Notturn Alley
Notturn Alley


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Alberto_Aimo


  • Alberto_Aimo

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 90
        Alberto_Aimo
    Serpeverde
       
       

    *L'invito del ragazzo era impossibile da rifiutare: sul fondo del biglietto c'era addirittura una faccina sorridente. Forse Alexander ci avrebbe pensato prima di gettare il biglietto nella spazzatura. Il gufo di Hogwarts che aveva preso in prestito aveva un bel aspetto, molto più di quello del suo Diletto. *

    Fa freddo...

    *Notturn Alley era veramente poco rassicurante di notte ma era l'unico periodo in cui era libero e senza controlli di alcun genere. Non era tranquillo. Già due vecchi probabilmente malintenzionati erano passati per di li e solo i miagolii di Misto che troneggiava sulle spalle gli davano tranquillità. Sotto il mantello aveva stretto il regalo di scuse per Alexander. Da quando lo aveva tentato di ricattare affettuosamente non si erano piú sentiti. In fondo, lui gli aveva svelato che lo zio su cui bramava una vendetta che nemmeno V per vendetta, aveva degli Horcrux.*

    Dove sei...?


    @Alexander_Morgenstern,

  • Alexander_Morgenstern

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 9
    Galeoni: 280
       
       

    *La vita a Londra era di una noia mortale. Alexander Aiden Morgenstern, ragazzone d'un metro e novantatré che aveva come terzo nome "tragedia e sciagura", passeggiava per le strade londinesi con la sua nuova bacchetta nella tasca. A quanto aveva potuto constatare, oltre ad essere bella da vedere, sapeva anche il fatto suo. C'era, però, quella costante sensazione di sottomissione subdola, meschina.*

    No, questa non è per nulla come la mia vecchia bacchetta.

    *Pensò il diciassettenne, camminando con le mani nelle tasche senza una meta. Certo, nessuna bacchetta poteva essere uguale ad un'altra, ma quella di cui disponeva era, almeno per lui, per le sue esigenze, per quel che gli comunicava la sua pelle a contatto con quel catalizzatore, perfetta. Non c'era molto traffico, quella sera, e probabilmente fu per quello che il ragazzo fu in grado di udire un gufo appollaiato qualche metro più in la, in un vicolo che adesso Alexander affiancava, attirando la sua attenzione. La curiosità cedette presto il posto alla curiosità, facendo si che il Corvonero si avvicinasse e leggesse quella lettera.*

    Alberto.

    *Sussurrò appena con un mezzo sorriso, piacevolmente sorpreso da quella faccina sorridente alla fine del testo. Il gufo, una volta capito che il ragazzo non gli avrebbe dato niente, volò via, offeso.*

    Scusa se non porto biscotti per gufi sempre con me!

    *Esclamò in risposta il Corvonero, scuotendo il capo e tornando a guardare il biglietto. Diceva Nocturn Alley, un luogo un po'... improbabile, per un incontro: per non dire pericoloso. Fatto stava che Alberto era già lì, quindi...*

    Meglio affrettarsi.

    *Mormorò immergendosi nelle tenebre di quel vicolo e Materializzandosi in quello che doveva essere il luogo dell'appuntamento. Le strade, anzi, i vicoli di quel posto erano come al solito luridi e pieni di gente non molto "per bene", molti dei quali, adesso, fissavano Alexander vociferando. Ovviamente, che era il nipote di Viktor, lo sapevano tutti.*

    Ehi.

    *Salutò Alexander con un cenno del capo, andando verso quello che doveva essere Alberto: o meglio, la corporatura era quella del ragazzo.*

    @Alberto_Aimo,


  • Alberto_Aimo

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 90
        Alberto_Aimo
    Serpeverde
       
       

    Ehi.

    *Alberto sussultò. Non era la prima volta quella sera (dopotutto) che qualcuno gli si avvicinava. Misto lanciò un ringhio e un miagolio stridulo, segno che anche lui si doveva essere spaventato molto. Il Serpeverde prese la bacchetta dalla tasca. L'odore del legno di melo lo rasserenò, avvolgendogli il naso con la sua dolcezza penetrante; fece un respiro e si concentrò sulla voce: Alexander, finalmente.*

    Ciao!

    *Disse agitando la manina da dodicenne. Per certi versi era ancora un bambino, benchè fosse ampiamente più maturo dei suoi coetanei. Sorrise tranquillo, finalmente c'era qualcuno da volto amico. Ovviamente Misto non era d'accordo. Arruffò il pelo come accadeva ogni volta che lo incontrava, ma questa volta, il mago gli tirò un buffetto sul muso e quello si calmò, senza però togliere gli occhi dal Corvonero.*

    Senti... forse non è il posto migliore per incontrarsi ma... ti ho portato delle cose...

    *Prima di tutto prese un sacchetto di cuoi dalla bisaccia e un pregievole odore di fiordaliso riempì l'aria lì attorno, come se cancellasse la puzza di vecchio e umido. Erano le sue caramelle preferite, fatte in casa dalla nonna, ne aveva uno zuccherificio. Lei sapeva che erano le sue preferite e ne portava sempre montagne. Un sacchetto non era nulla per lui.*

    Caramelle... al fiordaliso...

    *Disse abbassando lo sguardo. Non era l'unica cosa che voleva dargli e sopratutto dirgli. Ma la serata era lunga, tempo ne avevano per chiaccherare. E sopratutto chiarire.*

    @Alexander_Morgenstern



    Ultima modifica di Alberto_Aimo oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale