Hogwarts - Dintorni
Hogwarts - Dintorni


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Ryan_Cullen


  • Ryan_Cullen

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 31
        Ryan_Cullen
    Serpeverde
       
       

    *Ryan se ne stava seduto in Riva al Lago da quasi un'ora..c'era un sole che spaccava le rocce quel giorno e non aveva per niente voglia di starsene dentro al castello. Era tornato ad Hogwarts da qualche giorno per problema in famiglia..in teoria sarebbe dovuto restare al Maniero di famiglia ancora una settimana,ma c'erano state delle complicazioni ed i suoi genitori sono dovuti partire per la Transilvania e Ryan non aveva per niente voglia di rimanere lì con gli elfi domestici così è tornato ad Hogwarts. Non c'erano parecchi studenti al castello saranno stati massimo 15,ma va bene così..Hogwarts non è mai stata così tranquilla! Guardò l'orologio..aveva inviato un gufo a sua cugina chiedendogli di venire in Riva al Lago per fare due chiacchiere,ma è in ritardo di esattamente 25 minuti.Sbuffando prese la bacchetta dalla tasca puntandola contro un sasso che si trovava a pochi centimetri da lui.*

    Wingardium Leviosa

    *Il sasso prese a levitare lentamente..ah la noia!*

    Aspetto altri 10 minuti..se non arriva torno dentro.

    @Cristine_Cullen

  • Cristine_Cullen

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 244
       
       

    [Sala Comune Serpeverde-Dormitorio di Cristine]

    *Cristine era sdraiata sul letto con Prince sulle gambe che sonicchiava. Le sue compagne di stanze erano tutte dalla proprie famiglie,beh dopotutto siamo in estate! E' normale..anche lei vorrebbe essere con la propria famiglia o magari con suo fratello Damon a girare il mondo,com'erano soliti fare,ma non quell'anno.*

    Salazar che noia! Prince che possiamo fare?

    *Il serpentello alzò la testa e sibilò contro Cristine che ridacchiò scuotendo la testa.*

    Ok ok! Ho capito..dormi quanto vuoi.

    *Sbuffò portandosi una mano sulla fronte..non sapeva davvero come ammazzare il tempo! Un ticchettio le fece voltare di scatto la testa. Un gufo stava beccando contro il vetro della finestra. Spostò Prince dalle sue gambe poggiandolo sul letto per andare ad aprirla. Era Jas, il gufo di suo cugino ed aveva una lettera*


    Jas, porti una lettera da parte di Ryan?

    *In tutta risposta il gufo lasciò cadere la lettera ai piedi della ragazza per poi volare via. Aprì la lettera lentamente per poi leggere quelle poche righe.*

    Ti aspetto in Riva al Lago. RC

    *Tirò un sospiro di sollievo..aveva trovato qualcosa da fare finalmente! Ma di certo non poteva uscire in pigiama. Così decise di farsi una doccia e poi vedere cosa mettere..dopotutto Ryan non aveva scritto l'orario quindi sicuramente aveva ancora tempo. Dopo essersi fatta una doccia fredda spalancò l'armadio..faceva molto caldo quel giorno così scelse un paio di pantaloncini di jeans e una canotta fucsia. Legò i capelli in una coda alta e infilò la bacchetta nella tasca dei pantaloncini.*

    Prince verrai anche tu! Hai bisogno di prendere un po' d'aria

    *Prese Prince che si poggiò sulla spalla della ragazza ed uscì dal dormitorio per andare in Riva al Lago.*

    IN RIVA AL LAGO

    *Una volta lì vide Ryan seduto sotto una quercia a lei familiare che faceva levitare un sassolino.*

    La noia fa brutti scherzi eh cugino?



    Ultima modifica di Cristine_Cullen oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Ryan_Cullen

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 31
        Ryan_Cullen
    Serpeverde
       
       

    La noia fa brutti scherzi eh cugino?

    *Ryan sorrise,non c'era bisogno di voltarsi per capire a chi apparteneva quella voce.*

    Già..sai com'è ti sto aspettando da 25 minuti

    *Lasciò cadere il sasso a terra per poi incontrare lo sguardo di Cristine. Le fece segno di sedersi accanto a lui.*


    Come mai ci hai messo così tanto? Sai ho perfino pensato che non volessi vedermi..la prossima volta che tardi mandami un gufo per favore.

    *Prese la mano di Cristine iniziando a giocare con le sue dita. Questa era la pace che gli mancava da tempo..quella pace che a casa sua non c'era....la pace lui l'ha trovata ad Hogwarts con le persone a cui tiene davvero*

    Sai che mi sono così abituato ad averti in mezzo ai piedi che quasi mi mancavi al Maniero.

    *Disse ridacchiando.*

    @Cristine_Cullen

  • Cristine_Cullen

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 244
       
       

    Già..sai com'è ti sto aspettando da 25 minuti.Come mai ci hai messo così tanto? Sai ho perfino pensato che non volessi vedermi..la prossima volta che tardi mandami un gufo per favore.

    *Smise di far levitare il sasso e le fece segno di sedersi accanto a lui. Si mise seduta per poi poggiare Prince sulle gambe del cugino,sapeva quanto Ryan fosse interessato ai serpenti.*

    Hai ragione scusami,ma non avevi scritto l'ora!.

    *Disse alzando le mani ridacchiando leggermente.*

    Sai che mi sono così abituato ad averti in mezzo ai piedi che quasi mi mancavi al Maniero.

    *Ryan abbozzò un sorriso e poggiò la testa sulla spalla del cugino.*

    Oh lo so che ami Ryan..allora..come vanno le cose lì?Ho sentito mamma e papà parlare di Peter..non è tornato per le vacanze?

    *Nonostante lei e il fratello non avessero un buon rapporto sentiva che qualcosa la legava a lui..dopotutto sono sempre gemelli. Molte volte aveva sperato che un giorno Peter cambiasse..ma non era successo,non ancora*

    @Ryan_Cullen

  • Ryan_Cullen

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 31
        Ryan_Cullen
    Serpeverde
       
       

    Hai ragione scusami,ma non avevi scritto l'ora!. Oh lo so che mi ami Ryan..allora..come vanno le cose lì?Ho sentito mamma e papà parlare di Peter..non è tornato per le vacanze?

    *Ryan prese un bel respiro prima di parlare. Sapeva quanto fosse difficile per Cristine parlare di suo fratello,ma a quanto pare era pronta.*

    No era tornato..per poco tempo,ma era tornato. E' rimasto pochi giorni,ha avuto una discussione con i miei..Sai voleva tornare da voi..ma mio padre era contrario,sa quanto è stata dura per voi tenerlo lontano per così tanto tempo..Lui dice che è pronto..ha detto che voleva incontrarti,naturalmente non gliel'hanno permesso e penso che abbiano fatto bene..so quanto è dura per te questa cosa e non volevo che Peter ti scombussolasse tutto..quando sarai pronta lo vedrai tu...ma ti posso assicurare che in qualche modo in cambiato..non lo fa vedere,ma lui tiene a tutti voi..te in primis.

    *Poggiò una mano sulla spalla di Cristine e la strinse a se,voleva andarci piano con lei,ma voleva comunque raccontarle tutto.*

    Non devi avercela con lui..sai infondo lui ti ha sempre voluto bene solo che è il suo carattere..in questo siamo molto simili,certo io non mi comporta sempre da stronzo presuntuoso..ma entrambi sappiamo che so esserlo..al contrario mio Peter ha avuto un padre che lo appoggiava in tutte le idee..anche sbagliate..mentre i miei no. Anche Damon crede di essere superiore ai Babbani e tutto il resto..non dare la colpa a Peter per questo..anche tu sei cresciuta con queste credenze ed anche se ora sei cambiata tu eri simile a lui..so che gli vuoi bene Cristine..se dovesse tornare dagli un'altra possibilità.

    @Cristine_Cullen

  • Cristine_Cullen

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 244
       
       

    No era tornato..per poco tempo,ma era tornato. E' rimasto pochi giorni,ha avuto una discussione con i miei..Sai voleva tornare da voi..ma mio padre era contrario,sa quanto è stata dura per voi tenerlo lontano per così tanto tempo..Lui dice che è pronto..ha detto che voleva incontrarti,naturalmente non gliel'hanno permesso e penso che abbiano fatto bene..so quanto è dura per te questa cosa e non volevo che Peter ti scombussolasse tutto..quando sarai pronta lo vedrai tu...ma ti posso assicurare che in qualche modo è cambiato..non lo fa vedere,ma lui tiene a tutti voi..te in primis

    *Cristine teneva lo sguardo fisso sul Lago..non sapeva cosa dire,suo fratello non le aveva mai dimostrato affetto,figuriamoci amore fraterno..erano sempre stati in lite fin da quando erano piccoli,non aveva un ricordo felice riguardante lui.*

    Non devi avercela con lui..sai infondo lui ti ha sempre voluto bene solo che è il suo carattere..in questo siamo molto simili,certo io non mi comporta sempre da stronzo presuntuoso..ma entrambi sappiamo che so esserlo..al contrario mio Peter ha avuto un padre che lo appoggiava in tutte le idee..anche sbagliate..mentre i miei no. Anche Damon crede di essere superiore ai Babbani e tutto il resto..non dare la colpa a Peter per questo..anche tu sei cresciuta con queste credenze ed anche se ora sei cambiata tu eri simile a lui..so che gli vuoi bene Cristine..se dovesse tornare dagli un'altra possibilità.

    *Si alzò di scatto inchiodando lo sguardo di Ryan*

    Non provarci Ryan,non azzardarti a farlo..stai cercando di farmi cambiare idea su Peter,ma non ci riuscirai. Sei bravo con la manipolazione,ma io sono brava quanto te non ti consiglio di rifarlo. Peter non è come me..sicuramente qualcosa in comune l'abbiamo,ma non quello..e non paragonarlo neanche a Damon..anche lui ha quelle credenze è vero,ma c'è comunque differenze..Peter ha sempre trattato male tutti noi in primis..una persona che vuole bene a qualcuno non si comporta come ha fatto lui.

    @Ryan_Cullen

  • Ryan_Cullen

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 31
        Ryan_Cullen
    Serpeverde
       
       

    Non provarci Ryan,non azzardarti a farlo..stai cercando di farmi cambiare idea su Peter,ma non ci riuscirai. Sei bravo con la manipolazione,ma io sono brava quanto te non ti consiglio di rifarlo. Peter non è come me..sicuramente qualcosa in comune l'abbiamo,ma non quello..e non paragonarlo neanche a Damon..anche lui ha quelle credenze è vero,ma c'è comunque differenze..Peter ha sempre trattato male tutti noi in primis..una persona che vuole bene a qualcuno non si comporta come ha fatto lui.

    *Durante il discorso non smise un secondo di fissare Cristine..riusciva a vedere nei suoi occhi tutte le emozioni che provava in quel momento..c'era tristezza,rabbia,sofferenza,anche un po' di crudeltà..Cristine sapeva essere cattiva quando voleva e con Peter lo era stata parecchie volte,ma chi può biasimarla? L'ha sempre trattata male,come se non contasse nulla,ma sapeva anche che la maggior parte delle cose appena dette sono dettate dalla rabbia verso quello che dovrebbe essere suo fratello gemello.*

    Ti capisco Cristine davvero..ma una seconda possibilità si da a tutti ed anche se ora pensi che Peter non se la meriti non è così..lui sta cambiando seriamente..avrai possibilità di dedurlo tu stessa perchè vuoi o non vuoi lui verrà a trovarvi.

    *Prese la mano di Cristine tra le sue e la strinse forte. Voleva farle sapere che per lei c'era in qualsiasi momento.*

    @Cristine_Cullen

  • Cristine_Cullen

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 5
    Galeoni: 244
       
       

    Ti capisco Cristine davvero..ma una seconda possibilità si da a tutti ed anche se ora pensi che Peter non se la meriti non è così..lui sta cambiando seriamente..avrai possibilità di dedurlo tu stessa perchè vuoi o non vuoi lui verrà a trovarvi.

    *Ryan strinse la mano destra della Serpeverde che abbozzò un sorriso.*

    Vorrei tanto sistemare le cose con Peter davvero,ma non penso di riuscire a perdonarlo..insomma e gli ci sono voluti quattro anni per cambiare? E tutto l'odio e il disprezzo che ha coltivato per tutti questi anni?..Due anni fa,quando sono tornata a casa per le vacanze Natalizie lui era lì..i miei mi hanno chiesto come stessero andando le cose al castello ed ho parlato di tutto..della mia casata,dei compiti,delle mie compagne di stanza e degli amici..non ho saltato la parte dei Mezzosangue e dei Nati Babbani..ho detto che avevo conosciuti molti di loro e che le cose si erano evolute,che i Purosangue,i Nati Babbani e i Mezzosangue vivevano tra loro in tranquillità e che erano pochi quelli che pensavano ancora alla diversità del sangue..mia madre l'ha presa bene,mio padre non proprio,ma sa che non può cambiare le cose,Damon mi ha detto che la scelta era mia e che non si sarebbe messo in mezzo...e poi Peter. Ricordo benissimo la sua reazione. Prima si è messo a ridere..come se qualcuno avesse appena raccontato una delle barzellette più divertenti di questo mondo e poi ha iniziato a sputare cattiverie a più non posso. Ha detto che non ero degna di portare il nostro cognome,che papà avrebbe dovuto cacciarmi..che dovrei vergognarmi di farmi vedere ancora tra i Purosangue e tante altre cose che non sto qui a raccontare...ed ora tu vieni qui e mi dici che lui tiene a me? Mi ha detto delle cose orribili Ryan..non riuscirò mai a dimenticare tutto ciò che ha fatto...lui non cambia,una persona così cattiva non può cambiare..ce l'ha dentro.

    *Gli occhi iniziarono a farsi lucidi ed a pizzicare e non appena se ne accorse Cristine scostò bruscamente le mani di suo cugino per coprirsi il volto,non avrebbe pianto.*

    @Ryan_Cullen

  • Ryan_Cullen

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 3
    Galeoni: 31
        Ryan_Cullen
    Serpeverde
       
       

    Vorrei tanto sistemare le cose con Peter davvero,ma non penso di riuscire a perdonarlo..insomma e gli ci sono voluti quattro anni per cambiare? E tutto l'odio e il disprezzo che ha coltivato per tutti questi anni?..Due anni fa,quando sono tornata a casa per le vacanze Natalizie lui era lì..i miei mi hanno chiesto come stessero andando le cose al castello ed ho parlato di tutto..della mia casata,dei compiti,delle mie compagne di stanza e degli amici..non ho saltato la parte dei Mezzosangue e dei Nati Babbani..ho detto che avevo conosciuti molti di loro e che le cose si erano evolute,che i Purosangue,i Nati Babbani e i Mezzosangue vivevano tra loro in tranquillità e che erano pochi quelli che pensavano ancora alla diversità del sangue..mia madre l'ha presa bene,mio padre non proprio,ma sa che non può cambiare le cose,Damon mi ha detto che la scelta era mia e che non si sarebbe messo in mezzo...e poi Peter. Ricordo benissimo la sua reazione. Prima si è messo a ridere..come se qualcuno avesse appena raccontato una delle barzellette più divertenti di questo mondo e poi ha iniziato a sputare cattiverie a più non posso. Ha detto che non ero degna di portare il nostro cognome,che papà avrebbe dovuto cacciarmi..che dovrei vergognarmi di farmi vedere ancora tra i Purosangue e tante altre cose che non sto qui a raccontare...ed ora tu vieni qui e mi dici che lui tiene a me? Mi ha detto delle cose orribili Ryan..non riuscirò mai a dimenticare tutto ciò che ha fatto...lui non cambia,una persona così cattiva non può cambiare..ce l'ha dentro.

    *Cristine scostò la mano dalle sue e le portò sul viso,prima di farlo però Ryan vide gli occhi della cugina farsi lucidi e sentì il cuore scoppiare..voleva davvero bene a Cristine e vederla piangere lo faceva stare malissimo. Si avvicinò alla ragazza e l'abbracciò.*

    Ehi non piangere ok?Cambiamo discorso se ti fa stare male..non dobbiamo parlare per forza di lui ok? Quando ti sentirai pronta ci parlerai..hai ancora tanto tempo..ora basta però mh?

    *Prese il viso di Cristine tra le mani e gli sorrise dolcemente.*

    @Cristine_Cullen

  • Alex_London

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 266
        Alex_London
    Serpeverde
       
       

    *Quel pomeriggio Alex decise di scendere in riva al lago, qualche nuvola ombreggiava il cielo, ma essendo ancora estate, il caldo era sempre presente. Indossò la divisa, iniziando ad abituarsi a quel traffico che avrebbe dovuto ripetere ogni mattina: camicia bianca, cravatta e pantaloni neri. Per fortuna il mantello decise di evitarlo, sennò, si sarebbe fatto una sauna, ancor prima di raggiungere la sua meta. Prima di risalire dai sotterranei, il suo pensierò arrivò a Cecilia. *

    Chissà se accetterá il mio invito...

    *Pensò il ragazzo, con la speranza che non stesse lavorando. Con un gesto frettoloso, prese un pezzo di pergamena su cui scrivere, la piuma che intinse d'inchiostro e iniziò a buttar giú qualche parola. *

    Ti aspetto in riva al lago. Alex

    *Non se la cavava per niente con le parole, nemmeno a scriverle. Sospirò, mentre con aria di incertezza guardava perplesso quel pezzetto di pergamena. *

    Sono davvero una frana...

    *Pensò tra se e se, mentre con un paio di passi raggiunse la gabbia del suo gufo Arthur. La aprí, gli legò il messaggio alla zampa e con un sibilo di voce gli diede la destinazione da raggiungere: Cecilia. Il volatile con un battito d'ali uscí dalla gabbia, per poi aspettare che Alex gli aprisse la finestra per volare fuori. Il ragazzo si sbrigò le ultime cose in camera, prima di risalire dai sotterranei e dirigersi al lago. *

    Mamma mia, che caldo...

    *Sussurrò nella mente, raggiungendo le rive del lago. Si guardò un po' intorno, per trovare un posto tranquillo dove avrebbe aspettato la ragazza, addocchiando quasi immediatamente una grande quercia. Sicuramente sotto quel sole cocente non sarebbe rimasto affatto. Si sedette sull'erba, alle radici del grande albero, sciogliendosi la cravatta e sbottonandosi la camicia. *



    @Cecilia_Grassi




    Ultima modifica di Alex_London oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Alex_London

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 266
        Alex_London
    Serpeverde
       
       

    *Quel pomeriggio Alex decise di scendere in riva al lago, qualche nuvola ombreggiava il cielo, ma essendo ancora estate, il caldo era sempre presente. Indossò la divisa, iniziando ad abituarsi a quel traffico che avrebbe dovuto ripetere ogni mattina: camicia bianca, cravatta e pantaloni neri. Per fortuna il mantello decise di evitarlo, sennò, si sarebbe fatto una sauna, ancor prima di raggiungere la sua meta. Prima di risalire dai sotterranei, il suo pensierò arrivò a Cecilia. *

    Chissà se accetterá il mio invito...

    *Pensò il ragazzo, con la speranza che non stesse lavorando. Con un gesto frettoloso, prese un pezzo di pergamena su cui scrivere, la piuma che intinse d'inchiostro e iniziò a buttar giú qualche parola. *

    Ti aspetto in riva al lago. Alex

    *Non se la cavava per niente con le parole, nemmeno a scriverle. Sospirò, mentre con aria di incertezza guardava perplesso quel pezzetto di pergamena. *

    Sono davvero una frana...

    *Pensò tra se e se, mentre con un paio di passi raggiunse la gabbia del suo gufo Arthur. La aprí, gli legò il messaggio alla zampa e con un sibilo di voce gli diede la destinazione da raggiungere: Cecilia. Il volatile con un battito d'ali uscí dalla gabbia, per poi aspettare che Alex gli aprisse la finestra per volare fuori. Il ragazzo si sbrigò le ultime cose in camera, prima di risalire dai sotterranei e dirigersi al lago. *

    Mamma mia, che caldo...

    *Sussurrò nella mente, raggiungendo le rive del lago. Si guardò un po' intorno, per trovare un posto tranquillo dove avrebbe aspettato la ragazza, addocchiando quasi immediatamente una grande quercia. Sicuramente sotto quel sole cocente non sarebbe rimasto affatto. Si sedette sull'erba, alle radici del grande albero, sciogliendosi la cravatta e sbottonandosi la camicia. *



    @Cecilia_Grassi


  • Cecilia_Grassi

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 65
       
       

    *Cecilia aveva da poco finito il suo turno al bar e si era diretta rassegnata verso la sua sala comune. Sarebbe voluta tornare a casa: in fondo doveva ancora finire di preparare la valigia per l’anno scolastico in quanto, nonostante si recasse lì ogni giorno col nottetempo per lavorare, l’indomani avrebbe preso l’espresso per Hogwarts dal binario 9 e ¾ come tutti i suoi compagni. Purtroppo quella sera aveva un altro turno ai Tre Manici di Scopa, quindi tanto valeva che si limitasse a posare il capo in quello che ormai da anni era il suo dormitorio e poi ritornasse a Hogsmeade qualche ora dopo. Salutò con affetto il ritratto, che la fece entarre in sala comune senza porle nessun indovinello: in fondo la scuola non sarebbe iniziata che il giorno dopo, e anche lui aveva diritto a riposare dal suo lavoro. Appena entrata andò in bagno e si fece una doccia veloce, per poi indossare il cambio di vestiti che si era portata: un top rosso e dei pantaloncini neri molto corti, che quella sera avrebbe coperto col grembiule. Almeno non sarebbe morta di caldo sotto il sole delle quattro di pomeriggio. Si stava strofinando i capelli con un asciugamano quando sentì un rumore strano, un ticchettio continuo e fastidioso.*

    Roy, fa’ il bravo!

    *Commentò senza alzare lo sguardo. Capitava spesso che Roy, il suo pipistrellino domestico, combinasse qualche disastro, quindi non se ne preoccupò molto. Dopo qualche istante però, sentendo che il rumore continuava, si ricordò che Roy non era con lei ma era rimasto a Londra, e sarebbe venuto ad Hogwarts solo il giorno dopo. Perplessa, alzò la testa verso la finestrella che illuminava il dormitorio e vide un gufo che picchiettava col becco sul vetro. Con un movimento della bacchetta aprì la finestra e lo fece entrare, prendendo poi il biglietto che aveva legato alla zampa. Lo lesse mentre l’ospite piumato faceva un rapido giro della stanza prima di uscire da dove era entrato.*

    Ti aspetto in riva al lago. Alex

    *Gli occhi di Cecilia si illuminarono. Alex, il bel ragazzo che aveva conosciuto qualche giorno prima al bar e a cui non riusciva a smettere di pensare, era ad Hogwarts! E la stava aspettando! Senza nemmeno asciugarsi i capelli si infilò i sandali e corse verso il lago, impaziente di rivedere il sorriso che l’aveva stregata.
    Vide il ragazzo da lontano che, appoggiato ad una quercia, stava seduto con la cravatta slacciata e la camicia leggermente sbottonata. Era bellissimo, e guardandolo Cecilia si vergognò del proprio abbigliamento e dei propri capelli bagnati. Era troppo tardi però per tornare indietro, perciò si avvicinò ad Alex e si sedette accanto a lui, sorridendogli felice.*

    Ciao!

    *Esclamò.*



    @Alex_London


  • Alex_London

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 266
        Alex_London
    Serpeverde
       
       

    *Alex era seduto sulla soffice erba, mentre aspettava Cecilia. Il leggero venticello gli scompigliava i capelli bruni, in disordine come sempre. All'ombra il ragazzo si stava rilassando, poichè il caldo non si sentiva tanto. Chiuse gli occhi, appoggiandosi al tronco dell'albero. Chissà se la ragazza lo avesse raggiunto, quando in lontananza sentí dei passi. La luce del sole era forte, i suoi occhi si chiusero in due fessure per capire chi fosse, e riconobbe immediatamente quel sorriso. Gli si riappacificò il cuore, quando giunse di fianco a lui. *

    Ciao!

    *Quella voce cosí dolce e vellutata. Non poteva negarlo, gli piaceva, in tutti i suoi aspetti, da perfetta babbana ad abile maga. Sul suo volto si aprí uno spontaneo e sincero sorriso, mentre la sua mano si era già alzata sul volto della ragazza, per sfiorarle con le dita il viso. Gli si irrigidirono i muscoli della mascella, mentre il suo viso si faceva rosato... Non riusciva a staccarle gli occhi di dosso. Sospirò e con un gesto fluido le baciò la fronte. *

    Ciao anche a te. Ci speravo che arrivassi.

    *Con il suo solito sorriso, la mano le spostò dal viso i capelli umidi, molto probabilmente prima di giungere da lui, si era fatta la doccia. A quel pensiero ad Alex uscí una risata. *

    Ti sei profumata per me?

    *Disse il serpino sorridendo sotto i baffi. Sperando che quella domanda non venisse presa nel verso sbagliato. Era contento di essere di nuovo in sua compagnia, si sentiva giusto quando si trovava al suo fianco. *

    @Cecilia_Grassi


  • Cecilia_Grassi

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 65
       
       

    *Non appena lo aveva salutato, Alex si era voltato verso di lei con uno dei suoi incredibili sorrisi e, come aveva fatto durante il loro ultimo incontro, l’aveva dolcemente accarezzata su una guancia, facendole capire con un gesto così semplice che la giornata, che aveva temuto noiosa ed infruttuosa, sarebbe stata fantastica. Desiderò sentire ancora la sensazione delle labbra del ragazzo su di sè, e così presto fu: Alex le si avvicinò piano, baciandole la fronte e lasciandole sulla pelle una sensazione dolcissima e vellutata.*

    Ciao anche a te. Ci speravo che arrivassi.

    *Anche con così poco preavviso, come avrebbe potuto mancare a quell’incontro? Per giorni non aveva sognato altro che avere notizie del ragazzo, era anche stata tentata di mandargli un gufo, ma non sapeva se avrebbe gradito o se l’avrebbe considerata insistente, petulante e fastidiosa. Alex le sposto dalla fronte i capelli, appiccati al suo volto, questa volta non per il sudore ma per l’acqua che dalla troppa fretta non aveva asciugato. Lo vide ridacchiare.*

    Ti sei profumata per me?

    *Chiese, e Cecilia arrossì furiosamente.*

    Ehi!

    *Esclamò.*

    Non farti strane idee, mi ero già fatta la doccia prima che mi arrivasse il tuo gufo. A proposito, è tuo il gufo o della scuola? Perché era davvero stupendo.

    *Commentò la ragazza, che non aveva fatto veramente molta attenzione al piumaggio dell’animale ma che non vedeva l’ora di spostare la conversazione su argomenti meno compromettenti.*

    Spero tu non abbia aspettato molto!

    *Aggiunse poi con aria apologetica.*

    Per qualche minuto non mi sono accorta del gufo, pensavo che a far rumore fosse il mio pipistrello. Che non è nemmeno qui, ma... Beh, sono distratta, come sempre.

    *Commentò sorridendo. Anche mentre si prendeva in giro da sola, si sentiva meravigliosamente bene. Lì all’ombra anche la temperatura era ottimale e non aveva eccessivo caldo; inoltre, anche se ci fossero stati 52 gradi si sarebbe sentita ugualmente a posto, con l’amico accanto.*


    @Alex_London



Vai a pagina 1, 2  Successivo