Hogsmeade
Hogsmeade


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 262
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Bisognava ammettere che Sarah ci sapeva fare con i suoi clienti, faceva di tutto per farli sentire a casa, quello era stato il suo primo lavoro e voleva svolgerlo al meglio, forse per quello la sindaca la aveva assunta per altri due mesi. Dopo aver aggiunto della panna montata e caramello alla Burrobirra di Amelia, quest'ultima la ringraziò di cuore e la rossa si limitò a sorridere, felice che la Grifondoro avesse apprezzato. Fu poi il turno di Vera, la migliore amica della ragazza, che le disse che nessuno era più brava di lei a servire i clienti, cosa che fece ridacchiare di gusto la quattordicenne, contenta di aver conosciuto un'amica così tanto speciale. Anche Robin ringraziò Sarah, complimentandosi con lei. Ella sorrise dicendo.*

    Grazie ragazzi, felice che vi piaccia... Peccato che fra meno di una settimana dovrò lasciare il posto a qualcun altro...

    *Disse un po' malinconica, ascoltando con attenzione la piccola discussione formata fra i tre compagni di scuola. Stavano parlando di chi avrebbe pagato lo spuntino, così la quattordicenne si intromise dicendo, dopo che i tre avevano trovato un patto.*

    Eh no ragazzi! Oggi offre la casa, fine della discussione.

    *Incrociò le braccia puntando uno sguardo serio ai tre, per poi scoppiare a ridere, anche se quel giorno non avrebbe accettato Galeoni da nessuno dei tre. Si guardò intorno e, dopo essersi accorta che per il momento non c'era nessuno da servire chiese.*

    Vi dispiace se mi siedo con voi? È da un po' che corro avanti ed indietro senza fermarmi...

    *Aggiunse, sperando che avrebbero iniziato tutt'e quattro una bella chiacchierata, a meno che non avessero voluto uscire dal locale...*

    @Amelia_Smith, @Robin_Peach, @Vera_Grace




    Ultima modifica di Sarah_Jonson 5 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 463
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *Amelia aveva appena raggiunto un patto con i due amici, quando la barista Sarah disse che quel giorno avrebbe offerto la casa.*
    Cavoli, questo posto è pieno di avari, vedo.
    *Commentò sarcasticamente la tredicenne, ridendo. Poi la Corva chiese se poteva sedersi con loro.*
    Sicuro! Accomodati, sei pur sempre una studentessa, avrai bisogno anche tu delle tue pause. E' più che comprensibile e lecito.
    *Disse Amelia, sperando di rassicurarla o almeno di farla sentire come se non dovesse lavorare ventiquattro ore al giorno.
    Guardò gli altri, in cerca di un po'di comprensione anche da parte loro.*
    Giusto, ragazzi?
    *Domandò, per fare lavoro di squadra. Anche se non aveva mai conosciuto bene la barista, in quel posto trovava sempre ottima compagnia e cose squisite, e poi Sarah era gentile e cordiale con i clienti. In pratica, si sentiva a casa. Quindi, le era molto grata, e sperava nel suo piccolo di poter in qualche modo ricambiare tutto.*
    @Robin_Peach,@Sarah_Jonson,@Vera_Grace


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 573
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    Grazie ragazzi, felice che vi piaccia... Peccato che fra meno di una settimana dovrò lasciare il posto a qualcun altro...

    *disse Sarah*

    Sarah, mi dispiace, spero ritornerai tra un po' a fare la barista, sei una cuoca eccezionale!

    *disse Robin; era veramente dispiaciuto, perché Sarah era una barista simpatica e molto brava a cucinare*

    Eh no ragazzi! Oggi offre la casa, fine della discussione.

    *disse la Corvonero, dopo che,finalmente, i tre amici erano riusciti a mettersi d'accordo su chi doveva pagare*

    Beh, Sarah... Grazie! Comunque quando non sarai più in carica ci possiamo trovare tutti e quattro un'altra volta!

    *disse il Grifondoro*

    ... E pago io!!!

    *aggiunse*

    Vi dispiace se mi siedo con voi? È da un po' che corro avanti ed indietro senza fermarmi...

    *chiese la barista*

    Sicuro! Accomodati, sei pur sempre una studentessa, avrai bisogno anche tu delle tue pause. E' più che comprensibile e lecito.

    Ovvio, neanche da chiederlo!

    *disse Robin ridendo, e si strinse per far posto alla Corvonero: gli piaceva quando si trovava con tre/ quattro amici a chiacchierare, lo faceva sentire bene... E per un pomeriggio avrebbe rinunciato ai compiti!*


    @Sarah_Johnson, @Vera_Grace, @Amelia_Smith


  • Vera_Grace

    Corvonero Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 1075
        Vera_Grace
    Corvonero Responsabile di Casa
       
       

    *Sarah era evidentemente dispiaciuta di dover lasciare il posto di barista il mese successivo ad altri studenti, quel lavoro lo adorava davvero e, neache a dirlo lo faceva davvero bene. La "discussione" che ormai si era creata su chi offrisse da bere e mangiare quel giorno pagando per tutti venne chiusa dall'amica che concluse dicendo che offriva la casa. Amelia scherzò sul fatto che erano tutti davvero molto avari e Vera rise. Era decisamente vero, ma l'amicizia e la gentilezza fanno strani scherzi. *

    Vi dispiace se mi siedo con voi? È da un po' che corro avanti ed indietro senza fermarmi...

    Sarah, non devi davvero... beh direi che abbiamo appena inaugurato un giro di uscite noi quattro!

    *Disse con una sorriso divertito. Le sarebbe davvero piaciuto rivedere quei tre amici, era piacevole passare un pomeriggio con loro e il pagamento offriva davvero un'ottima scusa per ritrovarsi al pub in un'altra giornata per chiacchierare un po' di nuovo sorseggiando una Burrobirra o ordinando qualcosa dal ricco menù. E probabilmente Sarah avrebbe fatto una pausa per poi ritornare a svolgere quell'incarico, era un portento. *

    Vi dispiace se mi siedo con voi? È da un po' che corro avanti ed indietro senza fermarmi...

    *Chiese la barista. Gli altri due risposero di sì e lei non poteva che essere d'accordo. Andava avanti e indietro, la magia aiutava di certo ma era comunque faticoso e servire tutti i clienti con cortesia, gentilezza e simpatia non doveva essere sempre una passeggiata. *

    Ma che domanda è, ovvio che sì cara! Siediti dai, vuoi qualcosa? Te lo prendo io, per una volta facciamo le cose invertite!

    *Chiese con un finto inchino professionale. Con un incantesimo fece levitare i piatti sporchi che avevano contenuto le delizie portategli da Sarah e li depose sul bancone. Voleva sinceramente dare una mano, essere migliori amiche voleva dire aiutarsi, sostenersi oltre che stare bene insieme ed essere come sorelle, perchè era quello che ormai erano. Sorrise agli altri, il pomeriggio si era rivelato ancora più interessante e divertente.*

    Voi siete di Londra o venite da altre parti?

    *Chiese curiosa. Non sapeva da dove era uscita quella domanda, ma era curiosa di sapere qualcosa di più sui suoi nuovi amici. Lei era di Londra ma amava viaggiare, i suoi genitori lo facevano spesso e forse era quella l'origine del suo interessamento. Aspettò una risposta sperando di non essere stata indiscreta.*

    @Sarah_Jonson @Robin_Peach, @Amelia_Smith




    Ultima modifica di Vera_Grace 4 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 262
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Robin le disse che era una cuoca davvero eccezionale, aggiungendo che sperava tornasse ad essere barista un'altra volta. Probabilmente la cosa sarebbe stata impossibile, aveva già lavorato lì durante l'anno prima e non capitava spesso di essere riassunti per la seconda volta, figurarsi per la terza. Senza sembrare troppo malinconica rispose al Grifondoro dall'aria piuttosto simpatica.*

    Purtroppo non credo sia possibile, ho lavorato come barista di Hogsmade anche l'anno scorso, da marzo ad agosto... Grazie del complimento però!

    *Concluse con un sorriso stampato sul volto, i commenti positivi su di lei le facevano davvero piacere. Si mise poi a ridacchiare appena udì la battuta fatta da Amelia e annuì più volte appena Robin disse che la prossima volta che si sarebbero incontrati avrebbe pagato lui. La sua migliore amica aggiunse che non avrebbe dovuto e che avevano appena inaugurato delle uscite a quattro. A lei faceva piacere offrire qualcosa da mangiare ai clienti che riteneva simpatici, disprezzava però la clientela scortese e maleducata, nonostante cercasse di nascondere la rabbia nei confronti di colore che si comportavano in maniera ineducata. All'improvviso si era sentita un po' stanca per il troppo lavoro, forse una pausa le avrebbe fatto davvero bene. La Smith fu la prima a rispondere, dicendo che aveva tutto il diritto di avere le sue pause, seguita poi dall'unico ragazzo presente nel gruppetto che acconsentì. Li ringraziò facendo un cenno con la testa, ma prima di ringraziarli pure a voce, Vera la invitò a sedersi e se voleva qualcosa offriva lei. Non fece in tempo a rispondere che vide levitare i piatti sporchi deposti sul bancone. La quattordicenne sorrise dicendo finalmente.*

    Grazie ragazzi! E tu Vera... sei davvero un tesoro! Per il momento però non ho fame...ù

    *Sorrise, per poi accomodarsi vicino alla Grace e metterle un braccio intorno alle spalle come ringraziamento. Ascoltò poi la domanda della Prefetta che chiese se erano di Londra o di altre parti. I due non dissero nulla così rispose alla sua domanda.*

    Io nata e cresciuta a Londra... Voi?

    *Chiese, anche se sapeva praticamente tutto di Vera, non a caso erano migliori amiche. Anche se le avrebbe fatto molto piacere conoscere meglio i due Grifondoro, magari avrebbero stretto un'amicizia, chissà.*

    @Amelia_Smith, @Robin_Peach, @Vera_Grace,


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 573
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    Purtroppo non credo sia possibile, ho lavorato come barista di Hogsmeade anche l'anno scorso, da marzo ad agosto... Grazie del complimento però!

    *disse Sarah in risposta alla sua domanda*

    Beh, spero di riuscire anch'io a fare il barista, mi sembra bello, cucinare e chiacchierare coi clienti!!!

    *disse Robin; sperava davvero che il suo sogno si avverasse!*

    Voi siete di Londra o venite da altre parti?

    *chiese Vera, corvonero al quinto anno*

    Io nata e cresciuta a Londra... Voi?

    *le rispose Sarah*

    Io nato a Manchester, ma venivo spesso a Londra perché mio papà lavorava al Ministero, e qualche volta, quando mia mamma non poteva tenermi, mi portava con lui: lavorava all'ufficio regolazione e applicazione della legge sulla magia, ma l'hanno promosso, e ora lavora all'ufficio Auror! Mio padre che lavora con Harry Potter, nello stesso ufficio! Mi sono anche fatto portare una foto autografata a casa, così mi saluta ogni volta che passo!

    *disse Robin: per la sua futura carriera era molto indeciso; gli mancava ancora un anno, il quinto, prima dei G.U.F.O., e aveva dei dubbi sul suo futuro: concentrarsi sulle Arti Oscure, Difesa contro le Arti Oscure e le materie inerenti per diventare Auror, o diventare giocatore professionista di Quidditch, quindi concentrarsi in Volo, richiedere la patente di Materializzazione e cavalcare la sua scopa alla ricerca della vittoria? Con tutti questi interrogativi in testa, aspettò che anche gli amici dicessero il loro luogo di origine*


    @Sarah_Jonson, @Vera_Grace, @Amelia_Smith,


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 463
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *Amelia, prima di rispondere alla domanda, guardò con invidia il suo amico.*
    Beato te... comunque anche io, come Sarah, sono nata e cresciuta a Londra. Entrambi i miei genitori erano londinesi.
    *La sua buona madre era londinese, e il padre anche; al ricordo del padre s'incupì un po': dopo quello che era successo esattamente sei anni prima, provava a non pensare più all'uomo, ma le riusciva complicato, dato che mai avrebbe potuto e voluto credere che fosse un traditore...
    Sussultò, uscendo dai suoi pensieri, ma nonostante ciò un senso di amarezza le restava in bocca. Ci mise un po' a tornare entusiasta. Tornò con la mente a quando, poco prima, Robin aveva detto che suo padre lavorava all'ufficio Auror.*
    E tu vorresti fare lo stesso? Io ho sempre sognato di insegnare a Hogwarts.
    *Chiese, incuriosita. Poi si immaginò nel futuro: insegnante di Incantesimi, come aveva sempre sperato, con una classe di primini poco o niente esperti... i suoi progetti la facevano sempre emozionare: pensare che forse avrebbe preso il posto degli insegnanti la faceva sentire quasi commossa, dato che la storia si ripeteva di continuo: le menti vecchie ed esperte lasciavano in eredità i poteri della magia a quelle nuove e giovani. Le menti vecchie sagge e tranquille, le nuove impulsive e impazienti, come era lei al primo anno; un po' era cambiata, ed erano trascorsi solo tre anni. Chissà da grande, quanti cambiamenti ancora avrebbe dovuto affrontare impotente? La risposta a quella domanda l'avrebbe ottenuta solo aspettando, nessuno tranne che il tempo avrebbe potuto darle un responso preciso.*
    @Robin_Peach,@Sarah_Jonson,@Vera_Grace


  • Vera_Grace

    Corvonero Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 1075
        Vera_Grace
    Corvonero Responsabile di Casa
       
       

    Grazie ragazzi! E tu Vera... sei davvero un tesoro! Per il momento però non ho fame...

    *Disse Sarah sedendosi nella sedia libera affianco a lei per unirsi al gruppetto e mettendole un braccio sulle spalle e Vera le sorrise. Un po' era un peccato, le sarebbe piaciuto provare a fare la barista ma in effetti era decisamente più piacevole stare lì comoda a chiacchierare con gli amici del più e del meno. Poi la rossa rispose alla domanda della sedicenne, affermando di essere anche lei di Londra, cosa che in realtà la Grace sapeva già, essendo le due migliori amiche. *

    Io nato a Manchester, ma venivo spesso a Londra perché mio papà lavorava al Ministero, e qualche volta, quando mia mamma non poteva tenermi, mi portava con lui: lavorava all'ufficio regolazione e applicazione della legge sulla magia, ma l'hanno promosso, e ora lavora all'ufficio Auror! Mio padre che lavora con Harry Potter, nello stesso ufficio! Mi sono anche fatto portare una foto autografata a casa, così mi saluta ogni volta che passo!

    *Raccontò poi Robin, parlando velocemente. Anche lei aveva una foto del Golden Trio, il gruppo di eroi più famoso del mondo magico, ma nonostante i suoi genitori lavorassero al Ministero non aveva mai avuto occasione di farla autografare, né da Potter, né dagli altri due compagni Ron e Hermione. Era piuttosto amica però con Rose Weasley, una ragazza dai capelli rossi tipici della sua famiglia che era davvero simpatica oltre che decisamente avventurosa. *

    Beato te... comunque anche io, come Sarah, sono nata e cresciuta a Londra. Entrambi i miei genitori erano londinesi.

    Comunque nel resto del mondo Londra è famosa. Ci sono stata a Manchester, i miei lavorano al Ministero e viaggiano molto, cosa che io adoro così ogni tanto mi portano dietro per qualche giorno

    *Spiegò ai tre, pur sapendo che Sarah lo sapeva già, avendoglielo raccontato una volta che come quel giorno erano sedute ai Tre Manici di Scopa per rivedersi durante l'estate. Amelia disse che lei aveva sempre sognato di lavorare come insegnante ad Hogwarts, chiedendo se invece Robin volesse seguire le orme lasciate da suo padre e diventare un Auror.*

    Anche a me piacerebbe, non dover lasciare Hogwarts sarebbe fantastico anche se ammetto che fare l'Auror mi attira parecchio nonostante servano voti alti in tante materie. In pratica sono l'indecisione in persona!

    *Disse con un sorriso sghembo. Ormai era piuttosto certa di non sapere cosa fare della propria vita che fino ad allora le era sembrata così sicura grazie alla scuola che era diventata per lei una seconda casa. Ma dopo? Quel che era certo erano i voti che doveva avere in ogni caso. Si era impegnata al massimo e continuava a studiare per cercare di ottenere risultati ottimi, un po' per se stessa e un po' anche se non l'avrebbe mai ammesso per dimostrare qualcosa ai suoi genitori, alla sua famiglia che le aveva ovviamente lasciato un'impronta di educazione Purosangue.*

    @Sarah_Jonson, @Robin_Peach, @Amelia_Smith


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 262
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *A quanto pareva anche Robin desiderava lavorare come barista ai Tre Manici di Scopa. Egli spiegò che a lui sembrava bello cucinare e chiacchierare i clienti, chi poteva dargli torno! Anche se lavorare lì non era sempre una passeggiata, a volte si presentavano anche clienti difficili da accontentare e bisognava sforzarsi di trattarli comunque con gentilezza, oppure lavorare tutto il giorno in un locale poteva essere stancante. Nonostante tutto Sarah adorava quel lavoro, ed era piuttosto triste abbandonarlo. Dopo aver parlato un po' del tirocinio della Jonson, Vera aveva deciso di iniziare a parlare del luogo da cui provenivano i quattro. Subito dopo la quattordicenne aveva detto di essere nata e cresciuta a Londra, anche se la Grace lo sapeva già: erano migliori amiche. Fu poi il turno del Grifondoro che raccontò di essere nato a Manchester, ma che veniva spesso a Londra perché suo padre lavorava al Ministero, e che quando sua madre non poteva tenerlo, lo portava con lui: lavorava all'ufficio regolazione e applicazione della legge sulla magia, e che in quel momento lavorava all'ufficio Auror. Aggiungendo che suo padre lavorava con Harry Potter nello stesso ufficio. Si era anche fatto portare una foto autografata a casa, così lo salutava ogni volta che passava. La rossa spalanco un po' la bocca, mormorando un "wow". Non aveva mai visto Harry Potter di persona, solo nelle fotografie di giornali e libri che aveva letto, conosceva pero di vista i suoi due figli che frequentavano la sua stessa scuola di Magia: James e Albus, avuti con la brillante strega Ginny Weasley. Amelia, poco prima di rispondere anche lei guardò un po' con invidia il suo concasato, cosa che fece ridacchiare la quattordicenne. La Smith disse che era nata e cresciuta come Sarah a Londra, i suoi genitori erano londinesi.*

    È strano non esserci conosciute prima, sarà perchè Londra è un enorme città! Qualcosa non va?

    *Chiese poi piuttosto preoccupata, appena si rese conto che la ragazza dai capelli rossi come i suoi, sembrava essersi intristita al pensiero dei suoi genitori. Vera raccontò, anche se la Jonson sapeva già, che la capitale della Gran Bretagna era famosa nel resto del mondo, aggiungendo di essere stata a Manchester perchè i suoi genitori lavoravano al Ministero della Magia e viaggiavano parecchio, portando spesso con loro la giovane figlia, che quest'ultima adorava. Amelia chiese al concasato se anche lui volesse seguire la carriera da Auror come i genitori, iniziando così a parlare delle future professioni che avrebbero intrapreso dopo essersi diplomati ad Hogwarts. La Smith avrebbe voluto diventare insegnante nella loro scuola di magia, mentre la sedicenne era indecisa fra il diventare docente o l'Auror. Sarah sorrise fra sè, sicura che la sua migliore amica avrebbe fatto la scelta corretta. Fu poi lei a raccontare i suoi sogni nel cassetto, anche se non riusciva ad immaginare una vita da adulta diplomata.*

    Io vorrei intraprendere la carriera come professoressa ad Hogwarts, anche se non ho ben chiaro quale materia. Oppure mi piacerebbe diventare giornalista della Gazzetta del Profeta, la passione del giornalismo mi è stata trasmessa dai miei genitori, sapete? Sono due giornalisti babbani di un famoso giornale a Dublino!

    *Sorrise, fiera dei suoi genitori, anche se le mancavano parecchio. Ascoltò poi curiosa quello che avrebbero detto i suoi tre amici.*

    @Vera_Grace, @Amelia_Smith, @Robin_Peach


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 463
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *La barista chiese ad Amelia se qualcosa non andava, dato che probabilmente aveva notato la sua espressione cupa. La strega sollevò lo sguardo verso la sua nuova amica, contenta che si fosse preoccupata per lei.*
    E'... è successa una brutta cosa alla mia famiglia quando avevo otto anni, anche se so che capita a molti.
    *Spiegò. La sua voce si incrinò leggermente, e i suoi occhi si riempirono di lacrime, che però non caddero sulle guance lentigginose. Abbassò lo sguardo, vergognata; cosa avrebbero pensato di lei? Tenne gli occhi bassi, ma sull'ultimo pensiero si corresse: i suoi amici veri non l'avrebbero mai derisa, quindi, rincuorata dal pensiero, fece un profondo respiro.
    Si accorse di essere diventata rossa, e, per un attimo, un flashback che mai avrebbe voluto avere cominciò nella sua mente.*
    [INIZIO FLASHBACK]
    *La giovane bambina dai capelli rossi era seduta su un tappeto di casa sua, a leggere un libro babbano che le interessava parecchio, era assorta nella lettura, quando sentì uno strillo provenire dalla cucina. Si alzò di scatto, spaventata, e sulla soglia della stanza trovò i suoi fratelli maggiori.*
    Shhh! Vieni qui.
    *Le disse Tom, il più grande di tutti, e la tirò per un braccio, portandola dietro la porta, così che non potessero essere visti.*
    COME HAI POTUTO! NON HO INTENZIONE DI SOPPORTARTI UN SECONDO DI PIU'. SPARISCI, NON TI VOGLIO MAI PIU' RIVEDERE!
    *La giovane, confusa, si era affacciata, sempre attenta a non farsi beccare. Ad urlare era stata sua madre, contro suo padre. Amelia guardò la scena all'inizio senza capire cosa stesse accandendo, poi la consapevolezza cominciò a penetrare nel suo giovane animo.*
    SAI UNA COSA? E' QUELLO CHE DESIDERO ANCHE IO!
    *La bambina non poteva sapere che, dopo quell'episodio, non avrebbe mai più rivisto suo padre; quest'ultimo sbattè la porta di casa con così tanta violenza che un pezzo di muro si sbriciolò.
    La sua povera mamma si mise a correre, piangendo. I quattro fratelli entrarono in cucina, e alla povera bimba dai capelli rossi si spezzò il cuore, quando vide il messaggio via gufo sul tavolo. Diceva:
    Mia cara Amanda, mi spiace moltissimo doverti comunicare questa notizia terriblie: tuo marito Alfred ti ha tradita. Non dovrei fare la spia, ma dato che sei una mia carissima amica voglio che tu lo sappia. E quello schifoso ti ha tradita non con una sola donna, con molte. Io c'ero, quando ti ha fatto le corna con la cameriera del nostro pub preferito, allora mi sono insospettita sempre più e l'ho seguito quando andava in giro...
    La rossa non lesse altro: il suo cuore si era spezzato. Pianse in modo isterico, a lungo, abbracciata ai suoi tre fratelli.
    Le notti successive non dormì affatto: scivolava sempre giù in sala, nella speranza di veder tornare il padre che aveva tanto amato. Una sera Jack, un altro dei suoi fratelli, la trovò davanti alla porta, piangente, con delle foto di lei con il padre. C'era quella con lei sulle sue spalle, con la mamma sorridente al loro fianco, e molte altre. A quel punto avevano pianto insieme per tutta la notte, insieme anche agli altri.*
    Perché a noi... se lui e la mamma non si amavano più, almeno poteva pensare ai suoi figli! INVECE CI HA LASCIATI SOLI COME DEI CANI! E io gli volevo così tanto bene...
    [FINE FLASHBACK]
    *Il ricordo doloroso di quelle brutte nottate le faceva male, troppo male per nasconderlo. A quel punto esplose; calde lacrime le scivolarono a cascata lungo le guance zeppe di lentiggini.
    Pensava, fino all'età di otto anni, che suo padre le volesse bene, ma a quanto pare era stata solo un illusione. Solo un sogno...*
    @Sarah_Jonson,@Vera_Grace,@Robin_Peach

    OFF-GDR: so che è un po' lunga, ma vi prego di leggerla tutta ;) cmq bellissima la role, complimenti a tutti



    Ultima modifica di Amelia_Smith 2 settimane fa, modificato 4 volte in totale



Vai a pagina Precedente  1, 2