Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Kevin_Mitchell


  • Kevin_Mitchell

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 422
       
       

    *Kevin era un ragazzo come tanti.. esteticamente.
    Kevin Mitchell era figlio di madre Babbana e padre mago. Elisabeth Logan era una semplice impiegata di un ufficio commerciale, mentre George Mitchell era un mago impiegato al Ministero della Magia come collaboratore del dipartimento delle Catastrofi e degli Incidenti Magici. Il piccolo Kevin, fino all'etÓ di undici anni aveva frequentato le scuole elementari babbane, imparando cose che nel mondo dei maghi probabilmente non avrebbe mai imparato.
    Era proprio per quel motivo che molti suoi compagni di scuola, a Hogwarts, lo prendevano di mira chiamandolo secchione e altri nomignoli simili.
    A lui piaceva lo studio, sia riguardo le materie insegnate al castello di Hogwarts sia quelle che conosceva i Babbani.
    Era proprio da un gruppetto di studenti poco pi¨ grandi di lui che stava scappando. Correva e correva veloce.
    Quel pomeriggio aveva deciso di recarsi a Hogsmeade.. mai decisione fu peggiore, era infatti proprio poco fuori dal famoso pub Testa di Porco che Kevin aveva incontrato quegli studenti che si sentivano tanto superiori di lui.
    Stava correndo veloce quando vide una casa dismessa, poteva essere un ottimo luogo dove nascondersi per scampare alle grinfie di quei bulli. Decise quindi di entrare velocemente in quella catapecchia disabitata.
    Respir˛ profondamente cercando di riprendere fiato, fu in quel momento che si guard˛ bene attorno. Quella casa non era solo decadente fuori ma lo era anche all'interno.
    Era talmente fatiscente che ad ogni filo di vento si sentiva scricchiolare qualche intercapedine.



    Disse, pensando di non essere l'unico li dentro.
    Fece qualche passo verso l'interno, cercando di non calpestare chiodi sporgenti, travi mezze rotte o topi morti.*

    Ma in che razza di luogo sono finito?

    *Si domand˛ il Tassorosso, accorgendosi solo in un secondo momento che quella catapecchia nella quale era entrato era proprio la famigerata Stamberga Strillante.*

    @Esperanza_Fuentes,


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 270
       
       

    [DORMITORIO TASSOROSSO]


    *Le lezioni erano finite da poco, Esp tornˇ in camera esausta, aveva bisogno una pausa, di staccare la spina da quella routine quotidiana. Tolse la toga e si sdraiˇ sul suo letto accarezzando la sua coniglietta Elly.*

    Elly che potrei fare oggi? Sono stufa di passare le giornate chiusa in questa stanza.. Mi sento una prigioniera.

    *Esp usciva raramente, preferiva passare il suo tempo a studiare e ripassare incantesimi. Desiderava portare onore a sua nonna e al cognome che portava, la nonna era stata una grande strega ma purtroppo un giorno fu uccisa dai mangiamorte ed Esp non ebbe il tempo di conoscerla, quando morý aveva solo due anni. La sua mamma le raccontava che le piaceva passare il tempo alla stamberga strillante, si diceva che quel posto era infestato dai fantasmi. La pel di carota non vi era mai entrata, il primo anno di scuola c'Ŕ stata per giocare con la neve con i suoi compagni, ma solo fuori. Cosý decise che la tappa di quel pomeriggio doveva essere proprio quel posto misterioso. La Tassetta si alz˛ dal letto e corse a cambiarsi, indossˇ un pantalone nero e un maglioncino altrettanto nero di unica tinta, indossˇ gli stivali prese la giacca e uscý dall'alloggio. Ci voleva un po' per arrivare ad Hogsmeade, ma ne approfittˇ per fare una passeggiata e sgranchirsi un po' le gambe, si sarebbe anche fermata al Mielandia di ritorno, adorava i suoi dolciumi.*

    [STAMBERGA STRILLANTE]


    *Dopo una bellissima passeggiata finalmente giunse al villaggio di Hogsmeade, era sempre meraviglioso il periodo natalizio, tutte le vetrine erano adornate a tema e sembrava quasi che una dolce musica di natale risuonasse nelle orecchie. I suoi pensieri furono interrotti da un gruppetto di ragazzi che inseguivano uno studente della sua stessa casata, Esp non aveva idea del perchÚ gli corressero dietro ma decise comunque di indagare pi¨ a fondo. Uscý la bacchetta dalla giacca e si mise a correre cercando di raggiungerli. Il Tassorosso svoltˇ e si infilˇ alla stamberga gli inseguitori restarono indietro e di conseguenza non videro il ragazzo entrare. Esp aspett˛ un po che andassero via, poi entrˇ anche lei all'interno della casa. Ancora con il fiatone per la corsa disse al giovane..*



    Ehy.. Tranquillo mi chiamo Esperanza.. Vengo in pace..

    *La ragazza cercˇ di essere pi¨ dolce possibile, ma con la bacchetta ancora nella mano non sembrava affidabile. Ripose il catalizzatore nella tasca e attese che il ragazzo dicesse qualcosa. *

    @kevin_mitchell




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes 3 settimane fa, modificato 2 volte in totale


  • Kevin_Mitchell

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 422
       
       

    *Kevin proprio non si era accorto della presenza di qualcun altro all'interno della Stamberga Strillante e, di conseguenza, sobbalz˛ quando una voce si rivolse a lui.
    All'inizio pens˛ subito ad uno dei Serpeverde che lo stavano inseguendo, ma solo dopo millesimi di secondi si accorse che la voce era femminile. Di chi si trattava?*

    Ehy.. Tranquillo mi chiamo Esperanza.. Vengo in pace..

    *Disse quella ragazza dai capelli rossi.
    Kevin la riconobbe subito, era una Tassorosso come lui che aveva conosciuto meglio qualche settimana prima al Complemorte organizzato dal fantasma Nick Quasi Senza Testa.
    Anche se erano entrambi Tassorosso Kevin ed Esperanza non avevano mai davvero chiacchierato tra di loro.*

    So chi sei, ci siamo incontrati al Complemorte di Sir Nicholas. Ricordi?

    *Domand˛ Kevin, mentre riprendeva fiato dalla corsa precedente.
    Essere Tassorosso e Mezzosangue poteva essere dura, anche a ridosso del duemilaventi. Purtroppo certe discriminazioni erano difficili da estirpare, in particolare dalle menti di maghi purosangue da generazioni.*

    Dunque..Cosa ci fai anche tu qua?


    *Chiese curioso il quattordicenne alla compagna di casata dai lunghi e vistosi capelli rossi.
    Era curioso di sapere come mai Esperanza si trovava li, anche lei, quel giorno. Sicuramente per lei si trattava solamente di pura curiositÓ verso quel luogo pieno di storia.*


    @Esperanza_Fuentes,


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 270
       
       

    *La Tassorosso si present˛ al ragazzo che parve riconoscerla subito, effettivamente si erano giÓ incontrati alla festa di Sir Nicholas, era stato gentile con lei. Kevin aveva il fiatone e parlava a stendo, Esp sapeva benissimo perchÚ quei ragazzi appartenenti alla casa dei Serpeverde lo torurassero. Da generazioni quella casata aveva pregiudizi sui figli di babbani e si divertivano a rendere loro la vita un inferno. Il ragazzo cogliendola di sorpresa chiese..*

    Dunque.. Cosa ci fai anche tu qua?

    *Era una domanda fantastica. Esp era lý solo per curiositÓ, si diceva che quel luogo fosse infestato dai fantasmi. Ma la Tassetta era una ragazza che amava leggere e ovviamente conosceva la vera storia della vecchia Stamberga Strillante. La casa infestata dagli spettri era solo una voce alimentata dal vecchio preside di Hogwarts per tenere lontano le persone, dato che diede in prestito quel luogo all'ex professore Remus Lupin per le sue trasformazioni in lupo mannaro. Le notti di luna piena gli abitanti di Hogsmeade sentivano ululati e pensavano ci fossero degli spiriti. Ma nessuno sapeva che quei rumori venivano dal buon vecchio professor Lupin. Durante le sue mutazioni veniva aiutato anche da Peter Minus e Sirius Black. Ovviamente non entravano dalla porta principale, crearono un passaggio nel Platano Picchiatore che li conduceva direttamente lÓ. Ma questa era un'altra storia. Non sapeva se Kevin la conoscesse per˛. *

    Beh. A dirti la veritÓ sono solo venuta a curiosare. Si dice che mette i brividi. Ma vedo che e solo una vecchia casa piena di polvere. Tu conosci la storia di questo posto vero?

    *Kevin sembrava un ragazzo preparato, non l'avrebbe stupita se il Tassorosso conosceva le origini della Stamberga Strillante. In fondo tutti gli studenti la conoscevano era ormai diventata leggenda. *

    @Kevin_Mitchell


  • Kevin_Mitchell

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 422
       
       

    Dunque.. Cosa ci fai anche tu qua?

    *Domand˛ quindi Kevin, curioso di sapere come mai anche Esperanza si trovasse li.
    La compagna Tassorosso gli rispose subito. Si trovava li semplicemente per curiositÓ e poteva comprenderla appieno, quel luogo era misterioso ma allo stesso tempo pieno di storia. Era stato il rifugio di Remus Lupin ai tempi della scuola, per poter nascondere a Hogwarts la sua condizione di Lupo Mannaro. Kevin sapeva tutto sull'argomento! Da quando avevano trattato quella creatura a lezione aveva studiato per filo e per segno tutto quello che poteva riguardare i Lupi Mannari che, alto non erano maghi o streghe che sfortunatamente erano stati morsi da quelle creature.*

    Beh. A dirti la veritÓ sono solo venuta a curiosare. Si dice che mette i brividi. Ma vedo che e solo una vecchia casa piena di polvere. Tu conosci la storia di questo posto vero?

    *Kevin osserv˛ curioso e divertito la ragazza.*

    Chi non la conosce! Certo, so tutto quanto sull'argomento.. ammetto che mi affascinano come creature magiche, a te invece?

    *Domand˛ curioso il Tassorosso dai capelli scuri.
    Fece per avvicinarsi ad Esperanza quando in un millesimo di secondo sentý scricchiolare un asse di legno sotto il suo peso, la stessa asse di legno che cedette subito dopo. Kevin si ritrov˛ catapultato dal piano terra della Stamberga Strillante al sotterraneo dell'imponente edificio.
    Non ci fece subito caso, come non fece caso a ci˛ che lo circondava dato che era piuttosto impegnato a non imprecare di dolore. Una caduta di due, tre metri poteva sembrare nulla ma invece era tanto, tanto dolorosa.*

    Ahia che male.

    *Sussurr˛ strofinandosi il retro nuca e il basso schiena come se quell'azione potesse aiutarlo ad alleviare il dolore. Una cosa era sicura: quando sarebbe tornato al castello invece che dirigersi direttamente nella Sala Comune avrebbe fatto una deviazione in Infermeria.*


    @Esperanza_Fuentes,