• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Shireen_Firewet




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Shireen_Firewet

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 907
       
       

    [Hogsmaede – High Street – Tre Manici di Scopa – Ore 12.30]


    *Quel venerdì mattina Hogsmeade sembrava essere stata letteralmente assaltata. La giovane camminava con difficoltà in High Street, prestando attenzione a non scontrare i maghi e gli studenti che si erano riversati nel borgo magico. Tutte quelle persone erano state, forse, attirate dalla bella giornata e dal clima che si percepiva inerente alle vacanze estive. Dopo qualche minuto, la quindicenne si ritrovò dinanzi alla porta dei Tre Manici di Scopa. Era da molto tempo che non si fermava in quel famoso locale e, dunque, decise di entrarvi per consumare un pasto in attesa dell’inizio della festa presso il “The Noble Horntail”. Appena mise piede all’interno del pub magico, Shireen fu assalita da una piacevole e famigliare ondata di caldo. Poi focalizzò la sua attenzione sulla stanza che ormai conosceva molto bene: dietro al bancone in legno di quercia vi era un grande specchio che rifletteva l'intera locanda piena di tavolini e di sedie. Ogni volta che vi entrava una sensazione di calma e di accoglienza la pervadevano. In quella giornata, stranamente, i clienti erano pochi. Il locale era quasi vuoto ed il bancone accoglieva solamente i clienti abituali. La Firewet, scorgendo il barista del locale ed indicandogli la sua presenza, decise di prendere posto presso lo sgabello di un tavolino che si trovava vicino al bancone. Sedendosi comodamente sul sedile in legno, la ragazza ordinò al cameriere un hamburger di carne di manzo accompagnato da insalata ed un dissetante bicchiere di succo di zucca. Il giovane barista non si fece di certo attendere: scattante si ritirò nella cucina e, dopo pochi minuti, le pietanze che la giovane aveva ordinato si trovarono dinanzi a lei. Mentre masticava distrattamente una foglia di insalata, Shireen pensò a quanto lavoro lei e Lavinia avevano svolto per organizzare quella particolare festa estiva. La diciasettenne sperava con tutto il suo cuore che chiunque avesse partecipato a quell’evento si fosse ritenuto soddisfatto di tutto ciò che era stato preparato con cura.*

    Andrà tutto bene… Deve andare tutto bene.

    *Sancì decisa nella sua mente mentre addentava un grosso pezzo di hamburger. Ma la preoccupazione che assillava maggiormente la Firewet era un’altra: sarebbe venuto qualcuno? Lei e la sua socia avevano adeguatamente pubblicizzato l’evento: lei però non era sicura che la comunità magica avesse molta voglia di passare un pomeriggio all’interno del loro giardino. L’ansia le fece finire il pranzo in un baleno: ogni volta che era preoccupata per qualcosa la streghetta si sfogava sul cibo. Afferrò con noncuranza il bicchiere di vetro in cui era contenuto il succo di zucca ed i suoi occhi smeraldini si rispecchiarono all’interno di esso. Sembravano essere incerti su moltissime cose ma la giovane preferì evitare di confrontarsi con loro. Bevve d’un fiato la bevanda e, posando il bicchiere sul tavolo, pensò che si sarebbe potuta rilassare ancora qualche minuto prima della tempesta.*



    [Hogsmeade – Morgana Street – The Noble Horntail – Giardino esterno – Ore 13.45]


    *Shireen si era rigenerata con un abbondante pasto presso i Tre Manici di Scopa. La giovane quindi, dopo aver riempito il suo stomaco, si trovava proprio davanti al negozio in Morgana Street. La bronzo blu, dopo aver rivolto un piccolo sorriso all’insegna con l’Ungaro Spinato, superò la siepe che circondava il locale e si affrettò a raggiungere il Giardino esterno nel quale si sarebbe sviluppata l’interno evento. La giovane percorse il conosciuto vialetto in pietra oltrepassando il piccolo laghetto e le due serre: voltandosi sulla sinistra, proprio di fronte alla seconda serra, si ritrovò davanti al cancello di ferro a forma di tulipani circondato da un arco di siepe verde. Con un lieve tocco aprì il cancello e, immediatamente, si ritrovò nel Giardino esterno rinominato, dalla due proprietarie del negozio, come “Sala Horntail”. Il magnifico giardino ricco di piante e fiori ed il grande gazebo di legno ottagonale (che ospitava un salottino da tea) la stavano attendendo. Con lo sguardo passò in rassegna le principali attrazioni di quella giornata. Dinanzi al gazebo si trovavano delle alte piante di grano accompagnate da piccoli ma rigogliosi alberi ai quali erano appesi succulenti frutti. Su questi ultimi Lavinia e lei avevano applicato un incantesimo in modo tale che la pianta fosse di dimensioni ridotte ma che fosse in grado di far maturare comunque i suoi frutti. Quell’atmosfera era stata preparata per svolgere la rievocazione celtica della festa di Lughnasadh ossia una celebrazione del raccolto.*

    Appena arriverà qualcuno io o Lavinia spiegheremo che cosa esalta questa particolare solennità dei celti… Se arriverà qualcuno.

    *Shireen, con passo deciso, raggiunse il gazebo e poté notare che anche in quel luogo fosse tutto in ordine. I festoni rosa era nella giusta posizione ed un sottile telo di seta ricopriva le pietanze che lei e Lavinia avevano preparato in vista di quell’occasione. Oltre alla festa celtica si sarebbe celebrato un altro importante evento: l’arrivo di una nuova streghetta ossia la figlia di Lavinia. La Firewet, subito dopo che la sua socia aveva avuto la piccola Joy Freya, era andata a trovare entrambe portando con sé un voluminoso mazzo di fiori per Lavinia ed una scopa-giocattolo in regalo alla piccola. Quando le aveva lasciate aveva promesso loro che si sarebbe tenuta una festa per l’ingresso della bambina nella comunità magica. Lavinia e Shireen avevano, dunque, deciso di prendere la pluffa al balzo: avevano organizzato due feste in una. Tutto sembrava essere pronto: le piccole sorprese che avevano preparato per gli invitati sarebbero state presentate durante il corso della festa. La strega si portò nuovamente vicino al cancello dei tulipani in attesa dell’arrivo di Lavinia e degli invitati. Shireen, vestita con una leggera camicia in seta nera ed un paio di pantaloncini verde scuro ed i capelli acconciati in una coda alta, percepì una leggera brezza sulla sua pelle diafana.*



    *Un piccolo sorriso apparve sul suo viso. Era certa che quell’evento, in ogni caso, le avrebbe lasciato un piacevole ricordo.*



    Citazione:
    La festa avrà inizio alle ore 14.00 di oggi, ossia venerdì 31 luglio.

    L’evento durerà quattro giorni reali che corrispondono a un giorno di GDR e, ovviamente, è aperto a tutti, grandi e piccini appartenenti a qualsiasi casa di Hogwarts.

    Vi aspettiamo ^^


    @Lavinia_Grent, @Charlotte_Mills, @Daphne_Harris, @Gandalf_Derweiss, @Alexander_Morgenstern, @Maya_Mondlicht, @Shana_Sakai, @Phoebe_Hamilton, @Gabriel_Master, @Dragonis_Witch, @Mirco_Mcqueen, @Angelina_Largh, @Micol_Evensrav, @Katrin_Hopkirk, Katy_Holstrome, @Katniss_Everdeen , @Marcus_Lagh, @Claire_Biovero, @Lorence_Eminwey, @Samus_Ferrerus, @Thalita_Revenger, @Percy_Smith, @Eltanin_Dream, @Jane_Casterwill, @Cassandra_Gibbs, @Tess_Shepard, @Benjamin_Lasnier, @Percy_Raspell, @Michael_Thompson, @Francy_Scalliver , @Vincenza_Dream, @Effy_Casterwill, @Terry_Scalliver, @Elisa_Battaglia, @Bella_Swan, @Anas_Taoufik, @Lexa_Lively, @Angie_Smith, @Daniel_Fieldford, @Nancy_Obrian, @Arwen_Dynastar,


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    [Hogsmeade - The Noble Horntail - ore 14:00]

    *Il grande giorno era arrivato. Finalmente Lavinia avrebbe presentato a tutti i suoi amici e conoscenti la bimba neonata. La bionda ragazza aveva partorito quasi due mesi prima, più precisamente l'11 giugno. Quel giorno le aveva cambiato la vita. Adesso era diventata mamma e aveva molte più responsabilità da affrontare da sola visto che il suo ex ragazzo Rick l'aveva lasciata. Ormai aveva messo quella vicenda nel dimenticatoio. Lo aveva rincontrato il giorno della nascita di Joy, lui era venuto per conoscere sua figlia, non sapeva come aveva saputo la notizia, molto probabilmente al ministero arriva la notizia della nascita di una nuova strega. Lo aveva solo intravisto perchè suo padre lo aveva tenuto lontano da lei per evitare una brutta reazione.
    In quel momento la sua piccolina si trovava nella carrozzina lì nel giardino esterno del negozio, la "Sala Horntail". L'aveva sistemata sotto il gazebo per evitare che il Sole le andasse negli occhi. Stava dormendo tranquillamente.*



    Joy Freya Grent.. bambina mia..

    *Disse a bassa voce la bionda strega guardando la sua piccolina. Era così bella, sembrava un angioletto sereno. Quando piangeva però aveva una voce molto squillante e ogni volta svegliava tutti in casa. Era per questo motivo che voleva andarsene. A settembre si sarebbe trasferita negli alloggi per gli insegnanti a Hogwarts, ma in quel periodo non sapeva dove andare. Per questo motivo aveva deciso di trascorrere la maggior parte del tempo al negozio. Il fatto di non avere più una cosa le pesava molto. Nel suo vecchio appartamento non ci avrebbe messo più piede e suo padre l'aveva già messo in vendita per conto suo.
    Shireen si trovava lì vicino e stava sistemando gli ultimi addobbi in tema Lughnasadh, la festa del raccolto. Le si avvicinò, prima che cominciasse la festa aveva una proposta molto importante da farle.*

    Shireen.. gli addobbi.. il buffet.. le coroncine.. tutto è perfetto!

    *Cominciò a dirle con un gran sorriso sulle labbra. Avano deciso di fare delle coroncine di fiori da fare a tutti i partecipanti alla festa, tutti avrebbero dovuto indossarla.*

    Sono felice che hai accettato di organizzare questa stuenda festa anche per Joy. Grazie per tutto! Prima che comincino ad arrivare gli invitati devo farti una proposta..

    *Continuò guardandola negli occhi. Shireen, oltre a essere la sua socia, era la sua migliore amica. Pensò a quando le aveva proposto di aprire quel negozio e tutto il tempo che avevano impiegato a organizzare la piantina del negozio e gli arredi. Avevano creato ne nuove pozioni e scelto con cura le piante e le erbe da coltivare. Voleva chiederle una cosa molto importante.*

    Vorresti essere la sua madrina?

    *Le chiese infine senza smettere di sorridere. Shireen era perfetta per quel ruolo e poi ormai aveva diciassette anni, era appena maggiorenne, e poteva essere un'ottima guida per la sua bambina. Lavinia non aveva avuto dubbi per la scelta della madrina, doveva essere assolutamente la zia Shireen.
    Attese la risposta della sua migliore amica e anche l'arrivo degli ospiti. Tutto era stato sistemato con cura. C'erano addobbi fioreali e con tema del raccolto, mentre sotto il gazebo era stato sistemato il tavolo del buffet. C'era di tutto e di più: tartine di pesce e di carne con salsa di erbe e spezie da loro coltivate, aperitivo speziato di frutta e varie leccorinie saltate, fritte e cremose.*





    *Lavinia aveva indossato un vestito bianco con il corpetto stretto, le bratelline e un gonna svasata con qualche balza di tulle. Al collo indossava la collana che le aveva regalato sua mamma e che avrebbe dovuto indossare per il suo matrimonio, alle orecchie gli orecchini abbinati e al polso il bracciale. Portava i capelli biondi mossi e sciolti, scarpe bianche basse adatte per il giardino e una pochette argentata.*



    *Era felice, niente e nessuno avrebbe potuto rovinare quel momento. Era diventata mamma e la sua piccola Joy era tutta la sua vita. L'avrebbe cresciuta da sola, ma non le avrebbe fatto mancare mai l'esigenza di avere un padre. Quando sarebbe stata abbastanza grande da capirlo le avrebbe chiesto se voleva frequentare suo padre e in caso di risposta affermativa glielo avrebbe concesso. Rick aveva il diritto di fare da padre, ma lei non voleva avere nessun contatto con lui.
    Non vedeva l'ora che gli invitato sarebbero arrivati. Quella giornata era perfetta.*

    @Shireen_Firewet, @Charlotte_Mills, @Daphne_Harris, @Gandalf_Derweiss, @Alexander_Morgenstern, @Maya_Mondlicht, @Shana_Sakai, @Phoebe_Hamilton, @Gabriel_Master, @Dragonis_Witch, @Mirco_Mcqueen, @Angelina_Largh, @Micol_Evensrav, @Katrin_Hopkirk, Katy_Holstrome, @Katniss_Everdeen , @Marcus_Lagh, @Claire_Biovero, @Lorence_Eminwey, @Samus_Ferrerus, @Thalita_Revenger, @Percy_Smith, @Eltanin_Dream, @Jane_Casterwill, @Cassandra_Gibbs, @Tess_Shepard, @Benjamin_Lasnier, @Percy_Raspell, @Michael_Thompson, @Francy_Scalliver , @Vincenza_Dream, @Effy_Casterwill, @Terry_Scalliver, @Elisa_Battaglia, @Bella_Swan, @Anas_Taoufik, @Lexa_Lively, @Angie_Smith, @Daniel_Fieldford, @Nancy_Obrian, @Arwen_Dynastar,


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 254436
       
       

    [LONDRA - DIAGON ALLEY]


    *Charlotte stava passeggiando per Diagon Alley in compagnia del figlio di quasi due anni.
    Si trovava li perché aveva ordinato dei libri molto importanti al ghirigoro e finalmente era arrivati. Erano libri dedicati alle Arti Oscure che avrebbe utilizzato come fonti per le sue lezioni al castello di Hogwarts.
    Kyle appena era entrato in quel grande negozio sembrava quasi che i suoi occhi si fossero illuminati. Da grande avrebbe amato leggere quei libri, qualsiasi fosse l'argomento, ne era sicura.
    Dato che era presto per tornare a casa si guardarono intorno.
    Si soffermarono anche davanti al Serraglio Stregato, l'unico negozio che vendeva animali da compagnia per i maghi o le streghe.
    Fuori, in grandi gabbie c'erano varietà di gufi, anche un paio di civette delle nevi che al loro passare sembravano osservarli con i grandi occhi.
    quella piccola famiglia aveva già un gufo, anche se ormai vecchio, ma il suo lavoro lo faceva, inoltre Kyle aveva una Fenice tutta sua che gli era stata regalata dalla Preside SIbilla per il suo battesimo quasi un anno prima.
    Come volava il tempo.*

    Dai, torniamo a casa.
    Milo ha preparto i pesciolino che ti piace tanto.


    Sii!

    *Disse solamente il piccolo maghetto che stringeva la mano della madre, con un espressione da furbetto.


    I Capelli ricci erano diventati troppo lunghi, era giunto il momento di tagliarli, incorniciavano il suo viso da piccolo maghetto.
    I grandi occhi verdi erano vispi e osservavano con curiosità tutto quello che lo circondavano. Ricordava ancora benissimo il momento in cui aveva preso in braccio il piccolo mago, la prima volta che l'aveva conosciuto e il sorriso che aveva fatto come a dirle "grazie per avermi preso con te".
    Kyle era infatti stato adottato, chi aveva avuto il coraggio di abbandonare una creaturina così affettuosa.
    Charlotte era felice di aver fatto quella scelta così importante per la sua vita: diventare madre.*

    [HOGSMEADE]



    *Il villaggio di Hogsmeade quel giorno era molto affollato. Saranno stati i saldi dei mesi estivi, sarà stata la temperatura non troppo alta o qualche altro fattore che Charlotte non conosceva, stava di fatto che le vie erano super affollate.*

    Chissà cosa prendere a queste persone, accanite ad accaparrarsi per primi uno dei mantelli più costosi.

    *Proprio non li capiva.
    Charlotte stringeva a sé il piccolo Kyle che aveva una faccia assonnata, di solito infatti quello era l'orario del riposino. SI sarebbe sicuramente addormentato in braccio a lei ne era sicura.
    L'ex Serpeverde indossava un vestito rosso che lasciava scoperte le spalle.
    Era molto comodo data la stagione in cui si trovavano.



    Char, così la chiamavano gli amici, teneva in mano un piccolo pacchettino da porgere a Lavinia, neo mamma.
    Era così felice per lei. Aveva condiviso con lei la gioia della maternità ed era felice che la amica corvonero potesse stringere tra le braccia il suo piccolo pargoletto di gioia e amore.
    Era proprio li infatti che si stava recando: all' "The Noble Horntail" uno dei locali più belli di quel villaggio. Era proprio felice del successo che quell'attività aveva riscontrato.
    Lei, più volte, si era recata al the club di quell'edificio e doveva ammettere di essersi trovava molto bene.*

    E permesso...

    *Disse una volta dopo essere entrata dalla porta principale.
    Amava l'atmosfera di quel luogo, ancora di più in quel giorno pieno di festa.*


    @Gabriel_Master, @Phoebe_Hamilton, @Lythande_Lynch, @Samus_Ferrerus, @Reina_Shiny, @Elena_Gilbert, @Scarlett_Greengrass, @Jane_Hyperion, @Alberto_Aimo, @Buffy_Cenere, @Artemisia_Altair, @Linda_Sforza,@Clary_Morgenstern, @Marylove_Sniper,@Edward_Cullen, @Mark_Cooper, @Eoran_Brodie, @Spencer_Rosewood, @Jordan_Harris, @Dramione_Weasotter, @Delilah_Boston, @Elena_Summers, @Elena_Parker, @Nero_Deld, @Nicholas_Hippogriff, @Dylan_Houseli, @Sadie_Moore, @Helen_Coogan, @Giorgia_Fenice, @Anhoa_Wood, @Orelei_Strongale, @Dahlia_Hammond, @Alhena_Devon, @Erin_Hawkins, @Rastaban_Noovle, @Alysha_Sullivan, @Versus_Zero, @Electra_Chalmers, @Moony_Lune, @Loki_Laufeyson, @Daphne_Scintille, @Pintus_Defentis, @Thalita_Revenger, @Stella_Hanson, @Percy_Smith, @Emma_Swan, @Benjamin_Burton, @Salvo_Bryant, @Elisabeth_Whitenight, @Emily_Beards, @Eltanin_Dream, @Eltanin_Avonhale, @Kira_Darkblood, @Arwen_Dynastar, @Alexis_Morgan, @Julie_Steals, @Emma_Stone, @Siadora_Sunlight, @Elena_Dambrosio, @Echo_Daydreaming, @Berenice_Greenblood, @ Cheryl_Johnson, @Diana_Greens, @Lilith_Jackson,
    @Benjamin_Lasnier, @Andrea_Thompson, @Lexa_Lively, @Lavinia_Grent, @Shireen_Firewet


  • Thalita_Revenger

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 761
       
       

    [CAMERA DI THALITA]


    *Thalita correva come una disperata per la stanza, ma dove era finito?! Finalmente trovò ciò che cercava. Si soffremò davanti al grande specchio per vedere se era a posto. Il vestito azzurro con il corpetto in pizzo, le ballerine bianche, i capelli turchini raccolti in una coda alta leggermente naturale. Lo smalto azzurro e i piccoli gioielli che aveva deciso di indossare per quel giorno. Prese il piccolo pacchetto ed uscì.*



    [THE NOBLE HORNITAIL DI LAVINIA E SHIREEN]


    *Thalita già da lontano vedeva i colori vivaci dei fiori, e intravedeva già Shireen e Charlotte, che indossava un bellissimo abito rosso. Superò il cancello con passo cauto.*

    E' già aperto?

    *Chiese piano, poi si diresse da Charlotte, che era appena arrivata come lei.*

    Professoressa! Salve! Non trova che sia bellissimo!? Spero che si affolli presto, se la merita un po' di attenzione non crede?

    *Poi si diresse da Shireen, non si conoscevano se non di vista, ma dopo l'esperienza con Eltanin stava diventando molto più aperta.*

    E' magnifico, complimenti! Se serve sistemare le ultime cose posso dare una mano...

    *Disse, vedendo che la corvetta stava sistemando gli ultimi addobbi. Si guardò un po' attorno, sperava davvero che arrivasse Eltanin, si era legata davvero molto a quella piccola serpina, un op' ddi compagna sarebbe stata davvero ottima!*

    @Charlotte_Mills, @Lavinia_Grent, @Shireen_Firewet, Eltanin_Dream


  • Vincenza_Dream

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 452
       
       

    [CAMERA DI VINCENZA]

    *si tuffò nell'armadio alla ricerca un vestito per la festa poi appena lo trovò fra quella marea di vestiti colorati, lo indossò velocemente dirigendosi verso lo specchio. Prese le scarpe al lato dello specchio ed indossò anche quelle infine si guardò.
    I capelli biondi e ricci le ricadevano incorniciandole il viso.
    Osservò la spruzzatina di lentiggini poi passò al vestito e alle scarpe.
    Indossava un vestito bianco, lungo fin poco sopra il ginocchio con scarpe di colore beige.
    Fece una giravolta su se stessa e sorrise. Sì, era perfetto. Semplice, fresco ed elegante.
    Prese la sua borsetta blu poi uscì.
    Meta: Hogsmade*



    [HOGSMADE - THE NOBLE HORNITAIL]

    *finalmente era arrivata a Hogsmade, quel giorno era molto affollata, faceva fatica a vedere dove andava. Infatti un paio di volte aveva pestato i piedi a qualche povera persona che sfortunatamente, in quel preciso istante si era trovata nel luogo sbagliato, al momento sbagliato.
    Inoltre non era mai stata in quel locale quindi doveva fare attenzione a non perdersi.
    aveva visto il volantino e aveva deciso di partecipare.
    Finalmente guardandosi intorno vide il negozio. Era arrivata in Morgana Street.
    Cercò l'entrata e dopo aver superato la siepe, percorse il vialetto di pietra.
    Quel luogo era molto bello. Le piaceva molto il laghetto che aveva appena superato, poi c'erano anche altre due serre.
    Sentì un vociare e pensò che fosse ormai arrivata quindi seguì le voci e finalmente si ritrovò davanti ad un cancello a forma di tulipani circondato da un arco di di siepe verde.
    Infine superò anche il cancello e rimase stupefatta.
    Davanti a lei si trovava un bellissimo giardino ricco di piante e fiori e un gazebo ottogonale.
    Era tutto preparato per la celebrazione del raccolto*

    Che bello... Sono senza parole.

    *rise, era veramente sbalordita, ma si riscosse dai suoi pensieri dirigendosi verso il gazebo. Il gazebo era decorato con festoni rosa e c'era il tavolo del buffet. Avevano fatto proprio un buon lavoro, era tutto magnifico*

  • Cornelius_Strange

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 833
       
       

    [CAMERA DI CORNELIUS]

    Cosa mi metto? Oddio, dov'è quella maglietta bianca con il colletto a pois ? Che pantaloni mi metto? Non ci arriverò nemmeno tra cinque anni se ancora sto in mutande..

    *Disse mentre cercava un outfit per andare alla celebrazione del raccolto, dopo mezz'ora trovò l'outfit adatto per andare al The Noble Hornitail e si inoltrò per Hogsmeade..*

    [HOGSMEADE - THE NOBLE HORNITAIL]

    *Cornelius sentiva della musica provenire dal The Noble Hornitail e pensò*

    Oddio , speriamo che sono vestito bene..

    *Si diresse verso Morgana Street ed entrò da un vialetto fatto in pietro tutto addobbato con fiori di tutte le maniere , vide gli invitati eleganti da lontano e avanzò il passo con calma e saggezza*



    *Si sistemò il colletto della camicia , si alzò i pantaloni e vedeva se le scarpe erano splendenti come quando le aveva acquistate. Entrò e salutò tutti*

    Salvee come siamo eleganti..

    *Disse sorridendo e osservando quei bimbi chiese..*


    Ma che belli , di chi sono ?

    @Charlotte_Mills, @Lavinia_Grent, @Shireen_Firewet, @Daniel_Fieldford, @Katrin_Hopkirk, @Sinfo_Arfen, @Filippo_Neri, @Pierre_Locomotor, @Dragonis_Witch, @Eltanin_Dream, @Steve_Strangedraems, @Arwen_Dynastar, @Shireen_Firewet, @Gandalf_Derweiss, @Terry_Scalliver,




    Ultima modifica di Cornelius_Strange oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Katrin_Hopkir

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 790
        Katrin_Hopkir
    Corvonero
       
       

    [CAMERA DI KATRIN]


    *Katrin aveva passato la mattinata a oziare in giardino con la sola compagnia di un libro, le piaceva molto prendere il sole distesa sull'erba, lo trovava molto rilassante. Aveva pranzato con un dolcetto ai mirtilli e del succo di zucca per non perdere troppo tempo a cucinare dato che il romanzo l'aveva presa molto e non voleva perdersi le ore più calde. La giovane si era immersa a tal punto nella lettura da aver perso la cognizione del tempo e una volta resasi conto di quanto fosse tardi era schizzata sotto la doccia, la fece fredda per fare prima e per raffreddare il corpo surriscaldato dalle troppe ore sotto il sole, una volta uscita si avviò a passo di carica verso l'armadio non aveva tempo per provare i vari vestiti e vedere cosa le stava meglio, guardò torva l'orologio che continuava la sua corsa senza curarsi di lei*

    Viola, verde o blu?

    *Domandò rivolta sia a sé stessa che all'armadio, scoccò un'altra occhiata all'orologio, erano l'una e mezza, alle due iniziava la festa organizzata dalla professoressa Grent per la sua bambina, Katrin voleva andarci e voleva arrivare abbastanza presto. Lavinia le era stata molto vicina durante il primo periodo a Hogwarts e lei ci teneva a farle sapere quanto le fosse grata.*

    Sarò puntuale!

    *Disse rivolgendo uno sguardo di sfida all'orologio*

    [HOGSMADE - THE NOBLE HORNITAIL - 14.15]


    *Katrin arrivò alla Festa, molto fiera di sé stessa per essere riuscita a giungere a un'ora decente, fece un sorriso smagliante, guardò il suo riflesso in una vetrina e fece un cenno di assenso, aveva scelto il vestito ceruleo, scarpe nere e pochette nera, in tinta con le scarpe, si era lisciata i capelli e aveva applicato al suo viso un trucco leggero era soddisfatta del suo lavoro soprattutto perchè aveva fatto tutto in meno di mezz'ora un record per quanto la riguardava.*



    *La ragazza entrò nel locale dova la festa aveva luogo con un po' di riluttanza non sapeva quanto in ritardo fosse si guardò in torno e vide che c'erano già alcune persone ma il posto non era super affollato forse non era così in ritardo... fece vagare lo sguardo per la la sala e rimase incantata era tutto perfetto colorato, nell'aria aleggiava un odore afrodisiaco, c'erano tavoli imbanditi e sopra vere e proprie opere d'arte fatte di cibo, era collocato sui piatti con tanta cura che era un peccato mangiarlo, rimase incanta a bocca aperta per un po' poi individuò la professoressa Grent insieme alla sua bambina le si avvicinò*

    Salve professoressa, questo è per la piccola spero le piaccia!! A proposito è un posto magnifico davvero sono estasiata!

    *Disse tutto d'un fiato alla donna consegnandole un pacchetto e poi facendo un ampio gesto a enfatizzare il concetto, poi si fermo sorridendole*

    @Cornelius_Strange, @Charlotte_Mills, @Lavinia_Grent, @Shireen_Firewet, @Vincenza_Dream, @Thalita_Revenger,




    Ultima modifica di Katrin_Hopkir oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    *Lavinia si trovava nel giardino del suo negozio, la "Sala Horntail", insieme alla sua socia Shireen. Stavano aspettando l'arrivo degli ospiti. Stava per cominiciare la festa per il Lughnasadh, la festa del raccolto, e per l'arrivo di sua figlia Joy. Era la festa di presentazione al villaggio della nuova streghetta. Lavinia andò verso l'ingresso del negozio e si sistemò vicino il cancello in attesa dell'arrivo degli invitata. La piccola dormiva nella carrozzina sotto il gazebo. Vide arrivare già la prima persona, la vide in lontananza: era Charlotte, il Sindaco di Hogsmeade e sua grande amica. La donna giunse al cancello del negozio. Aveva con sè suo figlio, il piccolo Kyle.*

    Ciao Char! Buon Lughnasadh! Sono molto felice che sei venuta! La piccola si trova nel giardino di là. Puoi accomodarti. Io attenderò gli altri ospiti.

    *Disse la bionda neomamma sorridendole gentilmente. Era felice di vederla. Charlotte le era rimasta vicina in un momento difficile, quando lei aveva perso la fiducia e aveva esternato le sue paure nel dover crescere una bimba da sola. Le era grata per essere stata una vera amica e averla aiutato in quel momento. La biondina poi si rivolse al figlio della sua amica.*

    Ciao piccolo Kyle! Quanto sei cresciuto! Vuoi vedere la bimba?

    *Gli disse la ragazza accarezzandogli i lunghi capelli ricciolini. Era così carino e dolce. Il bimbo fece sì con la testa e lei gli sorrise. Poi Charlotte lo tirò a se e si avviarono verso il giardino. Lavinia attese l'arrivo di altri ospiti, vide che arrivava una sua alunna. Era Thalita Revenge, l'aveva vista più volte nella sua classe di Antiche Rune. Dietro di lei c'erano due ragazzini che non conosceva.*

    Buon Lughnasadh! Grazie mille per essere venuti! Accomodatevi in giardino.. c'è la mia socia Shireen ad aspettarvi.

    *Esclamò la giovane insegnante sfoggiando il suo sorriso. Dopo qualche minuto vide arrivare da Morgana Street un'altra ragazza che lei conosceva bene. Era Katrin e la conosceva perchè le aveva fatto da guida quando la ragazza era arrivata per la prima volta a Hogwarts. Poi l'aveva vista nella sua aula e poteva affermare che fosse una brava studentessa. La ragazza le porse un pacchettino per la piccola Joy e le fece i complimenti per il negozio.*

    Buon Lughnasadh Katrin! Grazie mille! Non dovevi! La festa è in giardino! Io sto arrivando..

    *Disse Lavinia salutandola con due baci sulle guance. Prese il pachetto e la ringraziò educatamente. Attese altri dieci minuti, ma non arrivò nessuno. Pensò che gli altri sarebbero arrivati in ritardo, quindi decise di tornare in giardino per allietare gli ospiti e controllare la piccola Joy che dormiva. Raggiunse il giardino con un bel sorriso, era felice. Arrivò sotto il gazebo e prese la parola.*

    Sono davvero felice che siete venuti qui per festeggiare insieme il Lughnasadh e per dare il benvenuto a mia figlia.. Joy.

    *Salutò tutti ufficialmente. Vide le facce degli ospiti ascoltarla attentamente e si sentì un po' al centro dell'attenzione, questo la imbarazzò un po', ma fece finta di niente. Decise che era in momento di presentare il buffet sia quello salato che quello dolce.*

    Da questa parte c'è il buffet salato.. potete già iniziarea servirvi. Da quest'altra parte c'è il buffet dei dolci e dei confetti. A proposito.. prima che la festa finisca prendetevi un sacchetti di confetti per la nascita della bimba.

    *Aggiunse la bionda donna indicando i tavoli accanto a lei. Gli ospiti potevano già iniziare a servirsi in attesa dell'arrivo di altre persone. Sul tavolo dei dolci c'era una torta a più piani bianca con le decorazioni rosa e un pupazzetto di zucchero raffigurante un bebè. Lavinia era un'amante della pasticceria, ma in quell'occasione non aveva avuto modo di poterla preparare lei la torta, quindi l'avevano ordinata in una pasticceria locale.*





    *Accanto ai dolci c'era anche un altro tavolo su cui erano stati sistemati i confetti di ogni gusto e di colore verde, bianco, rosa e viola. I gusti erano vari: frutti di bosco, limone, melone, cioccolato, banana ecc.. Su di un tavolo più piccolo c'erano i secchettini di confetti che Lavinia aveva preparato personalmente. Dentro contenevano anche un piccolo bigliettino.*









    *Tutto sembrava perfetto. Lavinia si avvicinò alla sua piccolina che dormiva. Nonostante tutto li rumore e la lieve musica di sottofondo che aveva messo Shireen, lei non si era svegliata. Era proprio una brava e saggia bambina. Era già fiera della sua piccola e anche se sapeva che in futuro l'avrebbe fatta preoccupare tanto, lei l'amava incondizionalmente. Poteva dirlo: l'amava più di quanto aveva amato Rick, il suo unico amore fino a quel momento. Lavinia grazie a Joy aveva scoperto l'amore per una figlia, quell'amore che provavano i suoi genitori per lei e per Faye e quell'amore che forse avevano provato la sua vera mamma e il suo vero papà. A causa di tutto quello che era successo alla bionda donna era passato di mente il progetto che aveva in mente prima del fidanzamento e della nascita della bimba: trovare i suoi veri genitori. Chissà chi erano e se erano ancora vivi.*

    @Shireen_Firewet, @Katrin_Hopkirk, @Cornelius_Strange, @Vincenza_Dream, @Thalita_Revenger, @Charlotte_Mills,


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 254436
       
       

    *Per fortuna Charlotte non era arrivata in anticipo.
    La festa evento di Shireene Lavinia aveva riscosso molto successo al villaggio di Hogsmeade e tra i giovani abitanti del castello che, da li a circa un mese si sarebbe ripopolato di giovani menti.
    Appena entrata Lavinia, sua amica e una delle proprietari di quell'attività commerciale, l'accorse con un grande sorriso. Indosssava un vestito bianco corto molto carino, sembrava quasi un angelo.
    Era così che li dipingevano: biondi e vestiti di bianco proprio come la Corvonero.*

    Ciao piccolo Kyle! Quanto sei cresciuto! Vuoi vedere la bimba?

    *Kyle, ovviamente, fece si con la testa. Era un bimbo curioso, forse anche troppo e qualsiasi cosa lo circondasse lo affascinava. Con i grandi occhi verdi vispi andarono ad osservare la piccola figlia di Lavinia. Era nata da pochissimi mesi e, in quel momento, era nella sua culla che dormiva serena.
    Uu piccolo sorriso comparve su volto di Charlotte, era felice per l'amica. Insieme avevano condiviso molto su quell'esperienza e alla fine era felice di vedere la bionda donna gioire della maternità di cui era protagonista.
    NOn ci volle molto per far si che quelle mura di riempirono di ospiti vestiti anche loro di tutto punto come Lavinia e Shireen.
    Charlotte inizia a sentirsi un po' fuori luogo. Per fortuna salutò Thalita, Vincenza, Katrin_Hopkirk una corvonero che non conosceva molto bene e Cornelius un Serpeverde che aveva conosciuto fin dal suo primo giorno al castello.*

    Anche tu sei molto elegante Cornelius. Quelle scarpe per poco non mi accecavano da quanto sono lucide

    Ma che belli , di chi sono ?

    *Disse il giovane Serpeverde, solo in quel momento si accorse che quello studente non sapeva dell'esistenza di Kyle nella sua vita.
    Ovviamente tutto il castello ne era al corrente, ma come era giusto che fosse c'erano delle eccezioni e il signor Strange era una di quelle.*

    Lui è Kyle, mio figlio, mentre questa piccola e meravigliosa creaturina è la figlia della professoressa Grent.
    Aproposito Lav: la piccolina ti assomiglia davvero molto.


    *Affermò l'ex Serpeverde dopo che la proprietaria più "anziana" di quel locale aveva parlato i presenti.
    Aveva mostrato ai presenti il buffet, dove era presente anche una grande torta e dei confetti per festeggiare la nuova vita che era entrata nella quotidianità di Lav.*

    Questo è ter te e per la piccola Joy.

    *Disse Char, così la chiamavano gli amici indicando un piccolo pacchettino che Kyle, suo figlio adottivo, teneva in mano.
    Lui ovviamente allungò piano piano la manina verso quella donna che aveva conosciuto qualche tempo prima.*






    @Shireen_Firewet, @Katrin_Hopkirk, @Lavinia_Grent, @Cornelius_Strange, @Vincenza_Dream, @Thalita_Revenger, @Charlotte_Mills,




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Thalita_Revenger

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 761
       
       

    *Thaitasi guardò attorno meravigliata. I fiori, il gazzebo, era tutto magnifico! Seguendo il consiglio di Lavinia si avvicinò al tavolo dei confetti e prese un sacchettino che conteneva confetti viola e ne infilò uno in tasca. Come la maggior parte dei suoi vestiti le tasche erano incantate con un incantesimo di estensione irriconoscibile; nella tasca la mano venne a contatto con la bacchetta e con il piccolo pacchetto che aveva preso all'ultimo per Lavinia, o meglio, per Joy. Si sentiva in dovere con quella giovane donna, poichè era grazie a lei che l'Amore per le Rune Antiche era salito a tali livelli, benché fosse già alto.
    Estrasse il piccolo pacco rosa e si avvicinò a Lavinia.*





    Ecco un piccolo pensiero per la piccola Joy. Mi sentivo in dovere, mi ha davvero appassionato la sua materia, ancora più di prima, e sentivo di dover far qualcosa per ricambiare.

    *Sperava solo che la collana che aveva regalato alla piccola piacesse! Suo zio era orefice, quindi non aveva problemi a prendere quel genere di cose... così ne aveva approfittato per fare un piccolo regalo anche a Lavinia. Estrasse dalla tasca il pacchetto bianco e lo porse alla giovane madre*

    Ed ecco un piccolo pensiero per lei, se ho imparato correttamente dovrebbe essere azzeccato... Mi sentivo in dovere, mi ha davvero appassionato la sua materia, ancora più di prima, e sentivo di dover far qualcosa per ricambiare.





    *Sapeva che ogni runa aveva un simbolo e un significato ben preciso, Thalita aveva passato un intera serata a leggere tutte le definizioni e a cercare quella più adatta, e l'aveva trovata! Sperava solo che Lavinia gradisse e capisse, era davvero grata al quella ex corvonero, che le aveva trasmesso una passione così affascinante e misteriosa. Si chinò poi a osservare la piccola Joy che dormiva.*

    Ciao piccola Joy, sei davvero bella, sai?

    *Sapeva che non poteva sentirla, ma quando era piccola, a due, prima, e poi a tre anni, si divertiva a parlare con sua sorella Alastair, prima, e suo fratello Eltanin, dopo. Anche se dormivano si sentiva più vicina a loro.*


    @Charlotte_Mills, @Shireen_Firewet, @Katrin_Hopkirk, @Lavinia_Grent, @Cornelius_Strange, @Vincenza_Dream,
    @Eltanin_Dream,


  • Shireen_Firewet

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 907
       
       

    *Dopo pochi secondi Lavinia e Joy Freya arrivarono presso il “The Noble Horntail”. Shireen era molto felice di vedere che entrambe stavano bene: la sua socia, in un elegante vestito bianco, sembrava essere finalmente serena mentre la bambina dormiva spensierata all’interno della carrozzina posta al di sotto del gazebo in modo tale che il sole di quel caldo pomeriggio non le facesse male. La diciassettenne si appoggiò per qualche istante alla carrozzina della streghetta. Con i suoi occhi smeraldini la contemplò per qualche istante: era una bambina davvero carina e, per il momento, sembrava essere anche molto tranquilla. Quando sia lei che Lavinia si trovavano al negozio doveva ammettere che la piccola non era di alcun fastidio. La Corvetta si divertiva anche a tenerla in braccio quando Lavinia era occupata e ciò le aveva riportato alla memoria il periodo della sua vita in cui anche Amyas, suo fratello, era un tenero pargoletto. La giovane rivolse un candido sorriso alla nuova venuta e si portò vicino al buffet dove fece sparire, tramite un rapido gesto della bacchetta, il telo che proteggeva il buffet che avevano preparato. Nel frattempo Lavinia si era avvicinata a lei e la ringraziò per aver organizzato insieme a lei la festa per la sua bambina.*

    Non devi ringraziarmi! Sono felice di aver realizzato questo progetto insieme a te.

    *Affermò la ragazza mentre un caloroso sorriso prendeva piede sul suo viso diafano. Lavinia, inoltre, le disse che, prima dell’arrivo degli invitati, voleva farle una proposta. Shireen guardò lievemente dubbiosa l’amica: di che cosa si trattava? La domanda che apparve nella mente della giovane ebbe presto una risposta: Lavinia, infatti, le chiese se volesse essere la madrina di Joy Freya. Il viso della bronzo blu divenne all’improvviso serio: non si aspettava di certo quella domanda. In breve tempo si era affezionata alla piccola ma forse essere madrina richiedeva una certa responsabilità. La giovane aveva sì raggiunto la maggiore età ma poteva essere una sorta di guida per la piccola? La strega si grattò lievemente la testa con fare incerto mentre Lavinia continuava a guardarla ed a sorriderle. Non si sentiva ancora una persona matura ma non voleva di certo deludere l'amica che, fra tanti, aveva scelto proprio lei. Un pizzico di commozione si affacciò nei suoi occhi e con tono lievemente incerto rispose alla bionda:*

    Lavinia sono davvero onorata… Ma sei davvero sicura che posso essere la sua madrina?
    Se sei convinta accetto volentieri! E cercherò di diventare più responsabile!


    *Esclamò, infine, la ragazza facendo seguire all’ultima frase una risata. Non lo avrebbe mai pensato che, in quella giornata, le sarebbe arrivata una proposta del genere.
    Mentre stava ancora meditando su quel nuovo evento una voce giunse alle orecchie: qualcuno si trovava vicino al cancello in ferro battuto e stava chiedendo il permesso di entrare. Lavinia, con un movimento fulmineo, si era già recata presso l’entrata ed aveva accolto una sua collega della Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. La Professoressa Mills ed il suo figlioletto avrebbero, dunque, preso parte alla festa. La Firewet si spostò verso il giardino e salutò i nuovi venuti:*

    Buon pomeriggio Professoressa Mills! Ciao piccolino! Grazie per essere venuti.

    *Sancì la giovane sorridente mentre con la mancina salutava il piccolo bambino che accompagnava la donna. Lavinia, intanto, accoglieva i nuovi venuti. La Corvonero, notando che un festone rosa vicino ad un pesco era lievemente storto, si portò vicino ad esso per sistemarlo. Mentre effettuava quell’operazione, una studentessa di Serpeverde, che la Firewet aveva avuto modo di conoscere in alcune esercitazioni tenute del Castello, le chiese se poteva aiutare per sistemare gli ultimi preparativi. La diciassettenne le si rivolse con tono gentile:*

    Ti ringrazio ma adesso dovrebbe essere tutto a posto. Grazie anche per essere venuta!

    Mentre completava quella frase con un sorriso, vide che all'evento si erano aggiunti altri due giovani. Li aveva visti sicuramente di sfuggita nei corridoi del Castello e salutò anche loro contenta di constatare che, forse, la festa non sarebbe stata un vero e proprio fiasco. Nel giardino giunse anche una compagna di Casa della ragazza:*

    Ciao Katrin! Grazie mille per essere qui!

    *Affermò nuovamente la Corvetta nei confronti della sua concasata. Nel frattempo Lavinia si era avvicinata al piccolo gruppetto che si era formato: ringraziò tutti per essere venuti a festeggiare il Lughnasadh e per dare il benvenuto a Joy. In seconda battuta la sua socia indicò in buffet e invitò tutti a servirsi da esso senza dimenticare di prendere i confetti colorati della bambina. Intanto, la Professoressa Mills e Thalita si erano avvicinate alla bambina ed a Lavinia per dare loro alcuni piccoli pensieri. Dopo che i regali vennero scartati Shireen, posta vicino alle scale del gazebo, prese la parola:*

    Ringrazio nuovamente tutti per essere venuti a questa particolare festa! Come di certo saprete, Lughnasadh è una celebrazione celtica del raccolto in ringraziamento alla terra per i suoi doni. E per questo io e Lavinia abbiamo preparato delle piccole sorprese per voi oltre, ovviamente, al buffet!

    *Affermò Shireen in un tono lievemente sarcastico. Completate le sue parole, la giovane fece apparire, dalla fondina posta sul suo fianco destro, la sua bacchetta Pantarei. Con un movimento rapido del catalizzatore magico coadiuvato dall'incantesimo di appello fece apparire sulla festa di tutte le partecipanti una coroncina di fiori che lei e Lavinia avevano diligentemente preparato alcuni giorni prima.*


    *Avevano realizzato le coroncine utilizzando i vari fiori che erano presenti nel loro giardino e nelle loro serre: primule, margherite, calendule, margherite, viole… Il risultato nel complesso risultava essere molto carino. Per i maschietti, invece, erano riuscite a realizzare dei braccialetti in legno ricavato dai rami dall’alto arbusto di agrifoglio che si trovava nei confini del negozio. I piccoli braccialetti comparvero, dunque, al polso del piccolo Kyle e dell’unico ragazzo presente.*


    *La giovane sperava di avere sorpreso tutti positivamente. Vicino al gazebo erano, inoltre, presenti dei piccoli cestini in vimini. Shireen, dopo aver riposto la sua bacchetta, li indicò con l’indice della mano destra e riprese a parlare:*

    Inoltre, quando vorrete, lì ci sono dei piccoli cestini. Io e Lavinia vi invitiamo a raccogliere tutte le primizie che vi piacciono dal nostro frutteto e portarle a casa con voi!

    *Esclamò la Corvetta mentre volgeva i suoi occhi al frutteto in miniatura che si trovava nel giardino. Gli alberi erano in misura ridotta ma da questi pendevano dei grossi frutti maturi. Tutti i partecipanti erano invitati a raccogliere i frutti per poi portarli via con sé al termine della festa.*


    *La giovane aveva considerato quell’attività piuttosto divertente e decisamente gratificante. Rivolse un ultimo sorriso nei confronti dei presenti, curiosa di vedere le loro reazioni a ciò che lei e Lavinia avevano appositamente preparato.*

    @Lavinia_Grent, @Charlotte_Mills, @Thalita_Revenger, @Vincenza_Dream, @Cornelius_Strange, @Katrin_Hopkirk,


  • Lavinia_Grent

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 1555
        Lavinia_Grent
    Corvonero
       
       

    *Lavinia aveva appena mostrato i buffet salato, dolce e dei confetti agli ospiti. Tutti i presenti si precipitarono a guardare la bimba che dormiva beatamente. Non si era ancora svegliata, aveva mangiato poco prima dell'inizio della festa e quindi non si sarebbe svegliata prima di tre ore. Fece un cenno a Shireen e un sorriso in segno che tutto stava andando bene, avrebbe voluto però la partecipazione di altre persone che ancora non erano arrivate. Si avvicinò alla carrozzella della sua piccola dove gli altri stavano ammirando la piccola Joy che dormiva. Charlotte stava presentando sua figlia ad un ragazzo che Lavinia non aveva mai visto. La sua amica aggiunse anche che Joy le somigliava molto. In effetti aveva i suoi stessi occhi. Sorrise.*

    Grazie Char.. vedo molto di me in lei..

    *Rispose la giovane bionda con tono calmo e gentile. Osservò per un attimo la piccola che dormiva. Sembrava un piccolo angioletto. Lavinia poi spostò lo sguardo dal piccolo Kyle a Charlotte, loro non si somigliavano perchè lui era il suo figlio adottivo, ma poteva giurare di vedere qualcosa di simile nei loro movimenti. I bambini copiano i gesti dei genitori. La bionda insengnate prese il piccolo pacchetto che Kyle le porgeva. Char disse che era per la piccola Joy. Lo aprì e dentro c'era un paio di scarpette di lana a forma di orsacchiotto. Erano bellissime e molto dolci.*

    Ma che belle! Joy starà benissimo con queste scarpette! Grazie Kyle e grazie ancora Char...

    *Disse la ragazza felice. A Lavinia si avvicinò anche Thalita e le consegnò un piccolo pacchettino per sua figlia. Le disse anche che voleva ricambiare per i suoi buoni metodi di insegnamento. La bionda ragazza aprì il pacchetto e dentro vi trovò una collanina con un ciondolo su cui c'era scritto il nome della piccola. L'ex corvonero rimase contenta di quel piccolo pensiero. Poi Thalita fece qualcosa che la sbalordì. Tirò fuori un'altra scatolina. Lei non sapeva cosa dire e la ragazzina quattordicenne continuò dicendole che quello era un pensiero per lei. Lavinia lo aprì. Dentro c'era un anello a forma di Othila, una Runa molto significativa che era tra le sue preferite.*

    Oh grazie mille per tutto signorina Revenge! La collanina è bellissima e anche l'anello! Non c'era bisogno di disturbarsi così tanto!

    *Le rispose con un bel sorriso. Thalita aveva avuto un bel pensiero dolce. Lavinia osservò ancora Joy che dormiva profondamente, non si sarebbe svegliata. Era una bimba molto saggia e si svegliava solamente per mangiare o quando aveva qualche piccolo fastidio.
    Poi prese la parola Shireen, la madrina di Joy. La sua migliore amica aveva accettato quel'importante ruolo e lei ne era felice. La corvetta mostrò i gadgets che lei e Lavinia avevano preparato per i loro ospiti: coroncine di fiori per le donne e braccialetti per i ragazzi. Shireen agitò la sua bacchetta e quegli oggetti comparvero in testa alle ragazze e ai bracci dei ragazzi. Poi mostrò anche l'attività della festa, ovvero raccogliere i frutti del loro frutteto in onore della festa del raccolto. Avevano avuto questa bella idea anche per far conoscere i prodotti che loro coltivavano lì.*

    Shireen, sarai la più brava madrina del mondo!

    *Disse a bassa voce Lavinia alla sua migliore amica mentre tutti si precipitavano a prendere i cestini per il raccolto. Le sorrise aggiustandosi la coroncina di fiori che era apparsa anche sulla sua testa.*

    @Shireen_Firewet, @Thalita_Revenger, @Charlotte_Mills,




    Ultima modifica di Lavinia_Grent oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Cornelius_Strange

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 833
       
       

    *La festa continuava , c'era un buffet con tantissimi dolci, il percorso di pietra era ricoperto di fiori , il figlio di Charlotte prendeva i fiori e li buttava in aria con una felicità assurda. Il sole ricopriva tutto il Morgana Street e l'atmosfera era calma..*

    *Una coroncina di fiori gli apparve tra i capelli , prese lo specchio dalla sua borsa e si controllò*



    Mi sta d'incanto..

    *Si incamminò verso il frutteto e osservò gli alberi , dubbioso chiese a Shireen*

    Ma che piccoli , come li avete fatti rimanere in queste dimensione?

    *Chiese il serpino curioso essendo che l'Erbologia gli era sempre piaciuta come la Divinazione, si avvicinò vicino la professoressa Charlotte e disse*

    E' favoloso il suo vestito , aspetti che ho un regalino per suo figlio..

    *Prese dalla borsa un pacco contenente un braccialetto d'oro e lo diede alla professoressa dicendo*


    Spero che le piacerà..

    *Incuriosito Cornelius chiese a tutti gli invitati..*

    Ma dove sono i ragazzi?

    *Disse ridendo*



    @Lavinia_Grent, @Charlotte_Mills, @Thalita_Revenger, @Vincenza_Dream, @Katrin_Hopkirk,




    Ultima modifica di Cornelius_Strange oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Thalita_Revenger

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 761
       
       

    *Thalita ricambiò il caldo sorriso che Lavinia le rivolse, voleva rispondere in tanti modi a quella giovane donna, ma non voleva tenerla occupata, così disse*

    Ogni mio regalo, e anche quelli degli altri se li è meritati, si semina ciò che si raccoglie...

    *E chinandosi leggermente in avanti, come per fare un piccolo inchino, si congedò, per dirigersi verso Shireen, che stava spiegando le attività previste per quella favolosa giornata, con un abile colpo di bacchetta fece apparire una coroncina di fiori sulla testa delle invitate, e un bellissimo bracciale in legno al polso degli invitati. Si diresse verso un piccolo laghetto dalle acque limpide e si specchiò, indossava una coroncina di viole e margherite, che stava anche molto bene con il look che indossava per quella giornata. Estasiata poi dall'idea avuta dalle due corvonero, sebbene una avesse ormai terminato gli studi, si diresse subito verso il frutteto, dove giovani alberi offrivano i loro succosi e profumati frutti, per essere un "mini frutteto" era bello grandicello, infatti per ogni albero c'erano almeno cinque esemplari. Prima di addentrarsi in quel profumato luogo si voltò a osservare il magnifico luogo in cui si trovava. Le due giovani si erano davvero date da fare, e avevano raggiunto meravigliosi traguardi, Thalita era felice di essere li!
    Prese uno dei cestini più grandi e iniziò a prendere i frutti, riempì la cesta di succose pesche, profumate albicocche e mele rosse come le rose. Prese un raspo d'uva, uno rosso e una bianca. Si diresse poi verso una zona più "remota" dove stavano ciliegie, amarene, fragole e more, scovò anche un cespuglio di mirtilli e ne prese alcuni. Tornando indietro vide una mela che la rapì, era rossissima, un rosso fin scuro, scuro come poteva essere il sangue fresco, era in alto, si mise sulle punte dei piedi e con un piccolo salto riuscì ad afferrare la mela e staccarla, la annusò, aveva un profumo divino! Sentì poi un ragazzo chiedere a Shireen con quale incantesimo riuscissero a tenere gli alberi a dimensioni così piccole... sperava scherzasse, ma pareva fin troppo serio... semplicemente non erano cresciuti molto, erano... giovani... stava per "illuminare" il giovane compagino di casata ma si bloccò in tempo, sapeva che le parole sarebbero suonate più sgarbate di quel che credeva, meglio stare zitte ed andare oltre.

    @Lavinia_Grent, @Charlotte_Mills, @Vincenza_Dream, @Katrin_Hopkirk,@Cornelius_Strange,



Vai a pagina 1, 2  Successivo