Hogwarts - Dintorni
Hogwarts - Dintorni


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Marcus_Largh


  • Marcus_Largh

    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 9
    Galeoni: 126
        Marcus_Largh
    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa
       
       

    *Marcus Largh era il professore di Cura delle Creature e, quale persona migliore di lui per comunicare con i Mraridi del lago nero?
    Anni prima aveva studiato la lingua di quelle creature, in particolar edurante il suo tirocinio come Magizoologo del Ministero, carriera che al momento aveva accantonato per stare vicino alla sua famiglia. Quel giorno, verso le quattro del pomeriggio, non si sarebbe recato dai Mardi per puro scopo accademico.. Beh anche, ma sopratutto per chiedere informazioni a quelle creature. Nelle settimane precedenti era stata notata la presenza di un Lupo Mannaro nei pressi di Hogwarts, creature che si presumeva avesse preso in ostaggio, o come spuntino, i due studenti che quella sera erano stati mandati in punizione nella foresta. Appena scoperto il fattaccio l'intera Hogwarts si era mobilitata. I professori avevano scandagliato le radure della Foresta Proibita, intero territorio dei Centauri, mentre gli studenti si erano adeguati al coprifuoco anticipato per la loro sicurezza.
    Nei giorni precedenti, come già detto, avevano creato missioni di ricognizione ma erano tornati a mani vuote, era proprio li che l'uomo aveva avuto l'idea. Perchè non domandare ai Maridi? Forse, anzi sicuramente, si sarebbe trattato di un clamoroso buco nell'acqua ma provare non costava nulla, di conseguenza quel pomeriggio Marcus ex Tassorosso si trovava sulla riva del Lago Nero.


    I Mardi che anni prima aveva studiato erano assai differenti da quelli del Lago Nero. Quelli nelle prossimità di Hogwarts erano assai diffidenti e, a dire il vero, Marcus non aveva mai interagito con loro.
    Avvicinandosi alla riva si tolse le scarpe e i calzini. L'acqua era assai fredda tanto da fargli venire i brividi. Estrasse la propria bacchetta in legno di Olmo, undici pollici e due terzi con Piuma di Augurey ed eseguì un semplice incanto che aveva appreso durante il periodo di tirocinio, puntando la punta del catalizzatore verso l'acqua. Si trattava di un incantesimo che emetteva un suono udibile solo alle creature marine.*

    Vi prego, sto morendo di freddo.

    *Sussurrò il mago adulto tra sé e sé.
    Rimanse immobile per numerosi minuti, pensando alla fine di essere giunto li per nulla.
    L'uomo estrasse di nuovo la bacchetta dalla tasca posteriore dei pantaloni, che aveva arrotolato fino alle ginocchia, e riprovò l'incantesimo eseguito minuti prima. Quella volta, per sua fortuna, qualcosa o meglio qualcuno emerse dalle profonde acque dello scuro lago.


    La creatura che era emersa, mostrando solo il volto, era uno dei Maridi del lago. Il suo volto era assai strano se osservato da vicino ma allo stesso tempo affascinante.
    La creatura emise uno strano verso.
    Quella era la lingua dei Maridi. Marcus si schiarì la voce e, cercando di ricordare la lingua che aveva appreso anni prima, cercò di iniziare una conversazione con la creatura.*

    Blurdumbantuuu, birgosiu te gulantuuu (Buona sera, scusi se l'ho disturbata)

    *A sentirlo, un ipotetica terza persona, poteva solo ipotizzare ad una precoce pazzia del docente di Cura delle Creature.
    A quelle "parole" la creatura emerse fino al busto, curiosa si sentire dopo tutti quegli anni un essere umano parlare la loro lingua sconosciuta ai più.
    In tutto quello Marcus però non si era accorto che qualcun altro, quel pomeriggio, si trovava vicino al Lago Nero proprio come lui quel giorno.*


    @Mihos_Renny, @Stellagiulia_Clarke,


  • Stellagiulia_Clarke

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 4
    Galeoni: 153
       
       

    *StellaGiulia aveva deciso di staccare un po' dal prendersi cura dei più piccoli, di prendersi una pausa da tutto quel sorridere forzatamente, preparare pasti con gli elfi, riassettare la sala grande adibita a dormitorio per avere tutti sotto controllo e preparare l'infermeria per gli eventuali feriti che si fossero potuti presentare dopo essersi avventurati nella foresta proibita.
    La figlia di Tosca aveva scelto di passere qualche ora in riva al lago nero, dopo qualche minuto capì di non essere sola. Proprio sulla riva vide io professore di cura delle creature magiche, ex concasato e marito di quella che per lei era un punto di riferimento. Nonncapiva cosa stesse facendo. Si avvicinò piano per vedere di capirci di più e lo sentì pronunciare parole in una strana lingua, se quelle si pitevano chiamare parole, in quel momento a lei sembravano solo dei versi. Dal pelo dell'acqua emerse una strana creatura. La giovane Clarke non sapeva se avvicinarsi a salutare il docente o meno. Dopo pochi attimi decise di salutare il giovane uomo.*

    Salve professore!

    *Si era avvicinata piano, non voleva spaventare la creatura.*

  • Marcus_Largh

    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 9
    Galeoni: 126
        Marcus_Largh
    Tassorosso Insegnante Responsabile di Casa
       
       

    *Marcus aveva imparato la lingua dai Maridi durante un lungo tirocinio come Magizoologo, carriera che aveva momentaneamente accantonato per dedicare tutto se stesso all'insegnamento. L'aveva appresa da una comunità indigena del pacifico.
    Persone simpatiche, molto cordiali e davvero contente di poter insegnare la lingua dei Maridi a qualcuno del vecchio continente. Da quello che gli avevano racocntato lui non era stata l'unico anche se nel corso degli anni non molti maghi europei avevano deciso di mettersi all'opera con una lingua così antica e misteriosa.
    Alle ultime parole dell'uomo la creatura difronte a lui, coprrta fino al mento dall'acqua, emerse con tutto il busto curiosa di sentire dopo tutti quegli anni un essere umano parlare la loro lingua sconosciuta ai più.
    In tutto quello Marcus però non si era accorto che qualcun altro, quel pomeriggio, si trovava vicino al Lago Nero proprio come lui quel giorno.
    Fu infatti la voce di una giovane strega ad attirare la sua attenzione e, preoccupare la maride a pochhi metri dal professore.*

    Salve professore!

    Buona sera StellaGiulia.

    *Disse quella studentessa che aveva riconosciuto come la Tassorosso StellaGiulia.
    I rapporti tra umani e Mardi non erano granchè e, proprio per quello, la creatura del lago emise un urlo acuto tornando sott'acqua.*

    No aspetta! Ehm.. *Si schiarì la voce.* Ben enusicuu lu marvuu! Su lel berdumbachu e le univercuuu.

    *Cosa aveva detto? Semplice: che non voleva farle de male e che, lui era solo un professore del castello mentre la ragazza alle sua spalle una studentessa.
    Non sapeva se quelle parole avrebbero aiutato nella fiducia della creatura nei suoi confronti, ma era sempre meglio provare. L'uomo dai capelli color del rame rimase, con i pantaloni alzati fino alle ginocchia, li ad aspettare.
    La creatura riemerse ma, quella volta, non era sola assieme a lei c'era un esemplare maschio di maride. Non era frequente incontrarli.*

    Stella, avvicinati pure ma fai piano... E non estrarre la bacchetta.
    Questi sono due magnifici esemplari di Maridi.


    *Affermò l'uomo rivolgendosi alla studentessa alle sue spalle ma, per correttezza verso le creature difronte a sé, senza distogliere lo sguardo dai Maridi.
    Fece un piccolo inchino in segno di rispetto.
    Non voleva che le creature se ne andassero per poi lasciarlo li senza risposte.*

    @Stellagiulia_Clarke, @Mihos_Renny,