• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Gianna_Fields




    Ultima modifica di Gianna_Fields mese scorso, modificato 1 volta in totale


  • Gianna_Fields

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 1978
        Gianna_Fields
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Il Natale era ormai alle porte, le case al villaggio di Hogsmeade erano ormai quasi tutte addobbate con festoni e luci. Anche il Sindaco Fields si era data da fare per decorare la sua abitazione ed era poi passata al suo ufficio al Town Hall. Non era mai stata una festa che la ragazza amava, non sapeva spiegare il motivo ma vedere tanto entusiasmo intorno a lei in quel periodo dell’anno la rendeva nervosa. Forse perché’ non aveva mai avuto modo di festeggiarlo come si doveva da piccola o forse perché’ non aveva un motivo per essere felice. Ma quell’anno era diverso, si sentiva diversa. Aveva dentro di sé la voglia di festeggiare anche se, come tutti gli anni, era sola ad addobbare la casa. Ma non le importava. Sistemò le ultime luci e, soddisfatt, iniziò a prepararsi per la gita prevista quel giorno. Come tutti gli anni lei e il consiglio avevano deciso di riproporre i mercatini di Natale, visto il successo che avevano riscosso. Ogni commerciante, in modo libero, poteva esporre i propri prodotti in modo tale da farsi conoscere di più e di aumentare i profitti. Si cambiò velocemente d’abito nell’ufficio stesso, non aveva il tempo materiale per tornare a casa. Una rapida occhiata e fu pronta per uscire.*



    *Le strade erano già piene di studenti di ogni età e molte bancarelle erano già attive. Sorrise, felice di vedere che tutto era pronto. Per quell’occasione avevano deciso di permettere a tutti gli studenti di partecipare alla gita, senza bisogno di autorizzazione, uno strappo alla regola come regalo di Natale. Passeggiò per le strade salutando cordialmente tutti i commercianti e complimentandosi con loro per l’ottimo allestimento.*

    Mettimi da parte uno di questi dolcetti, passo più tardi a prenderli.

    *Disse facendo un occhiolino alla ragazza che era dietro alla bancarella. Si sedette poi su una panchina accavallando la gamba e aspettano l’arrivo delle sue consigliere o di qualcuno che conoscesse.*




    Benvenuti alla seconda gita dell’anno scolastico 2019/2020. L’evento durerà 5 giorni reali che corrispondono ad uno sul GDR (9 Dicembre). Godetevi i mercatini e mi raccomando fate molti acquisti. Per augurare buone feste a tutti, io e il consiglio abbiamo deciso di rendere la gita libera a tutti, senza bisogno di alcuna autorizzazione. Divertitevi!

    Firmato per i membri del Consiglio di Hogsmeade
    Il Sindaco Gianna Fields


    @Sarah_Jonson, @Kristal_Thratchet, @Rosaline_Barnes, @Jane_Casterwill, @Marcus_Largh, @Mihos_Renny, @Serenity_Hunter, @Eirwen_Quinn, @Marissa_White, @Sprotte_Smerald, @Gaia_Lazzari, @Lucrezia_Always, @Giacomo_Lois, @Chiara_Queen, @Mercy_Nevaeh, @Madeline_Williams, @Gulliver_Kwikspell, @Stellagiulia_Clarke, @Sara_Freak, @Kathrine_Winchester, @Samantha_Mitchell, @Opal_Saphirblue, @Emeliya_Jenkins, @Vera_Grace, @Sansa_Stark, @Phoebe_Wolfshard, @Kahina_Iaquinto, @Alyson_Chalamet, @Jeanjery_Vergne, @Colin_Densaugeo, @Jade_Hailen, @Margot_Donuter, @Dorcas_Moore, @Haytham_Price, @Serendipity_Pollux, @Oscar_Thrill, @Kara_Wolf, @Manuel_Maiuolo, @Simax_Albi, @Andrea_Lewis, @Sarah_Jonson, @Aurora_Quinzel, @Salvo_Rusmor, @Emma_Williams, @Futura_Heron, @Licia_Jackson, @Jade_Mcmeids, @Sacha_Mullett, @Josephine_Elves, @Sara_Taverna, @Giovanni_Pische, @Kristel_Hardit, @Lucy_Luvilus, @Elena_Anderson, @Lissa_Hayward, @Alberico_Percoco, @Isotta_Ferrari, @Margareth_Davies, @Fely_Crisalli, @Eirwen_Quinn, @Natuk_Denatura, @Jennyfer_Hastings, @Alessandra_Puntel, @Niki_Valdez, @Valeria_Bologna, @Valeria_Bologna, @Alice_Sophien, @Miriana_Canon, @Emily_Walker, @Arianne_Godson, @Raffaella_Saxon, @Viola_Colombo, @Breydan_Mccurtis, @Roxanne_Plagesombre, @Miles_Halter, @Terry_Mangala, @Luke_Farach, @Alyce_Gray, @Alexis_Arden, @Emma_Herondale, @Seldszar_Duskryn, @Noemi_Lack, @Andres_Munoz, @Rhys_Silverkin, @Marshall_Gallagher, @Alice_Latorre, @Leila_Clarke, @Valerio_Mulee, @Talia_Rosewige, @Sarah_Khan, @Zack_Plans, @Esperanza_Fuentes, @Robert_Dippett,


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 472
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    [DORMITORIO FEMMINILE DI CORVONERO – CAMERA “RITA LEVI MONTALCINI” DI SARAH, VERA E TSUIKO - ORE 8.45]


    *In quei giorni il Natale si stava sempre più avvicinando e la quattordicenne Sarah Jonson era sempre più felice, non vedeva l’ora che arrivasse uno dei giorni più attesi dell’anno. Nonostante la ragazza fosse una nata-babbana, ovvero figlia di “babbani”, persone che non possedevano poteri magici, aveva ricevuto anche lei, nell’estate del suo undicesimo compleanno, la lettera di ammissione nella fantastica scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, una scuola che frequentavano maghi e streghe della Gran Bretagna e dell’Irlanda, venendo smistata nella casata delle streghe e maghi più intelligenti, ovvero Corvonero, una delle quattro casate in cui gli alunni venivano smistati ogni anno nel primo giorno quando avevano undici anni. Nel primo settembre di quell’anno la ragazza aveva iniziato il suo quarto anno come Corvonero, era un’alunna intelligente e curiosa, che adorava studiare e leggere nel tempo libero, sia nella Torre Ovest che nella bellissima biblioteca che si trovava nella sua scuola. Ciò che la rendeva felice, inoltre, era che aveva conosciuto negli anni molti amici e l’amicizia per lei era una delle cose più importanti e straordinarie, insieme alla sua famiglia. Si trovava in quel momento nel suo dormitorio che condivideva con le sue amiche concasate, Vera e Tsuiko, quest’ultima l’aveva conosciuta all’inizio dell’anno scolastico, mentre la signorina Grace frequentava il suo stesso anno, nonché era la sua migliore amica; ma in quel momento le due compagne di casata non erano purtroppo presenti nella stanza. Verso le nove di quella mattina soleggiata si sarebbe tenuto un mercatino natalizio ad Hogsmeade, Sarah si sarebbe recata lì perché era una consigliera di Hogsmaede. Infatti l’anno prima quando la quattordicenne dai lunghi capelli rossi era al terzo anno scolastico, la sindaca del piccolo paesino del mondo magico, Gianna Fields, le aveva offerto l’opportunità di far parte del consiglio di Hogsmeade, ovviamente Sarah aveva accettato questo compito importante ed era fiera di sé stessa. Oltre a lei nel consiglio c’erano oltre due studentesse di Hogwarts entrambe più grandi di lei, Kristal (una Grifondoro) e Rosaline (una Tassorosso). Il compito delle consigliere di Hogsmeade e del sindaco era quello di organizzare le gite che venivano svolte durante l’anno, a volte preparando volantini, e sempre durante le gite scolastiche degli studenti che venivano proposte in determinati periodi, dovevano ritirare i permessi firmati dai genitori degli studenti dal terzo anno in su. Sempre alla fine del terzo anno e durante le vacanze estive, insieme alla consigliera di Tassorosso: Rosaline Barnes, la quattordicenne aveva avuto un’altra possibilità dalla sindaca, essere una barista dei locali Tre Manici di Scopa e Testa di Porco, un motivo in più per cui era grata alla sindaca Fields. Nei weekend ad Hogsmade gli studenti non erano obbligati ad indossare la divisa scolastica, così Sarah si mise dei jeans neri, una maglietta a scacchi rossa con una giacca nera, infine pettinò i capelli rossi, per essere più ordinata e iniziò a camminare tranquillamente verso Hogsmeade*



    [VIE DI HOGSMEADE – ORE 9.05]


    *Quel giorno, anche se c’era il sole, era comunque freddino, ma per fortuna Sarah aveva preso una sciarpa per non avere freddo, che aveva messo nello zainetto color azzurro, insieme ai galeoni che le sarebbero serviti per fare qualche acquisto nel mercatino. Appena arrivata nelle vie di Hogsmeade si guardò intorno con i suoi occhi verdi in modo curioso, individuando quasi immediatamente il luogo in cui era stato allestito il mercatino. Avvicinandosi alle bancarelle scorse una donna dall’aspetto familiare, ma certo! Era Gianna Fields, la sindaca del piccolo villaggio, decise così di andare a salutarla per essere educata e scambiare due chiacchiere con la donna che si stava sedendo in una delle panchine. Mentre si avvicinava alla Fields notò con lo sguardo che le altre due consigliere non erano ancora giunte, forse erano solo un po’ in ritardo… Quando si trovò di fronte alla sindaca la salutò cordialmente, le piaceva essere educata con le persone che incontrava*

    Buongiorno sindaco Fields, come sta?

    *Disse educatamente, facendo in seguito un sorriso cordiale, guardandola, mentre attendeva l’arrivo di qualcun altro che conoscesse, con cui chiacchierare e divertirsi in quella bella mattinata*

    @Gianna_Fields, @Sansa_Stark, @Vera_Grace, @Charlotte_Mills, @Helen_Benlor, @Serenity_Hunter, @Tsukiko_Hayashi, @Raven_Lovely, @Eirwen_Quinn, @Jane_Casterwill, @Sylvia_Turner, @Lucretia_Holland, @Mihos_Renny, @Robert_Dippett, @Esperanza_Fuentes, @Ronald_Canard, @Cassandra_Gibbs, @Rosaline_Barnes, @Kristal_Thrachtet, @Stefano_Draems, @Penny_Hotter, @Zack_Plans, @Kevin_Mitchell, @Marcus_Largh, @Sprotte_Smerald, @Stellagiulia_Clarke, @Dorcas_Moore, @Alexandra_Duval, @Sarah_Khan, @Percy_Smith, @Sarah_Darcy, @Megan_Torres, @Ailea_Fuentes


  • Kristal_Thratchet

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
    MANGIAMORTE

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 762
       
       

    *Nuovo giorno e nuova gita.
    Kristal era davvero felice di poter partecipare a quell'occasione in qualità di Consigliera di Hogsmeade, ruolo che ricopriva da tempo oramai.
    Nelle settimane precedenti la giovane strega aveva soggiornato in una delle stanze dei Tre Manici di Scopa, aveva lasciato la sua casa natia l'Islanda per vivere 365 giorni all'anno in Gran Bretagna. Aveva visto alcune casette e alcuni appartamenti a Londra e alcune/i a Hogsmeade ma per il momento non aveva concluso ancora nulla, prima infatti preferiva trovare un lavoro fisso.
    La bionda ex Grifondoro aveva sostenuto alcuni colloqui e ne stava ancora aspettando il responso, l'adulta aveva studiato principalmente per ciò che le interessava: far parte dell'Ufficio per la cooperazione internazionale dei maghi era la cosa che più l'aveva affascinata nel corso degli anni e, proprio il giorno successivo, avrebbe dovuto recarsi al ministero per il colloquio.
    Kristal era ancora seduta sul letto dalle lenzuola ruvide e non del tutto bianche a rimuginare a ciò che le era accaduto negli anni precedenti e cosa le sarebbe successo nel futuro. Lo sguardo era fisso su un tatuaggio impresso a vita sulla sua pelle diafana. Non si trattava di un comune tatuaggio ma del famigerato Marchio Nero.
    I primi giorni dopo la cerimonia di “marchiatura” aveva passato le sue intere giornate con magliette a maniche lunghe per nascondere ciò che di nuovo la caratterizzava, per poi scoprire l'esistenza di incantesimi fatti apposta per nascondere ciò che non si voleva rendere noto agli estranei. Era proprio grazie a quello che Kristal Thratchet poteva gironzolare per le vie di Hogsmeade indisturbata.
    Tornando con i pensieri a quel giorno indossò la giacca di pelle lunga fino alle caviglie – che aveva comprato a Londra il venerdì precedente – e si diresse verso la sua destinazione di quel giorno.
    Come ogni anno in quel periodo il villaggio di Hogsmeade organizzava le bancarelle natalizie dove i vari commercianti del luogo potevano esporre i propri oggetti per poter aggiungere qualche entrata extra a quelle quotidiane dei loro negozi.
    Vedere l'intero villaggio di Hogsmeade addobbato per il natale era davvero una gioia per gli occhi.*

    Buon giorno!


    *Disse Kristal salutando Gianna, anche lei giovane donna ma con una carica assai importante al villaggio, Sarah una studentessa di Hogwarts e qualche altro presente.
    Non era passato molto da quando Kristal frequentava la scuola di magia e stregoneria e, doveva ammettere che dopo aver passato sette interminabili anni tra quelle mura ne sentiva quasi la mancanza.*



    @Sansa_Stark, @Tsukiko_Hayashi, @Charlotte_Mills, @Vera_Grace, @Sarah_Jonson, @Serenity_Hunter, @Raven_Lovely, @Eirwen_Quinn, @Jane_Casterwill, @Sylvia_Turner, @Lucretia_Holland, @Zack_Plans, @Marcus_Largh, @Esperanza_Fuentes, @Sarah_Khan,


  • Lucretia_Holland

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 2
    Galeoni: 319
       
       

    [DORMITORIO FEMMINILE GRIFONDORO-ORE 8.30]


    *Lucretia dormiva tranquilla nel suo caldo letto, quando la sua amica Myra, cominciò a far rumore per svegliarla, prese a stridere e volare intorno alla padrona*

    Od-dio no, voglio...dormire

    *Disse una Lucretia assonnata con la voce impastata di sonno, rigirò il cuscino e ci si richiuse la testa dentro. La civetta dal canto suo, prese a punzecchiare con il becco le lenzuola, dopo qualche minuto Lucretia scivolò fuori dal soffice piumone con i capelli più in disordine del solito*

    Hai preso serimente le mie parole di ieri, ti avevo detto di svegliarmi ad ogni costo, però non in questo modo!

    *La civetta ruotò il muso, come stizzita, in fondo aveva fatto solo ciò che le era stato chiesto! Lucretia si trascinò da una parte all'altra della stanza, in cerca di vestiti da mettersi, mentre provava a domare i suoi ricci. Aveva deciso di andare ai mercatini di Natale ad Hogsmeade, per cui non doveva mettere la sua divisa scolastica, ma optò comunque per sciarpa e berretto della sua casata, visto il freddo che faceva. Era contenta di andare, nonostante non amasse troppo il Natale, gli addobbi le mettevano allegria, e pensare ad una cittadina di maghi innevata tutta presa dal fervore del Natale, non le dispiaceva affatto; inoltre voleva fare i suoi regali, e quale occasione migliore di quella. Quando fu pronta scese a fare colazione, mentre correva per tutta la scuola, non poté far a meno di notare quanto Hogwarts fosse addobbata, per non parlare della Sala Grande, che era piena di ghirlande, stendardi delle casate decorati e, per finire, un immenso albero di Natale. Si ingozzò in fretta per uscire presto nell'aria fredda di Hogwarts, diretta ad Hogsmeade.*



    [HOGSMEADE]



    *La piccola cittadina era bellissima, l'aria natalizia era proprio fatta per lei, orde di studenti camminavano da una parte all'altra mentre piccoli fiocchi di neve ricadevano stancamente dal cielo, ricoprendo ogni cosa di un bianco luminoso. Il mercatino era pieno di bancarelle di ogni tipo. Subito cercò di farsi strada verso la bancarella dei dolci.*

    "Allora, Piperille nere, Bacchette di liquirizia, qualche Fildimenta, Zuccotti a non finire e qualche Cioccorana"

    *Mentre Lucretia svaligiava la bancarella dei dolci, ricordò la prima volta,che suo padre le aveva portato un pacchetto di Gelatine tutti i gusti +1, le era capitata una verde, alla mela, contenta del gusto ne prese subito un'altra dal pacchetto, ignara, sotto lo sguardo divertito del padre, qualche secondo dopo sputò la gelatina al gusto vomito. Passò qualche anno prima che riprese a mangiarne qualcuna, tanto le avevano fatto schifo; fu così, in ricordo di quell'evento che prese anche le gelatine. Più tardi arrivò alla bancarella delle palle di neve, erano bellissime, alcune animate all'interno, davvero molto simpatiche. Vicino a lei sentiva mormorii di ogni sorta, si soffermò su due ragazzi in particolare che parlavano di quanto non vedessero l'ora di tornare a casa per le vacanze di Natale, Lucretia si rabbuiò, lei sarebbe rimasta ad Hogwarts, suo padre lavorava e suo zio era oberato di scartoffie nel suo ufficio al Ministero; non aveva senza tornare se questo voleva dire passare le feste con una zia, che preferiva essere da un'altra parte e la governante indaffarata. Mentre questi pensieri le affollavano la mente, vide una ragazza poco distante da lei che le era molto familiare, si ridestò e decise di andarla a salutare.*


    @Eiwen_Quinn, @Sarah_Jonson




    Ultima modifica di Lucretia_Holland mese scorso, modificato 1 volta in totale


  • Tsukiko_Hayashi

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 135
       
       

    *Tsukiko stava dormendo indisturbata, profondamente immersa nei suoi sogni, quando ad un tratto sentì qualcosa di freddo ed affilato toccare il suo collo. Istintivamente si ritrasse e, con suo grande dispiacere, cadde dal proprio letto con un tonfo sordo.*

    Ahi!

    *Brontolando si alzò, districandosi dalle coperte e, guardando verso il letto, capì il motivo della sua reazione.
    La sua gatta, Ayame, aveva deciso che il letto di Tsukiko era più comodo dell'angolo vicino al baule dove solitamente si appisolava. E così, mentre si accoccolava tra le coperte, i suoi artigli avevano sfiorato la sua nuca e l'avevano fatta cadere.
    Il suo sguardo si volse verso il resto del dormitorio, accorgendosi della mancanza delle sue compagne di stanza, Sarah e Vera.*

    Dove potrebbero essere? Forse... aspetta, oggi c'è la gita a Hogsmeade! Probabilmente farei meglio a vestirmi, per non arrivare troppo tardi.

    *Stando attenta a non disturbare Ayame, riordinò il letto e dopo essere stata al bagno, decise di scegliere i vestiti da indossare.
    Dato che la divisa non era necessaria, la moretta indossò una maglia nera abbinata ai pantaloni anch'essi neri, e si mise sopra un cappotto nero. Si capiva la sua passione per il nero? Probabilmente sembrava in lutto. Ma non poteva non mettersi qualcosa di scuro. Sua madre l'aveva un sacco presa in giro per questo.
    Comunque, lasciando da parte quei pensieri, scese in Sala Grande, magnificamente decorata per l'occasione, e fece un veloce spuntino, dopodiché si diresse verso il robusto portone di quercia della Sala, in direzione del villaggio di Hogsmeade.*

    [VILLAGGIO DI HOGSMEADE]

    *Arrivata al villaggio, Tsukiko si guardò intorno, meravigliata. Continuavano a cadere piccoli fiocchi freddi e candidi. La neve aveva formato uno strato che sicuramente si sarebbe inspessito nei giorni seguenti. La gente, stringendosi ai lunghi mantelli che indossavano, percorrevano le vie del posto ed ovunque c'erano decorazioni natalizie che, insieme al profumo di diversi tipi di cibo della moltitudine delle bancarelle del mercatino e l'allegro chiasso che la circondava, fece provare un moto improvviso di trepidazione e soggezione.
    La Corvonero gironzolò un po', cercando qualcuno di familiare con cui fare quattro chiacchiere.


    @Gianna_Fields, @Sansa_Stark, @Vera_Grace, @Charlotte_Mills, @Helen_Benlor, @Serenity_Hunter, @Raven_Lovely, @Eirwen_Quinn, @Jane_Casterwill, @Sylvia_Turner, @Lucretia_Holland, @Mihos_Renny, @Robert_Dippett, @Esperanza_Fuentes, @Ronald_Canard, @Cassandra_Gibbs, @Rosaline_Barnes, @Kristal_Thrachtet, @Stefano_Draems, @Penny_Hotter, @Zack_Plans, @Kevin_Mitchell, @Marcus_Largh, @Sprotte_Smerald, @Stellagiulia_Clarke, @Dorcas_Moore, @Alexandra_Duval, @Sarah_Khan, @Percy_Smith, @Sarah_Darcy, @Megan_Torres, @Ailea_Fuentes


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 392
       
       

    DORMITORIO TASSOROSSO


    *Quella notte sembrava non voler finire mai, la passò a rigirarsi nel letto svegliando anche la sua compagna di stanza. Esp era in fibrillazione per la gita ad Hogsmeade, c'era stata altre volte, ma quel giorno avrebbero allestito i mercatini di natale e la pel di carota adorava quella ricorrenza. Non sapeva ancora se le feste le avrebbe passate con la sua famiglia oppure se sarebbe rimasta ad Hogwarts dipendeva dagli impegni di sua madre. Comunque sia avrebbe comprato dei regali per lei e per la sua sorellina che frequentava il primo anno della scuola di magia.. Esp aveva chiuso gli occhi da un paio d'ore quando lo stridulo allarme della sveglia la fece balzare giù dal letto. Mise le pantofole e corse ad aprire la vecchia finestra della sua stanza, si stiracchiò e corse verso il bagno a rinfrescarsi. Tornata in camera rovistò nel suo guardaroba a cercare qualcosa di carino da indossare, trovò un pantalone nero e un maglione verde con delle renne ricamate al centro.. *

    Questo è perfetto, si intona perfettamente all'occasione!

    *In un batter d'occhio li indossó e sciolse i lunghi capelli mossi, prese berretto e sciarpa della sua casata e si incamminò verso Hogsmeade.*

    VILLAGGIO DI HOGSMEADE


    *Fuori c'era un freddo di neve, Esp girò più volte la sciarpa attorno al collo per difendersi dal gelo, fortunatamente quando iniziò a camminare l freddo sembrava aver lasciato in pace il suo corpo. Camminò, fermandosi di tanto in tanto per riprendere fiato. Arrivata ai pressi di Hogsmeade rimase senza fiato. Tutto era allestito a tema natalizio, rosso, verde, oro.. Era tutto fantastico.. La sua prima tappa fu il Mielandia. Esp non aveva ancora fatto colazione quindi entrò a cercare qualcosa da sgranocchiare.*

    Salve.. Vorrei un paio di cioccorane e qualche zuccotto.. Ah e mi dia anche quel lecca lecca enorme a forma di girandola.



    *Esp prese i suoi dolci, pagò e uscì contenta dal negozio. Mentre mangiava il suo lecca-lecca guardava il mercatino, c'erano cose bellissime e non sapeva cosa comprare per lei e la sua famiglia, camminando intravide da lontano una testa rossa come la sua doveva essere la sua amica Sarah. Si avvicinò e urlò.. *

    Ehy Sarah.. Sarah..

    *Sperando che da quella distamza la sentisse.*


    @Lucretia_Holland, @Dorcas_Moore, @Helen_Benlor, @Sansa_Stark, @Nuria_Mordhane, @Heidi_Lovely, @Eirwen_Quinn, @Jane_Casterwill, @Tsukiko_Hayashi, @Kristal_Thratchet, @Cassandra_Gibbs, @Sarah_Jonson, @Ronald_Canard, @Ailea_Fuentes,@Vera_Grace




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes mese scorso, modificato 1 volta in totale


  • Raven_Lovely

    Corvonero Barista 3MDS

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 343
        Raven_Lovely
    Corvonero Barista 3MDS
       
       

    [DORMITORIO CORVONERO - STANZA VIRGINIA WOOLF ORE 8:00]


    *Raven stava dormendo beata nel suo baldacchino blu notte, quando un fascio di luce proveniente da una delle finestre ai lati del letto le colpì viso, facendola svegliare. La sua volpe Lexy le saltò addosso in cerca di coccole, che ricevette subito dalla padrona. La volpe non sembrava sentirsi molto bene, ma stranamente la Corvonero non ci fece caso e continuò con quel che doveva fare. Quella mattina ci sarebbe stata la sua primissima gita ad Hogsmeade e Raven di certo non voleva perdersela. Non voleva arrivare tardi, quindi si alzò velocemente dal letto dirigendosi a passo svelto verso il suo armadio.*

    “E adesso? Cosa mi metto?”

    *Appena quelle parole passarono nella mente della dodicenne, vide un paio d’abiti che facevano al caso suo. Raven era una ragazza molto femminile esteriormente, che amava vestirsi elegantemente in quasi tutte le occasioni. Dopo una breve pausa di riflessione scelse un vestito sopra il ginocchio, color panna con piccoli fiori sparsi per l’abito e una piccola cinta nera decorata da un fiocco dello stesso colore, poi degli anfibi neri insieme ad una giacca di pelle nera che teneva dentro al suo zainetto preferito. La giovane Corvonero si preparò con molta calma, infatti ci mise ben 40 minuti a vestirsi e a sistemarsi i capelli. Una volta pronta si vide allo specchio ed esclamò entusiasta:*

    E ora si parte!

    [HOGSMEADE ORE 9:00]


    *Raven era arrivata stranamente puntuale alla gita, nonostante ci abbia messo tutto quel tempo a prepararsi, se la cavò camminando velocemente. Voleva farsi una passeggiata prima di recarsi nei negozi. Iniziò a camminare osservando felice tutte le strutture addobbate per le festività. Incantata da festoni e decorazioni di vario genere, la ragazza non si rese conto di essere arrivata proprio davanti alla stamberga strillante. Decise di entrare, il giro a Mielandia poteva farselo anche dopo. Si avvicinò lentamente a quella casa malandata, considerata il posto più infestato di tutta l’Inghilterra. Aprì la porta con la stessa lentezza per controllare che non ci fosse nessuno ma, una volta constatato il fatto che il vecchio edificio fosse privo di maghi, entrò osservando per la prima volta quella vecchia stamberga malandata. Dopo una veloce occhiata al piano terra, salì le scale, trovandosi al primo piano. L’interno non era male, pareti e pavimenti erano fatti di legno scuro e vecchio, c’era un lampadario probabilmente non funzionante, e un piano datato esattamente come qualsiasi altra cosa dentro quella casa. Si avvicinò verso quest’ultimo, i suoi genitori le avevano fatto studiare pianoforte in una scuola babbana prima di Hogwarts. Quando Raven provò a toccare un tasto, un do centrale per la precisione, si sentì provenire dallo strumento un bel suono. Probabilmente nonostante l’età, quel piano aveva mantenuto una bella cera. Non c’era uno sgabello, quindi dovette arrangiarsi e suonare in piedi. Provò una semplice melodia di Mozart, per poi iniziare a coinvolgersi totalmente suonando il suo brano preferito: Clair De Lune di Claude Debussy. Una volta finito, si rese conto dell’orario, erano già le dieci e trenta! Si affrettò ad uscire da quel posto, che non sembrava più tanto spaventoso ai suoi occhi. Decise di passare a Mielandia come si era ripromessa prima di entrare. Camminò riosservando le stesse decorazione da una diversa angolazione, fino ad arrivare nel negozio di dolciumi. Quando entrò le narici le vennero pervaso da un fortissimo odore di zucchero e caramelle di ogni genere. Alla fine comprò uno zuccotto di zucca e un sacchetto di gomme bolle bollenti. Quella gita sembrava diventare ogni secondo più bella a parere di Raven, che era felice e si stava divertendo come non mai. Mentre usciva da Mielandia, notò la presenza di Esperanza Fuentes, una ragazza con la quale aveva molto legato, ma che purtroppo non aveva avuto il piacere di vedere negli ultimi giorni. Si diresse verso di lei, per poi salutarla.*

    Esp! Che sorpresa vederti! Come va?

    *Disse, contenta di vedere l’amica. Notò sul viso della Tassorosso una leggera espressione delusa, quindi decise di aggiungere:*

    È successo qualcosa?


    @Ronald_Canard, @Tsukiko_Hayashi, @Zack_Plans, @Sansa_Stark, @Eirwen_Quinn, @Vera_Grace, @Esperanza_Fuentes,


  • Eirwen_Quinn

    Grifondoro Giornalista Barista 3MDS Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 344
        Eirwen_Quinn
    Grifondoro Giornalista Barista 3MDS Moderatore Web Certificato
       
       

    [SALA GRANDE - ore 7.30]


    *Una nuova settimana stava per iniziare, la seconda dell'ultimo mese dell'anno, ma quel lunedì l'inizio sarebbe stato diverso. L'ultima gita ad Hogsmeade era prevista per quel giorno, tutti gli studenti avrebbero potuto godersi una giornata di pausa dallo studio, passeggiando tra le bancarelle organizzate dal Sindaco Fields e dal Consiglio.
    La gita non sarebbe iniziata prima di un'ora e mezza e gli studenti si trovavano ancora al caldo sotto le coperte, approfittando di quella tregua per concedersi un sonno più lungo. L'unica eccezione era una strega tredicenne, che in quel momento sedeva sola al lungo tavolo dei rosso-oro.*

    "Per fortuna gli Elfi Domestici sono pronti a servire la colazione alla solita ora, nonostante la giornata particolare."

    *Pensò la figura solitaria osservando i piatti pieni di cibo e cercando di decidere cosa servirsi quel giorno.
    Eirwen Quinn non era mai stata una gran dormigliona, sette ore erano più che sufficienti per lei e in più il suo orologio biologico era piuttosto puntuale, ogni mattina alle sette lei apriva gli occhi, qualunque giorno della settimana fosse non importava. Non poteva dirsi dispiaciuta di essere già sveglia a quell'ora, avrebbe approfittato per fare qualcosa che desiderava da un po': si sarebbe recata al villaggio all'alba, spettatrice silenziosa del suo risveglio.
    La giornata sarebbe stata soleggiata ma fredda, quindi la giovane grifa aveva scelto un abbigliamento caldo ma comodo.*



    *A completare l'outfit l'immancabile sciarpa e il cappello, non poteva rischiare di ammalarsi proprio nelle ultime settimane di lezione prima delle vacanze.
    Si riempì il piatto di cibo e, mentre assaporava la squisita colazione, si dedicò alla lettura della Gazzetta; l'articolo sui rimedi fai da te per il raffreddore era molto interessante, alcuni di quei consigli non li conosceva e potevano rivelarsi utili.
    La giovane concluse il pasto con calma, quando iniziò a coprirsi con cappotto nero, sciarpa e cappello erano quasi le otto e di lì a poco il sole avrebbe fatto la sua comparsa.*


    [VIE DI HOGSMEADE - ORE 9.00]


    *Eirwen passeggiava per le vie del villaggio, addobbato a festa, con un sorriso sul volto. L'idea di raggiungere Hogsmeade al sorgere del sole si era rivelata ottima; vedere il sole tingere di giallo i monti circostanti, mentre la vita tornava a scorrere frenetica nelle strade, era stato un bel modo per iniziare la giornata.
    Gli istanti di solitudine erano però giunti al termine, i commercianti avevano preparato le proprie bancarelle e gli studenti si stavano riversando nelle vie. La gita era iniziata.
    I profumi dai tavoli di cibo e bevande attiravano gli avventori affamati, mentre i banchi con oggetti tipici richiamavano l'attenzione di chi doveva decidere i regali da fare a Natale. Mentre passeggiava, osservando i commercianti sistemare i propri articoli in vendita, aveva notato un'interessante bancarella che vendeva oggetti realizzati in pelle e si era ripromessa di tornare a guardare. Si stava dirigendo verso di essa quando un volto familiare attiró la sua attenzione.*

    Buongiorno Lucretia! Come stai?

    *Eirwen salutò con un sorriso la concasata, era felice di vederla. Si erano conosciute al Tre Manici di Scopa e avevano condiviso, insieme ad altri studenti, un'interessante avventura notturna.
    Passeggiando per le vie non aveva notato altri volti conosciuti, ma ora si guardò intorno, forse oltre all'altra Grifondoro avrebbe incontrato qualcun'altro. Era impressionante come solo fino a poche settimane prima non aveva nessuno da cercare e ora in poco tempo aveva trovato più persone con cui avrebbe voluto condividere quei momenti. Un senso di calore si fece largo nella giovane strega, nel momento più difficile per lei era riuscita ad aprirsi e a conoscere persone piacevoli, si sentiva fortunata.*

    @Sarah_Jonson, @Lucretia_Holland, @Gianna_Fields, @Kristal_Thratchet, @Tsukiko_Hayashi, @Esperanza_Fuentes, @Raven_Lovely, @Sansa_Stark, @Penny_Hotter, @Viola_Colombo, @Vera_Grace, @Nuria_Mordhane, @Zack_Plans, @Ronald_Canard, @Loreline_Gilthoniel, @Dorcas_Moore, @Rosaline_Barnes, @Axel_Buster, @Alex_Regers, @Kevin_Mitchell, @Sprotte_Smerald, @Stellagiulia_Clarke, @Michael_Thompson,


  • Lucretia_Holland

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 2
    Galeoni: 319
       
       

    *Lucretia, che aveva notato Eirwen, dirigendosi verso di lei, non fece in tempo a salutarla, che la ragazza l'anticipò*

    Buongiorno Lucretia! Come stai?

    Buongiorno a te Eirwen, è bello vederti! Anche tu in cerca di regali?


    *Lucretia propose alla ragazza, di vedere qualche bancarella insieme, era contenta di averla incontrata, non aveva ancora stretto molte amicizie, nel suo primo anno, ma l'esperienza che avevano condiviso durante la loro scorribanda notturna, le aveva permesso di conoscere di più alcune persone, e ne era molto felice. Riprendendo a girare per le bancarelle, pensò che al padre avrebbe portato una delle bellissime palle di neve animate che raffigurava Hogwarts, mentre per lo zio era ancora indecisa, non era facile trovare regali per tutti. Forse un giro al Negozio di scherzi le avrebbe dato qualche idea, non che volesse prendere allo zio qualche tazza mordinaso, non glielo avrebbe certo perdonato, ma la scena sarebbe stata sicuramente divertente. Lucretia pensò di scrivere una bella lettera per il padre e lo zio, Myra sarebbe stata contenta di farsi un bel viaggetto, era da un pò che non si sgranchiva le ali e ogni tanto mentre studiava, le beccava sui fogli come per dirle di darle qualcosa, ma il solo risultato che otteneva era bucare le pergamene dei compiti della sua padrona che doveva così ricominciare da capo.*

    Ho capito Myra, appena avrò tempo scriverò una lettera e ti manderò da papà, adesso ho troppi compiti! Guarda, adesso devo ricominciare il compito di Pozioni, non penso che la professoressa sarebbe contenta di correggere un bel tema bucherellato qua e la!





    *Era proprio così che aveva esordito ieri alla piccola Civetta candida, più tardi le aveva dato un bocconcino per farla calmare, sembrava che la risposta della sua padrona non le fosse piaciuta.
    La piccola Grifondoro, fu così indaffarata negli acquisti che non si accorse del tempo che passava, ben presto il suo stomaco fece un forte brontolio, segno che ormai la fame cominciava a farsi sentire; prese uno zuccotto dalla busta dei dolci di Mielandia presi alla bancarelle, e ormai satura di buste, decise di passeggiare tranquilla. Del resto le sue commissioni erano finite, aveva preso dei bocconcini per Myra e dei regali per i suoi parenti più cari, ora poteva godersi in tranquillità la mattinata. Fu dopo qualche minuto che passò davanti ai Tre manici di scopa, cogliendo dalla porta che si apriva le voci profuse di molti studenti e insegnanti. Non sarebbe stata certo una brutta idea, con quel freddo, bersi una bella Burrobirra calda, fu così che ricominciò a cercare alcuni amici che aveva perso tra la folla, pensò che Eirwen sarebbe stata contenta di sedersi insieme a lei e qualche amico, anzichè stare dietro al bancone.*



    @Eirwen_Quinn, @Sarah_Jonson