• Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584328
       
       



    Role Aperta da Victoria_Anderson


  • Victoria_Anderson

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 221
       
       

    *Erano quasi le 16 di un discreto pomeriggio. Il cielo era piuttosto terso, eccetto qualche nuvola qua e la che copriva di tanto in tanto il sole. La popolazione di Hogsmeade passeggiava tranquillamente per le stradine del paesino, ognuno diretto verso una propria meta. Hogsmeade era sempre stato uno di quei paesi dove la tranquillità regnava sovrana, ottimo per le passeggiate e le compere.
    La giovane strega Victoria Anderson stava passeggiando per le strade del paese, con un aria felice e tranquilla. Procedeva a passo svelto. Il motivo di quella visita ad Hogsmeade improvvisata? Semplicemente il tirocinio del Negozio di bacchette Salills, il quale la Corvonero aveva deciso di partecipare. Victoria era sempre stata una di quelle molto laboriose, che amava lavorare e mettersi all'opera per dimostrare di esserne capace e, sopratutto per questo motivo, aveva deciso di tentare il tirocinio al famoso negozio. Ella indossava un vestito di colore bianco e azzurro, abbastanza leggero, delle scarpe a ballerina nere e al polso destro un elastico insolito di color arcobaleno. Amava vestirsi ogni giorno in modo diverso!*

    Non vedo l'ora di mettermi al lavoro!

    *Pensò la Corva, mentre stava per entrare. Prima di varcare la soglia si diede un'ultima sistemata ai capelli biondi, che le ricadevano sulle spalle.
    La streghetta entrò nel negozio, e fin dal primo istante come prima cosa si guardò intorno, stupita. Era proprio un bel posto! Ordinato, e pieno di lavoro.*

    Buon pomeriggio!

    *Disse lei, annunciando il suo arrivo. Si guardò ancora intorno. Non vedeva l'ora di iniziare e di mettersi in gioco!*

    @Sylvia_Turner, @Charlotte_Mills


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 254436
       
       


    *Il sole splendeva alto in cielo e un arietta leggermente tiepida soffiava scompigliando i capelli mossi e scuri di una strega che, da Hog Road si stava dirigendo verso Magic's Square.
    Quella strega era Charlotte Mills, ultra trentenne proprietaria del solo negozio di bacchette a Hogsmeade. Quel giorno non avrebbe passato il resto della giornata chiusa nel suo ufficio al settimo piano del castello di Hogwarts ma, per quel giorno, avrebbe passato il pomeriggio al Salills.
    Arrivata a destinazione aprì, con un semplice gesto di bacchetta, la serratura del negozio. Entrando tutto sembrava scuro e freddo ma, accendendo le varie lampade ad olio presenti tutto iniziò a sembrare più luminoso.


    Nonostante il negozio fosse chiuso al pubblico per motivi di inventario il cartello sulla porta recitava “APERTO”. La donna presente quel giorno nel negozio aspettava una visita assai importante e per quello aveva lasciato il cartello, l'avrebbe cambiato dopo la visita che aspettava.*

    ”Prima inizio meglio è.”

    *Pensò tra sé e sé la ex Serpeverde dirigendosi verso il retro del negozio.
    Quella parte del Salills era sconosciuta ai più, la utilizzavano solo Charlotte e la sua socia Sylvia ma, con la fretta che avevano e la mancanza di tempo la maggior delle volte avevano lasciato la stanza nel disordine più totale.
    Per quel pomeriggio aveva annullato tutti i suoi impegni, affidato suo figlio a Sylvia che l'avrebbe tenuto d'occhio assieme alla sua piccola Emma e, con tutta la forza di volontà che aveva iniziò a mettere a posto tutto quanto. C'erano pergamene sparse, scatole di bacchette accatastate in un angolo, scatole di libri ancora da aprire.. insomma il lavoro era tanto e, purtroppo, per quell'occasione il lavoro non poteva essere svolto con l'ausilio della magia.
    Da dove poteva iniziare? Optò per gli scatoloni pieni di libri che iniziò a spacchettare. Si trattava di libri inerenti all'arte delle bacchette e della loro fabbricazione. Uno ad uno li posizionò nella libreria, spolverando qua e la dove la polvere era presente.
    Starnutì numerose volte per via della sua allergia alla polvere ma senza lamentarsi andò avanti con il compito che quel giorno si era prefissata, venne distratta solo da qualcosa proveniente dalla stanza principale del negozio di bacchette.*

    Buon pomeriggio!

    *Disse una voce proveniente dal negozio. Si trattava, finalmente, della ragazza che quel giorno avrebbe iniziato il tirocinio.
    Qualche settimana prima lei e Sylvia Turner avevano optato, vista la mole di lavoro e le loro vite al di fuori di quel negozio, di iniziare a svolgere tirocini con gli studenti di Hogwarts... un po' come accadeva con gli studenti dietro al bancone dei Tre Manici di scopa e della Testa di Porco.
    Sul volto della donna comparve un sorriso: finalmente qualcuno le avrebbe aiutate con tutto quel lavoro.
    Appoggiò temporaneamente i libri che stava catalogando su un tavolino li vicino, dirigendosi poi verso il cuore del negozio, cioè quello che tutti vedevano e dove avveniva la vendita.*

    Buongiorno signorina Anderson!

    *Affermò Charlotte, docente e Preside a Hogwarts, rivolgendosi verso la undicenne appartenente alla casata di Corvonero.
    Un veloce sguardo all'orologio a pendolo posizionato a poca distanza dalla porta d'ingresso: erano quasi le quattro del pomeriggio, da li a qualche minuto l'orologio avrebbe rintoccato l'orario facendo rimbombare il suo suono per la stanza quadrata di modeste dimensioni.
    Finalmente il Salills aveva il suo primo tirocinante.*

    La stavo aspettando con impazienza.

    *Disse sincera la donna che, nonostante ricopriva la carica di Preside a Hogwarts, vista l'età che aveva poteva essere considerata la sorella maggiore della maggior parte degli studenti della scuola che gestiva. Forse - da quello che pensava - era uno dei Presidi di Hogwarts più giovani ma, se il Ministero della Magia e il Ministro Stefano stesso avevano optato per lei un motivo valido c'era.
    Rimase ad osservare la ragazza dai capelli biondi e grandi occhi azzurri vispi. Era pronta a mettersi al lavoro con lei? Di certo non si sarebbe trattato di una semplice passeggiata...*

    @Victoria_Anderson,


  • Victoria_Anderson

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 1
    Galeoni: 221
       
       

    *Qualche minuto dopo l'arrivo di Victoria, la professoressa Emerson arrivo' in stanza e saluto' la giovane Corvonero.
    Victoria era pronta a mettersi all'opera, per cercare di dare una mano e di mantenere l'ordine nel Salills. Certo, le piaceva anche a lei andarsi a divertire, ma mettersi al lavoro non era certo per lei una fatica!
    Le piaceva mettersi in mostra e dimostrare di essere capace a fare le cose, da quelle piu' semplici ai lavoretti un po' piu` complicati, e questa era proprio la prova che aspettava!*

    Buon pomeriggio professoressa! Sono pronta per mettermi al lavoro.

    *Disse lei, facendo spuntare un sorriso dalle labbra, per dimostrare il suo contributo al negozio*

    Quali sono i miei primi compiti?

    *Con un pizzico di emozione nella sua voce fece la domanda che piu' le interessava. Sperava almeno che i primi lavoretti fossero un po' piu' semplici, in modo da abituarsi. Sorridente, aspetto' la risposta della professoressa Mills.*

    @Charlotte_Mills scusa il ritardo ;)


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 254436
       
       

    Buon pomeriggio professoressa! Sono pronta per mettermi al lavoro.

    *Affermò la giovane Corvonero che, qualche giorno prima, aveva risposto al bando per tirocinanti per il negozio di Bacchette a Hogsmeade. Doveva ammettere che, all'inizio, non si sarebbe aspettata subito un riscontro positivo da parte degli studenti del castello a poca distanza da quel magico villaggio.
    La donna era davvero felice di aver trovato, per quel momento, qualcuno che potesse aiutarla.
    Quella ragazzina aveva grandi occhi azzurri e lunghi capelli biondiche le incorniciavano il volto e le cadevano sulle spalle, era inoltre abbastanza esile.. insomma si faceva notare tra i suoi coetanei per diversi motivi.*

    Quali sono i miei primi compiti?

    *Le domandò l'adolescente già pronta a mettersi all'opera.
    Quella voglia di fare era davvero ciò che la donna e la sua socia, ex Tassorossso, cercavano. Tutti i loro impegni impedivano loro alle due donne di dare tutte se stesse in quel negozio e, piuttosto che chiuderlo, avevano optato per chiedere aiuto ed aprire un bando.
    Charlotte osservò l'undicenne e le sorrise felice.
    Proprio poco prima che la ragazza arrivasse la donna si era messa all'opera con l'inventario del negozio. Aveva iniziato con alcuni libri e, mentre lei li sistemava nella libreria nel retro bottega una piuma d'oca incantata segnava i vari titoli su una pergamena a poca distanza da li.*

    Direi che possiamo iniziare con qualcosa di semplice, per il momento.
    Proprio poco prima che tu arrivassi avevo iniziato a catalogare alcuni libri riguardo l'arte delle bacchette.



    *Disse la donna che fece strada alla corvonero.
    Il retro bottega era l'unica porzione di quel negozio dove la clientela non era ammessa. Era strano che un estraneo entrasse in quella stanzetta. Era presente una scrivania al centro della stanza e, tutto intorno, oggetti e libri utili per i venditori di Bacchette.
    Sulla scrivania di legno color ebano era posizionata una scatola, aperta, piena di libri mentre una piuma color smeraldo era appoggiata vicina ad una pergamena. Quella era la piuma d'oca incantata che utilizzava in quei casi.*

    Puoi appoggiare pure il tuo soprabito sull'attaccapanni.

    *Affermò Charlotte, donna di trentun anni, spiegando poi nello specifico ciò che Victoria avrebbe dovuto fare.
    Mentre lei avrebbe continuato con l'inventario dei nuovi libri, la bionda ragazzina si sarebbe occupata di spolverare la libreria e i vecchi libri inutilizzati e di conseguenza impolverati.*


    @Victoria_Anderson,