coprifuoco erano finiti in punizione. Alla parola "punizione" la Corva sorrise e si accorse di essere quasi arrivata davanti ai Tre Manici di Scopa*

    [HOGSMEADE - ORE 16.45]

    *Quando era arrivata a Hogsmeade, quasi non se ne era accorta dato che era immersa nei suoi pensieri. Ma quando invece si era resa conto di essere esattamente davanti ai Tre Manici si fermò davanti alla porta attendendo l'amica, non sapeva se Sprotte sapesse dov'era il "bar"(come lo chiamavano i suoi genitori).*

    @Sprotte_Smerald

  • Sprotte_Smerald

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 124
       
       

    [HOGSMEADE - ORE 16:45]

    *Ormai era ad Hogwarts da diversi mesi, eppure ancora a Sprotte sembrava di essere appena arrivata. Non si ricordava mai dove erano i luoghi in cui doveva andare e spesso si perdeva per i corridoi della scuola. Era tutto così diverso dal luogo in cui era cresciuta... Lei era abituata ai modi di fare dei babbani ed era strano per lei avere a che fare con la magia. Però le piaceva un sacco! Si era già fatta un'amica, era di Corvonero e si chiamava Sarah Jonson, le stava simpatica e la ragazza aveva invitato Sprotte ai Tre Manici di Scopa. Era stata contenta di uscire con la sua nuova amica, ma aveva dei problemi con l'orientamento. Era riuscita ad arrivare a Hogsmeade chiedendo indicazioni ai ragazzi che incontrava e ora doveva cercare il luogo d'incontro. Sprotte continuava a camminare guardandosi intorno, era bello lì, c'erano molti negozi e molte strade, inoltre non faceva molto freddo e i raggi del sole riscaldavano la bambina, era una bella giornata per uscire. Vide da lontano una figura che assomigliava molto a Sarah e le si avvicinò a passo spedito. Finalmente l'aveva trovata! Menomale che lei era fuori ad aspettarla!*

    Ciao!

    *la salutò Sprotte*

  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 3
    Galeoni: 373
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *La giovane Corvonero stava controllando nel suo zaino se aveva portato tutto, per sicurezza*

    Il libro c'è! L'orologio c'è e anche i soldi... Per fortuna c'è tutto

    *Pensò tra se sollevata, dato che prima di partire dai giardini per arrivare a Hogsmeade non aveva controllato*

    Ciao!

    *Sarah si girò e si trovò davanti l'amica Sprotte, le rivolse un sorriso amichevole*

    Ciao! Entriamo?

    *Disse rivolta alla tassetta dirigendosi verso la porta dei Tre Manici di Scopa, facendo cenno alla Tassorosso di precederla, poi una volta entrate richiuse la porta e si avviò verso il bancone, entrata non aveva osservato com'era, dato che ci era entrata un sacco di volte. Si mise a tamburellare le mani sul bancone attendendo una risposta di qualcuno, non udendola provò a chiamare*

    C'è qualcuno?

    *Chiese sperando di ricevere una risposta da uno dei baristi*

    @Sprotte_Smerald, @Miles_Halter

  • Chloe_Hills

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 509
        Chloe_Hills
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Per le strade di Hogsmeade si respirava aria fresca di giornata, che era soleggiata e particolarmente calda...insomma: una di quelle giornate in cui stare chiuso fra quattro mura era la scelta peggiore.
    Chloe passeggiava - o meglio, trotterellava- fra le strade di Hogsmeade, ben diretta verso I Tre Manici Di Scopa. Era da tempo che desiderava assaggiare nuovamente l'aroma gustoso della BurroBirra, e, in quella Bella giornata, perché non rigustarla nuovamente?*

    [Tre Manici Di Scopa - ore 16.45]

    *Chloe entro` timidamente nel locale, con un sorriso dipinto sul viso non appena vide che c'era la sua migliore amica Sarah Jonson. Insieme a lei c'era una ragazza a Chloe sconosciuta. Le fece un mezzo sorriso e la saluto`. *

    Ciao ragazze! Posso aggiungermi? Ho voglia proprio di una Burrobirra oggi...

    *Non voleva essere di intralcio, ma era contenta di vedere Sarah e magari avrebbe potuto conoscere meglio l'altra ragazza. Cerco` un barista, nell'attesa di ordinare, ma non c'era ombra di Miles o Di Dorcas*


    @Sarah_Jonson, @Sprotte_Smerald




    Ultima modifica di Chloe_Hills oltre 6 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Sprotte_Smerald

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 124
       
       

    [I TRE MANICI DI SCOPA]

    *L'aria era più calda dentro ai Tre Manici di Scopa anche se fuori non era poi così tanto freddo. Sprotte aspettava che un barista rispondesse alla sua nuova amica e intanto era come al solito immersa nei suoi pensieri. Pensava ai giorni trascorsi ad Hogwarts e a quante cose ora fossero diverse. Ancora doveva abituarsi alla vita nella scuola di magia e all'assenza delle cose babbane. Credeva di non riuscire a vivere senza cellulare e ora non lo vedeva da mesi e non le mancava neanche. Però le mancavano i suoi genitori. Anche se non ci andava molto d'accordo e non si sentiva capita da loro gli voleva bene e sapeva che anche loro le volevano bene nonostante non avessero ancora accettato che la loro figlia era una strega ed era felice di esserlo. Una ragazza entrò e riportò la piccola Tassorosso alla realtà. Lo sguardo della nuova arrivata si illuminò appena incontrò la figura di Sarah e Sprotte dedusse che le due ragazze fossero amiche, ne ebbe la conferma quando la ragazza si avvicinò a loro e le salutò.*

    Certo, per me va bene. Comunque io mi chiamo Sprotte, tu sei?

    *Rispose timidamente la bambina sperando di riuscire a fare amicizia con la ragazza*

    @Sarah_Jonson, @Chloe_Hills, @Miles_Halter




    Ultima modifica di Sprotte_Smerald oltre 6 mesi fa, modificato 7 volte in totale


  • Dorcas_Moore

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 110
        Dorcas_Moore
    Corvonero
       
       

    *Dorcas era placidamente accomodata dietro al bancone del locale più popolare di Hogsmade e intorno a lei regnava il silenzio. Quella mattina era stata particolarmente attiva, ma il primo pomeriggio sembrava segnato da un’atmosfera tranquilla.
    La Corvonero era piuttosto soddisfatta di come si stava evolvendo l’incarico, dopotutto era una strega, quindi non doveva far altro che agitare la bacchetta per far si che tutto ciò che le occorreva si comportasse come desiderava.
    Strinse la bacchetta tra le dita sottili sussurrando a fior di labbra un incantesimo che le permise di sistemare una schiera di boccali sul ripiano alle sue spalle. Sorrise soddisfatta, specchiandosi sul bancone brillante e sulle posate allineate a scacchiera al suo fianco. L’ordine la tranquillizzava, le ricordava che stava procedendo tutto per il meglio e quella era il genere di rassicurazioni che le occorrevano.
    Non era abituata a svolgere un incarico di responsabilità. Era una purosangue, da generazioni la sua famiglia lavorava per motivi puramente edonistici, si cullava sugli allori di un benessere assicurato e mirava la sua vita alla realizzazione di se stessa.
    Questo era il motivo per cui non comprendeva per quale ragione suo padre si ostinava a pretendere che lei lavorasse in quel posto. Contrariando notevolmente la moglie alla quale premeva evitare che qualcuno potesse vedere sua figlia affaccendarsi in incarichi poco consoni al suo rango.
    A quanto era dato sapere alla giovane Moore, quella era una tradizione che si perpetuava da secoli, attuata per far si che la giovane prole di un grande casato potesse comprendere il valore del lavoro e apprezzare maggiormente ciò che possiede.
    Ridicolo.
    L’unica cosa che Dorcas aveva imparato ad apprezzare maggiormente, in quei giorni, era se stessa e le sue incredibili capacità magiche. Mentre, al tempo stesso, si era accresciuto il disprezzo per quel deprecabile atteggiamento servile che le toccava assumere nel rivolgersi alla clientela.
    Sbuffò, tamburellando le dita con impazienza sul bancone. Lei, Dorcas Moore, costretta a servire un branco di rozzi energumeni di campagna. Oh ma gliel’avrebbe fatta pagare, era ora di farla finita con quelle ridicole tradizioni, lei era libera di fare ciò che desiderava e la cameriera non era certo tra queste.
    Si specchiò nel retro di un cucchiaio, per controllare che i capelli fossero in ordine, e stirò con una mano le pieghe del vestito. Sorrise, nell’accarezzare il bordo del corto abitino bianco, e ringraziò mentalmente il tepore che pervadeva il locale. Quell’incarico, così come il gelido freddo invernale, non le
    avevano impedito di sfoggiare il proprio infinito guardaroba e questo le ricordava che nulla sarebbe stato in grado di controllarla, neanche se stessa.



    Con un balzo improvviso si sollevò dallo sgabello su cui era accomodata e si avviò verso il retro del locale per controllare che tutto fosse in ordine e per spezzare la monotonia. Non ebbe neanche il tempo di oltrepassare la soglia della dispensa che la voce di un cliente richiamò la sua attenzione, facendola sobbalzare e urtare contro il battente della porta. Si portò una mano al polso sbuffando e afferrò un paio di menù avviandosi all’ingresso borbottando*


    La solita puntualità


    *Prima di presentarsi al pubblico prese un sospiro e uscì allo scoperto sfoggiando un magnifico sorriso. Si avvicinò al bancone con grazia e spedì, con un incantesimo, tre menù davanti alle ragazze ferme al bancone in attesa*







    Salve ragazze, prendete pure posto dove desiderate e chiedetemi tutto ciò che vi occorre, sono qui a vostra assoluta disposizione.


    *Aveva sorriso senza guardare direttamente nessuna di loro, sperava forse che non la riconoscessero ma era consapevole di quanto per lei fosse sempre stato difficile passare inosservata.
    La mano continuava a stringere il polso dolorante ma non vi badò molto, si limitò ad attendere in silenzio che le studentesse facessero il proprio ordine cosa che, per quanto deplorevole fosse, era il suo lavoro.*


    @Chloe_Hills, @Sprotte_Smerald, @Sarah_Jonson,




    Ultima modifica di Dorcas_Moore oltre 6 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Chloe_Hills

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 509
        Chloe_Hills
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *L'atmosfera era tranquilla e Serena, e Chloe si senti a galleggiare come una bolla d'acqua ora che era stata accettata da Sarah e Sprotte, una ragazza che ancora non conosceva ma a prima vista sembrava simpatica. Con un sorriso rispose alla ragazza vicino a Sarah*

    Ciao Sprotte, piacere! Io mi chiamo Chloe

    *Non sapeva come mandare avanti la conversazione, anche perché la sua mente aveva esaurito le domande da fare, ora che le aveva usate tutte per Sarah. Si sentiva ancora un po' la terza incomoda nonostante le ragazze l'avessero accettata, ma, come al solito, arrivava sempre nel momento sbagliato al posto sbagliato. Decise di rompere il ghiaccio dirigendosi verso la barista ricorrente, Dorcas, e ordinare.*

    Ciao Dorcas! Ordino una Burrobirra, grazie.

    *Si diresse velocemente verso Sarah e Sprotte, e la sua solita domanda spontanea le usci` dalla bocca, quasi senza controllarsi*

    Beh ragazze, che mi raccontate?

    * non era per niente in ansia, anzi era piuttosto tranquilla perché si trovava a suo agio con quelle che erano due persone molto tranquille. Aspetto` la sua risposta, sempre con il solito sorriso dipinto in volto. *

    @Sprotte_Smerald, @Dorcas_Moore, @Sarah_Jonson,


  • Sprotte_Smerald

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 124
       
       

    *Finalmente era arrivata la barista, cosí Sprotte si avvicinò al bancone per ordinare la stessa cosa che aveva ordinato Chloe*

    Ciao, prendo anche io una burrobirra, grazie mille

    *Poi tornò dalle ragazze e Chloe domandó se avevano qualcosa da raccontare. Cosí Sprotte per rompere il giaccio parlò.*

    Sono qui da alcuni mess eppure mi sembra sempre di essere appena arrivata. Ho problemi ad orientarmi e mi perdonare continuamente, voi quanto ci avete messo ad ambientarvi?

    *Le due ragazze sembravano simpatiche e Sprotte sperò di diventare loro amica. Aveva difficoltà a socializzare con le persone eppure con loro riusciva a parlare tranquillamente.*

    Voi da dove venite? Io vengo da Londra, ma mio padre è Italiano.

    *Continuò Sprotte interrogando le ragazze, non voleva sembrare un'impicciona, ma era curiosa di conoscerle meglio. Era sempre stata molto curiosa e faceva sempre domande su domande, anche se a volte la timidezza la bloccava, ma per adesso non stava andando male.*

    @Sarah_Jonson,@Chloe_Hills




    Ultima modifica di Sprotte_Smerald oltre 6 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Marissa_White

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 275
        Marissa_White
    Tassorosso
       
       

    *Era una giornata molto soleggiata, Marissa era al settimo cielo, era stata finalmente smistata Tassorosso, era emozionata e piena di energie, per affrontare il suo primo anno.
    Dopo essersi sistemata nella sua stanza, decise di uscire e fare un giro andando ai Tre Manici di Scopa,un locale molto frequentato dagli alunni e ragazzi di Hogwarts e non.
    Dopo essere entrata, Marissa notò confusione, e delle ragazze che erano li sedute, non voleva dare fastidio,quindi andò verso il bancone ordinando.*

    Ciao buongiorno sono Marissa,sono nuova e la prima cosa che ho pensato di fare è stata venire qui e prendere una burrobirra per favore.

    *disse emozionata,attendendo la risposta di qualcuno, nel mentre dell'attesa,si guardava torno, ancora incredula di quello che le stava accadendo.
    Era li, lei,proprio lei era riuscita ad entrare ad Hogwarts, ma soprattutto nella casata della sua mamma.
    Nella sua mente pensava a tutte le lezioni che avrebbe seguito, a tutte le sue nuove amicizie,anche alle sue paure.
    Si sentiva un Po spaventata, ma la gioia e l'euforia erano più grandi della sua paura*

    Marissa positiva,basta piangere, devi essere forte, per la tua mamma.

    *diceva tra sé e sé a voce bassa, era una grande opportunità per lei e non doveva farsela scappare per nessun motivo al mondo*.



    Ultima modifica di Marissa_White oltre 6 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 3
    Galeoni: 373
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *La piccola Corva non era di buon umore era da diverse notti che passava senza dormire, riuscendo solo a ricordarsi di quelle semplici lettere che ormai aveva impresse sul suo piccolo molto, come una bambina. Era persa nei suoi tristi pensieri e, su una finestra si vedeva la sua immagine riflessa con delle occhiaie che erano ritornate puntuali sul suo volto. L'unico modo in cui riusciva a tranquillizzarsi e a non diventare una triste fontana ormai dimenticata era leggendo i suoi adorati libri o ascoltare la sua musica babbana. Si accorse solo in quel momento che Dorcas non era di buon umore*

    Dorcas...Qualcosa non va?

    *Chiese sbadigliando coprendosi con una mano. Quel giorno non aveva sete e quindi niente Burro birra. Il suo sorriso ed emozioni che, quando era arrivata nel "bar" uscivano da lei erano ormai stati cancellati da ricordi tristi. Si accorse solo in quel momento di Chloe*

    Oh, ciao Chloe. ..

    *Le sue parole uscirono quasi strozzate e non riuscì a sorridere come faceva di solito. Sprotte raccontò alcune cose su di sé dopo che Chloe aveva parlato, la Corva rimase ad ascoltarle parlare, trattenendo le sue emozioni. Dopo poco ai Tre Manici di Scopo si aggiunse anche un'altra ragazzina che si presentò*

    Ciao Marissa! E un piacere conoscerti. .. Io sono Sarah, lei è la mia migliore amica Chloe e una ragazza simpatica che ho da poco conosciuto, Sprotte

    *Disse facendo un sorriso quasi sforzato*


    @Sprotte_Smerald, @Chloe_Hills, @Dorcas_Moore, @Marissa_White



    Ultima modifica di Sarah_Jonson oltre 6 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Dorcas_Moore

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 110
        Dorcas_Moore
    Corvonero
       
       

    *Dorcas prese a rassettare il bancone, già di per se in ordine, in attesa delle ordinazioni. Preferiva tenersi impegnata, per evitare di doversi intrattenere con qualche estraneo in vena di chiacchiere. Non era mai stata una persona socievole, non che disprezzasse la compagnia, ma a volte la riteneva così futile.
    Non comprendeva quell’assurda necessità di parlare, come se bastasse scambiare due parole per non sentirsi più soli. Quindi preferiva restarsene per conto suo, in silenzio, sperando che nessuno interrompesse il suo ridicolo tentativo di invisibilità.
    La corvonero si specchiò sul fondo lucido di un boccale e sbuffò divertita, era incredibile quanto poco fosse in grado di far trasparire di se stessa. Il riflesso sbiadito le restituì un sorriso gioviale e lei fu costretta a distogliere lo sguardo, disgustata. Cosa avrebbe dato per un buon libro e una cioccolata in quella piccola villetta che aveva comprato la scorsa estate. Agognava quel piccolo angolo di serenità che dopo anni era riuscita a ritagliarsi, quell’osasi felice di cui nessuno era a conoscenza.
    Quando, finalmente, giunsero le ordinazioni, la ragazza si affrettò ad eseguire; non prima di aver rivolto un saluto giovale a Chloe e all’ignota ragazza al suo fianco. Con un fluido colpo di bacchetta riempì due calici di Burrobirra e li spedì al cospetto delle due ragazze al bancone, sorridendo*


    Ecco a voi


    *Non ci aveva messo molto, dopotutto stava prendendo la mano e la magia era di certo un punto a suo favore. Tant’è che all’arrivo di un terzo cliente si ritenne quasi soddisfatta di poter mostrare le proprie abilità pubblicamente, per quanto desolante fosse la circostanza.
    Era la prima volta che vedeva la ragazza che si stava avventurando al bancone, doveva essere del primo anno, quindi cercò di impegnarsi per farla sentire a suo agio. Si avvicinò a lei con tranquillità e le diede il menù, ma a quanto pare la ragazzina sembrava avere le idee chiare*


    Molto bene, te la faccio arrivare subito


    *senza attendere oltre, si affrettò a preparare una terza burrobirra per la giovane tassorosso.
    Dorcas rivolse uno sguardo all’ambiente circostante e si sorprese nel notarlo affollato. Nel giro di pochi minuti il tepore concitante del locale aveva attirato numerosi clienti, quindi si affaccendò a raggiungere i tavoli per raccogliere le ordinazioni.
    Con un rapido movimento di bacchetta raccolse i capelli in una crocchia composta e stirò le pieghe del vestito prima di oltrepassare il bancone. Si affrettò a raggiungere i tavoli e ad accogliere i clienti per poi tornare al bancone per preparare il tutto.
    Giunta alla solita postazione trovò ad attenderla una concasata dall’aspetto familiare, le parve stanca e sovrappensiero ma non ebbe il tempo di indagare che lei lo fece per prima.
    Dorcas si stupì dello spirito di osservazione della giovane, ma si affretto ad occultare qualsiasi sentimento contrastante e a sorridere allegramente*


    Assolutamente, va tutto a meraviglia. Tu piuttosto, desideri qualcosa per risollevarti? Mi sembri stanca.



    @Sarah_Jonson, @Chloe_Hills, @Marissa_White, @Sprotte_Smerald


  • Sprotte_Smerald

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 124
       
       

    *Mentre aspettava la sua burrobirra Sprotte vide entrare nel locale un'altra ragazza, aveva la sua stessa divisa nera e gialla e la tassetta capì subito che la nuova arrivata era una tassorosso e a giudicare dalla sua espressione entusiasta e impaurita allo stesso tempo sembrava chevfosse del primo anno anche lei. Allora non era l'unica che si sentiva così anche dopo che erano passati dei mesi dal primo giorno! Sprotte era curiosa di conoscerla e la osservò avvicinarsi al bancone per ordinare. Anche lei prese una burrobirra e si presentò alla barista come Marissa. Poco dopo la barista pose l'ordinazione di Sprotte sul bancone e la bambina si avvicinò per prenderla. Poi si voltò verso l'altra tassetta e le sorrise.*

    Ciao! Io mi chiamo Sprotte Smerald, comunque hai un bel nome!

    *Disse Sprotte timidamente. Di solito non era così socievole, ma quell'ambiente la rilassava e poi ora stava iniziando una nuova vita e poteva anche cambiare e diventare meno timida e più estroversa. Alla fine si trattava solo di provarci e lei lo avrebbe fatto.*

    @Sarah_Jonson


  • Chloe_Hills

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 509
        Chloe_Hills
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Ciao Marissa, piacere! Io sono Chloe

    *Chloe aveva salutato con un grande sorriso dipinto sul viso la nuova arrivata, Marissa, ed era ancora piu` contenta per il fatto di essere stata accettata nel gruppo. Non conosceva Marissa, anche se il suo viso le sembrava familiare, forse l`aveva incrociata fra i corridoi di Hogwarts! Quando si accorse che al bancone era apparsa Dorcas, la Serpe la saluto` con un cenno di mano affettuoso e un altro sorriso, che si sovrappose a quello fatto prima. Ringraziandola cordiale, Chloe afferro` il calice grondante di Burrobirra e inizio` a sorseggiarla pigramente, mentre il suo sguardo vagava verso le tortuose colline che riempivano il paesaggio*

    Grande! Anche io vengo da Londra, nonostante abbia origini italiane da parte della mia mamma. Voi?

    *La silimitudine con Sprotte riguardo la provenienza la fece esultare. Non molti venivano dall`enorme citta` di Londra, nientemeno con origini italiane.*

    Come vi trovate qua a Hogwarts?

    @Sarah_Jonson, @Marissa_White, @Dorcas_Moore, @Sprotte_Smerald




    Ultima modifica di Chloe_Hills circa 5 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Marissa_White

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 275
        Marissa_White
    Tassorosso
       
       

    *Marissa era li al bancone aspettando la sua ordinazione,quando le si avvicinò una ragazzina sorridendole e presentandosi.
    Il suo nome era Sprotte anche lei Tassorosso,timida ma davvero una bellissima persona, si vede a dal viso e dai suoi occhi che era sincera.
    Si complimento con lei per il suo nome*

    O ti ri grazie Sprotte davvero sei molto gentile,sono felice che facciamo parte della stessa casata davvero, e sempre bello conoscere qualcuno.

    *rispose Marissa sorridendo, aveva apprezzato molto il farsi avanti della ragazza, per molti non è facile, perché avendo già creato la loro cerchia di amicizie, chi si avvicinerebbe ad una nuova estranea.
    Per fortuna per lei non fù così, mentre chiacchierwva con Sprotte, un altra ragazza si avvicinò a loro, il suo nome era Chloe, molto simpatica anche lei, alla domanda come si trovassero ad Hogwarts, Marissa si fermò un secondo, era combattuta tra due mondi, il primo che la faceva sentire bene, era per lei una nuova vita una possibilità che non tutti avevano avuto come lei, doveva vi sto a al pieno, l'altro era il suo lato nostalgico, che la rendeva triste e malinconica, la mancanza dei suoi la distruggeva, dove avrebbe passato le festività?, mentre gli altri tornavano a casa, lei dove sarebbe andata ?,decise di rispondere come meglio per lei*

    Il piacere è mio Chloe grazie, mi trovo molto bene sono emozionata w spero di trovarmi ancora meglio con il passare del tempo, degli anni.
    Tu come ti trovi?

    *Le rispose con dolcezza, ponendo a lei la domanda appena ricevuta, nel giro di poco tempo aveva già conosciuto due ragazze e chissà forse sarebbero diventate sue amiche, lo sperava tanto, ave a anche e sopratutto bisogno di quello, amiche, si ripeteva fi stare rilassata e pensare solo alle cose belle che le sarebbero succede nel tempo, via la tristezza non poteva vivere sempre così non era giusto, era solo una ragazzina ed aveva una lunga vita davanti a sé perché rovinarla con brutti pensieri.
    Le ragazze erano davvero forti, le trasmettevano solarità e tranquillità, parlava con disinvoltura, e rideva come non aveva mai fatto da molto tempo*


Vai a pagina 1, 2  Successivo