Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 15
    Galeoni: 584724
       
       



    Role Aperta da Katherine_Marshall


  • Katherine_Marshall

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 324
       
       

    * La giornata di Katherine Marshall era stata alquanto fuori dal comune. Prima di tutto, si era svegliata al mattino e non aveva trovato in casa nessuno dei due genitori; di solito, quando dovevano uscire presto, l'avvisavano, lasciando sul suo comodino un post-it. Del post-it però, non c'era nessuna traccia. Era andata allora in "esplorazione", girovagando per tutta casa: aveva notato che i piatti erano ancora nel lavello e il letto matrimoniale dei genitori era disfatto. *

    Strano

    * Aveva pensato la quattordicenne. La mamma odiava il disordine (come tutte le madri del resto), motivo per il quale i letti non erano mai sfatti e i piatti erano sempre lavati e in ordine. Katherine aveva provato a contattarli dal telefono cellulare, ma nessuno dei due aveva risposto. La ragazza si stava preoccupando sempre di più. Cosa stava succedendo? Dove erano finiti? Per distrarsi, aveva deciso di andare a Diagon Alley, così avrebbe potuto comprare una divisa nuova, perché la sua le stava stretta. Non aveva utilizzato la Metropolvere, ma i pratici mezzi babbani, grazie ai quali in poco tempo era arrivata al Paiolo Magico di Londra. Quando era entrata nel locale, pochissime persone erano presenti, tra cui una strega che fumava una bizzarra pipa, un mago intento a leggere La Gazzetta del Profeta e il barista. Katherine aveva rivolto un cenno di saluto a quest'ultimo e si era avviata verso il retro del bar, dove con la bacchetta aveva colpito la mattonella che le avrebbe permesso di entrare a Diagon Alley. Il paesino brulicava di persone affaccendate che giravano per i vari negozietti; la mora si era diretta senza esitazioni a Madama McClan ed in mezz'ora aveva comprato la divisa da Corvonero. Essendo già le undici di mattina, la quattordicenne era tornata a casa e inaspettatamente aveva trovato i genitori seduti al tavolo da pranzo. Entrambi avevano il viso pallido e gli occhi arrossati e Katherine aveva subito capito che era successo qualcosa di grave. I suoi sospetti vennero confermati quando la madre aveva detto, la voce rotta dal pianto, che il nonno era morto nella notte. Anche lei era scoppiata in lacrime: il nonno era sempre stato importante e gli aveva voluto bene. *



    * I suoi pensieri si erano rivolti alla povera nonna, ora sola a casa ed era andata a farle visita subito dopo pranzo.
    In quel momentoo Katherine si trovava ad Hogsmeade, all'entrata del parco del villaggio. Era, se così si può dire, scappata di casa, perché l'atmosfera era diventata insopportabile; aveva preso la borsa contenente un libro, una piccola torcia e la bacchetta, si era vestita e con la Metropolvere era arrivata al paese. Inizialmente voleva andare ai Tre Manici di Scopa, ma quello non era il posto ideale per passare una sera tranquilla.
    Dopo essere entrata nel parco, si posizionò sotto un albero a gambe incrociate e prese il libro babbano "Orgoglio e Pregiudizio" dalla borsa, aprendolo sul primo capitolo.*



    * La giovane aveva portato con sé la torcia perché, seppur essendo a conoscenza del fatto che l'incanto Lumos non era rintracciabile dal Ministero, non aveva voluto correre rischi. Quindi l'accese e la tenne nella mano sinistra, mentre con la mano destra girava le pagine.*

    Speriamo solamente che nessuno di pericoloso venga qui

    * Pensò la ragazza, d'un tratto spaventata *

    In caso, posso pur sempre azzardarmi a lanciare una bella Fattura

    * E, sorridendo al pensiero, riprese la lettura *



    @Serenity_Hunter, @Daenerys_Martin, @Charlotte_Mills, @Kribja_Armstrong, @Elena_Apefrizzola, @Mirco_Mcqueen, @Emily_Banks, @Gianna_Fields, @Beatrix_Olives, @Lucy_Summers, @Tomas_Payne, @Sylvia_Turner

  • Lucy_Summers

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 206
        Lucy_Summers
    Grifondoro
       
       

    *Lucy si trovava al tavolo di casa sua in sala da pranzo mentre sua madre sistemava le ultime cose rimaste sul piano da cucina e suo padre e sua sorella erano usciti per fare un giro in bicicletta, se ne stava lì ferma a fissare il foglio bianco del suo quaderno da disegno senza idee per riempirlo con in mano la matita appuntata e la gomma, sfogliò un po' di pagine sperando di trovare qualcosa tra i disegni vecchi ma niente.
    Si alzò dalla sedia con un sonoro sbuffo e si rivolse alla madre intenta a cantare una delle sue canzoni preferite.*

    Mamma, esco vado a fare due passi ad hogsmade, sai mica dove abbiamo messo la metropolvere?

    *La madre gli indicò un vasetto sopra il davanzale della finestra, la ragazza le diede un bacio sulla guancia e la salutò, prese la metropolvere e ascoltò la madre che gli diceva sempre che doveva scandire bene le parole, parlò chiaramente e in pochi istanti si trovò nel piccolo villaggio, iniziò a camminare per le viottole osservando i negozietti intorno a lei e odorando il delizioso profumo che veniva fuori d mielandia.*

    "Devo trovare un posto per disegnare"

    *Si annotò la ragazza in testa pensando subito al parco del villaggio dove di sera c'era un atmosfera silenziosa e tranquilla, si diresse così verso l'entrata del parco, prima di entrare scrutò con gli occhi limpidi una ragazza seduta sotto un albero che leggeva un libro.
    Lucy si avvicinò cautamente cercando di non spaventare la ragazza, dopo averla messa a fuoco vide che era la sua amica Katherine , non sembrava proprio dell'umore giusto sembrava molto giù di morale e Lucy non voleva sembrare invadente ma a lei ci teneva coì si decise a chiamarla.*

    Ciao Katherine, è successo qualcosa?.

    *Sorrise alla ragazza davanti a lei con sguardo rassicurante e posò lo sguardo un attimo sul libro che stava leggendo.*

    "Orgoglio e pregiudizio"

    *Lesse il nome nella mente e tornò a guardare la ragazza.*



    Ultima modifica di Lavinia_Grent mese scorso, modificato 3 volte in totale


  • Katherine_Marshall

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 324
       
       

    Il signor Bingley era di bella presenza aristocratica; aveva un contegno garbato, maniere disinvolte e senza affettazione. Le sue sorelle erano due persone piacenti, elegantissime, all'ultima moda. Il cognato, il signor Hurst, era un distinto signore, ma il suo amico, il signor Darcy, attrasse di colpo l'attenzione di tutta la sala per il suo personale alto e slanciato, i bei lineamenti, il nobile portamento.

    * Katherine leggeva attentamente il capitolo tre, uno dei suoi preferiti in tutto il libro, perché quello era uno dei primi incontri con il signor Darcy e la famiglia Bingley, che lei tanto amava. Se avesse potuto scegliere, avrebbe sicuramente voluto un tipo di rapporto come quello tra Jane e Charles. Loro si erano innamorati fin dal primo istante e, seppur dopo varie peripezie, alla fine si erano sposati. La mora cambiò posizione delle gambe e abbassò per qualche secondo il braccio sinistro: iniziava a sentire fastidio ovunque. Riprese a leggere la pagina, quando un rumore di passi non molto lontano da lei la distrasse. Il suo cuore batteva forte: chi poteva essere a quell'ora? La Corvonero chiuse immediatamente il libro ed estrasse la bacchetta di Castagno dalla borsa accanto a lei, mentre mentalmente recitava ogni tipo di incantesimo di difesa di sua conoscenza. La figura di avvicinava molto velocemente e, alla luce della sua torcia, Katherine riuscì a scorgere dei capelli biondi. Ormai la persona misteriosa era a pochi metri da lei, e la quattordicenne la riconobbe immediatamente: Lucy. *

    Ciao Katherine, è successo qualcosa?

    * La corvetta stava cercando di trattenere l'impulso di tirarle addosso il libro. Doveva fare più attenzione, cavolo! Ancora per poco e sarebbe stata colpita da un incantesimo! Katherine abbassò la bacchetta e guardò l'amica con sguardo di rimprovero*

    Lucy! Cosa fai qui da queste parti?

    *La ragazza era sollevata ma anche innervosita allo stesso tempo. Aveva bisogno di stare sola e di leggere per distrarre la mente da ciò che era successo. Pensandoci bene però, passare del tempo insieme a Lucy non le avrebbe fatto altro che bene. Decise quindi di farle un debole sorriso e dirle*

    Comunque, sì, oggi è stata una giornata davvero pessima. Perché non ti siedi qui, accanto a me? Ti racconto ciò che è successo

    * Indicò il terreno vicino al quale solo pochi secondi prima stava leggendo. Ripose nella borsa libro, bacchetta e torcia e si sedette nuovamente. Poi, rialzò lo sguardo e fissò gli occhi verdi in quelli dell'amica, invitandola con lo sguardo a sedersi accanto a lei*





    @Lucy_Summers

  • Lucy_Summers

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 206
        Lucy_Summers
    Grifondoro
       
       

    *Lucy credette di aver spaventato la ragazza che con fare di rimprovero gli chiese cosa ci facesse lì.
    Lucy si sedette allora accanto alla ragazza per terra sotto l'albero enorme, gli rivolse uno sguardo sorridente e si levò lo zaino dalle spalle, estrasse il suo quaderno e ci mise un piccolo fiorellino blu che aveva trovato prima di arrivare da katherine, era un semplice fiorellino blu, a Lucy piacevo le cose semplici ma allo stesso tempo voleva anche essere sorpresa dalle altre persone, si era un po' strana ma a lei piaceva. Chiuse il libro e lo rimise nello zaino per poi chiuderlo con il bottoncino.*

    Allora cosa succede?

    *Guardò l'amica e si scostò un ciocca di capelli per poi fare un lieve sorriso, prese qualche sassolino ed iniziò a farci qualche montagnetta per poi distruggerla .*

    Solo se ne vuoi parlare

    *Non voleva sembrare invadente, però si preoccupava quando si trattava di un amica a lei importante, iniziò a rigirarsi il braccialetto sul polso e prese un elastico nero dallo zaino facendosi una crocchia disordinata.*



    Ultima modifica di Lucy_Summers 3 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Katherine_Marshall

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 324
       
       

    Allora cosa succede? Solo se ne vuoi parlare

    * "Solo se ne vuoi parlare" era la frase di rito di Lucy: lei era sempre disposta ad ascoltare i problemi di Katherine e la corvetta era disponibile ad ascoltare i suoi. Queste poche e semplici parole riuscivano a convincerla ogni volta ad esporre i problemi all'amica *

    Mia...mia nonna, è morta

    * Sembrava ancora così surreale e difficile da credere. Come poteva essere morta? Poteva facilmente ricordare il modo in cui la nonna la accoglieva nella sua casa abbracciandola e baciandola su entrambe le guance; in seguito, le offriva sempre del the con biscotti appena sfornati (rigorosamente al cioccolato). Sedevano insieme al tavolino in giardino o nella sala d pranzo e parlavano per ore: lei le raccontava della scuola o dei suoi amici e la nonnina ascoltava con attenzione, interrompendola di tanto in tanto ponendo domande del tutto incoerenti con il discorso. Katherine sentì gli occhi riempirsi di lacrime e una di esse le scivolò sulla guancia; lei prontamente la raccolse con il dorso della mano e guardò l'undicenne al suo fianco. *

    Sai, nessuno se l'era davvero aspettato. Sì, la nonna era anziana, ma non soffriva di alcun malore. Un infarto, hanno detto i medici

    * Fece una pausa. Respirò a fondo e ormai le lacrime ricominciarono a scendere incontrollate sul suo viso. Lei non provò nemmeno a fermarle.*

    Tra tre giorni ci saranno i funerali: ho bisogno di te, Lucy. Puoi venire? Non avrò nessuno a parte i miei genitori a confortarmi e mi sentirei meglio se ci fossi anche tu

    * La quindicenne si sentì un pochino in colpa subito dopo aver pronunciato quelle parole: come poteva chiedere all'amica un simile favore? Non aveva mai conosciuto la nonna e probabilmente si sarebbe sentita a disagio in mezzo a tutte le persone a lei sconosciute. Purtroppo, il danno era fatto e non poteva rimangiare ciò che aveva detto, quindi si limitò a rivolgerle uno sguardo colpevole e dispiaciuto, sperando comunque in una risposta affermativa.*

    @Lucy_Summers



    Ultima modifica di Katherine_Marshall 3 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Lucy_Summers

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 1
    Galeoni: 206
        Lucy_Summers
    Grifondoro
       
       

    [...] e mi sentirei meglio se ci fossi anche tu

    *Lucy sapeva benissimo come si sentiva katherine, lei non aveva nonni o nonne, erano morti quando lei era ancora piccola a parte il nonno paterno che l'ha lasciata due anni fa, ormai Katherine era in lacrime, Lucy era sicura di accettare la sua proposta per essere li ad appoggiarla anche se non conosceva nessuno.*

    verrò di sicuro!

    *Se faceva sentire meglio Katherine Lucy era pronta a fare tutto sarebbe andata al funerale della nonna di Katherine e l'avrebbe appoggiata, cercò nonostante i ricordi che le raffiorarono la mente di sorridere alla ragazza accanto a lei, .*

    Mi dispiace un sacco, ti posso capire è successo anche a me.

    *Si sistemò la crocchia ed immerse il suo sguardo negli occhi della corvonero che anche con le lacrime erano stupendi, con il braccio la avvolse in un abbraccio. Ormai il cielo si era oscurato e le stelle avevano occupato tutto lo spazio, Lucy alzò lo sguardo e rimase incantata dalla notte.*

    @Katherine_Marshall



    Ultima modifica di Lucy_Summers 2 settimane fa, modificato 3 volte in totale