• Percy_Smith

    Serpeverde Insegnante Moderatore Web

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 140
        Percy_Smith
    Serpeverde Insegnante Moderatore Web
       
       

    Era arrivato Settembre, il mese in cui cominciava la scuola. Ebbene sì, anche quell'anno scolastico era iniziato, quel mese avrebbe rappresentato la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno, stagione che piaceva molto a Percy, era la stagione dei raccolti, delle foglie a terra e dei paesaggi dai colori caldi in cui il numero di ore diurne è pari a quello delle ore notturne. Stranamente quell'anno portò gli effetti dell'autunno un po' prima, erano i primi giorni di Settembre e già le foglie incominciavano a cadere sul manto erboso e le fortunate che rimanevano ancora appese iniziavano a cambiare colore. Il docente di Volo notò tutto questo quando si recò nella sua aula prima che iniziasse la lezione che quella mattina avrebbe dovuto sostenere. L'aula era piena di foglie, arrivavano a 3-4 cm, quasi alla caviglia. Non si poteva fare lezione in quell'aula, quindi per dare una bella pulita, l'ex Serpeverde sfoderò la sua bacchetta, la punto verso un malloppo di foglie e le fece lievitare fino a raggiungere un capannone vicino l'aula di Volo. Pian piano riuscì a pulire l'aula prima dell'arrivo dei suoi studenti, era questione di minuti, già si sentivano le grida degli alunni che si avvicinavano all'aula dove si sarebbe svolta la prima lezione di Volo dell'anno scolastico 2017/18.

    *Un respiro profondo, Percy ...*

    Pensò il giovane insegnante mentre si stava sistemando i suoi capelli con la mano. La campanella suonò, era ora della lezione di Volo, gli allievi si stavano già accomodando, Percy era pronto ma stava aspettando un altro minuto per aspettare chi avrebbe portato ritardo, in modo che nessuno avrebbe interrotto la lezione. Alcune facce conosciute gli sorrisero, altri che non conoscevano né l'insegnante né l'aula si guardavano attorno. Dopo qualche secondo erano tutti arrivati, guardavano il docente di Volo, Percy poteva iniziare la sua lezione.

    "Benvenuti miei cari. Vedo molte facce nuove! Prima di iniziare, come di mia consuetudine per ogni nuovo anno, mi presento per chi durante il Banchetto di Inizio Anno non avesse fatto attenzione alla mia voce. Mi chiamo Percy Smith e sono il vostro docente di Volo. Con me imparerete a cavalcare una scopa, a divertirvi fluttuando in aria, a giocare a Quidditch e a molte altre cose che imparerete se seguirete le mie lezioni."

    Furono queste le sue prime frasi di presentazione, non voleva mostrarsi un insegnante severo ma molto gioviale e disposto ad aiutare qualunque studente volesse imparare da lui. In un attimo prese fiato e prima di ricominciare a parlare vide molti volti di giovani ragazzi, sicuramente appena smistati, rimasti a bocca aperta e questo lo rese molto contento.

    "L'anno scorso abbiamo imparato l'origine del Quidditch e delle sue palle da gioco, invece, quest'anno, parleremo dei giochi sulla scopa volante e se la nostra cara preside lo permette, potrei anche portarvi a provare questi giochi."

    I volti dei ragazzi si illuminarono di gioia, iniziarono a scambiarsi commenti tra di loro, non gli interessava molto la parte teorica, preferivano cavalcare una scopa e volare anche senza sapere che fare.

    "Quest'oggi partiamo da un gioco molto popolare tra gli irlandesi del XII secolo, l'Aingingein. Questo gioco sulla scopa, che tutt'ora è estinto, prevedeva che i giocatori prendessero a turno il Dom, cioè la cistifellea della capra, che utilizzavano come se fosse una palla e correvano attraverso delle botti infuocate disposte in fila in alto su dei pali. Vinceva chi, in minor tempo possibile e senza bruciarsi, completava il percorso.
    Era un gioco davvero rischioso, forse più del Quidditch, ma gli Irlandesi ne andavano matti, tanto da inventarsi cantate sull'Aingingein nei loro balli. Adesso non so se qualcuno di voi ha mai sentito questo nome, Fingal il Focoso. Comunque, di lui si dice che fosse un campione di questo gioco."


    Il professore fece un breve sospiro, guardò gli alunni e notò che tutti gli occhi erano incollati alla sua bocca, probabilmente quella lezione gli stava piacendo molto o forse aspettavano soltanto che il docente di Volo finisse di parlare per cavalcare qualche scopa e sfrecciare in aria.

    "Lasciamo l'Irlanda da parte e parliamo di un gioco su scopa scozzese. Se quello di prima vi sarà sembrato pericoloso, sappiate che questo non è da meno. Il Creaothceann è considerato dagli scozzesi come il gioco sulla scopa volante più pericoloso e in effetti non hanno tutti i torti.
    Questo gioco compare nella prima strofa del poema tragico gaelico dell'Undicesimo secolo che recita così. "


    Dalla mano di Percy apparve una lunga bacchetta in legno che gli servi per indicare l'immagine sulla lavagna (anch'essa appena apparsa) della prima strofa di questo poema gaelico che, recitò seguendo le parole che l'ex-Serpeverde pronunciava con la bacchetta.


    Testo in spoiler
    « Coi calderoni allacciati sul capo
    dodici eroi erano pronti a partire
    squilla già il corno, e l'aereo lì accoglie,
    ma ben dieci sono destinati a morire »


    "Ogni giocatore, come abbiamo letto, portato in testa un calderone allacciato sotto il mento e al suono del corno incominciavano a cadere fino a cento massi stregati sospesi in aria a 300 m da terra. Il compito dei giocatori di Creaothceann era quello di raccogliere il più possibile di pietre con il calderone. Questo gioco che portava tante morti, veniva considerato come una prova di virilità e coraggio di un uomo. Ebbe molto successo sopratutto nel Medioevo ma nel 1762 il gioco diventò illegale. Negli anni sessanta però, un mago di nome Magnus Macdonald, soprannominato "Testa Ammaccata" cercò, tramite una campagna, di reinserire questo gioco e fortunatamente il Ministero della Magia rifiutò la proposta. Credetemi ragazzi, la virilità e il coraggio di un uomo non si dimostrano con questi giochi in cui morivano tantissime persone."

    Disse il giovane docente di Volo concludendo quel gioco con una piccola lezione di vita. Mancava poco alla fine della lezione e Percy doveva ancora parlare di altri giochi, quindi, decise di velocizzare il tutto cercando di evitare domande inutili da parte degli alunni.

    "Chi di voi conosce altri giochi sulla scopa volante? Diteli pure."

    Tantissime mani si alzarono, erano tutti ben preparati a quell'argomento. Il professor Smith scelse cinque delle tante mani alzate e fece loro segno di parlare.

    "Il Quodpot"

    "Lo Shuntbumps"

    "Lo Stichstock"

    "Lo Swivenhodge"

    "La Gara Annuale di Scope"

    "Ottimo tutti quanti, cinque punti a Grifondoro, cinque a Corvonero, cinque a Tassorosso e dieci, per le due risposte corrette, a Serpeverde.
    Iniziamo dal Quodpot! Questo gioco americano molto somigliante al Quidditch venne inventato da Abraham Peasegood nel XVIII secolo ed è il gioco più popolare del suo paese natia. Alla nascita di questo gioco vi è legata una leggenda narrante che, durante il viaggio verso la scoperta di un nuovo continente, la Pluffa di Abraham Peasegood, da dentro il baule, entrò in contatto con la punta del suo catalizzatore e che quando la prese gli esplose in faccia. Il mago, che aveva un gran senso dell'umorismo, decise creare un nuovo gioco focalizzato sulle capacità esplosive della Pluffa, che lui chiamerà Quod."


    L'insegnante cancellò le scritte sulla lavagna, toccò con la punta della sua bacchetta la superficie nera e a un tratto comparvero due immagini, una delle quali era uno scatto di una partita famosa, che raffiguravano ciò che avrebbe detto qualche istante dopo.



    "In questo gioco vi sono undici giocatori per squadra, essi hanno il compito di far canestro, con la Quod, nel Pot, un calderone con una soluzione all'interno in modo da non far esplodere la palla. Chi riesce a far entrare la Quod nel calderone guadagna un punto, ovviamente il gioco continua, viene fatta entrare una nuova palla. C'è un però! Se il giocatore tiene in mano la Quod nel momento in cui esplode, egli dovrà abbandonare il gioco. Una partita di Quodpot termina se non vi sono più giocatori o se si raggiunge il maggior numero di punti."

    Il professor Smith concluse il Quodpot e passò allo Shuntbumps, un gioco che in passato lui odiava perché lo definiva "violento" e senza senso.

    "Lo Shuntbumps, invece, era un gioco molto violento, rozzo e come dico io senza senso il cui scopo era quello di disarcionare gli avversari dalla propria scopa e l'ultimo che rimaneva in sella vinceva. Questo gioco è nato nel Devon, una delle contee del Regno Unito ed è tutt'ora estinto tra gli adulti, difatti viene considerato come gioco per bambini.
    Ci avviamo verso la conclusione di questa lezione, mancano solo tre giochi su scopa."


    Gli studenti erano ancora attrattti dai racconti e dalle spiegazione del giovane docente di Volo, anche se, tra qualche minuto avrebbero smesso e se ne sarebbero andati per partecipare alla lezione dell'ora successiva.

    "Lo Swivenhodge è un gioco inglese simile al tennis praticato da pochissime persone, i giocatori sedevano sui manici alla rovescia e tiravano, in origine, una vescica di maiale gonfiata, oggi sostituita da una palla, avanti e indietro sopra una siepe usando la parte a spazzola dei loro manici di scopa, il primo che mancava il colpo assegnava un punto all’avversario, vinceva chi raggiungeva per primo cinquanta punti.

    Qualcuno di voi sa per quale altro gioco veniva utilizzata la vescica di un preciso animale? "


    Tra gli studenti si alzò una mano, quella di una giovane ragazzina dai capelli rossi come il fuoco. Il docente annuì e la fece parlare.

    "Casterwill, signore. Sono sicura che la vescica di Drago veniva utilizzata per lo Stichstock."

    "Bravissima, ti meriti una cioccorana e grazie a te la tua casa ha guadagnato altri cinque punti. Lo stichstock è un antico magico gioco su scopa volante tedesco. Questo gioco era organizzato in modo che ci fosse un palo a cui veniva legata una vescica di drago e un portiere con il compito di difenderla dagli attacchi degli avversari che, per vincere la partita, dovevano bucare la vescica con la parte appuntita della scopa. Il portiere poteva difendersi con la bacchetta ma non poteva allontanarsi per più di tre metri dato che era legato a una corda. Il gioco terminava quando la vescica veniva bucato. Nel 1105 questo gioco fu rappresentato in un dipinto e infine si estinse nel XIV secolo.

    Quest'oggi concluderemo la nostra lezione con un gioco che molti di voi conoscono, l'annuale Gara di Scope! E' una competizione molto famosa in tutto il mondo che si svolge in Svezia. I partecipanti volano per circa trecento miglia da Kopparberg ad Arjeplog affrontando una pericolosa riserva di Draghi, difatti, la coppa finale ha la forma di un Grugnorugoso Svedese. In questa competizione però, essendo molto pericolosa, non sempre tutti i partecipanti giungono al traguardo; alcuni di loro vi lasciano le penne, altri escono feriti da questa gara."


    L'ex-Serpeverde aveva appena, giusto in tempo, finito la sua lezione, non gli restava altro che assegnare i compiti ai suoi alunni che per tutta la durata della lezione l'avevano seguito stando attenti e facendo domande al riguardo.

    Citazione:


    COMPITI DI VOLO
    Non solo Quidditch!




    MODULO A
    1) Svolgi il seguente quiz di domande a risposta multipla. Trovi il quiz Quì (link)(15 punti)




    MODULO B (FACOLTATIVO) (valida entro il 28/09/2017 - 23:59)

    2) Indica se le seguenti domande (quindici da un punto ciascuna) sono Vere o False e motiva le tue scelte in presenza di frasi false. (15 punti)

    1) L’Aingingein nato nel XI secolo, è un gioco tutt’ora molto popolare tra gli Irlandesi.
    2) Nell’Aingingein vince chi riesce, nel minor tempo, a completare il percorso senza bruciarsi.
    3) Il Dom è la vescica di una capra.
    4) Fingal il Focoso è l’ideatore delle ballate e cantate sull’Aingingein.
    5) Il Creaothceann è un gioco molto pacifico.
    6) Il Creaothceann era come uno strumento per dimostrare la virilità e il coraggio di un uomo.
    7) I massi stregati sospesi in aria nel Creaothceann erano ad una altezza di 300 metri da terra.
    8) Magnus Macdonald era soprannominato “Testa Deformata”.
    9) Il Quodpot è un gioco del XVII secolo molto popolare in America.
    10) La Pluffa con cui Abraham Peasegood entrò in contatto esplose.
    11) La palla da gioco del Quodpot si chiama Pot.
    12) Lo Shuntbump è un gioco nato in Germania.
    13) La vescica di Drago veniva utilizzata come palla nello Shuntbump.
    14) Nel 1105 lo Stichstock venne rappresentato in un dipinto.
    15) La Gara Annuale delle Scope è una competizione che si svolge in Svezia.




    Citazione:


    INFORMAZIONI




    Data di Scadenza:
    • Nessuna (guarda Punteggio Massimo)

    Punteggio Massimo:
    • 30 punti [15+15] (entro il 28/09/2017 - 23:59)
    • 15 punti [solo QUIZ]

    Bonus: (validi entro il 28/09/2017)
    • 1/3 p. per il miglior compito (valido per lo studente e le Casate)
    • 1 p. per ogni compito con voto accettabile o superiore (valido solo per le Casate)

    Modulo Invio Compiti per Domanda Facoltativa: (entro il 28/09/2017 - 23:59)
    • GDR – Castello - Dintorni di Hogwarts - Guferia – Invia Compiti – Volo: QUI (Link)

    Contattare il docente (per info e varie):
    Ruolando in ufficio (Link) che trovate qua nell’aula (per sapere se i compiti sono stati consegnati via gufo correttamente) e (per chiarimenti sulle domande e aiuto nello scrivere le risposte) o potete inviarmi un MESSAGGIO PRIVATO (Link)


    "Mi raccomando, scrivete bene i compiti.
    Vi aspetto in tanti anche nella prossima lezione! Arrivederci."


    Disse il giovane docente di Volo mentre si apprestava a prendere il suo marsupio dalla cattedra e a rimettere la bacchetta in tasca. Poi, uscì dall'aula e si diresse verso la Sala Insegnanti per preparare gli argomenti della prossima lezione.



    Ultima modifica di Percy_Smith 4 settimane fa, modificato 5 volte in totale


  • Percy_Smith

    Serpeverde Insegnante Moderatore Web

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 7
    Galeoni: 140
        Percy_Smith
    Serpeverde Insegnante Moderatore Web
       
       

    ***