Hogwarts - Piano Terra
Hogwarts - Piano Terra


  • Achilles_Davids

    Serpeverde Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 803
       
       

    * La giovane Tassetta reagì in maniera emotiva come si aspettava il Serpino, ma in maniera imprevedibile. Non si adirò, ma abbracciò il giovane, come a voler trasmettere la propria vicinanza anche fisicamente, in maniera tangibile. Espresse con la consueta schiettezza i suoi timori, la sua paura di un nuovo isolamento di lui, il timore di allontanarsi e perdersi, il terrore di nuove incursioni e sancì il tutto con un bacio, a suggellare il suo desiderio che lui rimanesse al suo fianco. Lui ricambiò il bacio e la guardò, tuffandosi nei suoi occhi e guardando brillare la consueta scintilla di fuoco. *

    Non ho intenzione di sparire più, non ha funzionato la prima volta, non vedo perchè ripetere. Mi avrai tra le scatole ancora per un po' di tempo direi.

    * La sua mano scivolò lenta sulla cicatrice che sfregiava la sua guancia e meditò sulle parole di lei circa la possibilità di nuovi scontri. Scosse la testa, era diventato molto più attento e scaltro e non intendeva replicare gli errori del passato. *

    Ammetto che questa cicatrice mi dona un fascino misterioso. Da eroe tenebroso e maledetto. Ma mai esagerare, una cicatrice basta e avanza. Non intendo affiancarla con una seconda.

    * Di scatto, senza il minimo preavviso, le fu sopra, ed entrambi caddero a terra. Cercò le sue labbra, in un bacio lungo e ardente, come a voler dimostrare anche con i fatti il fatto che non intendeva più nascondersi al mondo intero.*



    @Esperanza_Fuentes,


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 749
       
       

    *Il ragazzo sembrava convinto a rimanere, convinto del fatto che non avrebbe mai più lasciato Hogwarts per imbattersi in folli avventure o qualunque cosa avesse fatto.
    Quell'argomento cambiò l'umore di tutti e due ed Esp era davvero stanca di sentire quella tristezza dentro, di ripensare sempre alle stesse cose, agli stessi problemi..
    Ormai erano passati e non sarebbe servito a nulla rivangarli.
    La ragazza di alzò da terra e si stiracchiò sollevando le braccia, diede una mano al ragazzo per aiutarlo a mettersi in piedi e condusse fuori sotto la pioggia.*

    Allora Davids.. Ti va una passeggiata sotto questo bellissimo cielo ricoperto di nuvole e pioggia?

    Devo dire che mette di buon umore.. Almeno me..


    *La ragazza sollevò il cappuccio della sua felpa e infilò le mani nelle tasche laterali, faceva freddo, i due si incontravano sempre con quel tempaccio, sembrava opera del destino.. O della sfortuna. *

    Se passerai gli esami da M.A.G.O che farai dopo? Una volta ne abbiamo parlato ricordi?
    Ma può essere che tu abbia cambiato idea!

    Devo ammettere che mi risulta difficile pensare a Hogwarts senza te in giro.
    Mi mancherai sicuramente.


    *Un velo di tristezza si dipinse di nuovo sul volto della rossa, che cercò di mascherarlo con un sorriso beffardo ma non tanto convincente.
    Quel pensiero gli logorava l'anima, non vederlo più così frequentemente gli riempiva il cuore di tristezza, lei sapeva già che sarebbe stato così.. Difficile.. Impossibile.. *

    @Achilles_Davids,




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes 2 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Achilles_Davids

    Serpeverde Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 803
       
       

    * I discorsi che affrontarono non furono semplici. Fino a quel momento i loro appuntamenti avevano scavato sempre più nel profondo, erano partiti con qualche bacio, per poi arrivare a toccare emozioni, sentimenti e ora anche le disavventure passate e celate nelle nebbie del tempo. Segreti che dovevano restare tali e verità leggere come il vento. Le risposte che diede il ragazzo parvero soddisfare la curiosità di lei. Passò dalle domande all'offrirgli una camminata sotto la pioggia che tamburellava ed accarezzava i prati, pioggia che era stata quasi una costanza in quel novembre particolarmente umido. Lui accettò di buon grado e così si trovarono a passeggiare insieme, stretti e vicini, accarezzati dalla fresca pioggia, a respirare a pieni polmoni l'aria fresca e pulita. La dicsussione si spostò sulle prospettive future, entrambi avrebbero avuto gli esami al termine di quell'anno. Ma se per lei erano i G.U.F.O., il che prevedeva ancora due anni supplementari di scuola, lui avrebbe affrontato i M.A.G.O., il che voleva dire che la sua istruzione sarebbe presto giunta al termine. *

    Mi piacerebbe diventare Spezzaincantesimi. O qualcosa di simile. Amo il mistero, l'esplorazione, non mi ci vedo in un lavoro chiuso, sempre uguale. Mi piacerebbe anche entrare nel commercio di oggetti rari, misteriosi, magari con poteri da scoprire. Tipo Magie Sinister. E tu invece? Cosa vedi nel tuo futuro?

    * Si fermò per abbracciarla e guardarla negli occhi, scuri e profondi. *

    Cosa prevede il tuo futuro? Un ragazzo che ha finito la scuola oppure mi rimpiazzerai con qualcuno di più vicino?


    @Esperanza_Fuentes,


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 749
       
       

    *La ragazza passò di un argomento ad un'altro, non meno triste. Lui presto avrebbe finito gli studi e sarebbe andato via da Hogwarts lasciandola sola.
    Lei gli chiese cosa volesse fare dopo e come si aspettava le diede la medesima risposta di un anno prima, quando avevano parlato seduti ai tre manici di scopa, prima della sua scomparsa.
    Ricordava quel giorno come se fosse stato solo ieri, la prima volta che vide quei bellissimi occhi blue fu al Ride your dreams, Esp allora era ancora una semplice tirocinante e lui un cliente, gli offrì di andare a prendere da bere e lei non rifiutò, anzi, gli diede appuntamento per vedersi in privato. Era sempre stata una sfacciata ma si era subito innamorata del suo sorriso, della sua riservatezza e del suo modo di fare.
    Non poteva pensare ad altri due anni senza di lui, lui avrebbe lavorato come spezza incantesimi e avrebbe sicuramente conosciuto altre persone, un 'altra ragazza, più grande, più matura. Cosa doveva farsene di una quindicenne al quinto anno di scuola.
    Era consapevole del fatto che lei nella sua vita era solo di passaggio.
    Lui le chiese cosa prevedesse il suo futuro, se lo avrebbe aspettato oppure rimpiazzato con un'altro.
    Ma come poteva.. Amava Achilles più di sé stessa, lo avrebbe aspettato in eterno se fosse stato necessario.
    Un velo di tristezza coprì il suo sorriso, la ragazza si fermò di scatto e gli mise le mani attorno alla vita guardandolo negli occhi.. *

    Il mio cuore appartiene a te.. Ora e sempre..
    Sarebbe impossibile rimpiazzati.

    Forse tu mi rimpiazzerai, in fondo io sono solo una ragazzina viziata e irritante.


    *Una lacrima scese dai suoi occhi color nocciola, la asciugò subito con la manica della felpa, poi con la testa bassa e senza guardarlo chiese.. *

    Davids.. Perdonami se ti faccio questa domanda, ma ho bisogno di saperlo..
    Tu mi ami? Io te lo dico tantissime volte, e tu non rispondi mai. E io non voglio metterti fretta ma il tempo stringe per noi e mi piacerebbe tanto saperlo.


    *La ragazza riprese a camminare senza incrociare il suo sguardo attentendo una risposta. *

    @Achilles_Davids,


  • Achilles_Davids

    Serpeverde Barista 3MDS

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 803
       
       

    * Il futuro era curioso e pieno di insidie, sorprese e possibilità. Il futuro era vicino a lui, la fine della scuola sarebbe stata un passaggio importante nella sua crescita, pieno di nuove possibilità ma anche di sfide. Aveva qualche vaga idea su cosa avrebbe voluto fare, quale percorso intraprendere, ma ovviamente era tutto da costruire, tutto da vedere. Non era qualcosa che poteva costruire a tavolino, un conto era pensare a un progetto, un altro metterlo in pratica e realizzarlo. Questi progetti e pensieri coinvolgevano inevitabilmente anche la loro relazione, in fin dei conti non sarebbe stato semplice viverla da lontano, ma lui l'anno seguente non sarebbe rimasto a scuola. Lei parve molto toccata dall'argomento e si mise a piangere, triste e preoccupata dall'idea che si allontanassero. Lui sorrise, si avvicinò e la abbracciò. *

    Non credo di volerti rimpiazzare, anche se sei viziata e irritante. E sì, a mio modo ti amo. Solo non amo dirlo, preferisco dimostrarlo in altri modi. Ho imparato che bisogna andarci piano con le parole.

    * Stringendola a sè cercò con i suoi occhi glaciali quelli scuri della giovane, con un sorrisetto in volto. *


    @Esperanza_Fuentes,



Vai a pagina Precedente  1, 2