Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Eirwen_Quinn


  • Eirwen_Quinn

    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 353
        Eirwen_Quinn
    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato
       
       

    *Il sole splendeva nel cielo, l'ottavo mese dell'anno era ormai giunto al termine e le giornate stavano iniziando ad accorciarsi. Di lì a poco le prime foglie sarebbero diventate gialle, il caldo tepore estivo sarebbe stato sostituito dalla fresca brezza autunnale e lei si sarebbe rannicchiata sulla comoda poltrona rossa della Sala Comune davanti al camino. Il giorno dopo sarebbe finalmente tornata al castello e non vedeva l'ora, voleva scoprire cosa le avrebbe riservato quel nuovo anno scolastico e sapeva che in parte il velo di tristezza, che da giorni le offuscava lo sguardo, si sarebbe attenuato.
    Era pieno pomeriggio e il villaggio pullulava di maghi e streghe, alcuni intenti a fare acquisti, altri a svolgere il loro lavoro, altri ancora semplicemente si concedevano un po' di relax. In mezzo agli abiti tipici del mondo magico e ai cappelli a punta lei spiccava, spesso qualcuno le gettava un'occhiata stranita, ma non avrebbe mai rinunciato alla comodità degli abiti babbani. Un paio di jeans e una semplice t-shirt erano l'abbigliamento adatto per una merenda al Tre Manici di Scopa, l'ultima in libertà, prima di ricominciare a recarsi al villaggio per evadere dalle interminabili ore di studio.
    Quell'anno avrebbe iniziato il suo quarto anno, non aveva paura di studiare, anzi, ma sapeva che sarebbe stato impegnativo. Alcuni professori probabilmente avrebbero iniziato a prepararli per affrontare l'anno scolastico seguente, uno dei fondamentali per l'istruzione di una giovane con doti magiche e lei non voleva restare indietro. Amava studiare, leggere e scoprire cose nuove era senza dubbio tra le sue passioni, ma doveva stare attenta a non rendere ancora una volta quella passione una corazza dietro cui nascondersi.
    I suoi pensieri si interruppero solo quando davanti ai suoi occhi comparve la famigliare insegna.



    L'anno precedente aveva visto quelle tre scope incrociate praticamente ogni giorno, svolgendo il lavoro di barista, e da allora si era particolarmente affezionata a quel locale. Svolgere quel servizio l'aveva aiutata molto a crescere, le aveva fatto scoprire cose di sé che non conosceva e aveva migliorato dei tratti dovuti alla giovane età.
    Varcò la soglia e i suoni e i profumi familiari la acccolsero rendendo più piacevole quell'ultimo giorno di vacanza.*

    Buon pomeriggio!

    *Si guardò intorno e individuò un tavolo libero, si trovava in un angolo vicino alla finestra, una delle sue zone preferite. Le piaceva sedersi in quel punto, una golosa merenda sul tavolo, un libro tra le mani e lo sguardo diviso tra le parole stampate su carta e il mondo che andava avanti oltre il vetro.
    Un'altra delle cose che aveva amato del suo lavoro al Tre Manici era stato conoscere alcuni degli abitanti del villaggio, assidui frequentatori del pub. Alcuni si trovavano lì anche quel giorno e sulla strada per raggiungere il tavolo che aveva scelto si fermò a salutarli e a scambiare qualche parola.
    Fu solo dopo qualche minuto che finalmente riuscì ad accomodarsi, a terra accanto alla sedia depositò lo zainetto di pelle, ma solo dopo aver estratto il libro che aveva scelto quel giorno. Si trattava delle famose Fiabe di Beda il Bardo, non le rileggeva da parecchio e quando quel giorno, sistemando il baule, le erano capitate tra le mani aveva deciso di portarle con sé. Sistemò il libro sul tavolo e si adagiò comodamente sulla sedia, non aveva fretta e quindi non aveva ritenuto necessario attirare l'attenzione di chiunque fosse dietro al bancone appena entrata. Poteva tranquillamente concedersi qualche ora di relax, prima di raccogliere le sue cose, salutare e ringraziare la professoressa Casterwill e raggiungere il Paiolo Magico dove avrebbe dormito quella notte.
    Lo sguardo era già perso oltre la finestra, ad osservare i passanti e chiedendosi come fosse la loro vita. Così quando una voce si levò accanto a lei, accolse chi si era avvicinato con un leggero sobbalzo e le guance arrossate dall'imbarazzo.*

    @Luke_Deaggle, @Artemis_Pengwing, @Eirwen_Quinn, @Ronald_Canard, @Berenice_Fawley, @Sarah_Jonson, @Zack_Plans, @Dorcas_Moore, @Freya_Hansen, @Celestia_Woodville, @Robin_Peach, @Helen_White, @Clarissa_Greythorne, @Aurora_Dilaurentis, @Anna_Miller, @William_Rogers, @Charlotte_Mills, @Jane_Casterwill, @Varyare_King, @Helena_Strange, @Amelia_Smith, @Damian_Saps, @Samantha_Finnigan, @Robert_Dips, @Aini_Feanor, @Keith_Connington, @Helen_Benlor, @Mihos_Renny, @Vera_Grace, @Katherine_Kennedy, @Nadia_Moonlight, @Esperanza_Fuentes, @Mattix_Riseri, @Penny_Hotter, @Emily_Banks, @Lusyana_Loprino, @Percy_Smith, @Naomi_Sanders, @Achilles_Davids, @Franci_Lucini, @Marcus_Largh, @Jade_Ross, @Stefania_Brunetti, @Joey_Puma, @Sarah_Darcy, @Alice_Mcdougal, @Lara_Grey, @Elibetta_Orani, @Anna_Argurio, @John_Stark, @Chantal_Collins, @Cristina_Fairchild, @Alex_Merlin, @Raven_Lovely, @Annalisa_Ziliani, @Bella_Dobrevpierce, @Sylvia_Turner, @Aster_Moodi, @Millennium_Falcon, @Scorpius_Malfoy, @Barbagallo_Sara, @Rosy_Diggory, @Angelina_Largh, @Martin_Lorenzons, @Stellagiulia_Clarke, @Gabriel_Master, @Emanuele_Santella, @Orelei_Strongale, @Emily_Parks, @Anais_Williams, @Kevin_Mitchell, @Nina_Cherry, @Sophie_Blue, @Charlie_Frafolg, @Catherine_Balm, @Serena_Parkinson, @Mattia_Azelas, @Costanza_Palagi, @Amelie_Turner, @Mary_Fortress, @Sansa_Stark, @Elisa_Renierv, @Megan_Torres, @Aelin_Fairblood, @Andrew_Longbood, @Raffaella_Saxon, @Engel_Hilt, @Gaia_Lover, @Grace_Padfoot, @Oznerol_Onis, @Livia_Kira, @Aurora_Donfort, @Stefano_Draems, @Nathan_Aubrey, @Sprotte_Smerald, @Kristal_Thratchet, @Petra_Zubi,


  • Amelia_Smith

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 516
        Amelia_Smith
    Grifondoro
       
       

    [VIE DI HOGSMEADE]
    *La quattordicenne Amelia Smith non aveva alcun dubbio su dove passare l'ultimo pomeriggio di libertà: nel luogo dove aveva conosciuto molti dei suoi attuali amici, dove aveva riso, scherzato, pianto, condiviso, aiutato, consigliato. Insomma, per lei il posto più bello dopo Hogwarts: ovviamente, ai Tre Manici di Scopa! Sperava di non trascorrere il resto della giornata da sola, aveva voglia di un'ultima chiacchierata fra amici, nell'ultimo pomeriggio di libertà. Poi, il servizio era ottimo, i prezzi più che giusti e, la ciliegina sulla torta, i baristi erano sempre allegri e cordiali con i clienti; naturalmente, il locale era sempre strapieno, dato che tutti lo adoravano e lo reputavano il miglior posto dove bere della squisita Burrobirra in compagnia. Mentre pensava questo, si trovò improvvisamente nel posto giusto, quello che stava cercando.*
    [TRE MANICI DI SCOPA]
    *L'adolescente entrò, e subito l'aria calda e accogliente la fece sentire molto più rilassata, scherzosa, a suo agio. Salutò educatamente il barista, e si cercò un tavolo. Ne vide uno vuoto, e si diresse verso quello; stava per sedersi, quando vide la coetanea e concasata Eirwen Quinn.*
    Per fortuna! Speravo di non dover passare l'intero pomeriggio sola soletta.
    *Pensò, contenta. La sua amica stava leggendo, magari non voleva scocciatori intorno, quindi la giovane, per un attimo, si chiese se fosse educato andare a disturbarla. Si fermò, ma poi decise che al massimo sarebbe tornata al suo tavolo in pace, se proprio la ragazza non avesse voluto scambiare due parole con lei. Percui, si avviò nuovamente verso il tavolo della quattordicenne, sperando in un assenso. Quando la raggiunse, la salutò, sorridendole sinceramente.*
    Ciao, Eirwen! Posso sedermi qui? Vedo che stai leggendo, se non vuoi essere disturbata dimmelo pure.
    *Le disse, comunque felice di vederla.*
    @Eirwen_Quinn,@Robin_Peach


  • Robin_Peach

    Grifondoro Insegnante Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 486
        Robin_Peach
    Grifondoro Insegnante Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Mancava un giorno all'inizio della scuola, Robin lavorava ai Tre Manici insieme a Varyare.
    Gli piaceva quel lavoro, aveva conosciuto molte persone ed era sicuro ne avrebbe conosciute molte altre.
    Era lì a lavorare, stava aspettando che i celeberrimi cookies babbani fossero pronti, li aveva già fatti un'altra volta e gli erano venuti davvero bene.*

    Ancora due minuti e sono pronti.

    *Pensò guardando la teglia dove i biscotti stavano cuocendosi. Dopo poco sentì una voce femminile che augurava buon pomeriggio, Robin spense quindi il forno, tanto ormai i biscotti erano cotti contrariamente alle sue previsioni.
    Si avviò nel davanti del negozio per vedere chi era il cliente.*

    Ciao Eirwen!

    *Disse sorridendo all'amica.*

    Passato una bella estate?

    *Chiese poi.
    Contemporaneamente la porta si spalancò ed entrò Amelia, che salutò Eirwen.*

    Ciao anche a te! Passato una bella estate?

    *Chiese anche all'amica, era contento di vederle lì, magari avrebbero potuto scambiare anche quattro chiacchiere.*

    Vi porto il menu?

    *Disse sorridendo, sapeva che Eirwen aveva già fatto la barista ma magari le faceva piacere dare una riletta la menu prima di ordinare.
    Attese una risposta dalle due ragazze, affermativa o negativa.*


    @Luke_Deaggle, @Artemis_Pengwing, @Eirwen_Quinn, @Ronald_Canard, @Berenice_Fawley, @Sarah_Jonson, @Zack_Plans, @Dorcas_Moore, @Freya_Hansen, @Celestia_Woodville, @Helen_White, @Clarissa_Greythorne, @Aurora_Dilaurentis, @Anna_Miller, @William_Rogers, @Charlotte_Mills, @Jane_Casterwill, @Varyare_King, @Helena_Strange, @Amelia_Smith, @Damian_Saps, @Samantha_Finnigan, @Robert_Dips, @Aini_Feanor, @Keith_Connington, @Helen_Benlor, @Mihos_Renny, @Vera_Grace, @Katherine_Kennedy, @Nadia_Moonlight, @Esperanza_Fuentes, @Mattix_Riseri, @Penny_Hotter, @Emily_Banks, @Lusyana_Loprino, @Percy_Smith, @Naomi_Sanders, @Achilles_Davids, @Franci_Lucini, @Marcus_Largh, @Jade_Ross, @Stefania_Brunetti, @Joey_Puma, @Sarah_Darcy, @Alice_Mcdougal, @Lara_Grey, @Elibetta_Orani, @Anna_Argurio, @John_Stark, @Chantal_Collins, @Cristina_Fairchild, @Alex_Merlin, @Raven_Lovely, @Annalisa_Ziliani, @Bella_Dobrevpierce, @Sylvia_Turner, @Aster_Moodi, @Millennium_Falcon, @Scorpius_Malfoy, @Barbagallo_Sara, @Rosy_Diggory, @Angelina_Largh, @Martin_Lorenzons, @Stellagiulia_Clarke, @Gabriel_Master, @Emanuele_Santella, @Orelei_Strongale, @Emily_Parks, @Anais_Williams, @Kevin_Mitchell, @Nina_Cherry, @Sophie_Blue, @Charlie_Frafolg, @Catherine_Balm, @Serena_Parkinson, @Mattia_Azelas, @Costanza_Palagi, @Amelie_Turner, @Mary_Fortress, @Sansa_Stark, @Elisa_Renierv, @Megan_Torres, @Aelin_Fairblood, @Andrew_Longbood, @Raffaella_Saxon, @Engel_Hilt, @Gaia_Lover, @Grace_Padfoot, @Oznerol_Onis, @Livia_Kira, @Aurora_Donfort, @Stefano_Draems, @Nathan_Aubrey, @Sprotte_Smerald, @Kristal_Thratchet, @Petra_Zubi,


  • Vera_Grace

    Corvonero Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 1468
        Vera_Grace
    Corvonero Responsabile di Casa
       
       

    [LONDRA - CASA GRACE]

    *Un giorno, un lunghissimo ed interminabile giorno e la scuola sarebbe iniziata. A molti sarebbe potuto sembrare strano l'entusiasmo e la voglia di Vera di tornare al castello ma Hogwarts era come una seconda casa per lei, il posto dove si sentiva meglio e libera di essere se stessa. La sua impaziente attesa era resa evidente dalla cura con cui la corva aveva preparato tutto l'occorrente per il giorno dopo, dal baule ben riempito con metodo e stranamente poco disordine alle gabbie dei due animali appoggiate vicino alla porta. La divisa di Corvonero, la casata della Grace, era piegata con eleganza sul cassettone vicino al letto dai colori rigorosamente blu, un tributo e ricordo alla camerata blu-bronzo nel suo dormitorio ad Hogwarts, e sua fidata bacchetta in salice, quella che l'aveva scelta nel negozio a Diagon Alley, era riposta lì vicino, pronta per essere usata di nuovo dopo la lunga e per Vera insopportabile pausa di due mesi. Le vacanze non erano state delle migliori, non si era annoiata e aveva viaggiato abbastanza come piaceva a lei ma nonostante il periodo di riposo dei suoi era stata piuttosto banale, niente in confronto ai giorni allegri e esaltanti, sempre diversi, al castello. Quello era l'ultimo giorno e voleva differenziarlo dagli altri, facendo qualcosa di speciale prima del ritorno a scuola... a Londra aveva passato abbastanza tempo e Diagon Alley ormai avrebbe potuto passarla ad occhi chiusi, Hogsmeade era una buona idea ma dove poteva andare? Rifletté un po' prima di ricordarsi di un luogo dove era un po' che non si recava, un posto che le era sempre piaciuto e sembrava ideale per concludere l'estate e dare il benvenuto all'autunno imminente. Si precipitò giù dalle scale e dopo aver avvisato i genitori, i signori Grace, prese una manciata di Metropolvere esclamando chiaramente:*

    HOGSMEADE!

    [HOGSMEADE - TRE MANICI DI SCOPA]

    *Dopo aver percorso le strade del villaggio con familiarità era giunta davanti all'insegna che era ormai entrata a far parte della sua quotidianità. I Tre Manici di Scopa, recitava, ma Vera non si fermò ad osservarla troppo, spingendo la porta per entrare nell'accogliente locale, il suo preferito lì nel magico paese a due passi da Hogwarts. Era sempre stata una delle frequentatrici più assidue nei quasi cinque anni al castello e una delle cose che più amava di quel posto era l'atmosfera. Prendere lì una Burrobirra chiacchierando con baristi e clienti era uno dei modi che più la aggradavano di spendere un pomeriggio, sia estivo che invernale. Un odore probabilmente di biscotti aleggiava nella stanza e tre persone occupavano il vano.*

    Buon pomeriggio a tutti!

    *Esordì allegra aprendosi in un sorriso radioso. Erano presenti sia Robin, il barista nonché un caro amico della corva, che Amelia e Eirwen, rispettivamente una Grifondoro con cui la ragazza aveva un ottimo rapporto di amicizia e una delle persone a cui teneva di più nel castello. Si accomodò in una delle sedie dal bancone, il suo solito posto, non troppo distante dal tavolo delle due grifone e disse:*

    Allora, come vanno le vacanze? Ah Robin, sbaglio o questo è odore di biscotti?

    *Chiese al ragazzo, il pomeriggio stava prendendo una piega decisamente interessante.*

  • Helena_Strange

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 29
       
       

    *Helena Strange stava seduta in un tavolo un po' indisparte aveva vistom sia Eirwen che Vera, ma era rimasta in disparte era uno in quei momenti in cui voleva stare con se stessa a pensare.
    Tra un solo giorno sarebbe iniziata la scuola , non lo dava a vedere , lo nascondeva, ma aveva paura di tutto quello che avrebbe incontrato , avrebbe voluto parlante con qualcuno, però anche in questo caso aveva paura di dar noia, per questo decise di rimanere in quel tavolo all'angolo con il mento appoggiato sulla mano mentre guardava con sguardo malinconico fuori*

    domani inizierà la scuola, mi domando come mi troverò e soprattutto chi troverò. Avevo tanta voglia di partire e ora ho paura. Troverò dei buoni amici o rersterò sola? Le materie saranno difficili? E se sentirò la nostalgia di casa come farò?[i]

    *domande normali che frulllavano nella testa di Helena , per non annoiare nessuno decise di parlare solo se qualcuno si fosse avvicinato a lei.
    Quel giorno era andata ai tre manici proprio per pensare un po'all'immente partenza. Helena stava per cambiare vita, il cambaimento spaventava sempre.
    Helena tra una domanda e l'altra rivolse di nuovo lo sgurado fuori*
    @Eirwen_Quinn,

    @Varyare_King, @Amelia_Smith, @Vera_Grace




    Ultima modifica di Helena_Strange mese scorso, modificato 1 volta in totale


  • Eirwen_Quinn

    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 353
        Eirwen_Quinn
    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato
       
       

    *Quando la quattordicenne si voltò verso la direzione da cui proveniva la voce si stupì nel trovare accanto a sé una famigliare chioma rossa, era talmente assorta ad osservare i passanti lungo la via che non si era resa conto della familiarità della voce che le aveva parlato. Amelia Smith era una sua coetanea e compagna di stanza a Hogwarts, si conoscevano ormai da più di tre anni, ma nemmeno con lei aveva stretto un legame troppo saldo.*

    Ciao Amelia, non disturbi affatto. Accomodati.

    *Rispose con un sorriso indicando la sedia accanto alla sua. Non era venuta lì con l’intenzione di trovare compagnia, ma scambiare qualche parola non le dispiaceva affatto, per leggere il libro aveva molto altro tempo a disposizione. Lo afferrò e lo sistemò nuovamente nello zainetto di pelle ai suoi piedi, se avessero deciso di ordinare qualcosa avrebbero avuto bisogno di spazio.
    Pochi istanti dopo un altro suo concasato comparì accanto al tavolo nell’angolo che aveva scelto, in quel caso tuttavia si trattava di qualcuno che non avrebbe avuto tempo per accomodarsi. Robin Peach, Grifondoro di un anno più grande, era il barista dei locali di Hogsmeade per quei mesi estivi. Aveva avuto molte occasioni per incontrarlo in quelle settimane trascorse al villaggio, ma l’ultimo incontro non era avvenuto nel locale più frequentato. Giusto due settimane prima, Eirwen si era ritrovata a trascorrere un po’ di tempo nel corrispettivo malfamato del Tre Manici di Scopa, ovvero la Testa di Porco. Non conosceva abbastanza Robin per sapere cosa avesse pensato di lei in quel caso, ma considerando che l’aveva trovata in compagnia di Achilles, che in quel momento non era conciato molto bene, non riuscì ad evitare di sentirsi un po’ in imbarazzo.
    Un istante di silenzio seguì le parole del giovane barista, le guance leggermente colorate di rosa erano un chiaro segno dell’imbarazzo che stava provando, ma ci che più si poteva notare era lo sguardo improvvisamente cupo. Non aveva notizie dell’amico Serpeverde da due settimane e pensare a quella sera aveva inevitabilmente acuito la sua preoccupazione. Dopo aver osservato per qualche istante il tavolo in silenzio si ricompose, raddrizzò la schiena e si sforzò di sollevare di nuovo gli angoli della bocca verso l’alto.*

    Ciao Robin, diciamo che per fortuna è passata questa estate.

    *Disse con un sorriso di circostanza stampata in volto. La domanda sulla sua estate non aveva certamente aiutato a rendere il sorriso che si stava sforzando di far tornare più naturale. Certamente però non voleva far pesare su Robin il proprio umore tetro e cercò di ritrovare almeno parte della sua compostezza.*

    La tua estate?
    Comunque a me il menù non serve, ma se…


    *Prima che potesse completare la frase un’altra voce nota attirò la sua attenzione, in quel caso si trattava di una persona che conosceva molto bene, una delle poche che definiva amiche non in maniera superficiale. La mora di Corvonero che era appena entrata si accomodò al bancone salutando tutti i presenti.*

    Vera! Perchè non ti accomodi qui con me e Amelia, c’è posto a sufficienza anche per te.

    *Disse all’amica, scostando leggermente la sedia dal tavolo per farle capire che era la benvenuta. Non vedeva la mora da quando era arrivata al villaggio praticamente e in quell’occasione non avevano avuto occasione di scambiare molte parole, si trovavano infatti al Casterwill’s Kitchen ed erano capitate a dei tavoli diversi.*

    Comunque anch’io stavo per chiederti di questo invitante profumo, Robin. Ti prego dimmi che il mio olfatto non mi ha ingannata e che si tratta di biscotti con le gocce di cioccolato.

    *Un sorriso divertito e sincero le tese le labbra, non c’era niente di meglio del cibo per risollevarle l’umore. Se in più il cibo in questione era dolce e a base di cioccolato la sua felicità, almeno momentanea, era assicurata. Dei cookies uniti a della buona compagnia potevano fare miracoli.
    Solo sul finire della frase si rese conto che qualcuno poco distante ogni tanto osservava verso di loro, si trattava di una futura matricola, che aveva conosciuto a Londra pochi giorni prima. Non ricordava bene il nome, ma le sembrava malinconica e sola e la naturale propensione ad aiutare gli altri ebbe il sopravvento.*

    Ciao, noi ci siamo conosciute a Londra vero? Helen o Helena se non sbaglio, perdonami ma ho il dubbio. Perchè non ti siedi anche tu qui?

    *Le disse con un sorriso gentile, augurandosi di non infastidirla, non la conosceva abbastanza per sapere come avrebbe reagito.*

    @Helena_Strange, @Vera_Grace, @Robin_Peach, @Amelia_Smith,


  • Varyare_King

    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 150
        Varyare_King
    Serpeverde Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Mancava un giorno all'inizio della scuola, qualche ora la separava dal ritrovarsi nuovamente alla Stazione di King's Cross ad aspettare il puntualissimo Espresso che l'avrebbe portata come ogni anno al castello di Hogwarts. Finalmente le sarebbe stato di nuovo concesso l'utilizzo della bacchetta, unito piacevolmente alla possibilità di annusare i particolari odori emanati dalle pozioni preparate durante le ore dell'omonima materia e ai gustosi pasti preparati dai laboriosi Elfi Domestici. Da quando aveva messo piede al castello quel luogo era diventato la sua casa, l'unico posto in grado di farla sentire completa; in quei mesi d'estate sentiva come un vuoto dentro di sé dovuto alla mancanza di magia e sapere che entro poco tempo sarebbe tornata alla fantastica scuola le riempiva il cuore di gioia.
    In quel momento però non poteva permettersi fantasticherie di quel genere, lavorava come barista insieme all'amico Robin al famoso pub di Hosmeade "Tre Manici di Scopa" e se avesse iniziato a pensare al suo rientro ad Hogwarts era sicura che non sarebbe riuscita ad arrivare a fine giornata. Il tirocinio di barista in quell'ultimo periodo le riempiva le giornate impedendole, per sua grande fortuna, di far deviare i suoi pensieri sulla scuola e sui suoi amici.
    In quel momento stava pulendo il bancone con uno straccio bagnato mentre Robin era in cucina a preparare dei biscotti per i clienti, quando vide la porta del pub aprirsi. Automaticamente alzò lo sguardo e vide entrare Eirwen, una ragazza della casata di Godric della sua stessa età. Vide che si sedette da sola ad un tavolo per poi prendere un libro e immergersi nella lettura. Varyare finì sul pulire il bancone per poi portare due boccali di Burrobirra ad un tavolo che ospitava due clienti abituali dei Tre Manici. Non trascorse molto tempo che di nuovo la porta si aprì mostrando questa volta una ragazza dai capelli rossi anch'ella appartenente alla casata rossa-oro. Non sapeva se le due concasate si fossero messe d'accordo per incontrarsi lì o era stata una pura coincidenza, sta di fatto che Amelia si diresse spedita al tavolo di Eirwen e si sedette con lei. Senza avere il tempo di avvicinarsi alle due giovani per domandare se volessero ordinare qualcosa vide uscire dalla cucina Robin che la precedette. Si avvicinò al tavolo delle Grifondoro domandando loro se volessero il menù, così Varyare nel frattempo si mise a sparecchiare un tavolo poco distanze che era appena stato liberato da un trio di maghi.*

    "Certo che oggi il pub è proprio pieno, molto più del solito."

    *Pensò la giovane mentre ritirava i bicchieri per poi andare a lavarli.
    Nei pochi attimi in cui fu via un'altra volta la porta d'ingresso si aprì scoprendo stavolta una sua amica: la Corvonero Vera Grace. Pure la Corva, come Amelia prima di lei, si sedette al tavolo con Eirwen e mentre Robin prendeva le ordinazioni si scambiavano opinioni sull'estate appena trascorsa.
    Aspettò che finissero di parlare per poi avvicinarsi al gruppetto accorgendosi solo in quel momento che ad un tavolo vicino, tutta sola, era seduta la sua amica Helena Strange che la sera successiva avrebbe scoperto la sua casata di appartenenza.*

    Ciao ragazze, che piacere vedervi qui! Immagino che Robin vi abbia già chiesto le ordinazioni.

    *Salutò allegramente con un sorriso stampato sul volto. Era partita dal presupposto che Robin, amico e ora collega di lavoro, avesse già domandato loro se desiderassero ordinare qualcosa perciò non ripeté la domanda probabilmente posta dal Grifo.*



  • Helena_Strange

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 29
       
       

    * Helena riconobbe subito la ragazza che le se era avvicinata l'aveva conosciuta pochi giorni prima insieme a tutti gli altri amici di Luke a Tarfal Square. Eirwen questo il suo nome.
    Helena fu confortata dal quel sorriso e così accettò di sedersi con loro e rispose con un sorriso che sembrava perso*

    si, mi ricordo di te Eiwen giusto? Ad ogni modo grazie per l'invito accetto volentieri. Sono un po' tesa per l'inizio della scuola , è il mio primo anno

    * Sicuramente una chiacchierata con quella combriccola le avrebbe fatto sicuramente bene. Avrebbe appreso consigli e tanto altro da persone che già conoscevan Hogwarts da anni, e forse , anzi indubbiamente avrebbbe allentato la tensione.
    Helena lo sapeva in compagnia avrebbe ritrovato il sorriso , poi vide che tra i tavoli girava @Varyare e così la salutò velocemente*

    ciao Varyare da cliente a barista, mi fa piacere vederti.

    @Eirwen_Quinn, @Robin_Peach,




    Ultima modifica di Helena_Strange mese scorso, modificato 2 volte in totale


  • Robin_Peach

    Grifondoro Insegnante Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 486
        Robin_Peach
    Grifondoro Insegnante Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Robin salutò Eirwen e Amelia, la prima gli disse che per fortuna quell'estate era passata, poi gli chiese come era andata la sua.*

    Beh, abbastanza bene, sono stato al Paiolo Magico per un po', ogni tanto ho fatto un salto a casa mia, a Manchester, e sono stato barista dei Tre Manici per due mesi, non mi posso lamentare.

    *Sorrise, fare il barista gli era piaciuto, così come aveva apprezzato tutte le vacanze.
    Eirwen poi continuò a parlare, stava per dire che non le serviva il menu quando entrò Vera che salutò e poi disse che sentiva odore di biscotti. A quest'ultima affermazione si aggiunse anche Eirwen.*

    Esattamente, sono i celeberrimi cookies! Se volete ve ne posso portare un po' insieme alle ordinazioni o anche subito, come preferite.

    *Disse sorridendo il barista quindicenne.
    Poi arrivò la sua collega Varyare, più per compagnia che per altro, dato che aveva già ipotizzato che il Grifo avesse preso tutte le ordinazioni.*

    Ciao Varyare, le sto giusto prendendo, puoi unirti anche tu se vuoi, dato che immagino ci sarà una marea di roba.

    *Disse sorridendo, poi notò che Eirwen aveva invitato al tavolo anche un'altra ragazza che Robin aveva conosciuto a Trafalgar Square.*

    Ciao Helen!

    *Disse sorridendo, poi prese un taccuino e la sua penna autoscrivente.*

    Cosa prendete?

    *Chiese, aspettando una risposta, sarebbe stato felicissimo di portare le pietanze a quel tavolo, magari alla fine avrebbero anche potuto fare una bella chiacchierata!
    Si riscosse dai suoi pensieri per togliere dal foglio la penna autoscrivente che dava segni di irrequietudine.*


    @Eirwen_Quinn, @Amelia_Smith, @Vera_Grace, @Helena_Strange, @Varyare_King,


  • Helena_Strange

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 29
       
       

    *Helena riconobbe Robin anche lui da amico a barista. Era indecisa su cosa prendere, ci pensò un po' su li si rese conto che non poteva dei di no alla sua bevanda preferita del mondo magico.
    Si stava trovando bene in quel gruppo che l'aveva inivtata , anche perchè chi più chi meno si erano visti tutti almeno una volta e poi che bello sarebbe stato rivedere le stesse persone nella Sala Grande ad Hogwatrs aveva capito che facevano parte di diverse case , del resto Helena non aveva ancora la minima idea sulla casa che le sarebbe toccata
    Non voleva far aspettare a Robin, così Helna ordinò*

    Ho sentito cookies? Bene allora con quelle delizie credo proprio che una burrobirra aromatizzata allora zenzero sia la cosa migliore

    *Tempo fa qualcun o disse ad Helena che una volta provata la burrobirra non la si lascia più ed era proprio vero , sentiva di non poteva farne a meno.
    Poi ritornò ai discorsi su come erano trascorse le vacanze che ormai erano finite *

    @Varyare_King, @Robin_Peach, @Amelia_Smith, @Eirwen_Quinn,




    Ultima modifica di Helena_Strange mese scorso, modificato 1 volta in totale