• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Ronald_Canard


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 36
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [Dormitorio --> Sala comune Corvonero --> Sala Grande]
    *Dopo un paio di giorni la bacchetta dategli da sua madre non gli obbediva più come prima, perché si sa che a volte le bacchette prestate non funzionano molto bene con i nuovi padroni e quindi decise di andare a comprarne una a Hogsmeade, prima di creare grossi guai o peggio. Scese nella sala comune e di conseguenza nella sala Grande, dove c’erano ancora delle persone, probabilmente l’ultimo giro a Hogsmeade prima dell’ora di dormire.
    Pertanto s’intrufolò nel gruppo che s'era formato li in sala grande e partirono per Hogsmeade.

    [HOGSMEADE ..> SALILLS NEGOZIO DI BACCHETTE]

    Dopo un po’ e poiché erano lì, Ron disse al prefetto che li aveva accompagnati fuori da Hogwarts:*.

    Dovrei andare a cambiare la bacchetta. Vado e torno

    *S’incamminò verso la bottega delle bacchette e arrivò e sperando che fosse ancora aperta magari sua madre aveva avvisato la proprietaria @Charlotte_Mills di non chiudere prima dell'ultimo arrivo da Hogwarts *


    @Charlotte_Mills, @Esperanza_Fuentes

    pensato





    Ultima modifica di Ronald_Canard oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso Barista 3MDS

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 863
       
       

    SALA COMUNE TASSOROSSO


    *Era una bellissima serata di ottobre nonostante il freschetto che tirava e le piogge dei giorni precedenti. Esp si trovava accanto alla finestra a ripassare arti oscure, aveva finito da poco di cenare, il banchetto era stato squisito quel giorno e la tassetta si era abbuffata tanto, specialmente di dolci e adesso si sentiva un po' appesantita. Poi guardando l'ora si ricordò di avere un appuntamento con un ragazzo nuovo che aveva conosciuto a lezione di pozioni. Quindi si alzò dalla calda poltrona e si diresse verso l'armadio, pensò che fosse meglio vestirsi pesante, quindi indossó una semplice felpa e un paio di jeans neri, indossó il giubbotto e uscì dalla camera nonostante sapeva che il coprifuoco era già passato da un pezzo. Sperava che quell'infrazione non l'avesse messa nei guai. Però lei ricordava cosa significava essere una novizia e non voleva negare il suo aiuto al suo nuovo amico. Uscendo dal castello c'era ancora più freddo di quando pensasse, quindi decise di tornare indietro a prendere la sua sciarpa non voleva rischiare un influenza che le avessero fatto saltare le lezioni. Andò di corsa al dormitorio, prese la sciarpa e saluto la sua coniglietta Elly, uscì e si incamminó verso il luogo accordato.*




    HOGSMEADE-SALILLS NEGOZIO DI BACCHETTE


    *Arrivata ad Hogsmead era tutto buio e deserto, quasi ebbe paura a camminare da sola, sperava solo di trovare il suo amico il più velocemente possibile. Dopo un paio di metri lo vide in lontananza e corse per raggiungerlo. *

    Ehy Ronald che bello vederti. Temevo che lungo la via avrei trovato qualche animagus, specialmente in questa notte di luna piena.. Allora sei pronto per la tua nuova bacchetta? Spero che il negozio sia aperto anche perché abbiamo violato il coprifuoco.

    *Disse la piccola con il sorriso più amichevole che aveva. Arrivati davanti la porta del negozio bussò un paio di volte sperando che qualcuno venisse ad aprire.*

    @Charlotte_Mills, @Ronald_Canard,




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 36
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    *Ronald_Canard quasi prima di arrivare al negozio venne raggiunto da Esperanza. La quale disse che era bello vedersi ed aveva avuto paura di trovare qualche animagus. Ronald prima ricambio il saluto *:

    Ciao Speranza, e bello vederti anche per me. Scusami se avessi fatto perdere dei punti alla tua casa nella lezione di pozioni.
    Era solo la mia curiosità visto che per me è tutto nuovo.


    *Poi quando arrivarono al negozio dopo che Esperanza aveva bussato lui provò ad aprirla, e la porta era aperta e prima di entrare chiese ad Esperanza:*.

    Gli animache ? Chi sono ?

    *quindi si diresse al bancone e chiedendo al commesso di turno, non s'accorse, che era proprio la preside chiese: *

    Buonasera, scusi il ritardo ma dovrei comprare una bacchetta, poiché questa di mia madre non mi ubbidisce più come all’inizio e non vorrei che succedesse qualcosa di pericoloso...



    *E Attendendo la risposta e la reazione del commerciante, si guardò in giro vedendo sempre delle belle custodie. *



    Ultima modifica di Ronald_Canard oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 254436
       
       

    *Il pomeriggio era passato lento e, dopo cena che la donna aveva mangiato velocemente nel retro del negozio di bacchette, Charlotte Mills si era assopita alla scrivania del retrobottega. Era quasi un mese che la ex Serepverde era rimasta l'unica socia e proprietaria di quel negozio e, doveva ammetterlo, il lavoro non era mai stato tanto.
    L'ex Serpeverde aveva molto alla quale pensare: gli impegni come Preside, come madre e anche come commerciante di Hogsmeade. Iniziava va pensare che tutto quello fosse troppo per lei, forse doveva cercare un nuovo socio? O un nuovo tirocinante che con il passare del tempo sarebbe divenuto secondo proprietario?
    Erano tante le cose che passavano per la mente della donna, ma non abbastanza da tenerla sveglia in quella sera di luna piena.
    Avvolta nel silenzio sentiva lo stress affievolirsi fino a quando un rumore non provenì dal cuore del negozio.


    Piano aprì gli occhi, cercando di comprendere se si era immaginata tutto quanto o era davvero entrato qualcuno nell'unico negozio di bacchette di Hogsmeade.
    Il rumore che aveva udito era il rumore di un bussare forte e deciso alla porta principale. Charlotte aggrottò la fronte, perchè bussare quanto il cartello appeso alla porta recitava “aperto”?
    Teneva quel locale sempre aperto quando si trovava li, non le importava l'orario ma ovviamente mai si sarebbe immaginata, alle dieci di sera, di vedere due studenti giunto li per qualche strano e curioso motivo.*

    Buonasera, scusi il ritardo ma dovrei comprare una bacchetta, poiché questa di mia madre non mi ubbidisce più come all’inizio e non vorrei che succedesse qualcosa di pericoloso...

    *Disse lo studente più giovane che, la donna, riconobbe come Ronald Canard.
    Essendo Preside di Hogwarts conosceva quasi tutti gli studenti che frequentavano la sua scuola, o meglio: ci provava.
    La donna dai capelli corvini rimase in silenzio con lo sguardo fisso su Ronald ed Esperanza che, a quanto pareva, aveva deciso di accompagnare il giovane undicenne.*

    Potrei rifiutarmi di aiutarvi, visto che avete infranto il coprifuoco.... Quando avremo finito qua torneremo al castello assieme.

    *Affermò seria Charlotte mentre si avvicinò ad alcune scatole contenenti catalizzatori magici.*

    Mi chiedo cosa ci sia di così interessante da dover infrangere le regole ed essere puniti.
    Ah.. adolescenti.

    Dunque signor Canard, provi con questa: Cedro, 13'Pollici, Crine di Thestral



    *Concluse la ex Serpeverde porgendo il primo catalizzatore magico al giovane studente giunto nel suo negozio a quell'ora tarda. Se aveva deciso di recarsi li a quell'ora, infrangendo una delle regole più importanti di Hogwarts, doveva essere davvero proprio importante.*


    [@Ronald_Canard, @Esperanza_Fuentes,


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 36
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [SALILLS NEGOZIO DI BACCHETTE]

    *Ronald fu doppiamente imbarazzato perché il primo motivo era che aveva messo nei guai, per la seconda volta Esperanza e il secondo perché si era anche dimenticato che la proprietaria del negozio era proprio la preside di Hogwarts. Prendendo la bacchetta disse *

    Scusi direttrice mentre stavo usando la bacchetta come ripasso mi aveva fatto degli scherzi, cioè... Insomma...
    Cioè... Mi veniva fuori l'esito opposto di quello che richiedevo. Insomma...Cioè ...Se uso l'incanto d'appello, l'oggetto appellato(?)
    si allontana. Non vorrei che poi in una lezione in vostra presenza o di persone importanti o anche ai miei compagni succedesse qualcosa di più grave.


    *E quando stava dicendo ciò, la bacchetta gli sembrò tremolare un paio di volte come se avesse tenuto in mano telefonino in vibrazione. E aggiunse: *

    Io accetterò qualsiasi tipo di punizione che mi darà.
    * Ronald chinò il capo, in segno di rassegnazione e aspettando la reazione di Esperanza, sperando che il suo nome le portasse fortuna, pensò: *

    speriamo che mi serva da lezione per rispettare il coprifuoco.


    meglio poco che niente, no ?
    Leggenda:
    pensato
    Parlato
    scritto su pergamena
    @Charlotte_Mills, @Esperanza_Fuentes


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso Barista 3MDS

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 863
       
       

    *Dopo un paio di minuti di attesa qualcuno venne ad aprire la porta, ciò che vide era una stanca Charlotte, Esp fu molto imbarazzata per aver svegliato la sua preside. Sicuramente quella violazione del coprifuoco avrebbe avuto delle conseguenze, sperava solo che la punizione non avrebbe influenzato il suo rendimento scolastico o peggio togliere dei punti per la coppa delle case. Non voleva mettere a repentaglio anche i suoi compagni Tassorosso. Tuttavia dopo che la signorina Mills li rimproveró a dovere li invitó ad entrare nel suo negozio. Sembrava un po' severa ma aveva un cuore d'oro. Ronald guardava i catalizzatori che la proprietaria aveva da offrire mentre Esp si mantenne a debita distanza per lasciare un po' di privacy al suo nuovo amico. Erano ormai mesi che la ragazza non metteva piede al Salils, ma ciò che vedeva la estasiava ogni volta. C'erano bacchette di tutti i tipi riposte all'interno a delle costodie ben curate, o depositate dentro a delle teche di vetro. Altre invece erano accatastate in vecchi scaffali di legno. Ad Esperanza piacevano, conosceva tutti i catalizzatori dei maghi più famosi della storia della magia.*

    Signorina Mills, io amo il suo negozio. Se un giorno dovrebbe aver bisogno di una tirocinante non esiti a chiedere!

    *Esp era un po' di tempo che cercava un impiego ma non aveva trovato ancora nulla di interessante. Non le piaceva stare in camera poltrire e quasi tutte le sue amiche avevano un lavoro fantastico. Sperava con tutto il cuore che la Signorina Mills tenesse in considerazione la sua richiesta, poi si avvicinò al bancone per vedere come proseguiva la scelta della bacchetta.*

    Dunque signor Canard, provi con questa: Cedro, 13'Pollici, Crine di Thestral

    Cosa aspetti Ron? Agitala, vediamo che succede.

    *In verità la pel di carota stava morendo dal sonno ed era molto angosciata per la punizione che avrebbe ricevuto non appena sarebbero arrivati al castello.*

    @Charlotte_Mills, @Ronald_Canard,




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 36
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    SALILLS NEGOZIO DI BACCHETTE]

    *Mentre la bacchetta vibrava ed Esperanza gli disse di provare a muoverla e lui la agitò e all’inizio sembrò che non succedesse niente e disse: *

    Io la sento vibrare in mano è normale ?scusa adesso sento un senso di calore che significa?

    *L’aveva chiesto perché vivendo come babbano aveva preso anche la curiosità della gente senza poteri magici. In poche parole Ron aveva misto di emozioni cioè di perplessità, anche di entusiasmo per la vera Magia e proseguì dicendo:*

    Vuol dire che è quella giusta ?

    *E aspettò le risposte delle due persone che erano lì nel negozio. E aspettò l’ordine di rincasare assieme alla preside, anche se poi sarebbe stato poi preso in giro dai suoi compagni, o almeno era ciò che temeva o meglio aveva paura che la sua scarsa praticità al coprifuoco facesse perdere punti alla sua Casa.*


    meglio poco che niente, no ?
    @Charlotte_Mills, @Esperanza_Fuentes




    Ultima modifica di Ronald_Canard oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale