• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Kristel_Hardit


  • Kristel_Hardit

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 2
    Galeoni: 267
       
       

    [HOGSMEADE]

    * 'Ricorda Kristel... sarà lei a venire da te, non aver paura... lasciati scegliere e, da quale momento, prenditene cura.' La voce della madre galleggiava nella sua mente dalla sera prima. Kristel aveva passato tutta la notte con gli occhi sbarrati e puntati sul soffitto della sua stanza. Un insieme di emozioni le attanagliava mente e gola, provava un misto di entusiasmo e paura, non sapeva se fosse davvero pronta per un'emozione così grande ma di certo non si sarebbe tirata indietro.
    Aveva lasciato il dormitorio presto quella mattina, stringendosi nel suo mantello e abbandonando il castello in poco tempo, raggiungendo poi il villaggio.
    Il rumore dei suoi passi decisi l'accompagnava verso la sua meta: Salills. Il sole era alto e rubava la scena alle poche nubi che costellavano il cielo ma, nonostante ciò, il freddo non si era fatto da parte.*

    [ SALILLS NEGOZIO DI BACCHETTE ]

    *La Grifa varcò la soglia del negozio con passo felpato e, ritrovandosi in quel regno abitato da sole bacchette, sorrise emozionata lasciando che le labbra le si schiudessero e gli occhi brillassero alla vista di tutto ciò. Era davvero giunto il suo momento.
    'Sei pronta! Su Kristel, su... Puoi farcela! Non ti sarai mica rammollita tutta d'un tratto?'
    Sospirò appena prima aprir bocca e lasciar risuonare nella stanza le sue parole.*

    Buongiorno! E' permesso?
    Sono qui per acquistare una bacchetta.

    *Erano parole decise ma, nonostante ciò, un filo di emozione trapelava chiaramente dalla sua voce.*



    @Charlotte_Mills,

  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 254436
       
       

    *Charlotte, commerciante di Hogsmeade, si trovava nel suo negozio di bacchette a completare quello che era l'inventario di alcune delle bacchette mancanti.
    Non tutti sapevano a la Preside di Hogwarts si occupava, anche se non principalmente, di vendere catalizzatori magici ai giovani maghi che si accingevano ad andare a studiare a Hogwarts.
    La donna nel retrobottega aveva a che fare con numerose pergamene ingiallite, e ci sarebbe rimasta per molto se non fosse stato per una voce proveniente dal negozio.
    Chissà di chi si tratta e come mai era in giro per Hogsmeade a quell'ora.*

    Buongiorno! E' permesso?

    *Disse la ragazzina con un evidente emozione nella voce. Conosceva quella sensazione, o meglio, l'aveva provata anche lei tanti anni prima a Diagon Alley.*

    Sono qui per acquistare una bacchetta.

    Ma certo!
    vediamo, vediamo cosa potrebbe andare bene per te.



    *Disse la donna felice di poter servire un nuovo cliente.
    La professoressa estrasse la propria bacchetta e appellò un magico metro che iniziò a prendere le misure della ragazza: dal gomito alla punta delle gita, dalle dita alla spalla, dal mignolo al pollice e così via.*

    Proviamo questa: Legno di Vite, Lunghezza: 10’’ 1/2, Capello di Veela.
    Agitala pure. Non ti preoccupare, se rompiamo qualcosa conosco un incantesimo basilare che può esserci d'aiuto.




    *Affermò la ventinovenne porgendo quella nuova bacchetta alla ragazzina che si era recata li quasi alle nove di sera. Forse era solo in ritardo con i suoi acquisti oppure chissà per quale altro motivo, magari successivamente gliel'avrebbe chiesto.. Charlotte adorava scambiare qualche parola con i suoi clienti, in particolare con i più giovani.*


    @Kristel_Hardit,


  • Kristel_Hardit

    Grifondoro

    Dormitorio: Grifondoro
    Livello: 2
    Galeoni: 267
       
       

    * Dal retrobottega apparve una donna dai capelli corvini. Kristal puntò il suo sguardo curioso sul suo viso e un sorriso tanto sorpreso quanto grato apparve sul suo viso. Le sue gote si colorarono appena di rosso mentre annuiva alle parole di colei che conosceva come la Preside della sua stessa scuola.
    Era strano vederla al di fuori della Sala Grande, luogo doveva aveva incontrato gli occhi della donna il giorno dello smistamento, e ritrovarla in un negozio di bacchette. *

    Mi affido a lei, Preside Mills.

    *La piccola Grifondoro osservò curiosa e attenta la sua interlocutrice e poi puntò lo sguardo su quel metro sbucato dal nulla grazie ad un movimento di bacchetta.
    In men che non si dica si era sentita catapultata in un negozio babbano di sartoria, si sentiva quasi come quando, anni prima, i genitori avevano deciso di farle cucire un abito su misura per una festa di gala.
    Ricordava ancora quella sensazione e l'emozione che le scorreva nel sangue e, quel giorno, seppure le emozioni erano diverse e le circostanze opposte, Kristel era agitata in egual modo.
    La ragazzina dai capelli scuri attese una risposta della donna e, quando quest'ultima le porse una bacchetta in Legno di Vite, Krsitel la impugno e, sperando con tutta se stessa di non crear danni, la agitò titubante.
    Non sembrò volar mosca.

    *

    @Charlotte_Mills,

  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 254436
       
       

    *Dopo che Charlotte porse la prima bacchetta alla giovane ragazzina, la quale dopo un leggero accenno di movimento con il catalizzatore rivolse il proprio sguardo verso la professoressa Mills.
    La donna però non ne rimase molto sorpresa come la studentessa del primo anno, dopotutto lei c'era abituata.*

    No. la vite non fa proprio al caso tuo. Vediamo cosa posso farti provare...
    Intanto raccontami qualcosa su di te.


    *Affermò la donna recuperando la bacchetta che non andava bene e riponendola insieme a quelle dello stesso tipo di legno. Nel frattempo la ragazzina iniziò a parlare di lei, cosa assai importante per la scelta di un catalizzatore magico, perché non erano solo le misure o la casualità ad influire, ma anche il carattere del mago o della strega in questione.*

    Proviamo questa nel frattempo: legno di Melo, 11 pollici e 3/4, crine d'Unicorno.


    *Disse l'ex Serpeverde porgendo quella lunga bacchetta alla ragazzina.
    Fu in quel momento che le tornò in mente un ricordo ormai assopito, era da davvero tanto tempo che non ricordava il giorno dell'acquisto della sua bacchetta in Ebano.*

    [INIZIO FLASHBACK]

    *Una giovane Charlotte camminava velocemente dietro a un uomo sulla quarantina. L'undicenne aveva rifiutato di andare a Diagon Alley con sua madre, dato che la sera prima aveva litigato con lei sulla questione bacchetta. Charlotte non ne voleva una sua, voleva usare quella di suo fratello Luke morto durante la battaglia ad Hogwarts. I suoi genitori avevano ripudiato suo fratello dato che aveva scelto il lato oscuro della magia, ma Charlotte continuava a volergli bene, anche in quel momento, anche se sapeva che non sarebbe più tornato da loro. Quel giorno si trovava a Diagon Alley per fare tutte le compere necessarie per uno studente del primo anno. Suo padre voleva farle comprarle un gufo, ma suo fratello gli aveva regalato per un suo compleanno un piccolo gufetto tanto carino che sembrava capirla quando lei si sentiva sola e triste.
    Dopo qualche discussione Charlotte riuscì a convincere l'uomo. Il padre di Charlotte era un' uomo di bell' aspetto di 43 anni leggermente in carne.
    Era un mago molto conosciuto nel mondo magico e lui sembrava esserne fiero, ma da quando era iniziata a girare la voce che il suo figlio maggiore Luke fosse un Mangiamorte, aveva iniziato a farsi vedere di meno in giro per quelle viuzze affollate di gente.
    Il signor Mills faceva di nome Richard e lavorava al Ministero della Magia all'ufficio Applicazione della legge sulla magia e andava fiero del suo lavoro.
    In poco tempo arrivarono davanti alla bottega di Olivander. Quel negozio era pieno zeppo di bacchette, la ragazzina non aveva mai immaginato che ce ne fossero così tante! Un anziano signore con i capelli bianchi e molte rughe sul viso comparve dal retrobottega.*

    Buongiorno signore.

    *Affermò l'undicenne ancora ignara del futuro che poteva aspettarla.
    Provò numerose bacchette fino a trovare quella che la scelse come sua proprietaria: era fatto in Ebano, lunga 11 pollici con una caratteristica davvero strana, una squama di Basilisco al suo interno. Il commerciante e suo padre erano rimasti davvero sorpresi nel sapere cosa poteva fare quella bacchetta, ma nelle mani di Charlotte, una ragazzina dai sentimenti feriti non poteva di certo generare fatti piacevoli.*

    [FINE FLASHBACK]



    @Kristel_Hardit,




    Ultima modifica di Charlotte_Mills oltre 1 anno fa, modificato 1 volta in totale