Hogwarts - 3° Piano
Hogwarts - 3° Piano


  • Stefano_Draems

    Fondatore Amministratore Ministro Ad Honorem Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 16
    Galeoni: 584673
       
       



    Role Aperta da Charlotte_Mills


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 300147
       
       

    OFF GDR:
    La presente role é la "role di punizione" per @Ronald_Canard, ed @Esperanza_Fuentes, per essersi recati a Hogsmeade dopo il coprifuoco.
    Il prima possibile starterò la role alla quale, ovviamente, siete invitati a partecipare.

    Ps: Come potete ben immaginare la punizione sarà solo in GDR e non influenzerà minimamente l'andamento della Coppa Delle Case. Vedetela come un ulteriore occasione per ruolare assieme Smile

    Firmato
    La Preside Mills


  • Charlotte_Mills

    Serpeverde Amministratore Preside Insegnante Moderatore Web Certificato

    Dormitorio: VIP
    Livello: 11
    Galeoni: 300147
       
       


    Citazione:

    Gentil signor/signorina Canard/Fuentes
    complimenti.. PER LA PUNIZIONE!
    Si è guadagnato un viaggio per l'infermeria alle 19 in punto

    Cordialmente ed affettuosamente vostra
    Charlotte Mills, preside di Hogwarts.



    *Recitava la Strillettera che la professoressa Mills aveva inviato quella mattina a due studenti che, purtroppo, avevano meritato una punizione per essersi recati a Hogsmeade dopo lo scattare del coprifuoco.
    Non erano molte le regole di quella scuola, ma quelle poche presenti erano essenziali essere rispettate. La sicurezza degli studenti durante i mesi scolastici ricadeva sulla Preside e i professori di Hogwarts, quindi se capitava qualcosa a chi decideva di infrangere le regole la “colpa” ricadeva proprio su quella donna che aveva spedito la rossa lettera a Ronald Canard ed Esperanza Funtes.
    Il giorno proseguì tranquillo, fino a quando verso le diciannove la donna non alzò il capo dalle pergamene che stava compilando nel suo ufficio.
    Dovette ringraziare Hokey, l'Elfo Domestico che l'aiutava in davvero tantissime cose.
    Rassettò la scrivania lasciandola in ordine e si avviò, tranquilla, verso il secondo piano del grande castello. L'Infermeria era infatti la sua destinazione.


    Una volta entrata un leggero odore di disinfettante e medicina l'avvolse. Quello non era un luogo che frequentava spesso, ma ogni tanto le capitava di trovarsi li per chiacchierare con la Guaritrice. Aveva installato un buon rapporto con quella strega da quando aveva riattivato lo stage per gli studenti come “aiuto guaritrice”, un opportunità che anni fa era presente spesso a Hogwarts, ma che nell'ultimo periodo non era stato rinnovato. Da quando Charlotte però diventata Preside – all'incirca due anni e mezzo- quel particolare stage era stato reso di nuovo disponibile agli studenti. Non erano molti quelli che si proponevano, ma due studenti ogni tanto erano disponibili ad aiutare la strega esperta che quasi mai usciva da quelle stanze.
    Charlotte salutò la Guaritrice e alcuni dei pazienti che riconobbe, fino a quando non vide entrare dalla grande porta di legno i due ragazzi che avrebbero svolto la loro prima punizione di quell'anno scolastico.*

    Oh finalmente siete arrivati.

    *Disse la donna quando vide arrivare il Corvonero e la Tassorosso*

    Se non vi dispiace queste *Affermò la professoressa di Arti oscure, indicando le bacchette degli adolescenti.* le prendo io, oggi non vi serviranno.

    *Il compito di Ronald ed Esperanza, quel giorno, sarebbe stato di rifare i letti, sistemare i medicinali negli armadietti e, vista l'ora, aiutare i pazienti degenti nella cena.
    Quello era di solito compito di Kristal Thratchet e StellaGiulia Clarke, che appunto svolgevano lo stage semestrale in Infermeria ma, che per quella volta, erano state lasciate libere di divertirsi assieme ai loro amici.
    Le bacchette dei due ragazzini erano in mano a Charlotte e solo a fine punizione la donna le avrebbe restituite.*




    OFF GDR:

    Cari Ronald ed Esperanza
    benvenuti alla vostra punizione!
    Come avrete ben capito dovrete riassettare l'infermeria e aiutare i malati con i pasti.
    A voi la role, Buon divertimento.

    ps: ricordate di non svolgere azioni auto-conclusive, sarà infatti il mio PG a poter decidere quando terminerà la vostra disavventura.
    Dato che vi trovare in una location assai interessante, se lo volete, potete anche interagire con ciò che vi può circondare


    @Ronald_Canard, @Esperanza_Fuentes,


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 3
    Galeoni: 175
       
       

    [DORMITORIO TASSOROSSO]


    *Il pomeriggio proseguiva sereno, fuori c'era una bellissima giornata ma ad Esp non andava di uscire, preferì restare in camera a ripassare per le prossime lezioni. Prese i libri e si sedette nel suo scrittoio accendendo con dei fiammiferi la luce di un vecchio candelabro color argento. La stanza si illuminò di una fioca luce rossastra alquanto rilassante, tanto rilassante che la sua Elly si addormentò all'istante su un mucchio di vestiti abbandonati sul pavimento. Era una ragazza alquanto disordinata. Volse un'altra dolce occhiata alla sua coniglietta e poi si dedicò ai suoi studi. Aprí il piccolo cassetto alla destra dell'antico scrittoio e ne estasse una piuma e un calamaio e inizió a lavorare.

    E strano che ancora non ho avuto notizia della punizione per aver trasgredito il coprifuoco! Forse lo ha dimenticato!

    Un sogghigno crebbe nel volto di Esperanza, ma le cose buone durano poco. Un paio di minuti dopo sentí dei rumori verso la finestra quindi si alzò e corse a vedere. Era un gufo che portava una lettera, chi poteva mandare una lettera in tardo pomeriggio?! Beh.. La risposta non tardó ad arrivare, prese la busta e accarezzó il gufo che forse era una civetta. Non appena la andò per aprire, il foglio prese la forma di una bocca e cominciò a strillare.*

    Oh no! Una strillettera!

    Citazione:
    Gentil signor/signorina Canard/Fuentes
    complimenti.. PER LA PUNIZIONE!
    Si è guadagnato un viaggio per l'infermeria alle 19 in punto.
    Cordialmente ed affettuosamente vostra
    Charlotte Mills, preside di Hogwarts.


    *Per la Tassorosso era la prima volta che riceveva una lettera del genere, e la prima volta che veniva messa in punizione. Ma non poteva mancare, ne avrebbe approfittato per conoscere la guaritrice e dare una mano. Guardò l'orologio è mancava ancora un'ora e mezza all'appuntamento in infermeria con la signorina Mills, quindi decise di completare i suoi compiti. Passò un'ora con la testa fra i libri poi li richiuse esausta. Si stiró alzando le braccia e sbadigliando poi vedendo che era tardi andò a cambiarsi. Aprí le ante del piccolo armadio e ne tirò fuori un pantalone nero una t-shirt e una giacca poi veloce come il vento li indossó diede una rapida aggiustata ai rossi capelli legandoli con una coda di cavallo, salutò Elly e uscì dalla camera.*

    [Infermeria]


    *Percorse i corridoi che la separavano dal posto stabilito incontrando studenti che si divertivano tra loro. Arrivata a destinazione incontrò anche il suo amico di punizione Ronald e insieme bussarono sulla grande porta ..*

    Permesso! Possiamo entrare?



    Oh finalmente siete arrivati.

    *Poi posando gli occhi sulle loro bacchette.. *

    Se non vi dispiace queste.. Le prendo io, oggi non vi serviranno.

    *Esp guardò il suo amico implorando aiuto con gli occhi, poi prese le mansioni che la preside gli chiese di fare. Non era così male come pensava l'avrebbe presa come un volontariato alla pel di carota piaceva aiutare gli altri e sentirsi utile.*

    Dai Ronald.. Non stare lì impalato, cominciamo a lavorare.

    @Ronald_Canard, @Charlotte_Mills,




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes 4 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 2
    Galeoni: 52
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [Torre Corvonero – Sala comune Corvonero ]
    *Dopo aver ripassato un po’ la lezione e a far pratica con la bacchetta nuova Ronald ricevette una strana lettera, poiché era più babbano che Mago. Per lui gli sembrò una lettera comune mentre alcuni corvonero erano già pronti a scappare via o ne vide alcuni tapparsi le orecchie.
    Ronald non capí quegli strani atteggiamenti, fino a quando questa non si aprì da sola o meglio divenne una bocca che strillò:*

    Codice:
     Gentil signor Canard  complimenti.. PER LA PUNIZIONE!
    Si è guadagnato un viaggio per l'infermeria alle 19 in punto

    Cordialmente ed affettuosamente vostra
    Charlotte Mills, preside di Hogwarts

    *E quindi essendo più babbano che mago pensò:*

    ora capisco perché si chiamano strillettere. E tutti ne hanno timore

    *Quando si rese conto che era ora, Ron si avviò verso l'infermeria cercando di prendere la strada giusta. E Fortunatamente questa volta le scale, forse perché avevano sentito che la preside gli aveva imposto una punizione.*

    [Infermeria]

    *Arrivò in infermeria e immediatamente la preside prese a loro le bacchette e disse che le teneva lei per tutto il tempo. La preside spiegò a loro che dovevano aiutare l’infermiera/guaritrice con i pazienti. Ronald era impalato lì poiché era rimasto sorpreso che in questa scuola c’era un’infermeria cosi grande. Nelle scuole babbane che aveva frequentato l’infermeria, era solamente uno stanzino con uno o due lettini.
    Ronald non si scosse finche Esperanza non gli disse che dovevano lavorare.
    La perdita della bacchetta non era stata grave per lui, poiché vivendo come babbano e figlio di prestigiatori doveva mettere in ordine un sacco di robe e con cura senza l’uso della magia. E quindi disse:*

    Scusami. Ero rimasto incantato dalla grandezza della stanza. Sì, incominciamo come dicono i babbani, chi ben incomincia è a metà dell’opera


    @Esperanza_Fuentes, @Charlotte_Mills,




    Ultima modifica di Ronald_Canard 4 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 3
    Galeoni: 175
       
       

    *Esp sorrise all'amico e si guardò un po' intorno. Le cose da fare erano molte. Sembrò quasi che le avessero riservate apposta per loro, c'erano scatole contenenti medicine accatastate ovunque, tutti i letti da rifare e addirittura aiutare a cenare ai pazienti che non erano in grado di farlo da soli.*

    Chissà cosa avranno combinato per ridursi in questo stato!

    *La Tassorosso era tanto curiosa, ma non osava chiederlo per discrezione. Si tolse la giacca e la appoggió in uno degli appendi abiti che c'era accanto la porta d'ingresso, dove trovó tanti camici da infermiera inutilizzati. La pel di carota per scherzare ne indossó uno, e guarda caso.. Era proprio della sua taglia. Decise di tenerlo per evitare di sporcarsi i capi appena messi, poi guardò Ronald con scherno e disse.. *

    Ronald.. Caro.. Sono un infermiera.. Cosa posso fare per te?

    *Gli infortunati che si trovavano lì cominciarono a ridere ed Esp ne fu felice. Secondo lei la prima medicina per guarire era il sorriso. Poi rimboccandosi le maniche cominció a darsi da fare. Prese uno degli scatoloni più grandi, aprì l'anta dell'armadietto delle medicine e inizió a sistemarle mettendole tutte in ordine di grandezza. Ma appena stava posando le varie cure notò un filo molto spesso di polvere, non poteva sistemare se non puliva. Anche se quella mansione non le era stata assegnata la tassetta prese uno straccio, andò verso il lavabo e lo bagno poi salendo su una sedia cominciò a spolverare il vecchio rudere. Quando ebbe finito la mano gli scivoló strisciando una delle mensole. Ad Esp uscì un gridolino di dolore e tenendosi forte il dito..*



    Ahi! Ronald aiutami! Credo che mi sia entrata una scheggia nel dito..

    *Si mise a sedere sulla grande poltrona della guaritrice continuando a stringere la mano dolorante.*

    @Ronald_Canard, @Charlotte_Mills,




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes 4 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 2
    Galeoni: 52
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    *Ronald dopo aver visto la grandezza e le moltitudini di boccette e, accuratamente etichettate a mano dalla guaritrice, ne decifrò alcune poiché sua madre a volte le teneva in un armadietto di pronto soccorso perché si sa che nel mondo della magia babbana ci sono a volte dei giochi pericolosi, lei li usava solo nel momento di super urgenza. Oltre a queste cose c’erano persino dei normali oggetti babbani e delle erbe, perché le basi del pronto soccorso babbano a volte prendevano spunto da quello Magico.
    Poi sentì la giovane ragazza dai capelli arancioni con il camice bianco da infermiera e che con la voce da scherno, gli disse che era la sua infermiera e come poteva esserle utile. E molti dei pazienti che erano li risero. Alcuni li conoscevano di vista, e sapeva che il buon umore era una delle medicine migliori, perché era anche una prerogativa dei maghi babbani. E Quindi rispose:*

    Sarebbe un vero onore avere una bella infermeria come te

    * In effetti la tassorosso non stava male con il camice da infermiera.
    Mentre lo stava dicendo, si cambiò togliendosi la tunica dei Corvonero e mettendosi il camice che era lì e dopo che Esperanza era già al lavoro Ronald. Cominciò a lavorare anche lui, prendendo uno straccio e nel momento in cui stava spolverando alcuni alambicchi, provette e o bottigliette ed anche una pinzetta e sentì un gridolino. Poi la tassorosso disse che si era punta e cercando di replicare con lo stesso tono ironico, disse:*

    Bella infermiera che si punge da sola.

    * Per il tempo in cui stava dicendo questo, Ron cercò nella sua memoria e nella stanza qualcosa che era usato anche dai babbani per togliere le schegge, poiché la bacchetta era stata requisita dalla preside . Si ricordò che quando era a casa o meglio era in giro con i suoi genitori se succedeva a lui una cosa del genere, sua madre prendeva una pinzetta e toglieva il pezzo estraneo in quel modo. Quando la vide nella sedia della guaritrice, disse:*

    Prima ho visto una pinzetta, vuoi che la prenda e poi ti tolgo la scheggia ? O vuoi che chiami la Guaritrice?


    *Ronald attese la risposta della tassorosso, comunque stava andando a prendere la pinzetta che aveva visto.*

    @Esperanza_Fuentes, @Charlotte_Mills,


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 3
    Galeoni: 175
       
       

    *Nel breve lasso di tempo che Esperanza trascorse in infermeria aveva già combinato un pasticcio. Mentre stava pulendo una delle mensole le scivoló la mano e la Tassorosso si ferii con una delle schegge di legno che fuoriuscivano dall'armadietto. Esp era una frana quando si trattava di togliere corpi estranei dalla pelle. Aveva sempre paura di farsi molto male. Solitamente suo zio gli li estraeva con un ago da cucire, ma l'idea di Ronald fu molto più sensata.*

    Una bella infermiera che si punge da sola.
    Prima ho visto una pinzetta, vuoi che la prenda e poi ti tolgo la scheggia ? O vuoi che chiami la Guaritrice?


    *Le guance di Esp diventarono rosse come i suoi capelli al commento di Ron, non aveva mai nutrito interesse per nessuno da quanto era arrivata ad Hogwarts, ma lui era un tipetto interessante. Esp le sorrise e lo ringrazió per il complimento ricevuto, poi ripensando al suo dolore al dito..*



    Si ti prego togli la scheggia così possiamo continuare a svolgere le nostre mansioni.

    *Esp andò a sedersi su uno dei lettini liberi ancora disfatto, accese la luce di una lampada e le porse la mano ferita e dolorante ringraziandolo per essersi presa cura di lei.*



    @Ronald_Canard, @Charlotte_Mills,




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes 4 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 2
    Galeoni: 52
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [Infermeria]
    *Ronald forse aveva previsto che la tassorosso gli avrebbe detto di toglierla con la pinzetta e non chiamare la guaritrice e se non si fosse girato per andare a prenderla avrebbe visto un'Esperanza con le guance rosse. Spostò alcune boccette e altri utensili e rivide le pinzette.
    Le prese e la vide in uno dei letti disfatti, probabilmente si era messa vicino alla luce per aiutarlo meglio, Esperanza gli porse il dito con la scheggia. Ronald pur essendo un undicenne aveva una bella mano ferma, probabilmente dovuta ai giochi di prestigio che si allenava a fare con le carte.
    Ricordandosi quello che dicevano i suoi genitori proferì a Esperanza: *.

    Se hai paura, o pensa a qualcosa di divertente o non guardare.

    *Dopodiché fece tre respiri per prendere coraggio come gli avrebbe insegnato suo padre, per affrontare una paura era di fare gli esercizi di respirazione. Prima individuò la scheggia, poi con la pinzetta la prese. E disse:*

    Et Voilà! Ti consiglio di metterla qualche minuto sotto l’acqua fredda. E poi anche di metterti dei guanti di lattice se ci sono.

    *Mentre stava per buttare via la scheggia, disse con il tono di scherno che aveva avuto prima la tassorosso:*

    Mi sa che ci siamo scambiati i ruoli

    *E dopo aver sentito questo i pazienti che erano lì che si erano appena calmati dalla risata di prima, risero di nuovo. E poi ritornò a spolverare o meglio rimise in ordine gli oggetti che aveva spostato per prendere la pinzetta. Nell’ordine in cui erano visto che giocando con i cubi di Rubik, riusciva a memorizzare abbastanza bene le cose, e mentre stava facendo il letto che era ancora in disordine, domandò alla Tassorosso:*

    Tutto bene?
    @Esperanza_Fuentes, @Charlotte_Mills,




    Ultima modifica di Ronald_Canard 4 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 3
    Galeoni: 175
       
       

    *Ronald le si avvicinò con la pinzetta in mano, Esp fu molto intimorita, lui le prese la mano con molta cura e attenzione e con un atto di maestria cercó di estrarre la scheggia dal dito. La Tassorosso rosso evitó di guardarlo per paura di arrossire un'altra volta, quindi si giró facendo finta di fissare uno dei pazienti che provava ad afferrare il cucchiaio per mangiare la zuppa di piselli. Era strano il modo in cui quei due giovani ragazzi si fossero avvicinati in così poco tempo. *


    Et Voilà! Ti consiglio di metterla qualche minuto sotto l’acqua fredda. E poi anche di metterti dei guanti di lattice se ci sono.

    Mi sa che ci siamo scambiati i ruoli.


    *Finalmente riuscì ad tirar fuori quel pezzetto di legno.. Certo avrebbe potuto usare un incantesimo ma la signorina Mills gli e le confiscó al loro arrivo. Esp fece come disse il suo amico e si recò in uno stanzino dove c'era un lavabo, aprì il rubinetto e fece correre dell'acqua fredda sulla mano.*

    Grazie per esserti preso cura di me.

    *Le intimó Esperanza con dolcezza. Guardando i poveri pazienti si tese conto che era l'ora di cenare, quindi prese il cibo e aiutó gli sfortunati non autonomi, anche se la zuppa di piselli la faceva vomitare, forse la tassetta li dentro sarebbe morta di fame.*

    Tutto bene?

    *Esp lo guardó sorridendo.. *

    Si Ronald.. Credo di non essere mai stata meglio.

    @Ronald_Canard,


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 2
    Galeoni: 52
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [Infermeria]
    *Dopo che la ragazza fu tornata dall’altra stanza, come le aveva consigliato, rispose che non si era mai sentita meglio e che era stato gentile prendersi cura di lei. Ronald quando senti dire fu sollevato di ciò e divenne tutto rosso compresi anche i suoi capelli a causa dell’imbarazzo. Per giustificarsi disse:*

    L’ho fatto solamente perché cosi non avrei dovuto occuparmi di tutto io, e poi penso che l’avrebbero fatto tutti.

    *Dopo aver finito di aver messo in ordine, e si rese conto anche lui che ormai era ora di cena. E Vide che Esperanza l’aveva già anticipato con uno dei pazienti e se la cavava non male anzi era una brava infermiera, e cercò di imitarla. Si diresse andò anche lui da un paziente e gli consigliò di mettersi seduto, se poteva mentre lui sistemava il cuscino nella testata del letto cosi da poter fargli appoggiare la schiena alla testata del letto e poi vide che accanto al suo letto c’era una tazza di liquido scuro, all’inizio pensava che fosse del fango ma poi gli sembrò che da esso fuoriuscisse un buon profumo. Si avvicinò e vide che era della cioccolata, il paziente che non poteva muovere le mani riuscì a sedersi come voleva Ron, e prese un cucchiaio lo mise nella tazza e piano lo portò alla bocca del paziente. E dopo aver soffiato per raffreddarlo e disse al paziente *.

    Sarà un ancora un po' caldo

    *E nello stesso momento pensò:*
    Sono stato fortunato a trovare questo paziente che ha bisogno di cioccolata.


    *Quando fini di fare bere la cioccolata al paziente, Ron cambiò persona e ne vide una che era ancora sdraiata e si avvicinò e chiese con il tono più cortese che riusciva pronunciare :*

    Ti va di mangiare qualcosa ?
    *Poiché il paziente non rispondeva, andò subito a vedere la cartella clinica paziente che era sul comodino vicino al piatto, e lesse che il paziente aveva subìto uno scherzo della caramella mollelingua ma questa era scaduta e quindi era rimasto senza lingua e non avrebbe potuto parlare. Inoltre era stato sedato per fare crescere la lingua in un modo più veloce. Ronald si rifiutò di andare a vedere sotto il coperchio che teneva nascosto alla vista il contenuto. Perché temeva che sarebbe toccato a lui stare a letto. E non voleva che succedesse. Poi si voltò verso Esperanza e gli chiese:*.

    A te come va ? A me un po’ male non so come a fare a dare da mangiare al paziente in questo letto. Che dici chiamiamo la guaritrice ?

    *Ed attese la risposta di Esperanza. Sperando in un suo consiglio*

    @Charlotte_Mills, @Esperanza_Fuentes

    (nel mondo magico anche la cioccolata calda è un medicinale, no ? Magari sarà stato spaventato da qualcosa no ? )
    Meglio corto che niente no ?




    Ultima modifica di Ronald_Canard 3 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 3
    Galeoni: 175
       
       

    *Esp continuó il suo lavoro, aveva appena finito di sistemare le medicine e andò a dar da mangiare ai pazienti, Ronald era intendo a parlare con uno dei pazienti, senza sapere che proprio quel paziente non poteva parlare.*

    Ron quel ragazzo non può parlare. A subito un incantesimo andato male. E non mangia perché sta cercando di spiegartelo.

    *Esp non riuscì a trattenere le risate, scusandosi con il paziente. Dopo che diede da mangiare a tutti gli studenti non autonomi, gettò via i piatti sporchi e pulii le posate che avevano utilizzato. Certo avrebbe potuto fare un incantesimo e ripulire più in fretta ma la preside si era presa la sua bacchetta. Quindi mettendosi l'anima in pace andò verso l'armadio delle scope, né prese una e si mise a spazzare i pavimenti dell'enorme sala. Dopo un'ora circa di fare avanti e indietro, raccolse la spazzatura dal suolo e subito si dedicò a svolgere un altra mansione.*

    Cosa c'era da fare? Ah giusto.. Rifare i letti.



    *Fece alzare i pazienti che potevano farlo, e sistemó il loro letto velocemente. Poi prese a rifare quelli vuoti. Togliendo le lenzuola che erano sporche e sostituendoli con quelle pulite. Esp ormai era molto stanca e speró che la preside venisse presto a dare il stop a quella tortura.*

    @Ronald_Canard, @Charlotte_Mills




    Ultima modifica di Esperanza_Fuentes 3 settimane fa, modificato 1 volta in totale


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 2
    Galeoni: 52
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [Infermeria]
    *Quando Esp rispose a Ronald dicendogli che quel paziente avendo subìto un incantesimo andato male e non poteva mangiare qualsiasi cosa. Ron diventò rosso come i capelli di Esperanza e si scusò con quello che non poteva mangiare. E dopo aver dato da mangiare anche agli altri pazienti. Fece scendere dal letto chi poteva alzarsi e li aiutò facendosi usare come stampella per chi non poteva reggersi in piedi. Mentre per quelli che stavano in piedi, aiutò a rassettare i letti e quando finirono di sistemare i letti e vide che Esperanza era esausta. Ron pensò di rallegrarli facendo alcuni giochi di prestigio. Ronald chiese: *

    qualcuno ha qualche monetina ?
    *Prima di prendere la monetina, da qualche paziente, Ron si tirò sule maniche e prendendo la monetina tra le mani, disse: *

    non c’è trucco, non c’è inganno!

    *Anche se il trucco c’era, ma era una delle frasi di rito dei prestigiatori dei babbani quindi aveva dovuto dirlo, infatti molti pazienti risero a quella frase.
    Poi la se la mise sulla mano e con un’abile mossa delle mani o meglio delle dita la fece sparire. Per poi avvicinarsi all’infermo e la rifece ricomparire da dietro le orecchie. Poi gliela ridiede a chi l’aveva prestata. Lasciando alcuni divertiti poiché stavano sorridendo. Altri erano un po’ dubbiosi, probabilmente erano dei serpeverde con l’antipatia ereditaria ai babbani e ai loro usi e costumi. Comunque come si diceva, lo spettacolo deve continuare e lui provò con il trucco di matemagia, come lo chiamava lui e prese una penna e guardando tutti cominciò a scarabocchiare scrivendo un numero (il 4) su un foglietto e lo lasciò distante ma ben visibile da tutti e disse: *

    Quel foglio lo lascio là e non lo tocco più perché sarà la mia previsione.

    *Ronald non era un leggilimens. Era solo un’altra frase di rito dei maghi babbani*
    Pensate a un numero da uno a dieci e poi moltiplicatelo per nove , poi sommate le due cifre che compongono il numero fatto ?

    * Quando vide che tutti annuirono Ronald continuò dicendo: *
    a questo numero ottenuto sottraete cinque. E Vi ricordate della mia previsione ?

    *Probabilmente chi frequentava le lezioni di aritimagia o era di provenienza babbana, lo conosceva già, ma per lo spettacolo tacquero.*

    Esp, potresti andare a prendere quel foglietto e leggere che avevo scritto in quel foglietto ?

    *Aspettò la reazione di Esperanza e del pubblico che aveva in quel momento. E sperò che la punizione fosse finita, perché con quello che aveva adesso, non poteva fare altri trucchi di magia babbana*.


    @Charlotte_Mills, @Esperanza_Fuentes
    se volete provare offGdR fatelo veramente è un trucco matematico non c’è nulla di magico. Si può spacciare come magia e in realtà è solamente calcoli matematici.


  • Esperanza_Fuentes

    Tassorosso

    Dormitorio: Tassorosso
    Livello: 3
    Galeoni: 175
       
       

    *Ronald ebbe una buona idea, in un infermeria ideó un numero di magia babbana per far divertire i pazienti, era un ragazzo pieno di risorse. Esp si sedette accanto ad uno dei pazienti e guardò anche lei lo spettacolo. Da piccola era stata una volta o due a vedere uno di questi numeri di magia. Ma essendo nata da madre strega e padre mago non ci trovava nulla di interessante. Esp avrebbe potuto prendere la bacchetta e farlo da sé. Ma comunque sia lo trovava molto divertente e quindi la pel di carota si cimentó a fare la valletta di Ronald. Si tolse il camice e andò verso di lui, più che altro per assecondarlo. Si sciolse i capelli per essere più carina, perché quelle che vedeva in tv erano molto attraenti e lei si voleva immergere nel ruolo alla perfezione. Per primo fece un trucco con una moneta e tutti stavano a guardare in silenzio, fece sparire una moneta per poi farla riapparire dietro l'orecchio di uno studente. Poi si cimentó in un trucco di magia e matematica. Esp odiava la matematica... *

    Esp, potresti andare a prendere quel foglietto e leggere che avevo scritto in quel foglietto?

    *La Tassorosso si alzò dalla sedia e prese il biglietto e poi improvvisando una specie di passerella andò da Ronald con il foglio. Pultroppo la ragazza era molto maldestra e il tacco dello stivaletto si impiglió in uno degli scatoloni vuoti lasciati a giacere sul pavimento facendo cadere Esperanza con il sedere a terra.*

    Aia, aia... Che male... E che figuraccia..

    *Nella sala si creó il caos, tutti cominciarono a ridere. Le guance di Esp diventarono di fuoco, non sapeva che fare. Si coprí il viso con le mani. Sperando che quelle incessanti risate sarebbero finite presto.*

    @Ronald_Canard, @Charlotte_Mills


  • Ronald_Canard

    Corvonero

    Dormitorio: Corvonero
    Livello: 2
    Galeoni: 52
        Ronald_Canard
    Corvonero
       
       

    [Infermeria]

    Quando Esperanza eseguì il suo ordine lei, si tolse la divisa da infermiera e si sciolse la sua rossissima chioma facendola apparire ancora più bella di prima. Mentre sfilava per prendere il biglietto che Ron le aveva indicato, inciampò in alcuni scatoloni e cadde con il sedere per terra. Ron si avvicinò e l’aiuto a rialzarsi e mentre lo faceva disse:*

    Facciamo un applauso alla nostra coraggiosa e maldestra ma BELLISSIMA valletta.

    *Avrebbe voluto enfatizzare la parola maldestra invece poiché la stava guardando, aveva detto più ad alta voce bellissima. E dopo averlo detto alcuni pazienti, probabilmente i nati babbani che sapevano come funzionavano questi spettacoli, seguirono il suo consiglio e lo fecero. Poi come spesso si dice, lo spettacolo deve continuare prendendo il biglietto disse:*

    Grazie alla nostra affascinante valletta, ho qui la previsione che avevo fatto prima. Questo è il numero che state pensando ora.

    *E simulando l’incapacità di aprire un foglietto di carta, perché voleva far distogliere lo sguardo da una Esperanza imbarazzata, perché i maghi babbani a volte utilizzano la comicità per fare dei trucchi e quindi Ronald era abituato che ridessero di lui, disse:*

    Perdindirindina, mi sa che qualcuno ha usato la colla, o lanciato un incantesimo incollante

    *Dopo vari finti tentativi riuscì ad aprirlo e si vide un gigantesco 4 scritto sulla carta. Poi disse:*

    Per oggi lo spettacolo è finito

    *Quando vide che gli spettatori erano stanchi e quando li vide tutti dormire o almeno distendersi nel letto Ronald si avvicinò a Esperanza e disse con un tono ironico:*

    Beh, sei stata fortunata sei già in infermeria.

    *Qua Ronald sorrise, poi tornando serio aggiunse:*

    Comunque ti è piaciuto lo spettacolino ?

    *E mentre era in attesa della risposta della tassorosso. Camminò per vedere se c'era qualcosa fuori posto. Invano perché, secondo lui, era tutto in ordine, cosi se per caso la preside o la guaritrice o nel peggiore dei casi entrassero insieme avevano una scusa pronta perché in quel momento non stavano facendo nulla.*



    @Charlotte_Mills, @Esperanza_Fuentes




    Ultima modifica di Ronald_Canard 3 settimane fa, modificato 1 volta in totale



Vai a pagina 1, 2  Successivo