Hogwarts - Dintorni
Hogwarts - Dintorni


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Sarah_Khan


  • Sarah_Khan

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 2
    Galeoni: 211
        Sarah_Khan
    Serpeverde
       
       

    *Sarah era tornata a Hogwarts da qualche mese ed era davvero felice di poter ricamminare nei corridoi di quel castello immenso.
    Ma Sarah Khan chi era davvero? Sarah Khan nacque il 18 Febbraio a Builth Wells da madre e padre Purosangue. Donald Khan e AnneMarie Baker si conobbero sui banchi di scuola ed entrambi appartenevano alla casa di Serpeverde. Una volta usciti dal castello l'uomo intraprese la carriera di Spezzaincantesimi, mentre la donna quella di Erbologa infatti nella casa che divise con suo compagno e poi con sua figlia, al di là del giardino c'è una piccola serra con alcune piante magiche. Sarah fu l'unica figlia della coppia di innamorati che, nonostante il tempo passato, non si sono mai sposati. Durante la sua infanzia, Sarah, non frequentò scuole ma ricevette un'educazione “casalinga” grazie anche alla madre e alla sua passione, di conseguenza quando la giovane giunge a Hogwarts conosceva già molte cose riguardo la magia, ma soprattutto riguardo le Pozioni e l'Erbologia.
    Sarah essendo cresciuta a Builth Wells, nella campagna del Galles ama la natura e i suoi rumori che riescono a tranquillizzarla, motivo per cui quella sera si trovava fuori dalla propria sala comune.
    Amava Hogwarts e i suoi corridoi e le sue aule, ma preferiva di gran lunga sentire l'aria accarezzarle il volto, e quale luogo era più perfetto che i dintorni di Hogwarts.
    Sapeva che rischiava di essere scoperta da qualche professore e, di conseguenza, punita, ma era un adolescente e le regole non facevano per lei.
    Camminando la ragazzina si ritrovò in un luogo che aveva sempre osservato da lontano ma che mai, durante il giorno, si era avvicinata: il Platano Picchiatore.*


    *Il Platano Picchiatore era un enorme albero magico che era stato piantato li anni e anni prima. Molti dicevano che era stato piantato per nascondere un passaggio segreto per la Stamberga Strillante, ma quelle erano solo dicerie.. o forse no.
    Sarah rimase a debita distanza dal magico albero, tanto da non essere colpita dai suoi giganteschi rami ma poter osservarlo bene in tutta la sua maestosità.
    Sorrise senza un vero perchè.


    Tornò in sé solo nel momento in cui sentì dei leggeri rumori proveniente da poco lontano da lei.
    Si guardò attorno ed istintivamente posò la mano destra sull'impugnatura della bacchetta che teneva nella tasca apposita del mantello.*

    Chi va la.


    @Sarah_Jonson,


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 444
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    [TORRE OVEST]


    *Quella sera di ottobre la ragazza aveva cenato in Sala Grande, ovviamente nel proprio tavolo, quello dei Corvonero. Era andata velocemente nella sua stanza di dormitorio ed era rimasta lì per leggere, infatti la ragazza ormai quattordicenne passava spesso il suo tempo a leggere libri presi dalla biblioteca di Hogwarts, la scuola che frequentava da ormai quattro anni. Come ogni anno la scuola di magia e Stregoneria era iniziata il primo settembre di quell'anno, la Corvonero aveva iniziato suo quarto anno. Durante l'estate aveva lavorato nei due locali più famosi ad Hogsmeade, i Tre Manici di Scopa e la Testa di Porco, luoghi a cui si era affezionata, per la ragazza era facile affezionarsi sia a cose, che persone, che luoghi, era fatta così. Era felice di essere tornata nella sua scuola, adorava la magia, anche se era una nata-babbana, non se ne era mai vergognata, in molti forse la disprezzavano per le sue origini, in particolare Purosangue, ma a lei non importava. Chiuse il suo libro scendendo la Torre dei Corvonero, in quel momento una direzione precisa non ce l'aveva, aveva solo voglia di uscire a fare un giretto per il castello da sola, era da tanto tempo che non lo faceva. Quel giorno la ragazza indossava la sua solita divisa da Corvonero, perfettamente ordinata, come piaceva a lei, e i suoi capelli rossi, a volte mossi erano ormai cresciuti, così li aveva raccolti in una coda rosso fuoco. I genitori della ragazza dai capelli rossi erano entrambi due babbani, nati e cresciuti a Londra, capitale della Gran Bretagna, erano entrambi due giornalisti che si erano trasferiti quando Sarah aveva 8 anni a Dublino, la capitale dell'Irlanda, ma la giovane, troppo affezionata ai suoi nonni e alla città era riuscita a convincere i genitori a farla rimanere a Londra con i nonni paterni, unici nonni che era riuscita a conoscere. La quattordicenne aveva anche un fratellastro e una sorellastra, due babbani, a cui era affezionata e che per lei erano come un fratello e una sorella, anche loro si erano trasferiti a Dublino con i genitori. Così Sarah iniziò a vivere con i nonni, vedeva i suoi genitori durante le vacanze estive e invernali, arrivò poi un giorno importantissimo per la ragazza che aveva da qualche giorno compiuto 11 anni (il 31 luglio), il giorno in cui arrivò la sua lettera per la scuola di magia e stregoneria di Hogwarts, era una giornta estiva e in quel momento era insieme a tutta la sua famiglia, era felice e soddisfatta di essere stata ammessa a quella scuola, poichè per lei era una cosa alquanto bizzarra essere ammessa in una scuola magica, dato che era nata e cresciuta fra i babbani, anche se le era capitato da qualche mese di non riuscire a controllarsi*

    [PLATANO PICCHIATORE]


    *Scese le lunghe scalinate Sarah fece un giretto arrivando poi, quando era ormai buio in un luogo in cui era stata poche volte, si trattava di un albero chiamato "Platano Picchiatore", un albero secolare, che aggrediva chiunque persona si avvicinasse, muovendo i suoi lunghi rami, la Corvonero non vedeva benissimo l'albero, ma le sembrò di vedere qualcuno, non vedeva la faccia di quella persona, decise così di avvicinarsi, facendo qualche rumore con le sue scarpe nere*

    Chi va la.

    *Disse una voce, probabilmente la persona a cui la quattordicenne si stava avvicinando, le sembrva una ragazza, aveva dei capelli rossi, più o mneo come lei, le sembrava di aver sentito già la sua voce, ma non ne era sicurissima, si ricordò di aver sentito la voce di quella ragazzina al banchetto d'inizio anno, ma certo si chiamava come lei, Sarah Khan... Se non si sbagliava era al secondo anno, ed era una Serpeverde, con cui non aveva mai parlato, ma solo incrociato. La ragazza dai capelli rossi e gli occhi verdi guardò l'altra Sarah con un mezzo sorriso*

    Ehylà, tranquilla. Sono Sarah Jonson, Corvonero al quarto anno, piacere. Tu sei, invece?

    *Chiese continuando a fissare la ragazzina dodicenne*



    @Sarah_Khan, @Ronald_Canard, @Eirwen_Quinn, @Esperanza_Fuentes,




    Ultima modifica di Sarah_Jonson 5 giorni fa, modificato 1 volta in totale


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 3
    Galeoni: 175
       
       

    [DORMITORIO TASSOROSSO


    *Sembrava una tranquilla serata di novembre, Esp era tornata da qualche ora dal suo lavoro al Ride your dreams, dall'inizio dell'anno aveva cominciato a far tirocinio al negozio di scope de Morgana Street, un impegno che la teneva occupata tutti i pomeriggi. Da quando era rientrata ad Hogwarts non ebbe molto tempo per sistemare bene i suoi indumenti, quindi tiró fuori tutti i vestiti dall'armadio facendoli volare a terra per tutta la stanza e cominciò a ripiegarli per bene, quasi dimenticando di nutrire la sua Elly. Elly era una coniglietta dal pelo lucido e bianco con qualche macchia nera sulle orecchie. La comprò il suo primo anno di scuola al Serraglio Stregato e le era molto affezionata. Prese la scatola di mangime e chiamò la piccolina ma questa volta non corse al suo richiamo. La Tassorosso si prese di panico e cominciò a cercarla, prima tra i vestiti sparsi a terra, poi sotto i letti, sotto le coperte, ma di Elly non c'era la minima traccia. Pensò che forse era scivolata dallo zaino tornando da lavoro. Questo pensiero la spaventó ancora di più. Se si era persa vicino al platano picchiatore per lei non c'era speranza. Il platano era un albero secolare, era gia li da quando sua nonna frequentava quella scuola. Si divertiva a picchiare con i suoi rami tutto e tutti quelli che gli si avvicinavano. Esp si vestí di corsa, prese una giacca molto pesante e la sua sciarpa, ignorando che così facendo violava un'altra volta il coprifuoco, ma non gli importó più di tanto. Doveva trovare la coniglietta a tutti i costi. Aprí la porta della sua camera facendo molta attenzione a non far rumore, passó la sala comune, fortunatamente non facendo incontri inaspettati e sgattaioló fuori dal castello. Anche se la serata era piuttosto serena fuori faceva un freddo pungente e si pentí subito di non aver preso un altra giacca. Mise il cappuccio e la sciarpa in modo da attirare il meno possibile l'attenzione degli insegnanti e corse verso il vecchio albero.*

    [PLATANO PICCHIATORE]


    *Il gelo era asfissiante e quasi non sentiva più le dita dei piedi, per fortuna mancava poco al suo arrivo. Prese lo stesso percorso usato quando tornó da lavoro ma ancora non trovó traccia Elly. Arrivó ai pressi del platano e non era affatto tranquillo, sembrava quasi che ci fosse qualcuno a pochi metri da lui. La Tassetta si avvicinò pensando fosse Elly, ma sentii subito dopo parlare e gli animali non parlano, neppure ad Hogwarts. Con molta cautela si avvicinò. *



    Salve. Sono Esperanza Fuentes Tassorosso al terzo anno. Voi chi siete?

    *Temeva fosse qualche professore o qualche prefetto. Ma questo non impedì ad Esp di continuare le ricerche. *

    @Sarah_Jonson, @Sarah_Khan, @ailea_fuentes




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes 4 giorni fa, modificato 1 volta in totale


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 2
    Galeoni: 54
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [Torre CorvoneroDormitorio maschile]
    *Dopo essersi messo una tuta da ginnastica come pigiama e si a volte la usava come pigiama. E dopo aver preso la bacchetta perché voleva esercitarsi un po’ e dopo essersi allenato ed erano quasi le 22.00 decise di mettere a dormire Trixie e cosicché poi ci andava lui. La sorte non volle perché Trixie, per qualche motivo non voleva dormire.
    E quindi aprì la porta e Trixie scappò via come un razzo, lui la seguì ma imprecò in silenzio con una frase del genere.
    E disse:*

    Accidenti a te..

    *perché non voleva svegliare gli altri, che magari a quell’ora stavano dormendo.
    Arrivò in giardino e poi la cercò fino ad arrivare ai pressi di un albero il Platano Picchiatore. Quest’albero, secondo voci di corridoio, nascondeva un passaggio segreto.*

    [Pressi del Platano Picchiatore]

    *Mentre stava seguendo Trixie e logicamente aver usato il lumos per cercarla meglio e con quella fioca luce vide due chiome rosse e una castana in lontananza che le prime due le riconobbe subito essendo abituata perché ormai avevano fatto amicizia e cioè Esperanza e l’altra rossa perché l’aveva vista nella loro Torre Corvonero Jonson, quando senti le due voci capì di non essersi sbagliato ma la terza non l'aveva mai vista o meglio mai incontrata e quindi disse :*

    Ciao Esp. Buonasera Jonson e ….

    * Le salutò cosi perché era abituato a salutare formalmente una persona più grande di lui e in modo informale chi era della stessa età, guardando verso la ragazza castana che sembrava della stessa età

    Io sono Ronald Canard, piacere ?

    *Probabilmente lo conosceva di vista durante lo smistamento del Cappello Parlante. *

    meglio poco che niente no ? Magari poi mi verrà in mente qualcosa.







    @Sarah_Khan, @Sarah_Jonson, @Esperanza_Fuentes,




    Ultima modifica di Ronald_Canard Lunedì, modificato 1 volta in totale


  • Raven_Lovely

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 208
        Raven_Lovely
    Corvonero
       
       

    [TORRE CORVONERO DORMITORIO FEMMINILE]

    *Raven stava spensieratamente svolgendo i compiti di pozioni, materia che aveva sempre amato, nella sua camera. Era solita farli di sera tardi, in un certo senso la rilassava. Diede da mangiare a Lexy, la sua volpina, e una volta finito stava per mettere il pigiama quando, d’improvviso, dalla finestra intravide delle luci provenienti dalla zona del Platano Picchiatore. Nonostante fosse molto bene a conoscenza del coprifuoco imposto dalla scuola, era troppo ansiosa di sapere il motivo per il quale qualcuno dovrebbe avvicinarsi a quell’albero soprattutto a quell’ora di sera. Cercando di non fare rumore, si diresse verso il Platano, dove aveva visto quelle luci.*

    [PLATANO PICCHIATORE]

    *C’era un’aria a tratti inquietante e Raven sicuramente non avrebbe desiderato stare in quel posto a lungo. Sii avvicinò cautamente verso quattro persone che sembravano conversare pacificamente di argomenti a lei sconosciuti e che sperava presto di conoscere. Tra di loro riconosceva due volti, due compagni di casata per la precisione, dato che li aveva visti spesso nella sala comune dei Corvonero, nonostante ciò non avrebbe saputo identificare le altre due. Una volta capito che erano solo studenti, decise di intervenire nella conversazione, per poi decidere cosa fare durante lo svolgimento della conversazione.*

    Cosa ci fate qui? Sono Raven, Corvonero primo anno, voi?

    *Chiese con un tono pacifico, intenta a conoscere quei quattro ragazzi forse di poco più grandi di lei, dato che ancora non si era procurata amici nella scuola. Nonostante il freddo gelido che sin da piccola ben sopportava e l’ambiente inquietante dato anche dall’albero, Raven era definibile alquanto tranquilla e spensierata in quella curiosa notte.



    @Ronald_Canard, @Esperanza_Fuentes, @Sarah_Jonson, @Sarah_Khan

  • Sarah_Khan

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 2
    Galeoni: 211
        Sarah_Khan
    Serpeverde
       
       

    *Dall'oscurità comparve una ragazza poco più grande di Sarah. La conosceva, o meglio sapeva chi era dato che l'aveva vista ad alcune lezioni di Cura delle Creature Magiche

    Ehylà, tranquilla. Sono Sarah Jonson, Corvonero al quarto anno, piacere. Tu sei, invece?

    *Disse la ragazza di Corvonero, facendole abbassare leggermente la bacchetta.*

    Oh so chi sei, frequenti anche tu l'aula del professor Largh.

    *Affermò la Serpeverde che, con la Corvonero, condivideva lo stesso nome. Stava per dire qualcosa alla ragazza che anche lei aveva deciso di infrangere le regole del castello quando, a sua sorpresa, una terza voce la fece sobbalzare.
    Un altra ragazza aveva deciso di optare per l'aria fresca della notte piuttosto che rimanere chiusa nel castello di Hogwarts.*

    Salve. Sono Esperanza Fuentes Tassorosso al terzo anno. Voi chi siete?

    *Domandò la ragazza che Sarah Khan non conosceva.
    Non erano molti gli studenti che la Serpeverde conosceva, le sue amicizie infatti si limitavano agli studenti purosangue della sua stessa casata, cioè quella fondata dal famigerato Salazar Serpeverde.
    La serata iniziava a farsi leggermente affollata per la dodicenne, in particolare divenne troppo affollata quando a quelle tre ragazze si aggiunsero altre due persone.*

    Ciao Esp. Buonasera Jonson e ….
    Io sono Ronald Canard, piacere ?

    Cosa ci fate qui? Sono Raven, Corvonero primo anno, voi?

    *Sarah iniziava ad essere seccata di tutta quella situazione.
    Aveva pensato che fare qualche passo fuori dalle mura asfisianti del castello potesse essere una buona idea, di certo non si sarebbe immaginata di incontrare più gente li che nella Sala Grande.*

    Io sono.. non sono affari vostri


    *Disse stizzita la ragazza che, sempre con la bacchetta puntata verso di sé osservava i ragazzi attorno a lei con sguardo serio e quasi di sfida.
    Non aveva voglia di condividere la sua trasgressione con altri, quindi sbuffando rumorosamente e imprecando sottovoce non fece altro che andarsene.
    Era mai possibile potersi godere l'aria aperta in santa pace? A quanto pareva non solo il castello di Hogwarts era affollato, anche i suoi esterni e dopo il coprifuoco lo erano.
    Sarah non disse nient'altro, passò affianco alla ragazza di Tassorosso e quello che sembrava essere un suo amico che per qualche ragione (positiva o negativa chissà) Sarah non conosceva.*


    @Raven_Lovely, @Ronald_Canard, @Esperanza_Fuentes, @Sarah_Jonson,