• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Daenerys_Martin


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Mancavano ormai pochissimi giorni e Daenerys sarebbe tornata a Villa Martin, che neanche degnava di chiamare più "casa", finendo definitivamente quel percorso scolastico di sette anni. Aveva bisogno di andare via da quella casa e averne una tutta per sé, così da non dover più vivere sotto lo stesso tetto dei genitori.
    In quel momento era sola nella sua stanza ad Hogwarts e stava preparando i bagagli, le sarebbe mancato tutto. Osservò la stanza in cui per sette anni l'aveva ospitata, per poi notare il suo amato rettile. Daenerys nell'ultimo periodo amava stare con gli animali molto più dell'altro genere al quale lei stessa apparteneva e del quale, in fondo, si sentiva quasi estranea. La sua creatura non l'avrebbe mai tradita, non le avrebbe mai parlato alle spalle e mai si sarebbe lamentate del suo carattere come faceva la maggior parte delle persone che conosceva, a meno che, ovviamente, non si fosse dimenticata di fornirle cibo ed acqua per sopravvivere; roba da niente, paragonata all'infinità di malelingue che si ritrovava attorno giornalmente.
    Quel pomeriggio la sua Rhaena sembrava essere più agitata del solito e continuava a strisciare intorno a Daenerys senza sosta alcuna.*

    Hassè seshim nahassò? Shassè rem?
    (Andiamo a fare una passeggiata? Che ne dici?)


    *La voce della ragazza, dolce persino quando parlava la lingua dei serpenti, arrivò rassicurante alle orecchie del serpente che, eccitata, cominciò a girare intorno solo alla gamba sinistra, strusciandocisi. Almeno così si sarebbe calmata un po'.*

    Haksssi, Dae. (Grazie, Dae.)

    *Rispose il rettile. Poco dopo la Martin si diresse fuori dal castello, silenziosa, incamminandosi fino ad arrivare alla Foresta Proibita.


    Il silenzio che albergava all'interno dello stesso, mentre gli alberi coprivano la sola fonte di luce, creando strane forme d'ombra sul terreno sottostante, era assordante e caotico al tempo stesso; il frusciare delle foglie sugli alberi risultava però quasi rilassante alle orecchie della ormai diciottenne, mentre un venticello leggero faceva ondeggiare la sua gonna.*

    Shine. (Vai.)

    *Disse dando il permesso di allontanarsi leggermente da lei e strisciare tra le foglie che tanto amava, nel buio che regnava nella Foresta, nonostante al di fuori di quei fitti alberi ci fosse ancora il sole. In effetti, dopo essere entrata li dentro, sembrava quasi come se, all'improvviso, fosse diventata notte. Fortunatamente però era ancora tutto abbastanza visibile, grazie a quei lievi e quasi impercettibili raggi solari che passavano tra una chioma e l'altra degli alberi. Vide Rhaena, con la sua splendida pelle completamente nera, dovuta dal melanismo, che quasi si confondeva con tutto il resto in quella scura foresta, strisciare ovunque le fosse possibile.*


    Hassà ni. (Non allontanarti.)

    *Non che Rhaena l'avrebbe fatto in qualsiasi caso, sapeva di dover rimanere ovunque Daenerys potesse vederla. L'abilità di rettilofono era molto rara ed era in passato appartenuta maggiormente a maghi oscuri, ecco perchéi maghi e le streghe che parlavano con i serpenti non erano visti di buon occhio nella comunità magica. Daenerys Martin, sorprendentemente, era una rettilofona. Abilità ereditata dal suo ormai defunto nonno paterno.
    A distrarla dall'osservare Rhaena fu un rumore proveniente da dietro uno degli alberi alle sue spalle, così si girò con scatto veloce per vedere chi fosse. Anche la testa di Rhaena si alzò, insieme a parte del suo corpo, verso la direzione del rumore. Chiunque si nascondesse li dietro probabilmente aveva sentito Daenerys parlare il serpentese. Non che avesse mai avuto intenzione di nascondere questa sua capacità, ma insomma, la maggior parte delle volte chi lo veniva a sapere si spaventava e finiva per allontanarsi da lei, come se fosse da temere. Certe persone avevano seriamente un modo di pensare retrogrado. Ecco il semplice motivo per cui, spesso, evitava di parlare con il suo serpente in pubblico. Ma come poteva pensare che, proprio nell'orario e nel giorno in cui aveva deciso di fare una passeggiata non autorizzata insieme al suo animale, poteva esserci qualcun altro nella foresta proibita? A meno che, forse, non si trattava di un animale.*




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Zena_Lambert

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 156
        Zena_Lambert
    Corvonero
       
       

    *Zena aveva appena finito di preparare il baule per il tanto atteso ritorno a casa. Era stato un anno meraviglioso, il suo primo anno ad Hogwarts, abbastanza faticoso, ma sicuramente memorabile. Fece un ultimo giro della stanza per assicurarsi di non aver lasciato nulla in giro ( da quando frequentava questa nuova scuola era diventata più ordinata del solito). Esausta, si lasciò cadere sul letto e iniziò a fissare inerme il soffitto e, senza volerlo, le tornarono in mente tutti i bei momenti che aveva trascorso nei mesi scorsi all'interno di quelle mura. Per la prima volta pensò che quel posto così straordinariamente pieno di magia le sarebbe mancato. A scostarla dai suoi pensieri fu un miagolio infastidito proveniente dai piedi del letto*

    Casper, ci siamo quasi. Fai i tuoi saluti alla nostra camera, perché ci torneremo tra circa tre mesi.

    *Il micio inizia a fissarla, e dopo un paio di minuti, ormai arreso, fa un balzo e si sistema sul letto, pronto per un ultimo pisolino.
    Zena si volta verso la finestra e, guardando il verde degli alberi e i caldi raggi del sole, viene colta da un'improvvisa voglia di godersi le ultime ore della giornata all'aperto. Notando che Casper stava ormai sonnecchiando tranquillo, prese in fretta il suo zainetto e si diresse all'uscita del castello. Camminava a passi veloci, quasi avesse paura di essere sorpresa a fare qualcosa di proibito. O forse era solo l'ansia dovuta alle ore che precedevano la partenza. Guardava fisso a terra, attenta a non inciampare nei legnetti sparsi qua e là o nei sassolini.
    Erano ormai trascorsi dieci minuti quando Zena alza lo sguardo per rendersi conto di dove si trovasse*

    Complimenti Zena, ti sei persa un'altra volta!!

    *Non aveva la minima idea di dove fosse finita, e per di più tra meno di due ore doveva salire sul treno che l'avrebbe riportata a casa. A distrarla dalla sua preoccupazione fu un rumore, forse un suono, un verso strano che era difficile da comprendere o interpretare. Sembrava simile ad un sibilo.
    Zena era spaventata. I battiti del cuore acceleravano e il respiro diventava sempre più affannoso. Ma era anche curiosa, molto curiosa, e non sarebbe tornata indietro se non avesse scoperto cosa fosse quella sorta di suono e da dove provenisse. Cosi inizio a muoversi lentamente verso la fonte dalla quale proveniva lo strano suono, ma non si accorse della presenza di uno spesso ramo che bloccava la strada e inciampò, cadendo.
    Zena era a terra, non si era fatta nulla di grave, ma non osava muovere un muscolo. Era sicurissima del fatto che nelle vicinanze c'era qualcuno e che si era cacciata in grossi guai*



    Ultima modifica di Zena_Lambert oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Daenerys iniziò a pensare che il rumore provenisse da qualche animale selvatico, una qualsiasi creatura magica che viveva nella Foresta Proibita e che, probabilmente, si sentiva disturbata dalla presenza umana. Non uscì nessuno ne da dietro gli alberi e ne da dietro i cespugli, il che fece pensare alla figlia di Salazar che probabilmente l'animale che era passato di li si era ormai allontanato. O almeno, questo pensava finché un nuovo rumore, questa volta molto più grosso, non le fece tirare subito fuori il suo catalizzatore. Legno d'ebano con Squama di Basilisco. La sua bacchetta era più nera della pece, proprio come il suo serpente e come era la sua amata gatta che, purtroppo, aveva perso la vita solo poco tempo prima. Ad anticipare qualsiasi sua mossa fu però Rhaena. Daenerys non fece nemmeno in tempo a dirle nulla che il rettile era scattato verso la fonte del rumore. In quel momento l'animale aveva dato certamente prova della sua velocità, capace di raggiungere fino a 11 km/h. Daenerys la inseguì subito. Camminò per poco, quando si ritrovò ad osservare il suo serpente proprio di fronte a quella che sembrava essere una ragazzina molto più piccola della Martin. Daenerys corrugò leggermente la fronte nel vederla. Che ci faceva li in quel momento? Aveva sicuramente appena finito il suo primo anno o al massimo il secondo. Sembrava essere caduta e non si muoveva di un centimetro, ma poteva anche capirla leggermente visto che ora aveva davanti un rettile completamente nero che continuava a sibilarle a pochi centimetri di distanza.
    Daenerys decise di non parlare a Rhaena, emise solo un semplice sibilo che con un tono intento a sgridarla. Un sibilo che anche chi non era un rettilofono poteva emettere. Almeno, forse, non sentendo Daenerys parlare la lingua dei serpenti come se fosse la cosa più normale al mondo, quella ragazzina non si sarebbe spaventata maggiormente. A meno che non l'avesse sentita molto prima.
    Rhaena, appena sentì il sibilo di Daenerys, si voltò verso di lei e si allontanò subito dopo da quella piccola studentessa, andandosi poi ad attorcigliare attorno alla gamba destra della padrona.*

    Ehi, tutto bene?
    Forza, tirati su. O forse ti sei fatta male?


    *Chiese avvicinandosi leggermente alla ragazzina, abbassandosi di più alla sua altezza e allungandole una mano. Non era proprio in vena di chiacchiere ed era andata nella foresta per la piacevole presenza di animali e la minore presenza di esseri umani, ma ora si era ritrovata a dover vedere se una studentessa di undicini, o dodici anni, stava bene o aveva bisogno di aiuto. Insomma, vederla li a terra immobile non sembrava proprio una bella visione.*

    È appena finito l'anno scolastico ma sembra che tu sia vogliosa fino all'ultimo di trasgredire le regole. Non so se ti sei accorta di essere in una foresta che viene definita "proibita", per giunta da sola.


    *Disse alla ragazzina. Non che per lei fosse diverso, ma insomma, Daenerys aveva finito il suo ultimo anno, non aveva più nulla da perdere ormai. Lasciata Hogwarts non sarebbe stata più una studentessa. Mai più. E comunque sia Daenerys all'età di quella ragazzina non era mai stata così goffa e paurosa. Se nel caso fosse caduta a terra si sarebbe rialzata all'istante, qualunque pericolo ci fosse nelle vicinanze.*


    @Zena_Lambert


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Il sole stava quasi tramontando e Gianna si trovava nella sua camera, seduta sul letto a gambe incrociate mentre dava da mangiare ai suoi due cuccioli Hope e Shiva. Aveva deciso di prendere un po' di aria e sorvolare per l'ultima volta in quell'anno la Foresta proibita a cavallo della sua fidata Firebolt. Con la sua scopa aveva giocato molte partite di Quidditch e aveva esultato nelle vittorie e accettato, più o meno, le sconfitte. Ma non c'era cosa che le dava più piacere e libertà che cavalcare quella scopa nei momenti di bisogno, quando doveva riflettere o soltanto per liberare la mente! Decise di portare il suo gufo con lei così da poter vedere meglio se c'era qualche altra persona nei paraggi. Aveva da sempre trasgredito le regole fin dal primo giorno in cui era entrata nella scuola di Hogwarts e, fortunatamente, non era mai stata scoperta. A maggior ragione in quel periodo non rischiava praticamente nulla visto che la maggior parte della gente era in vacanza. Uscì dalla sua stanza sfrecciando sulla sua scopa mentre diceva al suo animale:*

    Shiva, vieni con me!

    * Il gufo, felice di prendere un po' d'aria, spicco' subito il volo e dopo poco tempo furono sulla foresta. Non sentiva nessun rumore ne vedeva muoversi nulla ma, ad un tratto, vide una ragazza in compagnia di un serpente e, poco più in là, ce n'era un'altra distesa a terra, forse era inciampata. Decise di scendere per vedere cosa fosse successo e se la ragazza si fosse fatta male. Atterrò poco distanti da loro mentre Shiva sorvolare ancora la zona. Non appena fu vicino alle ragazze ne riconobbe una, Daenerys una sua amica conosciuta molto tempo prima mentre la ragazzina distesa a terra non l'aveva mai vista. Si schiari la voce e, poggiando le mani sui fianchi disse:*

    Guarda guarda chi si vede! Ciao Daenerys, è un piacere vedere che anche tu sei ancora al castello! E tu ragazzina stai bene?

    * Disse sorridendo alla serpeverde e guardando la ragazza. *

    @Daenerys_Martin, @Zena_Lambert,


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Daenerys continuava a fissare quella ragazzina, senza ancora riuscire a scorgere il viso che si celava sotto quei lunghi capelli che, con la luce buia della Foresta Proibita, sembravano neri. Era rimasta con la mano allungata verso quella piccola studentessa, ma se quest'ultima avrebbe continuato a non muoversi presto la figlia di Salazar avrebbe ritirato il braccio. Era già tanto se le stava offrendo il suo aiuto.*

    Guarda guarda chi si vede! Ciao Daenerys, è un piacere vedere che anche tu sei ancora al castello! E tu ragazzina stai bene?

    *Disse improvvisamente una voce alle sue spalle. Quando la bionda si voltò, riconobbe all'istante la sua amica Gianna, appena atterrata nella foresta con la sua scopa. Dal che c'erano solo lei e Rhaena, ora erano in quattro. O meglio cinque, contanto anche il gufo della Fields che volava libero poco più in alto delle loro teste. Sul volto angelico, o almeno per quel che sembrava, della Martin si formò un sorriso laterale alla vista della ragazza.*

    Gianna, ciao. Già, sono ancora qui, anche se non per molto.
    Direi che è un piacere anche per me vedere ancora qualche faccia nota qui in giro.
    Com'è oggi tutti nella foresta? C'era una festa e nessuno me l'ha detto?


    *Dopo quelle parole, un ulteriore sguardo della bionda fu rivolto alla ragazzina a terra. Daenerys, tra una cosa e l'altra, aveva ormai ritirato la sua offerta di aiutarla ad alzare. Insomma, alla pazienza c'era un limite, e ormai non c'era più motivo di aver paura. Soprattutto dal momento in cui anche la Grifondoro aveva fatto il suo ingresso nell'oscura foresta. Anche lei aveva chiesto alla ragazzina se stesse bene. Daenerys lanciò un'occhiata a Gianna, per poi dirle qualcosa.*

    Secondo me è morta.


    *Disse con estrema nonchalance. Il fatto che non si muovesse minimamente neanche di un millimetro non era forse un tratto distintivo dei cadaveri? Okay, in realtà Daenerys sapeva perfettamente che quella studentessa era più che viva, insomma, lo si poteva intuire dal respiro che a differenza del corpo aveva deciso di farsi sentire. A quel punto fece un sospiro, e riallungò la mano verso la ragazzina.*

    Ti do un'altra possibilità per accettare il mio aiuto.
    E stai tranquilla, la mia Rhaena non ti farà nulla. Non attacca se non sono io a dirglielo, di solito.


    *DIsse facendo spallucce nel momento in qui espresse le due parole che forse avrebbe potuto anche evitare: di solito.*


    @Zena_Lambert, @Gianna_Fields




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Al suono della sua voce, Daenerys si voltò alzandosi in piedi e ritirando la mano che porgeva da più tempo del dovuto alla ragazzina ancora stesa a terra. Sorrise leggermente e disse:*

    Gianna, ciao. Già, sono ancora qui, anche se non per molto.
    Direi che è un piacere anche per me vedere ancora qualche faccia nota qui in giro.
    Com'è oggi tutti nella foresta? C'era una festa e nessuno me l'ha detto?


    * La Grifondoro con un ghigno incrociò le braccia pensando che la ragazza era esattamente come la ricordava, aveva gli stessi attegiamenti ed era ciò che le era piaciuto di lei e che l'aveva spinta a conoscerla meglio anche se avevano avuto davvero pochissime occasioni per parlare.*

    Mah non ne ho idea sinceramente ma se c'è una festa sappi che non sono stata invitata nemmeno io! E immagino che non sarà cosi divertente a questo punto!

    * Concluse strizzandole l'occhio. Intanto la Sperpeverde diede nuovamente uno sguardo alla ragazzina per poi voltarsi di nuovo vero Gianna:*

    Secondo me è morta.

    * Gianna non riusci a trattenere una risata e subito si tappò la bocca con la mano. Daenerys, seppur scherzando perchè chiaramente la ragazza era "molto viva", parlò con estrema tranquillità il che suscitò un certo divertimento nella Grifa. Poi sbuffando si rivolse alla ragazzina allungando di nuovo la mano nella sua direzione, offrendole nuovamente il suo aiuto e tranquillizzandola sul suo serpente che, in effetti, si stava dimostrando molto ubbidiente.*

    Daenerys sei davvero incorregibile! E riguardo a te ragazzina faresti meglio ad accettare il suo aiuto ed alzarti poichè sono certa non te lo offrirà una terza volta! E poi questo serpente sembra cosi tranquillo e, a meno che la sua "perfida" padrona non decida diversamente, non credo ti farà del male!

    * Disse sorridendo per poi abbassarsi vicino all'amica per vedere con i suoi occhi che effettivamente respirava e non sembrava esseersi fatta male.*

    @Daenerys_Martin, @Zena_Lambert


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    Daenerys sei davvero incorregibile!

    *Disse sorridente la Grifondoro. Inutile provare a dire che quelle parole non erano ben accette da Daenerys, visto che sul viso della bionda si formò un evidentissimo sorrisetto, la prova che sentire una cosa simile le faceva persino piacere.*

    Grazie.



    E riguardo a te ragazzina faresti meglio ad accettare il suo aiuto ed alzarti poichè sono certa non te lo offrirà una terza volta! E poi questo serpente sembra cosi tranquillo e, a meno che la sua "perfida" padrona non decida diversamente, non credo ti farà del male!

    *Daenerys annuì per confermare ciò che aveva detto Gianna. Dopo un po', quando la bionda si rese conto che molto probabilmente quella ragazzina non aveva alcuna intenzione di accettare l'aiuto della Serpeverde, con automaticità roteò gli occhi e ritirò la mano. Già era tanto che si era leggermente preoccupata per lei vedendola in quelle condizioni, che poi a dirla tutta sembrava stare bene a parte lo spavento.
    Una delle cose che Daenerys Lilith Martin odiava maggiormente: essere ignorata. E quella ragazzina li per terra, non accettando il suo aiuto e non guardandola nemmeno in faccia, l'aveva effettivamente ignorata. Si voltò verso Gianna e si allontanò leggermente dalla studentessa più piccola.*

    A quanto pare reputa il terrenno della foresta più interessante di noi.

    *Disse indicando, alle sue spalle, la ragazzina a terra. Se si comportava in quel modo forse era per paura, ma più che rassicurarla, che poteva fare? C'era anche Gianna, possibile che preferiva rimanere li e non reagire? Anche Rhaena si era allontanata da lei ormai, strisciando libera nei dintorni, sempre sotto la visuale della padrona.*

    Allora, Gianna, è passato un bel po' di tempo dalla nostra ultima chiacchierata.
    Che mi racconti?


    @Gianna_Fields, @Zena_Lambert




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * All'affermazione della Grifondoro, Daenerys sorrise e annuì come per dire "guarda che ha ragione!" ma la piccoletta non sembrava sentir ragioni, tanto che rimase li sdraiata senza proferire parola. Gianna alzò a sua volta gli occhi al cielo, non riuscendo a capire il motivo di tale comportamento. Poi la Serpeverde ritirò la mano e si alzò guardando Gianna e disse:*

    A quanto pare reputa il terrenno della foresta più interessante di noi.

    * Gianna scoppiò in una sonora risata. Ma come le venivano in mente battute del genere? Ma in ogni caso aveva ragione. La ragazzina sembrava come pietrificata. Possibile che tale era stato lo spavento provocato dal rettile che aveva perso la parola e l'uso degli arti? Bè non l'avrebbero forse mai scoperto. *

    Si immagino di si!

    * Disse portandosi le mani ai fianchi. Poi aggiunse:*

    In ogni caso non ho nessuna voglia di restare qui tutto il tempo. Sono venuta a fare un giro nella foresta ed è quello che farò! Shiva vieni qui!

    * Il suo ubbidiente Gufo scese subito in picchiata poggiandosi sulla spalla della Grifondoro. Quest'ultima l'accarezzò dicendo:*

    Devi fare una cosa per me....resta appollaiata su qualche ramo qui vicino e, non appena la giovane decide di degnarci della sua presena, vieni subito a cercarmi cosi che torniamo e vediamo se sta bene o si è rotta qualcosa! Nasconditi bene però non vorrei che vedendoti ricaschi di nuovo in uno stato catatonico!

    * Concluse con un ghigno. Shiva immediatamente andò a nascondersi su un ramo dietro a delle fogli in modo che non la si vedesse. Poi Daenerys le disse:*

    Allora, Gianna, è passato un bel po' di tempo dalla nostra ultima chiacchierata.
    Che mi racconti?


    * La Grifondoro la guardò per un attimo poi, presa la sua Firebolt, le fece cenno di andare e si incamminò nella foresta.*

    Si hai ragione, non ricordo l'ultima volta che abbiamo avuto occasione di parlare in "privato". Bè vorrei dirti tante cose belle e tantissime novità ma, purtroppo non ne ho! La mia vita è come un filo teso, priva di qualsiasi novità, ameno a livello famigliare! Grazie al cielo c'è Hogwarts, che considero la mia vera casa. E grazie al cielo sono arrivata al settimo anno! Potrò andarmene per fatti miei una volta e per sempre! Tu invece che mi dici? Come mai sei ancora a scuola? Le vacanze sono iniziate da un po'.

    * Chiese mentre continuava a camminare verso una meta ignota.*

    @Daenerys_Martin, @Zena_Lambert


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Dopo che Gianna confermò quello che Daenerys aveva detto sotto forma di battuta, si portò le mani ai fianchi e, stanca di starsene li ferma senza fare nulla, prese una decisione.*

    In ogni caso non ho nessuna voglia di restare qui tutto il tempo. Sono venuta a fare un giro nella foresta ed è quello che farò! Shiva vieni qui! Devi fare una cosa per me....resta appollaiata su qualche ramo qui vicino e, non appena la giovane decide di degnarci della sua presena, vieni subito a cercarmi cosi che torniamo e vediamo se sta bene o si è rotta qualcosa! Nasconditi bene però non vorrei che vedendoti ricaschi di nuovo in uno stato catatonico!

    *Dato l'ordine, il gufo andò a nascondersi su un ramo, da dove avrebbe potuto controllare perfettamente la situazione senza però farsi notare. Quella era stata una buona idea, almeno ora si sarebbero potute muovere un po'. Così, presa la sua Firebolt, Gianna fece cenno a Daenerys di andare con lei. Così si incamminarono insieme, addentrandosi ancora di più in quell'oscura foresta. La bionda si voltò un attimo verso il suo rettile.*

    Rhaena.

    *Disse rivolgendosi al suo splendido animale, o almeno era splendida per la sua padrona. Diciamo che non la pensavano tutti così, e forse quella ragazzina era una di quelle che non avevano tanta voglia di scontrarsi con un serpente. Per di più uno nero come Rhaena poteva risultare anche più temibile, anche se secondo Daenerys era semplicemente più affascinante. Prima di farle però cenno di seguirla, le fece un fugace occhiolino. Il serpente comprese all'istante con una complicità che solo loro due riuscivano ad avere. A quel punto Rhaena andò nuovamente verso la ragazzina a terra e iniziò a girarle intorno un paio di volte, per poi allontanarsi e a seguire i passi della sua padrona, che girandosi con lo sguardo di fronte a sé, iniziando a camminare insieme a Gianna, fece un piccolo sorrisetto soddisfatto.*

    Non ho resistito.


    Ha solo controllato se stesse bene, ovviamente.

    *Era fatta così, bisognava dire che negli anni era cambiata anche abbastanza, ma ovviamente certe cose rimanevano uguali. E poi, a dirla tutta, non aveva fatto nulla di che. Rhaena si era solo fatta quache giretto intorno alla ragazzina con il suo solito sibilo, controllando in realtà che stesse bene, perché per quanto Daenerys volesse giocarci un po' su, in realtà aveva indicato al serpente di controllare un'ultima volta che fosse tutto apposto, per poi andarsene. Tutto era stato nascosto da un bisbiglio, perché non le andava ancora di mostrare di essere una rettilofona. Comunque sia, appena la loro camminata prese definitivamente il via, Gianna rispose alla domanda posta poco prima dalla verde-argento.*

    [...] E grazie al cielo sono arrivata al settimo anno! Potrò andarmene per fatti miei una volta e per sempre! Tu invece che mi dici? Come mai sei ancora a scuola? Le vacanze sono iniziate da un po'.

    *Daenerys ascoltò ogni sua parola, anche se a quanto pare sembrava non aver nulla di nuovo da raccontare. A quanto pare, però, un po' come Daenerys, sembrava considerare Hogwarts la sua casa e finito il percorso scolastico, voleva andarsene per sempre per fatti suoi. Questa era certamente una cosa che avevano in comune. Ora toccava alla bionda rispondere, solo che non parlava della sua famiglia, non le piaceva farlo, quindi l'avrebbe solamente nominata.*

    Hogwarts è diventata anche la mia di casa, molto più di quella vera. Adesso mi toccherà tornare a Villa Martin per un po', il tempo di trovarmi una sistemazione adeguata. Mi sono stancata di vivere li. Ecco quindi il motivo per cui sono rimasta qui qualche giorno in più del dovuto. Più tardi torno, meglio è. Ma vedo che anche tu sei ancora qui.


    @Gianna_Fields




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Daenerys, prima di seguire Gianna, chiamò il suo serpente e, con un'impercetibile occhiata, comunicò con il suo animale che iniziò a girare sibilando intorno alla ragazzina per poi tornare dalla padrona. Sul volto della Sperpeverde si dipinse un sorriso tra il divertito e il soddisfatto! Poi aggiunse:*

    Non ho resistito.
    Ha solo controllato se stesse bene, ovviamente.


    * La Grifondoro le sorrise divertita e scosse la testa e le disse:*

    Ah tu non cambierai mai vero?

    * Concluse facendole un occhiolino e urtandola delicatemente con la spalla. Poi iniziarono a camminare mentre Gianna
    rispondeva alla sua domanda chiedendole a sua volta cosa ci facesse ancora a scuola. Lei rispose:*

    Hogwarts è diventata anche la mia di casa, molto più di quella vera. Adesso mi toccherà tornare a Villa Martin per un po', il tempo di trovarmi una sistemazione adeguata. Mi sono stancata di vivere li. Ecco quindi il motivo per cui sono rimasta qui qualche giorno in più del dovuto. Più tardi torno, meglio è. Ma vedo che anche tu sei ancora qui.

    * Gianna annuiva guardandola di tanto in tanto. Aveva notato che aveva "schivato" il proiettile famiglia! Forse anche per lei era un tasto dolente e preferiva non parlarne. Lei certamente non avrebbe chiesto altro, non era nel suo carattere impicciarsi degli affari altrui. Come gradiva che gli altri non si impicciassero dei suoi! Se e quando ne avrebbe avuto voglia ne avrebbe parlato, cosi come avrebbe fatto lei. Erano passati sette anni ormai e in tutto quel tempo una sola persona si era guadagnata la sua totale fiducia e rispetto e solo lei sapeva la storia di Gianna. Non si apriva facilmente, aveva ricevuto troppe pugnalate alle spalle e troppi tradimenti in passato! Quindi si era ripromessa di cambiare, di tenere le cose per se a meno che riteneva una persona degna al 100% della sua fiducia, impresa certamente non facile. Si destò dai suoi pensieri e rispose a ciò che Daenerys le aveva chiesto:*

    Ti capisco più di quanto immagini.....ma sono sicura che entrambe troveremo la nostra via lontano da persone che riteniamo tossiche per noi! E si, io sono ancora qui e penso di restarci ancora per un pò. Ma io a differenza tua non tornerò a casa da quelli che per pura formalità chiamo genitori. Ma cambiamo argomento, ho capito che anche tu come me non ami parlarne.

    * Concluse abbozzando un sorriso. Quell'argomento la metteva non di cattivo ma di pessimo umore! Meglio se ne parlava meglio era. Poteva uscire un lato del suo carattere che mai avrebbe voluto mostrare a nessuno.*

    @Daenerys_Martin,


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Una cosa che le piaceva di quella Grifondoro, era il fatto che a differenza di molti altri rideva ai suoi gesti. Se fosse stata un'altra persona, probabilmente a quel gesto di poco prima, di mandare Rhaena a farsi un giretto attorno alla ragazzina, avrebbe reagito male, dicendo a Daenerys di cambiare perché quel suo comportamento era sbagliato. In realtà, ciò che era sbagliato era proprio chiederle di cambiare. A questo ci pensava da sola, aveva già cambiato molte cose di se stessa nel corso di quegli anni, ma perché non lasciarle almeno piccolezze come queste? Quella ragazzina l'aveva ignorata, nonostante lei le avesse offerto più volte il suo aiuto, quindi si poteva dire che se l'era anche un po' meritato quello scherzetto. Daenerys era sempre stata una persona vendicativa, dopotutto. E a dirla tutta era anche servito quel giretto del rettile, visto che tornando il serpente aveva iniziato a strisciare lungo la gamba di Daenerys, per poi salire fino a intorno il collo e bisbigliando all'orecchio della padrona che la piccola studentessa stava bene, per poi riscendere giù e tornare a strisciare sulla terra e l'erba scura della foresta proibita. Dietro un gesto che avrebbe potuto evitare, ne era uscito uno buono, gentile, che ovviamente ne quella studentessa e ne Gianna sarebbero venute a sapere.*

    Ah tu non cambierai mai vero?

    *Le disse Gianna proprio dopo quella scena, facendo un'occhiolino alla bionda e urtandole delicatamente la spalla. Daenerys sorrise a quella domanda che, ovviamente, era del tutto retorica. La Fields conosceva già perfettamente la risposta a quella domanda, per questo glie la fece ridendo. Daenerys fece difatti spallucce, tornando a guardare davanti a sè, visto che in una foresta del genere era meglio non distrarsi troppo, almeno lo sguardo doveva essere attento.*

    Un po' di divertimento non fa mai male.
    E poi ehi, lei mi ha ignorata!


    *Esclamò come se fosse una reazione ovvia da parte sua, come se per l'appunto l'ultima cosa da fare era ignorare Daenerys. Era una cosa che odiava e la gente non voleva capirlo, allora a farglielo capire ci avrebbe pensato direttamente lei. Poi, la conversazione continuò, soprattutto per quanto riguardava il discorso su Hogwarts e cose personali come il fatto che Daenerys sarebbe dovuta tornare a Villa Martin, ma non per molto visto che era del tutto intenzionata ad andarsene a vivere da qualche altra parte. Era stanca di stare sotto le dipendenze dei suoi genitori. Ma soprattuto era stanca di dover guardare un futuro dettato da loro.*

    Ti capisco più di quanto immagini.....ma sono sicura che entrambe troveremo la nostra via lontano da persone che riteniamo tossiche per noi! E si, io sono ancora qui e penso di restarci ancora per un pò. Ma io a differenza tua non tornerò a casa da quelli che per pura formalità chiamo genitori. Ma cambiamo argomento, ho capito che anche tu come me non ami parlarne.

    *Anche Gianna sembrava avere qualche problema con i suoi genitori, tanto che aveva deciso di rimanere ad Hogwarts più del dovuto pur di stargli lontana. Anche il fatto che li chiamasse genitori, come diceva lei, per pura formalità. Daenerys per quanto non fosse d'accordo con alcuni loro modi di fare, era più a simile a loro di quanto sperasse di non esserlo, e forse era questo che alla fine la portavano comunque a volergli bene. Anche se purtroppo non si erano mai accorti di come il loro figlio maschio trattava la sua sorellina più piccola. Questa purtroppo era una cosa che lei non riusciva a perdonare ai suoi genitori, troppo cechi nel vedere la realtà e troppo impegnati ad idolatrizzare il loro figlio per aver scelto anche lui, come loro, di diventare un Mangiamorte.*

    Oh bhe, se rimani qui almeno avrò una scusa per tornare ogni tanto.


    *Disse mostrando un sorrisetto all'amica. In fin dei conti non era solo una scusa per tornare nel luogo dove non sarebbe più stata una studentessa, Daenerys doveva ammettere di trovarsi bene a chiacchierare con Gianna.*

    E si, hai ragione, meglio evitare questi tipo di argomenti. Rovinerebbero solo l'umore.

    *Ad attirare poi improvvisamente l'attenzione di Daenerys fu un rumore alle sue spalle. Si girò di scatto, con la sua bacchetta in mano, sempre in allerta. Ma per fortuna delle due ragazze non si trattava di nessuna spaventosa creatura magica, ma solamente della sua Rhaena a caccia di piccole prede. A quanto pare il rettile aveva più fame del solito, visto che sembrava non essergli bastato ciò che la sua padrona le aveva dato per pranzo.*


    @Gianna_Fields


  • Zena_Lambert

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 156
        Zena_Lambert
    Corvonero
       
       

    *Zena era ancora distesa a terra, immobile, gli occhi chiusi. Li aprì lentamente e si rese conto che evidentemente aveva perso conoscenza per un bel po', forse una ventina di minuti, dal momento che l'ultima cosa che ricordava era un enorme rettile nero sibilante che la fissava a pochi centimetri di distanza. Le tornò alla memoria anche il volto di una ragazza bionda, poco dietro, che aveva un'espressione piuttosto scocciata. Zena si alzò immediatamente e, rendendosi conto di essere sporca di terra e con diverse foglie addosso, si sistemò il più in fretta possibile e si ripulì, per poi rimettersi in cammino. Dopo diversi passi si accorse di un rumore di ali alle sue spalle e si voltò, alzando lo sguardo verso il cielo, che nel frattempo si era imbrunito.*

    E tu da dove spunti?

    * Disse la ragazza divertita, alla vista di un gufo che le volava intorno*

    Sbaglio o mi stai seguendo?

    *Continuò accarezzando il volatile, che nel frattempo le si era avvicinato. Zena stava seguendo un percorso che intravedeva sul terreno. Vi erano infatti delle foglie spostate e la scia di un serpente che poteva essere facilmente riconducibile a quello che le si era parato davanti tempo prima. Evidentemente poco prima qualcuno era passato di lì. Camminò per circa cinque minuti e iniziò pian piano a tranquillizzarsi e a rendersi conto di dove si trovasse. Ad un certo punto inizio a sentire un lieve vociferare. Tese l'orecchio e continuò a camminare, finché la voce non divenne più chiara, tanto da poter distinguere una frase*

    E si, hai ragione, meglio evitare questi tipo di argomenti. Rovinerebbero solo l'umore.

    *La voce apparteneva ad una bellissima ragazza bionda, che Zena riconobbe essere quella vista poco prima. Accanto a lei camminava un'altra ragazza castana altrettanto bella. Erano entrambe sicuramente abbastanza più grandi di lei. Il gufo che la affiancava, alla vista della castana, le volò incontro*

    Uh, il gufo appartiene a te? Mi ha fatto compagnia per tutto il tragitto, è un ottimo compagno di viaggio. Mi sono resa conto che gli hai chiesto di controllarmi e te ne sono grata.

    Ah, comunque non mi sono presentata. Mi chiamo Zena, sono dei corvonero ed ho 12 anni. Voi sembrate abbastanza più grandi di me, il che mi fa sembrare fuori luogo, aggiungendo anche il fatto che so di trovarmi in un luogo dove non dovrei stare e che ho fatto una grossa figuraccia. Penso che basti per sembrare ridicola.
    Ah, anche se credo che ve ne siate accorte, ho la parlantina facile.

    * A questo punto si voltò verso la bionda e la guardò con fare interrogativo*

    Sei tu la biondina che mi fissava dietro il rettile, mentre ero immobile e sconcertata dalla paura di morire, prima che perdessi conoscenza?



    Ultima modifica di Zena_Lambert oltre 1 anno fa, modificato 3 volte in totale


  • Freya_Hansen

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
    AUROR

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 2383
        Freya_Hansen
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Un po' di divertimento non fa mai male.
    E poi ehi, lei mi ha ignorata!


    * Gianna continuò a sorridere e alzò le mani in sengo di resa come a voler dire che non sarebbe stata lei a contraddirla, anzi! Dopo averle detto le sue intenzioni, la bionda, sorridendole disse:*

    Oh bhe, se rimani qui almeno avrò una scusa per tornare ogni tanto.
    E si, hai ragione, meglio evitare questi tipo di argomenti. Rovinerebbero solo l'umore.


    * La Grifondoro sorrise ancora, felice di sentirle dire, anche se in forma velata, che magari si sarebbero riviste durante l'estate. Ad un tratto la vide voltarsi, con la bacchetta pronta in mano, aveva sentito un rumore che non era passato inosservato nemmeno alla Grifondoro. Ma fortunatamente si trattava solo del suo serpente che era a caccia! Ripresero a camminare quando, un'altro movimento ditrasse Gianna. Sentì ad un tratto uno sbattere di ali e qualcosa si poggiò sulla sua spalla, sfiorando il viso di Gianna con la sua soffice e piumata testa.*

    Ah sei tu Shiva, si è forse destata la bella addormentata?

    * Ma non ebbe bisogno di "rispose" che udì una voce alle loro spalle:*

    Uh, il gufo appartiene a te? Mi ha fatto compagnia per tutto il tragitto, è un ottimo compagno di viaggio. Mi sono resa conto che gli hai chiesto di controllarmi e te ne sono grata.

    Ah, comunque non mi sono presentata. Mi chiamo Zena, sono dei corvonero ed ho 12 anni. Voi sembrate abbastanza più grandi di me, il che mi fa sembrare fuori luogo, aggiungendo anche il fatto che so di trovarmi in un luogo dove non dovrei stare e che ho fatto una grossa figuraccia. Penso che basti per sembrare ridicola.
    Ah, anche se credo che ve ne siate accorte, ho la parlantina facile.


    * Gianna osservò la ragazzina fino a poco prima sdraiata a terra. I capelli ancora scompigliati e una foglia era ancora sulla sua testa. La Grifondoro poggiò la scopa vicino a un albero e avvicinandosi a lei alzò un sopraciglio dicendo:*

    Ah ma allora sei viva? Iniziavamo ad avere seri dubbi a riguardo e la mia amica, a dirla tutta, si era molto spazientita! Spero non te la sia presa per il fatto che siamo andate via, ma ho lasciato Shiva a sorvegliarti. Gli avevo chiesto di nascondersi ma a quanto pare non ne è stato capace!

    * Concluse togliendole la foglia dai capelli. Poi si voltò lanciando uno sguardo complice alla Serpeverde. Non si era però presentata così rimediò:*

    Ah perdonami, sono Gianna Fields Grifondoro del settimo anno.

    * Poi la ragazzina chiede a Daenery se era proprio lei la ragazza che la fissava da dietro al serpente mentre lei stava per morire. Gianna guardò prima la ragazzina poi la Serpeverde e sul suo volto un ghigno si dipinse....certo i serpenti potevano incutere paura ad alucni dal cuore tenero ma non a queli livelli. Ma la cosa che divertiva Gianna era sapere che cosa stava frullando nella testa della Serpeverde! Lei certo una mezza idea ce l'aveva se solo Rhaena fosse stata sua!*

    @Daenerys_Martin, @Zena_Lambert,


  • Daenerys_Martin

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 9
    Galeoni: 49
       
       

    *Un secondo rumore fece voltare nuovamente la Serpeverde e la Grifondoro, ma questa volta non si trattava di Rhaena. Lo sbattere di ali fece si che lo sguardo di Daenerys si alzò al cielo, per poi vedere arrivare il gufo di Gianna, che ando direttamente a poggiarsi sulla spalla di quest'ultima.*

    Ah sei tu Shiva, si è forse destata la bella addormentata?

    *Neanche il tempo che Gianna fece quella domanda al suo volatile, che una voce femminile alle loro spalle attirò la loro attenzione. Si girarono sia le ragazze, che i loro animali, curiosi della persona a cui apperteneva la voca, anche se era abbastanza ovvio.*

    [...] Penso che basti per sembrare ridicola.
    Ah, anche se credo che ve ne siate accorte, ho la parlantina facile.


    *Detto ciò, Gianna poggiò la sua scopa e si avvicinò alla ragazzina che aveva detto di chiamarsi Zena, una corvonero di dodici anni. Con un sopracciglio alzato si rivolse alla studentessa più piccola.*

    Ah ma allora sei viva? Iniziavamo ad avere seri dubbi a riguardo e la mia amica, a dirla tutta, si era molto spazientita! Spero non te la sia presa per il fatto che siamo andate via, ma ho lasciato Shiva a sorvegliarti. Gli avevo chiesto di nascondersi ma a quanto pare non ne è stato capace!

    *Spiegò Gianna. La Grifa lanciò poi uno sguardo complice a Daenerys, che lo ricambiò per pochi secondi. Poi la Fields si rese conto di non essersi presentata, così si voltò nuovamente verso la dodicenne e si presentò a quella ragazzina che, dal stare completamente zitta a terra, aveva iniziato a parlare a raffica.*

    Io invece Sono Daenerys Martin, Serpeverde, anche io settim-

    *Si bloccò nel preciso istante in cui quella ragazzina posò lo sguardo su Daenerys e con fare interrogativo le fece una domanda che avrebbe potuto di certo evitare.*

    Sei tu la biondina che mi fissava dietro il rettile, mentre ero immobile e sconcertata dalla paura di morire, prima che perdessi conoscenza?

    *Queste furono le esatte parole che uscirono dalla bocca della dodicenne della casa di Corvonero.*

    Biondina?

    *Si ripetè Daenerys nella mente. Quel nomignolo dato dalla ragazzina risuonò nella testa della diciottenne, perché si, essendo di gennaio ne aveva compiuti diciotto già da mesi, come se fosse un eco. In realtà tutte le parole di quella domanda risuonarono nella sua testa. Daenerys si voltò verso Gianna, come per chiederle con lo sguardo se non sarebbe stato un problema dare il via libera a Rhaena per nutrirsi di una dodicenne. Ma forse non era il modo giusto.. Così decise di calmarsi e rispondere a Zena.*

    La biondina qui presente ha un nome, ed è Daenerys.


    *Ripetè il suo nome una seconda volta. Magari se non l'avesse stoppata mentre si presentava sarebbe stato più educato da parte della Corvonero, che così facendo neanche si era resa conto della presentazione della verde-argento. Ma alla fine Daenerys cercò di non dare peso anche a questo fatto.*

    E riguardo la tua domanda, fermati un secondo... Quand'é che sarei stata a fissarti dietro Rhaena?

    *Difatti, quando era arrivata e aveva visto Rhaena di fronte alla studentessa distesa a terra, la prima cosa che fece fu fare allontanare il rettile ed avvicinarsi a Zena per offrirle il suo aiuto. E inoltre, se davvero aveva perso i sensi, era stato certamente dopo, perché in quel momento era chiaramente sveglia.*

    Neanche un ringraziamento per essermi più volte offerta di aiutarla.. Ora ricordo perché un tempo evitavo di essere così gentile, forse dovrei imparare qualcosa dalla vecchia me di quindici anni.

    *Disse quasi bisbigliando sconcertata e girandosi automaticamente verso Gianna, senza un reale motivo. In quel momento Daenerys si stava comportando con molta calma, avrebbe cercato anche di capire cosa passasse nella testa di quella ragazzina, ma se aveva intenzione di accusarla di qualcosa, allora sarebbe cambiato tutto. E poi addirittura paura di morire. Quella ragazzina era stata fin troppo fortunata ad incontrare un rettile obbediente come Rahena anziché un altra creatura pericolosa e senza padrone.*


    @Gianna_Fields, @Zena_Lambert




    Ultima modifica di Daenerys_Martin oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale



Vai a pagina 1, 2  Successivo