• Marcus_Largh

    Tassorosso Insegnante

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 9
    Galeoni: 93
        Marcus_Largh
    Tassorosso Insegnante
       
       

       «Il sogno di mamma è di avere un Elfo Domestico che le stiri il bucato» disse George. «Ma ci dobbiamo accontentare di un vecchio fantasma pidocchioso che vive in soffitta e di certi gnomi che girano per il giardino. Gli elfi domestici si presentano quando si è proprietari di immensi manieri e antichi castelli, e altri posti del genere. In casa nostra stai tranquillo che non ce ne trovi neanche uno…»
    La Tana (Cap. 3 Harry Potter 2)


    “Muoviti Marcus che sei in ritardo!” Ecco cosa gli aveva detto la sua amata mogliettina qualche minuto prima.
    Tempo di raccogliere tutte le pergamene e l'uomo si avviò veloce verso la propria aula. L'aula di Marcus, professore di Hogwarts, si trovava nei dintorni del castello, a poca distanza dalle serre di Erbologia. L'aula di Cura delle creature magiche era estremamente diversa da quelle degli altri professori. L'aula del professor Largh si trovava all'aria aperta e, nei mesi freddi si dotata di un gazebo magicamente riscaldato.
    Camminando veloce l'uomo dai capelli color del rame e grandi occhi azzurri raggiunse il gazebo dove già alcuni studenti lo stavano aspettando.

    “Buongiorno a tutti quanti”

    Disse il professore sorridendo, sedendosi difronte ai presenti.
    Aspettarono ancora qualche minuto e, solo dopo, iniziarono la lezione di quel giorno.

    “Bene, direi di iniziare!
    Inizierei con il dire, ai nuovi studenti, che queste lezioni saranno diverse da quelle dei miei colleghi professori. Possono essere sia teoriche, sia pratiche.

    L'argomento di oggi sono gli Elfi Domestici.”


    Affermò l'uomo.
    Tutti conoscevano, o almeno sperava, quella piccola e docile creatura che, per il ministero era considerato un Essere.

    “Gli Elfi Domestici, per il Ministero della Magia sono catalogati come Esseri e, di conseguenza, non hanno classificazione.”

    Citazione:
    Denominazione Elfo Domestico
    Catalogazione Ministeriale Creature: Esseri
    Classificazione Ministeriale Creature: NN



    Il professore di Cura distribuì le pergamene che, fino a quel momento, aveva tenuto con sé. In quei fogli ingialliti era presente il riassunto di quel giorno. Allegata c'era anche una illustrazione davvero molto carina.

    “Cosa sapete sugli Elfi Domestici?”

    Domandò il mago ex Tassorosso.
    Alcune mani si alzarono educatamente e, uno alla volta ebbero il permesso di parlare difronte alla classe.

    ”Sono creature dedite ai lavori domestici ed, inoltre, possono indossare solo indumenti arrangiati da loro. Non devono essere cose fatte con lo scopo di essere indossati, se no vengono considerati Elfi Domestici liberi”

    Esattamente signorina Bologna. Cinque punti alla sua casata.
    Si deve trattare, ad esempio, di federe di cuscino, tovagliette da tè, strofinacci etc. Se ricevono in dono un autentico capo di abbigliamento, il loro status di dipendenza dal loro padrone decade ma, finché non ricevono in dono un vero indumento, sono obbligati a eseguire gli ordini del padrone.”


    ”E se disubbidiscono ai loro ordini?”

    Domandò una piccola studentessa dalla divisa dei colori giallo e nero, proprio come la ex divisa di Marcus.
    Probabilmente si trattava di una studentessa Nata-Babbana, visto che non conosceva quella creatura così diffusa nel mondo magico.

    “Purtroppo se disobbediscono al padrone, si devono aut-opunire stirandosi le dita, sbattendo la testa contro qualcosa, e in vari altri modi poco “simpatici”.

    Ma torniamo a noi.
    Gli Elfi Domestici cono catalogati come Esseri per la loro capacità di pensare e di parlare.
    Non tutti di voi la sapranno ma, dovete sapere, che possono fare magie senza l'auto di bacchette magiche o simili[. La loro magia è innata, proprio come la capacità di materializzarsi, anche in luoghi in cui i maghi e le streghe non riescono a raggiungere. “


    “Possono smaterializzarsi anche a Hogwarts?”

    Era proprio così, si potevano smaterializzare e materializzare anche all'interno di Hogwarts, quello faceva pensare che forse la loro magia era più potente di quanto si pensava. Nonostante le loro capacità venivano considerati dai maghi alla stregua di bestiole, anche se non tutti i maghi maltrattavano i propri Elfi Domestici, in alcune famiglie essi erano mantenuti e vezzeggiati come amati animaletti da compagnia.
    Inoltre, la maggior parte degli elfi domestici viveva come un affronto o, comunque, una circostanza disonorevole l'essere liberati dal proprio padrone. Le eccezioni conosciute erano davvero poche.

    “Anche al castello esistono numerosi Elfi Domestici.
    E sono davvero tanti, tutti assunti dalla scuola di magia. Come uniforme indossano, tutti quanti, delle tovagliette da the. Vivono nelle cucine di Hogwarts e svolgono diverse mansioni: preparano banchetti e pietanze, puliscono le camere, i dormitori e, presumibilmente, di altre aree del castello.
    Dobbiamo ringraziarli per i loro sforzi.”



    Svolgevano davvero tanti compiti all''interno di quell'immenso castello, ma non tutti ricordavano che anche loro, durante la Battaglia di Hogwarts nel 1998, combatterono contro i Mangiamorte, difendendo eroicamente il Castello con coltelli da cucina e utensili vari che usarono per pugnalare alle caviglie gli attaccanti.

    Citazione:

    Gli elfi domestici di Hogwarts sciamarono nella Sala d'Ingresso, urlando e brandendo trincianti e mannaie; al loro comando, col medaglione di Regulus Black che gli ballonzolava sul petto, c'era Kreacher, la voce da rana chiara e sonora anche sopra quel baccano. «Lottate! Lottate! Combattete per il mio padrone, difensore degli elfi domestici! Combattete il Signore Oscuro, nel nome del prode Regulus! Lottate!»
    HP DdM 36



    ”Ora passiamo agli Elfi Domestici che abbiamo conosciuto grazie alla biografia di Harry Potter.
    Sapete dirmi i loro noi?”


    ”Sono Dobby, Winky e Kreacher.”

    “Ti sei dimenticato Hokey!”

    Complimenti signor Plans e signorina Sophien, vedo che siete informati sull'argomento.
    Direi di iniziare dal primo: Dobby.



    Inizialmente Dobby era l'Elfo Domestico di casa Malfoy e, come tutti sapete, non essendo d'accordo con gli atteggiamenti dei suoi padroni decise di avvertire, a suo modo, il giovane Potter.
    Fu solo alla fine del secondo anno del giovane Harry Potter che il maghetto, con l'inganno, liberò l'Elfo dalla famiglia che serviva. Da quel giorno, anche se Dobby divenne uno degli Elfi Domestici di Hogwarts, ebbe un legame davvero stretto e speciale con il suo “salvatore”. Il loro legame era talmente forte che il giovane Elfo Domestico arrivò a dare la vita per salvare Harry Potter.
    Amica di Dobby era Winky."



    Winky dedicò al suo padrone, Barty Crouch Sr. e la sua famiglia, tutta la sua vita un dovere che le fu tramandato da sua madre e la nonna, entrambe Elfi Domestici della famiglia Crouch. Si prese cura anche di Barty Crouch Jr. che fu fatto uscire di nascosto dalla prigione di Azkaban.

    ”Era dovere di Winky di prendersi cura di Barty Crouch Jr., che era stato posto sotto la Maledizione Imperius, dal padre, per impedirgli di scappare. Lo fece lealmente e in segreto, per diversi anni.
    Come ricompensa per il buon comportamento nei confronti di suo figlio, Crouch Sr. riservò un posto al Campionato del mondo di Quidditch del 1994 proprio a Winky.
    Durante la rivolta istigata dai Mangiamorte Crouch Jr. è stato in grado di combattere la maledizione Imperius e di ottenere un certo controllo su se stesso. Egli è stato in grado di trascinare Winky via con lui, verso il bosco, ed evocare il Marchio Nero nel cielo durante l'attacco.
    Evento che tutti conosciamo.

    Fu però proprio in tale occasione che Winky fu ritrovata con in mano a bacchetta che Crouch Jr. aveva usato per lanciare la maledizione. Fu in questa occasione che l'Elfo venne liberato e che poi andò a servire Hogwarts.”


    L'uomo fece una pausa per lasciare tempo agli studenti interessati e presenti di prendere appunti. Quelle nozioni si potevano trovare in numerosi libri, libri che l'uomo consigliò la lettura agli alunni.
    Solo successivamente domandò agli studenti cosa sapessero su Kreacher.


    Fu una studentessa dai capelli azzurri appartenente alla casa di Tassorosso a prendere la parola.

    "Kreacher era un Elfo Domestico appartenente alla famiglia Black.
    So che, quando venne cacciato dalla suo padrone (Sirius Black) andò a rifugiarsi dalla cucina, Narcissa Malfoy madre di Draco Malfoy, cui credeva di dovere maggior lealtà rispetto al suo padrone che definiva spesso "traditore del sangue", amico dei mezzosangue". Quando nel maggio del 1996 viene interpellato da Harry Potter per sapere dove si trovasse Sirius, l''elfo domestico mente, dicendogli che è nell'Ufficio Misteri, quando invece è al piano superiore a curare una ferita di Fierobecco provocata da lui stesso. In questo modo agevola i piani di Voldemort, il quale voleva attrarre il giovane Grifondoro proprio in quell'ala del Ministero della Magia al fine di ritirare una profezia che lo riguardava."


    ”Davvero complimenti signorina Saphhirblue, 5 punti a Tassorosso.
    Fu proprio in questa occasione che Sirius Black morì, purtroppo. Alla morte di Sirius, Kreacher viene lasciato in eredità Harry Potter, il quale gli ordina di lavorare nelle cucine di Hogwarts insieme agli altri elfi domestici.

    La figura di Kreacher è anche legata al Medaglione di Serpeverde, parte della storia che non tratteremo.. Sono sicuro che l'avete già studiata con altri miei colleghi.
    Parliamo infine di Hokey e poi, lo prometto, vi lasco tornare nelle vostre sale comuni.



    Hokey era l'elfo domestico di Hepzibah Smith, accusato, ingiustamente di aver avvelenato la sua padrona mettendo nella sua cioccolata calda un potente veleno al posto dello zucchero.
    Il Ministero della Magia archiviò il caso come un incidente, dovuto all'età avanzata dell'elfa ma in realtà era stato Tom Riddle ad avvelenare la signora Smith. Il mago oscuro aveva modificato con incantesimo la memoria dell'Elfa Domestica da farla sembrare colpevole. Pochi giorni dopo la morte della sua amata padrona, l'infelice creatura si spense per la disperazione.

    Bene, direi che è tutto.
    Prima di andare questi sono i compiti di oggi, mi raccomando ricordate che non dovete copiare dal libro.


    Citazione:
    MODULO A (max 15 punti)
    Svolgi il seguente QUIZ

    MODULO B - scegli solo una delle due opzioni - (max 15 punti)
    1) Fai una ricerca generale sugli Elfi Domestici
    2) Spiega, in modo approfondito, il perchè gli Elfi Domestici sono considerati Esseri e non Creature
    3) A lezione non è stato affrontato l'argomento CREPA. Narra, in GDR, la tua prima partecipazione a questo comitato, in particolare la riunione tenuta a Hogwarts dai vari studenti.


    Gli elaborati dovranno essere consegnati entro e non oltre le 23.59 del 25 Ottobre 2018 nell'apposito MODULO o, in mancanza di esso, via MP
    In caso di dubbi, difficoltà o qualsiasi tipo di richiesta, non esitate a raggiungermi nel mio Ufficio o a inviarmi un GUFO


    Una volta che tutti presero i loro compiti e li riposero nella borsa, si diressero fuori dalla tenda, diretti al Castello.
    Era stata una splendida lezione, continuò a pensare il professore assorto nei suoi pensieri. Sistemò le varie cose lasciate in disordine e poi, solo dopo, si avviò verso il suo ufficio e dopo verso casa sua a Hogsmeade dove un assordante silenzio lo attendeva.



    Ultima modifica di Marcus_Largh 3 settimane fa, modificato 2 volte in totale