• Klaus_Skett

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 7
    Galeoni: 130
        Klaus_Skett
    Grifondoro
       
       



    Era un’uggiosa mattinata di Aprile: una leggera pioggia batteva incessante sui vetri del castello mentre gli studenti, raccolti in Sala Grande per la colazione, discutevano animatamente sulle lezioni del giorno.
    In quella giornata, avrebbero trascorso un'ora sul campo da Quidditch dove ad istruirli ci sarebbe stato, il giovane docente di Volo, Klaus Skett, arrivato a inizio anno per occupare la cattedra di quella interessante materia.
    Il giovane professore, era nel suo ufficio a controllare le ultime cose prima della lezione. Era seduto sulla poltrona di pelle nera, accanto alla cattedra vi era un‘enorme libreria in stile barocco che conteneva una miriade di libri riguardanti varie branche del Volo.
    Il giovane docente guardò il suo orologio da taschino e con passo frettoloso e agitato uscì dal suo ufficio per dirigersi verso il luogo dove, entro pochi minuti, sarebbero arrivati tutti gli studenti.
    Le nuvole nere si separarono e i raggi del sole divennero sempre più caldi.
    Poiché il grande prato si era asciugato, il giovane insegnante decise che i suoi allievi avrebbero seguito la lezione all'aperto, quindi, grazie a un incantesimo di Appello, posizionò sull’esteso terreno erboso tavoli e sedie in attesa dell’arrivo dei suoi giovani scolari.
    Il rintocco della torre segnò l’inizio delle lezioni e molti ragazzi iniziavano ad incamminarsi verso il campo. Studenti di tutte le età arrivarono e iniziavano a sedersi pronti a seguire la lezione. Il professore fece comparire sui tavoli di tutti i ragazzi un una copia del famosissimo saggio intitolato "Il Quiddich attraverso i secoli".



    “Buon giorno ragazzi, vedo che anche oggi siete molto numerosi. Quel libro che vi trovate davanti, è un mio piccolo regalo per voi che siete studenti da ammirare per la vostra prontezza nel rispondere alle domande e bravura nel fare i compiti. Non c’è altro da aggiungere prima di iniziare la lezione, adesso fuori piume d’oca e inchiostro perché si inizia.”

    Disse il giovane docente salutando gli studenti, quindi, alzò lo sguardo verso il cielo e iniziò a spiegare.

    “Come dovreste sapere, i mezzi magici usati da noi maghi sono molti e di diverse dimensioni. Qualcuno di voi sa elencarmi tutti i tipi di mezzi magici usati per spostarsi da un luogo ad un’altro?”

    La mano di una ragazza del settimo anno, appartenente alla casate di Tassorosso si alzò e il professore con un cenno del capo diede il permesso di rispondere alla domanda.

    “Esistono diversi tipi di mezzi magici usati per viaggiare: abbiamo la scopa, la macchina, la motocicletta, l’Armadio Svanitore, l’Hogwarts Express, la Metropolvere, il Nottetempo, la Passaporta, il tappeto volante ed infine il metodo della smaterializzazione.”

    Klaus guardò con aria soddisfatta e, iniziando a camminare fra i tavoli, riprese a spiegare.

    “Bravissima signorina Harris. Dieci punti alla casata di Tosca Tassorosso per una risposta precisa e ben argomentata.”

    La ragazzina sorrise perché felice dei punti aggiunti alla sua casata e il professore, con passo lento si avvicinò alla studentessa e le diede una cioccorana come regalo.

    “Bene, dopo aver ringraziato la vostra compagna, possiamo continuare la lezione analizzando dettagliatamente le peculiarità dei mezzi magici capaci di volare perché, se dovessi parlare di tutti gli oggetti menzionati dalla signorina Harris, sembrerebbe che stessi sconfinando nelle competenze della collega di Babbanologia e ciò non sarebbe né corretto né opportuno. Ma andiamo con ordine.
    Come ho spiegato nella nostra prima lezione, le scope volanti sono i mezzi di trasporto più usati da maghi e streghe. Esistono svariati modelli di scope volanti le ditte più famose sono di certo la Cleansweep Broom Company, Comet Trading Company, la Ellerby and Spudmore e la Nimbus Racing Broom Company. Fra gli svariati modelli di scope, tutte quelle le Ceansweep e le Comet sono molto affidabili e diffusi fra maghi e streghe di ogni età ma, in ambito agonistico, le migliori per manovrabilità e velocità, sono senza dubbio i modelli sportivi Nimbus 2000, Nimbus 2001 e Firebolt. Naturalmente, qualsiasi scopa, dalla più potente alla più scarsa, necessita di cure regolari per mantenere una buona funzionalità e sicurezza... qualcuno di voi sa dirmi cosa si usa per la cura e manutenzione delle scope?"


    La mano di un giovane studente appartenente alla casata dei Serpreverde si alzò e Klaus con un movimento del capo diede il permesso di parlare.

    “Per curare un manico di scope troviamo in commercio diversi kit che contengono creme per la lucidatura, il migliore è il Quercine, che viene usato sui manici di lusso, piccole forbici per la cura della coda una piccola bussola di ottone che si può attaccare al manico durante lunghi viaggi e un manuale fai-da-te intitolato “La manutenzione dei manici di scope" che spiega anche ai maghi più inesperti le nozioni base.”

    Klaus annuì soddisfatto, continuando a camminare fra i banchi.

    "Ottima risposta, cinque punti alla casata di Serpeverde.
    Quando si inforca una scopa volante, è di fondamentale importanza viaggiare con prudenza, cercando di non farsi vedere dai Babbani, perciò è pratica comune applicare ai manici l’Incantesimo di Disillusione, grazie al quale, guardandoli da terra, un osservatore scorgerebbe solo un luccichio indistinto che potrebbe scambiare per uno scherzo della luce oppure per un difetto di vista.
    Per lo stesso motivo, oggi le squadre di Quidditch non giocano in aree abitate dai Babbani, bensì in appositi campi allestiti dal Dipartimento per i Giochi e gli Sport Magici, dove vengono garantite adeguate misure anti-Babbani, quindi, come suggerì Zacharias Mumps seicento anni fa."


    Il professor Skett fece una breve pausa per accertarsi che tutti annotassero quell'importante nozione, quindi, proseguì.

    "Per quanto concerne gli altri mezzi di trasporto menzionati dalla signorina Harris alcuni di essi sono di uso comuni fra i maghi , mentre altri, come la macchina volante e la motocicletta incantata sono state ideate e usate da pochi, talvolta da un solo stregone. Per esempio, la prima auto volante è stata creata da Arthur Weasley, padre dell' amico del Signor Potter, Ronald Weasley.Come dovreste sapere, incantare un oggetto babbano è estremamente illegale, e lo è di conseguenza l'auto volante. Il signor Weasley, che lavorò all'Ufficio per l'Uso Improprio dei Manufatti dei Babbani al Ministero della Magia, ne era perfettamente cosciente, ma a quanto pare non se ne interessò affatto, anche se fu proprio lui a fare quella legge.”

    Il professor Skett mostrò ai ragazzi una magifoto raffigurante l'insolito mezzo di trasporto che, dopo il devastante scontro con il Platano Picchiatore e l'avventura nella Foresta proibita, era stata recuperata e restaurata.



    "Comunque, benché ciò il Signor Weasley fece fu al limite della legalità, è evidente che debba aver usato uno o più incantesimi per far sì che il mezzo babbano acquistasse caratteristiche che non gli erano proprie, come, appunto, quella di potersi librare in volo non perdendo, naturalmente, la caratteristica che la contraddistingue, ossia quella di poter correre su strada. Forse per potersi muovere indisturbato fra i Babbani che tanto amava o forse per provare l'ebbrezza di viaggiare come un non mago. Comunque sia, e per questo bisogno riconoscere il merito all'ingegnoso mago, pensò di munire la propria macchina volante di un un particolare sistema, detto Invisibility Booster, che la rendesse invisibile agli occhi dei Babbani. Infine, stregò anche l'interno della Ford Anglia per fare in modo che potesse ospitare tutta la sua numerosa famiglia, ben otto persone e tre famigli.”


    Mentre spiegava, l'insegnante continuava a camminare fra i banchi.

    "Secondo alcuni manoscritti molto antichi, nel XV secolo, da alcuni fabbricanti di scope magiche pensarono di costruire una struttura in legno capace di sopportare il peso di cinque o sei persone, in modo che acquistandone uno di questi curiosi artefatti, una famiglia sarebbe riuscita a viaggiare senza l’ausilio di molti mezzi.
    Questi mezzi magici vennero poi tolti dal mercato, perché nel 1994, venne creata la Bluebottle, scopa non adatta al Quiddich ma ideale per il trasporto multiplo perché molto ampia e confortevole, inoltre dotata di antifurto."


    Il professore si fermò per qualche minuto in attesa che tutti i ragazzi finissero di scrivere gli appunti e, dopo aver bevuto un sorso d’acqua dalla bottiglietta che aveva sempre con se, continuò, mostrando agli studenti un'altra magifoto.


    “Un discorso analogo può essere fatto per la motocicletta di Sirius Black, che è un caso più unico che raro. La sua esistenza è testimoniata nell'accurata biografia di Harry Potter scritta dalla famosa strega J. K. Rowling, in cui si narra che il custode di Hogwarts, Hagrid, usò quest’oggetto magico almeno due volte: la prima, per portare Harry Potter ancora neonato al numero quattro di Privet Drive, la seconda, quando scortò, di nuovo, Harry, ormai maggiorenne, dalla casa dei suoi zii babbani fino alla tana della famiglia Weasley. Questo oggetto è stregato in diversi: infatti, non solo è in grado di volare ma ha anche alcuni sistemi molto... ehm, sofisticati per ostacolare possibili inseguitori. Per esempio, è in grado di espellere dal tubo di scappamento un muro di mattoni, una rete o del fuoco di drago che, oltre a incenerire tutto ciò che si trova nel raggio di alcuni metri, imprime alla motocicletta una fortissima accelerazione.”

    La lezione venne interrotta dall’alzata di mano di una giovane ragazza dalla giacca blu-bronzo. Klaus fece un gesto con il capo e le diede il permesso di parlare.

    “Professore mi scusi, posso porle una domanda? Lei ci darà anche la possibilità di usare questi meravigliosi mezzi? Perché sarebbe una cosa favolosa.”


    L'insegnante guardò la studentessa con un piccolo sorriso stampato sul viso e dopo aver posato alcuni documenti nella sua borsa rispose.

    “Signorina Kensington mi dispiace ma il mio compito è quello di istruirvi su come sono formati questi mezzi magici e su come funzionano. Io vi insegnerò nelle prossime lezioni a volare usando soltanto come mezzo la scopa.”

    Klaus prese un’altra magifoto e la fece levitare in aria in modo che tutti potessero vederla.



    “Infine, troviamo il tappeto volante che è un oggetto molto diffuso in Oriente ma è difficile trovarne uno in Europa perché in molti Paesi, fra cui la Gran Bretagna questo mezzo di trasporto alternativo è stato bandito. Ma dovete sapere che non è sempre stato così: infatti, i tappeti volanti una volta erano un mezzo di trasporto accettato nella comunità magica del Regno Unito, pensate che anche il nonno di Barthy Crouch Senior ne possedeva uno a dodici posti prima che diventassero illegali perché classificati "Artefatti Babbani Non Incantabili". Di solito sono dei tappeti spessi, molto decorati e prodotti artigianalmente in Asia e Medio Oriente, India, Pakistan, Bangladesh, Iran e Mongolia sono fra i maggiori produttori ed esportatori. L'ovvio vantaggio dei tappeti sulle scope è che ci si può sedere in più persone e sono senza dubbio più confortevoli e possono affrontare viaggi più lunghi.
    Un mercante di nome Ali Bashir decise di esportare questi artefatti in Gran Bretagna e si ingegnò per rendere i tappeti magici difficilmente rintracciabili dai Babbani, a tale scopo, grazie l’ausilio di speciali incantesimi,ne creò uno invisibile e fece sì che alcuni di essi potessero trasformarsi in diversi arnesi da cucina simili a quelli babbani,che non destassero alcun sospetto nei non-maghi.”


    Il professore si fermò per controllare che tutti i suoi studenti stessero scrivendo gli ultimi appunti, poi, fece comparire con un colpo di bacchetta una pergamena su ogni banco con scritto i compiti che avrebbero dovuto svolgere i suoi piccoli allievi.

    Citazione:
    Compiti

    1) Svolgi il Quiz (1 punto a domanda)CLIKKA QUI


    SCADUTO
    I compiti devono essere consegnati tramite il modulo QUI entro e non oltre il 25 di questo mese alle 23.59.
    Al miglior compito verranno assegnati 3 punti bonus e alla casata con il maggior numero di elaborati con il voto al di sopra dell'Accettabile 3 punti.


    “Ragazzi la lezione è finita vi auguro una buona giornata. Spero di vedervi alla mia prossima lezione. Seguitemi fino all’entrata del castello, poi ognuno di voi andrà verso il proprio dormitorio.”

    Il suono dell’orologio della torre confermò la fine della lezione e tutti, compreso il giovane professore, si incamminarono verso il maestoso castello. Il sole continuava a brillare e le nuvole bianche tappezzavano il cielo azzurrino. Arrivati al portone, il docente accompagnò gli scolari fino alla Sala di Ingresso, dopodiché si avviò verso il proprio ufficio, per continuare a correggere alcune pergamene.



    Ultima modifica di Percy_Smith oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Klaus_Skett

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 7
    Galeoni: 130
        Klaus_Skett
    Grifondoro
       
       

    Correzioni


    @Daniel_ Collins,
    Citazione:

    1)Bene la descrizione, ma potevi aggiungere qualcos’altro per prendere il punteggio pieno.[5/7]
    2)Commento ben fatto e anche ben articolato, punteggio pieno! [5/5]
    3)Bella storia, e anche ben scritta. Potevi magari fantasticare di più, senza utilizzare la figura di Hagrid, ma va bene ;) [6/8]
    4) i aspettavo qualcosa in più, ma tutto sommato va bene. Potevi aggiungere qualcos’altro magari farlo piàù articolato, ma va bene. [6/10]

    Commento: Dopotutto va bene. Presenta alcuni composizioni della frase che potevano essere modificate in maniera “migliore”, ma come compito va bene. Bravo.

    Risultato: 22/30 Oltre ogni Previsione


    CDC

    Corvonero: 22 punti + 3 punti per maggior numero di compiti accettabili = 25 punti



    Ultima modifica di Klaus_Skett oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale