• Mirco_Mcqueen

    Grifondoro Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 22017
        Mirco_Mcqueen
    Grifondoro Certificato
       
       

    In una giornata fredda e con l’odore di deliziosi dolci natalizi nell’aria era quasi impossibile che i componenti delle quattro Case di Hogwarts facessero capolino tra i corridoi. Ognuno, infatti stava principalmente nella rispettiva Sala Comune accanto al caminetto che riscaldava e metteva di buon umore chiunque. Inoltre il Natale era alle porte e già si progettavano piccoli regalini da fare e da comprare nella prossima gita a Hogsmeade.

    Sfortunatamente però le lezioni non erano state sospese dalla Preside e in molti abbandonarono il caldo e sicuro rifugio del Dormitorio per seguire le spiegazioni più o meno interessanti delle varie materie. Sicuramente Storia della Magia non era ben vista, molto discorsiva e poco pratica, tranne nell’ultima esercitazione congiunta con la professoressa di Arti Oscure Mills, durante la quale avevano visitato e toccato con mano una delle più spaventose e famose prigioni del mondo europeo, Azkaban.

    I ragazzi tornarono alla vecchia consuetudine sedendosi e occupando sopratutto i banchi finali sperando di non essere visti e di poter non ascoltare la lezione. Il professore li aspettava già con un sorriso di circostanza, mentre con qualche difficoltà cercava di attaccare una cartina geografica al muro accanto alla lavagna.



    “Abbiamo fatto una panoramica generale della nostra società, ma è bene parlare anche della società americana, naturalmente quella magica. Ha davvero un’interessante storia intrecciata con la nostra.”

    “Ah bene studieremo solo dal 1492 in poi. Finalmente una storia semplice e breve.”

    Mcqueen fece una piccola risata perché le cose non stavano proprio come aveva detto il ragazzo di Tassorosso.

    “Vi piacerebbe, eh? Società autoctone esistevano anche prima della scoperta del continente da parte di Cristoforo Colombo. In realtà dovete sapere che la comunità magica nel cosiddetto Nuovo Mondo, in contrapposizione con i territori conosciuti occidentali, era già conosciuta da tempo. Scope e sistemi come la Materializzazione riuscivano ad arrivare a destinazione anche se con molte difficoltà dovuti alla distanza e alle intemperie lungo l’Oceano Atlantico per i maghi europei e l’Oceano Pacifico per i maghi asiatici. Alcuni divinatori avevano già avuto contatti tramite premonizioni e varie visioni più o meno chiare dei maghi americani secoli prima. Quindi a differenza di quanto si può pensare le due comunità si conoscevano reciprocamente già prima dell’immigrazione dei No-Mag.”

    “No-mag?”

    Una ragazza di Corvonero attenta in seconda fila pose il dubbio sulla definizione di quello strano termine, che non aveva mai sentito.

    “I Babbani chiamati alla maniera americana ed effettivamente si dovrebbe usare solo quando ci si riferisce alla e nella storia americana. Da ora in poi farò così. Comunque dicevo che conoscendosi già da prima sicuramente non ci fu un Nuovo Mondo, ma sicuramente la scoperta e le rotte che si crearono favorirono anche l’incontro più frequente tra le popolazioni magiche.”

    ‘Tutto il mondo è paese’ recitava un detto Babbano, ma poteva essere ben attualizzato anche dalla comunità con la bacchetta.

    “In tutte i luoghi si potevano avere famiglie totalmente magiche Purosangue, alcune tracce magiche potevano apparire in stirpi senza magia come i Nati-Babbani. Vi ricorderete sicuramente le lezioni sugli alberi genealogiche e sul rapporto con i Babbani prevalentemente inglesi. Naturalmente in alcuni villaggi persone con le capacità magiche venivano sia denigrate sia sacralizzate come vi ricorderete bene.”

    Guardò gli studenti sperando che rimembrassero la storia di Jmage, una delle prime lezioni sulla nascita della magia dove si confrontavano diverse forme di documento e ipotesi.

    “Tra eccezionali stregoni, cacciatori e gente posseduta dagli spiriti maligni si è ben radicata anche in Europa, erroneamente come emblema, la leggenda degli skinwalker. Sto parlando degli Animagi, come molti di voi sapranno, che si dice erroneamente che avessero sacrificato dei parenti stretti per ottenere il potere della trasformazione. Queste voci denigratorie erano spesso messe in giro dai guaritori No-Mag, che si trovavano in difficoltà a cospetto dei guaritori aborigeni americani. Infatti i maghi del Nuovo Mondo erano grandi conoscitori di animali, creature e piante, tanto che le loro pozioni erano di una sofisticatezza molto superiore a quelle europee. La differenza più ovvia tra la magia dei nativi americani e quella di noi maghi era la mancanza di qualcosa.”

    Mise una mano nel mantello ed estrasse dal suo fodero quell’oggetto.

    “La bacchetta.”

    Rispose un ragazzo di Serpeverde insieme a una di Grifondoro, che fece una lieve smorfia.

    “Esattamente. La bacchetta magica nacque in Europa e come certo saprete dalle prime vostre lezioni di incantesimi serve, insieme per esempio al cappello, per aiutare a incanalare le energie e produrre meglio i sortilegi. Non scordiamoci che però lanciare incanti senza bacchetta è solitamente segno di grande capacità, ma solo pochissimi al mondo ci riescono. Diciamo che alla fine i maghi americani si trovavano in difficoltà nelle materie di Incantesimi e Trasfigurazione proprio per la mancanza del catalizzatore, mentre eccellevano in materie dove la bacchetta non era fondamentale.”

    Ora il professore si sarebbe ricollegato ad un appunto fatto a inizio della spiegazione dei secoli XIV al XVIII.

    “Dal 1492 iniziò l’emigrazione dei Babbani verso il Nuovo Mondo, ma non furono i soli perché anche i maghi seguirono questa scia.”

    Naturalmente i motivi potevano essere i più disparati: dalla semplice curiosità, dallo spirito d’avventura e d’evasione, alla necessità di fuggire dalle persecuzioni europeee.

    “I maghi cercavano di aiutarsi a vicenda, ma l’America fu veramente un terreno difficile per le relazioni con i Babbani. Analizziamone i problemi.”

    Prese un gessetto di colore bianco e scrisse il numero 1 sulla lavagna in alto a sinistra.

    “Si doveva partire da zero. Nessun negozio specializzato o comfort già presente tipico dei paesi europei. Vi faccio un esempio banale le erbe per le pozioni dovevano essere raccolte nei campi ed era difficile riconoscerle sia per la possibilità di piante con caratteristiche diverse sia per un percentuale di arbusti sconosciuti. Non vi basta l’esempio? Non c’erano fabbricanti di bacchette in serie, ma erano dislocati in luoghi impervi. Inoltre le organizzazioni scolastiche erano veramente povere e scarne di componenti.”

    Il secondo motivo era il rapporto con la loro controparte.

    “I No-Mag avevano dichiarato guerra alle popolazioni indigene, minando la coesione della comunità magica, ma il loro credo religioso, il cosiddetto Purismo, li rendeva intolleranti verso qualsiasi traccia di magia. I Puritani erano ben felici di accusarsi a vicenda di attività occulte basandosi sulle prove più esigue, e maghi e streghe del Nuovo Mondo avevano ottimi motivi per diffidare di loro. Sembrava che le persecuzioni dei Babbani in Europa fossero una passeggiata in vacanza.”

    C’era tuttavia un terzo e più preoccupante motivo per essere non contenti di traslocare: la giustizia e l’organizzazione statale.

    “Possiamo da un punto di vista storico parlare di comunità magiche piccole e non strutturate. Furono cosi istituiti gli Spazzini, bande di maghi mercenari di varia nazionalità, temute e brutale dedite alla caccia non solo di noti criminali, ma di chiunque valesse qualche soldo. La non presenza di un potere forte centrale permise a questo gruppo di accrescere il loro potere e controllo attraverso la corruzione. Questi Scourers amavano torturare e spargere sangue, e arrivavano perfino a trafficare altri maghi. Il numero di Spazzini crebbe a dismisura verso la fine del XVII secolo, ed è dimostrato che fossero disposti perfino a far passare No-Mag innocenti per maghi pur di farsi ricompensare dai membri non-magici più ingenui della comunità.”

    Cerchiò i numeri scritti alla lavagna e li collegò a una parola che scrisse: ‘Salem’.

    “Il famoso processo alle streghe di Salem del 1692-93 fu una tragedia per la comunità magica. Gli storici della comunità magica concordano sul fatto che tra i cosiddetti giudici Puritani ci fossero almeno due noti Spazzini, decisi a sistemare una faida sviluppatasi in America. Molte delle vittime erano davvero streghe, seppur incolpevoli dei crimini per cui erano state arrestate. Altre erano semplici No-Mag che avevano avuto la sfortuna di finire travolte da isteria generale e sete di sangue.”

    La storia si faceva più intrigante e gli studenti sembravano apprezzare, avrebbero sicuramente voluto più particolari macabri delle uccisioni, ma il professore, come sempre, iniziò un’attenta analisi sulle conseguenze trasversali all’evento.

    “Se fino ad allora c’era stato un afflusso di maghi in direzione dell’America, questi si arrestò dando inizio a un fenomeno di senso opposto. La curiosità del nuovo e più accessibile svanì, molte famiglie di Purosangue europei si isolarono e nel Nuovo Mondo si ebbe una percentuale molto più alta di maghi e streghe nati da No-Mag che da Maghi. Questo è uno dei motivi per cui le idee Purosangue non si sono affermate e non sono arrivate a un livello di critica come qua in Europa.”

    Il disastro di Salem aveva portato alla consapevolezza di una mancata unione nella comunità magica e si cercò di rimediare.

    “Si decise anche di creare un organo magico: il Magico Congresso degli Stati Uniti d'America nel 1693. Da ora in poi cercherò di chiamarlo come tutti i maghi e le streghe americani fanno: MACUSA, acronimo del nome inglese. Per la prima volta la comunità magica nordamericana si accordò per creare delle leggi, ispirandosi ai modelli anche europei. La giustizia era sicuramente un punto fondamentale da riformare e si agì principalmente su quello in un primo momento. Vi lascio un documento di un noto storico di magia americana.”

    Citazione:
    Fatti:
    Il primo compito del MACUSA fu il processo agli Spazzini che avevano tradito i loro simili. Quelli condannati per furto, traffico di maghi, tortura e altre crudeltà furono giustiziati.

    […]

    Commento critico dell’autore:
    Ho individuato diverse famiglie americane che non solo credono nell'esistenza della magia, ma la odiano profondamente. Ho analizzato gli alberi genealogici di queste e ho scoperto un’interessante dato che confermerebbe l’ipotesi di alcuni storici: molti degli Spazzini più famigerati sfuggirono alla giustizia del MACUSA. Nonostante i mandati internazionali di arresto e svanirono per sempre nella comunità No-Mag. Alcuni di loro sposarono dei No-Mag e fondarono famiglie in cui veniva praticato l’infanticidio del bambino che dimostrava poteri magici in favore di quelli sprovvisti di magia per mantenere la copertura del genitore o si cercava di far di tutto per reprimere i poteri del fanciullo. Gli Spazzini vendicativi, allontanati dai propri simili, trasmisero ai discendenti l'assoluta convinzione che la magia fosse vera e che i maghi e le streghe andassero sterminati in quanto cattivi. Queste convinzioni sembrano essere un tratto molto complicato e insito nella comunità americana e ha sicuramente influenzato la politica futura del MACUSA.

    Tratto dal libro “Storia della Magia Americana” di Theophilus Abbot


    Guardò l’orologio e vide che aveva alcuni minuti per finire di delineare il quadro sociale che si stava definendo.

    Molto importante in senso assoluto fu la legge promulgata nel 1790. La legge Rappaport, dal cognome della sua ideatrice, che separò completamente le comunità dei maghi e dei No-Mag in seguito a una delle violazioni più gravi dello Statuto Internazionale di Segretezza fatta direttamente dall’interno del MACUSA. Tale violazione spinse tutto il mondo magico, compresa la Confederazione Internazionale dei Maghi a criticare apertamente e con forza il MACUSA, che scrisse questa legge. Trovate i dettagli della storia nel vostro libro di testo a pagina 74.”


    IN SPOILER IL TESTO DELL'IMMAGINE

    Aristotele Twelvetrees era un uomo competente e Custode del Tesoro e dei Dragotti nel governo magico Rappaport. Aristotele aveva una figlia, Dorcas, tanto ottusa quanto carina. Era stata una studentessa piuttosto scarsa a Ilvermorny e quando il padre assunse la carica viveva ormai a casa, senza usare quasi più la magia e concentrandosi principalmente su vestiti, acconciature e feste.

    Un giorno, a un picnic, Dorcas Twelvetrees si infatuò perdutamente di un bel No-Mag chiamato Bartholomew Barebone. All'insaputa di Dorcas, Bartholomew era il discendente di uno Spazzino. Nella sua famiglia non c'erano maghi, ma la sua convinzione dell'esistenza della magia era profonda e irremovibile, così come quella che tutti i maghi e le streghe fossero malvagi.

    Ignara del pericolo, Dorcas credette ingenuamente al cortese interesse che Bartholomew mostrava verso i suoi "trucchetti". Le goffe domande del bel giovane la portarono a rivelare l'indirizzo segreto del MACUSA e di Ilvermorny, oltre a informazioni sulla Confederazione Internazionale dei Maghi e sui vari modi in cui queste entità cercavano di proteggere e nascondere la comunità magica.

    Dopo aver strappato il maggior numero di informazioni possibili a Dorcas, Bartholomew rubò la bacchetta che la ragazza gli aveva cortesemente mostrato, la portò a tutti i giornalisti che trovò e radunò degli amici armati per perseguitare e, se possibile, uccidere tutti i maghi e le streghe dell'area. Inoltre fece stampare dei volantini con l'indirizzo dei loro luoghi di raduno e scrisse a No-Mag importanti, alcuni dei quali reputarono necessario scoprire se "malvagie feste occulte" si tenessero davvero nei luoghi indicati.

    Pervaso dall'entusiasmo per la sua missione di denuncia della stregoneria in America, Bartholomew Barebone passò il segno sparando a ciò che aveva scambiato per un gruppo di maghi del MACUSA, in realtà semplici No-Mag che ebbero la sventura di uscire da un edificio sospetto che egli stava sorvegliando. Per fortuna, nessuno rimase ucciso e Bartholomew fu arrestato e incarcerato senza che il MACUSA venisse coinvolto. Fu un enorme sollievo per il MACUSA, che stava faticando a gestire le terribili conseguenze delle indiscrezioni di Dorcas.

    Bartholomew aveva sparso i volantini a destra e a manca, e qualche quotidiano lo aveva preso abbastanza sul serio da stampare foto della bacchetta di Dorcas e scrivere che "scalciava come un mulo" se agitata. La sede del MACUSA attirò talmente tanto l'attenzione che il Congresso fu costretto a trasferirsi. Durante l'inchiesta, la presidentessa Rappaport dovette confessare alla Confederazione Internazionale dei Maghi di non poter essere sicura di aver cancellato la memoria con l'Oblivion a tutte le persone a conoscenza delle informazioni di Dorcas. La fuga di notizie era stata talmente seria da avere ripercussioni per molti anni.

    Anche se diversi membri della comunità magica insistettero per l'ergastolo o la pena capitale, Dorcas passò soltanto un anno in carcere. Quando tornò in libertà, traumatizzata e caduta in disgrazia, la comunità magica era completamente cambiata. Dorcas passò il resto dei suoi giorni in solitudine, con la sola compagnia di uno specchio e del suo pappagallo.

    Le indiscrezioni di Dorcas portarono all'introduzione della legge Rappaport, che sanciva la completa separazione tra la comunità magica e quella dei No-Mag. Ai maghi non fu più permesso di sposarsi o fare amicizia con i No-Mag: le pene erano severe. La comunicazione con i No-Mag andava limitata a ciò che era indispensabile alle attività quotidiane.

    N.B. Il Dragotto è il denaro magico americano


    “La legge Rappaport non fece che ampliare l'enorme differenza culturale tra la comunità magica americana e quella europea. Nel Vecchio Mondo c'era sempre stato un minimo di collaborazione e cooperazione nascoste tra i governi magici e quelli non magici, mentre in America, il MACUSA agiva in modo completamente indipendente dal governo No-Mag. In Europa, streghe e maghi si sposavano e facevano amicizia con i Babbani; in America, i No-Mag venivano visti sempre più come nemici. In pratica, la legge Rappaport spinse la comunità magica americana, che già aveva a che fare con una popolazione No-Mag insolitamente sospettosa, a una vita ancora più clandestina.”

    Citazione:

    COMPITI STORIA DELLA MAGIA
    La Magia in America


    1) Svolgi il seguente quiz di domande a risposta multipla e comunica nel compito di averlo completato. Trovi il quiz QUI (link) (15 punti)

    CLICCA E LEGGI IL SUGGERIMENTO:


    - Trovi tutte le risposte alle domande nella lezione. Leggi bene per evitare errori!!!

    - Se hai problemi con il modulo quiz non esitare a contattare il professore.

    CLICCA E LEGGI IL SUGGERIMENTO:
    (puoi usarne uno o nessuno di questi spunti)

    [spoil]
    - Scrivi pure le tue riflessioni con parole non copiate, meglio poco e scritto da te che molto e copiato.
    - ANALIZZARE SIGNIFICA RAGIONE E FORMULARE UN PENSIERO CRITICO E APPROFONDITO SU UNA COSA (es. descrizione, cosa ha fatto, perché ha fatto così, erano possibili altri atteggiamenti, è stato giusto l'attegiamento...ecc...)
    - Analizza i due personaggi principali del testo
    - Analizza il comportamento del MACUSA
    - Analizza la riposta preoccupata della Comunità Magica
    - Analizza la soluzione
    - Paragoni magici (con la comunità magica del vecchio mondo)
    - Paragoni Babbani (ci sono situazioni storiche simili?)
    - Opinione Personale (Avresti agito diversamente? Avresti fatto la legge? Avresti fatto altro?)

    DA NON SVOLGERE
    DOMANDA FACOLTATIVA (valida entro il 30/12/2016 - 23:59)

    2) Leggi il brano che trovi nella lezione (vd. immagine o spoiler nella lezione). Non fare un riassunto, ma fai una riflessione sul testo o partendo da esso analizzando i vari elementi (es. vedi i suggerimenti in spoiler). (15 punti)





    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Mirco_Mcqueen

    Grifondoro Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 8
    Galeoni: 22017
        Mirco_Mcqueen
    Grifondoro Certificato
       
       

    Citazione:

    Compito di @Elena_Apefrizzola.

    Risposta 1:
    Note: accreditata automaticamente

    Risposta 2: 15 p. / 15 p.
    Note: inquadri sia in generale l'argomento sia nello specifico con l'analisi dei due personaggi. Ci sono anche opinioni critiche ai rapporti con i No-Mag, alla magia europea e collegamenti extra (Guendalina la Guercia).

    Totale: 15 p. + 2 p. (Miglior Compito) = 17 p. / 15 p. ( Perfetto + )

    Giudizio conclusivo: è sempre un piacere leggere i tuoi compiti. Ti meriti qualche punticino in più per l'impegno e la completezza! A presto Smile




    Citazione:

    Compito di @Fabri_Jhorktromm.

    Risposta 1:
    Note: accreditata automaticamente

    Risposta 2: 13 p. / 15 p.
    Note: riflessione breve, ma comunque buona. Potevi dare esempi concreti dei "precedenti nell'antichità" e "di altre soluzioni" di cui parli nel finale dell'elaborato

    Totale: 13 p. ( Oltre Ogni Previsione )

    Giudizio conclusivo: il compito è buono e centri l'obbiettivo della riflessione con poche parole. Aggiungi qualche dettaglio e vedrai raggiungerai la perfezione la prossima volta nelle mie lezioni. Complimenti! Very Happy




    Citazione:

    Compito di @Hillary_Palmer.

    Risposta 1:
    Note: accreditata automaticamente

    Risposta 2: 15 p. / 15 p.
    Note: ottima riflessione dei due personaggi e delle loro interazioni. Interessante anche la critica alla condanna di Dorcas e l'atteggiamento positivo commentato della legge Rappaport. Buono il riferimento al NSPS.

    Totale: 15 p. + 2 p. (Miglior Compito) = 17 p. / 15 p. ( Perfetto + )

    Giudizio conclusivo: davvero un ottimo elaborato con curiosità e giudizi critici. Continua così e non avrai problemi ad avere altri punti bonus. Complimenti e a presto!!! Very Happy



    Citazione:

    Grifondoro: 17+ 1 (1*1 - Numero compiti accettabili ricevuti) = 18

    Serpeverde: 0 + 0 (1*0 - Numero compiti accettabili ricevuti) = 00

    Corvonero: (17 + 13) = 30 + 2 (1*2 - Numero compiti accettabili ricevuti) = 32

    Tassorosso: 0+ 0 (1*0 - Numero compiti accettabili ricevuti) = 00






    Ultima modifica di Mirco_Mcqueen oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale