Hogwarts - Dintorni
Hogwarts - Dintorni


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Lavinia_Grent


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    *Era un caldo pomeriggio di luglio. Lavinia si era recata in riva al Lago Nero perchè nella sua stanza sulla Torre di Corvonero non si respirava. Lì, nonostante fossero le tre del pomeriggio, c'era un leggero venticello piacevole. La ragazza si trovava sotto il suo albero preferito: il salice piangente. Quella pianta con i suoi rami cadenti la rassicuravano perchè sembrava che la volesse abbracciare.



    Lavinia non era la prima volta che si recava lì. Quando frequentava Hogwarts era solita andarci con le sue due migliori amiche: Kylesa e Sharry. Adesso che era tornata loro non c'erano più. Le due sue amiche avevano superato gli esami e fatto carriera all'interno del Mondo Magico. Lei, invece, era solo un totale fallimento.*

    Omnia fert aetas.

    *Le diceva sempre sua madre Samantha. "Tempo al tempo". Ma cosa significava davvero quella frase? Lavinia non lo sapeva e non voleva neanche saperlo. L'unica cosa di cui era consapevole era che non aveva ancora sostenuto gli esami G.U.F.O. e M.A.G.O. e ovviamente non aveva ancora trovato un lavoro. Si trovava ancora lì ad Hogwarts mantenuta dai suoi genitori con un segreto da scoprire. La sua vita non poteva andare peggio in quel momento. Forse sì, il tempo avrebbe aggiustato tutto o forse no. Lavinia era pessimista, come non lo era mai stata prima.



    L'unica cosa che riusciva a rasserenala era il Lago Nero. Quella grande specchio d'acqua era calmo, ma nascondeva molte creature. La ragazza ne era affascinata e a volte immaginava di tuffarsi lì dentro e nuotare insieme alle sirene, sempre se non l'avessero uccisa. Peccato solo che la ragazza non sapeva nuotare. Qualche volta si limitava solo a immergersi tutta per poi uscire fuori dall'acqua tutta bagnata come una stupida. L'acqua non faceva per lei, eppure le piaceva così tanto.
    La ragazza si era recata lì non solo per il bel fresco che c'era, ma anche perchè voleva rilassarsi e non pensare a tutto quello che le era successo. Per questo non si portò dietro il libro cui era solita leggere, ma si limitò a stare seduta sotto il suo salice e osservare il lago malinconica.*

    @Claire_Biovero




    Ultima modifica di Lavinia_Grent oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Claire_Biovero

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 395
       
       

    *Era inizio Luglio e Claire era tornata per poco nei pressi di Hogwarts, era passata dal villaggio di Hogsmeade per una festa e poi aveva pensato di passare a dare uno sguardo, prima di tornare a Londra, al castello, quel luogo all'apparenza così freddo che in realtà era il posto più accogliente in cui lei fosse capitata in quegli ultimi cinque anni.
    La Tassorosso adorava percorrere i dolci declivi della brughiera che contornava il giardino della scuola, amava fare lunghe passeggiate nel verde, immerse in quella natura di un'immensa maestosità. La cosa che, però, più di tutto, adorava fare era andare in riva al Lago Nero e prendersi qualche momento per estraniarsi dal mondo esterno. La ragazza aveva molti amici, sia dentro sia fuori dalla scuola, ma qualche volta amava prendersi del tempo per se stessa, fermarsi in silenzio a osservare la magia più grande che conoscesse: la natura.*

    Il Lago Nero prima delle vacanze, magari anche un po' di yoga per rilassarsi..!

    *Claire si illuminò all'idea che le si era delineata in mente. Sicuramente avrebbe potuto sfruttare quella giornata di sole, quel pomeriggio di tranquillità prima di tornare di nuovo dalla sua famiglia, per praticare un po' di yoga, una ginnastica che lei considerava più importante per la mente più che per il corpo. Aveva scoperto quel tipo di pratica solo poco tempo prima, ma già se ne era innamorata e aveva pensato che la sua stuoietta in riva al lago le avrebbe consentito di godersi non solo il benessere del corpo, ma anche la bellissima vista dello spettacolo della natura che si poteva ammirare da quel punto.
    La brunetta era vestita leggera, sia per il caldo estivo, sia per essere più agile nei movimenti, si portò la stuoia per la ginnastica e si posizionò in riva al lago, cercando un punto in cui il sole illuminasse l'area, ma lei riuscisse a stare nelle posizioni senza che la luce le desse fastidio.
    Si sedette sulla superficie gommata della sua stuoia e stette un po' in silenzio, allineò la colonna vertebrale e controllò il respiro, tanto da confonderlo con il rumore dell'acqua.*

    Inspiro... Espiro...

    *Pensava mentre la sua mente veniva assorbita dal ricambio d'aria che avveniva dalle sole narici. Una volta concluso quel momento breve di meditazione, si alzò lentamente, per evitare capogiri, e fece qualche asana per distendersi e sciogliere le articolazioni. Avrebbe avuto un gran bisogno di rilassarsi prima di affrontare di nuovo il lungo viaggio fino a casa e lo yoga l'avrebbe aiutata. Partì con qualche figura semplice che tenne per pochi respiri ognuna, poi passo all'asana del danzatore, una figura che richiedeva grande equilibro e concentrazione e che Claire aveva sempre fatto in maniera non proprio ottimale, ma sentiva che quel giorno, in quel luogo ricco di così tanta e diversa magia, sarebbe riuscita a dare vita a un quasi perfetto danzatore.*



    Inspira ed espira... Ecco il danzatore migliore che io sia mai riuscita a fare!

    *Pensò soddisfatta la ragazza mentre si concentrava su un punto davanti a sé per non perdere l'equilibrio, poi, però, qualcosa dietro il tronco dell'albero su cui si era concentrato si mosse: non era sola, dunque, in riva al Lago Nero.
    Espirando profondamente sciolse la posizione in cui era stata per qualche respiro superando ogni suo precedente tentativo, sia per durata, sia per risultato, e recuperò da terra la stuoia che infilò come meglio poté all'interno della sua borsa e si avvicinò alla sagoma che aveva visto sbucare da dietro la pianta.*

    Credevo di essere da sola qui... Sono Claire... Ciao!

    *Disse tra l'intimidito e l'imbarazzato per la situazione, in fondo lei era vestita da palestra ed era stata impegnata sino a un attimo prima a praticare yoga. Poi si accorse di stare parlando con una giovane donna e corresse il suo saluto rendendolo più cortese e più adatto alla conversazione con una persona più grande di lei.*

    Ehm... Buongiorno!

    *Disse infatti un po' imbarazzata per la gaffe con cui si era presentata a quella giovane donna bionda, seduta sotto un maestoso salice piangente. Sembrava malinconica, magari era andata in riva al lago per trovare un po' di calma e un po' di pace che lei le stava rubando avvicinandosi a lei, in quel momento Claire si accorse che forse stava disturbando quella sconosciuta che aveva solo intravisto in qualche occasione.*

    Mi scusi se l'ho disturbata...

    *Aggiunse la ragazza timidamente pensando di andarsene, o magari tornare a fare yoga per un po', lasciando la giovane donna di nuovo ai suoi pensieri in solitaria, forse lo scopo con cui si era avvicinata al lago quel pomeriggio.*

    @Lavinia_Grent,


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    *Lavinia continuava ad osservare il Lago Nero. Quel lago le fece venire in mente mille ricordi: le passeggiate insieme Kylesa, i picnic sul prato, le gare di tuffi nel lago e tantissime altre avventure che avevano vissuto lì sotto il loro salice.



    Adesso lei e i gli altri suoi amici l'avevano dimenticata e lasciata sola in un momento di difficoltà. Poteva ancora definirli amici? Lavinia non lo sapeva. Non sapeva più cos'era l'amicizia. L'unica persona che poteva consolarla era lontana. Il suo ragazzo non era lì con lei, non poteva esserlo. Lui era diventato un Auror e in quel momento e per tutta l'estate sarebbe stato in viaggio. Purtroppo non poteva sempre stare dentro il suo ufficio al Ministero della Magia. La ragazza desiderava diventare Auror per andare al lavoro con lui. Sua madre voleva che lei facesse la Madimaga, ma Lavinia non poteva stare lontano dal suo amore. Eppure la Medimagia era stato sempre il suo sogno.
    Quel giorno era tanto malinconica a causa dei recenti avvenimenti. Si sentiva inutile. Pensava che per lei nel Mondo Magico non c'era più posto.
    Mentre faceva quei pensieri sentì una voce che le parlava. Si voltò di scatto e vide una ragazza magra con i capelli scuri che indossava una tuta estiva, doveva avere più o meno quindici anni. Quella ragazza disse di chiamarsi Claire. Poi la ragazza le diede il buon giorno e le chiese scusa per averla disturbata. Lavinia la guardò un po' stupita. Si era rivolta a lei come se fosse una donna molto più grande di lei. La bionda strega le sorrise e le porse la mano.*

    Ciao! Io sono Lavinia.

    *Le disse continuando a sorriderle per cortesia. In fondo però Lavinia era contenta che quella ragazza fosse riuscita a strapparle un sorriso in quella che era una pessima giornata. Quando si trovava in quei giorni, l'ex corvetta non riusciva a fare neanche mezzo sorriso. La malinconia era una cosa proprio brutta per lei.*

    Oh no nessun disturbo! Ti prego dammi del tu!

    *Aggiunse poi. Lavinia aveva solo diciotto anni e non credeva che fosse il caso che le si rivolgesse dandole del lei. Infondo tra lei e quella ragazza c'era pochissima differenza di età. Le sorrise ancora, poi si accorse che lì vicino al grande salice c'era una stuoia stesa per terra. Doveva sicuramente essere della ragazza, probabilmente era lì in riva al Lago Nero per prendere un po' di sole. Quella era la giornata perfetta per abbronzarsi un po', Lavinia era talmente immersa nei suoi pensieri che non si era accorta che c'era il sole. Per lei se avesse piovuto o nevicato sarebbe stata la stessa cosa. Non era dell'umore giusto per niente.*

    Stavi prendendo il sole?

    *Chiese infine a Claire. Sicuramente le avrebbe fatto molto bene fare amicizia con quella ragazza. Aveva bisogno di parlare con qualcuno e distrarsi. Sembrava che tutti le avessero voltato le spalle.*

    @Claire_Biovero




    Ultima modifica di Lavinia_Grent oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Claire_Biovero

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 395
       
       

    *In quella giornata di sole di inizio estate a Claire sembrava non potesse andare niente per il verso sbagliato. I raggi caldi della palla che splendeva in alto nel cielo azzurro riscaldavano la pelle e donavano un colorito sano ai volti della gente che venivano baciati da essi.
    In riva al Lago Nero, le cui acque placide rinfrescavano l'ambiente dei giardini di Hogwarts, c'era il clima ideale per il pomeriggio di rilassamento che la Tassorosso si era decisa a prendersi prima di ripartire per tornare a casa.*

    Una bella giornata, sì!

    *Pensò Claire mentre si guardava intorno. Aveva incontrato lì vicino al lago una giovane donna che sembrava malinconicamente persa nei suoi pensieri e che aveva paura di avere disturbato con il suo tono di voce squillante e allegro, forse un po' troppo anacronistico rispetto alla situazione in cui si trovava.
    La ragazza, dai capelli di un biondo oro splendente, si rivolse alla brunetta salutandola cortesemente, spazzando via la sensazione che aveva avuto la Tassorosso di averla disturbata. Le disse di chiamarsi Lavinia, nome che alla più giovane piacque subito, e la pregò di darle del tu.*

    Che bel nome Lavinia! Va bene, allora ti dò del tu...

    *Disse timidamente mentre stringeva la mano della ragazza. Ora che si era avvicinata aveva notato che effettivamente per quanto fosse più grande di lei, la ragazza bionda non poteva avere più di diciotto anni, forse si era anche offesa del fatto che Claire le avesse dato del tu, quasi come se le avesse dato della vecchia.
    La brunetta sorrise e poi continuò ad ascoltare la ragazza che, probabilmente notando il suo abbigliamento e la sua stuoia, le chiese se stesse prendendo il sole. La quindicenne rise lievemente, più per la risposta che avrebbe dovuto fornire alla diciottenne più che per la domanda lecita che quella le aveva posto.*



    In realtà non stavo prendendo il sole... Stavo facendo un po' di yoga...
    Hai mai provato?


    *Rispose Claire sperando di non risultare l'antipatica, scontrosa, dai passatempi strani.
    La ragazza più giovane poi chiese gentilmente alla bionda, seduta contro il tronco dell'albero*

    Posso unirmi a te o aspettavi qualcuno?

    *La Tassorosso posò a terra la sua borsa a tracolla e poi si sedette anche lei all'ombra del salice. Era felice di fare la conoscenza di una ragazza più grande che avrebbe, forse, potuto incoraggiarla nel suo lungo percorso, ma non voleva sembrare la ragazzina stupida e pedante che andava in giro a mietere pietà o a tormentare gli altri. Se Lavinia le avesse risposto di voler stare un po' da sola, Claire sarebbe tornata a fare un po' di ginnastica prima di andare a recuperare le ultime cose e poi partire per Londra.*

    @Lavinia_Grent,


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    *Lavinia, seduta sotto il suo amato salice, aveva appena fatto conoscenza con una gentile ragazza bruna di nome Claire. Si erano presentate cortesemente e la ragazza le aveva fatto i complimenti per il suo nome. L'ex corvetta non si era mai soffermata più di tanto sul suo nome "Lavinia". Non aveva mai chiesto ai suoi genitori il perchè di quel nome. Non sapeva neanche se quello fosse il suo vero nome. Non poté fare altro che sorridere alla ragazza. Era contenta che lei le avesse fatto ritrovare il sorriso.



    Lavinia aveva notato l'abbigliamento della ragazza e la stuoia e le aveva chiesto se stesse prendendo il sole, visto che quella era davvero una bella giornata. Claire le rispose che non era lì per abbronzarsi, ma per fare un po' di yoga e le chiese se avesse mai provato.*

    No.. in realtà non so cosa sia. E' come fare ginnastica?

    *Le rispose gentilmente. La ragazza davvero non sapeva di cosa stesse parlando. La parola "yoga" la incuriosì. Probabilmente si trattava di qualcosa di babbano, ma lei non sapeva niente di loro. Le pochissime cose che conosceva sul mondo non magico l'aveva appreso a Babbanologia o glielo aveva raccontato sua madre anche se neanche lei era un'esperta. Però i Babbani l'avevano sempre affascinata. Li aveva incrociati spesso andando a Londra, ma non aveva parlato mai con qualcuno di loro. Anni prima quando frequentava Hogwarts aveva alcuni amici Nati Babbani che le raccontavano delle abitudini delle loro famiglie e lei ogni volta li ascoltava molto incuriosita.
    Claire si sedette all'ombra sotto il salice accanto alla biondina e le chiese se si poteva unire a lei o se stesse aspettando qualcuno.*

    Certo che puoi.. non sto aspettando nessuno!

    *Le disse rivolgendole un sorriso e facendole cenno di avvicinarsi ancora di più a lei. Ma chi doveva aspettare? La realtà era che la ragazza si sentiva più sola che mai. Aveva la sensazione di essere sola in una folla. Quella è la cosa più brutta che una persona può provare. Ormai era troppo grande per frequentare la scuola, ma era lì per gli esami che purtroppo doveva sostenere per trovare un lavoro e trovare il suo posto nel Mondo Magico. Tutti la odiavano e nessuno voleva assumerla soprattutto senza un titolo di studio.*

    In realtà oggi per me non è una delle giornate migliori..

    *Cominciò a dire Lavinia cercando di spiegare la sua situazione alla ragazza. Forse le avrebbe fatto bene parlare con qualcuno che non conosceva e che non sapeva come stesse andando la sua vita.*

    @Claire_Biovero


  • Claire_Biovero

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 395
       
       

    *Claire all'ombra di quel salice piangente si sentì come rigenerata. Aver praticato yoga sotto il sole del pomeriggio l'aveva distesa e rilassata, ma aveva anche bisogno di tornare in contatto con il mondo fisico tutto intorno a lei. Il fatto di avere incontrato Lavinia, la bionda ragazza solitaria all'ombra di quel maestoso albero, l'aveva rimessa in contatto con la realtà, poter fare due chiacchiere la riportò immediatamente nella dimensione sociale reale, quella in cui si trovava in quel momento, ma di cui era poco cosciente.*

    Chissà che ci fa lei qui a Hogwarts...

    *Si chiese la Tassorosso mentre continuava a guardare la diciottenne di fronte a lei senza cambiare espressione per non dare a vedere i suoi pensieri, non voleva di sicuro passare per una piccola ficcanaso. Era curiosa, sì, ma sapeva riconoscere il limite oltre il quale non spingersi con la sua curiosità che talvolta poteva risultare scomoda.
    Lavinia, poi, rispose alla domanda di Claire sullo yoga, smuovendola da quei pensieri che sarebbero risultati molesti ai più, dicendo che non sapeva di cosa si trattasse, poi le disse che non c'erano problemi se lei si fosse seduta lì accanto a lei e che, anzi, quella non era una delle giornate migliori. La quindicenne la guardò comprensiva, aveva intuito correttamente che la ragazza fosse tormentata da tanti pensieri, magari avrebbe potuto distrarla raccontandole qualcosa e facendola sfogare. Non la conosceva, ma era piuttosto brava a capire gli altri ed era sicura che, un po' di sfogo non avrebbe potuto nuocere a nessuno. La brunetta optò, per iniziare, per una breve introduzione a cosa fosse lo yoga.*

    Be'... Sì, si può dire che lo yoga sia una forma di ginnastica, ma più per la mente, io trovo, che per il corpo. Aiuta a mantenere la concentrazione e a liberarsi di tutto ciò che ci appesantisce... Insomma: è come fare pulizia nella mente mentre si tengono delle posizioni che sciolgono le articolazioni di tutto il corpo!



    *Disse brevemente la ragazza. Sicuramente in un minuto, o meno, non sarebbe stato possibile spiegare ulteriormente in cosa consistesse quella disciplina, ma sperava di avere almeno dato una vaga idea di che cosa fosse e in cosa consistesse in parole povere. La brunetta poi si accorse che forse quella domanda le era stata posta perché magari la persona che aveva davanti a sé aveva vissuto in un ambiente diverso dal suo, così aggiunse*

    E' una disciplina inventata dai Babbani dell'India e dell'Asia centrale, che si concentrano molto su queste forme di benessere corporeo e mentale...
    Io stessa sono una Nata Babbana, nata e cresciuta come tale sino agli undici anni e alla ricezione della lettera da Hogwarts.


    *Disse senza pensarci Claire, si accorse poi che forse con tutto quel suo parlare aveva solo annoiato la diciottenne e che, in quel momento, era giunta l'ora di essere d'aiuto seriamente a quella ragazza che aveva appena conosciuto.*

    Mi dispiace, Lavinia... Davvero... So che può sembrare strano, perché non ci conosciamo, ma se posso essere d'aiuto in qualche modo... Ti aiuto volentieri!

    *Concluse in un sorriso dolce e premuroso la ragazza. Sapeva di essere più giovane e quindi, potenzialmente di essere inadatta ad aiutare una persona più grande, ma era nella sua indole tentare in tutti i modi di essere d'aiuto, alleviare le sofferenze altrui in maniera instancabile: in quel momento sentiva tutto il suo essere Tassorosso, forte e chiaro.*

    @Lavinia_Grent,


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    *La ragazza bruna che aveva appena conosciuto Lavinia le aveva detto che stava praticando yoga. La biondina non sapeva cosa fosse e le aveva gentilmente chiesto spiegazioni. Aveva tanto bisogno di distrarsi parlando di qualcosa. Claire sembrò capire la situazione della ragazza e con dolcezza le spiegò che lo yoga era forma di ginnastica ma più concentrata sulla mente che sul corpo. Era una specie di pulizia della mente facendo delle posizioni che scioglievano le articolazioni. La strega fu molto interessata alle parole della nuova amica. Claire continuò a raccontarle che si trattava di una pratica Babbana, come Lavinia aveva pensato, nata in Asia centrale. La ragazza rivelò di essere una Nata Babbana e che era cresciuta fino al momento dell'arrivo della lettera per Hogwarts con i Babbani. *

    E' molto interessante! Avevo pensato che fosse qualcosa di Babbano.. io purtroppo non se so nulla perchè sono cresciuta tra i Maghi.

    *Rispose Lavinia. Lei non sapeva niente di più di quello che c'era scritto nei libri di Babbanologia o dei racconti degli altri. I Babbani erano affascinanti e lei non li odiava affatto, come invece facevano alcuni. Non riusciva proprio a tollerare certe affermazioni fatte dai Serpeverde sul sangue puro. In realtà la biondina non era neanche sicura di essere una Purosangue.*

    Magari qualche volta mi puoi fare qualche lezione!

    *Le disse l'ex corvetta sorridendole.Lo yoga forse era quello che le serviva. Liberare la mente era l'unica cosa importante per lei in quei momenti. Voleva tanto scacciare i pensieri brutti che aveva. La ragazza aveva deciso di provare a sostenere l'esame per diventare Occlumante, un desiderio che aveva sempre avuto. Il problema era che quando si esercitava a liberare la sua mente dai pensieri e a concentrasi, due cose molto importanti in Occlumanzia, non ci riusciva. Ogni volta le venivano in mente sempre più pensieri, non riusciva a rilassarsi. Forse quello che faceva Claire la poteva aiutare.*

    Sempre se non è un disturbo ovviamente! Mi saresti molto d'aiuto!

    *Aggiunse la bionda ragazza facendole un sorriso sincero. Quant'era bello sorridere a qualcuno che non conosceva la sua storia. Probabilmente la brunetta si era chiesta il perchè una ragazza di diciotto anni che avrebbe dovuto finire Hogwarts l'anno prima si trovasse ancora lì. Lavinia pensò che per iniziare a raccontarle la sua storia doveva iniziare proprio da lì. Claire le disse che poteva fidarsi di lei anche se non si conoscevano e che le poteva essere d'aiuto.*

    Grazie.. tu sei davvero molto gentile! Penso che parlare con te mi farà bene..



    *Le disse ringraziandola per essere così gentile con lei. Lavinia pensò che fosse davvero strano come fosse più facile parlare con qualcuno che non si conosce che con chi ti conosce da tanto. Tutto sta nella paura di giudizio.*

    Come avrai notato sono più grande di voi studenti qui ad Hogwarts.. sono qui perchè se non sostengo gli esami G.U.F.O e M.A.G.O non posso ottenere un lavoro. Purtroppo io non li ho potuti fare a suo tempo perchè sono ritornata a casa da mio padre che stava male..

    *Cominciò a raccontare la sua storia. Ricordare il momento in cui aveva dovuto lasciare il Castello per raggiungere sua madre all'ospedale non era bello. Lavinia non rimpiangeva quei momenti perchè aveva fatto il suo dovere di figlia.*

    @Claire_Biovero


  • Claire_Biovero

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 395
       
       

    *Le due ragazze si stavano confrontando sulle loro esperienze passate, era bello poter parlare con qualcuno che potesse fornire un'opinione o un'idea nuova, era una cosa che Claire riteneva molto stimolante e che sperava potesse avvenire sempre più spesso, in quel modo sarebbe riuscita ad avere un diverso punto di vista e, quindi, ad analizzare meglio le cose che succedevano intorno a lei, senza essere limitata dalla sua sola visione delle cose. Lavinia, poi, la sua nuova conoscenza, era anche di qualche anno più grande di lei e avrebbe potuto fornirle un parere anche per via della sua maggiore esperienza. La Tassorosso aveva appena finito tutta la sua spiegazione circa cosa fosse lo yoga che, proprio quando credeva di averla annoiata con tutto quel suo parlare, la bionda le chiese se qualche volta avesse voluto farle magari qualche lezione. La brunetta si aprì in un sorriso radioso e le rispose con calore.*

    Ma certo! Nessun disturbo, anzi è un piacere!

    *Claire non stava mentendo. La pratica di quella disciplina orientale le piaceva molto e aver incontrato qualcuno altrettanto interessato ad avvicinarvisi non aveva fatto altro che amplificare ulteriormente la sua passione. Era una ragazza timida, era vero, ma quando vedeva qualcuno bisognoso di aiuto e di un sostegno non si tirava indietro e anzi faceva di tutto per aiutare, alleviare le pene e sostenere chi intuiva ne avesse la necessità. Per quello per la Tassorosso era così ben disposta ad aiutare la ragazza bionda che aveva appena conosciuto, ma con cui già si trovava bene.*

    Nessun disturbo davvero!

    *Ripeté la brunetta, sempre sorridendo. Poi la proposta della tassetta di parlare un po' fece breccia in Lavinia che la ringraziò per il suo essere molto gentile e della sua disponibilità. Il sorriso di Claire non si spense, continuò a illuminarle il volto mentre guardava con affetto sincero quella ragazza più grande di lei, ma che pareva così fragile. Nel mezzo della sua fragilità, infatti, iniziò un racconto doloroso, in cui riportò a galla il perché, tempo prima, aveva abbandonato la scuola senza sostenere gli esami che le avrebbero consentito di trovare il suo posto nel mondo magico. La brunetta si commosse al racconto e per un attimo, prima di trovare le parole con cui rispondere, si tormentò il ciondolo che portava sempre al collo.*



    Mi dispiace molto... Non deve essere stato facile...
    Adesso hai già delle idee su cosa fare?


    *Disse finalmente Claire rompendo il suo silenzio e ricomponendosi in un'espressione un po' meno distrutta. Doveva essere di supporto morale e non di abbattimento morale per quella giovane ragazza bionda con cui stava stringendo un bel legame di confidenza. Era incredibile come un pomeriggio di sole, un salice piangente e il bisogno di parlare potessero unire tanto due persone che, all'apparenza, non avevano niente in comune. La Tassorosso era molto contenta di quell'incontro fortuito e sarebbe stata ancora più contenta se fosse riuscita a essere di aiuto a Lavinia, che pareva averne proprio bisogno, anche solo se si fosse trattato di potersi sfogare un attimo a parole per scaricare tensione, nervosismo e tristezza che parevano averla attanagliata in una morsa silente e che la rendevano taciturna e chiusa in se stessa.*

    @Lavinia_Grent,


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    *Lavinia aveva appreso dalla sua nuova amica Claire riguardo l'esistenza di una particolare forma di ginnastica: lo yoga. Si era molto incuriosita perchè la brunetta le aveva spiegato che serviva per svuotare la mente, cosa che alla ragazza serviva proprio in quel momento. Claire sembrava molto esperta in quell'arte e quindi l'ex corvetta le chiese se le facesse qualche lezione.
    Per Lavinia l'arte era qualcosa difficile da eseguire e quindi svuotare la mente si poteva considerare una vera e propria forma di arte. La sua nuova amica le aveva detto che facendo yoga si scioglievano le articolazioni, quindi non era una cosa facile. La biondina non era molto tagliata per l'attività fisica. L'unico sport che aveva praticato fino in quel momento era il Quidditch. Era stata per due anni la Battitrice della squadra di Corvonero, fino al momento in cui aveva dovuto lasciare Hogwarts. Colpire il bolide con la mazza le dava una carica in più e le serviva per sfogare la rabbia. Naturalmente non aveva mai fatto male a nessuno, anche se una volta era stata sul punto di lanciare un furioso bolide su una serpina che la molestava durante una partita contro Serpeverde.*



    Grazie! Sei molto gentile!

    *Le rispose sorridendole e ringraziandola per la sua disponibilità.
    La bionda strega aveva deciso di raccontare la sua vita degli ultimi anni alla bruna che si trovava accanto a se. La sua amica si mostrò molto dispiaciuta per quello che le era successo, per suo padre e per tutto e le chiese se avesse già delle idee su cosa fare.*

    Adesso è estate e quindi non posso fare gli esami.. ancora non ho neanche scelto le materie che voglio sostenere.. è difficile perchè c'è in ballo il futuro..

    *Disse Lavinia facendosi seria. Era proprio una scelta difficile, da delle materie scolastiche dipendeva tutto il suo futuro. Aveva molti dubbi: e se non avesse superato i G.U.F.O? Che avrebbe fatto? Senza i G.U.F.O. non poteva sostenere i M.A.G.O e senza quelli poteva dire addio a qualsiasi lavoro desiderasse fare. Tutta la sua vita era in mano alla commissione d'esame e alla Preside di Hogwarts che l'aveva bocciata un paio di volte. Era davvero spacciata. L'unica cosa che doveva fare era studiare come aveva sempre fatto sperare in un esito positivo.*

    Quest'estate mi piacerebbe realizzare un sogno che avevo qualche anno fa: diventare Occlumante.

    *Continuò a raccontare la biondina. L'Occlumanzia e la Legilimanzia erano la sua passione segreta. Aveva letto molti libri a riguardo e si era anche esercitata illegalmente parecchio negli anni, purtroppo ancora non c'era riuscita del tutto. Aveva solo visto uno sfocato ricordo del suo ragazzo, ma non aveva ottenuto nessun risultato migliore a questo. Il suo vero problema era svuotare la mente.*

    L'esame che bisogna sostenere al Ministero è molto difficile.. in realtà la pratica in sè non è una passeggiata..

    *Disse Lavinia. Non aveva mai provato a sostenere quell'esame perchè bisognava essere maggiorenni. Purtroppo quando la ragazza aveva compiuto diciassette anni aveva già lasciato Hogwarts ed era a casa ad occuparsi di suo padre e di mille altre faccende. Non poteva aver avuto nè il tempo e nè la voglia di esercitarsi. Quei momenti erano stati molti difficili, la strega aveva creduto che la sua vita fosse finita. Non finire Hogwarts era un dramma.*

    Come fa un intero Mondo Magico a dipendere così tanto da una scuola?

    *Pensò la ragazza. Per certi versi le piaceva di più come funzionava nel mondo dei Babbani. Da quello che aveva appreso su di loro, lì per ottenere un lavoro c'è bisogno di un titolo di studio. Questo titolo, però, non è richiesto per tutti i tipi di lavoro. Era sicurissima che lei se fosse andata dai Babbani l'avrebbero assunta. Peccato però che i soldi Babbani non le servivano a niente nel Mondo Magico. Era di galeoni che aveva bisogno per vivere e per costruire una famiglia insieme al suo ragazzo.*

    Bisogna svuotare la mente e concentrarsi, ma io non ci riesco! Ecco perchè mi ha entusiasmata lo yoga..

    *Aggiunse Lavinia rivelando i suoi pensieri all'amica Claire. Quella ragazza era molto dolce e disponibile a parlare con lei. Da quando era andata via aveva perso tutti i suoi amici e in quel momento le faceva molto bene averne trovato una nuova nella sua nuova vita.*

    @Claire_Biovero


  • Claire_Biovero

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 395
       
       

    *L'idea di praticare un po' di yoga insieme aveva solleticato, probabilmente, la mente di entrambe le ragazze che in futuro sicuramente avrebbero sciolto articolazioni vibrando la "aum". Claire era stata colpita dal racconto di Lavinia che pian piano stava andando a fondo nella questione del suo abbandono degli studi. Sicuramente quella non doveva essere stata una scelta facile da fare, ma ora sembrava giunto per la biondina di prendere delle serie decisioni.*

    I G.U.F.O. ... I M.A.G.O. ... Qui si parla di roba seria, certo che è in crisi, povera Lavinia!

    *Pensò la ragazzina per un attimo rimanendo impassibile, non voleva di sicuro dare a vedere alla sua nuova amica che dentro la sua testa si stessero delineando pensieri del genere, voleva essere incoraggiante e non peggiorare ulteriormente la situazione, come invece avrebbe potuto fare esprimendo ad alta voce quelle idee.*

    Sì, effettivamente sono cose serie... Ma sono sicura che arriverai a trovare la soluzione migliore.

    *Disse Claire in risposta ai dubbi e alle paure della biondina di fianco a lei, le sorrise e poi pensò che non avrebbe potuto trovare parole migliori in quel momento. Lei in prima persona sapeva che era difficile affrontare tutti quei dubbi, quelle paure, e lei era arrivata solo al primo scoglio, quello dei G.U.F.O., ma da quello sarebbe dipeso poi tutto il resto, il suo futuro, la sua carriera, la sua vita: insomma, degli esami sostenuti a quindici anni avrebbero influito su tutto il corso della sua vita.
    Lavinia la ringraziò per la sua gentilezza e la Tassorosso si sentì un po' in imbarazzo, forse con tutta quella sua disponibilità faceva sentire gli altri in una posizione di debito nei suoi confronti, ma non erano quelle le sue intenzioni: lei era così perché era ciò che le veniva naturale, non voleva niente in cambio, il suo compenso più grande era vedere le persone cui voleva bene tornare a sorridere.*

    Di niente, cara!

    *Rispose, infatti, a quei complimenti che le erano stati rivolti. Subito dopo la diciottenne le raccontò del suo grande sogno di diventare Occlumante e quindi di passare l'esame ministeriale, previsto per quella disciplina. Claire non riuscì a trattenere la sua ammirazione per la ragazza, quella materia era una delle più affascinanti, ma anche delle più difficili che si potevano incontrare nel corso dei propri studi magici.*



    Wow! Accidenti... E' un sogno ambizioso, ma con l'impegno e con il cuore si ottiene sempre ciò che si vuole!

    *Esclamò la brunetta mentre sorrideva all'amica. Le augurava di tutto cuore di riuscire a realizzare il suo sogno e di arrivare a raggiungere i suoi obiettivi, perché, anche se l'aveva appena conosciuta, già si era affezionata alla ragazza bionda e sperava che arrivasse a essere soddisfatta della sua vita, come tutti d'altronde si meritano.*

    E poi, sì, effettivamente lo yoga potrebbe essere un metodo pratico ed efficiente per imparare a svuotare la mente e a concentrarsi... Sicuramente potrebbe aiutarti anche nel tuo percorso per diventare Occlumante, cara!

    *Proseguì Claire mentre commentava la giusta conseguenza logica della pratica dello yoga, evidenziata da Lavinia, aveva ragione: poteva essere un ottimo modo per imparare a concentrarsi svuotando la mente dai troppi pensieri inutili che costantemente la tenevano impegnata in discorsi tante volte anche inutili.*

    Sembrerà strano, ma mi sembra di conoscerti da sempre!

    *Esclamò Claire, poi, dal nulla, mettendo in evidenza quel punto che aveva notato chiacchierando con la nuova amica, si trovava così bene a parlare con lei che le sembrava fossero sempre state amiche.*

    @Lavinia_Grent,


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    *Lavinia aveva rilevato alla sua nuova amica Claire il suo sogno di diventare Occlumante. Purtroppo però doveva sostenere un esame molto impegnativo sia dal punto di vista teorico e che pratico. Si esercitava da anni, ma ancora non aveva ottenuto un risultato positivo. Il suo principale problema era riuscire a liberare la mente dai mille pensieri. Così era troppo debole e vulnerabile a penetrazioni esterne. Inoltre l'esame tollerava solo piccolissimi errori, quindi doveva essere tutto perfetto.*

    Sono sempre tutti severi qui ad Hogwarts! Per la barba di Merlino! Potrebbero essere molto più tolleranti! Perchè non si accorgono che io sono in difficoltà! Non riescono a motivarmi! Sanno solo dirmi che non sono preparata e che non so fare niente! Vogliono che stia qui per sempre! Che rabbia!

    *Pensò la biondina facendosi seria. Era davvero arrabbiata con il sistema scolastico del Mondo Magico. Per lei era tutto sbagliato. Quegli esami G.U.F.O. e M.A.G.O. erano terribili, avevano lo scopo di traumatizzare un ragazzo di quindici o diciassette anni. Sua madre Samantha ancora dopo vent'anni dagli esami aveva gli incubi. Raccontava alla figlia di sognare di essere bocciata o che il o la Preside la sgridavano per non sapere niente. Eppure quella dolce strega aveva superato brillantemente i suoi esami con tutti "Eccezionale". Ma poi in realtà a cosa serviva prendere quella maledetta E? Nel lavoro vero quello che contava erano le proprie capacità e, non sapere dove si mette una virgola oppure cosa ha fatto un mago famoso che ormai è morto. La ragazza riteneva la scuola fosse basata troppo sulla teoria e sulla grammatica delle cose, non insegnava davvero ad affrontare la vita. Il mago che la ragazza avrebbe voluto come insegnante ad Hogwarts era il grande Harry Potter, detto anche il Prescelto. Egli era un vero esperto nelle arti magiche e sarebbe stato un ottimo insegnante. Purtroppo però aveva scelto di intraprendere la sua carriera di Auror. Il ragazzo di Lavinia aveva detto di averlo visto una volta al Ministero e di averlo salutato, ma la biondina sapeva che l'aveva detto solo per scherzare.*

    Vorrà dire che starò qui per sempre.. e quando sarò troppo vecchia e rintontita per studiare mi metteranno a pulire i corridoi e le aule.. questo è il mio destino!

    *Continuò a pensare l'ex Corvonero. Il suo destino era quello. Non avrebbe mai superato gli esami e sarebbe rimasta lì per sempre.
    Si voltò a guardare Claire che stava dicendo qualcosa. Cercò di concentrarsi e ascoltare le sue parole. La brunetta si mostrò positiva e la incoraggiò a trovare la soluzione migliore. Poi le disse che con impegno sarebbe riuscita a realizzare il suo sogno di diventare Occlumante. Lavinia sorrise debolmente. Claire continuò confermando le parole della strega sul fatto che quella pratica babbana che lei le aveva spiegato poteva aiutarla a concentrarsi e liberare la mente.*

    Grazie per le belle parole che mi dici.. io spero davvero di superare l'esame. E le tue lezioni di yoga possono aiutarmi! Grazie ancora per la tua disponibilità!

    *Le rispose con tono gentile. Le era molto riconoscente per averle detto delle parole di conforto. Si conoscevano appena. Poi la brunetta che si trovava accanto a lei le disse che le sembrava di conoscerla da sempre. Lavinia sorrise di nuovo.



    Era davvero strano, ma anche per lei era la stessa cosa. Quella ragazza così gentile e dinamica le aveva fatto riscoprire cosa significava avere un'amica che sa dirti le parole giuste al momento giusto.*

    Sai.. anche per me è così.. mi sembra di conoscerti da una vita! Da quando sono qui non ho conosciuto molte persone..

    *Disse Lavinia facendo un debole sorriso malinconico. Era tutto vero. Le uniche persone con cui aveva fatto amicizia da quando era tornata ad Hogwarts erano Maya, Athena, Charlotte e Claire. Erano loro le sue nuove amiche. Pensare ancora a Kylesa e Sharry, che chissà dove si trovavano in quel momento, non aveva più senso. La bionda ex corvetta stava cercando di recuperare la sua vita e pensare al passato non era il modo migliore per farlo.*

    @Claire_Biovero




    Ultima modifica di Lavinia_Grent oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Claire_Biovero

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 395
       
       

    *Quel pomeriggio di sole, il lago a pochi passi da lei, un'amicizia appena nata... Tutto di quel pomeriggio stava tenendo alto l'umore di Claire, impegnata in una conversazione piuttosto impegnata circa il futuro con Lavinia, una simpatica ragazza che, però, sembrava rabbuiarsi molto spesso. La Tassorosso avrebbe voluto essere più d'aiuto di quanto non fosse, dopo tutto quella ragazza si era dimostrata simpatica e disponibile a passare un pomeriggio di chiacchiere con lei anche se era di qualche anno più piccola, cosa che, comunque, non era da tutti. Le due parlavano del più e del meno, poi era saltato fuori il discorso del sogno della biondina di diventare Occlumante, una professione davvero interessante, secondo Claire, ma che prevedeva degli esami parecchio tosti per ottenere l'abilitazione.*

    Io, per esempio, se esco dal campo della scrittura già non so bene cosa fare...

    *Pensò la brunetta osservando la sua nuova amica. In quei brevi momenti di silenzio che c'erano tra loro due, la ragazza più grande sembrava incupirsi spesso, forse perché presa dai molti pensieri che le assillavano la mente. Era proprio in quei momenti che Claire sentiva l'esigenza di dover dire o fare qualcosa per far sentire meglio l'altra persona, ma non sapeva da che parte cominciare.*

    Scusami se con le mie domande ho riportato a galla faccende dolorose...

    *Disse piano la Tassorosso, scusandosi con l'amica. Non voleva che per la sua ingenuità e leggerezza Lavinia stesse male, non si meritava di soffrire ancora. Poi la ragazza più grande parve riscuotersi dai suoi pensieri e la ringraziò per le sue parole che giudicò belle, e Claire avrebbe voluto correggerla dicendo che erano semplicemente sincere, ma si trattenne, non era quello il momento di tirare fuori il suo lato da saccente.*

    Se vuoi possiamo fare una breve sessione di yoga anche adesso, per scacciare qualche brutto pensiero!



    *Rispose sorridendo la Tassorosso a Lavinia quando la più grande tirò di nuovo fuori la sua promessa di farle lezione di quella pratica orientale. Quale momento migliore per avvicinarsi a una disciplina meditativa come quella se non proprio quando era la mente stessa a richiedere una pausa dai troppi assillanti pensieri? Quello era di certo il momento migliore per cominciare, tanto più che la ragazza bionda aveva detto a Claire che anche per lei era come conoscerla da una vita.*

    Dai che ci divertiamo e ci rilassiamo, amica mia!

    *Esclamò felice la brunetta mentre si sollevava da terra e invitava Lavinia a fare lo stesso, forse quel pomeriggio si sarebbe rivelato ancora più bello di quanto non fosse stato sino a quel momento. Non avrebbe saputo immaginare un modo migliore di salutare Hogwarts per l'estate se non quello di ringraziare quella scuola, una volta in più delle meravigliose persone che aveva conosciuto frequentandola. Le dispiaceva che l'esperienza della biondina fosse totalmente all'opposto, ma voleva invitarla a conoscere presto tutte le meravigliose persone che lei aveva incontrato durante i suoi anni lì.*

    @Lavinia_Grent


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    *Lavinia quel pomeriggio era sfogata abbastanza tra pensieri e parole. Aveva conosciuto una ragazza, Claire, molto simpatica che era stata costretta ad ascoltare tutti i suoi problemi. Però la brunetta non sembrava seccata da tutte quelle storie, anzi voleva aiutare l'ex Corvonero. Voleva starle vicino. Si scusò anche perchè le sue domande le avevano fatto tornare in mente vecchi e brutti ricordi, ma la bionda strega non era arrabbiata con lei.*

    Ma no! Anzi mi ha fatto bene parlare un po'.. se non mi sfogavo avrei tenuto dentro tutto e allora sì che era finita..

    *Le disse la ragazza rassicurandola e facendole un sorriso. Claire era riuscita a rubargli un bel po' di sorrisi quel giorno. Era l'amica che aveva sempre desiderato, nonostante fosse più piccola di lei. Lavinia era tornata ad Hogwarts per gli esami e non era affatto una cosa negativa trovare qualcuno con cui passare il tempo.
    Anche la brunetta rispose con un sincero sorriso e Lavinia fu contenta di essere accanto a lei. Poi Claire propose di fare una sessione di yoga così potevano distrarsi e rilassarsi un po' e magari chiudere la mente a quei brutti pensieri che circolavano nell'aria.*



    Sì volentieri.. sono impaziente di imparare!

    *Rispose Lavinia rivolgendole un altro bel sorriso. Era contenta di iniziare a imparare a praticare lo yoga. Prima iniziava a prima poteva rilassarsi e chiudere la mente per gli esercizi di Occlumanzia. Grazie alla sua nuova amica poteva realizzare il suo sogno di diventare una brava Occlumante e magari superare anche l'esame di abilitazione.
    Si alzò pronta per iniziare, però si accorse di non essere indossare abiti adatti per fare ginnastica in quanto aveva i jeans.*

    Ops.. mi sa che non posso fare yoga con i jeans. Di solito porto nella borsa dei pantaloncini di ricambio.. fammi controllare..

    *Disse la biondina chinandosi per prendere la sua borsa. L'aprì e iniziò a frugare dentro. Quella borsa era uno sfacelo. Lavinia non era famosa per essere la più ragazza più ordinata del mondo, però lei nel suo disordine riusciva sempre a trovare le cose. Dopo tre secondi di ricerca tirò fuori dalla borsa un paio di pantaloncini azzurri che le aveva comprato sua madre prima di partire per l'Egitto in vacanza.*

    Li ho trovati! Aspetta un attimo che mi cambio..

    *Esclamò la ragazza in fretta. Purtroppo ancora non sapeva come si trasfiguravano i vestiti. Avrebbe dovuto saperlo, ma Trasfigurazione non era una delle sue materie preferite. In realtà odiava quasi tutte le materie di Hogwarts, soprattutto quelle di cui era costretta a fare gli esami per trovare quel maledetto lavoro. Una volta Lavinia poteva essere considerata una vera e propria “secchiona”, ma dopo tutto quello le era successo aveva perso fiducia nella scuola e adesso la odiava. Non vedeva l'ora di andarsene da lì. Quello non era il posto! Lei aveva diciotto anni e avrebbe dovuto avere un lavoro e invece era lì a perdere tempo.
    Si accorse di stare di nuovo pensando ai suoi problemi, allora scosse la testa e tornò lì sulla spiaggia accanto alla sua amica Claire che voleva insegnarle lo yoga. Andò dietro il salice e si cambiò in fretta, non voleva essere vista da qualcuno, anche se lì non c'era nessuno oltre alle due ragazze.*

    Eccomi pronta!

    *Disse tornando da Claire e sorridendo. Voleva dare un taglio ai suoi problemi e imparare a chiudere la mente con quella forma di ginnastica molto interessante della quale le aveva parlato la sua dolce nuova amica.*

    @Claire_Biovero


  • Claire_Biovero

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 5
    Galeoni: 395
       
       

    *In riva al lago Claire non aveva solo trovato il modo di salutare in maniera doverosa la scuola che amava frequentare dal momento stesso in cui ci aveva messo piede per la prima volta, aveva anche conosciuto e fatto amicizia con una ragazza bionda, di qualche anno più grande di lei, con cui si stava trovando veramente bene, quasi come se il fatto di essersi appena incontrate o gli anni di differenza non si sentissero assolutamente.
    La Tassorosso era stata ad ascoltare con attenzione lo sfogo di Lavinia. Le dispiaceva per quella giovane ragazza, ne aveva passate di tutti i colori e lei voleva fare il possibile per farla stare un po' meglio, anche se la soluzione unica che trovava in quel periodo era fare yoga. Quasi come se quella pratica orientale fosse stata la panacea di tutti i mail del mondo, conosciuto e non.*

    Allora possiamo iniziare!

    *Esclamò allegramente Claire quando constatò che la sua nuova amica era davvero una tipa organizzata: aveva scovato nella sua borsa, che pareva ordinata tanto quanto la sua, un paio di pantaloncini adatti alla perfezione a quella sessione improvvisata di yoga.*

    Per prima cosa ci servono due stuoie...

    *Riflettè a bassa voce la brunetta mentre prendeva dalla tracolla il suo tappetino di plastica e lo stendeva a terra. Claire sapeva perfettamente quello che doveva fare, anche se non sarebbe stato facile. La ragazza estrasse la sua bacchetta magica ed estraniandosi dal mondo, chiudendo fuori tutti i pensieri e concentrandosi sulla superficie plastica su cui dopo poco avrebbero fatto qualche esercizio, puntò il catalizzatore magico e pronunciò la formula "Geminio", duplicando il tappetino.*

    Ottimo... Questa è per te! Ora... Sei pronta? Cominciamo!

    *Disse con decisione Claire mentre si sedeva sul tappetino e invitava l'amica a fare lo stesso sulla copia che aveva appena creato. Era riuscita a duplicarlo con un Geminio che era riuscita a compiere grazie alla sua capacità di concentrazione, acquisita anche grazie alla meditazione yoga. Voleva far capire a Lavinia che anche lei sarebbe riuscita a raggiungere grandi risultati, per tutto sarebbe servito un grande allenamento.
    Una volta sedutesi entrambe sulle stuoie la Tassorosso iniziò a far rilassare l'amica e a farla entrare nell'ottica dello yoga.*



    Siediti nella posizione più confortevole per te. Poi socchiudiamo gli occhi. Concentrati solo nel posto dove ti trovi, osserva tutto senza commentarlo, le cose che succedono intorno a te, i suoni intorno a te...
    Concentrati sul tuo respiro, inspira ed espira profondamente... Senti l'aria che batte sul labbro superiore...


    *La Tassorosso fece una breve pausa in cui anche lei si concentrò sul suo respiro, sperava che anche Lavinia di stesse rilassando. Dopo quel primo momento di meditazione avrebbero potuto incominciare gli esercizi.*

    Inspira ed espira... Come va?

    *Chiese la Tassorosso alla ragazza informandosi su come stesse procedendo quella prima fase.*

    @Lavinia_Grent,




    Ultima modifica di Claire_Biovero oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale



Vai a pagina 1, 2  Successivo