Hogwarts - 4° Piano
Hogwarts - 4° Piano


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Zack_Plans


  • Zack_Plans

    Serpeverde Responsabile di Casa

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 1153
        Zack_Plans
    Serpeverde Responsabile di Casa
       
       

    [BIBLIOTECA]


    *Mancava poco all'inizio delle vacanze natalizie ma, come gli ultimi anni, il Prefetto di Serpeverde non aveva fatto il proprio baule per passare il natale a Cardiff sua città natale.
    Da quando suo padre Paul era deceduto, lutto della quale non aveva raccontato a nessuno, quel ragazzo aveva iniziato a passare sempre meno tempo tra quelle quattro mura che seppur grandi iniziavano a stargli strette.
    Quel giorno era un giorno speciale per la maggior parte degli studenti del castello, si sarebbe infatti tenuto il famigerato Yule Ball che, appunto, sanciva l'inizio delle vacanze di natale. Eppure Zack Plans si trovava in un luogo totalmente inaspettato: la Biblioteca.
    Erano mesi che Zack si rintanava nella sua stanza nei dormitori di Serpeverde, non per dispetto ma per via della sua nuova natura che lo rendeva sofferente alla presenza di altre persone. Quel giorno però la Biblioteca, per sua fortuna, era assai meno frequentata del solito.
    Le ragazze probabilmente erano già con le loro amiche per prepararsi alla festa incombente, mentre i ragazzi sicuramente e come poteva immaginare si trovavano nelle loro rispettive sale comuni a chiacchiere con altri compagni di casa. Anche lui quella sera avrebbe partecipato a quell'evento prestigioso che ogni anno veniva realizzato al castello, ma quello non gli vietava di passare il pomeriggio tra i libri e con la mente distratta da quello che avrebbe affrontato quella sera.*

    Dov'è...

    *Sussurrò tra sé e sé il diciassettenne cercando un libro in particolare nel ripiano dedicato alle arti oscure e alla loro difesa.
    A lezione avevano parlato di ciò che avrebbero potuto affrontare durante l'esame dei M.A.G.O, esami che quell'anno Zack avrebbe affrontato. Era felice finalmente di essere giunto alla fine del suo percorso scolastico.
    Per fortuna il libro che cercava lo trovò quasi subito. Si trattava di un volume sui Mollicci. Lo estrasse dal ripiano dove era riposto e, dopo aver controllato che fosse effettivamente ciò che cercava, lo portò al tavolo dove si era seduto quasi una mezzora prima.
    La polvere proveniente dalle pagine che sfogliava lo costrinsero a starnutire.
    A quanto sembrava non era un volume molto consultato dagli studenti di quel castello, prova ne erano le poche firme nel foglio iniziale applicato successivamente che indicava chi, nel corso del tempo, aveva preso in prestito tale volume.*


    @Amelia_Smith,


  • Amelia_Smith

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 209
        Amelia_Smith
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Amelia stava andando in biblioteca: quella sera si sarebbe tenuto lo Yule Ball, quindi voleva passare un pomeriggio tranquillo, così non sarebbe stata stanca quella sera. O almeno, meno stanca del solito. E poi voleva saperne un po' di più, su quel ballo del Ceppo: essendo una persona molto curiosa, le piaceva approfondire gli argomenti. Sperava tanto di trovare qualcosa a riguardo...
    Varcò la soglia della biblioteca, con i capelli rossi che le svolazzavano dietro; pensava di essere sola, poi però sentì uno starnuto, e capì che non era così. Il suo sguardo andò istintivamente verso quella direzione, e vide il Prefetto Plans, con un vecchio librone fra le mani. Dopo meno di un secondo, i suoi occhi azzurri erano già puntati altrove: gli scaffali. Con passo deciso ma silenzioso, si mise a cercare.
    Intanto che girava, pensava al ballo naturalmente... non proprio all'evento, in realtà: aveva in mente il suo accompagnatore. Quando ci pensava, si distraeva sempre... infatti, per poco non inciampò su qualcosa. Guardò in basso, e vide un grosso volumone: ne lesse il titolo, e constatò con sollievo che poteva essere interessante. Parlava proprio del ballo... un bel colpo di fortuna.*

    Ok... ok.

    *Pensò solo; raccolse il librone, e si sedette a un tavolo, non troppo lontano dal prefetto, appoggiandolo con delicatezza. Lo aprì, e da quel momento non si curò più di nient'altro: era come se il libro la stesse risucchiando, infatti lo stava divorando, stava leggendo molto velocemente. Lei era lì, in biblioteca, ma la sua mente era da tutt'altra parte, nel passato, insieme al suo libro.*

    @Zack_Plans


  • Zack_Plans

    Serpeverde Responsabile di Casa

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 1153
        Zack_Plans
    Serpeverde Responsabile di Casa
       
       

    *In quel giorno di certo Zack non si sarebbe aspettato di trovare qualcuno nella Biblioteca di Hogwarts. Chi altro sarebbe stato così fuori di testa da recarsi in quel luogo così pieno di polvere e ricco di informazioni durante l'ultimo giorno prima delle vacanze invernali?
    Dopo ave preso il libro sui Mollicci che gli interessava si sedette al tavolo dove qualche minuto prima aveva appoggiato la borsa scolastica a tracolla.
    Si mise a leggere, anche se quelle nozioni le sapeva già dato che la professoressa ne aveva parlato a lezione.
    Quale sarebbe stato il Molliccio di Zack Plans? Ci aveva pensato molto e alla fine era giunto che, probabilmente, la sua più grande paura era vedere quel ciondolo magico che da mesi portava al collo, rotto in mille pezzi. Era quello che permetteva a quelli come lui di stare alla luce del sole.
    Le dicerie che raccontavano che i Vampiri non potevano stare alla luce del sole erano vere, ma nel corso dei secoli quelle creature avevano trovato una soluzione per godersi anche loro l'aria aperta durante il giorno.
    Osservava il ciondolo che portava sempre al collo, era talmente assorto dai suoi pensieri che non si era accorto subito di una figura femminile dai capelli rossi.


    Era stato distratto e non si era accorto della presenza della Grifondoro, anche i suoi “nuovi” sensi acuiti non avevano notato subito quella figura femminile.
    Ma perchè non si era reso conto della sua presenza?
    Doveva stare più attento. Senza distogliere lo sguardo dalla ragazza, e senza farsi notare, nascose il ciondolo che aveva distolto la sua attenzione al di sotto della bianca camicia della divisa scolastica.
    Rimase ad osservarla: sembrava talmente assorta del libro che aveva preso da pensare che quel volume, magari, fosse stregato.
    Esistevano infatti libri che incollavano il lettore alle pagine ed era impossibile smettere la lettura. Non sapeva se a Hogwarts esistessero libri del genere, ma di sicuro erano rinchiusi in qualche biblioteca nel mondo magico.
    Il Serpeverde poi tornò a leggere il suo volume sui Mollicci.*

    Sembrano avere origine ed essere mantenuti in vita dalle emozioni umane.

    *Lesse e trascrisse su una delle pergamene che si era preparato.*

    @Amelia_Smith,


  • Amelia_Smith

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 209
        Amelia_Smith
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *La giovane rossa quel giorno si era recata in biblioteca, e aveva imparato un'infinità di informazioni interessanti riguardo al Ballo del Ceppo; era così tanto assorta nel suo libro che quasi non riusciva a smettere di leggere. Normalmente non le interessavano granché le letture di quel genere, ma il volume che teneva fra le mani l'aveva talmente presa che perse quasi la cognizione del tempo. Dopo un po', non avrebbe saputo dire con precisione quanto, alzò gli occhi dalle pagine giallastre del librone. Si sentiva intorpidita... stava per tornare al suo libro, quando avvertì l'inconfondibile sensazione: le sembrava di essere osservata. Si era quasi dimenticata della presenza del Prefetto, si era quasi dimenticata della presenza di quasi ogni cosa d'altronde.
    Il suo sguardo si posò nuovamente sulle pagine, e si rese conto che l'aveva praticamente finito... aveva letto ad una velocità incredibile. Record. Divorò velocemente le ultime paginette che le mancavano, e poi decise di rimettere a posto il volume dove l'aveva trovato. Si alzò più silenziosamente che riusciva, per non disturbare l'altro studente, e poi si avventurò per la seconda volta nel labirinto di corridoi della Biblioteca; più volte sbagliò strada, ma alla fine trovò il posto giusto. Mise lì il librone, e ritornò al tavolo con un nuovo libro, questa volta sulle creature della foresta proibita. Non era mai stata un topo di biblioteca, ma tanto non aveva niente di meglio da fare... stava per sedersi, quando sul tavolo notò qualcosa che la fece sobbalzare: un ragno... aveva sempre avuto una paura incredibile dei ragni. Ce la mise tutta per non urlare, fortunatamente le uscì solo un gridolino debole e soffocato, difficilmente udibile a orecchie umane...*

    Oddio che infarto...

    *Pensò. Divenne pallida per la paura... potrebbe sembrare una reazione esagerata, ma le veniva naturale questa reazione quando vedeva un ragno o un aracnide. La bestiolina camminava lentamente, piano piano, il che la faceva diventare sempre più nervosa... finché l'animale a otto zampe si allontanò, lento, e sparì alla sua vista. Ancora spaventata, la quattordicenne si sedette, tremando leggermente, e aprì il nuovo libro, sperando di riuscire a togliersi quel grande ragno dalla mente.*

    @Zack_Plans


  • Zack_Plans

    Serpeverde Responsabile di Casa

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 1153
        Zack_Plans
    Serpeverde Responsabile di Casa
       
       

    *Lo sguardo cristallino di Zack Plans, Serpeverde del settimo anno era tornato sul libro di quel giorno. Doveva dare tutto se stesso se voleva superare i MA.G.O., esami che sostenevano gli studenti di Hogwarts all'ultimo anno di studi in quella scuola di magia.
    Erano passati ben sette anni da quando era entrato per la prima volta nella maestosa Sala Grande. I suoi genitori gli avevano raccontato tutto di quella scuola fin da quando era piccolo, ma il vederlo di persona era tutt'altra cosa. Sette anni da quando era stato smistato nella stessa casa di suo padre. Tutti quegli anni sembravano essere passati in un batter di ciglia, e nel rivedersi quasi non si riconosceva.
    Era cambiato molto, non solo esteriormente ma soprattutto interiormente.
    Era una persona nuova, la stessa persona che riuscì a captare le pagine del libro della Grifondoro essere sfogliate e il successivo sussulto di Amelia a poca distanza da lui.
    Era da quell'estate che si ritrovava a scoprire ogni volta qualcosa di nuovo della sua nuova natura. Aveva scoperto che riusciva a capitare suoni lontani, suoni che un orecchio umano non avrebbe udito, aveva scoperto di possedere una forza leggermente superiore del solito e, straordinariamente di poter essere ucciso solo con un Ardemonio.[*]
    Udì un gridolino debole e leggero perfino per i suoi sensi affini.
    Alzò di nuovo lo sguardo dal libro sui Mollicci tenendo la mano destra fissa sulla pergamena sulla quale stava scrivendo.
    Trattenne a stento una risatina.
    Una razione a suo dire esagerata per un essere così piccolo, un piccolo ragnetto che vide allontanarsi lontano ma sempre sul tavolo di legno scuro vecchio. Spostò gli occhi azzurri dalla creature a otto zampe che oramai era sparita alla ragazza appartenente alla casa fondata dal
    famigerato Godric Grifondoro.
    Notò che teneva tra le mani un libro differente dal precedente.*

    Non ha niente di meglio da fare evidentemente...

    *Pensò tra sé e sé il Prefetto di Serpeverde.
    Le sue non dovevano essere letture impegnative se in quel poco tempo che era stata li aveva già cambiato due libri. Magari si trattavano di libri non scolastici, oppure non aveva trovato ciò che cercava.
    Zack non si accorse ma la stava guardando con sguardo incuriosito.*


    [*]le caratteristiche sono prese da QUESTO TOPIC

    @Amelia_Smith,


  • Amelia_Smith

    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 209
        Amelia_Smith
    Grifondoro Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Dopo essersi riaccomodata sulla sedia e aver riaperto il nuovo libro, ancora leggermente scossa per il grande ragno che l'aveva spaventata (anche se era un aracnide di dimensioni estremamente ridotte, lei era talmente aracnofobica che l'aveva visto enorme), si mise a leggere. Non le andava più così tanto, ma non aveva niente di più interessante da fare... tanto valeva annoiarsi un po' ma imparare qualcosa di nuovo anziché annoiarsi a morte senza fare niente di niente. L'argomento trattato dal volume che aveva tra le mani l'aveva sempre interessata profondamente, ma il modo in cui lo spiegava il libro era abbastanza noioso... ma non poteva avere tutto, si sarebbe accontentata. D'altro canto, quella sera si sarebbe tenuto il Ballo del Ceppo, e sarebbe stata insieme al suo Ronald tutto il tempo, quindi per la noia non ci sarebbe stato posto; quel pomeriggio , invece era un filino meno interessante del normale. Pazienza.
    Dopo aver letto neanche due pagine si interruppe, perché avvertì nuovamente la sensazione di essere osservata. Le piaceva, quella sensazione. Forse era l'unica al mondo che la gradiva, ma in qualche modo la faceva sentire meglio, anche se non aveva mai saputo per quale santa ragione; ad ogni modo, ora la stava avvertendo quella sensazione. Si girò, né lentamente né bruscamente, e i suoi occhi azzurri si incrociarono con quelli del solitario diciassettenne, che in quel momento la stava guardando con curiosità; se ne chiese il perché. Forse gli era sembrata esagerata la sua reazione quando aveva visto il ragno. Boh.*

    Dannata aracnofobia.

    *Pensò. Ad ogni modo, ricambiò lo sguardo del ragazzo, assumendo anche lei un'espressione curiosa, più che altro perché non sapeva come mai la stesse guardando in quel modo.*

    @Zack_Plans