• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Shireen_Firewet


  • Shireen_Firewet

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 907
       
       

    [Hogwarts – Quarto Piano – Biblioteca]


    *Se qualcuno con la testa sulle spalle (incluso Sir Nicholas de Mimsy-Porpington?), in quel pomeriggio ugggioso di aprile, avesse cercato una ligia Corvonero dove l’avrebbe individuata? Ovviamente in Biblioteca. La Firewet era rinchiusa nella Stanza del maggior sapere di Hogwarts in quanto doveva svolgere i numerosi compiti che i Professori avevano impartito agli studenti. Con spirito di buona volontà, dopo aver effettuato un’abbondante pranzo, si era diretta nel locale custodito dall’arcigna Bibliotecaria e non si era più scollata dai libri e dalle pergamene. Quando alzò lo sguardo le sembrò che fosse passato un giorno intero ma, visualizzando un orologio posto su una parete, si accorse, con estremo sconforto, che erano passate solamente due ore e mezza. Sbatté la riccia testa sul ripiano in quercia e produsse un forte TOC.*

    Secondo me è vuota.

    *Con la mancina grattò la sua scatola cranica come per cancellare via quella voce. Doveva continuare, non poteva arrendersi di fronte a quella marea di compiti. Quindi si rituffò di testa sulle pergamene in cui galleggiavano le domande di Trasfigurazione: Merlino cosa doveva scrivere sull’Incanto di Duplicazione? Alla sua sinistra vi era un libro aperto ed un paragrafo sottolineato (la Bibliotecaria non si era accorta di quella profanazione?) recitava:*

    Citazione:
    Geminio:
    Incantesimo utile per creare copie perfette ma, nel caso l’originale possegga dei poteri magici, il doppione non li avrà. Può duplicare qualsiasi cosa tranne i soldi, che sono protetti magicamente dai Goblin. È un incanto che richiede grande concentrazione, inoltre, tanto più l’originale è prezioso e potente tanto maggiore è la difficoltà di duplicarlo.

    *Il volume di testo adottato dalla Professoressa non impartiva molte informazione utili. Sconfortata, chiuse il libro.*

    Pensa, Firewet, pensa...

    *Ma certo, come aveva fatto a non pensarci prima! La docente aveva esplicitamente detto che se avevano dei dubbi potevano andare a trovarla nel suo ufficio per chiedere delucidazioni in merito. A breve, però, la giovane si sarebbe dovuta recare a Hogsmeade per sovrintendere al turno pomeridiano del "The Noble Horntail". La sedicenne decise, quindi, che avrebbe risolto in un secondo tempo i suoi problemi con Trasfigurazione in quanto doveva assolutamente dirigersi presso il borgo magico. La ragazza, quindi, si affrettò a preparare armi e bagagli, racchiudendo tutti i suoi accessori alla rinfusa nella borsa a tracolla nera e depositando i libri che aveva prelevato dagli alti scaffali. Dopo aver chiuso la porta della Biblioteca dietro di sé, un pensiero la accompagnò quando mise il piede destro sulle scale per scendere ai piani inferiori:*

    Speriamo che non decidano di cambiare proprio ora…



    Hogsmeade – Morgana Street – The Noble Horntail – Orto Interno


    *La Firewet giunse a Hogsmeade con un po’ di affanno. Era partita in ritardo dal Castello e quindi aveva percorso il sentiero che lo congiungeva al borgo magico effettuando una leggera corsa. Prima di lasciare il Castello, era ritornata nella Torre Corvonero per cambiare la divisa bronzo blu con qualcosa di comodo. La giovane scelse, infatti, di indossare un maglioncino verde persiano, al di sopra del quale pose un leggero mantello nero, ed un paio di pantaloni un po’ consumati. Grazie a Rowena, quando arrivò dinanzi alla porta del negozio del The Noble Horntail, non vi era nessun cliente ad aspettarla. Dopo aver trovato le chiave dell’uscio, la bronzo blu entrò nel locale relativo alla vendita e poté notare che tutto era sistemato alla perfezione. Quella stessa mattina, probabilmente, l’impiegata che avevano assunto lei e Lavinia aveva già svolto un ottimo lavoro. Notando che la porta di vetro che portava all’Orto Interno era leggermente aperta, la giovane decise di controllare la situazione delle piantine che vi venivano coltivate. Shireen, quindi, varcò la porta ed entrò nella lunga stanza dal tetto in vetro. Le sue narici percepirono all’istante un profondo odore di terriccio ed un dolce profumo proveniente da alcuni vegetali. Le sue attenzioni vennero attirate all’istante da alcune piante di Valeriana officinalis che sembravano richiedere una grande quantità di acqua ed alcune delle loro foglie basali erano secche. La Firewet si avvicinò ad esse e, con movimenti decisi della mancina, estirpò gli elementi che sarebbero potuti risultare dannosi per la pianta. Compiuta questa breve operazione, decise di dare da bere alle piantine. Afferrò con la destra la sua Pantarei e, dopo averla indirizzata sul terreno dinanzi a lei, sancì:*

    Aqua eructo.

    Citazione:
    AQUA ERUCTO
    Descrizione: incantesimo che genera acqua
    Tipo: incantesimo offensivo
    Durata: istantanea
    Consigliato: per disorientare l’avversario e per travolgerlo con una violenta fiumana
    Avvertenze: l’acqua non esce dalla bacchetta ma zampilla dal terreno, quindi, è sConsigliato usare Aqua Eructo in spazi ristretti e in luoghi chiusi
    Livello Minimo Consigliato: 2

    *L’acqua, all’improvviso, iniziò a zampillare dal terreno al di sotto della valeriana al fine di raggiungere le radici di tutte le piante. Shireen passò pochi minuti in quella posizione e, quando abbassò la bacchetta al fianco, l’acqua smise di sgorgare. La giovane rimise il suo catalizzatore magico nella fondina a livello del fianco e si allontanò per controllare la salute delle altre erbe magiche e non. Un piccolo rumore attirò però all'improvviso la sua attenzione: era forse entrato qualche cliente nel negozio? La sedicenne decise, quindi, di ritornare nei pressi della porta di vetro per controllare che non fosse entrato qualcuno.*

    @Lavinia_Grent,




    Ultima modifica di Shireen_Firewet oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Magic

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 198
       
       

    [Morgana Street, Hogsmeade]

    *Charlotte stava camminando per Hogsmeade. Guardava incuriosita tutti i negozi che stavano hai lati della strada, certe volte si avvicinava a guardare le vetrine. La Grifo non aveva la più pallida idea di dove si trovasse in Hogsmeade, o dove i suoi piedi la stavano portando. Prima stava camminando per la strada principale, dopo prese una piccola strada laterale che la portò a Morgana Street.*

    Tutto quello che so è che sono a Hogsmeade a... Morgana Street!

    *Sussurrò l'undicenne alla sua farfalla. La farfalla fece un giravolta in aria, in modo di approvazione, e dopo si mise fra i capelli di Charlotte. La Grifo sorrise e; continuò a guardare le vetrine in cerca di qualcosa.
    Ad un certo punto una folata di vento fece perdere l'equilibrio alla giovane strega, che cadde per terra con un tonfo. Charlotte chiuse gli occhi per prepararsi all'impatto, che arrivò con molto dispiacere. Quando li riaprì si alzò di scatto e sia guardò intorno per vedere se qualcuno l'aveva notata. Fortunatamente no, ma Charlotte notò una piccola strada laterale fra due edifici protetta dal vento.
    Correndo la giovane Grifondoro imboccò la stradina laterale. Quando finalmente fu nella stradina, Charlotte si fermò di colpo, la strada andava a destre. La seguì, sapendo che forse l'avrebbe portata fuori da Hogsmeade.*

    Destre, sinistra, sinistra, destra. Per la barba di Merlino dove sono?!?

    *Charlotte si fermò nuovamente e si guardò intorno. Si trovava in una serra abbastanza ampia, piena di piante incredibili, che tolse il respiro alla giovane Grifondoro. Ancora incantata da quel magnifico posto sentì la porta della serra, davanti a lei, aprirsi. Velocemente si nascose dietro una pianta robusta. Una ragazza del quinto o sesto anno entrò. Non aveva l'uniforme quindi Charlotte non poteva capire di che Casata era. Però la giovane strega era sicura di averla già incontrata per i corridoi, probabilmente aveva sbattuto contro camminando, sempre con la testa fra le nuvole.
    Nel frattempo che Charlotte pensava, la ragazza fece diverse movimenti, incluso Aqua Eructo. Che distolse la Grifo dai pensieri per guardare. Era mozzafiato.
    Peccato che Charlotte si era nascosta dietro una pianta robusta, e così un bel po di acqua arrivò dal terreno e la bagnò completamente. Fu per terra una seconda volta ma questa volta, Charlotte rimase per terra per osservare la ragazza del quinto o sesto anno uscire dalla porta da dove era apparsa.
    Si rialzò lentamente e prese la sua bacchetta per potersi asciugare. I capelli che erano raccolti in una treccia erano gli unici bagnati ancora. Sempre silenziosamente si diresse, provando a non calpestare le foglie e le piante, verso la porta dove la ragazza era entrata e uscita. Aprì la porta, abbastanza per poter entrare e si ritrovò in un negozio. La ragazza di prima era vicino alla porta.
    Charlotte sorrise timidamente e disse.*

    Ehm... Credo di essermi persa...

    *Dopo il coniglio bianco che stava normalmente nella sua borsa a tracolla fece un brusco movimento. Charlotte capì che Arya, il coniglio, gli stava dicendo di presentarsi. Così fece.*

    In ogni caso io sono Charlotte Magic. Tu?

    @Shireen_Firewet,



    Ultima modifica di Charlotte_Magic oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    [Hogwarts - Piano Terra - Sala Insegnanti]


    *Leggere tutti quegli appunti le aveva fatto venire il mal di testa. Ormai conosceva ogni singola parola scritta su quella pergamena, quindì la posò sul tavolo davanti a sè e si mise a fissare il vuoto. Lavinia si stava preparando per la sua lezione di Antiche Rune dell'indomani. Avrebbe parlato di interpretazione runica, uno dei suoi argomenti preferiti. Sperava di vedere l'aula piena come la volta precedente. Voleva davvero suscitare l'interesse dei ragazzi verso la sua affascinante materia. Si tolse gli occhiali e li appoggiò sul grande tavolo della Sala Insegnanti. La bimba nel suo ventre iniziò a scalciare.*

    Che c'è piccolina?

    *Pensò la bionda strega. Ogni volta che voleva parlare con la sua bimba non lo faceva mai a voce, ma tramite il pensiero. Lei credeva che la sua piccola l'avrebbe sentita solamente in quel modo. Si accarezzò il pancione con la punta delle dita e la piccola creatura si calmò. Mancavano circa tre mesi alla presunta data del parto e lei non vedeva l'ora di conoscere finalmente sua figlia. L'unica cosa che la rattristava era che lei non sarebbe cresciuta con il padre, ma ormai aveva fatto quella scelta e per quanto Rick le mancava, non sarebbe tornata indietro. Il ragazzo le aveva scritto una lettera una settimana prima, ma lei non l'aveva messa via senza neanche leggerla. Non voleva avere più niente a che fare con lui. Gli avrebbe permesso di vedere la bimba, ma non in sua presenza.
    In quel preciso momento il suo olfatto fu attirato da un forte profumo bellissimo che arrivava dalla finestra aperta della Sala Insegnanti. Si alzò e guardò fuori e notò una pianta di peonie blu.*



    *Non capiva se quel particolare profumo venisse da lì. La peonia era uno dei suoi fiori preferiti, ma non aveva mai sentito quel profumo annusandole. Chiuse la finestra raccogliendo in fretta le sue cose uscì da lì. Scese le scale in fretta e in meno di un minuto fu nel gioardino di Hogwarts proprio sotto la grande vetrata della Sala Insegnanti. Vide nuovamente quella pianta e ne raccolse una fogliolina per odorarla. Il profumo era proprio quello. Era incredula. Era una vita che annusava peonie e proprio adesso stava notando quel particolare profumo? Le risposte erano due: o quella piantina era speciale o la gravidanza le aveva alterato l'olfatto. La soluzione più plausibile era la seconda.
    Le venne improvvisamente in mente un'idea. Raccolse oltre ad altre foglioline anche dei boccioli e si diresse verso Hogsmeade a passo svelto.*

    [Hogsmeade - Morgana Street - The Noble Horntail]

    *Attraversò il cancelletto esterno del giardino del negozio. L'aveva trovato aperto, quindi la sua socia Shireen era al lavoro. Anche la porta era socchiusa, la spalancò ed entrò. Nella stanza principale del negozio non c'era nessuno. Ogni cosa era al proprio posto. Notò solamente la giacca e la borsa della sua socia appoggiati sul bancone. Sorrise. Doveva assolutamente spiegare la sua idea a Shireen. Fece per dirigersi nel loro laboratorio in cerca della ragazza quando, invece, fu lei a comparire dalla porta di vetro dell'orto interno.*

    Ciao Shireen!

    *Le disse con un gran sorriso e andò ad abbracciarla. Era felice di vederla, non solo perchè voleva condividere il suo lampo di idea con lei, ma anche perchè negli ultimi tempi non avevano trascorso molto tempo insieme per via degli impegni scolastici di entrambe. In mano aveva ancora ciò che aveva raccolto nel giardino di Hogwarts.*

    Credo che mi sia venuta in mente la ricetta per un nuovo infuso.

    *Aggiunse senza chiederle neanche come stava. Ci sarebbe stato il tempo per parlare, in quel momento doveva assolutamente sputare fuori tutto quello che c'era nella sua mente. Di solito era la brunetta il genio nella crezione delle nuove pozioni o infusi, Lavinia si occupava di thè e spezie.
    La bionda ragazza liberò la sua socia dall'abbraccio e senza attendere la sua risposta si precipitò in laboratorio dove appoggiò la sua borsa e la sua giacca su una sedia. In quel preciso momento sentì la porta d'ingresso aprirsi nuovamente. Forse era entrato qualche cliente. Tornò nella zona negozio e vide una ragazzina con la divisa di Grifondoro spaesata che si rivolse a Shireen e le disse di essersi persa. Poi si presentò dicendo di chiamarsi Charlotte.*



    Benvenuta al The Noble Horntail cara Charlotte! Io mi chiamo Lavinia e lei è la mia socia Shireen.

    *Disse facendo un grosso sorriso. Forse la ragazzina si era persa, ma era sempre una potenziale cliente. In ogni caso la bionda strega era sempre gentile con tutti, tranne con chi la feceva veramente arrabbiare. Non sapeva se lei o Shireen sarebbero state d'aiuto alla ragazzina.*

    @Shireen_Firewet @Charlotte_Magic,




    Ultima modifica di Lavinia_Grent oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Magic

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 198
       
       

    *Priam di esser entrata in quel magnifico negozio, Charlotte, non aveva notato che una ex studente di Hogwarts era entrata e diretta verso un'altra stanza. E ritornare appena la giovane Grifondoro era entrata e presentata.*

    Benvenuta al The Noble Horntail cara Charlotte! Io mi chiamo Lavinia e lei è la mia socia Shireen.

    *Disse gentilmente Lavinia, sorridendo. Charlotte sorrise a sua volta e rispose.*

    Piacere! Vi devo fare i complimenti! È bellissimo il vostro negozio!!!

    *Disse guardandosi intorno la giovane Grifondoro.*

    @Lavinia_Grent, @Shireen_Firewet,