• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Gianna_Fields


  • Gianna_Fields

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 1978
        Gianna_Fields
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    [VISITA UFFICIALE DI UN CONSIGLIERE DI HOGSMEADE]


    *Una bella quanto rara giornata di sole si presentava sulla scuola di magia e stregoneria di Hogwarts. Ormai erano ai primi giorni di ottobre e, nonostante il sole facesse ogni tanto capolino, faceva comunque freddo. L’estate era ormai finita e con lei anche le piacevoli e calde temperature, l’autunno aveva ormai fatto il suo ingresso e aveva tre mesi per preparare la natura al clima rigido e gelido dell’inverno. Gianna si strinse nella sua felpa mentre percorreva il sentiero che l’avrebbe portata ad Hogsmeade. Proprio in quel giorno, infatti, aveva deciso di iniziare a spuntare i vari negozi dalla sua lista per il censimento annuale. Quel pomeriggio sarebbe toccato al negozio di animali di Marina e Achilles. Gianna conosceva i proprietari, una meglio dell’altro a dire il vero, ma in quel momento si recava al The Small Forest in veste ufficiale e non per passare del tempo con i due proprietari. Imboccò Higth Street e, poco dopo, raggiunse finalmente il negozio.*



    *Gianna era da sempre stata affascinata da quel negozio, sembrava davvero di addentrarsi in una specie di bosco, una volta dentro ci si dimenticava quasi che in realtà era un edificio. Sorrise e spinse la porta. L’interno era proprio come lo ricordava: una fitta vegetazione si diramava sulle pareti e, alzando lo sguardo al soffitto, sembrava davvero di essere in una foresta. E per concludere in bellezza, molti animaletti di tutti i tipi correvano qua e là liberi, in modo tale da essere osservati e anche toccati! Una bellissima e piccola volpe attirò l’attenzione della giovane ragazza che si accoccolò e allungò una mano per accarezzarla. Inaspettatamente la piccola, senza alcuna paura, si avvicinò e strofinò la testa contro il palmo della sua mano. Sul viso di Gianna comparve un sorriso a trentadue denti, qual piccolo esemplare doveva essere suo! Un rumore la riportò alla realtà e le fece ricordare il motivo per il quale si trovava li. Osservò la volpe e, dandole un’ultima carezza sussurrò:*

    Presto sarai mia.

    *Concluse sorridendo. Poi si avvicinò a un tavolino e, schiarendosi la voce disse:*

    Marina, Achilles? C’è nessuno?

    *Chiese alzando la voce e appoggiandosi con una mano sul tavolino in attesa che uno dei due proprietari la ricevesse.*

    @Marina_Lightwood, @Achilles_Davids,


  • Marina_Lightwood

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 7
    Galeoni: 1923
       
       

    *Quel giorno non sarebbe toccato a lei essere al negozio, ma Achilles non si sentiva molto bene e allora lei aveva dovuto sostituirlo. Fortuna che non c'era molto da fare, molti degli animali si preparavano al letargo e gironolavano per il magico bosco in attesa di quel momento. Ne approfittò allora per sistemare i sacchi di cibo nella dispensa catalogandoli per nome , tipologia e animale a cui era destinato. Con la magia sarebbe stato tutto molto più semplice, ma preferiv sporcarsi, sudare e affaticarsi come faceva d'estate al ristorante dei suoi. Lì non poteva usare la magia, doveva fare tutto con la semplice forza della mani. Così iniziò col primo sacco, lo caricò sulle spalle e lo porto nella dispensa; continuò fino a quando non portò tutti i sacchi nella stanza. Stava per iniziare con la catalogazione, quando lo scampanellio della porta l'avvertì che qualcuno era entrato nel locale. Aggiustò i capelli, si pulì il grembiule e si avviò verso l'entrata.*

    Marina, Achilles? C’è nessuno?

    *Quella voce era inconfondibile, persino lo scandire le lettere del suo nome le era familiare. Una figura alta e bruna stava in piedi, appoggiata al tavolino all'ingresso.*

    Ehilà sindaco, quale onore averla qui in negozio.

    *Strizzò l'occhio alla sua ragazza e, con un cenno della mano, la invitò a sedersi. Un colpo di bacchetta e, magicamente, un vassoio fluttuò per la stanza poggiandosi sul tavolo.*

    Una tazza di tè?


    @Gianna_Fields


  • Gianna_Fields

    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 9
    Galeoni: 1978
        Gianna_Fields
    Grifondoro Sindaco di Hogsmeade Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    *Appoggiata al bancone del negozio, aspettava ansiosa l’arrivo di uno dei proprietari anche se, in cuor suo, sapeva perfettamente chi avrebbe preferito vedere. Ma in ogni caso l’importate in quel momento era svolgere il suo compito e cioè verificare la licenza del locale per assicurarsi che fosse ancora in “affari”. Ad un tratto sentì dei passi avvicinarsi e un sorriso le comparve sul volto, sapeva a chi appartenevano.*

    Ehilà sindaco, quale onore averla qui in negozio.

    *Gianna sorrise scuotendo la testa di fronte alle parole della ragazza. Aveva addosso un grembiule e dai capelli, la giovane capì che doveva esserseli aggiustati alla meno peggio per ricevere quello che pensava fosse un cliente. Ma anche così lei la trovava bellissima. Si mise in piedi di fronte alla ragazza e rispose:*

    Buon pomeriggio signorina Lightwood, è un piacere anche per me mi creda.

    *Rispose con un sorriso furbo sulle labbra. Marina la invitò a sedere e fece comparire un vassoio con una teiera e un paio di tazze chiedendole se volesse del tè. La Fields non gradiva particolarmente quel tipo di bevanda ma ciononostante non avrebbe rifiutato. Si sedette e iniziò a versare il liquido caldo nella sua tazza per poi fare lo stesso con quella della ragazza di fronte a lei. Ne sorseggiò un po’ storcendo il muso per il troppo calore, non capiva come facessero alcune persone ad amare così tanto quella bevanda. Poggiò la tazza e disse:*

    Grazie per il tè, lo berrò di nuovo tra un annetto. In ogni caso sono qui in veste ufficiale per il censimento annuale delle varie attività. Quindi la prego di tirar fuori la sua licenza, o mi vedrò costretta a prendere provvedimenti!

    *Disse cercando di mantenere un tono professionale ma ebbe l’impressione di fallire miseramente. Volse di nuovo lo sguardo verso quella piccola volpe che poco prima aveva catturato la sua attenzione e aveva conquistato il suo cuore e disse, avvicinandosi alla ragazza:*

    Voglio quella volpe ad ogni costo! La prenoto già da ora. È stato amore a prima vista tra me e lei o lui…non lo so di preciso. Sei avvisata!

    *Concluse riducendo gli occhi ad una linea sottile e puntandole l’indice contro come segno di avvertimento.*

    @Marina_Lightwood,