• Elena_Apefrizzola

    Corvonero Insegnante Responsabile di Casa

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 2706
       
       

    Era già arrivato Maggio e il caldo ad Hogwarts faceva da padrone. L’estate era ancora lontana, ma certamente stava già facendo sentire agli studenti e - perché no? - anche agli insegnanti un assaggio dell'imminenti vacanze.
    Elena era fiera di trovarsi ad una delle ultime lezioni dell’anno ed era più che decisa a lasciare a bocca aperta i suoi studenti. Veder crescere quei giovani maghi e streghe era la gioia più grande che avesse mai provato e, seguendoli finalmente un intero anno, aveva compreso che quello era il suo posto. Avevano affrontato il semplice quadro aritmantico, cercato nella natura il filo conduttore che poteva unire ogni cosa e analizzato anche legami più frivoli. Tutto però era un cerchio e ogni cosa prima o poi poteva ripetersi, con diversi attori ed in diverse situazioni, ma tutto si ripeteva.
    Vedendo entrare alla spicciolata gli studenti in aula l’insegnante sorrise garbatamente ad ogni volto, anche agli assonnati, che venivano colpiti duramente dai prepotenti raggi di sole che entravano dalle ampie finestre discoste. Anche quel giorno in un futuro forse se si sarebbe ripetuto. Sicuramente il consueto coro di saluti era una costante delle sue lezioni.

    ”Buongiorno professoressa!”

    Alcune cose non cambiavano mai in effetti come la gentilezza e l’educazione degli studenti di Hogwarts.
    Anche se alcuni ancora parlottavano mentre lei dava loro il benvenuto, tutti si zittirono non appena si alzò dalla cattedra e prese a parlare vagando per la stanza. Non riusciva a spiegare seduta, aveva bisogno di un contatto diretto con i suoi studenti, era per lei inevitabile. Decise per iniziare di fare un piccolo ripasso, sempre per mantenere il punto della situazione e far ricordare agli studenti quanto trattato nelle precedenti lezioni.

    ”Spero vi ricordiate dove ci eravamo lasciati nella scorsa lezione, quando abbiamo parlato di numeri maestri e numeri karmici… chi sa dirmi quali sono?"

    Una rapida e pratica Grifondoro alzò mesta la mano e lei non la fece attendere.

    "I numeri maestri sono l’11, il 22 e il 33. Mentre i karmici sono il 13, il 14, il 16 e il 19."

    "Perfetto Signorina Fields, cinque punti alla sua casata!
    Vi ricordo che questi sono solo alcuni numeri particolari che abbiamo analizzato l’ultima volta. All'inizio dell'anno abbiamo invece analizzato la sezione aurea, numero collegato all’Aritmanzia naturale, che deriva dalla serie di Fibonacci ed è anche definita come Proporzione divina."


    Compiaciuta dagli sguardi vigili e attenti degli studenti, che sembravano ricordare perfettamente i due argomenti, la docente agitò la bacchetta verso la lavagna. Il gessetto roteò senza fermarsi per diversi secondi e solo quando questo fini l’insegnante volse lo sguardo verso i suoi studenti rimasti per un attimo abbagliati dai tanti numeri apparsi su di essa.

    "So che molti vorrebbero concludere l’analisi dei numeri principali, ma penso sia opportuno focalizzarsi anche sulle eccezioni e le teorie. Esistono molti collegamenti tra i primi essenziali 9 numeri che evidenziano la ciclicità del divenire.
    Appuntate questa sequenza per favore: 1 – 2 – 4 – 8 – 7 – 5."


    Le penne graffiarono le pergamene e i numeri che Elena elencava prendevano man mano il loro posto nella lavagna. Quella era la base dell’Infinito che avrebbero studiato quel giorno.



    "Chi di voi riesce a colpo d’occhio ad individuare l’origine della Sequenza cosiddetta binaria?"

    Un Tassorosso moro alzò la mano timidamente e la docente gli diede la parola.

    "Se non sbaglio i numeri raddoppiano, uno dopo l’altro"

    "E’ vero Hattori! Poi vengono sommati per riduzione teosofica!... ma com'è possibile questa precisione? E dove sono i numeri 3, 6 e 9?"

    Pronunciò infine la blu-bronzo Boleyn, arrivando a concludere il filo logico abbozzato dal compagno.

    "Esatto, 5 punti a Tassorosso e a Corvonero per la deduzione!
    Come la sezione aurea descriveva l’andamento insondabile di una struttura naturale complessa ma ciclica, che l’aritmante ha il compito d’indagare per prevederne gli eventuali sviluppi; così questa sequenza ci pone di fronte una nuova interpretazione del reale.
    Saprete già che molti modelli in natura, primo fra tutti la riproduzione cellulare seguono la duplicazione, ovvero si accrescono raddoppiando ciclicamente il loro numero."


    Lasciò che gli alunni prendessero qualche appunto, riprese fiato e quindi iniziò di nuovo a parlare, continuando a spostarsi per la stanza soleggiata. Sembrava che gli studenti avessero perso un po il filo della lezione, così decise di riprenderne saldamente le redini.

    "Ricordate sempre ragazzi che i numeri rappresentano il linguaggio e la legge universale. Ci sono modelli standard che si trovano naturalmente in tutto l’Universo. I modelli che abbiamo scoperto nella vita biologica, le galassie, le formazioni di stelle, l’evoluzione, e quasi tutti i sistemi naturali. Tra questi modelli fondamentali troviamo la sezione aurea ed anche la Sequenza Binaria appena illustrata, definita anche “Il progetto di Dio”.
    Il nome altisonante è stato assegnato dal contestato scienziato e Aritmante Nikola Tesla.
    Sono sistemi veramente importanti a cui la natura sembra obbedire, una sequenza che si ripete: 1, 2, 4, 8, 7, e 5, e così via…Se si parte da 1 a rovescio otterremo comunque lo stesso modello solo al contrario. Metà di 1 è 0,5 pari a 5, la cui metà è 2,5 pari a 7, e così via.
    Come potete vedere 3, 6 e 9 non sono presenti in questo schema, come Elisabeth faceva notare."


    La figura alla lavagna cambiò per rappresentare il nuovo concetto da illustrare.



    "Questi numeri mancanti per alcuni, tra cui lo stesso Tesla, rappresentano un vettore tra le dimensioni chiamato “campo di flusso”, che dovrebbe collegare l’energia che influenza gli altri sei numeri.
    Raddoppiando gli stessi 3 e 6, si ottiene uno schema in cui i due si susseguono, senza nessun riferimento al numero 9. Questo infatti è rintracciabile soltanto nel suo stesso raddoppio."


    Un colpo di bacchetta e tutto ciò che aveva detto apparve alla lavagna. L’argomento era complicato, ma i giovani presenti sembravano seguirla attentamente.



    "Se vi ricordate, analizzando il 3 dicemmo che questo era la sintesi dell’1 e del 2. Il 9 sembra elevarsi sopra gli altri numeri in natura e diventare un “simbolo d'illuminazione”, come magnifica elevazione della completezza del tre. Lo stesso Tesla era ossessionato dal 3 e dai suoi multipli.
    Ipotizziamo ora che ci siano 2 opposti, li chiamiamo luce e buio; come i poli opposti, positivo e negativo, di un magnete.
    Un lato è rappresentato dai numeri 1, 2 e 4; l’altro lato dai numeri 8, 7 e 5;
    Proprio come l’elettricità, tutto nell’universo è un flusso tra questi due opposti polari, come un pendolo oscillante. Seguendo la sequenza si ottiene un movimento che ricorda il simbolo dell’infinito, un 8 rovesciato.
    I due lati sono “regolati" dal 3 e dal 6. Il 3 governa 1, 2, e 4, mentre 6 governa 8, 7, e 5; e se si guarda da vicino il modello diventa ancora più complicato."


    Ancora gli studenti presero appunti e la bacchetta ondeggiò nelle mani di Apefrizzola che poi continuò.

    "Guardando da vicino il modello ci si rende conto che 3 più 6 è uguale a 9 e viceversa, ma anche tutti i numeri della sequenza sommati hanno come risultato per riduzione proprio il numero 9 (1 + 2 + 4 + 8 + 7 + 5= 27= 9). Tutti i numeri insieme quindi equivalgono a 9, in entrambe le direzioni. Ciò significa che 9 è l’unità di entrambi i lati. Anche i numeri maestri ridotti e sommati portano al 3,6,9.
    Tutto ciò per farvi capire come da soli tre numeri può aprirsi una nuova dimensione che sembra quasi racchiudere l’universo stesso, la sua espansione e il suo futuro."


    Soddisfatta la docente fece apparire i compiti alla lavagna, chiedendo ai suoi studenti di copiarli

    Citazione:
    COMPITI DELLA LEZIONE

    MODULO A


    QUIZ [15 punti]
    Le informazioni per il quiz le trovate tutte nella lezione.

    MODULO B

    Svolgi una ricerca su Nikola Tesla. Trova alcuni riferimenti alla sua ossessione per i multipli di 3. Cerca in natura esempi dell’utilizzo dei numeri 3, 6, 9 (ad esempio la forma esagonale delle celle nelle arnie per il numero 6). [10 punti]
    Esiste un mago oscuro che fu influenzato da un particolare numero? Come?
    Rispondi a queste domande e racconta se c’è un particolare numero che ti influenza quotidianamente. [5 punti]

    I COMPITI DOVRANNO ESSERE CONSEGNATI TRAMITE L’APPOSITO MODULO ENTRO E NON OLTRE LE ORE 23:59 DEL GIORNO 27/05/2018

    P.S. Per dubbio o domande inviate tranquillamente un MP oppure venite nel mio ufficio.


    "Bene ragazzi, spero di avervi ancora incuriosito e di aver aperto la vostra mente su nuovi orizzonti possibili nei semplici numeri dell’aritmanzia. Per qualsiasi dubbio passate pure nel mio ufficio. Buon proseguimento."

    L’ora era passata velocemente ed era veramente soddisfatta. Gli studenti sembravano lieti, nonostante la lezione pesante, per i nuovi traguardi che ora avevano d’innanzi a loro. Veloci uscirono dall'aula, diretti ad altre lezioni. Quando anche l’ultimo fu uscito Elena tirò un bel respiro di sollievo.




    Ultima modifica di Elena_Apefrizzola 5 settimane fa, modificato 1 volta in totale