• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Amelia_Smith


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 482
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    [CASA SMITH]
    *Amelia stava per uscire di casa, quando venne bloccata da sua madre, che le ordinò di restare in camera sua, dato che era stata a Hogwarts infrangendo così le regole.*
    Fammi uscire e non osare fermarmi!
    *Le intimò la giovane, con tono velenifero. Sua madre alzò una mano, veramente arrabbiata, e tirò uno schiaffo bello potente alla streghetta, lasciandole un segno rosso stampato sulla guancia.*
    HO QUATTORDICI ANNI! DECIDO IO COSA FARE E DOVE ANDARE.
    *Le urlò la Grifa. Sua madre la spedì in camera urlando. Amelia salì le scale, senza piangere, anche se il segno le bruciava ancora. Voleva uscire a tutti i costi, stare sola e piangere in pace, il motivo erano fatti suoi.*
    Scusa, mamma. Non mi fermerai.
    *Giurò a sé stessa. Uscì piano, senza fare rumore, dalla sua stanza, scese le scale ringraziando per la sua agilità e, zitta zitta, aprì la porta e fu fuori. Corse, corse e corse a perdifiato, fino a trovarsi una viuzza appartata a Hogsmeade.*
    [VIE DI HOGSMEADE]
    *Si sedette per terra, con la schiena rivolta al muro, e finalmente potè sfogarsi: nascose la testa fra le braccia, e pianse come non aveva mai fatto prima; provò a essere silenziosa, per non farsi notare, ma ogni tanto qualche singhiozzo scappava. Ne aveva proprio bisogno, ma in quel momento c'era anche un'altra cosa che le serviva urgentemente... qualcuno, con cui potersi sfogare, una persona... sapeva già chi, ma sarebbe stato chiedere troppo. Meglio essere soli, e piangere così.*
    @Robin_Peach




    Ultima modifica di Amelia_Smith mese scorso, modificato 2 volte in totale


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 410
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Era una bella giornata di agosto, e il sole splendeva alto nel cielo; Robin era a lavoro ai Tre Manici, ma stava per smontare per la pausa pranzo; lui l'avrebbe fatta un po' prima, e Varyare dopo.
    Il ragazzo si diresse veloce fuori dal locale dopo aver avvisato l'amica, poi cercò un posto dove mangiare.*

    [PARCO DEL VILLAGGIO]


    *Le uniche panchine all'ombra erano già state occupate, e con quel caldo era impossibile mangiare al sole! Il ragazzo cercò perciò un posto più all'ombra, e si diresse per le vicine vie.*

    [VIE DI HOGSMEADE]


    *Dopo qualche minuto di ricerche ne trovò una ombrosa, con una panchina; stava per sedersi quando da una ragazza che non aveva notato uscì un singhiozzo; la osservò meglio: aveva i capelli rossi, quindi pensò a tutte le sue amiche e capì che doveva essere Amelia o Esperanza. Non voleva rischiare di sbagliare nome, perciò chiese*

    Ehm... Signorina... Posso aiutarla?

    *Attese una risposta dalla ragazza*


    @Amelia_Smith,


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 482
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *La giovane strega era disperata. Triste. Depressa. Insomma, non voleva gente intorno. Voleva incontrare una sola persoan, ma non avrebbe avuto senso illudersi di poter sperare così tanto; di poter anche solo pensare che la fortuna le sarebbe venuta in soccorso. Continuava a piangere ininterrottamente, sempre più tristemente e ad ogni singhiozzo soffriva di più, ad ogni lacrima caduta per terra era più giù. E ormai le sembrava di essere sottoterra. Stava per esplodere e accasciarsi a terra, quando sentì una voce familiare, che le chiese se poteva aiutarla. La grifa alzò lo sguardo, e per la prima volta quel giorno fu immensamente felice; le lacrime non cessavano di scendere, ma ormai non le importava più: l'unica persona che desiderava incontrare era lì davanti a lei. Un raggio di sole improvviso entrò inarrestabile nel suo cuore infranto.*
    Robin...
    *Urlò Amelia, alzandosi di scatto e buttandogli le braccia al collo. Lo strinse a sé, sempre più forte, sempre più gelosamente. L'amico le sembrava come un salvagente in mezzo all'oceano, come un'oasi nel pieno deserto. Insomma, la salvezza. Desiderava solo che qualcuno la calmasse, e poi lei voleva sfogarsi con qualcuno... e Robin era esattamente quella persona; con lui poteva parlare veramente di tutto, essere sé stessa al cento per cento senza paura di essere giudicata o derisa. Si sentiva sicura, la sua fiducia non era mai stata così ben riposta come nel giovane concasatol che in quel preciso istante era stretto a lei e la stava aiutando.*
    @Robin_Peach


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 410
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *All'udire le sue parole la ragazza si alzò e Robin la riconobbe immediatamente, era Amelia che gli buttò le braccia al collo.
    Robin era contento di essere in una viuzza appartata perché aveva paura che qualcuno potesse pensare che erano fidanzati anche se non era vero.
    Quello era solo uno sfogo, Amelia aveva bisogno di qualcuno con cui parlare e consolarsi e Robin per lei era quello.
    Anche perché aveva avuto l'impressione che prima Amelia avesse avuto effettivamente una cotta per lui, ma dopo gli era sembrato che l'avesse lasciato perdere per un altro ragazzo, Ronald Canard, di Corvonero.
    Lui, però, amava Esperanza, o almeno così gli sembrava, ma se le voci che circolavano erano vere lei si era messa con William, e Robin era stato felice per l'amica perché così aveva una speranza di riuscire a fidanzarsi col Corvo*

    Ehi...Tutto a posto?

    *Chiese all'amica staccandosi dall'abbraccio, poi pensò che non era bellissimo vedere una ragazza che piangeva ed un altro ragazzo a consolarla così in piedi*

    Che ne dici se ci sediamo sulla panchina e parliamo con calma?

    *Chiese all'amica attendendo una sua risposta, lì avrebbero potuto parlare tranquillamente e Amelia si sarebbe potuta confidare e sfogare al riparo da occhi e orecchie indiscrete.*



    @Amelia_Smith,


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 482
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    *La grifa era attaccata al concasato, finalmente sembrava riuscire a calmarsi un attimo. Si separarono, poi lui le chiese se andava tutto bene.*
    Magari...
    *Sospirò Amelia. Lui chiese se potevano andare su una panchina, a parlare con calma.*
    Oh sì, grazie...
    *Accettò lei, singhiozzando. Mentre cominciavano a spostarsi, lei decise che era il momento di sputare tutto ciò che l'affliggeva.*
    Allora... il problema è che sono innamorata di...
    *Era fatta, non poteva più tirarsi indietro. Avrebbe dovuto confidare, e ciò la rendeva più felice, più leggera e soprattutto la sua fiducia nel quindicenne era ogni istante più forte, la sentiva crescere ed era sicura che mai avrebbe smesso di farlo. Lo guardò, come a cercare un po' di sostegno nel suo sguardo, in quegli occhi color del ghiaccio.*
    @Robin_Peach




    Ultima modifica di Amelia_Smith 4 settimane fa, modificato 2 volte in totale


  • Robin_Peach

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 410
        Robin_Peach
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Singhiozzando Amelia accettò la sua proposta di andare a sedersi sulla panchina.
    Poi gli espose il problema, gli disse che era innamorata di...*

    Ronald!

    *Disse Robin, poi pensò che forse aveva messo in imbarazzo l'amica dicendole così direttamente che sapeva, quindi si spiegò meglio*

    Il sospetto mi è venuto quando al Salills vi siete urtati e sei arrossita.
    Poi anche al Ride Your Dreams sei diventata paonazza quando ti ha chiesto se volevi fare un giro in scopa insieme a lui e poi... beh...


    *Forse l'avrebbe messa in imbarazzo, ma ormai era dentro, doveva dirle tutto.*

    Non voglio assolutamente offenderti, sia chiaro, ma devo dirti che... Ogni volta che lo vedi diventi rossa come lo stemma di Grifondoro.

    *Disse buttandogliela sul ridere.
    Attese una risposta dall'amica, sperando di non averla offesa e che non si fosse sentita derisa.*



    @Amelia_Smith,




    Ultima modifica di Robin_Peach 2 settimane fa, modificato 2 volte in totale