Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Shireen_Firewet




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Shireen_Firewet

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 907
       
       

    [East Sussex – Hastings – Villa Firewet]


    *Il giorno precedente la giovane era rientrata presso il borgo natio di Hastings. I suoi famigliari la avevano accolta in pompa magna: il padre era andato a prenderla in stazione accompagnato dal piccolo Amyas che l’aveva quasi strangolata mentre si aggrappava al suo collo e la nonna l’aveva accolta a casa con una sontuosa cena. Non poteva esservi nulla di meglio per Shireen: in quei mesi estivi sarebbero riprese le escursioni nei boschi limitrofi alla Villa insieme al fratello ed avrebbe potuto spiegare ad Amyas le caratteristiche delle varie creature magiche che spesso incontravano nelle loro passeggiate. Alla sedicenne mancava però qualcosa. Per l'intera mattinata aveva cercato di capire in cosa consistesse quel senso di vuoto e, mentre, si arrampicava su un robusto salice un lampo attraversò la sua mente: la giovane aveva il bisogno di sentirsi parte della comunità magica. Insomma, le mancavano Hogwarts ed i vari borghi nei quali si svolgevano numerose attività magiche. Per qualche giorno, inoltre, il negozio “The Noble Horntail”, che la ragazza gestiva con Lavinia, era chiuso a causa di alcuni lavori di manutenzione e quindi Shireen era esente dal recarsi a Hogsmeade. Però, proprio quel pomeriggio, aveva voglia di raggiungere il paesino limitrofo alla Scuola. Tempestivamente si inventò una scusa: confidò alla nonna che aveva pochissime piume e che la sua scorta di pergamene stava per finire. La nonna storse lievemente il naso non convinta, forse, dalle motivazioni della nipote ma alla fine cedette. Dopo che Shireen indossò degli abiti che potessero contrastare il caldo che in quei giorni aveva investito l’Inghilterra, la nonna la accompagnò utilizzando una materializzazione congiunta nei pressi di Hogsmeade.*



    [Hogsmeade – Hog Road – Testa di Porco]

    *La Firewet, dopo aver udito attentamente le raccomandazione della nonna riguardanti il fatto che l’avrebbe riportata a casa tre ore dopo, si affrettò a raggiungere la libreria che si trovava nel villaggio. Qui acquistò velocemente numerose pergamene, piume ed anche qualche boccetta di inchiostro colorato. Shireen, vestita con una semplice canottiera in cotone azzurro ed un paio di pantaloni leggeri, in un battito d’ali di boccino si ritrovò a girovagare per Hogsmeade. Non vi erano tante persone: forse il caldo estivo aveva scoraggiato i maghi e le streghe ad avventurarsi per quelle vie. E Shireen poteva capirli: perfino l’aria che respirava sembrava essere composta da fuoco. La sua gola richiedeva di essere dissetata immediatamente e la bronzo blu, guardandosi intorno, si accorse di trovarsi proprio dinanzi alla Testa di Porco. La riccioluta Corvonero non raggiungeva quel luogo da qualche mese. Vi era andata solamente due volte: la prima durante il suo terzo anno e la seconda nel periodo natalizio dell'anno precedente quando nel pub si era tenuta una competizione culinaria. La Testa di Porco era un piccolo pub con una consunta insegna di legno sopra la porta, raffigurante una testa di cinghiale mozza che gocciolava sangue su un panno bianco.*



    *Le finestre, un tempo, erano talmente incrostate che facevano filtrare pochissima luce nella stanza interna: quel pomeriggio sembravano, invece, essere linde e sembrava che nel locale vi fossero anche maghi perbene e non solo le solite figure losche che affollavano quel luogo. La rivalutazione del locale che era avvenuta quell’inverno forse aveva smosso il proprietario a pulire con maggiore cura. Shireen si avvicinò alla porta in dura quercia e, con un colpo deciso, la aprì ormai convinta di volersi fermare in quel luogo. Le sue narici percepirono un lieve odore di capra, ma nulla in confronto a quando era stata lì due anni prima. Si diresse con noncuranza verso il bancone al di là del quale si trovava il proprietario.*

    Buon pomeriggio!

    *Sancì la sedicenne. Dalle corde vocali dell’omone uscì un vago grugnito. Shireen non si perse d’animo ed espresse la sua chiara richiesta:*

    Se fosse possibile vorrei una burrobirra.

    *Il barista afferrò subito un alto bicchiere e si apprestò a spillarvi l’ambrata bevanda al suo interno. Shireen, nel frattempo, afferrò qualche galeone sonante dalle tasche dei suoi pantaloni e li depose sul bancone in legno. Il proprietario, mettendo sul ripiano la bevanda che la ragazza aveva ordinato, afferrò velocemente i soldi. La Corvetta prese dunque il bicchiere fresco e andò a cercare un posto nel pub. Nei tavolini vi erano le persone più disparate: al centro del locale vi era una famigliola che sembrava svolgere una merenda, vicino a quest'ultima vi era un alto mago che stava leggendo la Gazzetta del Profeta e, nell’angolo più lontano dalla finestra, vi era un trio di anziane streghe che sorseggiavano del tea. La Firewet era meravigliata dal fatto che in quel locale offrissero ai clienti cibi che sembravano essere commestibili ed addirittura del tea. Rimuginando su quanto fosse cambiata quell’attività di Hogsmeade, decise di sedersi in un tavolino leggermente sbilenco localizzato vicino alla finestra. Da quel punto avrebbe potuto osservare tutto quello che accadeva in Hog Road.*



    Ultima modifica di Shireen_Firewet oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale