Hogsmeade
Hogsmeade


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Mercy_Neveah


  • Mercy_Nevaeh

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 1
    Galeoni: 113
        Mercy_Nevaeh
    Tassorosso
       
       

    *Il vento soffiava gelido nella sera, attraversando gli abiti della natababbana e scuotendo la sua corta e bruna chioma. Addosso aveva abiti comuni... ancora non era abituata a vestirsi con la divisa della scuola, specie d'estate e di sera, dove preferiva camminare con quei vecchi stracci che la riconducevano a casa, in un posto lontano ove il suo cuore desiderava tornare ma dei cui passi, erano tenuti lontani dalle catene della realtà. Ingoiò a vuoto, stringendosi nelle spalle e portando entrambe le mani ad abbracciare il braccio gemello, quasi volesse rassicurarsi nonostante il buio e la solitudine che l'accompagnavano. Non aveva amici, la paura le aveva impedito di tirare fuori la sua personalità allegra e pacifica ma lentamente, molto lentamente, stava iniziando ad accettare la sua natura insieme alla speranza o forse, alla preoccupazione, che anche altri membri della sua famiglia potessero raggiungerla.*

    Ok, dovrebbe essere qui...

    *Un sussurro che si perse nella notte man mano che i passi conducevano Mercy verso i Tre Manici Di Scopa. Ne aveva sentito parlare spesso ma non vi si era mai recata, pensando quindi che quello era il momento giusto; Non voleva rimanere al dormitorio, non voleva perdersi tra le ombre della piccola cittadina come faceva di solito, voleva solo un po' di calore e, forse, qualcuno con cui parlare, sebbene di quest'ultima cosa non era sicura. Un lungo sospiro filtrò dalle sue labbra nel momento in cui si trovò faccia a faccia con l'ingresso. I muscoli andarono a sciogliersi dalla tensione e con un semplice gesto della mancina, aprì la porta che la condusse all'interno del locale.
    Occhiate veloci furono quelle che concedette all'ambiente, giusto per studiarlo nei suoi minimi dettagli, memorizzarlo nella sua mente insieme i volti che potè scorgere. Ignorò eventuali sguardi, limitandosi ad aggrottare la fronte e, dopo interi secondi passati nel mezzo del locale, Mercy riuscì a costringere le gambe a muoversi in avanti, in direzione di uno sgabello posto davanti al bancone*

    Scus-

    *Si interruppè, schiarendosi la voce che era risultata bassa e rauca, sintomo del periodo passato senza spiacicare parola*

    Scusate?

    *Chiosò nuovamente, alzando la mancina per accompagnare la domanda nel tentativo di attirare l'attenzione di qualcuno. Una voce, la sua, che rivelava la sua appartenenza al genere femminile che, fino a quel momento, poteva venir essere quasi messa in dubbio a causa del suo aspetto*

    @Emma_Williams


  • Leila_Clarke

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 161
        Leila_Clarke
    Serpeverde
       
       

    * Era sera inoltrata quando Leila uscì dalla scuola per fare due passi. La ragazza amava fare passeggiate notturne, anche perché amava la notte. Accompagnata dal cielo stellato e dal vento di quella serata la primina arrivò ad Hogsmeade. La Serpe si guardò intorno rimanendo affascinata da quell'ambiente, nonostante lei fosse una Purosangue e dovrebbe essere abituata a quel genere di luogo. La verità era che lei non era mai uscita molto, visto che non ha mai avuto degli amici veri. Le uniche persone che aveva frequentato erano i figli di alcune famiglie amiche della sua. Leila scosse la testa risvegliandosi da quei ricordi, e si voltò per provare a capire dove fosse finita. *

    Miseriaccia... non mi sono persa, vero?

    *La ragazza sospirò e scorse un locale poco lontano da lei.*

    Potrei andare a chiedere informazioni e magari bermi qualcosa

    * Leila scrutò la facciata del locale e notò che si chiamava "Tre Manici di Scopa" per poi entrare nel Bar. Guardò subito al bancone, volendo chiedere informazioni prima di tutto e non perdere tempo. Vide dietro al bancone una ragazza dai capelli scuri e si incamminò verso di lei*

    Ciao

    *le sorrise*

    @Emma_Williams



    Ultima modifica di Leila_Clarke 3 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Emma_Williams

    Corvonero Giornalista Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 50
        Emma_Williams
    Corvonero Giornalista Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    [Tre Manici di Scopa - Ore 20:00]


    Clienti!

    *Sbuffò Emma.
    La sera era il momento della giornata più odiata da Emma.
    Avrebbe certamente preferito sdraiarsi o sul suo letto o sul divano, a leggere un buon libro e a smangiucchiare qualcosina, oppure guardare un bel film.
    Il giorno alla quattordicenne piaceva servire i clienti e chiacchierare un po', ma la sera aveva di meglio da fare.
    L'afa che vi era dopo pranzo, era insopportabile, e per quello Emma amava stare sdraiata a non fare un bel nulla.
    Si stava sventolando con un ventaglio fatto di carta, quando un nuovo cliente le si avvicinò e le chiese una bibita che lo rinfrescasse.
    La Corvonero pensò, e gli offrì un Whisky Incandiario con alternativa una burrobirra ghiacciata.
    La prima bibita fu la scelta dell'uomo.
    Emma riempì una tazza trasparente di Whisky da un rubinetto, e la servì al cliente.
    Dopo che l'avesse pagata, Emma notò che l'uomo andò a sedersi ad un tavolo, e cominciò a bere.
    Anche io ne avrei proprio bisogno!
    Prese un bicchiere e lo riempì di acqua, proveniente da un altro rubinetto.
    Si avvicinò al frigo, e prese alcuni cubetti di ghiaccio che sistemò nel suo bicchiere.
    Dopo svariati sorsi, l'acqua finì.
    La porta del locale si spalancò, rilasciando un'ondata di venticello fresco.
    Emma ritornò alla normalità, per servire il cliente.
    A quanto pare, era una ragazzina abbastanza timida, che cercava di attirare l'attenzione della bruna dagli occhi di ghiaccio. *

    Scus... Scusate!

    Ehi, ciao! Bisogno di aiuto?

    *Le porse il menù, con un movimento veloce di mano, e le sorrise.
    Un'altra ondata gelida pervase la Corva e l' intero locale.
    Un altro cliente si avvicinò ed Emma sorrise ad entrambe le ragazze.*

    Ciao.

    *Emma rise.*

    Ciao anche a te! Che cosa ci fanno due ragazze a spasso per Hogsmeade nella sera? Menù?







    *Emma sorrise sarcastica, ricordando le sue uscite notturne, e poi si voltò.
    Un cliente si era avvicinato al secchio della spazzatura per buttare una carta.
    Emma lo scrutò meglio, e poi si scusò con le ragazze di fronte a lei, poiché doveva andare un secondino a "controllare una cosa".
    Quella era stata la scusa, forse non tanto credibile.
    Controllò che la lettera dal mittente misterioso fosse ancora là, quando la trovò fece un sospiro di sollievo, e mentre metteva la lettera nella borsa, si accorse che alcune lettere erano state cancellate.
    Delle "Ch..e .iL. S" spuntavano, come cancellate sulla lettera.
    Emma si scusò ancora una volta, e cominciò a scrivere una lettera.
    Sapeva di chi si trattava.
    Era ovviamente collegato ad un nome che lei conosceva : Chloe Hills.*

    Citazione:
    Cara Chloe, ho assolutamente bisogno di parlare con te.
    Ci troviamo alle 16:35 il 4 Agosto nel Parco del villaggio di Hogsmeade, quel giorno ti spiego tutto...
    Firmato,
    Emma Williams.


    *Inviò la lettera grazie alla sua civetta e tornò alle ragazze.*

    @Leila_Clarke @Mercy_Neveah @Chloe_Hills





    Cara @Leila_Clarke attenta cara! Se Mercy ha scritto che è sera (il che è vero, perché la Role è sata aperta alle 20:30) ti consiglio di editare il post, mia cara!




    Ultima modifica di Emma_Williams 3 settimane fa, modificato 3 volte in totale


  • Mercy_Nevaeh

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 1
    Galeoni: 113
        Mercy_Nevaeh
    Tassorosso
       
       

    *Il suo tono di voce, udibile quasi quanto un timido sospiro, riuscì a raggiungere la barista del loco; Una ragazza dalla lunga chioma bruna e profondi occhi azzurri, evidentemente di qualche anno più grande rispetto alla natababbana. MercylLa vide sorridere e per un attimo, i muscoli cercarono di rilassarsi, nascosti da quel vestiario anonimo che le fasciava il corpo*

    Oh... hem...

    *La gola iniziò a seccarsi e le mani, ansiose, andarono ad unirsi sul grembo, iniziando a giocherellare nervose tra loro. Le labbra diventarono una perfetta linea orizzontale e un lungo sospiro allargo le narici*

    Si?

    *Mugugnò indecisa, storcendo il viso in una strana smorfia che andò a posarsi, poco dopo, sul menù che le venne offerto dalla stessa straniera con cui aveva cercato di interloquire. Afferrò la lista di scelte che offriva il locale, sfogliando ogni articolo con le iridi che si muovevano mano a mano che le parole venivano divorate dalla giovane. Ingoiò a vuoto, aggrottando le sopracciglia con fare dubbioso senza, tuttavia, dare voce a quelle domande che avevano iniziato a formarsi nella sua testa. Rimase così, senza dire una sola parola per tutto l'arco del tempo durante il quale, una seconda figura della sua età, fece il suo ingresso nel locale.
    Subito non fece caso alla nuova arrivata, troppo concentrata a capire in cosa consistevano alcune delle cibarie offerte per poi, infine, decidere di non avere fame, andando per optare per quella che, a primo occhio, sembrava della semplice e nomale acqua.
    Tuttavia, al suono di una voce giovanile, il capo di mercy si alzò di scatto, come se la sua mente fosse stata risvegliata da un istinto primordiale e, velocemente, iniziò muovere la testa da un lato all'altro, incontrando, infine, la figura di Leila. La osservò per interi secondi durante i quali, la barista si congedò con una scusa che alle orecchie della tassa sembrava banale ma anche, tutto sommato, abbastanza plausibile, classificando quella momentanea uscita di scena come evento non degno di nota.
    La mora ingoiò a vuoto, forzo un sorriso e tentò di avvicinarsi verso la nuova arrivata*

    Hey! Hum... sono nuova qui... avresti consigli su cosa ordinare?

    *Chiosò, trattennendo a stento una risata, già pronta per il gioco di parole che sarebbe seguito poco dopo*

    Tranquilla, non voglio... scopazzare, sarebbe tremendo e prima che tu lo chieda, no, non sono pazza.

    *Il tocco finale aspettava solo di essere pronunciato*

    Anche se sono andata al manicomio per dirgli che avevo bisogno di entrare, ma erano le tre di notte e mi hanno chiesto se ero matta

    *Non sempre gli scherzi che imparava erano di buon gusto ma, in cuor suo, era piuttosto soddisfatta di come aveva cercato di rompere il ghiaccio con la coetanea*


    @Emma_Williams @Leila_Clarke


  • Leila_Clarke

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 161
        Leila_Clarke
    Serpeverde
       
       

    *Leila vide la mora dietro al bancone porgere quello che sembrava un menù ad una ragazza. La serpe la osservò, notando che fosse della sua età e che sembrava sentirsi... a disagio. Diede un'occhiata al suo abbigliamento.*

    Una Nata Babbana forse

    *Pensò fra sé e sé la bionda. Si concentrò poi sulla ragazza dagli occhi azzurri che si congedò con una scusa alquanto banale secondo la Serpe, ma decise di lasciare perdere e provare a fare conoscenza con l'altra cliente, che stava osservando con attenzione il menù. Leila vide la ragazza scattare sull'attenti e chiederle un consiglio su che cosa ordinare. La Serpe le sorrise avvicinandosi per dare un'occhiata ai piatti sul menù.*

    Ti consiglio le cornish pasties, sono davvero buone, però se vuoi andare più sul classico potresti prendere il Fish and Chips

    *Poi la ragazza accanto a lei parlò di nuovo*

    Tranquilla, non voglio... scopazzare, sarebbe tremendo e prima che tu lo chieda, no, non sono pazza.
    Anche se sono andata al manicomio per dirgli che avevo bisogno di entrare, ma erano le tre di notte e mi hanno chiesto se ero matta


    *La Serpe rise. Il gioco di parole le era piaciuto molto e la ragazza le sembrava simpatica.*

    Ok, questa mi è piaciuta, davvero. Non so ancora il tuo nome però, io sono Leila piacere

    *Leila le porse la mano sorridendo*


    @Emma_Williams, @Mercy_Nevaeh






    Ultima modifica di Leila_Clarke 3 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Emma_Williams

    Corvonero Giornalista Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 4
    Galeoni: 50
        Emma_Williams
    Corvonero Giornalista Membro del Consiglio di Hogsmeade Barista 3MDS
       
       

    *Emma ritornò dietro al bancone, nel posto in cui era seduta prima, e diventò un po' rossa in volto.
    La scusa era stata veramente una cosa di cui si poteva aver fatto a meno.
    Il suo rossore sulla faccia lentigginosa svanì, per lasciar ricadere un sorriso raggiante verso le ragazze davanti a lei, che ormai si stavano conoscendo e stavano scherzando fra loro.
    La Natababbana non si presentò, poiché voleva evitare di diventare un'altra volta rossa in viso, e poi non voleva interrompere la conversazione, presentandosi alle due, maleducatamente.
    Si limitò a prendere anche lei un menù, magari per consigliare qualcosa alle ragazze di fronte a lei.
    Dalla bionda aveva sentito dire che avrebbe consigliato alla sua nuova amica un Fish & chips, ed allora lì, entrò "in azione" la quattordicenne.
    Rilesse attentamente il menù, anche se sapeva a memoria tutto quello che vi era scritto, perché dare una Seconda occhiata non faceva male!*

    Ragazze, scusate se mi intrometto... Volete prendere posto ad un tavolo? E poi se volete qualcosa da mangiare, ma non sapete cosa ordinare... Io sono qui apposta! Potrei consigliarvi!

    *Fece un occhiolino alle ragazzine e poi si voltò.
    Quando una nuova voce attirò la sua attenzione.
    La sua bianca civetta delle nevi era appollaiata su un davanzale della finestra.
    Emma la prese la portò all'interno del locale; prese un tappo di una bottiglia e lo riempì di acqua presa dal rubinetto.
    Il gufo si dimenò dalle braccia di Emma, per bere l'acqua.
    La Corva accarezzò il manto piumato della civetta, e le sussurrò all'orecchio che aveva dimenticato a casa la ciotola con i biscotti gufici, e che fino a quel momento si doveva accontentare solo di bene, o almeno fin quando la bruna dagli occhi di ghiaccio e Giulia sarebbero tornate a casa.
    La civetta strusciò il suo manto piumato addosso a Emma, come per ringraziarla.
    Certe volte la civetta sembrava proprio un gatto!
    Emma era sicura che se qualcuno l'avesse vista mentre parlava con l'uccello, l'avrebbe presa per matta.
    Ma tra le due c'era un legame d'intesa, che faceva capire ad entrambe cosa voleva una e cosa voleva l'altra.
    Un legame che aveva avuto inizio molti, molti anni prima, ed aveva accompagnato la quattordicenne e la sua civetta nei momenti più bui della vita, che avevano superato insieme, sempre insieme.
    E questo legame doveva durare per l'eternità.
    La candida civetta volò via dalla finestra aperta, ed Emma sorrise alle ragazze, in attesa della risposta da parte loro.*

    @Larra_Clarke @Mercy_Nevaeh




    Ultima modifica di Emma_Williams 3 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Leila_Clarke

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 1
    Galeoni: 161
        Leila_Clarke
    Serpeverde
       
       

    *Mentre Leila aspettava una risposta dalla ragazza davanti a lei, vide la barista fare ritorno poco rossa in volto. Probabilmente si era resa conto che la scusa non era stata delle migliori. Poco dopo la vide sorridere ed avvicinarsi alle due con un menù in mano e proferì parola.*

    Ragazze, scusate se mi intrometto... Volete prendere posto ad un tavolo? E poi se volete qualcosa da mangiare, ma non sapete cosa ordinare... Io sono qui apposta! Potrei consigliarvi!


    *La Serpe la vide fare un occhiolino a lei ed alla sua compagna per poi voltarsi. In quel momento entrò nel Bar una bianca civetta accompagnata dalla mora che le diede un po' d'acqua, poi sussurrò qualcosa alla sua civetta. La bionda sorrise dolcemente...sembravano avere un bel legame, era una cosa che reputava molto dolce. Poco dopo la civetta volò via e Leila si schiarì la voce*

    Certo, per me andrebbe bene prendere posto. Io penso che prenderò le cornish pasties e da bere...

    *diede nuovamente uno sguardo al menu e la sua faccia si contorse in una smorfia concentrata*

    Una Burrobirra calda, grazie!

    @Emma_Williams, @Mercy_Nevaeh