Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Matte_Webber




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Matte_Webber

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 924
        Matte_Webber
    Corvonero
       
       

    [SALA COMUNE DI CORVONERO]


    *Matte come al solito si trovava nella sala comune della sua casa per svolgere i compiti che i professori gli hanno assegnato. Fuori il sole era oscurato da delle nuvole che portavano la neve. Lui la adorava! Quindi decise di uscire e di andare fino ad Hogsmade e prendere una burrobirra ai Tre Manici di Scopa. Si vestì, uscì dal castello e si incamminò.*

    [Tre Manici di Scopa]


    *Appena arrivato Matte notò che non c'erano molti clienti quella mattina, quindi si sedette su una sedia vicino al bancone nell'attesa che @Shireen_Firewet, la barista, venisse per poterlo servire.*

  • Shireen_Firewet

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 907
       
       

    *Quella mattina il locale era piuttosto scarno di clienti: i maghi e gli studenti, che avevano deciso di mettere il naso fuori dalle loro case e dalla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, sembrano essere indaffarati ad effettuare compere in tutta High Street. Questo era quello che la Firewet poteva vedere dalle grandi finestre che proteggevano il pub di cui era la barista. A breve però, sarebbe giunta l'ora di pranzo e molti degli acquirenti dei negozi di Hogsmeade avrebbero deciso di prendersi una pausa dalle compere raggiungendo il famosissimo locale dei Tre Manici di Scopa. La Firewet, mentre disponeva bicchieri e boccali puliti in attesa di nuovi clienti, focalizzò la sua attenzione sui pochissimi avventori del pub. La giovane iniziò a far fluttuare i suoi occhi smeraldini in direzione dei tavolini: i clienti abituali ridevano e scherzavano mentre sorseggiavano dai boccali di burrobirra e giocavano a carte. Quella mattina Shireen si era diretta allegramente a Hogsmeade. Per le vacanze natalizie la giovane era rimasta al Castello a causa dei numerosi compiti che doveva portare a termine e del suo lavoro presso il villaggio. Doveva ammettere che, rimanendo al Castello, si era divertita: ricordava soprattutto, con un pacato rossore sulle sue gote, lo Yule Ball. Durante la colazione, la bronzo blu avevano accolto i principali frequentatori del locale e alcuni ragazzi che si volevano scaldare con una burrobirra. Quel lavoro la affiatava molto: era contenta di sentirsi indipendente per la prima volta nella sua vita e capiva perfettamente che quella era un’eccellente opportunità per iniziare ad integrarsi nel mondo del lavoro, nel quale sarebbe sicuramente entrata a pieno regime dopo la fine della Scuola. Non aveva trovato particolari difficoltà a gestire il locale: Lavinia, la precedente proprietaria, le aveva illustrato il modo corretto per spillare la burrobirra e come servire le bevande ai clienti con i relativi bicchieri indicati. Sua nonna, invece, le aveva insegnato come cucinare i piatti presenti sul menù del locale. La Corvetta non aveva mai provato a cimentarsi in cucina ma, con pratica assidua, riusciva finalmente a comporre dei piatti buoni e ben presentati. La mente caleidoscopica della giovane venne distratta dalla porta del locale che si aprì: la giovane concentrò la sua attenzione su possibili nuovi venuti e vide che si trattava di una ragazzo. La Firewet, assumendo una posizione eretta, si rivolse a lui:*

    Buongiorno e benvenuto!

    *Affermò la giovane, accompagnando le sue parole ad un cordiale sorriso disegnato sul viso dalle sue sottili labbra. Il nuovo venuto avanzò nel locale appartenuto alla famosa Madama Rosmerta e, dopo averla raggiunta lentamente dinanzi al bancone, si sedette su uno stabile sgabello. Shireen, si avvicendò, ad estrarre due pergamene localizzate in uno scompartimento del bancone in legno e le depose sopra la superficie di quest'ultimo.*

    Tieni, questi sono i menù delle bibite e delle pietanze. Scegli quello che preferisci con calma.



    *Affermò affabile nei confronti del giovane. La barista, nel frattempo, focalizzò la sua attenzione sul ragazzo dagli occhi bruni e dai capelli castani. Le sembrava di aver già visto il suo viso da qualche parte. Quindi decise che, una volta che il giovane avesse scelto cosa ordinare, gli avrebbe domandato se si fossero già incontrati da qualche parte. Mentre aspettava un qualche segnale dal parte della persona dinanzi a lei, la bronzo blu si allontanò di pochi centimetri, per mettere in ordine alcune bottiglie di vino elfico che erano arrivate proprio quella mattina.*

    @Matte_Webber,


  • Matte_Webber

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 924
        Matte_Webber
    Corvonero
       
       

    *La barista depose sulla superficie del bancone due pergamene sulle quali c'era la lista di tutto ciò che Matte avrebbe potuto ordinare. Decise di prendere una Burrobirra, anche se lui vorrebbe poter comprare il Whisky incendiario, ma purtroppo è minorenne e non può berlo.*

    Gradirei una Burobirra.

    *Matte cercava sempre di essere cortese con le altre persone e di avere sempre un sorriso stampata sul viso. A Matte però sembrava di aver già visto la barista da qualche parte; forse nella Sala Comune di Corvonero? O forse tra i corridori di Hogwarts? O semplicemente a Hogsmade? Il ragazzo avrebbe voluto scoprirlo ad ogni costo, ma intanto aspettava che la barista gli servisse ciò che aveva ordinato. Lui non veniva molto spesso ai Tre Manici di Scopa e a Hogsmade, perché era troppo preoccupato a svolgere a meglio i compiti assegnati per poter superare l'esame di fine anno, forse il più importante, i G.U.F.O. Al solo pensiero Matte rabbrividiva perché aveva paura di ottenere voti negativi e, quindi di non essere ammesso ai M.A.G.O.*

    @Shireen_Firewet


  • Versus_Zero

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 67
        Versus_Zero
    Serpeverde
       
       

    *Un giro in un villaggio di maghi fino a quel giorno era stato un sogno. Quindi, appena le fu concesso, la giovane si diresse con un piccolo gruppo in quel posto incantevole e caratteristico poco distante dal castello. Il bar era gremito ma per sua fortuna un uomo corpulento aveva finito i suoi affari in quel posto concedendole uno sgabello piuttosto alto, accanto al bancone. Certo, i giovani preferivano i tavoli e li occupavano con gli amici, ma lei era lì tutto sommato da sola quindi si divise da quel gruppetto che aveva seguito giusto per non perdersi e si affrettò a occupare il posto ancora caldo. Perfetto, era davanti all’entrata ma faceva talmente caldo che non si sentiva nemmeno uno spiffero quando qualcuno faceva il suo ingresso. Aspettò che la occupatissima barista si liberò prima di attirare la sua attenzione con un gesto educato della mano. Era inutile chiamarla a voce, con quel caos avrebbe dovuto sbraitare facendo la figura della bifolca.*

  • Shireen_Firewet

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 907
       
       

    *Mentre la Firewet stava mettendo in ordine alcune bottiglie in vetro color smeraldo contenti del vino elfico, il ragazzo richiamò la sua attenzione. Quest'ultimo, gentilmente, affermò che avrebbe gradito una burrobirra. La bronzo blu quindi, dopo aver posato l'ultima bottiglia su un liscio scompartimento in legno, si precipitò ad eseguire l'ordinazioni del giovane cliente.*

    Certamente, arriva subito!

    *Esclamò Shireen mentre si apprestava a preparare la burrobirra. Prelevò dunque un boccale dai ripiani inferiori del bancone e, avvicinandosi allo spillatore dal quale scendeva l’ambrata burrobirra, lo posizionò inclinato al di sotto del rubinetto. Facendo attenzione che il bicchiere non venisse in contatto con il rubinetto, azionò il meccanismo di apertura e la burrobirra iniziò a defluire nel contenitore in vetro. In pochi secondi il boccale si riempì e, dopo aver chiuso il rubinetto, la bronzo blu lo depose dinanzi al misterioso giovane.*


    Spero che sia di tuo gradimento. Sicuro di non voler niente da mangiare? É quasi ora di pranzo..

    *Affermò la figlia di Rowena mentre le sue iridi smeraldine volgevano verso un vecchio orologio che si trovava localizzato vicino alla porta d'ingresso del locale. A breve, i Tre Manici di Scopa sarebbero stati invasi da un'orda famelica di maghi e studenti esausti dalle spese che avevano effettuato nel borgo magico di Hogsmeade. Dal momento che quel giorno era domenica quell'episodio si sarebbe verificato come tutte le domeniche del mese passato. Per Merlino, era già un mese che si trovava a svolgere il suo servizio come barista! Doveva ammettere che le dispiaceva lasciarlo: lì dentro si trovava a suo agio in quanto poteva gestire il locale senza dipendere troppo da nessuno. Mentre rifletteva, la porta del locale si aprì. Qualche nuovo cliente iniziò a defluire all'interno del pub e calde voci iniziarono a librare nell'aria. La sedicenne dovette abbandonare il giovane e prodigarsi a servire due corpulenti maghi che le chiesero un bicchiere di idromele e uno di vino elfico. Dopo aver preparato e portato ad un tavolino le due ordinazioni, la giovane vide, con la coda dell'occhio, che una ragazzina stava reclamando la sua attenzione. Velocemente Shireen si portò dinanzi a lei, seduta su uno sgabello antistante al bancone, e le si rivolse:*

    Buongiorno e benvenuta!

    *Esclamò gentilmente la Corvonero. Era solita indirizzare quelle parole cortesi ai suoi clienti in quanto doveva rivolgersi a tutti loro con estremo garbo. Era la prima volta che vedeva il viso di quella giovane e quindi si avvicendò a cercare la lista degli elementi offerti ai Tre Manici di Scopa. La giovane fece scorrere sul bancone le due pergamene ingiallite, che qualcuno aveva abbandonato lì e si trovavano adagiate a pochi centimetri dalla ragazzina, sulla quale erano scritti i diversi piatti e bevande che venivano proposti nel locale.*


    Ti lascio la lista delle bibite e della cucina. Quando hai deciso fammi pure un cenno.

    *Ultimando la sua frase, la figlia di Rowena rivolse un sorriso cordiale nei confronti della ragazzina. Shireen si allontanò lievemente da quella che, molto probabilmente, frequentava la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts per darle il tempo di decidere e non sembrare troppo invadente.*

    @Matte_Webber, @Versus_Zero,


  • Matte_Webber

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 924
        Matte_Webber
    Corvonero
       
       

    *La barista chiese a Matte se voleva qualcosa da mangiare visto che era quasi ora di pranzo. All'inizio il ragazzo voleva solamente bere una Burrobirra, ma dopo la domanda della ragazza dietro al bancone gli venne fame; quindi decise di acquistare qualcos'altro dal menù.*

    Vorrei delle crocchette di patate.

    *Intanto che aspettava che la ragazza lo servisse vide che accanto a lui si sedette una ragazza che all'apparenza sembrava del primo anno, quindi decise di salutarla, anche perché voleva fare nuove amicizie.*

    Ciao, mi chiamo Matte. Per caso sei una ragazza del primo anno?

    *A Matte sembrava di averla vista durante la cerimonia dello Smistamento, ma non era molto sicuro. Credeva anche che fosse stata smistata nella casa dei Serpeverde. Al ragazzo piaceva il clima tranquillo all'interno del locale in cui poteva rilassarsi nei pochi momenti in cui era libero.*



    @Shireen_Firewet, @Versus_Zero,




    Ultima modifica di Matte_Webber oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Versus_Zero

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 67
        Versus_Zero
    Serpeverde
       
       

    *La giovane barista sembrava indaffarata ma riuscì a captare le sue richieste di attenzione, facendo scorrere lungo il bancone non uno ma ben due menu.*

    La ringrazio, solo un secondo… vediamo…

    *Disse la neo smistata mentre faceva correre gli occhi lungo i vari nomi presenti. Le venne l’acquolina in bocca ma non poteva spendere tutti i suoi averi per un pranzo. Sebbene fosse l’ora di un vero pasto, non poté far a meno di far cadere i suoi occhi sulla scritta “Donuts” e immediatamente prese una decisione.*

    Un donuts e un succo di mirtilli, grazie.

    *Ordinò educatamente la giovanissima pregustandosi quel bizzarro pasto. Nemmeno il tempo di ordinare che un ragazzo le rivolse la parola. Un certo Matte, che poco prima aveva ordinato delle crocchette di patate, le stava chiedendo se era nuova. Il suo aspetto doveva tradirla molto più di quel che pensava. O forse l’aveva vista allo smistamento, ricordò di essere rimasta poco più degli altri su quello sgabello in compagnia di quel cencioso indumento.*

    Ciao, sono Versus e sono al mio primo anno tra i Serpeverde. Tu?

    *Chiese al giovane che non aveva mai visto prima di quel momento. Doveva essere di un'altra casata oppure non lo aveva mai incrociato in Sala Comune.*

  • Matte_Webber

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 924
        Matte_Webber
    Corvonero
       
       

    *La ragazza rispose a Matte dicendogli che era del primo anno e di Serpeverde.*

    Io mi chiamo Matte e sono di Corvonero.

    *Matte stava facendo in fretta nuove amicizie soprattutto con persone diversa età e casa. A lui Serpeverde, con i suoi colori, non era mai piaciuta particolarmente, perché la maggior parte dei ragazzi di quella casa sono spesso prepotenti, ma molto furbi, però quella ragazza sembrava diversa da tutti gli altri. Matte non sapeva il motivo, forse dalle poche parole che aveva detto o forse per i suoi movimenti e il suo atteggiamento. Matte stava ancora aspettando le crocchette che aveva ordinato pochi minuti prima e la fame stava crescendo. Intanto che aspettava guardò fuori dalla finestra e notò che la neve iniziò ad aumentare e sempre più persone stavano entrando nel caldo locale.*

    Ti trovi bene qui ad Hogwarts?

    *Matte fece questa domanda alla ragazza di Serpeverde, Versus, perché era un ragazzo davvero curioso. Se lei avesse avuto qualche problema si sarebbe gentilmente offerto per aiutarla, visto che si trovava ad Hogwarts da più di cinque anni e aveva un po' di esperienza.*

    @Shireen_Firewet, @Versus_Zero,


  • Shireen_Firewet

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 907
       
       

    *Shireen si appoggiò lievemente al mobiletto in legno, posto alle spalle del bancone, ma la sua attenzione viene all'improvviso catturata dal ragazzo di cui le sembrava di conoscere i lineamenti. Quest'ultimo, rinvangando forse la sua offerta, le ordinò un piatto di crocchette di patate. La Firewet effettuò un cenno positivo con la sua riccia testa per far comprendere al giovane che avrebbe espletato al più presto la sua ordinazione. Prima di dirigersi nella cucina dei Tre Manici di Scopa, però, la bronzo blu se anche la ragazzina avesse scelto qualcosa dalle due lunghe liste. Risultò essere proprio così: la giovane, infatti, le chiese di poter avere i donuts ed un succo di mirtilli. La Corvonero si avvicendò a compiere l'ultima richiesta della ragazza: da uno scaffale ubicato nel bancone afferrò una bottiglietta in vetro contenente del succo di mirtilli (riuscì a prenderlo velocemente in quanto i succhi era maniacalmente ordinati in base al gusto). Tenendo il contenitore in vetro nella mancina, lo scrollò lievemente. Quindi, aprendo energicamente il tappo che lo rinchiudeva, ne versò il contenuto in un alto bicchiere pulito che si trovava vicino a lei. Appoggiò il bicchiere dinanzi alla giovane e le si rivolse:*

    Se lo preferisci con del ghiaccio non ti fare problemi a chiedermelo. E, soprattutto, dammi del tu!


    *Affermò Shireen lanciando un cordiale sorriso nei confronti della ragazzina. Quando quest'ultima le si era rivolta dandole del lei, la Firewet si sentì come se fosse stata pietrificata alle spalle. Sembrava così vecchia? Un sorrisino ironico si affacciò sulle sue labbra: anche lei, cinque anni prima, si era rivolta in quel modo all'ex-barista che, con il trascorrere del tempo, era diventata una sua cara amica. Scrollando dalla sua testa quei pensieri, con la velocità di un Fuoco Forsennato Weasley, si catapultò nella cucina del locale. Le crocchette di patate erano già state preparate quella mattina e, grazie ad un incantesimo di conservazione degli alimenti che le aveva insegnato la nonna, erano pronte per essere cucinate. Le crocchette erano state preparate con una base di purea di patate e parmigiano e poi erano state ricoperte da pangrattato. Shireen prelevò da un grosso cassetto una padella in acciaio e la posizionò su uno dei fornelli. Quindi da uno scompartimento della cucina prelevò una bottiglia in vetro di olio di semi per friggere. Ne versò il necessario contenuto nella padella ed accese il piano cottura magico. La giovane aspettò dunque che l’olio raggiungesse una temperatura adeguata e vi immerse cinque crocchette di patate. Mentre la sedicenne aspettava che quest’ultime cuocessero, si spostò di fronte ad un elegante contenitore nel quale erano racchiuse delle piccole ciambelle glassate al cioccolato. Shireen prese un piccolo tagliere rettangolare e, dopo aver preso delle pinze da cucina, afferrò una ciambellina e poi altre due. Con una scattò fulmineo, la bronzo blu controllò la cottura delle crocchette di patate: avevano assunto una panatura dorata e croccante. La giovane chiuse il fuoco al di sotto della padella e prelevò, tramite l’ausilio di pinze da cucina, le crocchette che depose sopra un foglio di carta da fritti per far scolare l’olio in eccesso. Trasferì dunque le crocchette su un piatto bianco e vi aggiunse una ciotolina con all’interno del pomodoro tagliato a cubetti e una foglia di insalata. La streghetta prese il piatto con la mancina e nella destra strinse il piccolo tagliere. Uscì così dalla cucina per consegnare i due piatti ai ragazzi. Mentre rientrava nella parte adibita per i clienti, la Corvonero poté notare che i due ragazzi si erano avvicinati e stavano parlottando tra loro.*

    Ecco qui! Scusate per l'attesa.

    *Disse la barista dei Tre Manici di Scopa. Per prima cosa depose il piatto, contenente le crocchette di patate, dinanzi al ragazzo.*


    *Una volta compiuta l'operazione, posò delicatamente il piccolo tagliere, contenente le ciambelline glassate al cioccolato, di fronte all'educata ragazzina.*


    *Shireen aveva realizzato i piccoli dolci quella mattina stessa. Per prima cosa aveva sbriciolato il lievito di birra in una ciotolina e vi aveva aggiunto un cucchiaino di zucchero e poco latte tiepido per far sciogliere il tutto. In una ciotola a parte vi aveva messo la farina e, grazia ad una frusta, vi aveva aggiunto lentamente il composto di lievito, il rimanente latte tiepido, due uova, lo zucchero, la vaniglia ed il sale. Aveva dunque impastato il tutto fino a che il composto non si era completamente staccato dalle pareti della ciotola. Poco per volta aveva fatto inglobare il burro all'impasto ed, infine, aveva ottenuto un composto liscio e omogeneo. La giovane aveva dato il tempo alla pasta di lievitare mentre svolgeva alcune piccole mansioni nel locale. Dopo una mezz'ora era ritornata in cucina ed aveva steso l'impasto dal quale ricavò le ciambelline. Per completare il dolce aveva fritto i piccoli cerchi con il buco e li aveva ricoperti con una deliziosa glassa al cioccolato ed alcuni piccoli ornamenti di zucchero che aveva comprato da Mielandia.
    Notando che era rimasta qualche secondo in silenzio, mentre ricordava il lavoro che aveva svolto quella mattina, si rivolse ai giovani di fronte a lei:*

    Spero che sia tutto di vostro gradimento. Comunque scusate la mia maleducazione, io sono Shireen. È la prima volta che venite qui?

    *La streghetta fece la sua presentazione accompagnata da un sorriso estremamente cordiale e domandò ad entrambi i giovani davanti a lei se quella fosse la prima volta che giungevano in quel luogo. La Firewet era estremamente volenterosa di conoscere chiunque si presentasse ai Tre Manici di Scopa magari, nei giorni a venire, li avrebbe potuti incontrare all'interno della Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts.*

    @Matte_Webber, @Versus_Zero,





    Citazione:
    OT:

    Cara Versus,

    ricorda di citare sempre nel tuo post le persone con cui stai ruolando ^^
    Inoltre, se ti facesse piacere, potresti scegliere un colore per il tuo parlato.
    Se vuoi, puoi scegliere un colore nel "Font Color" che appare nell'anteprima oppure utilizzare un colore in HTML.
    Ti faccio un esempio: [ color=darkblue]Harryweb[/color] - lo spazio tra la prima parentesi e "color" non ci deve essere, l'ho messo solo per spiegarti il codice.

    Se non mi sono spiegata bene, chiedimi pure in privato, sarò lieta di rispondere ad ogni tuo dubbio.

    Buon proseguimento ^^


  • Matte_Webber

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 924
        Matte_Webber
    Corvonero
       
       

    *Finalmente la barista finì di preparare tutto ciò che i due ragazzi avevano richiesto. Matte si stupì dalla velocità con cui essa li servì. Il ragazzo stava per iniziare a mangiare, quando lei, improvvisamente, si presentò e chiese loro se erano mai stati all'interno dei Tre Manici di Scopa.*

    Ciao Shireen, io mi chiamo Matte, se non ricordo male ci siamo incontrati qualche volta all'interno della Sala Comune di Corvonero. Comunque in questo locale c'ero venuto una volta, ma qualche mese fa quando c'era un'altra barista.

    *A Matte sembrava di averla vista nella sua Sala Comune, ma non era sicuro che fosse proprio della sua stessa casa. Shireen sembrava una ragazza più grande di lui, forse del sesto o settimo anno, ma era davvero simpatica, solare e servizievole. Intanto che attendeva la risposta della barista, iniziò a mangiare le sue crocchette con tranquillità, pensando alla bellissima giornata che stava trascorrendo, facendo nuove amicizie e nuovi incontri.*

    @Shireen_Firewet, @Versus_Zero,


  • Versus_Zero

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 67
        Versus_Zero
    Serpeverde
       
       

    *Il ragazzo ribadì il suo nome. Lei in teoria aveva posto quella domanda per sapere di che anno fosse, ma non ci fece caso, probabilmente si era espressa male. Col caos in aumento ai Tre Manici di Scopa era fattibilissimo confondersi. Da quel che diceva era un Corvonero, uno molto socievole visto che sembrava voler attaccar discorso. Non era il forte di Versus, ma con gli estranei rimaneva educata (sempre se questi se lo meritavano). Quindi sorrise prima di rispondere alla domanda che gli aveva appena posto.*

    Sì, fin troppo bene. Infatti…

    *Interruppe la frase per rivolgersi alla cameriera che l’aveva servita in modo immediato.*

    Grazie mille, va benissimo così, col freddo che fa fuori almeno nello stomaco voglio qualcosa di non gelido!

    *Rispose in modo scherzoso per poi prendere il bicchiere con la mano destra e gustarsi un sorsetto di quella dolce bevanda. Amava il freddo, ma dato la bufera di neve (intravista dal portone) che la aspettava al ritorno, era meglio non raffreddarsi troppo all’interno. Sebbene certi dicessero che bere bevande calde in estate e fredde in inverno fosse un toccasana, non voleva rischiare un’indigestione. Intanto la ragazza era corsa verso un locale adiacente, probabilmente per completare il resto dell’ordinazione.*

    Dicevo… mi trovo talmente bene che non capisco come ho fatto a vivere tra i babbani, senza tutta questa… magia, insomma è ovunque. Persino in questo succo è Fa-vo-lo-so!

    *Esclamò rivolta a Matte, arrossendo subito dopo. Insomma i dolci la facevano diventare più espansiva, caratterista ben lungi lontana dal suo carattere solito. Per sua fortuna la cameriera interruppe il suo imbarazzo servendole un tagliere con ben tre Donuts, il suo dolce preferito.*

    Piacere, io sono Versus e… sì è la mia prima volta qui.

    *Rispose la Serpeverde acciuffando una di quelle piccole meraviglie glassate, addentandole subito dopo. Non era un gesto maleducato, semplicemente cominciava ad aver fame e quei dolcetti avevano un aspetto meraviglioso. Un versetto di gradimento provenne dalle sue “fauci”*

    Sono stupende! Ehm scusa, complimenti alla cuoca.

    *Un’ennesima figuraccia ma… che poteva farci, quel piatto era una delle sue debolezze!*

    @Matte_Webber @Shireen_Firewet


  • Shireen_Firewet

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 907
       
       

    *Dopo che Shireen ebbe posato i piatti che aveva preparato davanti ai due giovani, questi ultimi presero immediatamente la parola. Il primo a far uscire la voce dalle sue corde vocali: si presentò rivelando il suo nome e affermò, inoltre, che forse si erano già visti nella Sala Comune dei Corvonero. Il mistero era dunque svelato: aveva sicuramente già incontrato Matte nella Torre bronzo blu. Il ragazzo rispose anche alla sua domanda: affermò che era venuto nei Tre Manici di Scopa solamente una volta durante la quale vi era un'altra barista. Il giovane stava sicuramente parlando di Lavinia, la cara amica della Firewet che aveva ricoperto il ruolo prima di lei.*

    Probabilmente allora hai incontrato Lavinia. Ogni due mesi il locale cambia barista e, dal momento che sono al quinto anno a Hogwarts, ho deciso di provare con quest'incarico.

    *Affermò la sedicenne, mentre un sorriso di circostanza si apriva sul suo viso. Nel frattempo anche la giovane, che sembrava essere più piccola di Matte, si presentò: si chiamava Versus e ribadì che quella era la prima volta che giungeva ai Tre Manici di Scopa. Con una piccola mano afferrò una delle ciambelline ed iniziò a mangiarla. Un piccolo segnale sonoro di gradimento provenne dalla bocca della ragazzina. Quest'ultima si premurò di informarla che erano stupende e fece i complimenti alla cuoca.*

    Sono felice che ti piacciano!

    *Esclamò entusiasta Shireen. Le gote diafane della Corvetta si tinsero lievemente di rosa: non si era ancora abituata agli avventori che le facevano i complimenti riguardanti la sua cucina. La giovane bronzo blu poteva ritenersi soddisfatta: aveva recepito qualcosa dalle lezioni che le erano state impartite. Intanto, uno dei corpulenti maghi che avevano ordinato del vino elfico e dell'idromele si era avvicinato al registratore di cassa, intenzionato a pagare.

    Scusate ragazzi, torno subito.

    *Disse la bronzo blu, quindi si allontanò dai due giovani per raggiungere il mago dal mantello blu scuro. le dispiaceva allontanarsi dai due ragazzi ma doveva continuare a svolgere il suo lavoro. Appena giunta dinanzi al registratore di cassa l'uomo le diede alcuni galeoni. La Firewet lo ringraziò e, tenendo nella mancina i sonanti galeoni, si apprestò a riversali nel registratore di cassa. Quest’ultimo era un oggetto alquanto antico e la quindicenne pensava che fosse lì dai tempi in cui il locale aveva aperto al pubblico per la prima volta. Con l’indice della mano destra schiacciò il tasto in acciaio che permetteva di azionare l’apertura della parte inferiore del registratore.*


    *Con un rumoroso CLANG quest'ultima si aprì e la giovane vi riversò i soldi all’interno, dividendoli negli scompartimenti adeguati. Per richiuderlo, invece, aveva bisogno di una certa dose di forza: i marchingegni dovevano essere un po’ arrugginiti ed ogni volta per chiuderlo bisognava usare una forza erculea. Compiuta l'operazione ritornò tra i due appartenenti alla Scuola, proprio come lei.

    Allora, avete fatto compere a Hogsmeade o siete venuti direttamente qui dal Castello?

    *Domandò la ragazzina, curiosa su quello che le avrebbero potuto rispondere i nuovi conoscenti. La bronzo blu era a conoscenza del fatto che, molte volte, doveva limitare la sua curiosità. Ma erano ben pochi i momenti in cui vi riusciva.*

    @Matte_Webber, @Versus_Zero,


  • Matte_Webber

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 924
        Matte_Webber
    Corvonero
       
       

    *Matte apprese che Versus si trovava veramente proprio bene ad Hogwarts, proprio come a lui. Intanto lui si stava gustando le sue crocchette e la sua Burrobirra, quando la ragazza accanto a lui fece i complimenti alla cuoca, ma, per fortuna, Matte riuscì a non ridere. Poi Shireen gli chiese se era andato quando c'era la sua amica Lavinia.*

    Sì c'ero venuto quando c'era ancora lei. Quindi anche tu sei al quinto anno come me? Credevo fossi più grande di me.

    *Nel frattempo la barista era andata alla cassa per farsi pagare dall'uomo con il mantello che aveva notato prima. Quando tornò chiese loro se avevano fatto un giro ad Hogsmeade o erano venuti direttamente ai Tre Manici di Scopa.*

    Io sono venuto direttamente qui, ma, forse, dopo farò un giro ad Hogsmade.



    *Matte non veniva spesso ad Hogsmade sia per lo studio sia perché preferiva il clima di Hogwarts. Però fare qualche gita non gli dispiaceva.*

    @Shireen_Firewet, @Versus_Zero,


  • Versus_Zero

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 67
        Versus_Zero
    Serpeverde
       
       

    *La barista sembrava apprezzare il suo complimento, anche se lo aveva fatto involontariamente. La Serpeverde arrossì leggermente, levandosi i capelli dalla fronte col solito tic che si portava dietro da piccolissima. Puntò lo sguardo ai due restanti dolci per evitare quello degli altri. Non le piaceva far notare quello che provava e di sicuro il suo imbarazzo voleva tenerlo per sé. Mentre lei era girata, la ragazza era andata e tornata chiedendo se avessero fatto una sosta ai negozi di Hogsmeade prima di sostare lì*

    Oh, no. Magari! Sono un po’ di fretta. Devo rimandare la gita.

    *Disse un po’ dispiaciuta, era nuova e doveva ancora prendere il ritmo, difatti una montagna di compiti sti stava accumulando e voleva approfittare di quel giorno per portarsi alla pari. Insomma, non era una secchiona ma non ci teneva a non far la figura dell’asina che rimaneva indietro rispetto al resto della classe. A tal proposito, una volta finiti i due dolci e i drink, si sarebbe avvolta nel mantello tornando indietro sui suoi passi, verso il castello. Stava solo aspettando che la tormenta si affievolisse.*

    @ Shireen_Firewet @ Matte_Webber