Altri Luoghi del Mondo Magico
Altri Luoghi del Mondo Magico


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Luke_Deaggle


  • Luke_Deaggle

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 17
        Luke_Deaggle
    Grifondoro
       
       

    [EDINBURGH, MANOR DEI DEAGGLE]


    *Era una fresca sera d'estate, e una piacevole brezza rompeva finalmente la calura estiva del pomeriggio di Edinburgo, doveva si trovava la casa della famiglia Deaggle. Era stata una giornata molto calda ma finalmente la temperatura era scesa e ci si poteva quindi godere un po' di fresco con le finestre aperte da cui filtrava la luce della luna calante di quel giorno di luglio.
    Luke era appena rientrato dal giardino, era stato per un'oretta a leggere steso nell'amaca ma purtroppo ora che il sole stava scendendo la luce scarseggiava e quindi Luke decise di rientrare in casa, quella sera erano soli a casa lui e il padre, la madre infatti era a Londra per un convegno del ministero. Una voce profonda scosse il ragazzino che si stava versando un fresco succo di zucca*





    Ma papà, mi avevi detto che potevamo fare un giro insieme stasera! Sempre con questo maledetto lavoro

    *disse Luke rattristato dal fatto che il padre desse sempre la priorità al lavoro, ma il padre non cedette*



    *Luke era molto dispiaciuto, con il padre aveva un buon rapporto e stavano molto insieme ma detestava quando improvvisamente si doveva assentare per lavoro anche a orari insoliti come quella sera.*


    Vorrà dire che passerò un'altra sera da solo!


    *sbuffò Luke mentre si buttava sul divano un po' arrabbiato*


    Anzi, meglio se vado su a prendere...


    *parlottava Luke mentre si dirigeva verso la propria camera al piano superiore. Tuttavia mentre camminava lungo il corridoio per raggiungere la propria cameretta vide qualcosa di strano, la porta dell'ufficio del padre era aperta e la stanza era illuminata con le torce accese*











    *Ma la stranezza non era quella, quanto piuttosto lo strano oggetto nero lucente che si trovava sulla scrivania del padre*




    Un calderone! E questo cosa ci fa qui! Da quando papà fa pozioni!


    *disse Luke quanto mai sorpreso vedendo quel calderone lucido immobile sulla scrivania; Luke era molto incuriosito perché sapeva che il padre, a differenza della madre, era molto scarso a fare pozioni e non ce lo vedeva proprio chino su quel calderone a mescolare qualche intruglio. E così Luke entrò nello studio avvicinandosi per vedere meglio, quasi attratto da quel calderone così banale ma misterioso, sembrava un calderone nuovo*


    "Mmmh.. sembra nuovo.. forse lo ha preso per me per il prossimo anno... anzi no non deve essere nuovo, qui sembra un po' danneggiato"


    *pensava Luke tra sé e sé mentre avvicinandosi notava alcuni segni del tempo nel calderone, alcune scheggiature del colore nero lucente che lo ammantava, Luke quando fu esattamente di fronte alla scrivania si sporse per guardarne l'interno, completamente vuoto con nulla al suo interno, tuttavia mentre fissava concentrato l'interno per cercare di capire cosa fosse il simbolo sul suo fondo ebbe una sorta di giramento di testa, quindi per non cadere appoggiò con decisione la mano destra al bordo del calderone come per aggrapparsi ad esso.*


    Aaaaaaaaaahhhhhhhh


    *Una sensazione di vortice improvvisamente si impadronì di Luke, egli comincio a ruotare sempre più veloce sempre più veloce sempre più rapido in un turbine, ruotava velocemente su se stesso mentre si sentiva strappato via dal terreno quasi come volasse. Luke non riusciva a staccarsi dal calderone che gli rimaneva aggrappato alla mano vorticando con lui. Quando Luke riuscì finalmente a liberarsi dalla presa del calderone si sentì precipitare a terra e cadde con un tonfo rumoroso anche se fortunatamente non troppo doloroso*






    [LUOGO MISTERIOSO - CIMITERO]


    *Quando Luke aprì gli occhi, terrorizzato e spaventato da quello che gli era appena accaduto, si accorse di essere al buio, solo la luce della luna illuminava il luogo dove si trovava*





    "Dove sono? Dove mi trovo? Cosa mi è successo? Cosa ci faccio qui?"


    *pensava Luke molto spaventato tra sé e sé mentre provava a rialzarsi per guardarsi attorno. Luke si sfregò gli occhi come per vedere meglio, la luna era dietro delle nubi ma da esse si intravedeva il suo chiarore che illuminava molto il luogo misterioso dove era finito. Man mano che le sue pupille si dilatavano e cominciava a vedere meglio cominciò a capire cosa fossero tutti quei massi che erano lì attorno.*



    *si trattava indubbiamente di lapidi e quello dove si trovava era sicuramente un cimitero, era infatti un grande cimitero con molte lapidi alcune più alte altre più basse, alcune sembravano recenti ma la maggior parte erano molto vecchie. Luke frugava con lo sguardo la zona, ma cosa ci faceva lui lì, come ci era finito?
    C'era una sola risposta plausibile, quel calderone che ora giaceva ai piedi di Luke doveva essere una passaporta, e la passaporta conduceva proprio a quel cimitero, ma perché c'era una passaporta aperta nell'ufficio del padre? E perché lo aveva condotto lì, cosa c'era in quel posto?

    C'erano molte cose da capire, e Luke con gli occhi ancora pieni di paura provò a rialzarsi in piedi mentre qualcosa di simile alla curiosità cominciava a farsi largo nella sua mente sostituendo la paura*






    @Freya_Hansen, @Robin_Peach, @William_Rogers, @Varyare_King, @Damian_Saps, @Ronald_Canard, @Jane_Casterwill,




    Ultima modifica di Luke_Deaggle circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 400
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    [MACNHESTER - CASA PEACH]

    *Dopo la visita di mercoledì al cimitero di Godric's Hollow, Robin provava un desiderio: andare a far visita agli altri due bisnonni materni e agli altri due paterni, così da aver chiaro il suo albero genealogico*

    Papà, vado al cimitero di Little Hangleton! Mi dai la metropolvere?

    *chiese al padre: erano a casa per il weekend e per il venerdì, sarebbero tornati al paiolo magico il lunedì successivo.
    Il padre acconsentì: Robin sarebbe atterrato davanti al cimitero, e poi sarebbe ritornato a casa dal camino dei Tokes, una famiglia di maghi di cui Matthew Peach, il padre di Robin, era amico*

    CIMITERO DI LITTLE HANGLETON!

    *disse Robin; si trovò risucchiato, i polmoni gli si riempirono di polvere, gli occhi gli bruciavano, le orecchie gli fischiavano... E poi tutto finì*

    [CIMITERO DI LITTLE HANGLETON]

    *Robin si trovò davanti al cancello arrugginito; lo spinse ed entrò*




    *c'erano moltissime lapidi, e in mezzo a loro una figura umana!
    Robin si avvicinò, e da vicino riconobbe*

    Luke!

    *disse, riconoscendo l'amico, e attendendo una risposta*

    @Luke_Deaggle,




    Ultima modifica di Robin_Peach circa 3 mesi fa, modificato 2 volte in totale


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 93
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    [Little Hangleton - cimitero]

    *Erano quasi le nove di sera, ma l'oscurità del cielo dava a dimostrare che era già mezzanotte. Quel giorno Varyare non si trovava a casa sua a Londra, ma in un altro paese, Little Hangleton, perché sua madre doveva incontrare un altro auror che abitava lì; la Serpe che aveva come figlia l'aveva implorata in tutti i modi di portarla con sé, e dopo varie discussioni l'auror Corvonero, per sfinimento, aveva accettato. E quindi ora eccola lì che passeggiava tra le vie di quel pese dalla pessima fama. Lì il Signore Oscuro era cresciuto con i suoi genitori, e dopo la sconfitta subita da Harry Potter si era rifugiato nella sua vecchia casa curato da Codaliscia. Le era sempre interessata la storia di Voldemort, anche se era un mago oscuro e malvagio, era potente. Come un tempo aveva detto Olivander "Colui-che.non-deve-essere-nominato ha fatti grandi cose... terribili, certo. Ma grandi", ed era vero! Era riuscito a ricostruire un vasto esercito anche dopo la sua caduta, ha aspettato ben undici anni per potersi vendicare del Bambino Che E' Sopravvissuto, gli ha dato la caccia per diciassette lunghi anni ed era riuscito a creare non uno, ma ben sette Horcrux, magia complessa anche per un mago del suo talento. Tuttavia ha perso la battaglia, ma nessuno avrebbe mai dimenticato le sue gesta (terribili).
    Quando Varyare e sua madre erano arrivate utilizzando la Metropolvere erano sbucate nel camino dell'auror che la Corvonero doveva incontrare, e l'avevano buttata fuori di casa dichiarando che dovevano parlare di "affari del Ministero". Non voleva essere scortese, ma la Serpe era di gran lunga felice di essere uscita, anche se il cielo era scuro e non poteva usare la bacchetta (che per sicurezza si era portata dietro) fare un giro per le strade non le sarebbe dispiaciuto. Come probabilmente facevano tutte le madri del mondo magico e non, anche la sua l'aveva avvertita con le sue solite parole "stai attenta a chi incontri" "non allontanarti troppo" e la sua preferita "entro le dieci ti voglio a casa!". Odiava quando la trattava così, era già al terzo anno di Hogwarts e sapeva badare a se stessa; eppure lei continuava a preoccuparsi anche dopo che Varyare le diceva che non le sarebbe successo nulla di male. Forse era proprio per quello che non si fidava di lei, la Serpe poteva comportarsi da incosciente talvolta e subito dopo pentirsene. Si era meravigliata della madre che quella volta l'aveva fatta uscire di sera e da sola in quel posto sconosciuto, pensava fosse a causa dell'altro auror e che non voleva fare la figura della madre "appiccicosa", se avesse avuto ragione doveva ringraziarlo prima o poi.
    Non sapeva da quanto tempo stava camminando, e nemmeno dove era diretta, tutto ciò di cui era consapevole era che si era ritrovata davanti all'ingresso di un cimitero, lo stesso dove c'era la tomba del padre del Signore Oscuro, lo stesso dove Voldemort era risorto! Teneva la bacchetta (che purtroppo non poteva usare) stretta nella mano, in caso ne avesse avuto strettamente bisogno, infatti era concesso usarla solamente se il mago o la strega minorenni si trovassero in grave pericolo.



    Le lapidi erano in qualche modo allineate tra di loro, solo alcune erano illuminate da una luce fioca proveniente da una candela portata nel cimitero dai parenti del defunto, ma a parte quello il luogo era buio e se non prestava attenzione mentre camminava si sarebbe ritrovata per terra inciampando su qualche pietra. Se aveva paura? Doveva ammetterlo, un pochino sì. Recarsi di sera in un cimitero dove uno dei più potenti maghi oscuri aveva ripreso il suo corpo dopo undici anni non era cosa da poco. Entrò. Vide due figure aggirarsi per il cimitero, cosa ci facevano lì a quell'ora della giornata? Poteva avvicinarsi? La curiosità era più forte della cautela e si avvicinò furtivamente ai due cercando di non fare rumore. Magari erano solo due persone comuni che erano venute a commemorare i loro defunti, o così sperava. Ma la vista dei loro volti la sorprese...*
    Robin! Luke! Che ci fate qui?
    *Domandò avvicinandosi. Tra tutti i maghi che potevano essere aveva incontrato proprio i suoi amici. Un sorriso affiorò sul suo volto anche se a causa della scarsa luce non poteva essere visibile ai due.*

    @Luke_Deaggle, @Robin_Peach


  • Luke_Deaggle

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 17
        Luke_Deaggle
    Grifondoro
       
       

    *Luke si rialzò e titubante e molto spaesato cominciò a guardarsi intorno, a vagare senza una vera meta in mezzo a quelle lapidi. Luke si tastò in tasca per sentire se aveva il suo coltellino svizzero, tutto ciò che poteva servirgli per difendersi in caso di pericolo anche se probabilmente non c'era nessuno in quel posto, solo qualche rapace notturno che svolazzava da un albero all'altro emettendo i loro canti d'amore.
    Camminava perché non sapeva che altro fare, e camminare era l'unica cosa che lo aiutava a scaricare la tensione e calmarsi dallo spavento che aveva preso, girovagava dando uno sguardo qua e là ai nomi che vedeva scritti sulle lapidi...*



    "Cage, Miller, Robbins, Tonks, ... sono quasi tutti nomi babbani questo deve essere un cimitero babbano...
    ma cosa ci faceva una passaporta aperta nello studio di papà, maledizione, poteva avvertirmi almeno, dove sono? dov'è questo cimitero? sarà lontanissimo da casa, ora che faccio...?"



    *i pensieri si affollavano numerosi nella sua testa, momenti di panico si alternavano a momenti di maggiore calma e lucidità. Ma ecco che improvvisamente uno scricchiolio attirò la sua attenzione. Doveva esserci qualcun altro, il rumore che aveva sentito era senza dubbio lo scricchiolio del cancello d'entrata, maledizione! chi poteva essere a quell'ora lì, Luke cominciò davvero ad avere paura e a temere che gli potesse accadere qualcosa.

    Tuttavia potrebbe essere stato qualcuno in grado di aiutarlo questo non lo sapeva dire, l'unica cosa era provare ad avvicinarsi per vedere chi fosse.
    E così cominciò ad andare verso l'entrata del cimitero tenendo fissi gli occhi su ogni movimento sospetto, nascondendosi ogni tanto dietro alle lapidi per aspettare che quel qualcuno avanzasse prima di avanzare a sua volta per vedere meglio.*




    *Con sua enorme sorpresa sembrava un ragazzo, l'ombra non gli permetteva di vedere bene ma l'abbigliamento abbastanza sportivo e l'altezza media dei ragazzi di 14/15 anni in parte lo rassicurarono e così uscì un po' più allo scoperto avanzando tra le lapidi pensando nella sua testa*



    "chissà cosa ci fa qui quel ragazzo, magari si è perso come me magari anche lui ha preso per errore una passaporta anche se in realtà non sembra abbia paura, e lui il cancello l'ha aperto di proposito..."


    *mentre era preso dai suoi pensieri una voce lo scosse*


    Luke!


    Ehi Robin! Sei tu? Che sollievo!


    *Luke avvertì un'incredibile sensazione di sollievo, fortunatamente era un ragazzo come lui, anzi un ragazzo che conosceva bene essendo stato suo compagno di dormitorio; i due si salutarono e Luke aveva da poco cominciato a raccontare a Robin la sua disavventura quando i due ragazzi erano talmente presi dal racconto che non sentirono degli altri passi arrivare dietro di loro*


    Robin! Luke! Che ci fate qui?

    *La voce inconfondibile era quella di Varyare, studentessa Serpeverde*


    Ehi ciao Varyare, mamma mia ci hai fatto prendere un colpo!
    Stavo proprio raccontando ora a Robin, io non so perché mi trovo qui e a dir la verità non so nemmeno dove mi trovo.


    *disse Luke guardando nella penombra gli amici sperando gli fossero un po' più d'aiuto di quanto non potesse essere lui a loro, e cominciò a raccontare cosa gli era accaduto tutto d'un fiato*


    Ero a casa da solo, mio padre si era assentato da poco e stavo andando in camera, passando davanti al suo studio ho notato un calderone che sembrava nuovo di zecca, l'ho visto perché la luce era rimasta accesa, poi sono entrato per vederlo meglio e quando per sbaglio l'ho toccato beh...
    sono stato risucchiato e sono finito qui.. quel calderone era una passaporta ed era aperta a quell'ora quando l'ho toccata ma non ho idea del perché, anzi non ho ancora capito dove sono, ho provato a leggere qualche nome in giro ma credo di essere parecchio lontano da casa mia...
    Voi sapete dove siamo? e voi piuttosto che ci fate qui?





    @Freya_Hansen, @Robin_Peach, @William_Rogers, @Varyare_King, @Damian_Saps, @Ronald_Canard, @Jane_Casterwill,




    Ultima modifica di Luke_Deaggle circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 256
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [Casa di Ronald]

    *Ronald nelle vacanze estive aveva deciso di aiutare un po’ i genitori per lo spettacolo per provare dei numeri che utilizzassero sia degli oggetti veramente magici abbinandoli a qualche trucchetto da prestidigitatore insomma fare collaborare la Vera Magia con quella Babbana. Non usarono la bacchetta di Ronald, pur avendola con se. Visto che gli insegnanti di magia oltre al ministero agli studenti era vietato usare la bacchetta se non per un’emergenza, quindi utilizzarono molti oggetti che erano stati comprati dalla madre nel famoso negozio degli scherzi W.B. (Weasley Brother).
    Probabilmente era uno di quegli oggetti che erano scaduti o persino creati con meno ingredienti necessari per il suo corretto funzionamento, quando Norman l’usò venne ferito.

    Ronald chiamò con voce preoccupata sua madre che era nel suo laboratorio e a creare un qualcosa. Quando sentì la voce preoccupata di Ronald che la chiamava arrivò di fretta, controllò la ferita di Norman e sollevata che non era nulla di mortale ma solamente molto doloroso, lei mandò Ronald a prendere un unguento per curare la lesione, mentre lei usava degli incantesimi calmanti visto che essendo una strega poteva usare quelli medici per uso personale. Cosi non avrebbero infranto nessuna regola magica, visto che Ronald era ancora minorenne.

    Ronald quindi seguì il consiglio di sua madre, quando stava per prendere l’unguento giusto, notò una cosa che gli sembrò fuori posto tra i calderoni puliti e splendenti di Selena. C'era un calderone brutto, logoro, sporco e perfino bucato. In poche parole sembrava uno scolapasta gigante quindi inadatto a creare qualsiasi pozione.

    Ronald avvicinandosi per controllare meglio a esso mormorò:*

    "Strano che tenga quel calderone rotto. Mi ha sempre detto che una pozione ben fatta dipende anche dalla pulizia e dallo sto del calder..."

    *E proprio nel momento in cui lo toccò sentì che il suo stomaco venisse risucchiato dentro assieme a tutto il resto del corpo.*

    [cimitero Little Hangleton]


    *Ronald dopo aver vomitato fuori anche l’anima, intuì di essersi spostato da casa sua a un altro posto, che per il momento era a lui sconosciuto. Cominciò a tastare in giro, e grazie all'uso dei cubi di Rubik oltre a essere il figlio di un prestigiatore, aveva sviluppato un tatto leggermente sopra alla media, che era un requisito fondamentale per quella professione babbana. Quindi capì che c'erano delle pietre con varie forme tra cui a croce e su alcune c'erano scritto anche con un carattere in rilievo e grazie a queste comprese di trovarsi in uno dei due cimiteri inglesi che si trovavano vicino a Londra. Camminando e pensando:*

    Dove mi trovo ? In quale cimitero sono ?

    *Mentre pensava a ciò e tastando con la mano una tomba decifrò la scritta: Gaunt e in un'altra lì vicino Orvoloson. Ronald essendo nato in un periodo di pace e beata ignoranza sul mondo magico non si ricordò a chi erano quelle famiglie, ma qualcosa nella sua mente gli risuonavano come dei nomi familiari ed importanti. In quel momento, probabilmente alla pseudo sbornia dovuta alla passaporta che il cervello non stava carburando bene. Fino a quando camminando non incontrò Robin. E quindi disse:*

    Ciao Robin, mi dici in quale cimitero mi trovo ? .

    *E aspettò ignorando le altre persone che si erano raggruppate lì. In quel cimitero.*


    @Esperanza_Fuentes, @Freya_Hansen, @Robin_Peach, @William_Rogers, @Varyare_King, @Damian_Saps, @Luke_Deaggle, @Jane_Casterwill,


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 93
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Era felice di aver incontrato due suoi amici, ma... In un cimitero? Chiese loro il motivo per cui erano lì, e sapeva che dopo le avrebbero rigirato la domanda anche se non avrebbe saputo rispondere con certezza. Infatti era a Little Hangleton perchè sua madre le aveva permesso di accompagnarla, però ora era in un cimitero e non c'era una particolare ragione. Si era ritrovata lì per puro caso, camminando tra le strade senza nemmeno pensare a dove stesse andando, e quando entrò si allarmò vedendo quelle due figure nella penombra, e così la sua curiosità ebbe la meglio e si avvicinò. Una storia strana.. ma almeno aveva incontrato Robin e Luke.
    Chissà loro cosa ci facevano in un cimitero, che per quello che sapeva era babbano, a parte forse qualche raro mago che abitava lì come l'aurora con cui si doveva incontrare sua madre. Non aveva fatto molto caso ai nomi incisi sulla pietra, determinata com'era a scoprire chi erano i due, ma sapeva che lì da qualche parte risiedevano i resti del padre di Voldemort.
    Luke le spiegò che si era trovato lì per caso, e che non sapeva neppure dov'era, poi le raccontò della passaporta che aveva trovato nell'ufficio di suo padre e di come era arrivato al cimitero. Una storia interessante la sua, ma qualcosa non la convinceva, forse il fatto che il padre del Grifo tenesse una Passaporta aperta in casa..*
    Sei al cimitero di Little Hangleton. Comunque, sono venuta qui con mia madre che doveva incontrarsi con auror per motivi di lavoro, e gironzolando per le strade mi sono ritrovata qui.
    *Spiegò a Luke e Robin. Poi, cercando di rallegrare un po' l'umore dei due, vista la situazione, aggiunse ridendo:*
    Beh, almeno stai bene dopo il viaggio con la Passaporta!!
    *Infatti la prima volta che lei aveva viaggiato con quel mezzo di trasporto aveva quasi vomitato, era stato molto tempo fa e ormai ci era abituata, ma non sapeva se il Grifo aveva mai provato ad usare una prima d'ora.
    Anche se ora era in loro compagnia, teneva sempre la bacchetta in mano, in caso di necessità, perché non poteva mai sapere cosa avrebbe trovato in un cimitero. Non ricordava di essere mai stata a Little Hangleton prima di quella sera, e anche se erano solo le nove era molto scuro e quasi non riusciva a scorgere le lapidi in mezzo al cimitero con il rischio di caderci sopra. Se avesse potuto usare la bacchetta avrebbe potuto usare un 'lumos' per vedere dove camminava, ma essendo ancora troppo giovane per farlo dovette rinunciare, perché cadere su una tomba non fa parte dei pericoli mortali per i quali si può fare uno strappo a quella inutile regola.
    Poi sentì dei passi che si dirigevano verso di loro. Chi altro c'era in quel cimitero? Una figura che sembrava poco più grande di lei si stava avvicinando. Poteva essere chiunque, e a causa della scarsa luce non riusciva ad identificarlo. Lo sconosciuto camminò fino a ritrovarsi davanti a loro, in quel momento Varyare alzò leggermente la bacchetta pronta a lanciare un qualsiasi incantesimo.*
    Ciao Robin, mi dici in quale cimitero mi trovo?
    *Disse lui. Ora che si era avvicinato aveva intuito che era un ragazzo quasi della sua età, l'aveva visto in giro alcune volte ad Hogwarts ma non sapeva il suo nome e nemmeno la casata di appartenenza, ma era sicura che non era un Serpeverde poichè non l'aveva mai visto in Sala Comune o al suo tavolo in Sala Grande. Non aveva dato cenno di saluto né a lei né a Luke, non era chiaro se era perché non li aveva notato oppure perchè non li conosceva e voleva sentire prima Robin, che a quanto pare conosceva bene. Abbassò la bacchetta ma senza metterla via, e lo salutò.*
    Sei a Little Hangleton. Comunque sono Varyare King, piacere.
    *Disse cercando di fare una buona impressione. Non era mai stata molto brava a conoscere nuove persone e pensava che era giunto il momento di migliorarsi. Così attese una sua possibile risposta.*


    @Robin_Peach, @Luke_Deaggle, @Ronald_Canard


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 400
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Robin! Luke! Che ci fate qui?

    *Una voce lo fece sobbalzare: non sapeva chi ci fosse, ma riconobbe la persona dalla quale proveniva*

    Varyare?!? Potrei farti la stessa domanda! Comunque io sono qui per visitare i miei bisnonni, ne ho 4 a Godric's Hollow e 4 qui!

    *disse all'amica*

    Poi ho trovato Luke e siamo qui!

    *disse all'amica: poi Luke, che prima lo aveva salutato, spiegò perché era lì: a casa aveva toccato un calderone del padre, e non sapeva dove fosse*

    Sei al cimitero di Little Hangleton. Comunque, sono venuta qui con mia madre che doveva incontrarsi con auror per motivi di lavoro, e gironzolando per le strade mi sono ritrovata qui.

    *disse Varyare; poi Robin confermò*

    Confermo anch'io! Sono venuto con la polvere volante, e non si può sbagliare!

    *disse all'amico; poi, a dimostrazione che le sorprese non finiscono mai arrivò Ronald, un ragazzo Corvonero*

    Ciao Robin, mi dici in quale cimitero mi trovo ?

    *gli chiese; Robin gli disse*

    Ciao, Ronald! Tutto OK?

    *e gli diede il cinque; poi rispose alla sua domanda*

    Sei a Little Hangleton, al cimitero di Little Hangleton, in compagnia di me, Luke e Varyare

    *e aspettò una risposta, e soprattutto che qualcuno proponesse qualcosa; in quanto più grande, l'avrebbe fatto lui se nessuno avesse voluto, e sarebbe stato lui a guidare il gruppo, con dietro Ronald che era il più grande dopo di lui*

    @Varyare_King, @Ronald_Canard, @Luke_Deaggle,


  • Luke_Deaggle

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 17
        Luke_Deaggle
    Grifondoro
       
       

    *Quella che inizialmente era sembrata per Luke una nottata da incubo da trascorrere in solitudine alla ricerca di un modo per tornare a casa, si stava via via trasformando in una insolita coincidenza e, nonostante il luogo un po' macabro, in una rimpatriata di compagni di Hogwarts; l'estate sembrava meno noiosa del previsto, giusto qualche giorno prima si era ritrovato con alcuni suoi compagni alla gelateria Fortebraccio per un gelato in compagnia, anche quella volta il ritrovo era staro completamente casuale e oggi per una serie incredibile di coincidenza non era il solo frequentatore del cimitero.

    Dopo alcuni minuti che era lì e girovagava senza metà, trovò il grifondoro Robin Peach e i due non ebbero nemmeno il tempo di scambiarsi i saluti che furono raggiunti da un'altra voce amica quella della serpeverde Varyare King*

    Robin! Luke! Che ci fate qui?

    *a cui Robin prontamente rispose*

    Varyare?!? Potrei farti la stessa domanda! Comunque io sono qui per visitare i miei bisnonni, ne ho 4 a Godric's Hollow e 4 qui!
    Poi ho trovato Luke e siamo qui!

    *anche Luke riconobbe la voce dell'amica che lo fece sussultare visto che non l'aveva sentita arrivare mentre parlava con Robin*



    Ehi ciao Varyare, mamma mia ci hai fatto prendere un colpo!
    Stavo proprio raccontando ora a Robin, io non so perché mi trovo qui e a dir la verità non so nemmeno dove mi trovo.


    *e così Luke raccontò ai due amici la sua particolare disavventura, descrisse della scoperta fatta nell'ufficio del padre, del suo strano viaggio per certi aspetti ancora inspiegabile attraverso quella passaporta che era aperta proprio quando Luke era entrato nello studio, e quindi di come era finito lì in quel posto di cui non sapeva nulla e non sapeva nemmeno dove fosse. Quindi concluse dicendo:*


    anzi non ho ancora capito dove sono, ho provato a leggere qualche nome in giro ma credo di essere parecchio lontano da casa mia...
    Voi sapete dove siamo? e voi piuttosto che ci fate qui?


    *Varyare fu la prima a rispondere abbastanza convinta, lei a differenza di Luke non era finita lì per caso ma sapeva bene dove fosse:*

    Sei al cimitero di Little Hangleton. Comunque, sono venuta qui con mia madre che doveva incontrarsi con auror per motivi di lavoro, e gironzolando per le strade mi sono ritrovata qui.

    *e subito dopo Robin confermò che il posto era proprio quello*

    Confermo anch'io! Sono venuto con la polvere volante, e non si può sbagliare!

    Beh, almeno stai bene dopo il viaggio con la Passaporta!!

    *disse Varyare scherzando a Luke; ormai lo spavento era passato e in compagnia dei suoi amici, anche se erano tutti giovani maghi minorenni che non potevano usare la magia, si sentiva in un certo senso al sicuro, quindi rise per qualche istante spensierato ringraziando che non doveva cavarsela da solo da quella situazione inquietante*




    *Luke stava per aprire bocca per chiedere a Varyare come mai fosse di tutti i posti dove poteva gironzolare fosse finita proprio in un cimitero quando un sordo rumore di passi in lontananza richiamò la sua attenzione. Luke quindi si guardò intorno incuriosito da chi altri sarebbe arrivato quella notte*




    *Un ragazzo alto circa come Robin, probabilmente quindi della stessa età, con una faccia simpatica e i capelli lunghi si avvicinò a loro, guardò i tre che lo squadravano nel buio e quanto pare riconobbe solo Robin perché a Varyare e Luke non rivolse nemmeno un saluto*

    Ciao Robin, mi dici in quale cimitero mi trovo?


    *Luke notò che Varyare fu alquanto irritata di questo, non aveva gradito che il nuovo arrivato non degnasse nemmeno di un saluto gli altri due e fu lei la prima a rispondere*

    Sei a Little Hangleton. Comunque sono Varyare King, piacere.


    *quasi in contemporanea anche Robin gli rispose*
    Ciao, Ronald! Tutto OK?
    Sei a Little Hangleton, al cimitero di Little Hangleton, in compagnia di me, Luke e Varyare

    *Robin gli diede il cinque, segno che i due già si conoscevano, quel ragazzo probabilmente era anche lui un mago; Luke con una punta di sollievo notò che anche il ragazzo non sapeva dove fosse, quindi non era l'unico a cui era capitato qualcosa di strano finendo in quel cimitero, anche quel ragazzo più grande forse non era finito lì di sua spontanea volontà visto che non sapeva nemmeno dove fosse*


    *Luke guardò il ragazzo che sembrava un tipo abbastanza simpatico, e come gli avevano insegnato i suoi genitori si avvicinò verso di lui e gli porse la mano*





    Molto piacere, come ha detto Robin, io mi chiamo Luke, Luke Deaggle, tu come ti chiami?
    Credo di aver capito che come me anche tu non sia finito qui di tua spontanea volontà...


    *disse infine Luke cercando di capire chi fosse quel ragazzo e come mai fosse finito lì, e mentre aspettava che il ragazzo si presentasse aggiunse rivolto a Robin facendogli l'occhiolino*


    Comunque ragazzi, io non so proprio cosa fare ora? Voi avete qualche idea?




    @Ronald_Canard, @Robin_Peach, @Varyare_King,


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 400
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Dopo aver salutato Ronald, anche Luke gli strinse la mano, e subito dopo chiese cosa facevano in quel cimitero*

    Beh, io sono venuto a visitare i miei bisnonni, non so quanta allegria ci possa essere, quindi se volete restare qua o fare qualcos'altro non mi offendo!

    *disse agli amici, e si avviò tra le lapidi: poco dopo trovò la prima coppia, quella dei genitori del nonno di suo padre*

    Citazione:
    ANNE TOKENS
    Nata il 15-08-1897
    Deceduta il 23-09-1991


    *di fronte un mazzo di fiori sgualciti, che Robin rimpiazzò con quelli che si era portato; era morta a 94 anni, una veneranda età! Poco di fianco il bisnonno*

    Citazione:
    MAURITIUS PEACH
    Nato il 12-03-1893
    Deceduto il 17-12-1987


    *Anche a lui Robin mise dei nuovi fiori, per poi farsi il segno della croce e allontanarsi in cerca degli altri; li trovò a pochi passi di distanza, i genitori della nonna del padre*

    Citazione:
    MATT PLANS
    Nato il 15-07-1900
    Deceduto il 14-11-1999


    *questa volta il colpo gli mozzò il fiato: parente di Zack Plans, il prefetto di serpeverde! Z-A-C-K P-L-A-N-S !
    Decise di visitare anche la bisnonna, per poi andare dagli amici*

    Citazione:
    ELIZABETH MIDDLETOWN
    Nato il 15-07-1903
    Deceduta il 31-11-2000


    *tutti di un'età veneranda, i bisnonni! Robin lasciò anche a loro un mazzo di fiori, poi ritornò dal gruppo*

    Ehm, Varyare... Zack... il tuo prefetto... è simpatico?

    *sapeva che ogni persona aveva i suoi lati buoni, ma voleva capire quali erano quelli di quel suo lontano parente*

    @Luke_Deaggle, @Varyare_King, @Ronald_Canard,




    Ultima modifica di Robin_Peach circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 256
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [cimitero Little Hangleton]


    *Ronald dopo essersi abituato alla poca luce che c’era in quel momento li nel cimitero si accorse o meglio sentì che non c’era solo Robin. Prima che Robin gli rispondesse fu l’unica ragazza, per il momento, che rispose in quale cimitero si trovava e cioè al Little Hangleton. Nel momento in cui lei si presentò dicendo di chiamarsi Varyare, lui la riconobbe come una delle persone che erano andate in gita ad Hogsmeaede. Sentendo il nome, che era uno di quelli strani, pensò:*

    Strano nome, sarà difficile da dimenticare..

    *Nello stesso momento in cui stava pensando ciò fu Robin che alzò la mano per dare il cinque e lui prima si strofinò la sua sui propri jeans, dopodiché ricambiò il cinque altrimenti Robin avrebbe fatto una figuraccia e ci sarebbe rimasto male. Robin prima gli domandò se stesse bene e confermò quello che aveva già detto Varyare e gli disse che oltre a loro due c’era anche un certo Luke. *

    Scusatemi se non vi avevo visto, ma non mi ero ancora teletrasportato…

    *Aveva usato quella parola perché era un termine babbano che conosceva bene, e poi continuò:*

    ..qua. Dopo aver preso la pomata nel laboratorio alchemico di mia madre per aiutare mio padre. Mi ha attratto un oggetto che mi sembrò fuori posto: un calderone sporco, logoro e bucato. Mi avvicinai, lo toccai e sono arrivato qua. Mi ci è voluto un po’ per riprendermi e capire dove mi trovassi. Quando ho sentito la terra sotto ai piedi, non riuscivo a capire dove fossi perché avevo la vista annebbiata, quindi avrò toccato di tutto per intuire almeno a grande linee dove fossi. Grazie a ciò che avevo intuito di trovarmi in un cimitero.

    * Ronald adesso che gli occhi si erano abituati alla luce del cimitero, gli sembrò che annuissero o sorridessero come se avessero appena vissuto un déjà-vu. Poi visto che si erano presentati toccò a lui presentarsi a loro e siccome erano tutti e quattro maghi si presentò cosi:*

    Allora ricominciamo con le buone maniere. Ronald Canard, Corvonero del quarto anno.

    * strinse le mani a tutti, sperando che nessuno fosse ammalato di Covid.

    Poi quando Robin parlò di Zack a Ronald gli vennero in nervi, visto che quasi alla fine dell’anno era stato scoperto da lui e aveva fatto perdere venti punti alla sua casa..
    Poi per un po' per cambiare argomento e un po' per curiosità, visto che lui non sapeva il motivo per cui erano qua, poiché era arrivato molto dopo di loro chiese:*

    Voi che ci fate qua ? Anche voi qua per sbaglio?

    *Nello stesso tempo stando ad aspettare le loro risposte, si tastò tra i Jeans e la maglia per assicurarsi che la bacchetta ci fosse ancora. E fortunatamente era ancora lì.
    Fece quel gesto per due semplici motivi: il primo fu che aveva visto Varyare che la stava impugnando, e il secondo era per il luogo e l'ora, perché nei film che guardava era una situazione che non preannunciava niente di buono, dei ragazzi in un cimitero di notte.
    Nello stesso momento vide Robin posare dei fiori su alcune lapidi, quindi dedusse che Robin era un assiduo frequentatore di questo cimitero.*

    ho aggiunto una cosetta per dare un "po' " di realtà. E poi vi ho taggato qua nello spoiler.

    @Esperanza_Fuentes, @Freya_Hansen, @Robin_Peach, @William_Rogers, @Varyare_King, @Damian_Saps, @Luke_Deaggle, @Jane_Casterwill,




    Ultima modifica di Ronald_Canard circa 3 mesi fa, modificato 1 volta in totale


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 93
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Il cimitero ormai era diventato quasi un luogo di raduno, anche se non era un posto molto usuale per stare in compagnia. E pensare che si erano tutti incontrati lì per caso, chi ci era arrivato senza volerlo o chi voleva far visita ai parenti, erano differenti i motivi per cui ora si trovavano lì, eppure senza nemmeno mettersi d'accordo, ora stavano nel bel mezzo di un cimitero di notte a parlare tra di loro di come erano arrivati e perché. Robin salutò il nuovo arrivato e da lì dedusse che si chiamasse Ronald, che da quello che sembrava era un suo amico e gli presentò Varyare e Luke, che prima probabilmente non aveva notato.
    Ronald si scusò con loro perché non li aveva visti raccontando loro come fosse arrivato lì. Nel frattempo Robin si era allontanato un attimo per cambiare dei fiori a quelle che probabilmente erano le lapidi dove giacevano i suoi cari.*

    Allora ricominciamo con le buone maniere. Ronald Canard, Corvonero del quarto anno.

    *Si presentò il Corvo. A vederlo così sembrava un tipo a posto, ma era solo una sua prima impressione perché non poteva giudicare una persona dal modo in cui si presentava. Luke fu il primo a rispondere ricambiando la stretta di mano, seguito da Varyare aggiungendo che era della casata Serpeverde visto che prima non l'aveva detto.
    Robin tornò e domandò a lei se Zack, il prefetto della sua casa, era simpatico. Non aveva avuto modo di conoscerlo bene, dalle voci che giravano nei corridoi le sembrava un ragazzo strano, ma non poteva sapere se quei mormorii erano veri perché l'aveva incontrato solo una volta ad Hogsmade ma non si era fermata a parlare molto.*

    Non lo so, non lo conosco molto bene. Perché me lo chiedi?

    *La domanda era arrivata di sorpresa, non aveva idea del perché gliel'avesse posta ed ed era curiosa di scoprirlo, se lui avesse voluto dirglielo.
    Ronald poi chiese come mai loro si trovavano lì e lei rispose come aveva detto poco prima ai due Grifondoro.
    Era stata una strana coincidenza, ma almeno adesso non doveva passare una serata da sola.*

    @Ronald_Canard, @Robin_Peach, @Luke_Deaggle


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 400
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Ronald si presentò e chiese perché erano lì*

    I miei bisnonni sono sepolti qui oltre che a Godric's Hollow, e quindi sono venuto a farli visita; e voi?

    *Rilanciò la parola agli amici, curioso di sapere; Luke sapeva già perché era lì, e anche Ronald*

    Non lo so, non lo conosco molto bene. Perché me lo chiedi?

    *Eccola, la risposta che aveva sempre temuto, non riusciva a spiegarlo*

    Perché... Ehm... Ecco...

    *Le parole gli morirono in gola: era difficile dirlo agli amici, lui lo conosceva un po', e le poche volte che ci aveva parlato era sempre stato scorbutico nei suoi confronti, una volta in aula di incantesimi, e un'altra coi suoi amici, li aveva trovati fuori dai dormitori e non li aveva graziati, dall'insegnante di turno e punizione.
    Era difficile dirlo, ma lo doveva fare*

    Non pensate male di me, per favore...

    *Disse agli amici: si fece coraggio, tirò un respiro profondissimo, e ogni parola che disse dopo fu come un pugno sullo stomaco, un mattone*

    Varyare, te l'ho chiesto perché sono un lontano parente di Zack Plans

    *Attese una reazione degli amici: avrebbe voluto eclissarsi, se l'avessero preso a schiaffi sarebbe stato contento; aspettò, cosa avrebbero pensato di lui?*


    @Varyare_King, @Ronald_Canard, @Luke_Deaggle,


  • Luke_Deaggle

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 17
        Luke_Deaggle
    Grifondoro
       
       

    *Il ragazzo appena arrivato si presentò agli altri ragazzi, era un Corvonero del quarto anno di un anno più piccolo di Robin quindi, si chiamava Robin e doveva avere origini babbane probabilmente visto l'uso che fece di un curioso termine babbano. Luke strinse la mano al compagno più grande che probabilmente non aveva mancato di salutare lui e Varyare volontariamente, ma semplicemente non li aveva visti data l'oscurità mentre aveva sentito la voce di Robin e da quella l'aveva riconosciuta. Dopo di lui anche Varyare salutò il nuovo arrivato, ovviamente si erano appena conosciuti quindi i ragazzi cercavano di "studiarsi" un po' per capire quanto ci si potesse fidare gli uni degli altri.

    Come Luke anche lui non sapeva bene il perché fosse finito in quel posto, tuttavia nonostante fosse un po' spaesato per via del viaggio in passaporta non sembrava affatto preoccupato, forse per il fatto che si trovava già in compagnia di altri ragazzi mentre al suo arrivo Luke si era trovato completamente solo e forse per il fatto che conosceva qualche incantesimo che gli poteva tornare utile, Luke dopo averlo salutato gli ribadì che non aveva idea del perché si trovasse lì*


    Io proprio non so perché ci sono finito, non capisco come mai mio padre tenesse una passaporta aperta nel suo studio verso questo posto, forse non sapeva che si aprisse a quest'ora o forse...


    *il fiato gli si mozzò in gola mentre un pensiero gli salì alla mente*


    e se si fosse aperta perché deve succedere qualcosa proprio ora... Non ci voglio pensare...!

    tu invece Ronald, tu hai idea del perché sei arrivato qua...?




    *Mentre i ragazzi facevano ipotesi sul perché fossero finiti lì, Robin cominciò a cercare i propri parenti e a un certo punto li trovò; Luke aveva passato molto tempo con Robin ma non sapeva nulla della sua famiglia, lesse quindi i nomi dei bisnonni paterni, il bisnonno Peach aveva sposato una Tonks, un cognome babbano che Luke aveva sentito molte volte e aveva letto anche prima mentre si dirigeva verso quel posto, poi notò che un'espressione turbata comparì sul viso di Robin quando lesse attentamente i nomi dei bisnonni genitori della nonna, Luke si avvicinò per leggere bene cosa avesse turbato Robin*

    Citazione:
    MATT PLANS
    Nato il 15-07-1900
    Deceduto il 14-11-1999


    *quindi disse all'amico*


    Ehi Robin, tutto ok, c'è qualcosa che non va? Tua nonna è una Plans quindi?



    *a quanto pare era quello che lo aveva turbato perché poi ritornò tranquillo nel deporre i fiori sulla tomba della bisnonna;

    Luke per rispetto verso i bisnonni dell'amico si fece il segno di croce e aiutò Robin a sistemare i fiori sulla lapide. Poi ci fu qualcosa che Luke non capì, Robin chiese informazioni su un certo prefetto Zack, dall'espressione di Ronald doveva trattarsi di un tipo un po' particolare, Luke però non lo conosceva e non sapeva nulla di questo, l'unica cosa che poteva immaginare era che era un serpeverde ed era un tipo che non piace né a Robin né a Ronald*


    Ehi ragazzi ma di che state parlando, chi è questo Zack, e cosa c'entra con questo posto...? Tu lo conosci bene Ronald, hai fatto una faccia...!


    *dopo che Varyare rispose Robin aggiunse qualcos'altro spiegando un po' di più disse che era parente di questo Zack Plans, Luke vide la sua espressione molto triste e gli venne spontaneo confortare l'amico*


    Ma Robin perché dovremmo pensare male, essere parenti non vuol dire che tu sia come lui, io non conosco questo Zack ma so che tu sei una bella persona quindi non è che perché sei suo parente che cambio l'opinione che ho su di te... ma ditemi di più su questo prefetto Zack, sono curioso di capire chi sia...


    *disse Luke guardando le espressioni dei compagni lievemente illuminate dalla luce della luna, sapeva che forse a Robin faceva male parlarne ma pensò che forse liberarsi delle sue preoccupazioni gli avrebbe fatto bene. Si mise quindi ad aspettare la risposta degli altri ragazzi mentre si guardava in giro se ci fossero altre lapidi con il cognome Plans*




    @Jane_Casterwill, @Robin_Peach, @Ronald_Canard, @Varyare_King, @Zack_Plans


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 400
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Luke non sapeva chi era Zack Plans...
    Gli aveva chiesto cosa c'era se era parente di un Plans*

    Ma Robin perché dovremmo pensare male, essere parenti non vuol dire che tu sia come lui, io non conosco questo Zack ma so che tu sei una bella persona quindi non è che perché sei suo parente che cambio l'opinione che ho su di te... ma ditemi di più su questo prefetto Zack, sono curioso di capire chi sia...

    *Gli disse Luke per incoraggiarlo, e poi gli chiese delle informazioni*

    Zack Plans è un precisino, un lupo solitario. è prefetto di Serpeverde, insopportabile! Manda all'inferno tutti quelli che incontra, tranne i suoi compagni di casata, e anche anche...
    E poi non ti grazia mai, rigido, severo, se ti becca fuori dal dormitorio sono guai! Per fortuna non ho mai avuto l'ebbrezza di beccarlo di notte, ma altri come Ronald sì... ha fatto quella faccia perché l'ha messo in punizione, e ha dovuto lucidare tutte le barche della rimessa, ed è ritornato sfinito...
    Se fai l'errore di chiamarlo per nome è capace di toglierti punti, perché lo si deve chiamare 'Prefetto Plans'


    *Attese una qualsiasi reazione dagli amici: da parte di Varyare, che era Serpeverde come lui, o di Ronald, che avrebbe potuto raccontare meglio la sua punizione, o di qualsiasi altro presente in quel luogo*



    @Jane_Casterwill, @Luke_Deaggle, @Ronald_Canard, @Varyare_King, @Zack_Plans,



Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo