Hogsmeade
Hogsmeade



Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
Topic Precedente :: Topic Successivo

  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Kaylee_Blankenheim


  • Kaylee_Blankenheim

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 42
       
       

    *La notte calava nella piccola cittadina quasi sconosciuta dalle persone. Il silenzio regnava sovrano in quel luogo, dove molte persone camminavano per quelle strade di cemento. Erano tante ma uguali, portando così ad avere posti e direzioni diverse a seconda di dove si voleva andare. Tuttavia al calar della sera risultava esser un posto insicuro, dove non dovresti mai camminare se non con qualcuno da aver accanto, in modo tale che in quel che veniva considerata una zona buia, si sarebbe potuto trovare conforto e sicurezza. Come una brava sorella maggiore che si preoccupava per la sorellina, Kaylee si ritrovava a camminare per quelle strade illuminate a malapena dai lampioni, ma che permettevano di far vedere il cammino della propria destinazione. Osservò così il cielo, che pieno di stelle risultava essere anch'esso una fonte di sicurezza e di luce, come i pochi lampioni, da permettere che quella strada non fosse così buia come spesso veniva definita. Un leggerissimo venticello fresco accarezzò il suo volto come se fosse una minuta mano vellutata in cerca di conforto, che l'accompagnava durante il suo cammino verso... verso dove? Lei stessa non sapeva dove era diretta a quell'ora della notte, eppure non le interessava più di tanto. Sarebbe andata lì dove l'avrebbe portata la strada, molto semplicemente. Si fermò. Il vento pareva provenisse da est, ma non ne era certa. Non ne sapeva nulla di meteorologia, e a dire il vero non le interessava nulla riguardo questa materia. L'unica luce intensa proveniva da un locale non molto distante da lì. Fu l'insegna dei Tre Manici di Scopa e una folla che usciva dal locale, a tentarla, infine, di fare una capatina al pub. Aveva sentito dire in giro che era arrivata una nuova barista ai Tre Manici, una certa @Daenerys_Martin. Così, entrò all'interno del locale. L'ambiente non era per nulla soffocante nonostante tutte quelle persone, tavoli e sedie sparsi in giro attorno al lungo bancone in legno dove una donna si apprestava a scrutare il luogo. Kaylee si avvicinò lentamente al bancone.*

    Salve. Vorrei una Burrobirra.

    *Disse semplicemente, sospirando, appoggiando un gomito sul bancone e attendendo la risposta di quella che doveva essere la nuova barista.*



    Ultima modifica di Kaylee_Blankenheim oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *La mattina aveva raggiunto i Tre Manici di Scopa fischiettando un motivetto inventato e si sentiva di buon umore, finché passate le ore e arrivata la sera non le ritornò alla mente che avrebbe dovuto inviare un gufo di risposta ad un'urgente richiesta che le era stata recapitata il giorno prima, da un'amica, della migliore amica, di un'amica di sua madre. Era stata designata su carta come una richiesta urgente, ma non era altro che un'idea regalo per una vecchia ottantenne a lei sconosciuta. Quali gravosi enigmi esistenziali avviluppavano le menti delle streghe mature! Volevano che la quindicenne inglesina avanzasse qualche proposta, che scegliesse lei per loro, senza che si fossero premurate di darle qualche riferimento in più sulla festeggiata.*

    E tanti auguri!

    *Esclamò scocciata nella sua mente. E poi non è che per idea intendessero una semplice trascrizione cartacea, no, loro volevano che il "pensierino" fosse impacchettato e che un simpaticissimo gufo spelacchiato di nome Donny lo consegnasse alla vecchia - Ma Merlino! Come acciderpluffola si chiamava lei? Mica glielo avevano detto! Prese posizione dietro al bancone, sbuffando per l'incombenza, poi un ghigno diabolico le si dipinse sul volto, avrebbe fatto uno scherzetto all'arzilla vecchietta senza nome. Qualche inaspettata combinazione esplosiva sarebbe sopraggiunta se solo avesse avuto il tempo di meditarne una con i fiocchi. Il pub si stava popolando rapidamente e il tempo per portare a termine il suo piano diabolico si sarebbe ridotto inesorabilmente. Sbuffò. Avrebbe dovuto rimandare l'impresa. Una voce si era appena insinuata nei suoi pensieri, riportandola vigile dietro il bancone.*

    Salve. Vorrei una Burrobirra.

    *Daenerys prese un bel respiro e liberò la mente da quel pensiero, certa che l'idea geniale sarebbe arrivata se meno la cercava e soprattutto se si fosse dedicata a svolgere bene il suo lavoro che in quel momento doveva essere la sua priorità. La voce proveniva da una ragazzina che si era avvicinata al bancone richiedendo una borrubirra.*

    Buonasera e benvenuta ai Tre Manici di Scopa! Certamente, vado subito a prepararla.

    *Esordì gentile, cercando di riappropriarsi, nel migliore dei modi, del ruolo che aveva in quel momento. Prese subito un boccale e andò a preparare la bibita come da richiesto. Si trattava della bevanda analcolica al gusto di butterscotch, una caramella inglese a base di zucchero e burro. Si serve fredda in bottiglie e calda in boccale da birra, ed era la più richiesta nel mondo magico. Daenerys stessa andava matta per la Burrobirra, difatti di tanto in tanto se ne riempiva anche lei un boccale. Non era facile resisterle, come nemmeno ai dolci che vendevano nel pub; tutti avevano un'aria tremendamente invitante. Quando tornò glie la porse e con il sorriso stampato sul volto gli consegnò anche il menù, casomai gli venisse voglia di mangiare qualcosa.*

    Ecco a te la tua burrobirra! Ed ecco anche il menù, nel caso ti andasse di mangiare qualcosina. Prenditi pure il tempo che vuoi per pensarci, inoltre ci sono anche dei tavoli liberi se desideri sederti. Ma se vuoi rimanere qui al bancone, va bene lo stesso.


    Mi sembra di averti già vista ad Hogwarts.. Sei una studentessa del primo anno o mi sbaglio?


    *Gli chiese infine curiosa e con un piccolo sorriso stampato sul volto. Dall'età che dimostrava sembrava sicuramente del primo, ma magari poteva anche sbagliarsi. Comunque il suo viso l'aveva già visto prima, forse a inizio anno alla cerimonia dello smistamento, se Daenerys in quel momento non si sbagliava, quella ragazza doveva far parte della casata dei Serpeverde, proprio come lei. Era per questo che ricordava un po' il suo viso, anche se negli ultimi tempi aveva visto così tante persone che le risultava molto facile sbagliarsi. Senza pensarci oltre, attese una risposta dalla cliente.*

    @Kaylee_Blankenheim




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Kaylee_Blankenheim

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 42
       
       

    *Kaylee tamburellò impaziente le dita della mano sul bancone, creando così una melodia inudibile. La stessa mano, battendo sul tavolone in legno, stava scuotendo migliaia di particelle che sfuggivano all'occhio nudo. Ogni tanto la giovane Blankenheim si guardava intorno, il suo sguardo vagava fra i diversi Maghi lì presenti eppure allo stesso tempo così distanti, poiché ognuno parlava di argomenti diversi. Il suo sguardo si spostò su una delle vetrate del locale. I lampioni illuminavano fiocamente le strade, ormai deserte. Kaylee odiava l’autunno. I primi freddi di Ottobre la mettevano ancor più di malumore di quanto non fosse solitamente.
    Fu la voce della giovane barista a riportare Kaylee alla realtà, consegnandole il menù e portandole la Burrobirra che aveva richiesto poco prima*

    Grazie.

    *ringraziò la giovane, per poi sorseggiare la bevanda, che come al solito, era squisita. Kaylee adocchiò, scrutando i tavoli, una zuppa che sembrava avere un aspetto delizioso, infatti stava per ordinarla, ma la voce della giovane costrinse Kaylee a distogliere gli occhi dal tavolo, per riportarli sulla figura dinanzi a lei.*

    Si... Frequento Hogwarts. Sono una studentessa del primo anno.

    *mormorò, sorseggiando nuovamente della Burrobirra.*

    Tu che anno frequenti?

    *chiese, questa volta sfogliando il menù.*

    @Daenerys_Martin




    Ultima modifica di Kaylee_Blankenheim oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Grazie. Si... Frequento Hogwarts. Sono una studentessa del primo anno. Tu che anno frequenti?

    *E anche questa volta Daenerys era riuscita a non sbagliarsi. Era molto brava a capire gli anni delle persone, o almeno finchè si trattava di adolescenti. Ancora non sapeva in quale casa fosse stata smistata quella ragazzina, ma il ricordo del cappello parlante che la smistava nei Serpeverde la rendeva abbastanza sicura che fosse davvero così. In qualsiasi caso se la conversazione sarebbe andata avanti, glie lo avrebbe chiesto, in caso contrario sarebbe rimasta con il dubbio e lo avrebbe scoperto in un altro momento.
    Daenerys ne approfittò per rispondere alla domanda della cliente, che la bionda notò subito grazie ai suoi occhi azzurri. Avevano entrambi gli occhi di un colore molto simile, in effetti.*

    Frequento il quarto anno. A proposito, piacere di conoscerti, sono Daenerys Martin, della casa Serpeverde.


    *Si presentò ed allungò la sua mano verso la nuova studentessa. Le faceva sempre piacere conversare con i suoi clienti, soprattutto se questi erano studenti di Hogwarts. Daenerys era sempre stata una ragazza molto solare e sorridente, anche se il suo viso dolce a volte era perfetto per ingannare chi non le andava a genio. Per fortuna di quella ragazza, in quel momento aveva un sorriso completamente sincero, forse anche perché ancora non si conoscevano e la verde-argento in quel momento, a pelle, non riusciva a darle nessun giudizio. Strano da parte sua, che di solito mentalmente faceva una descrizione completa di quello che apparivano le persone, ma che non si permetteva mai di dirle ad alta voce finché non ne avesse la conferma. Non era una che chiacchierava con gli amici giudicando altre persone alle loro spalle, nonostante questo fosse un difetto molto diffuso nella famiglia Martin, ma era anche una ragazza alla quale basta voltarle le spalle una sola volta per mettersela contro. Ma dopotutto ognuno ha il proprio carattere.*

    Spero ti stia piacendo la Burrobirra, è la prima volta che la bevi o è già successo prima?
    Appena hai scelto qualcosa da mangiare, dimmi pure, il menù è molto vasto.




    @Kaylee_Blankenheim




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Gaya_Horsewom

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 226
        Gaya_Horsewom
    Serpeverde
       
       

    Gaia_Smith entrò nel bar Tre Manici di Scopa e vide @Katniss_Everdeen lavorare dietro il bancone. Si avvicinò per ordinare una burrobirra e salutò*
    Salve, sono una nuova studentessa di Hogwarts, potrei avere una burrobirra?
    *e attese la risposta del barista*

  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Mentre Daenerys attendeva risposta da quella ragazza, un'altra si avvicinò al bancone e la barista quindicenne approfittò dell'attesa per servire quella che sembrava essere perfettamente una nuova studentessa di Hogwarts, e la conferma le arrivò esattamente due secondi dopo, solo che poté notare che quest'ultima rivolse la domanda a Katniss, la sua collega di lavoro.*

    Salve, sono una nuova studentessa di Hogwarts, potrei avere una burrobirra?

    *Notando che però Katniss era impegnata in altre faccende, Daenerys si diede la disponibilità di servire lei l'undicenne. La ragazzina che aveva davanti sembrava molto carina; capelli castani, occhi verdi e un modo di porsi molto gentile. Una cosa che notò subito, dato che la ragazzina indossava la divisa scolastica, era proprio la spilla che portava sul petto. A quanto pareva si trattava di una nuova Serpeverde, nonché concasata della bionda. Era sempre un piacere avere nuovi membri nella Casata e Daenerys cercava sempre di mostrarsi gentile a loro, soprattutto per chi veniva per la prima volta come cliente ai Tre Manici di Scopa.*

    Tranquilla Kat, ci penso io!
    Salve, oh quindi sei al tuo primo anno ad Hogwarts? Noto con piacere dalla tua spilla che sei nella mia stessa casa, ne sono molto contenta.
    Vado subito a preparare la tua Burrobirra!


    *E con un sorriso gentile si allontanò leggermente dal bancone e, dopo aver preso un nuovo boccale, andò a preparare un'altra Burrobirra per la nuova cliente. Ormai era diventata un'abitudine preparare quella bibita per tutte le volte che l'aveva fatto, ma la verità era che provava molto piacere nel servire i suoi clienti, nonostante ce ne fossero alcuni davvero maleducati. Purtroppo per lei non poteva tirar fuori il suo carattere in certi momenti, doveva per forza rimanere calma e tranquilla. Litigare con i clienti non l'avrebbe portata da nessuna parte e avrebbe solo fatto guadagnare di meno al Pub, e non poteva permettersi che accadesse una cosa del genere proprio a causa sua.
    Tornò finalmente dalla ragazzina e gli porse il boccale., chissà se anche per lei era la sua prima Burrobirra, solitamente è così per i nuovi studenti di Hogwarts. Molti non hanno occasione di berla prima della partenza, o perchè cresciuti in una comunità di babbani, o semplicemente perchè i genitori non glie lo permettevano.*

    Ecco a te cara!
    Lascio il menù anche te, nel caso volessi mangiare qualcosa.



    *Disse consegnandole il menù e per poi portare con lo sguardo verso l'altra cliente, non le piaceva far aspettare ed ora era tornata ad essere disponibile anche per lei.*

    @Gaia_Smith
    Innanzitutto benvenuta su HW!
    Penso che il tuo post vada bene, ma è pur sempre copiato dall'esempio che ti è arrivato per messaggio. Ma tranquilla, davvero, è la prima volta che ruoli in questo GDR e non te ne faccio assolutamente un problema. Ti do solo come consiglio quello di ampliare quello che scrivi, magari descrivendo meglio ciò che vedi attorno a te o descrivendo meglio i tuoi pensieri.
    In più ti consiglierei anche di dare un colore al tuo parlato, risulterebbe più ordinato e anche più bello da vedere, che ne pensi? Spero che questi minuscoli consigli possano aiutarti a migliorare in futuro, ma sono sicura che sarà così!




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Kaylee_Blankenheim

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 42
       
       

    *Kaylee era nota all'interno della sua famiglia soprattutto per il fatto di perdersi nei suoi pensieri. Spesso la si sentiva fare strani discorsi, delirava nel silenzio della notte, chiedendosi continuamente "chi sono?". Era sempre apparsa come riflessiva e saggia, una di quelle persone che definivano la loro vita come una piccola candela che bruciava giorno e notte. Tuttavia, ella negava di assumere un comportamento da filosofa o in qualche altro termine che rispecchi i profondi sentimenti di una persona. Anche se, i suoi discorsi, pur negando di essere filosofici, tendevano ad avere quel tasto dolente che nessuno premeva per il suo suono struggente e inutile.*

    Oh... Anche io sono tra i Serpeverde... Mi chiamo Kaylee, piacere di conoscerti.

    *Sospirò la giovane, ritornando alla realtà nell'esatto momento in cui la barista le rivolse la parola. La verità è che Kaylee non era mai stata una persona loquace, per niente. Molti tendevano a confondere la sua autodifesa come timidezza, ma Kaylee non era timida, bensì introversa. Preferiva di gran lunga ascoltare, piuttosto che parlare. A causa di ciò, appariva come una menefreghista all’occhio umano, nonché una persona fredda e a tratti “cattiva”. Ma a Kaylee non importava di cosa pensavano le persone di lei, non le è mai importato. Era dell'idea che non le servivano amici, preferiva rimanere sola con i suoi problemi come sempre aveva fatto.*

    Sì, è la prima volta che assaggio una Burrobirra... Va bene così, non ho fame...

    *Rispose semplicemente, osservando ad occhi socchiusi quella deliziosa bevanda, poggiata sul lungo bancone in legno. Ormai la fame le era passata. Rivolse lo sguardo sugli occhi della barista, e solo in quel momento si accorse delle due pozze dal colore non ben definito, che variavano dall'azzurro del cielo al blu degli oceani. Kaylee rimase per qualche minuto a fissare gli occhi della ragazza, aveva un'espressione indecifrabile, un misto tra stupore e confusione. Dopo essersi accorta che la stava fissando, distolse subito lo sguardo, imbarazzata, maledicendo se stessa. Probabilmente aveva avuto un espressione da stupida mentre la osservava.*

    @Daenerys_Martin


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Oh... Anche io sono tra i Serpeverde... Mi chiamo Kaylee, piacere di conoscerti.
    Sì, è la prima volta che assaggio una Burrobirra... Va bene così, non ho fame...


    *Ed ecco che anche questa volta la bionda era riuscita a non sbagliarsi, difatti si era ricordata bene che quella ragazzina era stata smistata nella sua stessa Casa. La cliente era un'undicenne, eppure sembrava essere più matura della sua età, il che faceva molto piacere a Daenerys che, in fin dei conti, non negava la sua amicizia a nessuno. Certo, era pur sempre una sua tattica quella di piacere alle persone, anche a chi più odiava, ma quando si affezionava diventata una grande amica. Spesso non guardava nemmeno l'età delle persone, potevano quindi anche essere del primo anno i suoi amici, l'importante per essere suoi amici era saper relazionarsi anche con quelle della sua età. E quella ragazzina dagli occhi azzurri stava prendendo proprio la giusta strada.
    Daenerys si accorse per un momento, quando guardò Kaylee, che quest'ultima la stava in effetti fissando, ma fortunatamente a Daenerys non irritavano queste cose. Anche lei spesso si fissava sulle persone, ma non per nulla, a lei piaceva studiarsele anche se non le conosceva. Era fatta così e di cambiare non le andava minimamente. Kaylee distolse subito lo sguardo quando notò che la bionda se ne era accorta, ma la barista si comportò come se nulla fosse accaduto, e con un sorriso le rivolse nuovamente parola.*

    Kaylee.. Hai davvero un bel nome. Quindi sei anche tu una figlia di Salazar, vuol dire che ci incontreremo spesso in Sala Comune o alle lezioni. Mi fa piacere, spero che potremo chiacchierare ogni tanto come compagne di scuola e non solo come barista e cliente.

    *A volte si stupiva da sola della sua gentilezza e disponibilità nell'offrirsi amica alle persone e soprattutto ai novellini del primo anno, ma più che altro si stupiva del fatto che spesso e volentieri la faceva sentire bene essere così. Se i suoi genitori avessero saputo che si comportava in quel modo si sarebbero sicuramente chiesti se Daenerys fosse realmente loro figlia, e per quanto la bionda si convincesse che la sua era solo una forte tattica, si rendeva conto che la realtà non era proprio così, perchè si sentiva bene con se stessa quando si comportava in tal modo. La sua famiglia non era buona, affatto, e tutti i suoi familiari durante il loro percorso scolastico ad Hogwarts erano stati davvero dei Serpeverde da odiare e da temere, come ancora adesso. Al contrario loro Daenerys non si era fatta assolutamente odiare, anche se quando si arrabbiava sul serio usciva una parte di lei abbastanza temibile, ma questo succedeva raramente.*

    @Kaylee_Blankenheim


  • Kaylee_Blankenheim

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 42
       
       

    *Kaylee era intenta ad assaporare l'ultimo sorso rimasto della Burrobirra che aveva richiesto poco prima, quando ad un certo punto, nonostante il vociare continuo delle persone attorno a lei, udì il tintinnare della campanella posta all'ingresso. La funzione di quell'aggeggio era di segnare l'arrivo o il congedare di un qualche cliente, questo significava, che un cliente era entrato oppure uscito. Ma non era stata la persona a varcare la soglia ad incuriosire Kaylee, al contrario era stato il lieve trillare della campanella. Non sapeva per quale motivo, ma il suono che produceva il campanellino l'aveva sempre messa di buon umore. Fin da piccola aveva sempre adorato udire il trillare di quel piccolo oggetto a lei misterioso, poiché in quel periodo della sua infanzia significava l'entrata in pasticceria, e lei adorava i dolci. La sua vicina di casa, a quell'epoca anziana, gestiva un piccolo negozio di dolciumi poco lontano dalla casa dei suoi genitori, perciò ogni mattina quando saltellava per le strade le si riempivano le narici dell'odore intenso del pane appena sfornato, tanto che non riusciva mai a resistere e finiva per avviarsi verso casa con le tasche della veste e le mani colme di pasticcini. Quanto tempo era passato da allora. Dopo la morte della proprietaria anche la pasticceria fu chiusa. Gli affari andavano a gonfie vele grazie a tutti i bambini che vi passavano davanti e non riuscivano a resistere a quel profumino invitante. Tuttavia, dopo la sua morte, di quella pasticceria ne rimaneva soltanto lo spettro: le imposte erano tutte chiuse, e dei battenti avevano sbarrato la porta, che però con il passare delle stagioni, con l'alternarsi del caldo e del freddo, era marcita.*

    Grazie... Sicuramente avremo tante altre occasioni per parlarci.

    *Come al solito si era risvegliata dai suoi pensieri giusto in tempo per udire le parole della sua compagna di casa. Avrebbe voluto dire che anche il nome della giovane dinanzi a lei era armonioso, ma l'ultima cosa che voleva era dare l'impressione di complimentarsi solo per gentilezza o perché si sentiva di ricambiare il complimento ricevuto. Già, perché probabilmente Kaylee stava dando un'ottima impressione, insomma, cosa c'era di più bello di essere considerata una tizia strampalata che fissava le persone e si perdeva nel suo mondo nel bel mezzo di una conversazione?*

    Immagino tu sia sempre impegnata con il lavoro...

    *Aggiunse, poggiando un gomito sul bancone e osservando il locale, ripensando ai robusti muri portanti che circondavano quella pasticceria, i quali racchiudevano gelosamente l'eco delle risate di decine di bambini.*

    @Daenerys_Martin


  • Jack_Turbin

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 221
        Jack_Turbin
    Corvonero
       
       

    *Jack Turbin entrò silenziosamente nel bar de I Tre Manici di Scopa: era passato all'incirca più di un mese da quando era stato smistato nella Casa dei corvi, e già si era abbastanza abituato all'ambiente.
    Quel pomeriggio non aveva voglia di fare niente, i compiti li aveva finito da un pezzo: quindi era andato a spasso per i corridoi, in biblioteca e nelle aule per cercare qualcosa di interessante che non avesse già fatto o visto. Era andato a Hogsmeade qualche giorno prima per il fine settimana con suo fratello, ma ai Tre Manici di Scopa non era mai entrato.
    Dopo aver osservato con lo sguardo il posto, si sedette al bancone: c'era un po' di gente, tra i quali @Daenerys_Martin e @Katniss_Everdeen, le bariste. La prima l'aveva già vista ad Hogwarts.*

    Serpeverde, mi pare…

    *Non era mai entrato lì, qualcuno gliene aveva parlato, e aveva letto in un libro su Hogsmeade che a I Tre Manici di Scopa facevano una delle Burrobirre più buone di tutto il Mondo Magico.*

    Mi scusi, vorrei una Burrobirra, grazie.

    *Domandò. Sperava che gliel'avrebbero portata velocemente, perché non aveva voglia di passare tutta la sera in quel posto. Nell'attesa, prese il suo libro dalla borsa e cominciò a leggerlo, incurante delle chiacchiere, dei passi e di tutto quello che avrebbe potuto infastidirlo.*



    Ultima modifica di Jack_Turbin oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Grazie... Sicuramente avremo tante altre occasioni per parlarci.
    Immagino tu sia sempre impegnata con il lavoro...


    *Studiare e lavorare allo stesso tempo non era affatto facile, ma nonostante questo Daenerys era molto brava a dividere i due ruoli in modo tale da poter compiere entrambi. La fortuna stava nel fatto che non lavorava da sola, ma c'era anche la sua collega di lavoro Katniss, e lei era di grande aiuto per la bionda che, in questo modo, riusciva a trovare anche del tempo libero da dedicare a se stessa. Quindi per quanto le persone potessero immaginare che probabilmente era una ragazza molto impegnata, questo non cambiava il fatto che seppur lo era abbastanza, ciò non le toglieva la libertà di divertirsi.*

    "Sempre" non è la parola adatta. Del tempo da dedicare anche a me ce l'ho in fin dei conti, e poi qui a lavoro ho anche l'aiuto dell'altra barista. Dopotutto sono ancora una studentessa, necessito anche io di divertirmi. Quindi stai tranquilla che in giro per il castello a far guai mi troverai più spesso di quanto credi!


    *Esclamò sorridendo mentre le tornarono a mente le sue compagne del dormitorio. Erano in quattro in quella camera, ma con una delle tre aveva legato molto di meno. Mentre con Elena e Eltanin il tempo insieme passava in un batter d'occhio, tutto ciò perchè ci si trovava benissimo e, quando ti senti felice, il tempo diventa sempre più veloce. Non aveva mai capito perchè funzionasse così, eppure succedeva spesso. Ciò non cambiava che nonostante ciò, il trio riusciva comunque a trovare un modo per divertirsi e passare del tempo assieme.
    A farle alzare lo sguardo fu poi il tintinnio del campanello che si trovava all'entrata del locale, ma nessuno era uscito, al contrario, qualcuno era appena entrato. Anche in questo caso si trattava di uno studente del primo anno e questa volta ne era del tutto certa. Lo si poteva benissimo vedere dalla sua divisa perfettamente ordinata e pulita, aveva sicuramente circa un mese di vita. Doveva essere nuovo per forza. Sul petto brillava con serietà la spilla dei Corvonero.*

    Mi scusi, vorrei una Burrobirra, grazie.

    *Non sembrava un ragazzino molto loquace, ma c'era da aspettarselo da un undicenne che, tra l'altro, faceva parte della casa dei Corvonero. Non che si trattasse di una casa a lei antipatica, per carità, aveva persino degli amici che vi appartenevano. Semplicemente era risaputo che fosse piena di studenti che pensavano più allo studio che al resto, ma questo non era di grande interesse per Daenerys che, in quel momento, era lì solo per fare il suo lavoro e non doveva per forza mettersi a chiacchierare con i clienti. Certo, lo faceva con chi sembrava accettare volentieri di discutere amichevolmente con lei, ma se il cliente invece non desiderava chiudersi in chiacchiere, lei lo accettava tranquillamente.*

    Salve e benvenuto ai Tre Manici di Scopa! Certamente, vado subito a preparare la tua Burrobirra.

    *E con uno scatto allegro e un piccolo sorriso stampato sul volto, mostrando la sua solita solarità a tutti i presenti, prese un boccale e andò a preparare quella bibita tanto richiesta dalla maggior parte dei clienti. E come biasimarli, era davvero buona ed era normale che anche i studenti più piccoli ne fossero attratti, essendo questa interamente analcolica.
    Con gesti ormai veloci ma allo stesso tempo eleganti e delicati, preparò la bibita richiesta e alla fine con un tonno finale ci aggiunse il famoso burro che la caratterizzava. Era difficile per lei tenere a bada quei suoi gesti nobiliari, essendo lei appartenente ad una famiglia di nobili origini e che ancora ora manteneva questa classe. Non era neanche del tutto facile vivere in una famiglia del genere e in una villa tanto grande da perdercisi dentro, per quanto le persone potessero ritenerla fortunata, a volte lei si chiedeva come sarebbe stato se fosse nata in una famiglia con meno soldi e meno aspettative dalla più piccola di casa. Ma adesso non era il momento di pensare a loro. Così con un nuovo sorriso tornò dal nuovo cliente e gli porse il boccale di burrobirra, ma quest'ultimo era impegnato nella lettura del suo libro tanto che non si rese subito conto che la ragazza era già tornata a lui.


    Così, senza togliere il suo sguardo amichevole dal viso, finse una minuscola e docile tosse, quasi come se si stesse schiarendo la voce. Dopodiché gli rivolse la parola.*

    La tua burrobirra è pronta per essere bevuta!

    @Kaylee_Blankenheim, @Jack_Turbin
    Ciao Jack, benvenuto su HW! Vorrei darti un consiglio. Potresti colorare il tuo parlato così da poter far risultare il tutto molto più ordinato e non so, anche più carino da vedere, che ne pensi? Almeno si riuscirebbe anche a distinguere meglio il parlato dal narrato. Smile


  • Agnes_Walker

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 237
        Agnes_Walker
    Corvonero
       
       

    *Agnes entrò nel primo bar che trovò in quel luogo chiamato Hogsmeade. Lesse "Tre Manici di Scopa", e si fece avanti, camminando accanto al muro per passare inosservata. La sua volpe dal pelo bronzeo, Tyrion, si agitava sulla sua spalla, facendo deboli versi sonnecchianti. Agnes si avvicinò al camino acceso, e stette lì per riscaldarsi. Le piaceva quel posto: le ricordava la casa di sua zia Emilee, con quella folla e il calore del fuoco, e tutti sembravano così cordiali, come una famiglia. Stette qualche minuto a guardare la cameriera servire una strana bevanda fumante a uno dei clienti: nonostante fosse cresciuta in una famiglia Purosangue, non aveva mai visto quel drink. Avanzò timidamente verso @Daenerys_Martin, attenta a celare la cicatrice che le attraversava il sinistro occhio cieco con i riccioli rossi e disse, a bassa voce*
    Potrei averne anch'io, per favore?
    *Si sentiva impacciata a dover chiederle quel favore in un modo tanto incerto, ma ignorò i suoi pensieri e attese la risposta della cameriera*

  • Kaylee_Blankenheim

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 42
       
       

    *La barista riuscì a strappare un minuscolo sorriso alla giovane Blankenheim, ma a dirla tutta più che un sorriso sembrava un ghigno divertito. Dopotutto Kaylee non era mai stata una ragazza molto sorridente e loquace, anzi, non lo era per niente. A dirla tutta odiava le persone invadenti, seguite a ruota da quelle troppo estroverse e con un sorriso da ebete sempre stampato in faccia. Faticava ad ammetterlo, ma la sua compagna di casa stava risultando più interessante di quel che credeva.*

    Oh.. Allora non vedrò l'ora di incontrarti in giro per il castello.

    *Fece spallucce, con quel mezzo sorriso ad incorniciarle il volto. La quiete che aleggiava poco prima venne improvvisamente interrotta dal vociare di un ragazzo a lei sconosciuto, con un libro in mano, fermatosi dinanzi al bancone, e per il quale Kaylee non aveva il minimo interesse. Alzò lo sguardo, dopotutto era stata lei ad andare ai Tre manici di Scopa, pur sapendo che ci sarebbero stati tanti studenti. Osservò per qualche istante il libro che il giovane Corvonero aveva tra le mani, un'espressione di palese fastidio le incorniciò il volto. Non che Kaylee detestasse la lettura, ma proprio non riusciva a capire cosa c'era di divertente (perché erano molte persone leggevano solo per passatempo.) nell'immergere la testa in quelle pagine puzzolenti colme di inchiostro. Kaylee distolse lo sguardo dal libro, per riportarlo sulla barista, la quale in quel momento era impegnata a preparare un altro boccale di Burrobirra. La giovane sospirò, stava pensando a quanto il cielo fosse brutto senza le miliardi di stelle a punteggiarlo, così povero, pulito, triste. Quella purtroppo era una delle classiche notti nuvolose, dove nulla era visibile nel cielo se non uno strato spesso di inchiostro.*

    @Daenerys_Martin


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Oh.. Allora non vedrò l'ora di incontrarti in giro per il castello.

    *Disse Kaylee con un piccolissimo sorrisetto, che se Daenerys doveva dire la verità, non sembrava molto convincente. In effetti stava iniziando a chiedersi se forse era stata troppo invadente nei confronti di quella ragazzina che, magari, non aveva voglia di fare conversazione. Ma ormai era successo e le cose non potevano cambiare, e sinceramente la verde-argento non si sarebbe fatta problemi se Kaylee avrebbe deciso di evitarla le prossime volte. Quella cliente apparteneva alla sua stessa casa, era carina e non le era sembrata tanto antipatica, ma in fin dei conti non la conosceva abbastanza da poter dire com'era caratterialmente, e dopo quel momento non l'avrebbe più importunata troppo. Nessuno conosceva davvero Daenerys, nemmeno le sue compagne di stanza o la sua collega di lavoro. Solo sua nonna, quando era ancora in vita, aveva l'onore di poter dire di conoscerla davvero, ma oltre a lei nessuno. La bionda era abituata a portare una maschera di gentilezza che faceva in modo che nessuno sapesse davvero chi era. E allora, chi era davvero Daenerys Martin? Chissà se qualcuno, prima o poi, sarebbe riuscito a scoprirlo.
    In quel momento non potè fare altro che ricambiare il sorrisetto di Kaylee, per poi occuparsi di un altro cliente appena arrivato. Quella giornata di lavoro era risultata molto impegnativa e di clienti ce ne erano stati a bizzeffe e ancora continuavano ad arrivare.*

    Potrei averne anch'io, per favore?

    *Anche quest'ultima doveva essere del primo anno dall'aspetto, ma sembrava essere anche molto più impacciata. Aveva dei bei capelli rossi e una cicatrice che le attraversava l'occhio sinistro che, nei pochi secondi in cui Daenerys la aveva osservata, sembrava esser cieco. Questo non faceva cambiare nulla, ogni persona ha qualcosa che la contraddistingue, a volte cose evidenti, altre nascoste. L'unica cosa che fece la bionda in quel momento fu sorridere alla cliente e prendere il suo ordine. Anche lei voleva una burrobirra come gli altri, così Daenerys dopo averla salutata andò a preparare un'altra burrobirra. Nel mentre riempiva il boccale pensò a tutti i tipi di clienti che entravano dentro quel pub, ognuno aveva la propria storia alle spalle proprio come lei, tanti avevano un passato felice, altri triste. Lei non sapeva come definire il suo; aveva una bella villa, era ricca e non poteva negare di essere una bella ragazza. Eppure la sua vita non era stata affatto facile. Aveva un fratello orribile che per undici anni non aveva fatto altro che maltrattarla con inferiorità, usando la violenza e i genitori ne erano anche all'oscuro. Ed ora lei voleva solo vendicarsi.
    Si meritava tutto il male del mondo quel ragazzo. Tutto.
    Quando finì di preparare la burrobirra tornò dalla nuova cliente e gli porse il boccale.*

    Ecco a te, è la prima volta che bevi una burrobirra? Se la risposta è si, sono quasi sicura che ti piacerà molto. Sai, è la bibita più venduta qui ai Tre Manici!

    @Kaylee_Blankenheim, @Jack_Turbin, Agnes_Walker
    Ciao Agnes, do anche a te il benvenuto in HW! Come ho detto anche a Jack prima, vorrei consigliarti di colorare il tuo parlato in modo da distinguerlo meglio dal narrato. Inoltre risulterebbe anche più carino e ordinato, che ne pensi? Ovviamente la scelta è tua. Smile



Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo