• Elena_Apefrizzola

    Corvonero Insegnante Giornalista Certificato

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 7
    Galeoni: 2966
       
       



    "Freddo!”


    Esclamò la professoressa Apefrizzola entrando con largo anticipo in classe. Il camino era stranamente spento e il clima gelido del periodo non era mai clemente con la sua aula al sesto piano del vecchio castello di Hogwarts. Forse grazie alla sua esclamazione o forse perché in quelle prime ore della mattina stavano terminando le faccende nel castello, un elfo domestico apparve con uno SNAP! nella classe. La creatura aveva lo sguardo bitorzoluto leggermente scocciato, con uno schiocco delle dita accese velocemente un crepitante fuoco nel camino al centro della stanza, poi senza dar tempo alla mora di ringraziarlo sparì in un distante eco di magia. Scuotendo la testa Apefrizzola lasciò i libri sulla cattedra e si avvicinò alla fiamma in cerca di calore aspettando così l’arrivo dei suoi studenti.
    Non dovette però aspettare molto che alcuni ragazzi iniziarono ad entrare rapidi, bisbigliando arruffati “Buongiorno” verso la docente, che per premura nei confronti degli allievi si allontanò a malincuore dalla fonte di calore per lasciar riscaldare tutti i presenti.
    Non appena ebbe aspettato il tempo sufficiente da far arrivare anche qualche piccolo ritardatario, mentre l’aria e gli studenti si scaldavano pian piano, prese fiato e richiamò finalmente l’attenzione di tutti i presenti.

    ”Buongiorno a tutti! Oggi faremo una breve lezione cercando di ricapitolare anche aspetti visti negli ultimi incontri.”

    Come sempre i giovani smisero di parlare alle prime parole dell’insegnante e armati di piuma e pergamena si prepararono ad ascoltare.
    Un sorriso, un colpo di bacchetta e il gessetto volò sulla lavagna veloce, seguito dal crepitio delle punte sui fogli degli alunni. Elena era fiera di loro, perché ogni occasione le dimostrava che i suoi studenti erano interessati alla materia. Forse non erano molti, veramente, ma erano giusti e bravi, così talentuosi e curiosi che le scaldavano il cuore nonostante il freddo del clima esterno.



    “Chi sa dirmi cosa significano queste parole?”

    Un giovane Corvonero dai capelli rossi alzò la mano chiedendo la parola e subito dopo una Tassorosso seduta vicino al giovane aggiunse arrossendo..

    ” Credo professoressa possa essere la definizione di Numero… sono infatti concetti astratti.”
    ”Non è un po’ come chiedere se è nato prima l’uovo o la gallina?”

    “Si è proprio così ragazzi! Avete centrato subito le parole di Godel. Considerate che questo aritmante del 20° secolo ha reso pubblica questa scottante realtà, che per i maghi è una verità da sempre, ponendo la “pulce nell’orecchio" anche ai matematici babbani. Numeri e mondo sono collegati indelebilmente, non ci sono dubbi, sicuramente non in questa classe spero!
    Con il teorema dell’incompletezza, ovvero la tesi di Godel, possiamo sintetizzare velocemente quanto detto finora nelle nostre lezioni, cioè tutto è incerto nel reale; ma Certi sono i Numeri che compongono l’ignoto di tutti i giorni e del futuro.”


    Di nuovo le piume grattarono le pergamene, mentre l’ambiente finalmente era caldo e i neuroni iniziavano a lavorare.

    ”Ora, riprendiamo oggi con un semplice incantesimo divinatorio aritmantico per capire chi sarà il vincitore in un incontro. Come sempre queste pratiche magiche vanno adattate alla situazione, tanto che vi consiglio di applicarle solo nel caso in cui un risultato, di una qualsiasi sfida sportiva, verbale o politica o simili, sia veramente incerto. Nei casi scontati non ce n’è ovviamente bisogno.
    I numeri esprimono in tutti i casi una probabilità, ma tanti altri fattori possono influenzarne lo scorrere.”


    ”Professoressa, potrò quindi capire chi vincerà il torneo tremaghi e scommettere i miei galeoni?”

    Chiese d’impeto un giovane Grifondoro.

    ”Signor Buckett, non credo che scommettere galeoni sul torneo sia accettabile per un giovane studente della sua età. Comunque per rispondere alla domanda pertinente la materia, no. Possiamo capire chi ha le probabilità maggiori di vittoria, ma, come ho già ribadito, non è possibile stabilire con certezza assoluta che la stessa avvenga sicuramente. I numeri ci aiutano spesso, ma non possono nulla contro la bravura… o l’incompetenza a volte.”

    Le parole erano chiaramente rivolte anche allo studente, che pur essendo brillante peccava nel lasciarsi trascinare dagli eventi… come ogni giovane che si rispetti. Senza dar tempo al Grifondoro di potersi vergognare degnamente l’insegnante continuò.
    “Per capire chi potrebbe avere maggiori probabilità di vittoria dovrete: scrivere nome e cognome delle persone impegnate nella competizione, qualsiasi tipo di sfida sia; come sempre sommare ogni lettera delle parole, fino ad ottenere un certo numero; dividere il numero per 9; sommare i primi 3 numeri della divisione riducendoli come sempre ad un numero noto all’aritmanzia compreso tra 1 e 9.
    Il vincitore sarà il più forte tra i numeri indicati nella tabella.”


    Altre immagini presero forma alla lavagna alle parole della docente.



    ”Professoressa… ha qualche significato particolare la divisione per 9? E come si è arrivati alla tabella che ci ha presentato?”

    Chiese un perspicace Serpeverde.

    ”Centrato il punto signor Halter , 5 punti a Serpeverde!
    Vi ricordate Tesla? Il 9 è il numero del completo, del tutto, il ritorno dal multiplo all'unità, il compimento di un ciclo, che segna la trasposizione su un nuovo piano? Questo numero come ultima cifra contiene in sé il duplice concetto d’inizio e fine, morte e rinascita. Nel suo significato alchemico di ritorno alla matrice, il 9 simboleggia l'opera al nero, la fase della dissoluzione che precede la nuova nascita. La liberazione dai vincoli della forma precedente, permette di accedere a un nuovo livello di esistenza, allo stesso modo in cui ad un uscita segue un entrata. E’ quindi un numero potente che può “domare gli altri”, per questo viene utilizzato.



    Parola chiave per questo numero è COMPIMENTO, ma significa anche Fratellanza, compassione ispirazione. Il 9 caratterizza i grandi spiriti dell'umanità che hanno travalicato i confini ristretti dell'io per mettersi al servizio del sé universale. Indica superare i limiti per un bene proprio o altrui. La vittoria spesso rientra in tutti questi concetti di affermazione, cambiamento e compimento”


    Diede tempo a tutti di segnare i punti più importanti del suo discorso sul numero e quindi prese fiato per rispondere alla seconda domanda del verde-argento.

    ”Per la tabella, questa purtroppo è solo frutto dell’esperienza di molti aritmanti vissuti prima di voi e di me. Nessuno sa con esattezza chi fu ad iniziare la tavola che permette una previsione accurata delle probabilità di vittoria, ma alcuni ipotizzano che sia stato lo stesso Pitagora a dare il via al lavoro di analisi che infine l’ha concretizzata.”

    La torre dell’orologio suonò in lontananza, la lezione terminava. Come sempre il tempo sembrava essere volato, ma forse era solo il freddo che rendeva ogni minuto più corto.

    ”Prima di uscire ricordatevi di segnare i compiti!”

    Sulla lavagna apparvero alcune semplici linee guida che molti studenti copiarono diligentemente prima di lasciare educatamente la stanza.

    Citazione:
    COMPITI DELLA LEZIONE


    MODULO A


    QUIZ (15 punti)
    Le informazioni per il quiz le trovate tutte nella lezione.

    MODULO B
    Prova ad applicare questa divinazione numerica ad una gara. Riporta i dati in gioco: il numero che indica ogni partecipante (con tutti i conti che hai fatto per arrivarvi) e il possibile vincitore. Racconta quindi la gara ed il suo risultato tramite narrazione GDR. (tot. 15 punti)




    I COMPITI DOVRANNO ESSERE CONSEGNATI TRAMITE L’APPOSITO (MODULO) ENTRO E NON OLTRE LE ORE 23:59 DEL GIORNO 27/02/2019

    P.S. Per dubbio o domande inviate tranquillamente un MP oppure venite nel mio ufficio.




    Ultima modifica di Elena_Apefrizzola 3 settimane fa, modificato 4 volte in totale