Hogwarts - 2° Piano
Hogwarts - 2° Piano


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Charlotte_Mills




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 257298
       
       

    [VENERDI' 18 GENNAIO – ore 9.30]

    *La fredda aria invernale le scompigliava i capelli corti bruni, costringendola inoltre ad avvolgersi bene nel suo mantello color della pece. Charlotte Mills, Preside di Hogwarts da oramai un anno e mezzo, camminava per le vie di Hogsmeade verso la scuola di magia e stregoneria che dirigeva.
    Dal negozio di bacchette, che gestiva assieme ad una ex Tassorosso, doveva recarsi velocemente verso l'aula di Arti Oscure a Hogwarts.
    Era ancora presto, ma la Sala Grande era già gremita di studenti che si rimpinzavano di leccornie dolci o salate per la colazione. Intravide i vari studenti dalla porta della sala che era rimasta aperta. Senza soffermarsi troppo si diresse verso i Sotterranei. Era li che si trovava l'aula di Arti Oscure, materia che l'ex Serpeverde insegnava da troppo tempo ormai.
    Molti maghi, o streghe, la prendevano per una sconsiderata: essere Preside era un grandissimo impegno.. come faceva a conciliare anche l'insegnamento? Anche lei se lo chiedeva spesso. L'idea di dedicarsi esclusivamente alla carica di preside l'aveva persuasa numerose volte, ma ogni giorno ricordava a se stessa la sensazione che provava ogni volta che si trovava nella sua aula assieme ai vari studenti.
    La sua materia era forse una delle più complesse presenti all'interno di quella scuola ma, nonostante quello, la sua “carriera” di insegnante non era ancora terminata.
    Prendeva pensava a quello che l'aspettava quella mattina arrivò, velocemente, nell'aula che aveva lasciato in ordine qualche giorno prima.


    Niente era cambiato da quando lei utilizzava quella stanza per insegnare.. forse le uniche cose che erano cambiate erano le disposizioni degli oggetti chiusi nelle credenze a vista.
    Lo sguardo di Charlotte si posò sul piccolo orologio da taschino che indossava quasi sempre. Non erano ancora scoccate le nove e mezza, orario di inizio dell'esercitazione di quella mattina. Aveva ancora tempo per sistemare le scartoffie di quella nuova esercitazione per un nuovo anno.
    Fu solo il cigolio della porta che, dopo svariati minuti, attirò la sua attenzione.
    I primi studenti erano entrati nell'aula sorridenti.*

    Buongiorno.
    Prego, prendete pure posto dove volete, inizieremo l'esercitazione tra poco.



    *Affermò la donna che, come quasi tutti i giorni dell'anno, indossava quello che era un semplice tailleur giacca e pantalone. Per il passato Natale però aveva deciso di regalarsi, da sola, qualcosa di un colore che non fosse presente nel suo guardaroba, di conseguenza aveva acquistato una giacca blu elettrico.
    La professoressa rimase, in piedi, dietro alla grande cattedra di legno e dividere fogli di pergamena.
    L'argomento di quel giorno era la continuazione delle sue precedenti lezioni. Quel giorno avrebbero analizzato le varie classificazioni del Satanismo.
    Lo sguardo della donna ricadde per un ultima volta sui vari studenti. Avrebbe atteso che tutti i banchi, o quasi, fossero occupati e solo dopo l'esercitazione sarebbe iniziata.*




    OFF GDR
    benvenuti ad una nuova esercitazione scolastica!
    Tutti quanti gli studenti, e anche gli adulti, sono i benvenuti. Potete postare fin da subito.
    Per il momento potete narrare e descrivere il vostro arrivo nell'aula e, nel caso, scambiare qualche chiacchiera con gli studenti già presenti.

    Buon divertimento!


    @Roxanne_Plagesombre, @Miles_Halter, @Terry_Mangala, @Luke_Farach, @Alyce_Gray, @Alexis_Arden, @Emma_Herondale, @Seldszar_Duskryn, @Noemi_Lack, @Andres_Munoz, @Rhys_Silverkin, @Marshall_Gallagher, @Alice_Latorre, @Leila_Clarke, @Valerio_Mulee, @Talia_Rosewige, @Iris_Dolphin, @Loren_Grey, @Martha_Hemingway, @Dionne_Moore, @Chloe_Hills, @Sarah_Darcy, @Andrew_Oldea, @Isabelle_Lightness, @Elena_Canniel, @Celia_Lavender, @Frank_Fireboom,@Cristine_Cullen, @Keith_Connington, @Percy_Smith,@Elena_Anderson, @Lissa_Hayward, @Alberico_Percoco, @Isotta_Ferrari, @Margareth_Davies, @Fely_Crisalli, @Eirwen_Quinn, @Natuk_Denatura, @Jennyfer_Hastings, @Alessandra_Puntel, @Niki_Valdez, @Valeria_Bologna, @Valeria_Bologna, @Alice_Sophien, @Sveva_Divina, @Helena_Jonson, @Tris_Eaton, @Costanza_Styles, @Cody_Barlocco, @Donald_Holmes, @Nicol_Halliwell, @Penelope_Reed, @Valentina_Damicis, @Angy_Davis, @Leonardo_Alfieri, @Kathrine_Summers, @Jake_Tyler, @Gianna_Fields, @Kristal_Thratchet, @Jane_Casterwill, @Marina_Lightwood, @Kahina_Iaquinto, @Alyson_Chalamet, @Jeanjery_Vergne, @Colin_Densaugeo, @Jade_Hailen, @Margot_Donuter, @Dorcas_Moore, @Haytham_Price, @Serendipity_Pollux, @Oscar_Thrill, @Kara_Wolf, @Manuel_Maiuolo, @Andrea_Lewis, @Sarah_Jonson, @Aurora_Quinzel, @Salvo_Rusmor, @Emma_Williams, @Futura_Heron, @Antonia_Burns, @Simona_Blake, @Icarus_Flamvell, @Karis_Tenebris, @Maximum_Pitter, @Polaris_Mcright, @Anna_Puckle, @Chicca_London, @Serenity_Hunter, @Katrin_Hopkirk, @Sprotte_Smerald, @Gaia_Lazzari, @Lucrezia_Always, @Giacomo_Lois, @Chiara_Queen, @Mercy_Nevaeh, @Madeline_Williams, @Gulliver_Kwikspell, @Stellagiulia_Clarke, @Sara_Freak, @Kathrine_Winchester, @Samantha_Mitchell, @Opal_Saphirblue, @Fire_Demon, @Damian_Hammers, @Margherita_Uchiha, @Luisa_Welch, @Andrea_Braga, @Hope_White, @Esperanza_Fuentes, @Annalisa_Ziliani, @Debby_Seghezzi, @Valentina_Zanelli, @Amanda_Gomes, @Hattori_Uchiha, Marcus_Largh, @Mihos_Renny, @Sinfo_Arfen, @Lavinia_Grent,


  • Serenity_Hunter

    Corvonero
    AUROR

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 2098
       
       

    [SALA GRANDE - ORE 8.30]


    *Come ogni mattina la Sala Grande era gremita di studenti e professori seduti ai rispettivi tavoli, la colazione già servita nei piatti scintillanti. Serenity annusò il profumo di bacon che le parve di percepire e il suo stomaco brontolò in risposta, segno che era davvero ora di mangiare. Si era svegliata circa dieci minuti prima, ancora beatamente imbambolata dal sonno e dal tepore delle soffici coperte blu. I pallidi raggi del sole mattutino illuminavano la stanza Elisabetta I risaltandone il brillante color azzurro che primeggiava negli ambienti della Torre di Corvonero, l'indicazione più evidente che era tempo di svegliarsi. La Corvonero si era stiracchiata per bene, inspirato la brezza mattutina e aveva dato il via ad un'altra giornata nel castello di Hogwarts. Tormentandosi una ciocca di capelli castani Serenity mosse il primo passo nella Sala Grande, lieta di constatare che anche lì non facesse freddo. Detestava il clima rigido a meno che non fosse rintanata sotto molteplici coperte in modo da rimanere al caldo, soprattutto d'inverno.
    In fretta raggiunse la tavolata riservata ai Corvonero e si sedette sulla panca, osservando bene cosa ci fosse di buono quel giorno per colazione. Gli elfi domestici avevano sfoggiato al meglio le loro abilità culinarie, dato il vasto assortimento di pietanze presenti.



    Serenity non fece complimenti e caricò il suo piatto con tutto ciò che più le aggradava. Il Prefetto aveva già l'acquolina in bocca, il profumo proveniente dal pasto era invitante! Era abituata a caricare maggiormente le dosi a colazione fin da bambina per caricarsi della giusta quantità di energia necessaria per la maggior parte della giornata: una colazione povera, per lei, avrebbe significato stanchezza e sonnolenza già nelle prime ore del pomeriggio. Accompagnò quella sostanziosa colazione con una tazza di tè allungato col latte, il succo di zucca non le piaceva affatto. Serenity rabbrividì al ricordo del sapore per niente buono di quella bevanda color arancione che tanto l'aveva attirata le prime volte, quando ancora era una ragazzina di primo anno. Scacciò con disgusto quel pensiero per poi affondare la forchetta nel cibo. Si lasciò coccolare per un po' dai gustosi manicaretti, poi la sua attenzione si rivolse, come ogni mattina, allo sguardo dell'orario di quel giorno.*

    Mh, a quanto pare dovrò cominciare con Arti Oscure...

    *Sospirò, sorseggiando il suò tè. Quella materia era strana: da un certo punto di vista risultava interessante, ma ogni volta che la ragazza entrava in aula provava qualcosa di tetro in sé, meravigliata e al contempo spaventata dalle numerose argomentazioni. Il più recente poi... Serenity sapeva che i vari temi satanici a volte venivano esagerati, specilamente dalle figure clericali e credenti fino all'ossessione. Eppure molti simboli erano stati impiegati ben prima del'avvento del satanismo, come per esempio il pentacolo. In altri casi, invece, simboli che appartenevano ad altri dèi assumevano una connotazione satanica, per non dire proprio eretica, in modo da consacrare la propria religione come quella effettiva e vera. Il Tridente di Poseidone divenuto il forcone del diavolo era uno dei casi più lampanti.
    Tutti quei temi, di volta in volta, erano adeguatamente spiegati dalla professoressa Mills.
    Spesso si chiedeva come quella donna riuscisse a coinciliare ben tre mansioni insieme, mantenendo ovunque alto lo standard delle sue prestazioni. Preside, professoressa e proprietaria del negozio di bacchette Salills. Non proprio tre lavoretti semplici semplici.
    Quella donna aveva carisma e parecchio. Mantenere un figlio da sola e non rinunciare al lavoro non era per tutte.
    Prima di andare aspettò pazientemente l'arrivo del suo Hermes e le novità che portava da casa. Sicuramente una lettera da parte di sua madre era in arrivo, con assieme anche un pacco di dolci. Serenity sospettava che il suo sfogo di qualche giorno precedente, dove si lamentava di non poter più mangiare i suoi biscotti fatti in casa, non era passato inosservato: potè immaginare il volto paffuto e dolce di sua madre intenta a impastare amorevolmente per rendere contenta sua figlia.
    La Corvonero sorrise. Quanto le mancava la sua famiglia...
    Una volta aperta la missiva recapitata dal fido rapace che si diresse verso di lei in picchiata, Serenity prese dai suoi artigli l'involto profumato ed ebbe un moto di nostalgia improvviso. Tutto sommato, però, era contenta di quel regalo implicitamente richiesto da lei. Sorridente, diede alcune strisce di bacon a Hermes come ricompensa prima che la salutasse dirigendosi in Guferia.*

    Si comincia!

    *Con quel pensiero per caricarsi meglio, la giovane terminò con tutta calma l'abbondante colazione sfogliando una copia della Gazzetta del Profeta che un Corvonero abbonato le aveva prestato. Nessuna strana notizia, a parte qualche indiscrezione sulla successiva prova del Torneo Tremaghi e, ovviamente, l'avviso di rimanere vigili casomai un Lupo Mannaro fosse avvistato. Ormai i due studenti erano stati salvati e dell'essere non si era saputo più nulla. Solo gli adulti conoscevano la verità.
    Una volta controllato l'orologio, sincerandosi di essere in perfetto orario, Serenity lasciò la Sala Grande raggiungendo a passo svelto l'aula della prima lezione.*

    [AULA DI ARTI OSCURE - ORE 9.30]


    *Le uniche volte in cui scendeva così in basso, raggiungendo i Sotterranei del castello, era per seguire le lezioni di Pozioni e quelle opzionali di Arti Oscure. Un Serpeverde o un Tassorosso avrebbe trovato quell'ambiente familiare, dato che le rispettive Sale Comuni erano anch'esse laggiù. Per un membro di Corvonero come lei o un Grifondoro, era come scendere dal paradiso luminoso e arioso delle Torri all'inferno buio e umidiccio dei Sotterranei. Un cambio drastico, ma necessario per seguire la materia più amata da Serenity e l'altra che aveva scelto di aggiungere nel suo piano di studio per completezza a Difesa contro le Arti Oscure. Se voleva imparare a difendersi, doveva conoscere ciò che stava combattendo.
    Giunta sul luogo, la Corvonero si rese conto a un rapido sguardo di essere la prima studentessa presente. Nell'aula tetra, piena di candele che lanciavano oblique ombre sui muri, oggetti bizzarri chiusi in teche dall'aspetto resistente e un'enorme tela su cui erano stati dipinti arcani simboli - della cui metà la ragazza ignorava il significato - c'era un'unica figura solitaria oltre lei, vestita di un semplice quanto elegante tailleur provvisto di giacca blu elettrico. Era in quelle rare occasioni che Charlotte Mills si spogliava dei suntuosi abiti che indossava da Preside in occasioni importanti e si calava nei panni di una professoressa come tante altre, una donna in carriera con tanta voglia di insegnare.*

    Buongiorno Preside... professoressa Mills.

    *Esclamò la diciassettenne, correggendosi sull'appellativo da usare e rivolgendole un cordiale cenno del capo a mo' di saluto.
    Aveva libera scelta su dove poggiare la borsa e il materiale per l'esercitazione. In realtà spesso era così poiché quella materia non era spesso scelta dai ragazzi, quindi era abbastanza frequente vedere la classe semideserta.
    Si accomodò dunque dove le capitò a tiro, sfogliando nel frattempo il libro di testo al capitolo sul Satanismo. Le recenti lezioni si erano soffermate proprio su quell'argomento, perciò era plausibile che la professoressa avesse intenzione di proseguire partendo da lì. Quel capitolo era ricco di immagini sui numerosi simboli satanici, fra cui la Stella di Astaroth. Quest'ultima era stata presa come soggetto dalla Hunter per il compito di Arti Oscure, dove si chiedeva di darne una propria interpretazione. Prese dunque a leggerne la didascalia, in cerca di altri dettagli che fungessero da corollario all'esauriente spiegazione fornita dalla Mills.*

    @Roxanne_Plagesombre, @Miles_Halter, @Terry_Mangala, @Luke_Farach, @Alyce_Gray, @Alexis_Arden, @Emma_Herondale, @Seldszar_Duskryn, @Noemi_Lack, @Andres_Munoz, @Rhys_Silverkin, @Marshall_Gallagher, @Alice_Latorre, @Leila_Clarke, @Valerio_Mulee, @Talia_Rosewige, @Iris_Dolphin, @Loren_Grey, @Martha_Hemingway, @Dionne_Moore, @Chloe_Hills, @Sarah_Darcy, @Andrew_Oldea, @Isabelle_Lightness, @Elena_Canniel, @Celia_Lavender, @Frank_Fireboom,@Cristine_Cullen, @Keith_Connington, @Percy_Smith,@Elena_Anderson, @Lissa_Hayward, @Alberico_Percoco, @Isotta_Ferrari, @Margareth_Davies, @Fely_Crisalli, @Eirwen_Quinn, @Natuk_Denatura, @Jennyfer_Hastings, @Alessandra_Puntel, @Niki_Valdez, @Valeria_Bologna, @Valeria_Bologna, @Alice_Sophien, @Sveva_Divina, @Helena_Jonson, @Tris_Eaton, @Costanza_Styles, @Cody_Barlocco, @Donald_Holmes, @Nicol_Halliwell, @Penelope_Reed, @Valentina_Damicis, @Angy_Davis, @Leonardo_Alfieri, @Kathrine_Summers, @Jake_Tyler, @Gianna_Fields, @Kristal_Thratchet, @Jane_Casterwill, @Marina_Lightwood, @Kahina_Iaquinto, @Alyson_Chalamet, @Jeanjery_Vergne, @Colin_Densaugeo, @Jade_Hailen, @Margot_Donuter, @Dorcas_Moore, @Haytham_Price, @Serendipity_Pollux, @Oscar_Thrill, @Kara_Wolf, @Manuel_Maiuolo, @Andrea_Lewis, @Sarah_Jonson, @Aurora_Quinzel, @Salvo_Rusmor, @Emma_Williams, @Futura_Heron, @Antonia_Burns, @Simona_Blake, @Icarus_Flamvell, @Karis_Tenebris, @Maximum_Pitter, @Polaris_Mcright, @Anna_Puckle, @Chicca_London, @Katrin_Hopkirk, @Sprotte_Smerald, @Gaia_Lazzari, @Lucrezia_Always, @Giacomo_Lois, @Chiara_Queen, @Mercy_Nevaeh, @Madeline_Williams, @Gulliver_Kwikspell, @Stellagiulia_Clarke, @Sara_Freak, @Kathrine_Winchester, @Samantha_Mitchell, @Opal_Saphirblue, @Fire_Demon, @Damian_Hammers, @Margherita_Uchiha, @Luisa_Welch, @Andrea_Braga, @Hope_White, @Esperanza_Fuentes, @Annalisa_Ziliani, @Debby_Seghezzi, @Valentina_Zanelli, @Amanda_Gomes, @Hattori_Uchiha, Marcus_Largh, @Mihos_Renny, @Sinfo_Arfen, @Lavinia_Grent, @Charlotte_Mills.


  • Sprotte_Smerald

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 83
       
       

    [SALA GRANDE - ORE 8.30]

    *Quella mattina Sprotte si era svegliata prima del solito ed era rimasta sorpresa da ciò perché solitamente era un gran dormigliona. Si era vestita con calma mettendosi la sua divisa di Tassorosso e pettinandosi alla meglio la matassa di capelli ricci che si ritrovava ogni mattana. Era uscita dalla sala comune e aveva guardato verso l'aula di Arte Oscure ben sapendo che dopo aver fatto colazione sarebbe dovuta andare lì a seguire l'esercitazione di quel giorno. Non vedeva l'ora di scoprire quale argomento avrebbe trattato la lezione. Distratta come al suo solito, si era diretta verso la sala grande ed era inciampata su un gradino cadendo all'indietro. Si era rialzata imbarazzata e aveva raggiunto la sala grande zoppicando un po'. Ora si trovava seduta al tavolo dei Tassorosso, ma non mangiò molto. Quella mattina Sprotte era molto pensierosa, c'era qualcosa che le frullava per la testa, ma non capiva cosa. Ripensó alla caduta di quella mattina, ormai ci era abituata alla sua sbadataggine, ma comunque le dava fastidio inciampare sempre ovunque e combinare guai ogni ora del giorno. Sprotte si sentiva strana, nervosa e qualsiasi cosa le dava fastidio, per fortuna tra poco aveva lezione e Arti Oscure la avrebbe tenuta occupata per un po'. *

    [AULA DI ARTE OSCURE- ORE 9:40]

    *Fortunatamente l'aula di Arte Oscure si trovava nei sotterranei e avendo la sala comune lì quel piano lo conosceva piuttosto bene, perciò Sprotte riuscì ad arrivare a lezione senza perdersi. Entrò nella stanza e salutò educatamente la professoressa.*

    Buongiorno professoressa

    *Andò a sedersi sperando che entrasse anche Sarah perché per ora conosceva solo lei ed era timida quando si parlava di socializzare. Vide seduta ad un banco una ragazza che aveva già visto ad Antiche Rune e le era sembrata gentile, perciò si sedette accanto a lei e la salutò.*

    Ciao, spero che non ti dia fastidio se mi siedo qui. Mi chiamo Sprotte, tu sei?

    @Charlotte_Mills,@Serenity_Hunter


  • Chloe_Hills

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 509
        Chloe_Hills
    Serpeverde
       
       

    [SALA COMUNE - ORE 8.50]

    È tardi... È tardi. Grande Chloe, come al solito sei in ritardo

    *La sua solita divisa color Verde argento penzolava mentre l'agitata Serpeverde cercava senza fermarsi una spazzola dove pettinarsi I suoi capelli a dir poco ribelli. Dov'era? Chloe era solita tenere tutto insieme, per evitare questi disastri, ma evidentemente quella volta aveva fatto uno strappo alla regola. Quando finalmente la spazzola azzurra le capito` fra le mani, impiego` dieci minuti buoni per far diventare I suoi capelli castano chiaro lisci. Era piuttosto in ansia all'idea di partecipare alla nuova lezione di difesa contro le arti Oscure, materia che la incuriosiva e in un certo senso anche le metteva una certa paurosita`.
    Era pronta. Un sorriso gelido si dipinse sul suo viso e poi usci` dalla sua tenera Sala Comune, per dirigersi verso l'aula di Arti Oscure.*

    [AULA DI ARTI OSCURE - 9.32]

    *Non era in ritardo.. Uno strano colpo di fortuna. Arrivata davanti alla porta, si avvicino` cautamente all'aula e, giunta dentro, saluto` educatamente la professoressa Mills. *

    Buongiorno professoressa Mills.

    *Prima di sedersi, scruto` l'aula, per vedere chi era già arrivato. Individuo` subito Serenity e, vicino a lei, Sprotte, una amica che aveva conosciuto poco tempo prima. A passi cauti si avvicino` ad un posto vicino alla Tassorosso.*

    Ciao Sprotte! Posso sedermi vicino a te?

    *Il suo era quasi un sussurro, per evitare rimproveri dalla professoressa. Noto` subito che la sua migliore amica Sarah, insieme a Opal e a Natuk non erano ancora arrivate.*

    @Sprotte_Smerald, @Charlotte_Mills, @Serenity_Hunter


  • Sarah_Jonson

    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 5
    Galeoni: 262
        Sarah_Jonson
    Corvonero Membro del Consiglio di Hogsmeade
       
       

    [SALA GRANDE - ORE 8.15]

    *La giovane Corva stava facendo colazione, quella mattina non aveva molta fame e, sui suoi occhi si erano dipointe delle occhiaie ben visibili, come non c'è l'aveva da qualche giorno. Prese una cioccolata calda, per fortuna quel giorno c'era, ne aveva proprio voglia, ne bevve un sorso. La sua faccia fino a quel momento era coperta dalla mano per con mostrare le occhiaie e la tristezza che si vedeva dipinto su di lei, la ragazza timida e vivace, a cui piaceva riuscire a rendere felice gli altri*

    Accidenti! Ma quanto è calda?!

    *Pensò mentre si pulì la lingua che ormai era caldissima con un tovagliolo e poi fece lo stesso, rispettosamente, come una degna e onorata Corvonero, in quel momento assomigliava alla sorella più grande, Martha, pensando al carattere della sorella emise una piccola risata soffocata. Dopo circa dieci minuti da quando era concentrata nei suoi pensieri sorseggiò un altra volta la cioccolata che si era raffreddata un poco, però le bruciava ancora la lingua. Dopo qualche altro minuti vide arrivare nel suo stesso tavolo Serenity Hunter una concasata, le rivolse un debole sorriso, finì la sua cioccolata e uscì dalla Sala Grande, dirigendosi verso il suo dormitoio*

    [DORMITOIO CORVONERO - 8.45]

    *Quando arrivò nel suo dormitoio era sola, si distese sul suo candido letto e, stranamente chiuse gli occhi, dalla stanchezza, poiché era da molte notti che non riusciva a chiudere occhio.
    Sbattè le ciglia qualche volta prima di stiracchiarsi e sbadigliare, wow! Per una volta si era riuscita ad addormentarsi, si guardò allo specchio, le sue occhiaie erano scomparse e vedendo ciò riuscì a far sorridere di nuovo la piccola Corva. Controllo l ora erano le 9.15, si ricordò dell'esercitazione di Arti Oscure e prese lo zaino che conteneva i suoi libri e uscì chiudendo la porta del dormitoio*

    [AULA DI ARTI OSCURE - 9.43]

    *Dopo aver sceso quasi sette piani per scendete dalla Torre della casa a cui apparteneva si ritrovò a dover cercare l'aula che doveva essere nei sotterranei. In quel momento si ricordò della timida e simpatica amica Sprotte che aveva difficoltà a trovare i luoghi a Hogwarts. Vide delle sagome sfocate entrare in una stanza e capì che doveva essere li l'aula. Entrata, sulla cattedra era seduta la preside Mills, nonché la professoressa*

    Buongiorno professoressa Mills

    *Rivolse un sorriso alla professoressa e si concentrò sugli alunni presenti, si accorse che tra loro c'era Serenity Hunter, la prefetta della sua casata*

    Ciao Serenity! Come stai?

    *Chiese sorridendo all"amica" concasata.Tra gli altri presenti si accorse dell'amica Sprotte*

    Sprotte! E un piacere vederti! Posso sedermi con te?

    *Disse, sperando di essere accettata anche da Serenity. Si girò e dietro trovò Cloe che sembrava arrabbiata per non essere stata salutata*

    Ciao Chloe! Ti siedi anche vicino a me?

    @Charlotte_Mills, @Serenity_Hunter, @Sprotte_Smerald, @Chloe_Hills,



    Ultima modifica di Sarah_Jonson oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Sprotte_Smerald

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 83
       
       

    *Sprotte rimase seduta vicino alla ragazza sperando di non darle fastidio, poco dopo però arrivarono anche Chloe e Sarai, due ragazze che aveva conosciuto poco tempo prima. Aveva incontrato Chloe la prima volta ai Tre Manici di Scopa ed era stata felice di conoscerla. Le due ragazze la salutarono e le chiesero di sedersi accanto a lei. La tassetta ne era felicissima, e accosentí volentieri. Le faceva piaceree avere delle amiche.*


    Ciao Chloe! Ciao Sarah! Certo, sedetevi pure qui


    *Disse Sprotte sorridendo, Sarah le sembrava un po' strana e la bambina osservò curiosamente le occhiaie che aveva sotto gli occhi. Sembrava che la ragazza non avesse dormito molto. A Sprotte dispiaque per la sua amica e sperò che stesse bene. A guardare la ragazza a Sprotte venne in mente sua sorella perchè le due si assomigliavano e si rattristò un pó. Era da tanto che non la sentiva, ancora non le aveva detto che era una strega, ma i suoi le avevano chiesto di non dirglielo. Per Sprotte era difficile quella situazione, si sentiva sola, ma sapeva che Hogwarts era il posto giusto per lei, in quella scuola si sentiva adeguata e si sentiva accettata. Non voleva tornare ad essere quella strana e quella sbagliata rifiutando di stare ad Hogwarts per riconciliarsi con i genitori. Lei li aveva sempre giustificata, si sforzandomi sempre per cercato di capirci e accettata le loro scelta, era ora che fosse a loro a capire e accettata lei. Era stata per undici anni lei l'adulta in quella casa e adesso era ora che i genitori si comportassero da adulti e che la sorella smettesse di fare l'adolescente ribelle. Sprotte non avesse rinunciato alla Magia per loro.*

    @Chloe_Hills,@Sarah_Jonson,@Charlotte_Mills




    Ultima modifica di Sprotte_Smerald oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale


  • Marissa_White

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 275
        Marissa_White
    Tassorosso
       
       

    *Marissa quella matti a si era svegliata presto,dopo aver messo la sveglia alle 7:00, si andò a preparare, si diresse verso la Sala Grande dove avrebbe fatto colazione molto velocemente, infatti dopo aver mangiato al volo un toast, e bevuto del succo, si sirwssw subito verso la sua prima lezione della giornata.
    Arti Oscure, aveva l'adrenalina a mille e non desiderava altro che frequentare quante più lezioni possibili, imparando ogni minima particella si quello che le sarebbe stato spiegato.
    Notò confusione di ragazzi davanti ad un aula, w dopo aver chiesto più informazioni ad una ragazza davanti a sé, si accorse che quella era proprio l'aula che cercava*

    Buongiorno professoressa Mills

    *Disse accomodandosi in un banco vuoto centrale, notò la presenza di qualche ragazza conosciuta quel che giorno prima*

    Ciao Sarah, ciao Sprotte e ciao Chloe

    *disse sorridendo, erano davvero tutte molto simpatiche, lei non era tanto sfacciata su alcune cose, come ad esempio sulla conoscenza fi nuove persone, era sempre stata riservata, era sempre stata quel tipo si ragazza che non amava dare fastidio, appena conosciuta però Marissa regalava sorrisi e divertimento a tutti, era un ottima amica e le piaceva dare consigli a chi ne aveva bisogno.
    Aveva un Po d'ansia data la sua lezione, sperava in qualcosa di emozionante, qualcosa che la trasportare ancora di più in quel mondo fantastico dove si trovava.
    Quel posto che sarebbe diventato la sua casa per un bel Po.*

  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 257298
       
       

    Buongiorno Preside... professoressa Mills.

    *Disse qualcuno che, in carreggiata, decise di cambiare l'appellativo con la quale rivolgersi a lei. Un piccolo sorriso comparve sul volto della trentenne. Si trattava di Serenity Hunter, uno dei Prefetti di Corvonero.
    Alla diciassettenne si susseguirono vari studenti che, con gentilezza cordialità ed educazione, la salutarono. Tra di loro riconobbe una Serpeverde di nome Chloe, una Corvonero del terzo anno e due studentesse dalla divisa di Tassorosso che però non riconobbe.
    Nonostante non le conoscesse ricambiò il loro gentil saluto, lasciando poi tempo ai presenti di chiacchierare tra li loro.*

    ”Bene.. Direi che possiamo iniziare.”

    *Pensò tra sé e sé la donna sulla trentina. Finì di sistemare le pergamene e, solo dopo si rivolse all'intera classe. Era davvero sorpresa nel vedere così tanta partecipazione, in particolare dagli studenti che non aveva mai visto varcare la porta dell'aula.*

    Se siete d'accordo inizierei con l'esercitazione di quest'oggi.

    *Affermò Charlotte che, per quella mattina, non era la Preside di Hogwarts ma semplicemente la professoressa di Arti Oscure. Quando ebbe l'attenzione di tutti su di sé tornò a parlare difronte all'intera classe.*

    Prima vorrei precisare, a chi non ha mai preso parte ad una mia lezione od esercitazione che qui, purtroppo per voi, non parliamo di Difesa Contro le Arti oscure, ma più semplicemente delle Arti Oscure.. quella magia nota anche ai Babbani con il semplice nome di “Magia nera”.

    *Decise di precisare la ex Serpeverde. Le era capitato di avere nuovi studenti in aula solo perchè pensavano di trovarsi nell'aula della professoressa di Difesa.. e invece si erano ritrovati lei a parlare di Arti Oscure, magia nera e molte altre cose non così tanto affascinanti.*

    Detto questo, prima di iniziare il nuovo argomento direi che un piccolo riassunto delle precedenti lezioni ed esercitazioni è d'obbligo.
    Chi vuole raccontare, in pochissime parole, di cosa abbiamo parlato le ultime volte?


    *Domandò la docente curiosa.
    L'argomento di quel giorno, le classificazioni del satanismo, era un continuo di un grande e immenso argomento iniziato qualche tempo prima e, un piccolo ripasso, era molto utile in particolare per gli studenti che non si erano mai seduti ai banchi di quell'aula nei freddi e umidi sotterranei di Hogwarts.*




    OFF GDR

    L'esercitazione ha finalmente inizio! Smile
    Avete tempo fino a domani sera per provare a rispondere alla domanda della professoressa Mills, solo dopo proseguiremo con il vero argomento del giorno.

    Buon proseguimento!

    @Serenity_Hunter, @Sprotte_Smerald, @Chloe_Hills, @Sarah_Jonson, @Marissa_White,


  • Serenity_Hunter

    Corvonero
    AUROR

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 2098
       
       

    *Immersa nella lettura del capitolo, Serenity pareva aver dimenticato il luogo dove si trovava. Ogni volta che si immergeva nella lettura, era come se il corpo rimanesse seduto sulla sedia mentre l'anima volteggiava lontana da lì, verso nuovi orizzonti e nuove avventure. Un castello da conquistare? La ricerca di un oggetto perduto? Un argomento particolarmente interessante di una determinata materia? Tutti i libri le sortivano lo stesso effetto: si estraniava completamente dal mondo reale, lasciandosi coinvolgere dalle vicende o nozioni scritte su carta. Forse i libri erano gli oggetti più magici che un Babbano poteva ritrovarsi fra le mani. Ficcate in mezzo a tante parole, c'era una forza che governava tutto e creava sogni sempre diversi.
    La forza della fantasia, la più potente delle magie dal punto di vista letterario.
    Una voce però la distolse dalla sua rilassante attività. Conscia del fatto che sarebbe stata una maleducata a non prestare attenzione, la Corvonero distolse lo sguardo dalle pagine focalizzando il viso di una ragazzina dal sorriso timido.*



    Nesun fastidio, tranquilla.

    *Sorrise a sua volta Serenity, chiudendo il libro. La ragazzina, a giudicare dalla giovinezza del suo volto, poteva avere undici o massimo dodici anni. La divisa, identica per tutti i ragazzi di Hogwarts, differiva solo nei colori della Casa che cravatta e alcune decorazioni interne del bavero presentavano. Nel caso della primina, tutto era giallo e nero.
    Una Tassorosso.
    La nuova arrivata si presentò con il nome di Sprotte. Piuttosto curioso e inusuale da parte dei suoi genitori affibbiarle quel nome. Nemmeno dava l'idea di esserlo per via della sua stranezza. Serenity non mancò di farlo notare mentre si presentava a sua volta con tono gentile.*

    Serenity, piacere di conoscerti. Hai davvero un nome bizzarro, sai? Non avevo mai incontrato una ragazza che si chiamasse come te.

    *Chissà se avesse un significato particolare, magari un termine magico che la Nata Babbana ancora ignorava malgrado i suoi sette anni trascorsi fra i maghi. Dopotutto ogni nome aveva una storia legata dietro, un significato profondo. Anche il suo, Serenity, non era stato scelto a caso. Il significato era piuttosto intuibile, ma la motivazione per cui i suoi genitori l'avevano battezzata così... Beh, quella era difficile da immaginare.
    Un paio di ragazze subito dopo si avvicinarono alla Tassorosso per farle compagnia. La piccola acquisì di colpo sicurezza nel vedere facce conosciute, abbandonando la maschera di timidezza che indossava poco prima. La ragazza lo capiva bene, effettivamente anche lei a undici anni tendeva a mostrarsi sicura di sé solo quando affiancata ai suoi amici. Ora che era cresciuta non ce n'era più bisogno, ormai entrata in confidenza con le regole del castello, gli insegnanti e le materie. Eppure anche a lei avrebbe fatto piacere trovarsi a lezione con qualcuno che conosceva. Purtroppo avevano scelto un percorso di studi differente, perciò era difficile incrociarsi.*

    Buongiorno Sarah.

    *Salutò il Prefetto verso l'altra Corvonero, che forse aveva cercato il suo sguardo un'ora prima al loro tavolo. Con un sorriso gentile, Serenity invitò le ragazze a prendere posto dove più desideravano: di certo non le avrebbero causato nessun fastidio.*

    Basta solo che non chiacchieriate troppo una volta cominciata l'esercitazione. Per il resto non dovrebbero esserci problemi.

    *Ormai poteva definitivamente accantonare l'idea di riprendere in mano il tomo: c'erano troppe persone che avrebbero disturbato la dolce quiete di cui la Hunter necessitava; per di più l'esercitazione stava per cominciare. Una Tassorosso, fulminea, riuscì a prendere posto accanto alle altre poco prima che la professoressa Mills iniziasse a parlare. Tutta la stanza si zittì nel momento in cui la donna diede il benvenuto ai presenti.
    La domanda fu estremamente generale. La professoressa voleva solo un brainstorming di ciò che stavano discutendo recentemente a lezione.
    Serenity annuì. Sapeva bene quale fosse la risposta. Stavano affrontando il tema del Satanismo.



    Certe immagini che aveva visto erano raccapriccianti, ma qualcosa le diceva che si celava ben altro sotto e che la Mills ancora non avesse spiegato del tutto. In alcune lezioni, però, era riuscita già ad attenuare il timore che la ragazza provava per l'argomento, mostrandolo per ciò che davvero era, libero da tutti quei pregiudizi e dicerie babbane. Il Satanismo vero era un'altra cosa.
    La giovane Prefetto alzò la mano, prendendo parola solo dopo aver ricevuto il permesso dalla docente.*

    Beh, finora abbiamo intrapreso l'argomento del Satanismo: partendo dalle sue origini, abbiamo affrontato il culto di Satana fino all'analisi dei simboli associati. Se non sbaglio alcuni di essi non sono altro che simboli di religioni pagane "satanizzate" dai cattolici. Mi riferisco, per esempio, al Tridente di Poseidone divenuto il Forcone del Diavolo o il pentacolo simbolo del culto della Dea. Simboli di altre civiltà, di altre credenze, che di colpo hanno assunto un'accezione demoniaca per essere sminuiti dal Cattolicesimo in crescita. Per questo sono nate poi società che celano segreti, come la Massoneria che ha disseminato simboli satanici ovunque.
    Mi aveva molto interessato il fatto che fossero collegati ai vari chakra e che il termine dìo si riferiva a essi in codice. Attendo infatti di saperne di più.


    *Anche nelle lezioni di Astronomia era stato spiegato quel singolare passaggio, come a volte simboli antichi fossero ripresi nei tempi modermi. Le aureole non erano altro che i dischi solari degli Egizi, la svastica per gli Indiani era simbolo di pace e le corna per il dio della fertilità Baphomet o Amon. Nulla era originale, ma tutto copiato: nessuna cultura religiosa possedeva simboli di propria invenzione.
    La faccenda dei chakra però le giungeva del tutto nuova. Non conosceva l'argomento e realmente aveva intenzione di saperne molto di più a riguardo. Dei chakra sapeva solo che erano sette e che ognuno di essi governava una diversa parte del corpo, non di più, quindi il collegamento con il Satanismo, nonostante le iniziali paure, si stava rivelando curiosamente attraente.
    Serenity attese che altri prendessero parola, approfondendo forse qualche aspetto che a loro interessava di più. A lei era piaciuto quello sui vari simboli satanici, tanto che mentre disegnava la Stella di Astaroth si era chiesta spesso da dove derivasse. Nel libro che stava leggendo prima dell'inizio dell'esercitazione c'era scritto qualcosa, ma al momento non lo ricordava.
    La diciassettenne gettò un'occhiata alle ragazze che avevano occupato tutta la fila dove si trovava: provavano paura per la lezione o ne erano affascinate? Alcune, tipo Sprotte, non erano poi così grandi e certi argomenti potevano spaventare, persino traumatizzare se intrapresi in giovane età, quando ancora non si può avere la giusta conoscenza per comprenderli. Tuttavia, se si trovavano lì, significava che l'interesse seppur minimo ci fosse in ognuna di loro. Non era da tutti avvicinarsi a una materia complessa come Arti Oscure.
    Appoggiandosi allo schienale della sedia, Serenity si mise a braccia conserte. Non restava che aspettare.*

    @Sprotte_Smerald, @Charlotte_Mills, @Sarah_Jonson, @Chloe_Hills, @Marissa_White,


  • Eirwen_Quinn

    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 4
    Galeoni: 353
        Eirwen_Quinn
    Grifondoro Insegnante Giornalista Moderatore Web Certificato
       
       

    [DORMITORIO FEMMINILE DI GRIFONDORO - ORE 9.00]




    *Attraverso la spessa barriera delle tende rosse, completamente chiuse, del letto a baldacchino, solo pochi suoni lasciavano intuire la presenza di qualcuno: il graffiare di una penna nuova sulla pergamena, il frusciare di qualche pagina girata in fretta e il tamburellare delle dita sulla copertina di un libro. Eirwen Quinn si era svegliata presto, come sempre, amava fare colazione in una Sala Grande quasi deserta, per poi dedicare qualche minuto ad una passeggiata per il castello; spettatrice silenziosa dei primi accenni di vita nei lunghi corridoi, mentre il sole iniziava ad illuminare le fredde pietre. Così, mentre i suoi compagni si radunavano alle lunghe tavolate, lei si dedicava a concludere i compiti, in un dormitorio praticamente deserto. A farle compagnia solo due felini, comodamente accoccolati sul letto accanto a lei, in un intreccio di nero e rosso.
    Il tonfo di un libro che veniva chiuso segnalò la fine dei compiti per quella mattina, mancava solo mezz’ora all’inizio della lezione ed era arrivato il momento di prepararsi. Nella borsa, aperta ai piedi del letto, mancavano solo penna e calamaio, che la ragazzina adagiò con cura, vicino a libri e pergamene. Un attimo dopo era già in piedi, intenta a finire di indossare la divisa; in piedi davanti alla specchio annodò con cura la cravatta oro e scarlatta, prima di indossare il mantello nero. All’appello mancavano solo due cose: i lunghi capelli castani e l'immancabile orologio da polso; quel mattino scelse di intrecciare la chioma lasciandola cadere sulla spalla sinistra, mentre al polso sinistro chiuse un orologio con cinturino in pelle nera e sul quadrante un alternarsi di righe orizzontali nere e bianche. Come sempre, la scelta di quell’importante accessorio rispecchiava l’umore o la giornata che la attendeva; di lì a mezz’ora avrebbe frequentato la sua prima esercitazione di Arti Oscure, era al secondo anno ormai e aveva deciso che era arrivato il momento di integrare i suoi studi con quell’insegnamento. Buio e luce, bianco e nero, per comprendere l’uno bisognava conoscere anche l’altro, quindi il modo migliore per eccellere in Difesa Contro le Arti Oscure era studiare anche ciò da cui era necessario difendersi.*


    [SOTTERRANEI - AULA ARTI OSCURE - ORE 9.30]


    *Otto piani la dividevano dai sotterranei dove si trovava l’aula della Professoressa Mills, per fortuna Eirwen, grazie alle sue numerose passeggiate nel castello, aveva imparato la maggior parte delle scorciatoie e le bastarono pochi minuti per raggiungere la sua destinazione. Varcata la soglia, si ritrovó in un’aula molto particolare, l'ambiente era illuminato da candele, ma quello che maggiormente attraeva lo sguardo era un’enorme tela decorata da strani simboli. Era così intenta ad osservare l’ambiente, che in un primo momento non si rese conto né della presenza di altre ragazze né di non aver ancora salutato la Professoressa.*

    Buongiorno Professoressa Mills! Ciao a tutte!

    *Rimediò subito la grifa salutando a voce alta la Professoressa, nonché Preside di Hogwarts, e rivolgendosi poi a voce più bassa alle sue compagne.
    Fece appena in tempo ad accomodarsi e a sistemare il materiale, prima che la voce della Professoressa desse inizio alla lezione. Dopo una breve introduzione, per ricordare agli studenti qual era l’argomento di quelle lezioni, Eirwen e gli altri studenti si sentirono porgere una domanda.*

    Detto questo, prima di iniziare il nuovo argomento direi che un piccolo riassunto delle precedenti lezioni ed esercitazioni è d'obbligo.
    Chi vuole raccontare, in pochissime parole, di cosa abbiamo parlato le ultime volte?


    *Per fortuna, nei giorni precedenti l’esercitazione, Eirwen si era informata in merito agli argomenti già trattati, quindi sapeva bene che l’ultimo argomento trattato riguardava il Satanismo. Non ne sapeva molto, ma aveva recuperato alcune nozioni e alcune spiegazioni delle lezioni precedenti. Alzò la mano, ma fu preceduta da una ragazza più grande, uno dei Prefetti di Corvonero. Attese che questa finisse di parlare e che le venisse data la possibilità di intervenire.*

    Come è già stato detto l’ultimo argomento trattato è il Satanismo. È partita con le spiegazioni storiche, a partire dalle prime manifestazioni in Francia ha ripercorso i principali avvenimenti. Poi si è parlato della figura di Satana nelle varie religioni: nella tradizione islamica, dove Satana diventa Iblīs; nell’Ayyavalismo, dove Kroni è una figura simile a Satana; infine nel Buddismo, dove è presente Mara. L’ultimo argomento trattato sono stati i simboli del Satanismo, di cui ci ha già ricordato la nostra compagna.

    *Lei e l’altra ragazza avevano descritto brevemente, ma in modo esaustivo le ultime lezioni della Professoressa Mills; ora immaginava sarebbe iniziato il nuovo argomento. Non vedeva l’ora di scoprire altro, le Arti Oscure erano proibite e quindi le lezioni erano solo teoriche, ma gli argomenti si stavano rivelando interessanti. Non le era mai piaciuto fare le cose a metà e quella materia completava la sua istruzione magica.*


    @Serenity_Hunter, @Charlotte_Mills, @Marissa_White, @Sprotte_Smerald, @Sarah_Jonson, @Chloe_Hills,


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 257298
       
       

    Esattamente, molto brava signorina Hunter.

    *Sorrise la ex Serpeverde nella direzione della studentessa e prefetto di Corvonero. Aveva fatto un semplice ma importante riassunto delle lezioni ed esercitazioni precedenti. Era sicura che la fondatrice della sua casata sarebbe stata fiera di avere tra le file dì Corvonero una studentessa come lei. Serenity Hunter, oltre ad essere una studentessa del settimo anno, era l'alunna che più aveva attirato l'attenzione dei professori durante le varie lezioni.. Chissà cosa aveva in serbo il futuro per lei.*

    Direi di iniziare con la nostra esercitazione finalmente.
    Il Satanismno è tutto questo ma, dovete sapere che uno studioso italiano di nome Massimo Introvigne ha teorizzato diverse classificazioni per questo complesso argomento.


    *Affermò la donna avvicinandosi alla lavagna per scrivere qualcosa.
    Secondo lo studioso e teorico italiano esistevano ben quattro classificazioni del satanismo e loro, quella mattina, avrebbero cercato di affrontarle tutte quante. Si trattava di quattro classificazioni totalmente diverse tra di loro quindi, se si “indovinava” la prima le successive erano facili da scoprire.*

    Citazione:

    I CLASSIFICAZIONE: Satanismo ???
    II CLASSIFICAZIONE: Satanismo ???
    III CLASSIFICAZIONE: Satanismo ???
    IV CLASSIFICAZIONE: ???


    Ora.. So che non è un argomento assai popolare ma, secondo voi, quali possono essere alcune delle classificazioni del Satanismo della quale abbiamo parlato fino ad ora?

    *Domandò la professoressa di Arti Oscure.
    Sapeva che si trattava di un quesito assai complesso, ma quello che lei richiedeva, in quel preciso momento, era il semplice utilizzo dell'immaginazione.
    Non esistevano risposte corrette o risposte sbagliate. Lasciò quindi spazio ai presenti: ognuno di loro poteva direi solo un tipo di classificazione, un tipo di satanismo che secondo loro aveva ragione di esistere.
    Capendo di aver chiesto troppo da quelle giovani menti riformulò la sua domanda.*

    Riformulo: conoscendo i nomi delle varie classificazioni voi quale significato gli assegnereste?

    *Ridomandò la ex Serpeverde, avvicinandosi una seconda volta alla lavagna per completare quello che aveva scritto pochissimi minuti prima.

    Citazione:

    I CLASSIFICAZIONE: Satanismo razionalista o ateo
    II CLASSIFICAZIONE: Satanismo occultista o tradizionalista
    III CLASSIFICAZIONE: Satanismo acido e giovanile
    IV CLASSIFICAZIONE: Luciferismo


    Forse, in quel modo, il continuo dell'esercitazione era più semplice ed intuitivo per tutti quanti, anche per chi fino a quel momento non aveva mai messo piede in quell'aula fino a quel momento.*




    OFF GDR
    Avete tempo fino a mercoledì 23 gennaio (sera) per poter rispondere alla domanda della professoressa Mills, solo dopo vi verrà data la giusta spiegazione delle diverse classificazioni sopra indicate.

    PS: ricordo a tutti quanti che, anche chi non ha ancora postato, può partecipare senza nessun problema.

    Buona continuazione!


    @Eirwen_Quinn, @Serenity_Hunter, @Sprotte_Smerald, @Chloe_Hills, @Sarah_Jonson, @Marissa_White,


  • Sprotte_Smerald

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 2
    Galeoni: 83
       
       

    *Sprotte era curiosa di sapere l'argomento di cui avrebbe trattato la lezione quel giorno e aspettava che la professoressa iniziasse la spiegazione dell'esercitazione, ma quando parlò fece una domanda per sapere se i suoi alunni si ricordassero gli argomenti precedenti. Sprotte non rispose perché era la prima volta che partecipava ad Arti Oscure e non sapeva cosa avesse spiegato la professoressa nelle lezioni precedenti, così rimase ad ascoltare con interesse la risposta delle sue compagne. Poi iniziò la vera lezione che parlava del satanismo. La professoressa spiegò che esso si divideva in quattro classificazione e chiese se qualcuno voleva provare a dirle. Sprotte non ne aveva la minima idea e per fortuna la professoressa vedendo che nessuno rispondeva le elencò lei. Poi chiese ai ragazzi se sapevano dire cosa significavano le varie classificazioni secondo loro. Sprotte non era ben sicura ma provò comunque a rispondere perché aveva imparato che buttarsi era meglio di scappare dalle difficoltà. Alzò la mano e quando la professoressa le diede il permesso di rispondere espose ciò che pensava.*


    La parola ateo viene associata a coloro che non credono in nessuna divinità quindi andando per logica io penso che il satanismo razionalista o ateo venga praticato da quelle persone che non hanno una religione e che forse disprezzano le divinità visto che Satana va contro Cristo, in più non penso che vedano Satana come una divinità. Il satanismo occultista o tradizionalista invece andando a ragionamento dovrebbe seguire le tradizioni, penso che quindi sia il più antico. Il satanismo acido e giovanile secondo me si tratta di un gruppo di persone giovani, quindi ragazzi o bambini e penso faccino uso di alcol e di droghe. Il nome luciferismo viene da Lucifero e penso che quindi in esso si creda in Lucifero e non in Satana.

    *Disse Sprotte sperando di non aver sbagliato molte cose.*

    [spoil]@Serenity_Hunter,@Sarah_Jonson,@Charlotte_Mills[spoil]



    Ultima modifica di Sprotte_Smerald oltre 1 anno fa, modificato 2 volte in totale


  • Serenity_Hunter

    Corvonero
    AUROR

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 8
    Galeoni: 2098
       
       

    *L'antecedente precisazione della Mills sulle Arti Oscure, la classica Magia nera che tante volte nel mondo babbano veniva a galla, era stata necessaria a chiarire le intenzioni di ogni singola lezione che quell'aula riservava. Le Arti Oscure non potevano essere praticate, ma studiandole solo teoricamente avrebbe contribuito alla visione d'insieme per un giovane studente. Nessuna ripercussione legale né alla docente e Preside di Hogwarts, né tantomeno ai ragazzi "colpevoli" di aver scelto quella materia. Non c'era nulla di male se si trattava di pura accademia.
    Una ragazza di Grifondoro aggiunse qualche altro particolare a ciò che la Hunter aveva appena esposto, ma sostanzialmente confermando la sua versione. Effettivamente, cos'altro poteva dire se l'argomento ultimamente trattato era il Satanismo?
    Serenity si protese verso la professoressa, gomiti sul banco e schiena leggermente curva in avanti. Era tempo di accendere le meningi e ascoltare quello che aveva da dire la donna. Avvicinandosi alla lavagna, la Mills prese a parlare di un certo Massimo Introvigne -* chissà se Elena ne ha mai sentito parlare *pensò Serenity per via della comune origine italiana - e di come egli suddivise il Satanismo in diverse categorie. Sull'ardesia ne furono elencate quattro, ma scritte in maniera incompleta. Le prime tre avevano solo la parola Satanismo, mentre la quarta nulla.
    Serenity scrutò meglio le poche informazioni scritte, palesemente perplessa.*



    Eh?! E come diavolo faccio a sapere i nomi dei vari tipi di Satanismo?

    *Era già tanto che la Corvonero fosse a conoscenza della Magia nera, ma addirittura classificarla...! Se non fosse stato per quel corso facoltativo, difficilmente si sarebbe interessata alle Arti Oscure. Quella materia era la più misteriosa, sconosciuta e poco affrontata di tutta Hogwarts, quindi era palese che non sapesse un'acca tranne per qualche diceria che aveva udito nel mondo dei Babbani - come appunto nel caso del Satanismo di cui i telegiornali e le chiese ne parlavano, sebbene con toni decisamente più accusatori rispetto alle lezioni ed esercitazioni svolte sull'argomento.
    Più Serenity si sforzava a venirne a capo, più le era difficile capisci qualcosa. Zero. Non aveva la più pallida idea di cosa suggerire.
    Per fortuna tutti gli altri sembravano confusi quanto lei, portando la professoressa di Arti Oscure a cambiare approccio. Il silenzio in cui era sprofondata l'aula era durato anche troppo. Riprendendo in mano il gesso, la Mills completò le voci che aveva poco prima lasciato in sospeso.*

    Adesso sì che si ragiona!

    *Ora che erano stati aggiunti i nomi corrispondenti, era decisamente più semplice ragionarci sopra. Serenity sospirò di sollievo, concentrandosi sulla nuova consegna.
    Una la conosceva, il Luciferismo, ma ignorava fino a quel momento che fosse una vera e propria classificazione del Satanismo. Con le conoscenze acquisite, però, capiva bene il perché. Aveva sentito parlare del Luciferismo durante un sermone del pastore locale una domenica di tanti anni prima, condannando chi credesse a Lucifero come "buono" e Dio come "cattivo". Il contrario di ciò che affermava la normale religione, in poche parole. Che quel pensiero fosse giusto o sbagliato era impossibile da stabilire, l'importante era scegliere. Nessuno doveva imporre il suo credo come quello legittimo, andando a lenire la libertà di pensiero dell'uomo. C'era chi sceglieva la via del Bene e chi del Male, con le dovute responsabilità future di tale scelta. Serenity, a diciassette anni, aveva già deciso durante le vacanze di Natale andando sino a Godric's Hollow per conferma.
    Il Prefetto attese che Sprotte, la Tassorosso dal nome bizzarro, finisse di parlare - probabilmente concentrata a chiacchierare con le amiche, non aveva prestato attenzione alla domanda di Serenity lasciando quest'ultima con l'amaro in bocca e un pizzico di curiosità - per poi intervenire. Forse una delle cose che aveva detto non era effettivamente corretta.*

    Per la prima classificazione, i due aggettivi usati come descrizione di quel tipo di satanismo mi inducono a una precisa conclusione.
    Quando si parla di razionale s'intende l'uso della ragione, come succede a noi esseri umani nella stragrande maggioranza dei casi. Se dobbiamo procurarci del cibo, pensiamo a quale sia il rivenditore migliore, ne controlliamo la qualità e li cuociamo se quell'alimento, da crudo, comporterebbe danni al nostro organismo. Il contrario, ovviamente, accade negli animali: usando lo stesso argomento, per cibarsi seguono unicamente l'istinto, senza pensare a rischi o conseguenze dei loro gesti. Agiscono solo per l'impulso della fame.
    Il termine ateo
    *soggiunse la ragazza, dopo una breve pausa per riprendere fiato* suggerisce la non appartenenza a una religione. Ateo è chi non crede, ma questo può essere anche applicato al satanismo stesso.
    Tutto ciò, dunque, mi porta a pensare che il satanismo razionale o ateo riguardi una concezione del tema assolutamente priva di emozioni. Nessuna influenza di religioni, pareri esterni e sentimenti sia favorevoli che non. Sa cos'è il satanismo, riconosce Satana come emblema del Male, è a conoscenza di rituali e altre pratiche definite trasgressive legate a esso... Ma tutto in maniera distaccata e logica, senza coinvolgimenti diretti nel culto. Semplicemente il satanismo è considerato uno stile di vita anticonformista, persino immorale e pesantemente combattuto dal Cristianesimo. Nulla di più.


    *Non aveva altro da aggiungere per gli altri tipi perché il ragionamento di Sprotte sembrava sensato, tranne per quello che conosceva già prima di entrare in classe. Era importante specificare la visione gnostica di Lucifero, riportando in auge il nome usato quando era ancora un angelo al servizio di Dio. Solo dopo la sua ribellione si trasformò in Satana, l'antitesi di ciò che era stato un tempo. Lo 'mperator de lo doloroso regno, come lo definiva Dante Alighieri: era il più spendente degli angeli ed era divenuto il più terribile dei diavoli.
    La descrizione che ne faceva era spaventosa. Conficcato fino alla cintola nel centro della Terra, alla fine del cono che si formò quando la terra inorridita dall'aspetto di Lucifero si ritrasse al suo passaggio, era ricoperto di peluria e aveva tre teste - una rossa, una nera e una gialla - che maciullavano altrettante persone. Tre grandi e famosi traditori, i peccatori dell'ultimo girone infernale: Giuda al centro, traditore di Dio; Bruto e Cassio, i traditori dell'Impero per aver ucciso Giulio Cesare. Tre paia di ali da pipistrello creavano venti gelidi che ghiacciavano il lago di Cocito, dove erano immersi i vari tipi di traditori e Lucifero stesso.
    La Divina Commedia era davvero affascinante, la Cantica dell'Inferno più di tutte. Il linguaggio utilizzato era il volgare, più vicino a quello parlato dagli uomini rispetto a quello aulilo e di difficile compresione. A Serenity sarebbe piaciuto molto se la professoressa Mills ne avesse parlato in qualche lezione, soffermandosi appunto sull'Inferno.*



    Seconda e terza non le conosco, ma a rigor di logica devo concordare con quanto detto dalla mia compagna. Del Luciferismo invece ne ho già sentito parlare prima. Chiaramente è un rimando a Lucifero, l'angelo portatore di luce e il più vicino a Dio. La leggenda vuole che fu cacciato dal Paradiso per aver peccato d'orgoglio in quanto il suo desiderio era essere come l'Onnipotente e sconfitto dall'arcangelo Michele che ne prese il posto. Anche gli altri Angeli Caduti, coloro che avevano scelto di stare dalla parte di Lucifero, subirono la medesima sorte. E mentre precipitavano verso il fondo della Terra, i loro corpi si sfigurarono orribilmente trasformandoli nei diavoli seguaci di Satana. Se non ricordo male il Luciferismo condanna la punizione di Dio ritenendola ingiusta ed esaltando Satana col suo nome originale, Lucifero, quale portatore di luce e conoscenza per l'uomo, il salvatore dalla tirannia di Dio. Come Prometeo che rubò il fuoco per donarlo agli uomini e Zeus lo punì. La divinità è vista come un ostacolo al progredire della cultura umana.

    *Conclusa l'esposizione, Serenity tacque. Era un po' noioso dover solo parlare, discutere e affrontare argomenti solo dal punto di vista teorico, senza mai mettere mano alla bacchetta o su un bel calderone fumante, ma almeno l'argomento era interessante. Non come alle lezioni di Storia della Magia, con tutte quelle date e la confusione che ogni volta provava a ricordrle tutte.
    Chissà come sarebbe proseguita l'esercitazione...*

    @Charlotte_Mills, @Sarah_Jonson, @Chloe_Hills, @Marissa_White, @Sprotte_Smerald, @Eirwen_Quinn,


  • Chloe_Hills

    Serpeverde

    Dormitorio: Serpeverde
    Livello: 4
    Galeoni: 509
        Chloe_Hills
    Serpeverde
       
       

    A parole mie, l'ateo è colui che non crede in nessuna divinita` o in generale in nessuna cosa spirituale, o che semplicemente rinnega l'esistenza di Dio. Il satanismo occultista rappresenta la corrente piu` nera del Satanismo, quello che segue la via della mano sinistra e in particolare la magia oscura. In questa corrente si dice che Satana premia chi si schiera dalla sua parte. In questa situazione Satana non viene considerato malvagio, ma come una entita` spirituale, in grado di far apprendere ai maghi conoscenze oscure. Del Satanismo acido non so molto, ma credo che sia quel tipo di Satanismo in cui giovani compiono atti malvagi che vanno contro la legge di Dio, come assassini, azioni violente e bestemmie. Il Luciferismo si collega alla figura di Lucifero, che viene considerato l'insegnante del male, poiche` la storia narra che egli era stato cacciato dal Cielo da Dio stesso.

    *Chloe si era appena seduta vicino a Sarah e Sprotte e, senza nemmeno il tempo di sistemare penna e pergamena, in seguito a una domanda della professoressa Mills la sua mano inizio` a sventolare per la stanza, e, ottenuto il permesso di parlare, disse la sua. Il Satanismo era un argomento che le metteva molta inquietudine, poiche` trattava argomenti molto misteriosi. La sua voce tremava un poco poiché non era sicura della sua risposta ma sapeva che in fondo era vero. Si era documentata tanti anni prima tramite un libro trovato in una biblioteca vicino a Casa Hills, e in un attimo la lettura e la curiosita` avevano preso il sopravvento.*

    Non sono mai stata cosi` attenta alle lezioni, questi è un argomento veramente interessante!

    *era vero. Ora che un sacco di novita` stavano nascendo a Casa Hills, nella sua mente rimaneva ben poco di studio. Ora però le acque si sono calmate e le lezioni per lei erano la cosa più interessante, dopo le sue due sorelline neonate. Con un sospiro tranquillo un'occhiata sfuggente a Sarah e Sprotte Chloe attese che la professoressa continuasse la lezione.*

    @Serenity_Hunter, @Sprotte_Smerald, @Sarah_Jonson, @Charlotte_Mills



Vai a pagina 1, 2  Successivo