Hogwarts - Dintorni
Hogwarts - Dintorni


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Sophia_Hale


  • Sophia_Hale

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 140
        Sophia_Hale
    Serpeverde
       
       

    *Erano domenica perciò i ragazzi non avevano lezione e Sophia appena uscita dalla sala grande si diresse nel suo rispettivo sotterraneo dei Serpeverde.
    Quando arrivò nel suo sotterraneo, passò dalla sala comune e si diresse in camera per lasciare il libro che stava leggendo.
    Sophia sistemò il libro sulla mensola che si trovava vicino al suo letto e poi si sedette per qualche minuto per pensare a cosa avrebbe potuto fare quel giorno.
    Dato che c'era il sole non aveva intenzione di stare in camera così decise di uscire a prendere del sole e rilassarsi.
    Aprì l'armadio e prese una maglietta bianca, dei pantaloncini di jeans e i suoi occhiali da sole preferiti e poi uscì dalla camera e si diresse in giardino.*



    [GIARDINO]

    *Sophia era arrivata in giardino dove c'erano molti studenti in cerca di serenità dopo la lunga settimana che avevano passato a studiare.
    Molti ragazzi erano sparsi per il giardino cosi Sophia cercava un posto libero dove sedersi ma era molto difficile.
    Dopo aver fatto qualche metro per cercare un posto comodo, vide da lontano Daenerys che era seduta con la schiena appoggiata a un albero che le faceva ombra dal sole.
    Sophia così si avvicinò a lei salutandola, ma per sbaglio la spaventò.*

    Ciao Daenerys, scusa se ti ho spaventata come stai?

    *Le disse Sophia sorridendole.*

    Ti dispiace se mi siedo qui con te? Oggi ci sono più studenti del solito.

    *Chiese in fine la giovane verde argento.*

    @Daenerys_Martin




    Ultima modifica di Sophia_Hale oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Daenerys amava l'autunno. Dalle foglie ingiallite che cadevano dagli alberi formando una soffice coperta sulla terra umida, i colori caldi e quelli freddi uniti in un unico arcobaleno autunnale, i rami spogli protesi verso il cielo plumbeo e cosparso di nuvole. Settembre aveva dato inizio a quella stagione di vento e insieme ad essa era cominciata anche un nuovo anno ad Hogwarts.
    Quella domenica stava camminando nei giardini della scuola osservando l'erba che si faceva sempre più rada e si limitava a pochi ciuffi verdi, lasciando libera e ben visibile la terra marrone e scura. Il suo atteggiamento fin troppo fiero le impediva però di tenere bassa la testa, che restava sempre alta e dritta come le era stato insegnato e solo gli occhi erano rivolti verso i suoi piedi che calpestavano il terreno avanzando verso una direzione non ben definita.
    L'aria era fresca e un leggero venticello facevano ondeggiare le ciocche bionde dei capelli della verde-argento lasciati ricadere sulle spalle, ricoprendo gran parte della schiena, sulle gote si intravedeva un sottile e quasi invisibile velo di rosa che dava un po' di colore al viso pallido della dodicenne.
    L'unico rumore era il fruscio dei rami spogli e il lontano vociare concitato degli studenti che parlavano tra loro riempiendo i corridoi di voci e suoni, l'odore di foglie cadute e della terra riempiva l'aria dandole il suo caratteristico odore autunnale che assumeva durante quella stagione. Quel giorno c'erano un sacco di studenti seduti nel cortile, da soli o in compagnia, a studiare o semplicemente a godersi quel luogo che quel giorno sembrava essere la meta perfetta per passare del tempo, per non parlare di quella gran parte di studenti che invece erano fuori dalla scuola, essendo comunque una giornata libera.
    Il perchè avesse deciso di andare a fare una passeggiata quel giorno non lo conosceva, aveva solo sentito il bisogno di andarsene quindi era uscita dalla Sala Comune dei Serpeverde ed era scesa verso i giardini in cui si trovava ora e aveva iniziato a camminare per il parco verso una destinazione non definita.


    Tra i cespugli scorse un'enorme albero abbastanza isolato sotto il quale non era seduto nessuno, così mise una pausa alla sua camminata, avvicinandosi ad esso e poggiandosi atterra comodamente, passò una mano sul tessuto del vestito e appoggiò poi la schiena.
    La mano destra si era automaticamente spostata sulla sua gamba e aveva iniziato a muoversi come sui tasti di un pianoforte, suonando una melodia inudibile che riempiva il silenzio rotto solo dai comuni rumori della scuola e da quelli della natura. Una canzone che poteva sentire solo chi lo voleva davvero, troppo delicata per una mente che non si accorgeva dei piccoli dettagli come l'insieme di quei suoni comuni, provenienti da uno spartito immaginario che solo una mano su una tastiera inesistente poteva suonare.
    Fu una voce femminile a fermare le sue dita improvvisamente, facendo scattare lo sguardo verso la fonte del suono. Poco prima era così sovrappensiero che in quel momento sembrò come spaventarsi.*

    Ciao Daenerys, scusa se ti ho spaventata come stai?
    Ti dispiace se mi siedo qui con te? Oggi ci sono più studenti del solito.


    *Non appena la inquadrò riconobbe subito il viso di Sophia Hale, la stessa che aveva conosciuto allo Slytherin's Exclusive Club e che aveva poi incrociato qualche volta in giro nella Sala Comune, nei corridoi della scuola e alle lezioni. Ma ancora non aveva avuto l'occasione di parlarci singolarmente, quindi quello le sembrava il momento più adatto.
    Daenerys portò una mano sul posticino accanto a lei sbattendole delicatamente sull'erba.*

    Ehi Sophia! Certo, accomodati pure.
    E non preoccuparti per lo spavento, ero sovrappensiero, colpa mia! Comunque si, oggi è pieno di studenti, questo albero mi piace proprio perchè è un po' più isolato degli altri.


    @Sophia_Hale




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Sophia_Hale

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 140
        Sophia_Hale
    Serpeverde
       
       

    *Daenerys le concesse di sedersi accanto a lei vicini a quell' albero che ormai non aveva più molte foglie da farlo sembrare più grande.
    Sophia vide Daenerys, che dando dei piccoli colpetti sull'erba vicino a lei, le fece segno che poteva sedersi li vicino a lei.*

    Ehi Sophia! Certo, accomodati pure.
    E non preoccuparti per lo spavento, ero sovrappensiero, colpa mia! Comunque si, oggi è pieno di studenti, questo albero mi piace proprio perchè è un po' più isolato degli altri.


    *Le disse Daenerys.
    Sophia dopo aver avuto il consenso di potersi sedere vicino alla sua compagna di casata, si chinò lentamente e si sedette, dopo aver sistemato i suoi pantaloncini di jeans si mise a posto il ciuffo di capelli che le era finito davanti al viso e poi si appoggiò all'albero ormai quasi spoglio e si voltò verso Daenerys.*

    Lo penso anche io. Pur essendo una ragazza che va spesso alle feste, in momenti come questi preferisco non avere troppe persone addosso.

    *Sophia mentre rispondeva a Daenerys notò qualcosa di strano.
    Passò la sua mano sul pantaloncino e sentì che era un po' umido, si era seduta proprio sul terreno coperto da alcune foglio ancora bagnate che erano cadute precedentemente.*

    Oh no...! Mi sono bagnata, ci sono foglie ancora umide da ieri.
    Sinceramente l'autunno non è la mia stagione preferita, ma amo le foglie tinteggiate di arancione e rosso, gli alberi hanno quella chioma magnifica e il terreno diventa soffice, perché camminiamo su un'immensa distesa di foglie.




    * A Sophia piaceva molto l'autunno, le piacevano molto le foglie colorate di rosso e amava gli alberi con una grande chioma colorata.
    Preferiva vedere gli alberi colorati che gli alberi mentre perdevano piano piano la loro chioma perchè diventavano privi di colore, senza foglie verdi, senza fiori e senza frutti per questo preferiva l'inizio dell'utunno che la sua fine.
    Anche se l'autunno non era una delle sue stagioni preferite, le piaceva guardare le foglie rosse,era una stagione molto tranquilla in cui Sophia poteva pensare in pace rilassandosi disegnando i magnifici paesaggi pieni di foglie colorate che erano tinteggiate dal rosso al giallo.*

    @Daenerys_Martin,


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Quel posticino un po' solitario, circondato da cespugli di rose rosse, le trasmetteva un senso di calma, come se tutte le preoccupazioni stessero piano a piano scivolando via da lei insieme al senso di turbamento che le attanagliava lo stomaco da qualche giorno. Persino la notte, negli ultimi tempi, non riusciva a stare tranquilla a causa degli incubi di cui poi, la mattina seguente, non ricordava nulla. Nessuna immagine, nessun suono. Il vuoto totale se non il ricordo di averli fatti ed era una cosa che non sopportava. Non riuscire a ricordare qualcosa la faceva innervosire, non avere più tutto sotto controllo la esasperava e la faceva arrabbiare con sé stessa.
    Quel giardino, ma più che altro quell'albero isolato, era riuscito a farle dimenticare tutto, il turbamento, il nervosismo lasciandole solo un senso di pace con cui raramente aveva il piacere di stare ultimamente, perciò voleva godersi il momento fino a quando durava. E la presenza della sua concasata ora le faceva anche più piacere, perchè non si trattava di un mucchio di studenti scalmanati, ma solo di loro due.*

    Lo penso anche io. Pur essendo una ragazza che va spesso alle feste, in momenti come questi preferisco non avere troppe persone addosso.
    Oh no...! Mi sono bagnata, ci sono foglie ancora umide da ieri.
    Sinceramente l'autunno non è la mia stagione preferita, ma amo le foglie tinteggiate di arancione e rosso, gli alberi hanno quella chioma magnifica e il terreno diventa soffietto, perché camminiamo su un'immensa distesa di foglie.


    *Daenerys a quelle parole portò automaticamente lo sguardo attorno a lei, alzando leggermente il fondoschiena per vedere se anche sotto di lei fosse leggermente bagnato, ma fortunatamente notò che quel punto era asciutto e un sospiro di sollievo uscì dalla sua bocca.*

    Oh, se mi fossi accorta che era umido quando ti ho fatta sedere, forse ora tu non ti saresti bagnata il pantaloncino! Comunque io amo l'autunno, ma devo ammettere che la considero comunque una stagione triste. Lo so, è un po' incoerente, ma è così. Triste, eppure mi piace.

    *Guardò davanti a sé, il cespuglio punteggiato dai boccioli rossi delle rose. Amava le rose per diversi motivi, ma non quelle rosse, tutti le amavano e le rendevano perciò quasi scontate e banali. Preferiva quelle bianche, nere e rosso scuro, particolari e che la rappresentavano in modo particolare, la rossa era ormai diventata solo il simbolo dell'amore.
    La cosa che le piaceva di più di quel fiore erano però le spine, così bello ma così doloroso, un controsenso. Come lei.*

    Se ami una rosa ami anche le sue spine.

    *Si disse mentalmente. Un soffio d'aria le sfiorò il viso e la riportò alla realtà, il suo sguardo si spostò su un albero lontano con i rami spogli, le foglie colorate raggruppate alla base del tronco. E' così, le metteva tristezza, i bracci marroni protesi verso il cielo, privati della loro coperta naturale le mettevano quella sorta di tristezza incontrollabile. Allontanati da ciò che più amano e separati, il tronco affusolato e stretto che li separava dal terreno e dalle preziose foglioline che ogni tanto venivano mosse da un alito di vento fresco. Per quanto amasse l'autunno lo vedeva come una stagione triste, dove tutto viene separato: le foglie dai rami, il sole dalla terra.
    Improvvisamente un miagolio attirò la sua attenzione, facendole spostare lo sguardo verso il gatto che aveva emesso quel dolce suono. Era proprio la sua gatta nera dagli occhi profondamente azzurri proprio come la padrona, riapparsa improvvisamente dopo ore passate chissà dove.*

    Kali! Eccoti finalmente, ma dove eri finita?

    *Chiese retoricamente e con esasperazione, sapendo che la gatta non avrebbe potuto certamente rispondere. Quel felino era un caso perso, ma era anche così tanto affezionata alla sua padrona che era difficile arrabbiarsi con lei. Kali si avvicinò e si posò delicatamente sulle gambe di Daenerys, che accarezzò il suo animale come fosse la cosa più preziosa al mondo. Mentre lo faceva, rispostò lo sguardo verso compagna.*


    Lei è Kali, la mia gatta! Sparisce per ore e quando riappare pretende che io le dia solo affetto. Prima o poi mi manderà al manicomio, diciamo che è stata molto fortunata a trovare una padrona calma come me.

    @Sophia_Hale


  • Sophia_Hale

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 140
        Sophia_Hale
    Serpeverde
       
       

    Oh, se mi fossi accorta che era umido quando ti ho fatta sedere, forse ora tu non ti saresti bagnata il pantaloncino! Comunque io amo l'autunno, ma devo ammettere che la considero comunque una stagione triste. Lo so, è un po' incoerente, ma è così. Triste, eppure mi piace.

    *Affermò Daenerys.
    Dopo un po' uscì da un cespuglio una gatta nera con gli occhi azzurri che la ragazza prese in braccio e iniziò a coccolare, poi si rivolse verso Sophia.*

    Kali! Eccoti finalmente, ma dove eri finita?
    Lei è Kali, la mia gatta! Sparisce per ore e quando riappare pretende che io le dia solo affetto. Prima o poi mi manderà al manicomio, diciamo che è stata molto fortunata a trovare una padrona calma come me.


    Tranquilla non ti preoccupare per i miei pantaloncini, si asciugheranno. Comunque in effetti hai ragione l'autunno da un certo punto di vista è triste per questo preferisco per esempio l'estate.

    *Rispose Sophia sorridendole.
    Preferiva l'estate perché pur essendo una ragazza che molte volte preferiva rilassarsi, le piaceva anche divertirsi e l'estate era la stagione migliore per divertirsi. Finiva la scuola, si poteva andare al mare e alle feste.
    Sophia amava le feste perché le piaceva fare amicizia e in ogni festa a cui andava conosceva sempre nuove persone e aveva nuovi amici con cui chiaccherare, passeggiare e divertirsi.
    Mentre dell'autunno le piacevano soprattutto i colori.*

    ciao Kali

    *Disse Sophia portando la mano dietro l'orecchio della gattina e accarezzandola per qualche secondo.*

    Hai davvero una bella gatta!

    @Daenerys_Martin,


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Tranquilla non ti preoccupare per i miei pantaloncini, si asciugheranno. Comunque in effetti hai ragione l'autunno da un certo punto di vista è triste per questo preferisco per esempio l'estate.

    *Disse Sophia con un sorriso. A Daenerys piaceva l'estate, ma doveva ammettere che non era una delle sue stagioni preferite. Non era una che sopportava molto il caldo, ma la concasata aveva ragione sul fatto che era un periodo dell'anno in cui ci si divertiva maggiormente. Peccato che però, durante l'estate, alla bionda toccava sempre rivedere suo fratello, il che rovinava quel mese allegro trasformandolo in uno dei più cupi.
    Per non parlare poi della sua pelle! Era molto chiara di carnagione e la sua pelle era piuttosto sensibile ai forti raggi solari dell'arida estate. Diciamo che, per quanto riguardava lei, c'erano più contro che pro verso quel mese caldo tanto amato dai studenti.*

    ciao Kali.
    Hai davvero una bella gatta!


    *Nello stesso momento in cui la compagna accarezzava e salutava la gatta di Daenerys, per poi rivolgersi a quest'ultima con un complimento riguardo il felino, Kali alzò la testolina verso Sophia soffiandole contro. Tipico dei gatti quando si ritrovano infastiditi da qualcosa.*

    Kali!
    Oh Sophia, perdonala. Non è molto affettuosa con chi ritiene estraneo, ma credimi basterebbe passarci un po' di tempo e già inizierebbe a dare più confidenza e persino a fare le fusa. Purtroppo è abbastanza diffidente verso tutti, a parte me e la professoressa Mills.
    Non so come mai con lei non mostri mai alcun segno di diffidenza. Probabilmente avranno avuto varie occasioni di incontrarsi in giro, dato che come ti ho detto Kali sparisce per ore.


    *Subito dopo quelle parole il suo sguardo si spostò poi verso vari punti di quel cortile che, a dir la verità, era veramente magnifico. Fu molto colpita dalla grandezza delle zone verdi, nonostante il colorito dell'autunno stava iniziando a dare i suoi effetti, e notò subito alcuni posti perfetti per chi voleva rifugiarsi per scrivere, o tentare di disegnare. Infatti in quel momento più che mai si odiò per la sua incapacità nel disegno, desiderava così tanto poter imprimere tutta la magnificenza che vedeva su di un foglio. Ma ci mise poco, alla fine, a rendersi però conto che non c'era alcun bisogno di disegnare quei paesaggi dato che aveva la possibilità di vederli quando voleva durante il suo soggiorno ad Hogwarts.
    La ragazza si era completamente immersa nei suoi pensieri, arrivando a chiedersi come fosse possibile che lì, stesa sotto un albero a guardare il cielo, con una compagna accanto a lei, quasi non si rendeva conto dell'enorme cambiamento che c'era stato nella sua vita.
    Certo, era una purosangue ed era già perfettamente a conoscenza del mondo in cui viveva ed era anche abbastanza preparata su molte cose, ma la distanza da casa era ciò che più la stava facendo crescere. Era già molto maturata proprio a causa, e grazie, a suo fratello e ai suoi maltrattamenti, ma la lontananza da quel ragazzo la stavano aiutando a capire meglio cosa volesse davvero dalla sua vita. Peccato che la vendetta a cui aspirava era ancora presente, e sarebbe stato difficile mandarla via.
    Sorrise poi guardando una nuvola che le sembrava particolarmente morbida e con una strana forma, che guardata meglio sembrò formate esattamente un coniglio.*

    E' pazzesco come le nuvole riescano a prendere quasi perfettamente le sembianze degli animali più improbabili.

    @Sophia_Hale


  • Sophia_Hale

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 140
        Sophia_Hale
    Serpeverde
       
       

    Kali!
    Oh Sophia, perdonala. Non è molto affettuosa con chi ritiene estraneo, ma credimi basterebbe passarci un po' di tempo e già inizierebbe a dare più confidenza e persino a fare le fusa. Purtroppo è abbastanza diffidente verso tutti, a parte me e la professoressa Mills.
    Non so come mai con lei non mostri mai alcun segno di diffidenza. Probabilmente avranno avuto varie occasioni di incontrarsi in giro, dato che come ti ho detto Kali sparisce per ore.


    *le disse Daenerys.*

    Oh non ti preoccupare tranquilla, ancora non mi conosce è normale dal tronde, magari faremo amicizia.
    Vero Kali?


    *Sophia tirò fuori dalla tasca del suo pantaloncino un croccantino per gatti e lo poggiò davanti la gattina, che avvicinandosi lentamente incuriosita lo mangiò e sembrava le piacesse molto
    Mentre Daenerys guardava il cielo è le nuvole si rivolse a Sophia.*

    E' pazzesco come le nuvole riescano a prendere quasi perfettamente le sembianze degli animali più improbabili.

    Hai ragione, quando ero piccola io passavo le ore a guardare le nuvole insieme a mia sorella minore.

    *Sophia sorrise ricordandosi tutti quei momenti divertenti passati con la sorella ormai lontana da lei.
    Poi dopo aver guardato Daenerys voltò lo sguardo al cielo concentrando l'attenzione su due nuvole che assomigliava no davvero a degli animali.*

    Guarda Daenerys quella nuvola sembra un drago...e guarda quella li più in basso assomiglia a un coniglio.

    * Disse Sophia ridendo.*

    @Daenerys_Martin,


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Oh non ti preoccupare tranquilla, ancora non mi conosce è normale dal tronde, magari faremo amicizia.
    Vero Kali?


    *E bastò poco dopo quelle parole e dopo aver tirato fuori un croccantino, che Kali le se avvicinò lentamente per poi mangiarlo. Sophia aveva sicuramente iniziato nel miglior modo a piacere alla gatta della bionda, che sorrise non appena vide che Kali mostrò meno diffidenza verso la concasata. Dopo ciò, la compagna si rivolse a Daenerys rispondendo alla sua affermazione riguardo le nuvole.*

    Hai ragione, quando ero piccola io passavo le ore a guardare le nuvole insieme a mia sorella minore.
    Guarda Daenerys quella nuvola sembra un drago...e guarda quella li più in basso assomiglia a un coniglio.


    *Anche lei aveva visto la nuvola a forma di coniglio che poco prima anche la bionda aveva notato. Ma a colpirla davvero fu quella a forma di drago, essendo lei una vera amante di quella maestosa creatura sputafuoco. Il drago era anche ciò che rappresentava la famiglia Martin, difatti il loro stemma era un drago a tre teste, di colore rosso in campo nero, mentre il loro motto era "Fuoco e Sangue". Ed era proprio stato trasmesso dalla famiglia quell'amore per i draghi, che avevano dato ad una piccola Daenerys la possibilità di imparare tutto su quelle creature. Era difficile che non conoscesse una razza esistente, probabilmente impossibile.
    Ma alla fine era anche difficile che qualcuno in famiglia non sapesse niente su di loro. Era quasi un obbligo per i Martin saperne molto.*

    Quella a forma di drago è stupenda! Io amo quelle creature, è da quando sono bambina che desidero vederne uno da vicino. Mio fratello è più grande di me e ha avuto la possibilità di vederli, come tutta la mia famiglia. Io invece ho potuto vedere solo le uova, ma per me è già tanto.
    Ma appena finirò questi anni ad Hogwarts, finalmente anche io potrò osservarne uno ad una distanza super ravvicinata.


    @Sophia_Hale


  • Sophia_Hale

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 140
        Sophia_Hale
    Serpeverde
       
       

    Quella a forma di drago è stupenda! Io amo quelle creature, è da quando sono bambina che desidero vederne uno da vicino. Mio fratello è più grande di me e ha avuto la possibilità di vederli, come tutta la mia famiglia. Io invece ho potuto vedere solo le uova, ma per me è già tanto.
    Ma appena finirò questi anni ad Hogwarts, finalmente anche io potrò osservarne uno ad una distanza super ravvicinata.


    *Rispose Daenerys a Sophia.
    La ragazza bionda sembrava affascinata da quelle magnifiche ma anche pericolose creature.*

    Davvero? Anche io adoro i draghi sai? E sarebbe davvero bello vederne uno, chissà tuo fratello quanto era felice di averne visto uno.
    Io trovo che siano creature affascinanti perché sono tanto belli quanto possono essere anche pericolosi, in loro trovo un mistero che li fa sembrare affascinanti.


    *Affermò la giovane Verde-argento.
    A Sophia come aveva detto alla sua compagna di casata, le piacevano i draghi e se non fossero stati così pericolosi le sarebbe piaciuto un giorno cavalcare uno di loro per volare sopra grandi città, come se fosse stato un animale domestico.*

    quale drago preferisci?

    *chiese poi Sophia alla sua amica Serpeverde.*


    @Daenerys_Martin,


  • Daimhin_Connor

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 3
    Galeoni: 228
       
       

    [Dormitorio Grifondoro]
    *Aveva lasciato da poco la biblioteca dove si era recata per finire i compiti di Babbanologia perché, resasi conto dell’ora, era palese che fosse ormai giunto il momento di liberare finalmente il suo pipistrello. Lasciò quindi la cartella ed i libri accanto al proprio letto a baldacchino, per prendere quindi la gabbietta oscurata di nero. La lasciava in dormitorio, vicino alla finestra spalancata, accanto al proprio letto: Robin sapeva riconoscerla e infilarvisi la mattina presto. Appena sveglia, lei si assicurava che ci fosse e la richiudeva con cura. Qualche gatto avrebbe infatti potuto approfittare del suo sonno per fargli qualche dispetto
    Discese quindi le scale, pregando che non cambiassero idea sulla loro posizione proprio in quel momento: sarebbe stato quanto mai inopportuno! Fortunatamente, non avvenne quanto aveva temuto e, percorse interamente le sette rampe di scale si ritrovò a varcare salone d’ingresso, che dava direttamente sul giardino.*



    [Giardino]
    *Tanti studenti affollavano l’esterno del castello: il tempo era bello quel giorno e sicuramente molti vollero approfittarne per passare all’aperto la giornata festiva, incuranti del fatto che le foglie arancio-rossastre fossero insidiosamente bagnate, a causa della pioggia dei giorni precedenti. Daimhin tuttavia cercò di evitare i luoghi eccessivamente chiassosi o frequentati: Robin non amava il frastuono e, del resto, non tutti gli studenti apprezzavano la sua presenza; la sua familiarità ai topi ne rendeva indigesta la presenza a troppi. Per entrambi questi motivi, preferì inoltrarsi verso zone un po’ più recondite e meno frequentate del giardino. Finalmente, nei pressi di un albero quasi isolato, decise di liberarlo. Posò a terra la gabbietta, si chinò, fece scattare la sicura e lo chiamò a sé: *
    Coraggio, Robin! La notte è tutta tua!

    *In un attimo, il chirottero spalancò le ali e spiccò il volo, regalando giusto un’occhiata veloce alla propria padrona.
    Solo in quel momento, volgendosi alla propria destra, si accorse di non essere sola: due giovani Serpeverde le erano accanto. Si avvicinò e si rivolse loro, nonostante le vedesse parlare tra loro, perché le pareva scortese non presentarsi alla ragazza che ancora non aveva conosciuto:*
    Ciao Daenerys! Che bello rivederti! Finalmente vedo la tua Kalì!
    E tu invece? Non ci siamo ancora incontrati, mi pare? Io sono Daimhin e vengo da Inishmaan, nelle isole Aran!

    *Si presentò con un sorriso all’altra ragazza*

    @Sophia_Hale @Daenerys_Martin


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Davvero? Anche io adoro i draghi sai? E sarebbe davvero bello vederne uno, chissà tuo fratello quanto era felice di averne visto uno.
    Io trovo che siano creature affascinanti perché sono tanto belli quanto possono essere anche pericolosi, in loro trovo un mistero che li fa sembrare affascinanti.
    Quale drago preferisci?


    *Di draghi stupendi ce ne erano moltissimi, con la loro grandezza e maestosità che solo loro riuscivano ad avere, ma ce ne era uno in particolare che aveva fatto breccia nel cuore di Daenerys fin da quando era piccola. Solo all'età di cinque anni si era ripromessa che un giorno uno di quei draghi sarebbe stato suo. La possibilità di averlo c'era, in verità, la verde-argento non era affatto povera e questo le permetteva persino di poterne avere uno, ma i Draghi sono creature molto difficili da addomesticare e una senza esperienza come lei non avrebbe mai potuto farlo. Ecco perchè voleva imparare, crescere, con il tempo forse un giorno avrebbe potuto realizzare quel sogno che tanto bramava.*

    Il Nero delle Ebridi.
    Ogni drago è splendido e affascinante, secondo me, ma questo da me nominato credo sia il più bello. Ovviamente si tratta di un mio gusto personale, ma è da quando sono piccola che questa razza di drago mi affascina da morire. Sarà forse anche il fatto che è Nero, un colore che può sembrare triste per molti, ma per me è splendido. Poi ha quelle scaglie ruvide, gli occhi di uno splendido viola brillante e una fila di creste basse ma affilate come rasoi lungo la schiena. La sua coda termina con una punta a forma di freccia e possiede ali simili a quelle di un pipistrello!



    *Ed ecco che, improvvisamente, a distrarla da quel discorso fu proprio un pipistrello. Inizialmente la bionda si chiese cosa ci facesse un tale animale a quell'ora del giorno nel cortile della scuola, dato che comunque i pipistrelli amano il buio, ma poi pensò a una persona. Daihmin, la Grifondoro che ormai poteva definire un'amica, aveva un pipistrello di nome Robin. Si, doveva essere proprio lui.
    La conferma gli arrivò pochi istanti dopo, quando Daimhin stessa apparve davanti alle due Serpeverdi salutando prima Daenerys, per poi presentarsi a Sophia.*

    Ciao Daenerys! Che bello rivederti! Finalmente vedo la tua Kalì!
    E tu invece? Non ci siamo ancora incontrati, mi pare? Io sono Daimhin e vengo da Inishmaan, nelle isole Aran!


    *Daenerys sorrise alla vista della Grifona, e un altro furtivo sguardo lo dedico poi al pipistrello che si era già trovato un piccolo posto buio dove poter fare ciò che più lo aggradava. Dopodiché le sue iridi azzurre tornarono nuovamente verso quelle verdi della ragazza, mostrandole un dolce sorriso amichevole.*

    Ciao Daimhin! Eh si, ed io finalmente vedo il tuo Robin, o perlomeno vedevo fino a qualche secondo fa. Come stai?

    @Daimhin_Connor, @Sophia_Hale




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 4 volte in totale


  • Sophia_Hale

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 140
        Sophia_Hale
    Serpeverde
       
       

    Il Nero delle Ibridi.
    Ogni drago è splendido e affascinante, secondo me, ma questo da me nominato credo sia il più bello. Ovviamente si tratta di un mio gusto personale, ma è da quando sono piccola che questa razza di drago mi affascina da morire. Sarà forse anche il fatto che è Nero, un colore che può sembrare triste per molti, ma per me è splendido. Poi ha quelle scaglie ruvide, gli occhi di uno splendido viola brillante e una fila di creste basse ma affilate come rasoi lungo la schiena. La sua coda termina con una punta a forma di freccia e possiede ali simili a quelle di un pipistrello!


    *Disse la giovane concasata di Sophia.*

    wow davvero un bel drago!

    *Rispose Sophia alla sua compagna verde-argento sorridendole.
    Poi voltò la testa e guardò ancora un po' il cielo è le sue nuvole di varie forme mente un venticello le faceva muovere il ciuffo di capelli che le finì davanti agli occhi.
    Sophia spostò il ciuffo che le dava fastidio e dopo poco tempo che stava guardando le nuvole notò passare un pipistrello, una cosa strana.
    Subito dopo arrivò dietro lei e Daenerys una ragazza che aveva in mano una gambietta.*

    Ciao Daenerys! Che bello rivederti! Finalmente vedo la tua Kalì!
    E tu invece? Non ci siamo ancora incontrati, mi pare? Io sono Daimhin e vengo da Inishmaan, nelle isole Aran!


    *Così si presentò la ragazza che già conosceva Daenerys.*

    Ciao Daimhin! Eh si, ed io finalmente vedo il tuo Robin, o perlomeno vedevo fino a qualche secondo fa. Come stai?

    Io sono Sophia piacere di conoscerti, vengo dall'Italia ma la mia famiglia è di Londra.
    Robin, sarebbe il pipistrello che è passato prima qualche secondo fa? È tuo?


    *Rispose Sophia sorridendo a Daimhin e tendendo la mano alla nuova ragazza conosciuta.*

    @Daenerys_Martin, @Daimhin_Connor,


  • Daimhin_Connor

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 3
    Galeoni: 228
       
       

    Ciao Daimhin! Eh si, ed io finalmente vedo il tuo Robin, o perlomeno vedevo fino a qualche secondo fa. Come stai?

    *Era proprio felice di avere incontrato di nuovo, fortuitamente, la compagna di scuola, per cui le rispose, sinceramente:*

    Bene, Daenerys! È proprio una bella serata. Anche la tua Kalì mi pare un animale indipendente e forte. Scura come la notte, spero proprio di non trovarmela di fronte, tra i corridoi del castello: finché non decidesse di aprire gli occhi,rischierei di non vederla!

    *La ragazza che aveva trovato in compagnia dell’amica, anche lei Serpeverde, si fece avanti: era una giovane fanciulla bruna, dagli occhi castani, raccolti in una lunga treccia e dava tutta l’impressione di essere del primo anno. Il sole stava ormai tramontando alle loro spalle, arrossando il cielo dietro alle nubi che lo popolavano. *



    Io sono Sophia piacere di conoscerti, vengo dall'Italia ma la mia famiglia è di Londra.
    Robin, sarebbe il pipistrello che è passato prima qualche secondo fa? È tuo?


    *Rispose Sophia sorridendo a Daimhin e tendendo la mano alla nuova ragazza conosciuta. Dal canto suo, Daimhin strinse con calore la mano che le stava porgendo la mora, sorridendo:*



    Felice di fare la tua conoscenza! Bella l'Italia: la patria di Leonardo, Michelangelo, Raffaello... tutti i più grandi artisti! Sei un'artista anche tu?
    Sì, è mio, il pipistrello.. di notte lo lascio un po’ libero! Di solito, poi sa la strada di casa e ritorna da me.. almeno finora! Lo so, non è ancora buio del tutto, ma, sai, dopo cena non ci lasciano uscire e volevo accompagnare Robin almeno fin qui! Non è molto socievole, com'è nella sua natura. Infatti, guarda dove s'è infilato: nel cavo di un albero! Vedrai che ci rimane fino a che non sarà buio pesto! Ci scommetto quello che vuoi!
    Ma.. voi due stavate parlando di draghi, o sbaglio?


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Daenerys rimase zitta per un po', senza mai togliere dal suo volto quell'espressione piacevole e sorridente. Osservò le due presentarsi; Sophia era italiana e Daimhin non esitò a parlare bene di quel luogo e della sua arte. Daenerys sapeva ben poco, quasi nulla, degli artisti babbani, il che la fece sentire un po' di troppo in quel momento. Ma fortunatamente la Grifondoro iniziò poi a parlare nuovamente del suo pipistrello, tornando ad un argomento di cui la giovane verde-argento aveva più conoscenza: gli animali.*

    Ma.. voi due stavate parlando di draghi, o sbaglio?

    *Ed ecco la domanda che più le donava piacere al solo sentirla. Parlare dei draghi la faceva stare, in un certo senso, bene. Era come se quelle creature fossero in qualche modo imparentare realmente con lei, e non solo con lo stemma dell sua ricca famiglia che spiccava elegantemente sulla grande e antica villa situata nel Wiltshire.*

    In effetti si, stavamo parlando dei Draghi. Sophia mi aveva appena chiesto quale fosse il mio preferito, ed ho risposto che si tratta del Nero delle Ebridi, nonostante ogni razza ha il suo fascino. Ma ora sono curiosa di sapere qual'è quello che piace di più a voi! C'è una razza che preferite maggiormente?

    *Chiese rivolgendosi sia alla concasata che alla Grifondoro. Erano entrambe del primo anno ma nonostante ciò si trovava molto bene con loro. Lei era al terzo anno ma, alla fine, non si toglievano poi molto, forse anche per questo chiacchierarci risultava molto piacevole.
    Anche se non si poteva affatto negare il fatto che Daenerys non era una che solitamente guardava l'età. A lei piaceva chiacchierare con tutti, dai bambini agli adulti, e chissà come riusciva sempre a tenere solida la chiacchierata. In base all'età della persona di fronte a lei, la verde-argento riusciva ad esprimere vari lati della persona che era. Sapeva comportarsi in modo infantile, senza esagerare, come sapeva comportarsi da persona matura senza far risultare le sue parole come una recita.
    Aveva imparato dalla nonna in questo, come tanti altri suoi lati del carattere. Purtroppo però, tanti altri lati erano i stessi del resto della sua famiglia.*

    @Daimhin_Connor, Sophia_Hale



Vai a pagina 1, 2  Successivo