Hogwarts - Sotterranei
Hogwarts - Sotterranei


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Francy_Scalliver


  • Francy_Scalliver

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 210
       
       

    *Era una tranquilla serata domenicale e da poco si era conclusa la cena. Gli studenti erano per la maggior parte rintanati nei propri dormitori e ora nelle Sale comuni si spandeva il vociare allegro dei ragazzi: chi era intento a disputare una partita di Gobbiglie o di Scacchi Magici, chi chiacchierava amenamente con i compagni.. ai tavoli, con le teste chine su libri e pergamene, alcuni allievi cercavano di concludere compiti che avevano troppo procrastinato...
    Francy se ne stava seduto inquieto in camera sua, disturbato dalla confusione che giungeva dalla Sala Comune, ma soprattutto da pensieri e preoccupazioni. Dopo qualche tempo, esasperato, si risolse a cercare un posto più tranquillo per passare quelle ore libere che precedevano il coprifuoco serale.
    Uscendo dal Dormitorio Grifondoro, stava ponderando alla ricerca di un luogo che facesse al caso suo quando le venne un'idea.
    Alcuni giorni prima aveva colto per puro caso una conversazione tra alcuni suoi compagni del settimo anno: a quanto pare avevano deciso di organizzare un pigiama-party. L'unico inconveniente era rappresentato dalla mancanza di cibo, ma venne presto risolto grazie all'intervento di uno di loro : aveva scoperto il modo di accedere alle cucine del castello e quale posto migliore per procurarsi del cibo?
    Così il piccolo Grifone decise di verificare se le istruzioni per l'accesso erano esatte,ma non per mangiare:aveva qualcosa di completamente diverso in mente.
    Anche se teoricamente non stava compiendo nulla di proibito (l'ora del coprifuco era ancora lontana e, a quanto ricordava, l'accesso alle cucine non era esplicitamente vietato),il ragazzo si muoveva con circospezione. Il corridoio in cui c'era l'ingresso ai locali che aveva deciso di esplorare, era deserto. Trovò con facilità il quadro descritto dal ragazzo:Si trattava di una natura morta dipinta ad olio, il cui soggetto era un variopinto cesto di frutta . Individuò la pera e, seguendo le istruzioni, prese a solleticarla con un dito. Dapprima non accadde nulla, e Francy cominciava a sentirsi piuttosto stupido a stuzzicare una tela dipinta, quando il frutto cominciò a essere colto da lieve tremore e un attimo dopo aveva assunto le sembianze di una maniglia.
    Dopo aver dato un'ultima occhiata attorno per assicurarsi di essere ancora solo,cercò di 'aprire il quadro'. Trionfante Francy entrò ma, non scordandosi le buone maniere, con voce un po' titubante chiese:*

    E' permesso?

    *Appena mise piede nell'ampio locale, le si parò davanti un elfo domestico.
    La creatura salutò la nuova arrivata con un piccolo e buffo inchino,e poi chiese se Francy avesse fame o sete.
    Il ragazzo era rimasto stupefatto dalla comparsa di quella creatura che ora se ne stava in piedi davanti a lui, sorridente, i grandi occhi che la guardavano in fiduciosa attesa. Non si aspettava che ad Hogwarts ci fossero degli elfi domestici anche se, a ben pensarci, un castello così grande necessitava di molto personale di servizio e gli elfi erano la scelta più logica, in quanto da sempre i maghi avevano fatto ricorso a queste creture per quelle mansioni.
    Ripresasi dal momentaneo stupore, rispose garbatamente all'elfo.*

    Piacere di conoscerti,Non preoccuparti, non sono nè affamato, nè ho sete.
    Ecco... io..

    *Improvvisamente il sorriso scomparve dal volto dell'elfo,che forse pensava che venisse a protestare per il cibo della giornata, e infatti,la piccola creaturina minuta si guardò attorno, evidentemente alla ricerca di uno strumento adatto a infliggersi l'esemplare punizione che, secondo lui, una tale mancanza avrebbe meritato.
    Francy si affrettò a rassicurarlo.*

    Assolutamente no! Ti assicuro che era tutto buonissimo!

    *Non le sembrava il caso di specificare che quella sera aveva a malapena toccato cibo per la sua solita assenza di appetito.*

    Ecco.. io...
    Vorrei chiederti un favore...

    *Questa volta toccò all'elfo meravigliarsi,e Francy continuò con noncuranza*

    Vorrei che tu mi aiutassi a trasportare del cibo nelle stanze dei Grifondoro...

    *Ecco: quello era il vero motivo per cui il ragazzo si era recato nelle cucine. Lo avevano incaricato di organizzare una festicciola clandestina per la fine dell'anno,e purtroppo non potè proprio discutere:era un'ordine!
    Lo stupore dell'elfo raggiunse il culmine e i suoi grandi occhi spalancati dominarono il suo volto.Voleva fare proprio tutto da solo, ma una pesoncina così piccola non poteva proprio trasportare da solo quell'enorme quntità di carico,allora Francy disse*

    No !non ce n'è di bisogno!Tanto dovremmo proprio mangiar tutto,e nessuno si lamenta quando cucinate voi elfi...

    * l'elfo acconsentì. *


    @Charlotte_Mills,



    Ultima modifica di Francy_Scalliver oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 302646
       
       

    *Charlotte, docente di Arti Oscure, non aveva motivo i stare ad Hogwarts in quei giorni.
    La materia che l'ex Serpeverde era una materia extrascolastica e di conseguenza le sue lezioni erano notevolmente di meno rispetto a quelle di alcuni suoi colleghi.
    Quel giorno Charlotte aveva passato la serata nel suo ufficio nei sotterranei, aveva iniziato a leggere un libro sulle Arti Oscure e, senza volere, aveva perso la cognizione del tempo.
    dalle cinque del pomeriggio fino alle otto della sera aveva letto miriade di nozioni, che già conosceva, che avrebbe potuto analizzare nelle sue successive lezioni.
    Si accorse dell'orario solo quando alzò lo sguardo da quelle pagine ingiallite per osservare l'orologio appeso alla parete del suo ufficio.
    Quando notò che erano appena scoccate le otto della sera uno sguardo di sorpresa comparve sul suo volto. Aveva perso al cognizione del tempo, non aveva avvertito l'Elfo Domestico Milo, elfo di casa Mills, del suo ritardo e aveva saltato la cena di quella sera.*

    Non mi ero accorta che fosse così tardi.

    *Pensò la donna che, in quattro quattr'otto ripose il piccolo libro che teneva in mano e, senza pensarci più olte si avviò verso le cucine del castello.
    Aveva saltato la cena quella sera e di conseguenza l'unico luogo dove poteva trovare qualcosa da mettere sotto i denti erano proprio le cucine del castello.
    Charlotte non passava molto tempo in quelle stanze frequentate dai piccoli Elfi Domestici. Il pensiero di dirigersi verso le cucine la fecero sorridere: da studentessa ci passava molto tempo, soprattutto dopo lo studio.
    Quelle piccole creaturine l'avevano sempre trattata bene e sperava che il suo arrivo a quell'ora di quella sera non avrebbe destato confusione.
    Il suo ufficio non era molto distante dal grande quadro che copriva il passaggio che dava alle cucine non fu però così semplice, anche per lei.
    Una cosa che detestava e che trovare il quadro giusto era sempre difficile dato che, una volta che si usciva dalle cucine, proprio per magia ci si dimenticava di come si era entrati li.*

    Aaah eccolo.

    *Appena entrò in quelle stanze in cui non metteva piede da tanto, tantissimo tempo un leggero odore di cibo l'avvolse. Erano i residui degli odori delle varie pietanze che erano state servite a cena e che lei non aveva avuto la possibilità di gustare.
    Gli elfi erano già al lavoro: c'era chi lavava i piatti, chi il pavimento, chi stava raggruppando il cibo avanzato da poi buttare e chi si era già messo all'opera per creare la colazione dell'indomani.*

    No, non lo buttare!

    *Urlò la donna vedendo uno dei tanti Elfi delle cucine con in mano tanto cibo destinato alla pattumiera.
    Era così ogni volta: gli avanzi dei vari pasti finivano del cestino, ma per quella volta le cose sarebbero cambiate.
    L'Elfo Domestico in questione sgranò i grandi occhi e, come per punirsi per quello che stava facendo iniziò a prendersi a padellate in testa..*

    Nono, per favore.
    Non volevo sgridarti è che, ecco.. Non ho preso parte alla cena di stasera e pensavo che quegli avanzi potevo mangiarli io se per voi va bene.


    *Solo in quel momento Charlotte si accorse del ragazzino, del terzo anno se ricordava bene, appartenente alla casa di Grifondoro.
    Miss Mills non conosceva tutti gli studenti di Hogwarts, conosceva meglio di tutti i Serpeverde ma gli altri? No, non li conosceva tutti quanti. Conosceva chi frequentava assiduamente le sue lezioni.*

    Buonasera signor Scalliver.
    Mi perdoni se non l'ho salutata prima.


    *Disse la donna salutando il tredicenne che, chissà come mai, si trovava li proprio come lei.*


    @Francy_Scalliver,


  • Francy_Scalliver

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 210
       
       

    *Francy si trovava nelle cucine di Hogwarts,intento a selezionare il cibo che poi la domenica dopo,avrebber assaporito tutti i Grifondoro,in compagnia di un Elfo Domestico che lo aiutava,e intanto tutto procedeva tranquillo: c'era chi lavava i piatti, chi il pavimento, chi stava raggruppando il cibo avanzato da poi buttare e chi si era già messo a cucinare la colazione per l'indomani,quando nell'inquietante silenzio tipico delle cucine,si sentì una voce,che Francy aveva già sentito molte volte*

    No, non lo buttare!

    *La profesoressa di arti oscure,Charlotte Mills,aveva urlato contro un Elfo intento a buttare nella pattumiera del Porridge che quasi non era stato toccato.Sicuramente la prof.era molto affamata se voleva mangiare del cibo avanzato, proprio a differanza di Francy,che anche non avendo mangiato tanto,si sentiva pienissimo.
    Nelfrattempo,il piccolo elfo provvedè all'adeguata punizione:infatti pre se una padella dal suo amico Elfo che la stava lavando,e si diede numerosi colpi in testa,e Francy gridò contemporaneamente alla profesoressa*

    Nono, per favore.

    *Francy la finì lì,mentre la prof. continuò*

    Non volevo sgridarti è che, ecco.. Non ho preso parte alla cena di stasera e pensavo che quegli avanzi potevo mangiarli io se per voi va bene

    *Ecco perchè aveva così fame:dopo un pasto nella sala grande,non si può che uscire sazi.Dopo il gridolino di Francy,Miss Mills si accorse finalmente del tredicenne, e disse*


    Buonasera signor Scalliver.
    Mi perdoni se non l'ho salutata prima.

    *Finalmente la donna si ricordava del suo nome:durante le lezioni di Arti Oscure, lo sottovalutava,mettendo in primo piano sopratutto i Serpeverde.Francy rispose con il tono un pò troppo basso*

    Buonasera profesoressa Mills
    Non si scusi,anzi...

    *Disse il ragazzino rispondendo alla donna*

    @Charlotte_Mills,

  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 302646
       
       

    *Chissà cosa aveva pensato quel ragazzino nel sentire le sue parole e chissà da quanto tempo era li. In precedenza non aveva fatto caso alla possibile presenza di qualche studente, dato che quel luogo era difficile da trovare, anche per un adulto del castello.
    Infatti ogni volta che si usciva da quelle stanze stranamente si dimenticava dove si trovava il passaggio segreto.*

    Buonasera profesoressa Mills
    Non si scusi,anzi...

    Gentile...

    *Disse quel ragazzino del terzo anno da buon Grifondoro, Godric il fondatore della casa rosso-oro sarebbe stato fiero e felice di avere un ragazzo come quel tredicenne tra le sue fila.
    Charlotte non potè far altro che sorridere per quelle parole così comprensibili da parte del signor Scalliver.
    La donna purtroppo non conosceva tutti gli studenti di Hogwarts, ma si ricordava, anche se poco, di quel tredicenne dai colori rosso ed oro dai capelli chiari e dalla statura alta.



    L'ex Serpeverde si trovava li perché non aveva preso parte alla cena di quella sera, ma quel ragazzino perché si trovava nelle cucine di Hogwarts?
    Intorno a loro molti Elfi Domestici trafficavano con le stoviglie, mentre uno in particolare aveva lasciato su un tavolo, in un angolo, un piatto con doppia porzione di tutto per Charlotte che aveva fatto presenza che, per quella sera, non aveva purtroppo cenato.*

    Come mai anche lei qui?

    *Chiese curiosa la donna che dava del lei ad ogni persona che non conosceva a fondo, in effetti erano poche le persone che conosceva talmente bene da poter dar del tu, molto poche da poterle contare sulle dita di una mano.*


    @Francy_Scalliver,


  • Francy_Scalliver

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 210
       
       

    *Era appena entrata nella cucina di Hogwartsuna professoressa:proprio quella di Arti Oscure (Materia che il tredicenne odiava fin dal primo momento...).
    Francy si trovava davvero in imbarazzo:chissa che ore si fossero fatte;Sicuramente era qualche ora più tardi del coprifuoco*

    Sono sicuro che mi metterà in punizione

    *Penzò il Grifondoro,per niente impaurito,come il vecchio capo della sua casata:Godric Grifondoro,idolo di Francy già dal suo primo anno.Francy si trovava li perchè aveva bisogno di cibo per la festicciola di fine anno,ma non fece tempo per chiedere alla prof,che anche lei chiese con voce amichevole*

    Come mai anche lei qui?

    *ops,ora si che finiva in punizione quella sera*

    Io?Bhè io ero qui per chiedere a qualche elfo di porare un pò di cib nella torre dei Grifi...la prego,non mi punisca:mi hanno costretto dei ragazzi del settimo anno...se non lo facevo mi infilavano la testa nel bagno di Mirtilla,e lei sà com'è mirtilla...

    *Disse Francy,cercando di giustificari con il vero...*

    @Charlotte_Mills,

  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 302646
       
       

    *Charlotte aveva formulato una domanda al giovane Grifondoro che, nel sentirle, sembrò quasi allarmarsi.
    Le raccontò infatti che erano stati alcuni suoi compagni più grandi a mandarlo li, per prendere un po' di cibo, magari per una piccola festicciola e se non l'avesse l'avrebbero punito infilandogli la testa del bagno di Mirtilla Malcontenta.
    Charlotte abbozzò un sorrisetto: conosceva quel tipo di comportamenti e non si stupiva nel sapere che studenti del settimo anno si comportavano così con quelli più piccoli.*

    Traquillo, non ho intenzione di punirti, dopotutto il coprifuoco non è ancora incominciato.

    *Affermò l'ex Serpeverde osservando il grande orologio presente nella cucina.
    Quello era un luogo che non "visitava" da molto tempo. Da studentessa passava molte volte a prendere qualcosa da mangiare, proprio come aveva fatto Francy in quell'occasione.
    Lo sguardo della donna passò dai piccoli elfi della cucina al piccolo studente, che si trovava in piedi di fianco a lei. Era alto per la sua età, a primo avviso non gli avrebbe mai dato tredici anni, ma qualcosa di più.*

    Quel pollo ha un aspetto delizioso..
    Chissà perché lo hanno avanzato.


    *Disse la donna come un sussurrò, un sussurrò che però il ragazzino, se attento avrebbe potuto capire.*


    @Francy_Scalliver,


  • Francy_Scalliver

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 210
       
       

    *Francy era molto imbarazzato della risposta che aveva appena dato...*

    sono sembrato un pappamolle


    *Pensò il piccolo Grifondoro che giocherellava con gli ultimi bottoni della camicetta che indossava.Anche giocando in silenzio però era molto attento alle perole della Mills.Fortunatamente era ancora presto,e non c'era alcun motivo per poterlo punire,così come disse la Prof.La donna mentre che parlava si guardava a tondo fino a che gli occhi non si posarono del pollo.Con un sussuro appena udibile si chiese il motivo dell'avanzamento del cibo.*

    ehm,scusi cosa ha detto professoressa?Voleva dire a me?

    *Chiese curioso come sempre il tredicenne alla donna che sembrava molto stanca*



    @Charlotte_Mills,



    Ultima modifica di Francy_Scalliver oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 302646
       
       

    ehm,scusi cosa ha detto professoressa?Voleva dire a me?

    *Chiese il giovane studente che, a quanto sembrava, aveva sentito quello che la professoressa Mills aveva praticamente sussurrato.
    L'ex Serpeverde si girà ad osservarlo: aveva un udito niente male.

    Cosa?
    Nono tranquillo, stavo parlando "da sola". Mi capita ogni tanto.


    *Affermò la donna osservando il ragazzo e quel pollo avanzato che sarebbe stata la sua cena di quella sera.



    Si chiedeva sempre il perché gli Elfi della cucina preparavano sempre così tanto cibo che poi, purtroppo, veniva avanzato sempre, ad ogni pasto del giorno.
    Colazione, pranzo e cena: sempre del cibo veniva buttato nella pattumiera e quella cosa la faceva stare male.
    Sapeva che c'erano maghi che non mangiavano, dei bambini troppo magri perché non mangiavano a sufficienza e li, al castello di Hogwarts, ogni giorno c'erano enormi sacchi pieni di avanzi.*

    Signor Scalliver.. Ha mai fatto caso a tutti il cibo che si avanza durante i vari banchetti?
    Secondo lei è giusto che tutto questo ben di dio finisca nella spazzatura?


    *Chiese curiosa l'ex Serpeverde iniziando quel discorso con qualcuno che, probabilmente non aveva mai pensato a che fine faceva tutto il cibo avanzato, e che data la giovane età poco gli importava.
    Charlotte si era sempre chiesta perché si dovevano buttare così tante cose buone, quado si potevano dare alle varie associazioni benefiche o all'orfanotrofio nei pressi di Hogsmeade, luogo che lei conosceva molto bene.*

    Mi farebbe piacere un punto di vista diverso dal mio..

    *Affermò la miss Mills, come la chiamavano alcuni dei suoi studenti, mentre si sedeva su una seggiola proprio difronte a quel piatto traboccante di pollo 8avanzato quella sera) che uno degli elfi aveva gentilmente "preparato" per lei.*


    @Francy_Scalliver,


  • Francy_Scalliver

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 210
       
       

    *Francy stava parlando con Miss Mills,che aveva sussurrato qual'cosaforse a se stessa e allor Francy chiese*


    ehm,scusi cosa ha detto professoressa?Voleva dire a me?

    *Sicuramente la prof.non voleva dire a Francy,perchè rispose con un tono leggermente più alto del solito*

    Cosa?
    Nono tranquillo, stavo parlando "da sola". Mi capita ogni tanto.

    *Questo confermava che la prsenza di Francy in quella stanza era superflua,e stava per andare via che la prof. gli chiese,guardando un pollo avanzato dalla cena *

    Signor Scalliver.. Ha mai fatto caso a tutti il cibo che si avanza durante i vari banchetti?
    Secondo lei è giusto che tutto questo ben di dio finisca nella spazzatura?

    *Francy non aveva mai guardato il cibo da quel punto di vista:era una cosa nuova per lui:non lo sapeva proprio,questa faccenda,e allora cercò di rispondere in modo neutrale alle domande che aveva appena fatto la donna*

    Veramente non l'avevo mai notato...forse perchè mi ingozzo tantissimo durante ogni pasto e non mi accorgo che il resto potrebbe avanzare...No,non è giusto,perchè in altri paesi del mondo ci sono persone che non mangiano da mesi,e noi ci rimpinziamo senza pensare a loro!
    Però potrebbe essere che
    il cibo avanzato che è rimasto nei tavoli (avanzi nei piatti e nei vassoi pezzi di pane mangiucchiato ecc.), va buttato o dato agli animali, per motivi igienici infatti non è possibile destinarlo all'alimentazione umana oppure il cibo avanzato che è rimasto in cucina e non è uscito ai tavoli è ancora destinabile all'alimentazione umana: di solito lo mangiano gli elfi
    Potrebbero essere delle risposte plausibili?

    *Francy cercò di spiegarlo efficacemente alla prof,e allora si sedette in una delle piccole sedie degli elfi,perchè era già un belpò che era impiedi e cominciavano a farli male le gambe*

    Ho ragione o sbaglio?

    *Chiese alla Mills che era faceva di quà e di là con gli occhi,da Francy al polletto avansato.Che voglia mangiarlo?*
    @Charlotte_Mills




  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 302646
       
       

    *Charlotte, docente di Arti Oscure, rimase li ad ascoltare le parole di Francy.
    Proprio come le pensava che tutto quello spreco era troppo, affermò anche che gli avanzi dei pasti che si potevano ancora degustare di solito li mangiavano gli Elfi.
    La donna non ci aveva mai pensato: era vero, gli Elfi Domestici dl castello di Hogwarts erano numerosi, mingherlini ed esili e del buon cibo se lo meritavano.*

    Ho ragione o sbaglio?

    *Le chiese il tredicenne con la divisa di Grifondoro.
    Charlotte smise un attimo di osservare quel piatto di pollo che avrebbe mangiato da li a poco.*

    Assolutamente ragione.

    *Affermò la miss Mills, come la chiamavano alcuni dei suoi studenti, mentre si sedeva su una seggiola proprio difronte a quel piatto traboccante di pollo (avanzato quella sera) che uno degli elfi aveva gentilmente "preparato" per lei.
    Quella sera non aveva cenato, aveva passato il tempo nel suo ufficio ed non si era accorta del passare del tempo.*

    ora, se mi puoi scusare...

    *Disse la donna che riempì un bicchiere di acqua fresca e, prima di dare un lungo sorso, lo "puntò" sorridente verso il ragazzo quasi come a brindare alla sua salute e alla loro conversazione di quella sera.
    Era bello, in senso strano, chiacchierare con studenti così giovani di cose così importanti per il mondo in se.*


    @Francy_Scalliver,


  • Francy_Scalliver

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 5
    Galeoni: 210
       
       

    *Francy si era ormai abituato della presenza della professoressa Mills,era più sciolto,rispetto a pochi minuti fa quando era appena arrivata,con i classici comportamenti di chi non voleva proprio attirare l'attenzione:si guardava i piedi,girava e rigirava i pollici,oppure guardava in modo ossessivo il piccolo elfo che continuava a gettar via in un cassonetto il cibo avanzato.Che comportamento sconziderato!Poi però cercò di alzare un pò più la testa verso il viso della docente di Arti Oscure.Dopo una spiegazione accurata di che ne pensava lui del cibo che ogni giorno,ogni pasto,veniva buttato via,Francy si sedette su una delle piccole sedioline fatte apposta su misura per il piccoli Elfi.E la donna,per tutta risposta disse*

    Assolutamente ragione.

    *Francy rispose in modo rigido,quasi come fosse sotto interrogazione,e cercò di farci entrare tutto ciò che gli veiva in mente.Per fortuna la donna rispose in modo secco,e non cercò di approfondire.*

    Grazie...e lei che ne penza?

    *Chiese Francy,tradendosi con le sue stesse mani...Aveva sperato che la Mills non gli chiedesse altro e che l'argomento i chiudesse lì,ma per non sembrare uno sconziderato non aveva fatto altro che smentire con le sue stesse forze.*

    ora, se mi puoi scusare...

    *Disse lei,e con fare deciso prese il pollo che teneva davanti da ormai troppo tempo,e cominciò ad ingozzarsi a più non posso*

    @Charlotte_Mills,