• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Valerie_Marconi




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Valerie_Marconi

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 83
       
       

    [VISITA UFFICIALE DI UN MEMBRO DEL CONSIGLIO DI HOGSMEADE]


    *Ormai stava calando la sera, ma Valerie aveva un compito da svolgere. Sperò che non fosse troppo tardi per presentarsi al negozio di bacchette di Hogsmeade. Il nuovo incarico affidatole le aveva fatto venire i brividi, fin da quando lo aveva ricevuto. Era entusiasta all'idea di poter aiutare, come sempre d'altronde. E fin da subito aveva avuto modo di dare il suo aiuto. La sua prima "missione" da consigliere di Hogsmeade era una visita ufficiale, per controllare che gli affari andassero bene. Si era permessa di leggere alcuni documenti precedenti sul negozio, ma era praticamentecerta che le cose da Salills andassero bene: dopotutto, le proprietarie erano i Sindaci di Hogsmeade.
    La festa da Salills di quell'anno non era andata particolarmente bene, l'afflusso di gente non era stato ottimale, nonostante il tema scelto fosse alquanto interessante. O almeno, lei riteneva che un ambiente tropicale fosse un'ottima scelta. Purtroppo, Valerie stessa non aveva potuto partecipare alla festa, con suo dispiacere, a causa di alcuni problemi familiari.*

    "Oh, ma Val, non perderti in questi futili pensieri. Sei qui per uno scopo preciso, no?"

    *Si scosse, mentre una folata di vento le colpiva le guance e le scompigliava i capelli.*



    *L'atmosfera di Hogsmeade la sera restava allegra come nel pomeriggio. Guardandosi attorno sorrise: sembrava di trovarsi all'interno di una cartolina, tra lampioni accesi, finestre illuminate e gruppi di maghi a chiacchierare e girovagare tra un pub e l'altro.
    Trovò poco dopo Salills, la sua meta. Fortunatamente era ancora aperto. Sorrise dunque spingendo la porta, mentre uno scampanellio l'accoglieva e avvertiva le proprietarie del suo arrivo.*

    E' permesso?

    *Chiese avvicinandosi al bancone, alla ricerca di Daphne o Charlotte.*

    @Charlotte_Mills, @Daphne_Harris,


  • Daphne_Harris

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 7
    Galeoni: 2095
        Daphne_Harris
    Tassorosso
       
       

    *L'orario di chiusura del negozio era sempre verso le 20 di sera, eppure Daphne si trovava ancora a sistemare bacchette e controllare alcune carte. Il negozio procedeva, anche se le sembrava con meno afflusso di gente rispetto gli anni precedenti, ma la cosa non la sconfortava, sarebbe andato per il meglio. Dopo tutto, lei e Charlotte si davano da fare per mantenere vivo quel luogo, puntando sempre al meglio, tenendolo in perfetto ordine e ben pulito. Il Sindaco più giovane andava matta per la pulizia e non smetteva di rassettare ogni volta che qualche studente, una volta terminata la ricerca della bacchetta, aveva ciò che desiderava e andava via dal negozio. Una voce irruppe nel negozio, mentre Daphne si dirigeva all'ingresso, pronta ad accogliere il nuovo arrivato, anche se il negozio aveva già chiuso. Era @Valerie_Marconi, il nuovo consigliere del Villaggio.*

    Ciao Valerie, certo che puoi entrare.

    *Accolse con un sorriso la giovane Consigliera, facendola accomodare, mentre con un gesto della bacchetta, illuminava ancora di più il locale.*

    Benvenuta da Sallis, negozio di Bacchette. Cosa posso fare per te?

    *Domandò con un sorriso alla giovane strega, sperando di poter essere di aiuto e intraprendere una conversazione interessante con la giovane, con la quale ancora, non aveva avuto modo di parlare.*

  • Valerie_Marconi

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 83
       
       

    *Daphne la fece accomodare, accogliendola calorosamente. La Consigliera la guardò con un sorriso, le guance ancora arrossate dal freddo dell'esterno.*

    Ciao Daphne, mi dispiace essere arrivata così tardi, in questo orario... Per fortuna sei ancora qui. Spero di non averti trattenuta o di averti disturbato.

    *Le disse mentre si guardava ancora attorno. Ogni cosa era perfettamente pulita ed al suo posto: di certo era uno dei negozi più impeccabili di tutta Hogsmeade, se non addirittura il più impeccabile.*

    Benvenuta da Sallis, negozio di Bacchette. Cosa posso fare per te?

    *Fece una piccola smorfietta, com'era solita fare prima di iniziare a parlare, mentre pensava a cosa dire o meglio in che maniera esporlo.*

    Come sai, in questo periodo ci sono le visite ufficiali ai negozi, per controllare come vanno gli affari in città.

    *Cominciò, per poi riprendere il suo solito sorriso.*

    E dunque, eccomi qua. Mi sono permessa di leggere qualche documento qua e là, e ho visto che i clienti sono sempre molto soddisfatti sia del servizio che degli acquisti.

    *Si concesse una pausa. In effetti, non aveva mai parlato con Daphne, ma ne aveva sempre e solo sentito parlare. Non sapeva nemmeno se darle del tu o del lei. Oh, com'era impacciata.*

    Be', in ogni caso, ho anche notato che, purtroppo, i clienti sono diminuiti... Anche alla festa di quest'anno ha partecipato poca gente. Anzi, già che sono in tema, mi scuso per non aver partecipato io stessa, ma purtroppo ho avuto dei contrattempi all'ultimo momento.

    *Finì il discorso, prima di tirare un lieve sospiro di sollievo. Era stata un po' nervosa, in realtà, di solito combinava sempre un qualche pasticcio.*

    Detto questo, direi che non ho altro da aggiungere, se non chiedendo come vanno ultimamente gli affari.

    *Aggiunse all'ultimo secondo esibendo nuovamente un sorriso caloroso.*

    @Daphne_Harris,


  • Daphne_Harris

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 7
    Galeoni: 2095
        Daphne_Harris
    Tassorosso
       
       

    *Nonostante Daphne conoscesse molta gente al castello e fuori le mura, con Valerie non aveva mai parlato. L'aveva vista diverse volte in giro per Hogwarts, ma non si erano mai conosciute direttamente. Avevano da poco preso la decisione di farla entrare al Consiglio, ma non avevano parlato ancora, poiché non si erano incontrate negli ultimi giorni al Town Hall. Il lavoro al Villaggio era sempre in aumento, la gente era i fibrillazione per la festa della Burrobirra quel fine settimana, la preparazione e l'organizzazione di tutto era molto importante, dato l'evento. Daphne sorrise alla giovane Consigliera, ascoltando le sue parole, mentre andava un attimo al bancone.*



    *I riccioli biondi le cadevano dalla morbida coda, scompigliati dopo la giornata di lavoro frenetico, non solo per il negozio, ma anche per le preparazioni, prima di girare attorno al bancone e prendere qualcosa per l'ospite.*

    Non so se hai già cenato, ma non è carino non offrirti nulla.

    *Disse gentilmente la giovane strega, spuntando da dietro il bancone con un vassoio con dei dolcini.*



    *Li adagiò sul tavolino, sedendosi nella poltroncina vicino a quella della ragazza.*

    Tengo sempre qualcosa per gli ospiti, nonostante l'orario, mi hai trovata qui... Stavo sistemando le ultime cose, niente di che, avevo appena terminato.

    *Rispose cordialmente, facendo apparire dei tovagliolini, ammirando il lavoro.*

    Il lavoro va bene, nonostante vi sia un calo di clienti rispetto l'anno precedente, ma lo comprendiamo, dato che Diagon Alley è il posto più rinomato. Qui da noi, vengono a trovarci i cittadini del Villaggio e gli studenti che hanno rotto la bacchetta e ne occorre una al più presto possibile, ma andiamo avanti.

    *Poggiandosi finalmente sullo schienale, stanca da quella tremenda giornata.*

    ---->
    @Valerie_Marconi, hotpink è il mio colore se ti serve Very Happy


  • Valerie_Marconi

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 83
       
       

    *Mentre lei parlava, Daphne si allontanò fino ad arrivare al bancone.*

    Non so se hai già cenato, ma non è carino non offrirti nulla.

    *Tornò dunque con in mano un vassoio di dolcetti colorati. Sembravano tutti molto appetitosi e a Valerie venne l'acquolina in bocca.*

    Che meraviglia! Grazie mille!

    *Esclamò entusiasta con un sorriso. Aveva un debole per i dolci e, seppur fosse riuscita a mangiare qualcosa prima di ricordarsi di dover fare la visita al negozio, c'era sempre spazio per qualcosa di zuccheroso nel suo stomaco. Era contenta di essere riuscita ad arrivare in tempo, aveva avuto l'incarico di Consigliera da poco ma voleva svolgere quell'incarico al meglio. Dopotutto, se gliel'avevano offerto era perchè si fidavano di lei, no? Le dispiaceva solo trattenere ancora Daphne, che era ovviamente spossata dopo la giornata di lavoro. Meno clienti o no, il lavoro era lavoro, e la stanchezza non tardava mai a farsi sentire.
    La donna fece apparire dei tovagliolini mentre parlava, e Valerie annuì più volte mentre prendeva un tovagliolino e vi adagiava sopra uno di quei dolcetti invitanti, scegliendone uno giallo, che la ispirava molto.*

    Sì, capisco cosa intendi.

    *Commentò annuendo ancora una volta.*

    Soprattutto i nuovi alunni approfittano del fatto di dover andare a comprare il materiale necessario a Diagon Alley. Ma l'importante è che gli affari non stiano precipitando, no?

    *Mise in risalto il lato buono. Era piuttosto ottimista, quindi cercava sempre la parte migliore delle situazioni.*

    Sono sempre tutti molto soddisfatti, quindi se avranno bisogno di una bacchetta torneranno di certo.

    *Terminò con un sorriso prima di addentare il dolcetto, che la stava chiamando fin da quando Daphne aveva estratto il vassoio. Un'esplosione di sapore le inondò la bocca, mentre l'aspro del limone si contrapponeva al dolce dello zucchero.*

    "Mm, è delizioso!"

    *Pensò prima di ingoiare il boccone e sorridere al Sindaco.*

    Ora capisco perchè sono tutti molto contenti, questi dolcetti sono ottimi!

    *Si complimentò prima di prenderne un altro morso.*


    --->
    @Daphne_Harris, grazie mille, sì mi serviva proprio xD


  • Daphne_Harris

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 7
    Galeoni: 2095
        Daphne_Harris
    Tassorosso
       
       

    *Daphne Harris era stata molto accogliente e ospitale con tutti, ma con @Valerie_Marconi, si sentiva di esserlo in modo particolare. Non sapeva bene perché, ma qualcosa la spingeva a farla sentire a casa. Le era sembrata una tipa simpatica, fin dal primo secondo in cui l'aveva vista mettere piede dentro il negozio, di certo lo era, ma non ne aveva ancora avuto modo di conoscerla per bene.*

    Dopotutto, dovremmo collaborare molte volte anche al Consiglio...

    *Pensò la giovane Sindaco, sistemando un ricciolo caduto dalla coda morbida, fatta a fine giornata per essere più pratica, non tenendoli dinanzi agli occhi, che dondolavano, sfiorandole il viso, solleticandolo. I pasticcini che aveva offerto alla Serpeverde, erano di suo gradimento e Daphne non poté che annuire, prendendone uno rosa anche lei, con crema alla fragola e frutti di bosco, una vecchia ricetta della sua bis nonna, tramandata di generazione in generazione, fino ad essere arrivata anche a lei, appresa di nascosto, dato il rapporto distante con la madre, spaventata dai suoi poteri. Ne morse un pezzetto, ascoltando il discorso della giovane Consigliera, molto comprensiva e ottimista, come lo erano anche Daphne e Charlotte. Il negozio infatti, non andava male, solo che era un po' più difficile vendere al Villaggio, poiché tutti si recano a Diagon Alley, con le spese iniziali. Inghiottì il suo pasticcino rosa, prima di sorridere alla frase di Valerie.*

    Già! Vecchie ricette di famiglia.

    *Esclamò entusiasta la Tassorosso, prima di continuare.*

    A volte la gente viene qui, anche solo per un pasticcino, o per la nostra compagnia!

    *Era felice di poter dire, che nonostante gli affari andavano discretamente, quel posto era pur sempre molto conosciuto.*

    Ma adesso dimmi, che ti offro da bere con questi pasticcini?

    *Domandò Daphne, pensando a cosa potesse offrire alla sua ospite.*

    Tea, succo di zucca o magari caffè! Una bevanda babbana, non so se la conosci...

    *Aggiunse un po' perplessa. Dopotutto era una Serpeverde, non sapeva se provava disprezzo per le cose non da maghi. Non sapeva nemmeno che pensava di lei, una Nata Babbana per giunta. Si limitò ad attendere una risposta, non aggiungendo altro. Chissà, magari aveva voglia di conoscere cose nuove.*

  • Valerie_Marconi

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 83
       
       

    Già! Vecchie ricette di famiglia.

    *Le spiegò con un sorriso dopo aver preso un dolcetto rosa ed averlo morso. Be', in effetti, le ricette migliori provenivano dal passato, quando tutto veniva fatto grazie al duro lavoro e non con tutti i macchinari che i Babbani avevano inventato. Quando il Nottetempo non era ancora stato inventato e si utilizzavano scope e Polvere Volante, insomma. Uno dei periodi nei quali le sarebbe piaciuto vivere.*

    A volte la gente viene qui, anche solo per un pasticcino, o per la nostra compagnia!

    *Continuò Daphne, allegra. Fortunatamente, le persone continuavano a frequentare il negozio, e di questo non ci si poteva che rallegrare. L'ospitalità di Daphne si mostrò, se possibile, ancora più di quanta Valerie pensasse. Il Sindaco le offrì infatti anche da bere, iniziando ad elencare alcune bevande che poteva portarle, nominando anche il caffè. Sembrava che dubitasse della sua conoscenza dell'infuso, e aveva anche tutte le ragioni per pensarlo. In realtà, avendo lontani parenti in Italia, come suggeriva il suo cognome, conosceva il caffè e l'aveva anche già assaggiato, con pessimi risultati: non sopportava affatto l'amaro, e non aveva mai assaggiato nulla di più amaro del caffè. Ogni tanto, quando doveva restare sveglia fino a tardi, ne prendeva una tazza, ma probabilmente c'era più zucchero che caffeina.
    Con un sorriso, annuì, prima di spiegarle*

    Sì, la conosco, ma è troppo amara per i miei gusti.

    *Decise dunque di optare per un'altra bevanda perchè, nonostante adorasse lo zucchero, le faceva venire sempre una gran sete.*

    Accetto volentieri una tazza di tea, grazie mille.

    *Osservò per un attimo la donna che le stava davanti: non si era ancora soffermata a studiare Daphne Harris, come in realtà faceva solitamente con tutte le persone, ed era come sempre curiosa di conoscere qualcosa delle persone con cui era a contatto. A maggior ragione se avrebbero dovuto lavorare insieme e collaborare, come sarebbe accaduto da quel momento in poi.*

    @Daphne_Harris,


  • Daphne_Harris

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 7
    Galeoni: 2095
        Daphne_Harris
    Tassorosso
       
       

    *Il pasticcino rosa finì, mentre Daphne asciugava le labbra, ascoltando Valerie. Le piaceva la sua compagnia: era diversa. Strano da dire, ma ascoltando il suo rapporto con il caffè, la sua cordialità, il suo sorriso, le fece capire che non era una Serpina qualunque. Aveva qualcosa, una luce, che forse vedeva solo la Tassorosso, ma che le dava la sensazione di avere davanti a sé, una persona di cui poteva fidarsi. Non sapeva come mai, ma era quello che le si mostrava davanti. Era aperta al rapporto con una Nata Babbana come lei, o lo faceva solo per semplice e puro rispetto nei confronti del Sindaco del Villaggio? Magari pensava, che se non fosse divenuta sindaco, non avesse mai avuto quella specie di "popolarità".
    Valerie accettò volentieri del tea, ma abbandonare la sua ospite non era molto carino, per cui, con la bacchetta alla mano, si concentrò così tanto, da far mettere il bollitore sul fuoco, attendendo il suo fischio.*

    Ottimo, lo sto preparando.

    *Sorrise alla giovane Serperverde, prendendo un pasticcino azzurro, il colore che le ricordava Alex, il suo ragazzo. Certo, lui adorava il blu, ma era più o meno della stessa famiglia dei blu. Lo osservò per un'istante, pensando a quanto fosse cambiato il suo presente, prima di mangiarne un pezzettino: zucchero filato e more, ecco il gusto particolare di quel pasticcino. Lo deglutì, sentendo pochi minuti dopo il fischio della teiera.*

    Bene! Il tea è pronto. Dimmi...

    *Lasciò per un attimo la frase a metà, preparando il vassoio, con le tazzine, la teiera, la zuccheriera e il bricco del latte, non si poteva mai sapere.*

    Tu che ne pensi del Villaggio?

    *Il vassoio era pronto, così un movimento della bacchetta, il vassoio stava giungendo al tavolinetto fluttuando, lentamente, adagiandosi piano, prima che del tea si versasse nella tazzine.*



    Un po' di latte?

    *Chiese ancora alla giovane, prendendosene un po', mettendosi dello zucchero, provando una magia che l'aveva sempre divertita: mescolare lo zucchero, muovendo il cucchiaino con la magia.*

    @Valerie_Marconi,


  • Valerie_Marconi

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 83
       
       

    *Daphne Harris. Sindaco di Hogsmeade, professoressa di Cura delle Creature Magiche, proprietaria di Salills e fidanzata del suo migliore amico, Alexander Foster. Non li aveva mai visti insieme, in realtà, ed anzi era strano che si conoscessero per una visita ufficiale. Biondi e ricci capelli, occhi azzurri e intensi. Sembrava una donna volenterosa di fare e di aiutare, disponibile ed educata. Non se la sarebbe vista all'interno di una rissa, anzi, appariva più come una bambola da restare ad osservare in silenzio. Di certo, Daphne era una donna molto bella. Le sarebbe piaciuto conoscerla meglio, capire di più di lei e anche vederla in azione, con la bacchetta alla mano, magari in mezzo a un pericolo. Più che altro, per curiosità di sapere come si sarebbe comportata, quali incantesimi avrebbe lanciato, con che rapidità.*

    Ottimo, lo sto preparando.

    *A quelle parole non seppe trattenere l'espressione di stupore che, per pochi attimi, si mostrò sul suo volto. In un certo senso, il suo precedente desiderio si era avverato, dato che stava a tutti gli effetti esercitando la magia.
    Fu costretta dalla ragione a riprendersi e a ritrovare il sorriso: la Tassorosso era una donna adulta, e di certo era molto più esperta e capace di lei. Spesso se lo dimenticava, ma aveva davanti a sè ancora molta strada da fare. E la sua prossima tappa sarebbero stati i G.U.F.O. Per un attimo rabbrividì: ci pensava spesso all'avvicinarsi degli esami, ma il suo cervello non riusciva a realizzare quanto fossero vicini. Si trattava sempre dell'anno dopo.
    Si scosse da quei pensieri servendosi di un altro pasticcino: sembravano crearle dipendenza, ma erano talmente buoni...
    Ne scelse uno colorato di rosa, per provarne il gusto, e lo mordicchiò, mentre il fischio della teiera iniziò ad allarmare il Sindaco che il tea era pronto.*

    "Crema alla fragola e frutti di bosco!"

    *Pensò compiaciuta prima di ascoltare la domanda della donna ed ingoiare il boccone.*

    Tu che ne pensi del Villaggio?

    Be', in realtà io lo adoro. E' uno dei pochi luoghi dove i maghi e le streghe non devono nascondersi, oltre a Hogwarts e a Diagon Alley. Inoltre, ci sono sempre molte attività da svolgere... Ci sono negozi, bar, feste. E il panorama è meraviglioso, soprattuto d'inverno. Sembra di essere all'interno di una cartolina...

    *Disse sorridendo. Le piaceva molto Hogsmeade, era un centro di tranquillità, molto diversa dalla caotica Londra. Era un luogo dove ristorarsi, dove respirare a pieni polmoni e prendere un sorspiro di sollievo. Per quello agli studenti piaceva tanto, così come attirava maghi e streghe: era un sollievo dal lavoro e dallo studio, una piccola oasi magica.*

    "Mancherebbero solo delle terme."

    *Pensò con un sorriso. Non era nemmeno un'idea così brutta, delle terme ad Hogsmeade.*

    "Ci potrei fare un pensierino."

    *Si disse.
    Nel frattempo, Daphne aveva portato con un colpo di bacchetta un vassoio e delle tazzine, dal colore rosa intenso. Le sorrise, prima di rispondere alla sua domanda.*

    Sì, grazie mille.

    *Adorava il cloudy milk, il "latte nuvoloso". Soprattutto se accompagnato dai dolcetti.*

    @Daphne_Harris,


  • Daphne_Harris

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 7
    Galeoni: 2095
        Daphne_Harris
    Tassorosso
       
       

    *Daphne aveva finito di mescolare il tea, ascoltando la Consigliera di Serpeverde @Valerie_Marconi, descrivere com'era per lei il Villaggio. Di certo si trovava concorde con lei, sotto molti punti di vista. Hogsmeade era un luogo molto tranquillo, nonostante il numero di maghi e streghe che vi venivano spesso a fare compere, o anche solo per incontrarsi con amici, o per una burrobirra ai Tre Manici di Scopa. Daphne adorava la sua cittadella, così la definiva ormai, luogo in cui aveva conosciuto Alex, con il quale adesso avevano preso anche casa, condividendo le loro vite. Essendo una Nata Babbana, aveva avuto molti problemi nella sua infanzia, la solitudine a causa della sua magia era il motivo principale. Tutti temevano la sua capacità di spostare libri, o di difendersi con il suo scudo magico invisibile ai Babbani, ma di colore argenteo ai maghi. I genitori assunsero un'insegnante privato e lei trascorse la sua vita in solitudine, lontana dai bambini, con la sua famiglia sempre impegnata nel lavoro. Con il tempo iniziò a dare un senso ai suoi poteri, usandoli di nascosto, cercando di controllarli, leggendo qualche favola Babbana dove spuntavano le fate o i maghi, anche se non riusciva in tutto, dopo tutto, non aveva una bacchetta come vi era scritto dei libri. Era rimasta stupida quando la Preside era andata in casa sua con la lettera, per frequentare una scuola di Magia, la più famosa del Regno Unito. I suoi genitori accettarono, ma non aveva mai capito, se per la paura di tenerla ancora in casa, o per farle controllare davvero i poteri, dato che non volevano li utilizzasse. Se aveva scelto casa ad Hogsmeade, non era solo per stare vicina alla scuola, ad Alex, al suo lavoro, ma anche perché non voleva tornare tra i Babbani. Dopo che aveva appreso l'incantesimo della cancellazione della memoria, aveva tolto i ricordi di lei a tutti quelli che si erano spaventati di lei, di quello che faceva. Solo la sua famiglia era a conoscenza di quello che sapeva fare, anche se non l'aveva più vista usare magie. Se c'era una cosa che adorava di Valerie, era la sua spontaneità. Era molto schietta e sincera e di certo se qualcosa al Villaggio non le piaceva, l'avrebbe sicuramente detto.*

    Sarà un'ottima Consigliera.

    *Pensò con un sorriso Daphne, prendendo la tazzina, bevendone un sorso: era delizioso.*

    Sai, hai perfettamente ragione.

    *Ammise il Sindaco più giovane, restando un solo istante in silenzio, osservando la sua tazzina, pochi secondi e poi posare lo sguardo sulla ragazza.*

    Il Villaggio è la cosa più bella per me, dopo la scuola ovviamente. Hogwarts è la mia prima vera casa, non posso metterla dopo Hogsmeade.

    *Spiegò con un sorriso, respirando un po' più a fondo.*

    Il Villaggio è il luogo magico per eccezione, dove possiamo essere quello che siamo, senza temere il giudizio altrui, senza temere di commettere errori, perché tanto qui siamo tra noi, una grande famiglia, possiamo rimettere tutto al posto con un colpo di bacchetta senza farci problemi.

    *Forse si stava esponendo, magari avrebbe anche capito qualcosa di lei, per cui cercò di concludere senza dare troppo nell'occhio, cambiando l'argomento, in modo molto delicato.*

    Che cosa potremmo migliorare al Villaggio, sai, i consigli sono molto graditi.

    *Sorrise di nuovo, sperando di non aver parlato troppo. Voleva avere un buon rapporto con tutti, soprattutto con chi doveva collaborare.*

  • Valerie_Marconi

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 83
       
       

    *Mentre prendeva la tazzina e vi versava zucchero e latte, Daphne le diede ragione, con un sorriso sulle labbra, aggiungendo alcuni suoi pensieri che, in parte, soddisfavano la sua sete di curiosità. L'ascoltò mentre osservava l'effetto del latte nel tea: nuvole, nuvole informi che si muovevano dentro una tazzina. Adorava quell'effetto: era come avere un mondo intero dentro quel piccolo contenitore di ceramica.*



    *Se Divinazione le fosse piaciuta, probabilmente avrebbe pensato che sarebbe stato un buon espediente per vedere il futuro. Ma dato che trovava inutile cercare il futuro nelle foglie di tea e credeva che ognuno potesse scrivere il proprio destino, l'idea del mondo dentro una tazzina era data più dalle sue manie di grandezza, dal poter credere di avere il mondo tra le mani.
    Annuì con un sorriso, mescolando il tea e dissolvendo le nuvole, quando la giovane donna pose Hogwarts come prima casa. La scuola era per tutti il primo vero luogo dove sentirsi davvero pienamente accettati. Forse, per chi come lei era nato Purosangue, era sentito meno, ma per gli altri doveva certamente essere così. Lo sentiva anche lei: Hogwarts era il luogo dove passava più tempo, dove aveva amici simili a lei. Erano un po' tutti fratelli, lì dentro. E come non ci si poteva sentire a casa in un posto dove tutti avevano la stessa caratteristica in comune, l'abilità di usare la magia?
    Capiva quindi perfettamente cosa intendeva Daphne e lo condivideva appieno. Probabilmente, visto il modo in cui l'aveva espresso, lei non era Purosangue...*

    "Chi se ne importa, sembra proprio una bravissima persona."

    *Si disse portando la tazzina alle labbra e bagnandosele mentre prendeva un sorso di tea, per poi sorridere. Era buonissimo, ancora una volta.*

    Se non potessi dire la mia opinione e non credessi di avere nuove idee, non avrei dovuto accettare l'incarico di Consigliera.

    *Rispose con un sorriso.*

    @Daphne_Harris,


  • Daphne_Harris

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 7
    Galeoni: 2095
        Daphne_Harris
    Tassorosso
       
       

    *Un'altro sorso di tea, un pasticcino, una chiacchierata: ecco cosa era bastato a Daphne per sentirsi meglio. Era stata una giornata stressante, non aveva fatto altro che organizzare al meglio l'evento di Sabato con Charlotte, gestendo il negozio e le loro questioni private. Del resto, la giovane Sindaco, si era da poco trasferita in una casa al Villaggio di Hogsmeade, presa insieme al suo ragazzo e, nonostante fosse arredata, il trasporto delle loro cose era avvenuto nel giro di giorni, ampliando gli armadi con l'Incantesimo Estensivo irriconoscibile, per fare entrare i vestiti della giovane. Alex era rimasto senza parole quando aveva visto le sue cose, ma aveva comprato molti abiti, soprattutto quell'estate per le numerose feste al Villaggio, considerando che a breve, doveva comprare quello per il suo compleanno e per la festa a scuola. Il Corvonero di certo, le avrebbe detto che non ve ne era motivo, dato che l'armadio, sarebbe stato stracolmo, se non fosse stato per la magia. Ringraziava i suoi poteri, quando riusciva a fare questo genere di cose, perché se fosse stata una babbana, le sarebbero servite due camere enormi!
    Valerie prese un'altro pasticcino, gustandolo anche lei, Daphne sorrise, felice che fossero sempre molto graditi. Osservò la sua bacchetta, pensando a quanto erano cresciute insieme.*




    Legno di Acero, 12'', cuore di piuma di Ippogrifo.


    *Era la sua fedele amica, compagna di avventure, l'oggetto che l'aveva resa più magica. A 11, quando l'aveva tenuta per la prima volta tra le mani, si era sentita le farfalle allo stomaco, come se si fossero innamorate, l'una dell'altra, per questo aveva accettato di lavorare al negozio con Charlotte, quando lei gli e lo chiese, solo l'anno prima. Accidenti, era trascorso un anno e quante cose erano cambiate al Villaggio. Era sempre più magico, più ricco, affollato anche, ma pur sempre il luogo migliore dove stare soli, o in compagnia.*

    Già, per questo ti abbiamo scelta.

    *Rispose Daphne, tornando a guardare Valerie, perché era felice, che lei e Charlotte, avessero fatto un'ottima scelta. Il Consiglio era cambiato più e più volte da quando era divenuta prima Consigliera e poi Sindaco, ma adesso, sembrava finalmente che l'ordine si fosse stabilito, la pace tornata al Town Hall.*

    Se non ti ritenevamo una persona in gamba e ricca di idee, nemmeno ti avremmo nominata noi. La scelta prima di tutti è la nostra, per il bene del Villaggio e di coloro che vi abitano.

    *Disse semplicemente la ragazza, bevendo un'altro sorso di tea.*

    @Valerie_Marconi,


  • Valerie_Marconi

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 83
       
       

    Già, per questo ti abbiamo scelta.

    *Un gran sorriso, più grande ancora dei precedenti, dominò per qualche attimo il suo viso. Era molto onorata di essere stata anche solo pensata per un incarico simile. Alla fine, era quello che voleva, no? Essere una grande strega, rispettata da tutti. E questa fiducia nei suoi confronti, quest'incarico affidatole, la faceva sentire in qualche modo più vicina al suo obbiettivo.*

    "E se un giorno realizzassi davvero il mio sogno... Cosa desidererei allora?"

    *In realtà, non si era mai posta quel quesito. Era sempre stata convinta che ci sarebbe riuscita e sarebbe diventata una grande strega... ma dopo? Cosa sarebbe successo dopo, nel suo futuro? Era ancora una ragazzina così sconsiderata? Sembrava proprio di sì. Forse, non era cresciuta così tanto negli ultimi anni, o almeno non quanto credeva.
    Ma era davvero quello il luogo e il momento di pensarci? No, no di certo. Non doveva farsi abbattere da quella domanda, perchè di tempo per rispondere ce ne sarebbe stato ancora molto. Era solo agli inizi del suo cammino verso la grandezza.
    Si scollò dunque di dosso quel senso di scoraggiamento, sorseggiando il suo tea e mangiando quei deliziosi pasticcini. Quanti ne aveva mangiati? Ormai aveva perso il conto. Non voleva sembrare un'approfitatrice, dunque decise, seppur a malincuore, che non avrebbe più preso nemmeno uno di quei dolcetti. Più che altro perchè non era andata lì con l'intento di mangiare "a scrocco", e voleva che quel brutto pensiero sui suoi confronti non passasse nemmeno per la testa del Sindaco.*

    Spero di essere all'altezza delle vostre aspettative.

    *Rispose sorridendo a una delle due proprietarie di Salills.*

    @Daphne_Harris,


  • Daphne_Harris

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 7
    Galeoni: 2095
        Daphne_Harris
    Tassorosso
       
       

    *Daphne si stava godendo quella serata. La compagnia di @Valerie_Marconi, la nuova Consigliera del Villaggio di Hogsmeade. Una ragazza sorridente, intraprendente, cortese. Tutto sembrava adatto a quella corversazione, a quel momento nuovo, a quella nuova conoscenza, e chissà, magari ad una nuova amicizia. Se c'era una cosa che Daphne riusciva a fare, era stare in buoni rapporti con tutti, o almeno quasi. Non adorava le risse, nemmeno fare la cattiva, ma questo non voleva dire che non ne era in grado. Ripensandoci, lei aveva avuto due duelli, a colpi di bacchetta, con colpi di scena, nonostante fossero persone con le quali era parecchio unite, a causa di stupidi disguidi. Certo, tutto era andato per il meglio dopo e lei aveva ripreso i buoni rapporti, ma molti non la ritenevano una ragazza che potesse essere in grado di fare del male. Il bello di lei, la cosa che la faceva anche molto sorridere, era che poteva essere il suo effetto sorpresa: il suo volto da angelo, i riccioli biondi con alcuni riflessi castano chiaro, gli occhi azzurri come il cielo.. Nessuno si aspettava nulla da lei, eppure era in grado di sapersi difendere molto bene. Voleva riprendere tanto il suo E.S. fondato con Alyssa, ma lei non la vedeva più come prima ed era in cerca di qualcuno a cui o cedere il suo operato, o qualcuno con cui collaborare. Voleva chiedere al suo ragazzo, ma non avrebbe preso di certo da solo le redini, anzi, le avrebbe chiesto di restare con lui. Sorseggiò un'altro goccio di tea, ascoltando le parole della giovane Serpeverde, che senza alcun pregiudizio, stava comodamente sulla sua poltrona, bevendo, mangiando e chiacchierando con lei, una Nata Babbana. Era felice che non avesse nulla al contrario, anche se non sapeva in realtà, la sua discendenza, cosa che non riteneva molto importante da dire a prima volta che parlavano. E poi, a pensarci, forse aveva capito o intuito qualcosa prima, dopo quello che aveva detto.*

    Si che lo sarai. Andrà tutto bene.

    *Incoraggiò la nuova Consigliera, la quale era certa, avrebbe fatto un buon lavoro, anzi, ottimo. Era molto brava, come lo erano anche gli altri, altrimenti non sarebbero nemmeno stati nominati. Con un sorriso cortese, la giovane assaporò un'altro goccio di tea, ma non sapeva che dirle, poiché voleva cacciare via le formalità, ma lei, che ne avrebbe pensato? Forse era ancora troppo presto? L'avrebbe respinta? Si faceva troppi problemi forse, ma non la conosceva, quindi tutto era possibile e ogni scusa, molto plausibile.*


Vai a pagina 1, 2  Successivo