Largh
Largh


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 15
    Galeoni: 584736
       
       



    Role Aperta da Marcus_Largh


  • Marcus_Largh

    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 152
        Marcus_Largh
    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa
       
       

    *Quella mattina Marcus si era smaterializzato proprio ai confini di Hogwarts e, senza girarsi si era diretto veloce verso l'Aula Merlino.
    Insieme ad altri professori avrebbe preso parte ad un incontro pensato dalla professoressa di Difesa, ma organizzato da molti maghi e streghe adulti. Marcus, in quell'occasione, si trovava li come dipendente del Ministero della Magia.
    Il lavoro principale del Tassorosso era infatti studiare le Creature Magiche in qualità di Magizoologo.
    Il pensiero di Marcus in quella mattina era sempre diretto verso Hogsmeade, dove si trovava sua moglie.
    Gli faceva ancora strano chiamarla con quell'appellativo.
    Quando finalmente l'incontro alla quale molti studenti di Hogwarts avevano partecipato terminò, l'uomo si diresse verso il suo ufficio dove aveva lasciato temporaneamente i suoi bagagli: una valigia e una con qualche suovenir per Sylvia.
    Piano piano il professore di Cura delle Creature Magiche si avviò verso Hogsmeade.
    Aveva sempre amato quel villaggio, fin da giovane e l'idea di comprare una piccola casetta proprio li l'aveva fin da subito entusiasmato.
    L'aria era fredda, ma niente l'avrebbe fermato.
    Era quasi un mese che non vedeva la sua amata con la quale aveva scambiato sporadiche lettere via gufo. Per le settimane precedenti era rimasto in Tibet assieme ad alcuni altri Magizoologo del Ministero per poter studiare lo Yeti, ma la loro ricerca era stata vana.. Quella era una delle creature più schive di tutto il mondo magico.
    Mentre camminava, l'uomo, vide in lontananza la sua casetta... Finalmente era a casa.


    Avvicinatosi alla porta d'ingresso optò per bussare e non utilizzare la chiave che possedeva.
    Sylvia non sapeva del suo arrivo, sicuramente lo immaginava al freddo tra la neve a cercare orme di Yeti, ed invece era a pochi metri da lei.*

    Le prenderà un colpo quando aprirà la porta.

    *Pensò il Tassorosso, ridacchiando sotto i baffi.
    Gli mancava abbracciarla, le mancava la sua voce e le mancava il piccolo, o la piccola, che piano piano stava crescendo in lei. Marcus e Sylvia, che si erano sposati a metà Settembre sarebbero diventati genitori da li a qualche mese.
    L'idea lo spaventava ma allo stesso tempo lo elettrizzava.
    Dato che non aveva ricevuto risposta bussò di nuovo. La mano passò dalla porta alla barba più lunga del solito che possedeva. Nell'accampamento in Tibet non c'erano i mezzi per potersi radere. Chissà cosa avrebbe pensato la giovane donna incinta nel vederlo li, difronte a lei, e oltretutto con una barba che mai si sarebbe immaginata.*




    @Sylvia_Turner,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1911
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Era una tranquilla mattina di metà Novembre, e un bel sole splendeva sopra il villaggio di Hogsmeade, cercando di scaldare con i suoi raggi le vie del villaggio. Gli alberi stavano cambiando colore delle foglie, alcuni erano già spogli ma questo non toglieva fascino al paesaggio, almeno non per Sylvia Turner in Largh.
    La diciottenne si trovava sul divano, intenta tra il sorseggiare una tazza di tè caldo e leggere un libro sulla gravidanza. Sapeva che era ancora presto, ma voleva saperne il più possibile, per essere la migliore madre del mondo per....lei. Ormai sapeva. Nell'ultima visita era stato possibile scoprire il sesso del bambino e aveva scoperto di aspettare una femmina.
    Era avvolta in un morbido , lungo e caldo maglione blu che le faceva praticamente da vestito, e dei calzettoni invernali per girare scalza per casa senza prendere freddo. *




    *Si era svegliata presto quella mattina, aveva fatto colazione, aveva fatto qualche faccenda di casa e poi la fame era tornata prepotente e cosi si era concessa una tazza di tè ristoratore.
    Aveva poi deciso di leggere, anche se il pensiero era costantemente rivolto al suo amato e marito @Marcus_Largh, mentre una mano carezzava la pancia. A un tratto abbassò il libro sulle ginocchia, sospirò e disse parlando con la piccola che cresceva in lei.*

    Spero che il tuo papà stia bene, piccolina. MI manca tanto sai! Vorrei che fosse qui con noi , a godersi un pò di riposo e a stare con noi,a chiaccherare, ridere , scherzare.

    * Nemmeno il tempo di finire di parlare, qualcuno bussò alla porta. Sylvia assunse un espressione interrogativa. Guardò l'orologi, erano quasi le undici non aspettava nessuno. Si alzò dal divano, e si avviò alla porta, aprendola.
    Appena il legno della porta sparì dalla sua visuale, e vide chi c'era sulla soglia di casa, il suo cuore si bloccò per almeno quindici secondi per poi ripartire impazzito. Davanti a lei c'era il suo amato Marcus, come se qualcuno dal cielo avesse sentito il suo desiderio e avesse deciso di esaudirlo. Aveva un pò di barba, ma era lui, più meraviglioso che mai.
    Un sorriso enorme e pieno di gioia comparve sul volto della giovane che senza pensarci , gli saltò in braccio, a cavalcioni, stringendolo forte. Mentre era in braccio a suo marito e lo abbracciava fortissimo gli disse mentre lacrime di gioia, scendevano biricchine dagli occhi e gli riempiva il volto di baci, e la barba le solleticava il viso.*



    Amore mio!! Tesoro! Bentornato!! Marc, grazie a Dio sei a casa! Sapessi quanto mi sei mancato!

    *Non voleva lasciarlo più andare.*

  • Marcus_Largh

    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 152
        Marcus_Largh
    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa
       
       

    *Marcus non dovette aspettare molto per far si che la porta di quella casetta a Hog Road a Hogsmeade si aprì.
    Difronte a lui c'era Sylvia che era ancora più bella di come l'aveva lasciato circa un mese prima. Purtroppo l'ormai ex Tassorosso aveva scelto un lavoro che lo portava a viaggiare alla ricerca di creature magiche da studiare. Non era il massimo per un marito e per un padre.
    Quando i suoi occhi si posarono sul volto candido della giovane donna comparve sul suo viso un sorriso a trentadue due denti, felice di farle quella sorpresa inaspettata.
    Non l'aveva avvisata del suo ritorno, sperando appunto di farle una piacevole sorpresa.*

    Amore mio!! Tesoro! Bentornato!! Marc, grazie a Dio sei a casa! Sapessi quanto mi sei mancato!

    *Disse Sylvia buttandogli le braccia al collo e riempiendolo di baci.
    Anche lei gli era mancata davvero tanto, talmente tanto da scriverle lettere via gufo tutti i giorni della sua permanenza in Tibet. Il Tibet era un luogo poco ospitale, in particolare dove si trovava Marcus insieme agli altri Magizoologhi. Studiare lo Yeti non era stato assai facile.*

    Anche tu mi sei mancata tanto.

    *Stare lontano dalla propria casa e soprattutto dalla famiglia era stato davvero difficile, ma per i successivi due non aveva nessun impegno e, di conseguenza, avrebbe passato tutto il tempo possibile affianco alla moglie al piccolo maghetto, o alla piccola streghetta, che sarebbe nata da li a poco.
    L'abbraccio di Sylvia per poco non gli fece perdere l'equilibrio.
    Chissà cosa stava pensando la vicina che, come ogni giorno, pettegola sbirciava fuori dalla propria finestra alla scoperta di pettegolezzi da raccontare poi alle amiche streghe che l'avrebbero raggiunta per l'ora del the.*

    Ti ho portato qualche souvenir.

    *Disse l'uomo una volta entrato in casa, aver appoggiato la valigia che teneva in mano e porgendo a Sylvia un sacchetto con alcuni oggetti all'interno.
    Sapeva quando la donna amasse i gingilli da riporre sugli scaffali e, in quel suo viaggio, gliene aveva presi forse anche un po' troppi. Aveva preso anche un peluche per il loro bambino, un peluche che raffigurava appunto uno Yeti.


    Una volta entrato in casa però non fu solo Sylvia ad accoglierlo, ma anche il suo amico felino Celestina, gatto che tempo prima la Tassorosso, all'epoca ancora studentessa, aveva regalato a Marcus. Da allora il gatto aveva convissuto con il mago prima nei dormitori di Tassorosso, poi in quella casetta di modeste dimensioni nel villaggio di Hogsmeade.*

    @Sylvia_Turner,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1911
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Appena Sylvia abbraccio' forte il suo meraviglioso marito @Marcus_Largh il ragazzo quasi perse l'equilibrio per la forza di quell'abbraccio. Sylvia inspirò profondamente il profumo del suo amato, che rispose alla sua precedente frase, dicendole che anche lei gli era mancata.
    La diciottenne sorrise con il mento appoggiato sul collo del marito. Poi rendendosi conto che i vicini potevano star spiando, si staccò per lasciarlo entrare in casa.
    Una volta entrato nel loro nido d'amore, Marcus prese la valigia e aprendola disse *

    Ti ho portato qualche souvenir.

    * Sylvia sorrise e disse *

    Grazie amore ma non dovevi! L'unico souvenir che voglio sei tu! Sano e salvo!

    *Vide che Marc si avvicinò con un bellissimo peluche raffigurante uno yeti. Era per la loro bimba, ma lui ancora non sapeva del sesso della nascitura. Prima però voleva che si mettesse comodo. Doveva essere stanchissimo!*

    Ora voglio solo che ti rilassi qui sul divano!

    *Gli disse, togliendogli la giacca e andando a prendergli le pantofole e facendolo rilassare sul sul Ivano ! Chissà come avrebbe reagito! Sylvia sorrise dolce e disse sedendosi sul divano e guardando intenerita Marc e il peluches, con una mano sulla pancia e con la mano libera la intreccio' a una delle mani di Marc

    Sono sicura che ....alla nostra piccola piacerà tantissimo! Sarà molto viziata dal suo papà , ma soprattutto sarà fortunata ad avere un papà meraviglioso come te



    Ultima modifica di Sylvia_Turner 3 settimane fa, modificato 4 volte in totale


  • Marcus_Largh

    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 152
        Marcus_Largh
    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa
       
       

    *Marcus aveva portato, dal suo viaggio, alcuni souvenir per riempire quella piccola casetta di vita e di ricordi.
    Il souvenir che preferiva però era il peluche di pezza, raffigurante, uno yeti, per quello he sarebbe stato il loro primo figlio. Il Tassorosso aveva passato praticamente tutto il viaggio a preoccuparsi per Sylvia. Era incinta e per giunta da sola in quella casa. Certo c'erano i vicini, ma avere vicino la famiglia era sicuramente diverso. Era stato in ansia per tutto il viaggio, sperando che non capitasse nulla di grave a nessuno dei due.*

    Ora voglio solo che ti rilassi qui sul divano!

    *Disse Sylva facendolo sedere comodo sul divano difronte al camino he scoppiettava leggermente. Emanava un calduccio davvero piacevole.
    Davvero gentilissima la strega gli potò un paio di pantofole, proprio quelle che aveva sempre usato quando si trovava a casa. Sylvia tornò a sedersi al suo fianco, abbracciandolo ancora una volta e osservando il peluche, intrecciando le mani con le sue. Il suo profumo gli era mancato davvero tanto, come la sua presenza al suo fianco.*

    Sono sicura che ....alla nostra piccola piacerà tantissimo! Sarà molto viziata dal suo papà , ma soprattutto sarà fortunata ad avere un papà meraviglioso come te.

    *Marcus stava per ribattere, ma si accorse solo in quel momento cioè dopo qualche secondo, di ciò che la giovane strega aveva appena detto. Aveva parlato al femminile riferendosi al piccolo fagiolino che cresceva dentro di lei.
    L'uomo ci mise davvero tanto a rendersene conto.*

    COSA!!?!

    *Disse felicissimo e sorridendo.
    Era al settimo cielo. Da li a qualche mese sarebbe nata una piccola bambina che avrebbe portato il suo cognome. Lui e Sylvia erano i suoi genitori e l'uomo doveva ancora farci l'abitudine.
    Senza pensare ci avvicinò alla ragazza donandole un bacio e accarezzandole il ventre. Una nuova vista stava per nascere. Chissà cosa pensava Sylvia di quella scoperta. Chissà se aveva condiviso la notizia con qualcuna delle sue amiche, o con la sua famiglia.*

    Io.. Io devo ancora realizzare al cento per cento di diventare padre.. Ma piccola fagiolina non vedo l'ora di conoscerti.

    *Affermò il magizoologo in estasi per quella notizia, chiedendo poi alla sua amata come aveva reagito quando l'aveva scoperto, se c'era stato qualcuno al suo fianco, se lo aveva raccontato ai suoi genitori.. Voleva sapere tutto di quel suo mese da sola in quella casa troppo grande per una sola persona.*

    @Sylvia_Turner,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1911
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    * Sylvia aveva appena portato le pantofole e detto al suo amato @Marcus_Largh che aspettavano una bimba, una bellissima bimba. La diciottenne era davvero al settimo cielo, chissa se però Marcus avrebbe preferito un maschio. Quando il ragazzo sentì la notizia, sembrò felice come lei, perchè le sorrise in maniera assolutamente meravigliosa, era il ritratto della gioia in persona.
    Sylvia gli sorrise raggiante di rimando, e le scappò una risatina quando lui urlò.*

    COSA!!?

    * Cominciando probabilmente a metabolizzare solo in quel momento la notizia. Sylvia si stava per avvicinare a Marc,ma il marito la precedette. Si avvicinò a lei, e la baciò dolcemente, mentre una mano dell'uomo le accarezzava la pancia leggermente accennata. La diciottenne si sciolse al contatto con le labbra del marito, e tutta la stanchezza e anche un pò di tensione accumulata in quel mese, sparirono come neve sciolta al sole. Durante il bacio, lo strinse forte a se, mentre inspirava talmente forte sil suo profumo fino a farlo arrivare sotto la pelle e mentre lacrime di gioia, sia per il fatto di aspettare una bellissima bambina, sia per il fatto che lui fosse li con lei, le smossero emozioni che aveva cercato di tenere nascoste fino a quel momento, facendole venire i lacrimoni agli occhi.
    Le era mancato come l'aria, ma non voleva essere egoista, era giusto che marc viaggiasse e realizzasse il suo sogno, anche se una parte di lei non lo avrebbe lasciato più partire. Non poteva vietargli però una cosa che voleva fare con tutto il cuore, non sarebbe stato giusto. Quel lavoro, rendeva felice Marcus, e lei voleva soltanto la sua felicità *

    Io.. Io devo ancora realizzare al cento per cento di diventare padre.. Ma piccola fagiolina non vedo l'ora di conoscerti.

    * Mentre era ancora abbracciata a lui , accoccolati sul divano, Sylvia gli rispose.*

    Anche io mi devo ancora abituare sai? Sai...anche lei, non vede l'ora di conoscere il suo meraviglioso papà, s! Nonostante sia ancora una piccola fagiolina, mi ha già mandato dei piccoli segni.

    *Il ragazzo successivamente le chiese come aveva reagito alla scoperta di aspettare una bambina. *

    Ammetto che è sempre stato un desiderio che avevo quello di fare la mamma e sono felicissima che sia una bambina, ma sopratutto che tutto proceda bene. Ammetto anche...

    *Diventò rossa ma poi prese coraggio e continuò.*

    Ammetto che..mi piacerebbe avere anche un maschietto più avanti, cosi non saranno da soli e potranno giocare insieme. Ho sempre voluto due figli, una femmina e un maschio. Sei la prima persona a saperlo. Non l'ho ancora detto a nessuno, nemmeno ai miei genitori. MI sono venute a trovare Kribja e Gianna per i censimenti dei negozi, e abbiamo avuto occasione di fare due chiacchere insieme. C'è un'altra cosa che voglio dirti...

    *Riguardava il nome che avrebbe voluto dare alla loro bimba. Ci aveva pensato molto e oltre al primo nome, voleva che ne avesse anche un secondo...*

    Ho pensato a lungo a un nome per lei..Pensavo come primo nome a Emma...e come secondo nome....Christine.. Emma Yadifa Largh...

    *Sylvia osservò attentamente Marcus. Christine era il nome della sua mamma. Era il modo di Sylvia per ricordare la nonna materna di Emma. Come avrebbe reagito Marc? Sylvia gli prese una mano e la strinse delicatamente, facendo dei cerchi immaginari con il pollice sul dorso della sua mano e guardandolo attenta e intensamente con i suoi grandi occhi color nocciola.*



    Ultima modifica di Sylvia_Turner 3 settimane fa, modificato 2 volte in totale


  • Marcus_Largh

    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 152
        Marcus_Largh
    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa
       
       

    *Quella rivelazione aveva preso alla sprovvista Marcus, che era rimasto davvero felice.
    Sylvia gli aveva rivelato di aspettare una bambina, cosa che fino a quel momento non aveva ancora pensato, a dire il vero non aveva ancora pensato al sesso del bambino che stava per nascere, forse per via del lavoro che lo teneva occupato forse un po' troppo.*

    Ammetto che..mi piacerebbe avere anche un maschietto più avanti, cosi non saranno da soli e potranno giocare insieme. Ho sempre voluto due figli, una femmina e un maschio.

    *Iniziò a raccontare la ragazza.
    Marcus sorrise a quelle parole. Già un figlio per quel momento gli sembrava tanto, figurarsi due. Magari più avanti quando la piccola fagiolina che da li a qualche mese sarebbe nata fosse cresciuta. Sylvia racconto anche che aveva incontrato alcune delle sue amiche e aveva parlato con loro della gravidanza. Quello era una cosa bellissima, per una donna in stato interessante.
    Gli raccontò inoltre che, nel periodo di solitudine, aveva pensato al nome da dare alla bambina che cresceva nel suo grembo.*

    Hai fatto una bellissima scelta.

    *Affermò l'uomo. IL nome Emma era davvero molto carina, mentre il secondo nome era un ricordo alla madre di Marcus. Già si immaginava a fare da padre a quella piccola streghetta, l'immaginava sfrecciare per casa sulla sua scopa giocattolo o giocare con celestina nel salotto. La vedeva smistata a Hogwarts e tutto quello che avevano passato Marcus e Sylvia anni prima.
    C'era una vita davanti a loro e la piccola Emma ne avrebbe fatto parte.
    Solo in quel momento, dopo un caldo abbraccio tra innamorati, Marcus si rivolse a Sylvia con una notizia che l'avrebbe resa molto felice.*

    Prima di tornare a casa il Ministero mi ha informato che, per i prossimi mesi, non avrò luoghi da visitare. Rimarrò a casa per un bel po' di tempo.

    *Quando Marcus aveva letto la lettera che aveva ricevuto qualche giorno prima ne era rimasto davvero sorpreso, perché per un Magizoologo viaggiare faceva parte del lavoro, ma nei mesi precedenti l'uomo aveva accumulato talmente tanti giorni lontano da casa che se ne meritava altrettanti in patria, al fianco della propria famiglia.*


    @Sylvia_Turner,


  • Sylvia_Turner

    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 8
    Galeoni: 1911
        Sylvia_Turner
    Tassorosso Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    Sylvia aveva appena detto a @Marcus_Largh che aspettavano una bambina e sul volto del ragazzo era comparso un meraviglioso sorriso insieme a ib espressione sorpresa.
    Be, per una volta era riuscita a sorprenderlo! La sorpresa aumento' ancora di più quando la diciottenne rivelò al marito i nomi che avrebbe voluto dare alla piccola.
    Marcus sembrò davvero molto colpito dal secondo nome , ma per Sylvia era normale, era il minimo che potesse fare. Se non fosse stato per Yadifa, Marcus e lei non si sarebbero mai incontrati.
    Il ragazzo le disse*

    Hai fatto una bellissima scelta

    *Sylvia sorrise ancora più raggiante e abbraccio' fortissimo Marc*

    ti ringrazio amore mio!

    *Quando l'abbraccio terminò , Marc le disse che il ministero l'aveva avvertito che per i prossimi due mesi non avrebbe viaggiato, poteva riposarsi a casa. Quello significava che potevano dare inizio alla loro vita matrimoniale! Sylvia si avvicinò con aria furbetta e attirandolo a se dal colletto della camicia disse*

    sei fregato Largh! Non ti lascerò nemmeno per un secondo!

    * Per poi baciarlo appassionatamente , mentre una mano finiva tra i capelli bronzo del marito*