• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Daenerys_Martin


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Daenerys amava passare il suo tempo sulla torre dell'orologio. Era un posto tranquillo, in pochi ci si recavano ed aveva anche un certo fascino. La bionda ci andava spesso, soprattutto di notte, quando dopo essere sgattaiolata fuori dai dormitori andava a sedersi li per terra, su quella alta torre, sola con i suoi pensieri, il rumore dell'orologio e tutti i suoni della natura che la circondavano. Proprio in quel momento, all'01:53, stava salendo le scale della torre, in silenzio e con passi leggeri. Quando arrivò alla cima fece come al suo solito, andò a sedersi per terra, in un punto in cui riusciva ad osservare bene ciò che era al di fuori del castello. Era una splendida vista.
    Dopo essersi accomodata ed essersi persa in quel panorama per un po', portò gli occhi verso la sua borsa a tracolla. Portò la mano dentro di essa e ne tirò fuori un diario. Quello era il suo diario segreto, sul quale non scriveva da qualche settimana. Era solita a scrivere tante cose, ogni giorno quel diario imparava qualcosa di nuovo.
    Il fatto però era che non si trattava del solito diario scritto da semplice ragazzine che lo riempiono con i nomi delle proprie cotte e cose del genere. Il suo era più un custode di segreti, segreti che spesso appartenevano ad altri e non a lei. Era assurdo come in sette anni quel diario si fosse riempito di così tanti segreti. Ma la cosa più assurda era il fatto che Daenerys sapeva quasi sempre tutto, riusciva a scoprire così tante cose che capire come facesse diveniva impossibile. C'era scritto anche qualcosa riguardo se stessa, di più personale, anche se non molto. Quando scriveva di qualcosa successo in giornata, solitamente era perché era collegato a qualcuno e tenerlo nella sua memoria le serviva.
    Ma c'era qualcosa di diverso in lei da quando il settimo anno era iniziato. Ecco perché l'inchiostro non sporcava quel diario da un po'. Era come se stesse cambiando, anche se, in fondo, una persona non può cambiare completamente.
    Fece un sospiro e aprì quel diario. Prima di andare alle ultime pagine, i suoi occhi si concentrarono su ciò che scrisse sulla prima pagina, nel suo primo anno ad Hogwarts.*


    Citazione:
    Caro diario,
    i segreti fanno girare il mondo. Tutti hanno qualcosa da nascondere. Dai propri genitori, al custode di Hogwarts, fino a tutti i studenti presenti nel castello. Se i segreti avessero un pentagono, allora quello sarebbe proprio Hogwarts. Ed io probabilmente ne sarei la direttrice, perché so quasi sempre tutto.
    In realtà, questo non è tanto un diario, ma più un custode. Un custode di segreti.
    Qui voglio tenere traccia dei piccoli e sporchi segreti di tutti. Sai, potranno servirmi in futuro, magari contro determinate persone.

    P.S. Non userò più sciocchezze come “Caro”, mi sembra da folli riferirmi ad un gruppo di fogli di carta rilegati in pelle come se fosse una persona.

    *Dopo aver letto ciò quasi le venne da ridere. Per anni aveva fatto tutto ciò, in quella scuola di stregoneria e magia si era fatta amare da molti e odiare da tantissimi altri. Eppure, in quel suo ultimo anno, in molti si erano resi conto che sembrava leggermente diversa. Solitamente non le dispiaceva stare con tutti, le era sempre piaciuto ricevere attenzioni. Invece in quel periodo si ritrovava più spesso a passare del tempo da sola, proprio come quella notte. E le piaceva. Era più spesso avvolta dai suoi pensieri e certe volte si ritrovava ad essere così sovrappensiero che si perdeva anche i discorsi delle persone attorno a lei, che le parlavano. Anche quel diario era la prova che qualcosa non andasse. Non era nella sua normalità non scriverci sopra dopotutto.
    Si era forse stancata di essere quella che, in quel gioco, muoveva sempre i fili? Probabile. Quell'anno aveva molto a cui pensare dopotutto, cose molto più serie. Ma chissà, forse prima o poi sarebbe tornata a scrivere qualcosa su quel diario. Forse avrebbe iniziato a scrivere qualcosa di diverso.
    Sfogliò un po' di pagine, lesse alcuni vecchi segreti e tanti ricordi le tornarono a galla. Alla fine lo chiuse e lo poggiò accanto a sé, poi tornò a guardare il panorama, assaporando anche l'aria fresca di quella sera. L'estate era ormai terminata, non indossava neanche la divisa in quel momento, era notte e indossava una vestaglia da notte ma con sopra un cappotto lungo per ripararsi. Stava davvero bene in quel momento.*


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Erano ormai ore che Gianna era sveglia non riusciva a prendere sonno. Non riusciva più a capire se soffrisse di insonnia o semplicemente era abituata a dormire che poche ore per notta a causa di tutte le sue scappatelle notturne. Quella notte non fu diverso c'era qualcosa che l'attirava fuori dal letto. Pensieri più che altro. Pensava alla lettera ricevuta dai suoi qualche giorno prima alla quale non aveva risposto ancora. Non era convinta di volerlo fare in fondo il loro rapporto era talmente cambiato che non riteneva affatto necessario perdere del tempo a rispondere agli essesimi rimproveri. Non avevano accettato dopo tutti quegli anni i suoi atteggiamenti. Sapevano che era una persona ribelle che faceva tutto il contrario di quello che le veniva detto che spesso e volentieri andava via di casa senza preavviso senza lasciare un biglietto. Era una stronza questo lo sapeva bene ma non avrebbe mai permesso di vivere alle loro condizioni. Come un uccellino in gabbia che doveva sottostare alle loro regole. No! Era cresciuta e grazie alla benedetta lettera di Hogwarts aveva potuto iniziare a vivere a pieno la sua vita come voleva lei. Ma nonostante tutto il pensiero di poteerli far star male la opprimeva. Voleva bene ai suoi ovviamente ma doveva fargli capire le cose dal suo punto di vista in maniera brusca. Riprese la lettera in mano e la rilesse una volta ancora. Poi apri un tiretto e, accartocciandola, la buttò dentro. Le sua compagne di stanza dormivano legicamente ma lei era irrequieta. Si alzò dal letto e, infilata una felpa sopra il pigiama andò nell'unico posto che conosceva ideale per fare chiarezza sul da farsi, la Torre dell'orologio. Andava li molto spesso sempre di notte quando era abbastanza certa di non trovare nessuno. Prese la bacchetta e usci piano dalla camera per evitare di svegliare le altre. Dopo aver camminato un po senza nemmeno farsi luce (conosceva ormai a memoria la strada) arrivò alla torre. Respirò a fondo come se stesse in quel momento respirando davvero, come se quell'oppressione di poco prima fosse svanita. Si avvicinò al parapetto e ci si appoggiò sopra con i gomiti godendo del panorama anche se non erano visibili le stelle e la luna visto che era nuvoloso. Ad un tratto si accorse che non era sola. Prese la bacchetta:*

    Lumos!

    * Mormorò puntando la bacchetta in direzione della persona e rimase stupita nel vedere che li seduta con un libro o quaderno vicino c'era Daenerys, la sua amica Serpeverde. Evidentemente era li alla ricerca della solitudine e tranquillità proprio come Gianna. *

    Ehi ciao. Scusami se ti ho puntato la bacchetta contro ma non ti avevo riconosciuta. Non pensavo di trovare qualcuno qui a quest'ora.

    * Disse sorridendo alla ragazza.*

    @Daenerys_Martin,

  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Si trovava sovrappensiero quando, improvvisamente, proprio verso di lei venne puntata una bacchetta illuminata dall'incantesimo Lumos. Daenerys sobbalzò leggermente, girandosi verso la persona che si trovava li in piedi. Era Gianna, una sua amica della casa di Grifondoro.*


    Ehi ciao. Scusami se ti ho puntato la bacchetta contro ma non ti avevo riconosciuta. Non pensavo di trovare qualcuno qui a quest'ora.

    *Disse la ragazza dai capelli castana. Probabilmente anche lei, proprio come Daenerys, si era recata sulla torre dell'orologio per stare un po' da sola. Inoltre di notte era perfetto, senza tutti i rumori creati dagli studenti, ma solo quelli causati dalla natura. Secondo la verde-argento la notte era il momento della giornata più bello, quello più rilassante.*

    Oh, Gianna, ciao.
    Non mi aspettavo nemmeno io di trovare qualcuno qui essendo quasi le 2 di notte.


    *Disse mostrandole un piccolo sorriso sincero. Se proprio doveva incontrare qualcuno a quell'ora della notte, era contenta che fosse lei e non qualche studente da lei indesiderato. Proprio in quel momento si ricordò di quando tempo prima, quando si incontrarono alla piscina autogestita del Castello, Gianna ammise che la torre dell'orologio era proprio uno dei posti in cui le piaceva passare del tempo in tranquillità. A quanto pare avevano lo stesso rifugio.*

    Sembra che abbiamo avuto la stessa idea.
    Siediti pure qui accanto a me se ti va, si sta bene.


    *Le disse indicandole con la mano lo spazio vuoto vicino a lei. Pensandoci bene, nonostante Daenerys conoscesse molte cose riguardo molti dei studenti presenti nel Castello, di Gianna sapeva ben poco. Forse perché in fin dei conti non avevano avuto chissà quante occasioni di chiacchierare in modo più profondo. Daenerys ormai la considerava un'amica, ma le loro conversazioni erano sempre state molto semplici, non si erano mai conosciute come si deve. Chissà, forse quella era l'occasione adatta, anche se per come era fatta la verde-argento, non è che sarebbe scesa proprio nei dettagli. Poteva anche apparire come una persona a cui le piaceva parlare di sé, a cui le piaceva stare al centro dell'attenzione, ma la realtà era ben diversa. Nonostante il modo di mostrarsi sicura di sé, parlare di se stessa non era mai stata una sua priorità. Lo faceva solo se la conversazione lo richiedeva, in effetti. Nonostante la ricchezza e l'importanza della sua famiglia, non si era mai vantata di nulla. Non capiva perché in molti la giudicavano per quello che non era. Certo, in passato aveva spesso avuto comportamenti sbagliati, ma mai che riguardavano il vantarsi. Anzi, era una ragazza piuttosto misteriosa a dirla tutta. Era proprio a lei che piaceva il mistero.*


    @Gianna_Fields


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Oh, Gianna, ciao.
    Non mi aspettavo nemmeno io di trovare qualcuno qui essendo quasi le 2 di notte.


    * Disse Daenerys con un piccolo sorriso che nascondeva molto altro. Sembrava stanca, triste un misto di emozioni molto evidenti anche nella penombra.*

    Sembra che abbiamo avuto la stessa idea.
    Siediti pure qui accanto a me se ti va, si sta bene.


    * Gianna sorrise a sua volta felice di avere lei come compagna quella notte. Spense la sua bacchetta e accettò volentieri il suo invito a sedersi. Poi disse:*

    Bè questo è il "mio" posto, il mio rifugio mi reco qui spessissimo lo trovo d'ispirazione come se sapesse esattamente come confortarmi e quando vado via da qui mi sento più.....come dire, leggera. Mi fa piacere averti incontrata. Come stai?

    * Le chiese rivolgendole un sorriso dolce. Si sistemò meglio portando le ginocchia al petto e abbracciandole con le braccia. Si voltò verso la Serpeverde cercando di capire di che umore era quella sera. Dopotutto se come lei era li qualcosa che la tormentava c'era. Potevano cogliere l'occasione di conoscersi anche meglio li nel posto dove sicuramente a quell'ora nessuno le avrebbe interrotte o disturbate, o almeno se lo augurava. Sulla torre tirava sempre un venticello che a quell'ora sembrava freddo. Gianna, nonstante avesse la felpa e il pigiama, si penti di non aver portato una coperta.*

    @Daenerys_Martin,

  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Bè questo è il "mio" posto, il mio rifugio mi reco qui spessissimo lo trovo d'ispirazione come se sapesse esattamente come confortarmi e quando vado via da qui mi sento più.....come dire, leggera. Mi fa piacere averti incontrata. Come stai?

    *Disse Gianna dopo aver accettato l'invito di Daenerys a sedersi accanto a lei. Quella volta in piscina Daenerys non era stata molto in sé e questo sicuro Gianna lo aveva notato. Forse quel “come stai?” non era una semplice domanda, forse ricordava ancora dell'umore della verde-argento di quel giorno. Ma stava meglio, aveva cercato di mettere da parte quei pensieri, anche se altri le invadevano la testa, oltre al diario che racchiudeva la Daenerys Martin degli anni precedenti. In effetti si chiedeva se fosse ancora quella persona, o se di lei ne fossero rimasti solo dei residui.*

    Bhe, sembra che questo luogo sia il rifugio di entrambe allora.
    Comunque sto bene, tu invece? Hai detto che questa torre riesce a portarti conforto, quindi immagino che sia proprio il conforto ciò che stavi cercando questa sera, o meglio questa notte. C'è qualcosa che non va?


    *Chiese. Era sempre stata brava a spostare l'attenzione da se stessa agli altri, l'aveva fatto anche in quel momento, rispondendo semplicemente che stava bene e andando a chiedere cosa preoccupasse invece l'amica grifondoro. Però, in fin dei conti, era curiosa davvero. Per quanto Daenerys sia stata sempre una persona amata da tanti e odiata da molti, e con la quale non si sapeva mai se fidarsi o meno, era comunque una persona che sapeva ascoltare. Inoltre alcune persone, davvero poche, sapevano che quando Daenerys si affezionava a qualcuno, poteva dare tutto il suo cuore.*


    @Gianna_Fields


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Bhe, sembra che questo luogo sia il rifugio di entrambe allora.
    Comunque sto bene, tu invece? Hai detto che questa torre riesce a portarti conforto, quindi immagino che sia proprio il conforto ciò che stavi cercando questa sera, o meglio questa notte. C'è qualcosa che non va?


    * Gianna strinse gli occhi a fessura e guardò Daenerys. Sapeva benissimo cosa stava facendo perchè quella era una delle tattiche che usava anche lei. Distogliere l'attenzione da lei per concentrarla su altri. Cosi disse:*

    Sai so cosa stai facendo questa tattica la uso anche io. Sai non amo molto parlare di me trovo estremamente difficile aprirmi con qualcuno. Non ho avuto esperienze tanto positive in amicizia per questo il mio cuore è avvolto da una spessa corazza costruita e rinforzata per non permettere a nessuno di ferirlo ancora. Non riesco a fidarmi tanto facilmente purtroppo.

    * Disse Gianna distogliendo lo sguardo dalla ragazza. Quanto era difficile dire anche solo quel semplice concetto nessuno poteva immaginarlo. Purtroppo si era ritrovata sempre a frequentare compagnie che poi si rivelavano sbagliate. Aveva sempre fatto le scelte più sbagliate pagandone caro il prezzo. Anche su questo ovviamente avevano messo bocca i suoi ma in quei casi, odiava ammetterlo, ma avevano avuto ragione. Di colpi bassi ne aveva ricevuti tanti, troppi per la sua età e le persone a lei più care si potevano contare su una mano sola. Ma con la persona giusta che sapeva prenderla per il verso giusto sapeva aprirsi, confidarsi. Dava il cuore nelle amicizie sapeva essere leale mai avrebbe tradito una sua amica nenache per tutto l'oro del mondo. Si destò dai suoi pensieri e disse ancora:*

    D'altronde se anche tu sei qui vuol dire che non va poi tutto bene. Non sono il tipo da sforzare le persone a parlare ma se vuoi io sono qui.

    * Disse con un accenno di sorriso. Anche se per lei era difficile doveva ammettere che parlando ci si toglieva un peso di dosso come se condividere i pensieri fosse un toccasana a volte. Lei lo sapeva ma nonostante tutto non ci riusciva, non sempre almeno. *

    @Daenerys_Martin,


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Sai so cosa stai facendo questa tattica la uso anche io. Sai non amo molto parlare di me trovo estremamente difficile aprirmi con qualcuno. Non ho avuto esperienze tanto positive in amicizia per questo il mio cuore è avvolto da una spessa corazza costruita e rinforzata per non permettere a nessuno di ferirlo ancora. Non riesco a fidarmi tanto facilmente purtroppo.
    D'altronde se anche tu sei qui vuol dire che non va poi tutto bene. Non sono il tipo da sforzare le persone a parlare ma se vuoi io sono qui.


    *Disse Gianna. L'aveva beccata, aveva compreso uno dei suoi modi di fare perché su questo erano molto simili. Nonostante ciò, la verde-argento reagì con una piccola risata, tutto ciò che la grifondoro aveva appena detto Daenerys lo capiva. Il fatto che entrambe non si aprissero con nessuno, che non riuscivano a fidarsi facilmente. Forse se Gianna avesse conosciuto Daenerys negli anni precedenti, se avesse fatto amicizia con lei in passato, anche giusto fino all'anno prima, ne sarebbe rimasta ferita. Magari avrebbero passato bei momenti, Daenerys ci sarebbe stata per lei se ne avesse avuto bisogno, ma alla fine l'avrebbe ferita anche senza volerlo. Alla fine sarebbe finita a pensare prima a se stessa, l'aveva sempre fatto. Ma Gianna la conobbe più tardi del previsto, invece. Forse la Daenerys che stava conoscendo non era più quella di prima.
    Ad accompagnare quella risata, ci furono alcune parole.*

    Bhe, benvenuta nel club allora.


    *Le disse, per poi spostare lo sguardo di nuovo davanti a sé.*

    Guarda il lato positivo, anche se non conosciamo i problemi di entrambe, abbiamo comunque già trovato alcune cose in comune. Usiamo la stessa tattica, non amiamo parlare di noi, abbiamo entrambe creato una corazza attorno al nostro cuore e facciamo fatica a fidarci degli altri.

    *Disse cercando di prenderla anche un po' sul ridere. Spesso le ragazze parlano tra loro condividendo le loro passioni in comune, cose da femmine, loro invece sembravano avere in comune lati caratteriali che, forse, non erano proprio dei migliori.*

    Oh e per quanto riguarda l'ultima frase che hai detto, non è propriamente esatto. Io, almeno questa volta, sono venuta qui senza un valido motivo. Non sono venuta perché qualcosa non andava e per cercare quindi conforto, volevo solamente passare qui un po' del mio tempo perché mi rilassa, si sta tranquilli e di giorno è difficile rilassarsi con tutto il casino che c'è nel Castello e dintorni.
    Certo, una volta qui mi si è riempita la testa di pensieri, ma niente che mi faccia sentire il bisogno di sfogarmi.


    *Era la verità in fin dei conti. Era davvero andata li per cercare la tranquillità, inizialmente. E poi, li, aveva iniziato a pensare alla sua vita, ai suoi anni passati, ai suoi comportamenti e a quel diario. A proposito di diario, quello era ancora li, poggiato accanto a Daenerys, tra quest'ultima e Gianna. Se ne era completamente dimenticata. Non era sicuramente la miglior cosa che qualcuno lo leggesse, in particolar modo Gianna. La stava conoscendo ora, quindi perché tirare fuori quello che Daenerys era sempre stata? Perché rovinare tutto? Se credeva di essere cambiata almeno un po', doveva iniziare con il convincere le persone che era davvero così. E doveva convincere bene anche se stessa.*


    @Gianna_Fields


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Bhe, benvenuta nel club allora.
    Guarda il lato positivo, anche se non conosciamo i problemi di entrambe, abbiamo comunque già trovato alcune cose in comune. Usiamo la stessa tattica, non amiamo parlare di noi, abbiamo entrambe creato una corazza attorno al nostro cuore e facciamo fatica a fidarci degli altri.


    * Disse Daenerys e aveva ragione avevano sicuramente molto in comune anche se si conoscevano pochissimo. Gianna allora rispose:*

    Bè a volte viviamo nella convinzione che chiudersi, proteggersi sia la cosa migliore da fare ma non sempre è cosi. Se si riuscisse anche solo un minimo a confidarsi le cose andrebbero meglio si cercherebbe insieme di trovare una soluzione nel caso in cui esista....

    * Gianna si fermò un attimo. Possibile che quelle parole stessero uscendo dalla sua bocca? Stava iiniziando a parlare a ruota libera e non era sicura di poterlo affrontare. Poi la serpeverde aggiunse:*

    Oh e per quanto riguarda l'ultima frase che hai detto, non è propriamente esatto. Io, almeno questa volta, sono venuta qui senza un valido motivo. Non sono venuta perché qualcosa non andava e per cercare quindi conforto, volevo solamente passare qui un po' del mio tempo perché mi rilassa, si sta tranquilli e di giorno è difficile rilassarsi con tutto il casino che c'è nel Castello e dintorni.
    Certo, una volta qui mi si è riempita la testa di pensieri, ma niente che mi faccia sentire il bisogno di sfogarmi.


    * Gianna sorrise era felice davvero che la ragazza stesse bene. Allora decise di accantonare tutti i pensieri e iniziare finalmente a conoscerla e farsi conoscere.*

    Direi che dovremmo iniziare a fare qualche passo avanti, conoscerci un po meglio. Inizierò io! Sono una mezzosangue, nata da padre babbano e madre strega. Vivo a Londra ma sono originaria dell'Italia. Mio padre ha un locale, un bar a Londra dove prima mi recavo spesso per aiutarlo. mia madre è un Auror. Ho due sorelle, io sono quella di mezzo. E penso sia tutto qui. Non ho rapporti particolarmente felici ora come ora con loro per questo cerco quanto più possibile di non tornare a casa e fin ora ci sto riuscendo. Ecco tutto, storia noiosa ineffetti me ne rendo conto. Ora tocca a te! Chi è Daenerys Martin?

    * Disse abbozzando un sorriso. Non era molto ciò che aveva detto ma un inizio lo era senz'altro.*

    @Daenerys_Martin,


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Bè a volte viviamo nella convinzione che chiudersi, proteggersi sia la cosa migliore da fare ma non sempre è cosi. Se si riuscisse anche solo un minimo a confidarsi le cose andrebbero meglio si cercherebbe insieme di trovare una soluzione nel caso in cui esista.…

    *Disse Gianna. Daenerys annuì, ma la verità era che lei non sentiva tutto questo bisogno di sfogarsi, nonostante tutti i suoi problemi. Era sempre stata capace di affrontarli da sola e ci era ormai abituata, tanto che l'aiuto degli altri le sembrava solamente inutile. Sapeva perfettamente che una soluzione l'avrebbe trovata da sola. Per alcune cose, come la storia del fratello, bhe li la soluzione l'aveva trovata e doveva solo metterla in atto, e sapeva che se ne avesse parlato con qualcuno, quest'ultimo avrebbe fatto di tutto per impedirglielo. E lei non voleva che qualcuno la fermasse.*

    […] E penso sia tutto qui. Non ho rapporti particolarmente felici ora come ora con loro per questo cerco quanto più possibile di non tornare a casa e fin ora ci sto riuscendo. Ecco tutto, storia noiosa ineffetti me ne rendo conto. Ora tocca a te! Chi è Daenerys Martin?

    *Chi era Daenerys Martin? Lei stessa doveva ancora capirlo. Dopo aver ascoltato ogni parola di Gianna, la bionda si era fatta un'idea di ciò che doveva dire, così iniziò.*

    Daenerys Lilith Martin. È il mio nome completo.
    Purosangue. Nata e cresciuta nel Wiltshire. I miei genitori, bhe..


    *Si bloccò due secondi. Difficile parlare dei genitori ad una ragazza la cui madre era un Auror, probabilmente quella donna aveva persino combattuto contro i coniugi Martin, chi poteva saperlo. Daenerys non sapeva se Gianna avesse sentito quelle voci, voci riguardo i Martin e il marchio nero inciso sul loro braccio sinistro. La voce era del tutto vera nonostante nessuno, al di fuori dei seguaci di Voldemort, ne aveva la conferma. Non c'erano prove e questo gli permetteva di continuare la loro vita agiata. Certamente Daenerys non avrebbe mai preso parola riguardo quell'argomento, nonostante tutto ciò che sapeva riguardo la sua stessa famiglia.*

    Insomma, mio padre è un alchimista, mia madre ha deciso di vivere solo grazie all'eredità della nostra famiglia. Credimi, non te lo dico per vanto, è solo per spiegarti; anche mio padre potrebbe benissimo smettere di fare quello che fa, vivremmo comunque senza nessun problema di soldi. Solo guardare Villa Martin fa ben capire la ricchezza che abbiamo.
    Ma hey, vuoi sapere l'ultima? Io sto cercando di andarmene da li.
    Comunque, ho anche un fratello. Più o meno.


    *Disse le ultime tre parole con un filo di ironia, facendo un lieve sorrisetto, ma dentro di lei era davvero seria con quel “più o meno”, perché si quello era suo fratello, ma era anche la persona che più odiava al mondo e odiava considerarlo tale.*

    Bene, qualcosa di noi siamo riuscite a raccontarla, è un buon inizio.
    Hai anche scoperto il mio secondo nome, non lo dico spesso! Credo che i miei me lo abbiano dato ispirandosi al mitologico demone femminile Lilith. Già, ho il nome di un demone, che ci posso fare. Forse non gli bastava già la particolarità del mio primo nome.


    @Gianna_Fields


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Daenerys Lilith Martin. È il mio nome completo.
    Purosangue. Nata e cresciuta nel Wiltshire. I miei genitori, bhe..


    * Si bloccò di colpo come se stesse toccando un tasto dolente ma Gianna restò in silenzio non aveva intenzione di interrompere. Infatti continuò:*

    Insomma, mio padre è un alchimista, mia madre ha deciso di vivere solo grazie all'eredità della nostra famiglia. Credimi, non te lo dico per vanto, è solo per spiegarti; anche mio padre potrebbe benissimo smettere di fare quello che fa, vivremmo comunque senza nessun problema di soldi. Solo guardare Villa Martin fa ben capire la ricchezza che abbiamo.
    Ma hey, vuoi sapere l'ultima? Io sto cercando di andarmene da li.
    Comunque, ho anche un fratello. Più o meno.


    * Gianna a quelle parole alzò un sopraciglio ma le sorrise comunque. Non le importava che la serpeverde fosse ricca e non le sembrava che ne facesse un vanto. Poi disse:*

    Abbiamo scoperto un altro punto in comune, vogliamo andar via di casa tutte e due. Per il tuo più o meno fratello immagino ci siano dei problemi o incomprensioni ma non ti chiederò cosa. Se e quando vorrai sarai tu a dirmelo.

    * Le disse sorridendo. Non era il tipo che insisteva per farsi dire le cose non le piaceva farlo e non voleva fosse fatto nei suoi confronti. Daenerys aggiunse:*

    Bene, qualcosa di noi siamo riuscite a raccontarla, è un buon inizio.
    Hai anche scoperto il mio secondo nome, non lo dico spesso! Credo che i miei me lo abbiano dato ispirandosi al mitologico demone femminile Lilith. Già, ho il nome di un demone, che ci posso fare. Forse non gli bastava già la particolarità del mio primo nome.


    Mi fa piacere che tu me l'abbia detto. E, anche se Lilith deriva da un demone come dici tu, a me piace come nome!

    * Disse infine dando una pacca sulla spalla della ragazza. *

    @Daenerys_Martin,




    Ultima modifica di Freya_Hansen oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Abbiamo scoperto un altro punto in comune, vogliamo andar via di casa tutte e due. Per il tuo più o meno fratello immagino ci siano dei problemi o incomprensioni ma non ti chiederò cosa. Se e quando vorrai sarai tu a dirmelo.

    *Disse Gianna, per poi aggiungere qualche parola riguardo il secondo nome di Daenerys.*

    Mi fa piacere che tu me l'abbia detto. E, anche se Lilith deriva da un demone come dici tu, a me piace come nome!

    *Daenerys sorrise subito dopo aver ricevuto una pacca sulla sua spalla da parte di Gianna. Ci fu un momento di pausa, Daenerys spostò lo sguardo su varie direzione, per ultima sul suo diario. Allungò una mano verso di esso senza farsi troppo notare, appena lo prese lo tirò subito verso di sé e lo infilò in borsa. Fece un sospiro subito dopo. L'ultima volta che lo aveva per sbaglio lasciato poco distante da lei nella Sala Comune di Serpeverde, un suo concasato aveva avuto la bella idea di prenderlo e leggere cosa c'era scritto dentro, mentre Daenerys era impegnata a chiacchierare con un'amica. Fortunatamente non lesse molto, ma soprattutto non lesse ciò che riguardava lui, dato che la bionda fece in tempo a toglierglielo dalle mani. Il ragazzo solo dallo sguardo di Daenerys capì che era meglio non mettersi contro di lei, certamente non avrebbe più toccato quel diario.
    In quel momento, sulla torre dell'orologio, la ragazza iniziava a sentire un po' di stanchezza, ma nonostante questo non era del tutto intenzionata ad andarsene, stava decisamente bene. Alzò le braccia e si stiracchiò, poi si strinse nel suo cappotto.*

    Che arietta… Dovrei imparare a coprirmi di più quando decido di venire qui.

    *Poi volse lo sguardo verso Gianna, cercando di trovare un argomento.*

    So che sei ancora al quinto anno, ma sono curiosa… Tu hai già qualche idea di ciò che vorresti fare dopo aver finito gli studi?

    *Voleva sempre sentire le altre persone parlare del proprio futuro, di sapere cosa avrebbero voluto fare dopo aver finito il loro percorso scolastico ad Hogwarts, forse perché lei ancora non aveva trovato la sua strada. Non sapeva cosa avrebbe voluto fare, non ne aveva proprio idea, era sempre stata troppo impegnata a pensare alla sua vendetta contro il fratello che non si era resa conto di essere arrivata al suo ultimo anno scolastico senza un sogno, senza nulla.*


    @Gianna_Fields


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Daenerys sorrise alle parole dette da Gianna. Poi notò qualcosa che attirò la sua attenzione. Quel quadernino o qualsiasi cosa fosse poggiata vicino a lei. La ragazza, con discrezione, lo prese e lo infilò velocemente nella sua borsa. Quel gesto non passò inosservato agli occhi della Grifondoro ma, anche in quell'occasione lasciò credere alla Seroeverde di non aver notatò assolutamente nulla. Una cosa era certa, lei aveva molto da nascondere o meglio aveva i suoi segreti che non avrebbe certo spifferato alla prima che incontrava, giustamente. Daenerys era molto ma molto altro ma, probabilmente non avrebbe mai avuto modo di capire chi fosse realmente se non quello che decideva lei di mostrare. Poi disse:*

    Che arietta… Dovrei imparare a coprirmi di più quando decido di venire qui.

    * Gianna annui persa ancora nelle sue riflessioni:*

    Eh già.

    * Poi cembiando discorso le chiese:*

    So che sei ancora al quinto anno, ma sono curiosa… Tu hai già qualche idea di ciò che vorresti fare dopo aver finito gli studi?

    * Domanda interessante pensò tra se Gianna. E una domanda alla quale non sapeva dare una risposta. Non sapeva se diventare un Auror come sua madre oppure occuparsi di altro. Non ci aveva mai ancora pensato.*

    Bè non lo so ancora è un problema che ancora non mi sono posta. Sono ancora al quinto anno come giustamente dicevi, ho tempo per pensare in cosa riuscirei meglio. Tu invece? Sei arrivata alla fine del tuo percorso scolastico hai qualche idea?

    @Daenerys_Martin,


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Bè non lo so ancora è un problema che ancora non mi sono posta. Sono ancora al quinto anno come giustamente dicevi, ho tempo per pensare in cosa riuscirei meglio. Tu invece? Sei arrivata alla fine del tuo percorso scolastico hai qualche idea?

    *Rispose Gianna alla domanda di Daenerys riguardo il futuro. Giustamente non aveva ancora le idee chiare, la bionda si rese conto che in effetti era presto fare una domanda del genere a una del quinto anno che, davanti a sé, aveva ancora del tempo per pensarci bene. Il fatto era che sperava in una risposta più esaustiva, era come se aspettasse che qualcuno nominasse un lavoro che all'improvviso potrebbe interessare Daenerys. Si era resa conto che non aveva un sogno a parte quello di viaggiare per il mondo, e sapeva che per viaggiare c'era bisogno di soldi. E per avere i soldi aveva solo due opzioni: lavorare o usufruire delle ricchezze dei Martin. Il fatto era che lei non voleva usare i soldi della famiglia, sapeva che così facendo avrebbe dovuto seguire il percorso che da sempre loro avevano scelto per lei. Ecco perché voleva andarsene, era stanca di seguire i loro ordini.*

    A dirti la verità, non ne ho assolutamente idea. Molti del mio anno già hanno deciso cosa faranno, tanti hanno dei sogni, altri non vedono l'ora di continuare il lavoro dei genitori. Io faccio parte invece di quel piccolo gruppo che stanno ancora cercando la propria strada.
    Fino a qualche anno fa non facevo altro che dire che avrei fatto sicuramente qualcosa di molto importante, che sarebbe stato sicuramente così. Cos'è che mi dice sempre mia madre?


    *Fece una pausa di pochi secondi, poi recitò alla perfezione la frase di sua madre, imitandone anche la voce.*

    Ah si: “Sei una Martin, per questo, come tutti noi, non fallirai mai nella vita. Tieni in alto il nostro nome, non accettiamo perdenti nella nostra famiglia.”
    Sai, ero la prima ad approvare tutto questo. Mi piaceva pensare a quanto brillante sarebbe stato il mio futuro. Adesso invece non vedo niente, davvero niente, e questo mi infastidisce.


    *Senza neanche rendersene conto si era persino sfogata, certo questo era il minimo, ma almeno l'aveva fatto. Non avrebbe mai tirato fuori argomenti più profondi come quello del fratello, però c'erano piccole cose, come queste, di cui in fin dei conti poteva anche parlare. Sperava solo di non annoiare Gianna con ciò.*


    @Gianna_Fields


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    A dirti la verità, non ne ho assolutamente idea. Molti del mio anno già hanno deciso cosa faranno, tanti hanno dei sogni, altri non vedono l'ora di continuare il lavoro dei genitori. Io faccio parte invece di quel piccolo gruppo che stanno ancora cercando la propria strada.
    Fino a qualche anno fa non facevo altro che dire che avrei fatto sicuramente qualcosa di molto importante, che sarebbe stato sicuramente così. Cos'è che mi dice sempre mia madre?
    Ah si: “Sei una Martin, per questo, come tutti noi, non fallirai mai nella vita. Tieni in alto il nostro nome, non accettiamo perdenti nella nostra famiglia.”
    Sai, ero la prima ad approvare tutto questo. Mi piaceva pensare a quanto brillante sarebbe stato il mio futuro. Adesso invece non vedo niente, davvero niente, e questo mi infastidisce.


    * Gianna annui non ci vedeva niente di male nell'essere indecisi sul proprio futuro. Infondo non era legge che all'ultimo anno si dovessero avere gia le idee chiare sul da farsi. Ma qualsiasi cosa avrebbe scelto non sarebbe stato certo il motivo per essere la delusione della sua famiglia. *

    Be non è detto che si debbano avere gia le idee chiare. Prima o poi si spianerà la stada giusta davanti a te e allora saprai cosa fare. E se sarà importate o meno spetterà solo a te giudicarlo, le famiglie non possono scegliere per noi ne limitarci ne tantomeno stabilire qual'è il lavoro più buono o meno. La vita è nostra e decidiamo noi per essa. E poi sono sicura che diventerai qualche pezzo grosso prima o poi!

    * Disse sorridendo. La immaginava presidente di qualche tribunale oppure perchè no ministro! Sorrise tra se all'idea. In ogni caso le augurava di fare la scelta giusta ed essere felice. Questa era la cosa più importate. *

    @Daenerys_Martin,



Vai a pagina 1, 2  Successivo