Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Varyare_King


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 80
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    [LONDRA - CASA KING - 14:20]
    *Il 12 luglio era un giorno speciale per Varyare, era passato un mese esatto da quando lei e Damian si erano messi insieme. L'ultima volta che si erano visti era stato quattro giorni prima, ma lui stava lavorando ai Tre Manici di Scopa, e lei era seduta al tavolo con una sua compagna di casata e non avevano avuto molto tempo per parlare. Così decise di scrivergli per chiedergli se quella sera si sarebbero potuti incontrare ad Hogsmade. Anche se suo padre non era molto favorevole alla sua decisione di spedirgli un gufo, alla fine riuscí a convincerlo come d'altronde aveva fatto le altre volte che doveva uscire.
    Seduta alla scrivania di camera sua, prese un foglio di pergamena, una piuma e dell'inchiostro, e scrisse:*
    Ciao Damian,
    Tutto bene? Stasera vado al parco di Hogsmade, se non sei impegnato ti va di raggiungermi? Sarò lì per le 21:30 in caso verrai..
    Con affetto, Varyare.

    *Finito di scrivere chiuse la lettera e la legò alla zampa di Alias, felice di compiere di nuovo una consegna dopo tanto tempo. La Serpe gli aprì la finestra e il barbagianni volò fuori, con gli occhi di alcuni babbani puntati addosso. Li avevano sempre considerati una famiglia strana, e ora che vedevano un gufo volare dalla finestra ne avevano le prove, ma a Varyare non le importava parecchio cosa pensavano.
    Mentre legava la lettera ad Alias non poté fare a meno di notare che portava l'anello che Damian le aveva regalato ancora al dito, infatti non se l'era mai tolto a parte in casi particolari dove era obbligata.
    Per quella sera doveva dargli un "regalo", se cosí si può chiamare, avrebbe potuto mandarglielo insieme ad Alias ma preferiva farlo di persona.*

    [HOGSMADE - PARCO DEL VILLAGGIO - 21:25]
    *Era stata accompagnata ad Hogsmade da sua madre che doveva andare a fare compere nei negozi vicini, ció che in quel momento sperava era che non saltasse fuori da un momento all'altro mentre stava con Damian, infatti non le aveva ancora detto nulla, a parte che si doveva vedere con un "amico".
    Stava andando verso il parco dove si dovevano incontrare con un Gufo Reale che la seguiva volando. Non era ancora diventato adulto, e non poteva compiere lunghi viaggi da solo a causa delle piccole ali. Suo padre, che era un Magizoologo, l'aveva trovato ferito nel posto in cui qualche settimana prima era andato a lavorare e l'aveva portato a casa, dicendo che sarebbe potuto diventare suo se voleva. Lei aveva già Alias che l'aiutava con le consegne e già da quando era arrivato il nuovo gufo il suo barbagianni non ne era troppo felice, cosí decise che l'avrebbe regalato a Damian che come animale domestico aveva una volpe, Pina, sempre se gli sarebbe piaciuto.
    Essendo estate il cielo era ancora chiaro e poteva vederci bene, anche perché se non fosse stato cosí doveva ricorrere ai metodi babbani non potendo usare la bacchetta. Si sedette su una panchina al parco, con il piccolo gufo appollaiato sul suo braccio impegnato a mordicchiarle il dito amichevolmente, mentre lei gli accarezzava le piume sul dorso, aspettando l'arrivo di Damian.*


    @Damian_Saps


  • Damian_Saps

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 262
        Damian_Saps
    Grifondoro
       
       

    [Tre Manici di Scopa - ore 16:00]
    *Quel giorno era un bellissimo giorno, non solo perché c'era bel tempo fuori e il pub era pieno il giusto, con un via vai di clienti che gli davano il tempo di fare le cose con calma, ma era da un mese esatto che lui e Varyare avevano una relazione. Aveva appena bloccato la porta del locale con un vaso per far girare l'aria, quando vide Alias, il gufo di Varyare, la sua ragazza, dirigersi verso di lui. Una volta che si fu appoggiato sulla sua spalla, gli prese la lettera e la lesse entrando nel pub.
    Nella lettera c'era scritto:*

    Ciao Damian,
    Tutto bene? Stasera vado al parco di Hogsmade, se non sei impegnato ti va di raggiungermi? Sarò lì per le 21:30 in caso verrai..
    Con affetto, Varyare.

    *Ci sarebbe stato sicuramente, infatti il suo turno doveva finire anche mezzoretta prima dell'appuntamento, così sarebbe riuscito ad andare a prepararsi per bene prima di dirigersi al parco del villaggio. Non avendo una pergamena a disposizione e visto che i clienti erano tutti tranquilli e serviti, prese il suo taccuino per le ordinazione e gli scrisse una lettera in risposta.*

    Ciao, Varyare,
    sto bene e ci sarò sicuramente al parco del villaggio questa sera. Ci vediamo lì.
    Con affetto, Damian.

    *Le scrisse prima di inserire la risposta nella busta che gli era arrivata e dare una carezza al gufo. Adesso avrebbe fatto tutto con un motivo di felicità in più, sapendo che quella sera l'avrebbe incontrato la sua ragazza.*

    [Hogsmeade - Parco del Villaggio - ore 21:30]
    *Quella sera era riuscito a finire il turno anche qualche minuto prima, grazie al fatto che locale era vuoto e aveva finito di sistemare tutto durante le pause dal servire un cliente a un altro. Era corso nella sua stanza alla Casa della Gioventù e si era preparato per bene, facendosi anche una bella lavata sotto gli occhi di Pina che non capiva cosa stesse succedendo. Una volta pronto uscì salutando la volpe e dirigensosi alla sua meta.
    Arrivato al parco, vide subito Varyare seduta su una panchina che giocava con un piccolo gufo.*

    Ciao Varyare, mi fa piacere rivederti, come stai?

    *Le chiese sorridendole e sedendosi al suo fianco sulla panchina. Era sempre bellissima e, forse a causa della luce della luna, risultava ancora più bella di notte. L'aveva notato anche quella volta un mese prima, da dove era cominciata la loro relazione.*

    @Varyare_King,


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 80
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Non passava molta gente di lì quella sera, erano per lo più maghi e streghe adulti e non si interessavano particolarmente a lei, pochi la guardavano insospettiti come se vedere una ragazza seduta da sola dove l'unica sua compagnia era un piccolo gufo fosse strano.
    Il gufo sembrava approfittare un po' troppo della situazione, infatti non faceva altro che morderle la manica, per poi alternarlo con la mano sempre in modo amichevole.
    Nel mentre arrivò Damian che si sedette accanto a lei e la salutò domandandole come stava. Era felice che aveva trovato un momento libero per venire perché sapeva che in quel periodo stava lavorando ai Tre Manici di Scopa come barista e magari poteva tardare a causa di clienti che decidevano di rimanere fino a tardi.*
    Ciao, tutto bene. Vedo che non hai avuto clienti "difficili".
    *Disse ridendo. Sperava che il gufo con cui giocherellava prima del suo arrivo le sarebbe piaciuto, sapeva che lui non ne aveva uno poiché i suoi genitori erano babbani, e magari gli sarebbe stato utile quell'estate e durante la scuola. Aveva avuto quell'idea un po' di settimana prima ma non aveva potuto darglielo perché il gufo era a casa sua, e non voleva fargli compiere il viaggio fino ad Hogwarts perché era ancora un po' piccolo per percorrere certe distanze, ma sapeva già che si sarebbe rivelato ottime quando sarebbe cresciuto, o almeno così sperava.*
    Per ringraziarti di tutto ho pensato di farti un piccolo regalo.
    Se ti piace e puoi tenerlo, questo simpatico gufo è tuo.

    *Disse avvicinandoglielo alle mani. Era il minimo che potesse fare per lui. Ormai stavano insieme da un mese anche se non avevano avuto modo di vedersi tanto spesso dopo quel giorno, o almeno non da soli, infatti si erano visti al banchetto di fine anno, in gelateria e ai Tre Manici di Scopa, ma tutte le volte non erano riusciti a parlare come succedeva durante le mattinate in riva al lago.
    Se le persone che prima passavano di lì erano poche ora andavano sempre a diminuire tranne i pochi che stavano tornando alle rispettive case. Nel parco del villaggio al momento c'erano solo loro e il piccolo gufo, anche se non sapeva per quanto sarebbe stato così perché sua madre sarebbe potuta saltare fuori da un momento all'altro per riportarla a casa, e sperava questo accadesse il più tardi possibile.*

    @Damian_Saps


  • Damian_Saps

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 262
        Damian_Saps
    Grifondoro
       
       

    Ciao, tutto bene. Vedo che non hai avuto clienti "difficili".

    *Gli rispose Varyare al suo saluto. Era felice come non mai stare in compagnia sola della sua ragazza, come faceva qualche mattina durante il periodo scolastico. Infatti ultimamente si erano sempre visti però in compagnia ai loro amici, prima in gelateria, poi all'evento della radio e dove lavorava lui.*

    Per fortuna i clienti "difficili" che intendi te si concentrano soprattutto nei weekend, e comunque per te avrei chiesto di finire il mio turno a Robin.

    *Le rispose sorridendo. Sapeva come ricompensare il suo amico che non si sarebbe mai tirato indietro se gli avesse chiesto un favore.
    Interrotte subito i pensieri perché Varyare gli stava dicendo qualcosa.*

    Per ringraziarti di tutto ho pensato di farti un piccolo regalo.
    Se ti piace e puoi tenerlo, questo simpatico gufo è tuo.

    *Disse avvicinando gli il piccolo gufo. Damian lo prese tra le mani con cautela per non fargli male e lo guardò un po'.*

    Ma è bellissimo, non dovevi.
    Se mi avessi avvisato anche solo ieri ti avrei fatto anch'io un pensierino.

    *Le rispose dandogli un leggero bacio sulla guancia. Vedendo che il gufo continuava a guardare Varyare, Damian pensò che doveva aver passato un po' di tempo con lei prima di riceverlo lui. Così inizio ad accarezzargli le piume per iniziare a prendere confidenza con lui.*

    Hai già pensato a che nome dargli?

    *Le chiese mentre ci pensava su anche lui. Da quanto riusciva a vedere era un gufo reale, ma non trovava nomi che gli potevano stare bene. Non era mai stato bravo a dare nomi, infatti con Pina non ci aveva messo poco.
    Fu il regalo più bello che avesse mai ricevuto, sia perché gliel'aveva fatto lei, sia perché lui amava gli animali. Chissà come avrebbero reagito i suoi genitori, che già dopo aver preso Pina non erano molto contenti. Per fortuna riusciva ad essere abbastanza autonomo e prendersi cura di lei semnza chuedere niente a loro e adesso sarebbe riuscito a farlo anche con questo gufetto, che una volta cresciuto sarebbe riuscito a portare anche lettere da Portree a Londra, se non sarebbero riusciti a vedersi. Ovviamente lui considerava questa opzione come estrema, ma era meglio sempre prepararsi a tutto.*


    @Varyare_King,


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 80
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Nella sera regnava un insolito silenzio che Varyare apprezzava perchè aveva sempre preferito quegli attimi in cui tutto sembrava fermarsi per pochi secondi e poi ripartire veloce come prima, a quei momenti della giornata dove per le vie dei paesi, o i corridoi se era a scuola, brulicavano di voci allegre, tristi, arrabbiate,.. ma ora solo le loro voci e qualche suono lontano rompevano il sottile filo del silenzio che si estendeva per Hogsmade. Non capitava spesso,ed era ancora più raro che succedesse mentre era in compagnia del suo ragazzo.
    Damian le disse che i clienti "difficili" di cui parlava si presentavano per lo più durante i fine settimana, aggiungendo che per lei avrebbe chiesto di finire il suo turno a Robin, che insieme a lui lavorava come barista ai Tre Manici di Scopa. Sorrise a quell'affermazione sapendo che avrebbe mantenuto la parola in caso capitasse un giorno che doveva lavorare, anche se lei avrebbe sempre cercato degli orari in cui di solito era libero.
    Quando gli porse il gufo, lui disse che era bellissimo e che se solo lo avesse avvisato un po' prima avrebbe pensato pure lui a qualcosa, e a queste parole le diede un leggero bacio sulla guancia. Anche se ormai ci era abituata la sensazione che provava era sempre la stessa che aveva provato quella mattina in riva al lago, che ancora non sapeva cos'era, ma sperava di imparare a conoscerla con lui. *
    Non ti preoccupare, non è importante. Mi basta passare del tempo con te.
    E poi se ti avessi avvisato prima non sarebbe più stata una sorpresa.

    *Disse con un sorriso. Damian le aveva già fatto un regalo venendo, che era il migliore che poteva farle in quel momento. Il piccolo gufo la continuava a guardare mentre il Grifo gli accarezzava le piume per prendere un po' di confidenza, per quanto ne sapeva Damian ci sapeva fare con le creature, di sicuro più di lei, e sapeva che era questione di pochi minuti e il gufo reale si sarebbe affezionato al suo nuovo padrone.
    Poi Damian le chiese se aveva già pensato a che nome potesse dargli. Veramente non ci aveva affatto pensato, dando per scontato che l'avrebbe deciso lui.*
    Veramente pensato che l'avresti scelto tu un nome.. Però si potrebbe dare un nome significativo, ad esempio per un gufo si potrebbe tradurre la parola "vento" in un'altra lingua, o "aria", però non lo so è solo un'idea.
    *Rispose. Una lingua che le era sempre piaciuta era il greco, e se si traduceva il nome "vento" in greco veniva "Anemo" che secondo lei era comunque bello. Però la scelta definitiva era ovviamente di Damian.*

    @Damian_Saps,


  • Damian_Saps

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 262
        Damian_Saps
    Grifondoro
       
       

    *Quando lui le disse che avrebbe fatto qualcosa se l'avesse avvisato prima, Varyare rispose che non era importante, gli bastava passare del tempo con lui. Erano le parole più belle che gli fossero state rivolte da quell'ultimo loro incontro in riva al lago. Aggiunse sorridendo che se poi glielo avesse detto prima non sarebbe stata una sorpresa. Era fantastica quella ragazza, la sua ragazza.*

    Veramente avevo pensato che l'avresti scelto tu un nome.. Però si potrebbe dare un nome significativo, ad esempio per un gufo si potrebbe tradurre la parola "vento" in un'altra lingua, o "aria", però non lo so è solo un'idea.

    *Gli rispose Varyare alla sua domanda di che nome dare al gufetto. Aveva avuto una bellissima idea, solo che sapeva un po' di latino e celtico, e vento o aria non avevano delle traduzioni che lo facevano impazzire. L'unica idea che gli venne in mente fu di vedere i nomi degli dei delle popolazioni antiche, con Zefiro che spiccava sugli altri.*

    È che non sono molto bravo a trovare nomi.

    *Ammise a Varyare, per poi continuare.*

    Dopo quello che mi hai detto, ho pensato a Zefiro, come il dio greco del vento, tu cosa ne dici?

    *Per lui l'opinione di Varyare era importantissima e per questo glielo chiese. E poi glielo aveva regalato lei, era una cosa che gli doveva chiedere per non avere pensato a niente per lei. Intanto notò con felicità che il piccolo gufo si era messo a giocare con le sue dita, quindi voleva dire che stava già imparando a fidarsi di lui.*

    @Varyare_King,




    Ultima modifica di Damian_Saps mese scorso, modificato 1 volta in totale


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 80
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Quando che lei gli propose di poter tradurre una parola legata alle capacità del gufo (come il volo) lui le disse che non era molto bravo a dare nomi. Se bisognava andare a toccare quell'argomento neanche lei né era molto capace, di solito traeva ispirazioni a nomi di personaggi storici o di racconti che leggeva, oppure chiedeva consiglio a qualcuno. Al momento peró non le venivano in mente molti nomi che si potevano dare ad un gufo, con Alias ci aveva impiegato molto prima di trovare un nome, tanto che ormai era abituato a farsi chiamare "gufo".*

    Se questo ti puó consolare nemmeno io so trovare dei bei nomi.

    *Disse dopo l'affermazione di Damian. Non era granché quello che aveva detto, ma magari sarebbe riuscita a strappargli un sorriso. Mentre loro parlavano il gufo giocava con le dita di Damian, proprio come poco prima faceva con lei, e quello era un segnale che si stava già abituando a lui e che gli stava simpatico.
    Poco dopo Damian disse che dopo le sue parole gli era venuto in mente il nome Zefiro, il dio greco del vento, per poi chiederle il suo parere.*

    Dico che é fantastico!

    *Rispose, e non riuscí a trattenere un sorriso vedendo il gufo, che forse avrebbe preso il nome di Zefiro, mordicchiare gentilmente la mano di Damian.
    Era felice che a Damian fosse piaciuto, sapeva di andar sul sicuro con un animale, ma temeva che i suoi genitori non volessero averne altri in casa. Probabilmente per dei babbani era strano avere un gufo e una volpe che gironzolavano da una parte all'altra, ma poteva sembrare di possedere un pappagallo e un gatto.*

    Penso che tu gli stia già simpatico.

    *Disse riferendosi al gufo. Anche se aveva passato molto tempo a casa sua, ci aveva messo un po' di giorni per abituarsi alla loro presenza, al contrario di quello che invece aveva fatto con Damian. Sarebbe stato un bravo Magizoologo, di quello era sicura.*

    @Damian_Saps,


  • Damian_Saps

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 262
        Damian_Saps
    Grifondoro
       
       

    *Quando gli disse che che non era bravo a trovare dei nomi, Varyare gli disse che nemmeno lei sapeva trovare dei bei nomi. Quelle parole lo fecero sorridere, se quella doveva essere l'unica cosa che non riusciva a fare, era incredibile. Infatti Varyare era brava in tutto quello che faceva e sapeva che sarebbe stat a un'ottima domatrice di draghi. Lui, da magizoologo, l'avrebbe potuta aiutare e questo gli faceva piacere, perché sarebbero riusciti a stare insieme ancora per un bel po', fuori malintesi e imprevisti.
    Alla sua proposta di Zefiro come nome per il gufetto Varyare disse che era fantastico, sorridendo al fatto che quest'ultimo gli stava mordicchiando la sua mano per giocare.*

    Penso che tu gli stia già simpatico.

    *Gli disse. Lo pensava anche lui e questo era un motivo in più per essere felice.*

    Lo penso anch'io.
    Cosa ne dici Zefiro, ti sto simpatico?

    *Rispose alla sua ragazza, per poi rivolgere la domanda al gufo che continuò a giovare con la sua mano.*

    Stavo pensando..
    Ti piacerebbe uscire a cena con me una sera?

    *Le chiese. Era da un po' di tempo che ci pensava, ma non voleva dirglielo davanti ad altre persone, preferiva un momento in cui fossero stati solo lui e lei come in quel momento.*

    Qualsiasi sera tu voglia.

    *Aggiunse. Stava provando ancora la stessa sensazione, anche se leggermenre un po' di più, di quando gli aveva chiesto di essere la sua ragazza.
    Non sapeva perché gli chiedeva quelle cose sempre nei momenti più strani, ma non voleva restare in silenzio in compagnia della sua ragazza. Così si mise ad accarezzare Zefiro in attesa di una risposta.*

    @Varyare_King,


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 80
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Quando Varyare gli disse che stava già simpatico a Zefiro, Damian rispose che anche lui lo pensava, per poi chiederlo al gufo che continuava a giocare ininterrottamente. Zefiro sembrava un gufo molto vivace, ed era sicura che per settembre sarebbe stato in grado di compiere consegne pure molto lunghe, anche se probabilmente questo sarebbe accaduto solo in caso di estrema necessità.*

    Stavo pensando..
    Ti piacerebbe uscire a cena con me una sera?


    *Le propose tutto d'un tratto Damian. Come aveva fatto a pensare a qualcosa del genere in un momento come quello non lo sapeva, e come si poteva immaginare rimase sorpresa, ma subito passó. Notó che mentre Damian aspettava una sua risposta stava accarezzando Zefiro sul dorso piumato, Varyare rispose con un 'Certo ' e portandogli una mano sul viso lo indusse gentilmente a voltarsi verso di lei, poi si avvicinó e lo bació sulle labbra. Era da un mese che non succedeva, perché tra una cosa e l'altra si erano sempre ritrovati in compagnia dei loro amici, e non l'avrebbe mai fatto davanti a loro. Anche se era passato un po' di tempo, le sensazioni che provava rimanevano le stesse, e in quel momento si facevano piú forti di prima. Non aveva ancora imparato a capire cos'era, prima di conoscere Damian non aveva sperimentato nulla di simile e ancora una volta doveva affidarsi al suo istinto. Pensava che anche per lui fosse cosí, ma non avrebbe rovinato il momento per quella banale domanda.*

    @Damian_Saps,


  • Damian_Saps

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 262
        Damian_Saps
    Grifondoro
       
       

    *Alla sua domanda un po' improvvisa, Varyare ne rimase un attimo sorpresa, ma poco dopo gli rispose affermativamente. Damian nellasstesa si era distratto ad accarezzare le piume di Zefiro, quando sentì la mano dal tocco unico della sua ragazza toccargli il volto e di conseguenza a guardarla negli occhi, poi lei si avvicinò e lo baciò sulle labbra.
    L'ultima volta era successo esattamente un mese prima in riva al lago della scuola e le sensazioni che aveva provato allora riaffirarono insieme anche questa volta, surclassate però da una sola che non aveva ancora capito cosa fosse. Nella sua vita precedente all'incontro di Varyare, aveva conosciuto qualche ragazza, ma mai nessuna si poteva avvicinare a com'era lei. Varyare gli faceva provare emozioni nuove che non si sarebbe mai aspettato dopo avergli fatto crollare quelle mura mentali che nessuno era mai riuscito a far vacillare.
    Anche questa volta gli sembrava di stare in una dimensione parallela, dove il tempo e lo spazio non esistevano, c'erano solo loro due.
    Era sempre bellissimo e invitarla a cena era il minimo che poteva fare per ringraziarla.
    Dopo un tempo indeterminato che solo i pochi presenti nel parco potevano sapere, Damian allontanò di pochi millimetri la testa.*

    Sei fantastica.

    *Disse sussurandole portando una mano ad accarezzare quel volto perfetto, sicuro che solo lei e probabilmente Zefiro avessero potuto sentire.*

    E questo non mi stancherò mai di dirtelo.

    *Aggiunse sorridendo, dopo una piccola pausa.
    Nel mentre Zefiro, sfruttando la distrazione di Damian, si mise ad esplorare il suo corpo in cerca di una posizione più comoda delle sue gambe. Damian pensò che avesse trovato la sua spalla sinistra di suo gusto, perché da quando ci si appoggio non si mosse più, fino a quando non si annoiò e si mise a giovare con la sua maglietta o con l'orecchio. Era davvero vivace, un po' come lui in fondo, che piuttosto di stare fermo a far niente preferisce lavorare.*

    @Varyare_King,


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 80
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Lei e Damian si stavano baciando, di nuovo. Per fortuna al parco c'erano pochissime persone e nessuna di quelle entrava a far parte delle sue conoscenze, tuttavia alcuni li scrutavano da lontano.
    Dopo un po' di tempo, che Varyare non sapeva calcolare perché in quei momenti era come se si isolassero da tutto e da tutti, Damian si scostó di pochi millimetri e si ritrovarono con gli sguardi intrecciati, proprio come era successo prima del bacio solo che ora erano rimasti a guardarsi piú a lungo, cosí vicini che riusciva a percepire il suo respiro.
    Ancora una volta, quell'emozione che provava solo quando stava con lui riaffiorò, ed ogni volta si faceva sempre piú forte. Sapeva che non era qualcosa di nuovo perché in fondo la riconosceva, solo non sapeva come interpretarla.
    Ad allontanarla dai suoi pensieri fu la voce di Damian, era poco piú di un sussurro ed era consapevole che nessun altro avrebbe potuto sentire. "Sei fantastica." furono le sue uniche parole accompagnate da una delicata carezza sul volto; e dopo una pausa di silenzio aggiunse che non si sarebbe stancato mai di dirglielo.*

    Vedo che non hai ancora perso l'abitudine di sopravvalutarmi.
    E poi quello fantastico sei tu.


    *Rispose mantenendo la voce bassa per non attirare l'attenzione dei presenti al parco, poiché già prima pochi li stavano osservando.
    Zefiro aveva approfittato di quel momento per trovare una posizione piú comoda, e proprio quando sembrava essersi appollaiato sulla spalla sinistra di Damian, inizió a giocare con la sua maglietta, a quanto pareva non riusciva proprio a stare fermo per piú d'un minuto senza far nulla.*

    Ci sono alcune persone che ci stanno guardando.

    *Disse con un filo di voce allontanandosi di pochi centimetri da lui palesemente in imbarazzo. Anche se non li conosceva non ci teneva a farsi vedere da loro in quel momento, se non le piaceva normalmente figurarsi ora. Cercó di fare finta di niente e di comportarsi normalmente, eppure in quel momento le risultava particolarmente difficile.*


    @Damian_Saps,


  • Damian_Saps

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 262
        Damian_Saps
    Grifondoro
       
       

    *Varyare gli rispose alle sue parole dicendo che non aveva ancora perso l'abitudine di sopravvalutarla, aggiungendo che quello fantastico fosse lui.
    Sul volto gli si dipinse un sorriso a quelle parole e, come aveva detto poco prima, forse non sarebbe mai riuscito a smettere di sopravvalutarla perché lui la vedeva così, perfetta e fantastica. In quanto a lui era solo stato fortunato a incontrarla quel giorno in riva al lago, di cui poi aveva incorniciato il disegno che gli aveva regalato. A distoglierlo dai sui pensieri fu la voce della sua ragazza.*

    Ci sono alcune persone che ci stanno guardando.

    *Disse con un filo di voce, allontanandosi di qualche centimetro. Notò subito che si sentiva in imbarazzo, così guardò tra le poche persone che c'erano se conoscevano qualcuno. Non ci mise molto e tornò a guardare Varyare.*

    Stai tranquilla, nessuno ci conosce.
    Sono solo incuriositi da una giovane coppia di ragazzi che stanno insieme.

    *Disse cercando di tranquillizzarla, infatti i presenti nel parco non erano giovanissimi. Vedendo però che anche lui si sentiva un po' in imbarazzo, forse un pochino meno della sua ragazza, gli venne in mente un'idea.*

    Cosa ne dici di fare una passeggiata tra le vie del paese?
    Di notte cambiano completamente aspetto dalla mattina.

    *Le disse sorridendo. Sperava che così Varyare sarebbe stata meno in imbarazzo e anche lui.*

    Così ci sentiamo meno in imbarazzo..

    *Aggiunse con un sussurro che solo lei sarebbe stata in grado di sentire. Non voleva passare la loro serata stando imbarazzato su una panchina per colpa di qualche signore di passaggio, e quella era l'unica cosa che gli venne in mente a meno che Varyare non ne avesse una migliore.*

    @Varyare_King,


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 80
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Quando disse che c'erano delle persone che li stavano osservando, lui si guardò un po' attorno per poi dirle di non preoccuparsi perché erano solo incuriositi da una coppia di ragazzi che stavano insieme. Sapeva che lui aveva ragione, e notò in quel momento che anche lui era un pochino in imbarazzo, anche se molto meno rispetto a lei. Rispose annuendo, e guardandosi un po' attorno vide che i pochi presenti al parco erano tutti maghi adulti e tra loro non c'era nessuno che li conosceva.
    Poi Damian le propose di fare un giro tra le vie del paese perché secondo lui di notte erano completamente diverse dalla mattina, aggiungendo a bassa voce che almeno si sarebbero sentiti meno in imbarazzo.*

    Sì, va bene.

    *Rispose. Sperava che l'ultima affermazione di Damian fosse vera. Non aveva mai fatto un giro per Hogsmade di sera, ma da quello che le diceva lui sembrava che il paese fosse più bello che di giorno, anche se ormai era giunta alla conclusione che tutto era migliore in sua compagnia.
    Zefiro era ancora appollaiato sulla spalla del suo ragazzo e sembrava essersi tranquillizzato un po', magari era un po' stanco infatti non era abituato a stare spesso in giro, a volte usciva insieme a fare un giro insieme ad Alias ma rimanevano sempre nei dintorni o appollaiati su un albero di un parco.
    Si alzò dalla panchina e gli porse la mano per aiutarlo ad alzarsi.*

    Per la cena di cui parlavi prima, conosci un posto dove poter andare?

    *Chiese sorridendo. Lì ad Hogsmade lei conosceva solo il ristorante della Professoressa Casterwill, docente di Difesa Contro le Arti Oscure, ma magari Damian aveva un altro posto in mente.
    Notò che intanto la sera si stava facendo un po' più buio rispetto a quando erano arrivati, ma per fortuna la luce della Luna permetteva loro di vederci lo stesso. Pensava fossero più o meno le dieci e sapeva che Ethelyn, sua madre sarebbe venuta a cercarla nel giro di una mezz'ora.*


    @Damian_Saps,


  • Damian_Saps

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 262
        Damian_Saps
    Grifondoro
       
       

    *Quando cercò di tranquillizzare sia Varyare sia lui stesso, lei gli rispose annuendo e guardandosi attorno.
    Nel frattempo Zefiro, il gufetto che gli aveva appena regalato la sua ragazza, si calmò, forse stanco dopo il viaggio ed essersi scatenato sulla sua spalla.
    Varyare poi gli rispose affermativamente anche alla proposta di andare a fare una passeggiata ed le vie del paese. Infatti di notte le vie avevano quell'aria di antico che a lui piaceva tanto, sperando che fosse piaciuto anche a Varyare. Così si alzò dalla panchina con il suo aiuto stando attento a non far cadere Zefiro.*

    Per la cena di cui parlavi prima, conosci un posto dove poter andare?

    *Gli chiese poi sorridendo. Lui aveva in mente due opzioni, stava già studiando la cosa da qualche giorno. Stava pensando infatti di prenotare un tavolo dal ristorante della professoressa di Difesa Contro le Arti Oscure a Hogwarts, la Casterwill's Kitchen, oppure di tenere aperto solo per loro i Tre Manici di Scopa, anche se l'avrebbe tenuta come ultima spiaggia.*

    Pensavo di andare alla Casterwill's Kitchen, non conosco molto Londra e così di stare qui a Hogsmeade. Ti piace l'idea?

    *Le chiese dopo averle risposto con un sorriso. Per fortuna, anche se la sera diventava sempre più buia, la luna era alta in un cielo senza nuvole che permetteva di vedere anche senza lampade.
    Come l'ultima volta che avevano passeggiato soli, le porse il braccio in segno di galanteria e iniziarono a incamminarsi tra le vie del villaggio.*

    @Varyare_King,



Vai a pagina 1, 2  Successivo